Intro Media Words Fears Actors Numbers About

The debate’s numbers

A wall of numbers

The digits (arrivals, deaths, costs) reported in the articles of the three countries. By clicking on each columns you can see the full text and the same digits inside it.

MALTA ITALY PORTUGAL

January

The migrants have been temporarily housed at Italian schools and a gymnasium while 35 of them have been taken to hospital for treatment. 970 migrants have been rescued from a cargo ship that was found adrift in the Mediterranean Sea the Red Cross said.The crew believed to be human traffickers had abandoned the Blue Sky M listed as a general cargo ship flying under the Moldovan flag and left it heading towards Italy on autopilot.Italian coastguards later brought it under control and docked it at the Italian port of Gallipoli.The migrants most of whom are Syrians and Kurds have been taken to local schools and a gymnasium. The Red Cross said that 35 of them were taken to hospital with some of them treated for hypothermia.Although the Italian Red Cross had previously said that four people were found dead on the ship it later retracted its repor. Officials now say that noone is known to have died on the ship Reuters reports.Italy has recently had to deal with a massive surge in irregular migrants many of them from the Middle East and the Horn of Africa setting off on boats with hopes of reaching Europe.Although the most common sea route for irregular immigrants is from Libya this cargo ship is said to have started its voyage in Turkey and was reportedly originally heading for the port of Rijeka in Croatia. According to tracking website MarineTraffic the ship abruptly changed direction south of Othonoi and started heading west towards Italy.Italian coast guard spokesman Filippo Marini said that Italy had averted a disaster by interrupting the programmed route that would have had the ship crash into the shore the AP news agency reported."It was a real race against the clock" Marini said. "Unlocking the engines was a difficult and delicate operation but they managed to do it."The ship had sent a distress signal to Greek emergency services while it was near the shore of Corfu prompting the Greek navy to send a helicopter and a warship.It is common practice for human traffickers who organise the crossings to abandon the vessels at sea in order to avoid arrest. 1 PrintEmail Thursday January 1 2015 14: 15 Pope urges united fight against slavery human trafficking Pope Francis urged people of all religions and cultures today to unite to fight modern slavery and human trafficking saying in his first Mass of 2015 that everyone had a Godgiven right to be free. The service at St. Peter's Basilica marks the Roman Catholic Church's World Day of Peace. This year's theme is "No Longer Slaves but Brothers and Sisters." "All of us are called by God to be free all are called to be sons and daughters and each according to his or her own responsibilities is called to combat modern forms of enslavement. From every people culture and religion let us join our forces" he said. Last month Francis appealed to consumers to shun lowcost goods that may be the product of forced labour or other forms of exploitation. That message was sent to heads of state and governments international institutions and parishes throughout the 1. 2 billionmember Church. The Argentine pope has made defence of migrants and workers a central issue of his papacy. At a Vespers service on New Year's Eve he condemned administrators and criminals in Rome accused of pocketing public funds meant to help poor migrants urging a "spiritual and moral renewal". The second global slavery index released in November by the Walk Free Foundation an Australianbased human rights group estimated that almost 36 million people were living as slaves trafficked into brothels forced into manual labour victims of debt bondage or born into servitude. After Mass the pope delivered his traditional New Year's Day noon address to tens of thousands of people most of whom took part in peace marches to the Vatican. "Peace is always possible but we have to seek it. Let us pray for peace" he told the crowd of people carrying balloons and banners with peace slogans.A ship carrying hundreds of migrants has been abandoned by its crew in rough seas in the Mediterranean off Italy's south coast in the second such incident in three days the Italian coastguard said today. Coastguards managed to take control of the vessel the Sierra Leoneflagged Ezadeen after landing on it by helicopter a statement said. Facing difficult weather conditions they are trying to take the vessel to an Italian port. The cargo ship had been drifting powerless after running out of fuel about 40 miles from Italy's southern coast with as many as 450 people on board. The ship was built almost 50 years ago to carry livestock a website tracking maritime movements said. "We know that it left from a Turkish port and was abandoned by its crew" coastguard spokesman Filippo Marini told SkyTG 24 television. "When we hailed the ship to ask about its status a migrant woman responded saying 'We are alone and we have no one to help us.'" It had been put on a collision course for the Italian coast before running out of fuel he said. The nationality of the migrants was not yet known a coastguard spokesman said but there are women and children on board. It is the third such migrant ship in the past two weeks as smugglers turn to abandoning old ships in a shift in tactics. On Wednesday about 800 migrants mostly Syrian refugees arrived in Italy after they were apparently abandoned by their ship's crew and set on a crash course for the Italian coast. The coastguard also boarded that vessel and took over navigation. see video above Two weeks ago the Italian navy went to the aid of an abandoned cargo ship carrying 850 migrants diembarking them at a port in Sicily. Civil war in Syria and anarchy in Libya swelled the number of people crossing the Mediterranean last year. Many of them paid smugglers $ 1000$ 2000 to travel. The United Nations refugee agency says 160000 seaborne migrants arrived in Italy by November 2014 and a further 40000 in Greece. Thousands more have died attempting the journey. Smugglers have changed tactics because Italy has ended its Mare Nostrum maritime search and rescue mission which makes a crossing in a small boat more risky and due to increased fighting in Libya Carlotta Sami a spokeswoman for the UN refugee agency told Reuters. "We have seen increasing use of old cargo ships ready to be dismantled to smuggle migrants over the past two months" she said. "The usually don't even have any electronic equipment on board." The cargo ships are usually carrying mostly Syrian refugees she said but also others including some fleeing fighting in Iraq. Smugglers set autopilot course in international waters and jump onto a smaller vessel to escape she said. Italy discontinued Mare Nostrum partly due to public concern over the € 114 million bill the mission racked up in its first year. Human rights groups warned that closing the mission would endanger more lives.A ship carrying hundreds of migrants has been abandoned by its crew in rough seas in the Mediterranean off Italy's south coast in the second such incident in three days the Italian coastguard said today. Coastguards managed to take control of the vessel the Sierra Leoneflagged Ezadeen after landing on it by helicopter a statement said. Facing difficult weather conditions they are trying to take the vessel to an Italian port. The cargo ship had been drifting powerless after running out of fuel about 40 miles from Italy's southern coast with as many as 450 people on board. The ship was built almost 50 years ago to carry livestock a website tracking maritime movements said. "We know that it left from a Turkish port and was abandoned by its crew" coastguard spokesman Filippo Marini told SkyTG 24 television. "When we hailed the ship to ask about its status a migrant woman responded saying 'We are alone and we have no one to help us.'" It had been put on a collision course for the Italian coast before running out of fuel he said. The nationality of the migrants was not yet known a coastguard spokesman said but there are women and children on board. It is the third such migrant ship in the past two weeks as smugglers turn to abandoning old ships in a shift in tactics. On Wednesday about 800 migrants mostly Syrian refugees arrived in Italy after they were apparently abandoned by their ship's crew and set on a crash course for the Italian coast. The coastguard also boarded that vessel and took over navigation. see video above Two weeks ago the Italian navy went to the aid of an abandoned cargo ship carrying 850 migrants diembarking them at a port in Sicily. Civil war in Syria and anarchy in Libya swelled the number of people crossing the Mediterranean last year. Many of them paid smugglers $ 1000$ 2000 to travel. The United Nations refugee agency says 160000 seaborne migrants arrived in Italy by November 2014 and a further 40000 in Greece. Thousands more have died attempting the journey. Smugglers have changed tactics because Italy has ended its Mare Nostrum maritime search and rescue mission which makes a crossing in a small boat more risky and due to increased fighting in Libya Carlotta Sami a spokeswoman for the UN refugee agency told Reuters. "We have seen increasing use of old cargo ships ready to be dismantled to smuggle migrants over the past two months" she said. "The usually don't even have any electronic equipment on board." The cargo ships are usually carrying mostly Syrian refugees she said but also others including some fleeing fighting in Iraq. Smugglers set autopilot course in international waters and jump onto a smaller vessel to escape she said. Italy discontinued Mare Nostrum partly due to public concern over the € 114 million bill the mission racked up in its first year. Human rights groups warned that closing the mission would endanger more lives.The Ezadeen sailing under the flag of Sierra Leone has no crew on board and has lost power in rough seas off the southeast of Italy. The Italian coast guard says a merchant ship with at least 400 migrants on board is heading for the Italian coast.The Ezadeen sailing under the flag of Sierra Leone has no crew on board and has lost power in rough seas off the southeast of Italy.The Icelandic coast guard confirmed to the BBC that one of its vessels was assisting in efforts to board the ship. The Icelandic coast guard vessel Tyr is patrolling off the Italian coast as part of the EU Frontex border control mission.Almost 1000 migrants were rescued from another ship found abandoned without any crew earlier in the week.The Icelandic coast guard told the BBC that high seas and bad weather were making it difficult to board the 73metre Ezadeen which is 65km off the southeastern tip of Italy.The Ezadeen was built nearly 50 years ago and is a livestock carrier.The alarm was raised in a distress call from one of the migrants who managed to operate the maritime radio on board the Ezadeen according to the Italian coast guard: "We're without crew we're heading toward the Italian coast and we have noone to steer."Pope Francis leading the Angelus prayer in Saint Peter’s Square at the Vatican yesterday. Photo: Reuters Pope Francis urged people of all religions and cultures yesterday to unite to fight modern slavery and human trafficking saying in his first Mass of 2015 that everyone had a Godgiven right to be free. The service at St Peter’s Basilica marks the Roman Catholic Church’s World Day of Peace. This year’s theme is No Longer Slaves but Brothers and Sisters. All of us are called by God to be free all are called to be sons and daughters and each according to his or her own responsibilities is called to combat modern forms of enslavement. From every people culture and religion let us join our forces he said. Last month Pope Francis appealed to consumers to shun lowcost goods that may be the product of forced labour or other forms of exploitation. That message was sent to heads of state and governments international institutions and parishes throughout the 1. 2 billionmember Church. The Argentine Pope has made defence of migrants and workers a central issue of his papacy. At a Vespers service on New Year’s Eve he condemned administrators and criminals in Rome accused of pocketing public funds meant to help poor migrants urging a spiritual and moral renewal. All of us are called by God to be free each is called to combat modern forms of enslavement The second global slavery index released in November by the Walk Free Foundation an Australianbased human rights group estimated that almost 36 million people were living as slaves trafficked into brothels forced into manual labour victims of debt bondage or born into servitude. After Mass the Pope deli­vered his traditional New Year’s Day noon address to tens of thousands of people most of whom took part in peace marches to the Vatican. Peace is always possible but we have to seek it. Let us pray for peace he told the crowd of people carrying balloons and banners with peace slogans. Pope Francis who has made defence of the poor a trademark of his papacy forcefully defended their rights in his homily at a New Year’s Eve vespers service for thousands in St Peter’s Basilica. He denounced situations where the poor were made to feel like criminals and forced to behave like mafiosi to defend themselves. Earlier this month police arrested 37 persons suspected of being part of a mafialike organisation that guided public contracts to people close to the alleged boss of the organisation a rightwing extremist with longtime ties to Rome’s underworld. The Italian media have dubbed the investigation which is continuing Mafia Capital. Some contracts involved running migrant centres and camps on Rome’s poor outskirts. Investigators said funds were pocketed by corrupt city administrators and their criminal cohorts instead of being used to improve squalid conditions. Pope Francis is also the bishop of Rome. Pope Francis said: We have to defend the poor not defend ourselves from the poor. We have to serve the weak not use the weak. In the current scandal prosecution documents include transcripts of phone wiretaps that showed how those who won contracts often profited from serious social problems. Have you got any idea how much you can make out of immigrants? one of those arrested says referring to subsidies for providing services at temporary camps for migrants. Drug trafficking brings in less.Italian firefighters and investigators have boarded the charred Norman Atlantic ferry as they try to find out what caused the deadly blaze and search for more possible bodies. The badly damaged ferry was towed across the choppy Adriatic Sea for 17 hours before it docked at the southern Italian port of Brindisi. Despite the fact that a slow combustion fire was still burning on the ferry officials deemed it safe enough for investigators to go aboard wearing gas masks against the smoke. Brindisi Fire Commander Michele Angiuli told reporters it was too soon to know if investigators would find more bodies. "What we know is that there are cars and trucks and other things that are still slowly burning which ... could still go ahead for a long time" he said. The fire that broke out on Sunday as the ferry travelled from Greece to Italy killed at least 11 people. Italy says 477 passengers and crew were rescued most by helicopters that plucked them off in galeforce winds and carried them to nearby boats. Greece says 19 people are still unaccounted for and disputes Italian claims of a much higher number of missing. Both fear the car deck where the fire started could contain more bodies possibly those of unregistered migrants trying to slip into Italy. Investigators began their work by taking photos and video of the smoky interior. Brindisi port Captain Mario Valente said they would be looking for data recorders as well. One side of the ferry was blackened by smoke and an acrid smell was noticeable dockside. The firefighters will not start searching for bodies until the blaze is fully extinguished. Meanwhile four more people were put under investigation by the prosecutor's office in Bari. In addition to the ship's captain and the head of the company that built the ferry both Italians two other crew members and two representatives of the Greek ferry line Anek which rented the Norman Atlantic are under investigation the Italian news agency Ansa reported. Italian newspapers reportedly quoting from transcripts of the captain's questioning said Captain Argilio Giacomazzi told prosecutors that crews did not properly follow his orders in lowering the lifeboats and that the car deck had too many vehicles. Italian TV reports said passengers claimed five crewmen were in the only lifeboat launched in apparent violation of rules that say only three crew members should go with the evacuated passengers. Italy says it rescued or discovered 170000 migrants and asylum seekers at sea last year as they tried to slip into Europe.Frontex says that migrant smugglers have learned to time the departure of ships so that they cross the paths of merchant ships who would then be obliged to rescue the migrants as per international maritime law Smugglers are frequently making use of old freighters and cargo vessels to transport larger numbers of migrants to Europe EU agency Frontex warned while adding that most of these ships are obtained in southeastern Turkey.Italian authorities this week rescued around 1000 migrants from the Moldovanflagged Blue Sky M cargo ship after its crew believed to be human traffickers had abandoned it and left it heading towards Italy on autopilot. Italian authorities also said that a second merchant ship carrying at least 400 migrants is heading towards the Italian coast.In a rapid adaptation of strategy that has become their hallmark the smugglers have started using much larger boats Frontex said in a statement. These are typically decommissioned freighters up to 75 meters long procured in the ports of southeastern Turkey notably Mersin: a departure point still connected by ferry to the Syrian port of Latakia making it reachable for the tens of thousands of Syrians still fleeing the conflict in their country.The freighters repaired and manned by crews sometimes hired from as far away as Russia are piloted via Cyprus and Crete towards Italy which remains the EU destination of choice for refugees from the Middle East.Frontex also warned that smugglers have learned to time the departure of migrant boats so that they cross the paths of merchant ships heading for Europe. When the migrants issue a distress call the nearby merchant ships would be obliged by international maritime law to rescue them and disembark them at the nearest port of call.Some 30% of all migrants rescued at sea in September and October were picked up by civilian shipping Frontex said.Frontex pointed out that migrants are willing to pay exorbitant prices to book a place on a freighter leaving from Turkey to Europe times as much as they’d have to pay to board a ship from Libya.Travelling from Turkey not only circumvents the considerable danger of capsizing in a small boat in rough seas but it also avoids having to go to Libya Frontex said. This increasingly lawless North African nation appears to have become too dangerous an operating environment even for the criminal gangs.However Frontex warned that the engines of the old ships used by smugglers operating on the Turkey route are often highly unreliable.In the last six weeks alone one freighter has been found drifting near Cyprus; another was rescued 30 miles off Crete; still others off the Italian coast Frontex said. The danger of shipwreck is greatly increased by the smugglers’ habit of switching off the freighter’s Automatic Identification System. The effect is to make the boat electronically invisible to the Italian search and rescue authorities – a stratagem that buys time for the smuggling crew to escape by fast launch and thus avoid arrest.Since the launch of the Frontexcoordinated Operation Triton in the central Mediterranean on 1 November around 11400 migrants have been rescued around 10000 of them in situations classified as distressed in 77 separate searchandrescue operations.Although significantly smaller than the number recorded during the August peak – when some 28000 migrants were detected on this route – this level of traffic is still unprecedented for wintertime Frontex said.Sierra Leoneflagged Ezadeen carrying hundreds of migrants being towed by the Italian coastguard vessel Tyr in rough seas yesterday. Photo: Reuters A ship carrying hundreds of migrants has been abandoned by its crew in rough seas in the Mediterranean off Italy’s south coast in the second such incident in three days the Italian coastguard said yesterday. Coastguards managed to take control of the vessel the Sierra Leoneflagged Ezadeen after landing on it by helicopter a statement said. Facing difficult weather conditions they are trying to take the vessel to an Italian port. The cargo ship had been drifting powerless after running out of fuel about 40 miles from Italy’s southern coast with as many as 450 people on board. The ship was built almost 50 years ago to carry livestock a website tracking maritime movements said. We know that it left from a Turkish port and was abandoned by its crew coastguard spokesman Filippo Marini told SkyTG 24 TV. The ship was on a collision course for the Italian coast When we hailed the ship to ask about its status a migrant woman responded saying ‘We are alone and we have no one to help us’. It had been put on a collision course for the Italian coast before running out of fuel he said. The nationality of the migrants was not yet known a coastguard spokes­man said but there are women and children on board. It is the third such migrant ship in the past two weeks as smugglers turn to abandoning old ships in a shift in tactics. On Wednesday about 800 migrants mostly Syrian refugees arrived in Italy after they were apparently abandoned by their ship’s crew and set on a crash course for the Italian coast. The coastguard also boarded that vessel and took over navigation. Two weeks ago the Italian navy went to the aid of an abandoned cargo ship carrying 850 migrants disembarking them at a port in Sicily. Civil war in Syria and anarchy in Libya swelled the number of people crossing the Mediterranean last year. Many of them paid smugglers $ 1000$ 2000 to travel. The United Nations refugee agency says 160000 seaborne migrants arrived in Italy by November 2014 and a further 40000 in Greece. Thousands more have died attempting the journey. Smugglers have changed tactics because Italy has ended its Mare Nostrum maritime search and rescue mission which makes a crossing in a small boat more risky and due to increased fighting in Libya Carlotta Sami a spokeswoman for the UN refugee agency told Reuters. We have seen increasing use of old cargo ships ready to be dismantled [to smuggle migrants] over the past two months she said. They usually don’t even have any electronic equipment on board. The cargo ships are usually carrying mostly Syrian refugees she said but also others including some fleeing fighting in Iraq. Smugglers set autopilot course in international waters and jump on to a smaller vessel to escape she said.Firefighters standing on a ladder to inspect the Norman Atlantic multideck carandtruck ferry docked at Brindisi harbour yesterday. Photo: Reuters Tug boats hauled the burntout hulk of the ferry that caught fire on Sunday off the coast of Greece into a southern Italian port yesterday opening the way for an investigation into the cause of the blaze that killed at least 11 people. Listing visibly to starboard the Norman Atlantic multideck carandtruck ferry docked in the port of Brindisi in the early afternoon still smouldering. The fire broke out on one of the lower garage levels and left the vessel drifting without power in stormy seas. It took Greek and Italian rescue teams 36 hours to evacuate 477 passengers and crew from the ship amid strong winds. We tried to do everything possible Most were winched into helicopters from the upper deck of the ship as the blaze raged below but dozens may still be missing including migrants not listed on the ship’s manifest Italian officials have said. Given that the ship was indisputably carrying illegal migrants who were probably hidden in the hold we fear that we’ll find more dead people once we recover the wreck Giuseppe Volpe the Italian prosecutor leading the investigation into the cause of the fire said earlier this week. Reports of the number of missing have varied widely. The Greek coastguard said on Thursday that 18 are still unaccounted for while Volpe has said the number may be as high as 98. In his end of year address Italian Prime Minister Matteo Renzi praised the rescue effort for having prevented far more deaths and complimented the ship’s captain Argilio Giacomazzi for staying aboard the ship until it was fully evacuated. But rescued passengers have criticised the handling of the emergency. Leonidas Constantinidis a Greek lorry driver with a bandaged arm and apparent burn marks on his face told Reuters he had jumped overboard to save himself and was picked up by a nearby merchant ship. Where I was I did not hear any siren any alarm. Nothing seemed to work the fire sprinklers the fire extinguishers nothing was working Constantinidis said. They let the ferry go up in flames with all the people still onboard. Six people – the captain three crew members the ship’s operator and its owner – are under investigation by a Bari court for multiple manslaughter and causing a ship disaster judicial sources said yesterday. We tried to do everything possible the captain Giacomazzi told television reporters outside his home on Thursday. I wanted to bring them all home.A clash between about 200 migrants trying to get to Britain from the northern French port city of Calais has left seven injured. Police union official Gilles Debove said the clash near a tent camp between migrants from Afghanistan and Eritrea left one with a broken leg. Others suffered superficial wounds. Calais is the destination of choice for migrants trying to sneak by truck or ferry across the Channel. Many reached Europe via Italy. The clash grew out of a dispute that erupted during a daily meal serving after someone cut the food line today. Christian Salome of the Auberge des Migrants association which distributes meals said tensions were high because of tough winter living conditions and slow lorry traffic that diminished chances to get to Britain.Amid Frontex's warning of new migrant smuggling strategies EU commissioner for migration Dimitris Avramopoulos calls on new EUwide action against human traffickers. Just days after more than 1300 migrants were saved by Italian authorities from two derelict vessels abandoned by smugglers in rough seas EU commissioner for migration Dimitris Avramopoulos has said that the EU is planning a new noholdsbarred migration plan intent on fighting human trafficking.These events underscore the need for decisive and coordinated EUwide action. Smugglers are finding new routes to Europe and are employing new methods in order to exploit desperate people who are trying to escape conflict and war.We need to take action against these ruthless criminal organisations Avramopoulos said.On Friday a ship carrying 450 asylumseekers – mostly Syrians was rescued by Italian authorities after it was abandoned by its crew in rough seas forcing the Italian authorities to prevent a humanitarian disaster. The Sierra Leoneflagged Ezadeen had been drifting without power 40 power nautical miles off the coast after it had been put on a collision course in what was described as a new strategy by human traffickers.We must not allow smugglers to put at risk people’s lives in old abandoned ships in dangerous weather. Needless to say the fight against smuggling will be a top priority in the ‘comprehensive approach to migration’ a plan to be presented in due course. We will move forward with commitment and resolve the EU commissioner for migration underlined.The rescue mission was the second in a week after another vessel carrying over 900 migrants the Moldovanflagged Blue Sky M was rescued by Italian authorities after it had been abandoned by its crew off Corfu and put on a collision course with Italy’s course on Wednesday.Four men believed to be the skipper and the crew of the Moldovanflagged vessel after they were caught trying to mingle with the migrants in an attempt to deceive Italian authorities.And in what was surely a warning to Malta and other Mediterranean states EU agency Frontex said that the use of old freighters and cargo vessels to transport large number of migrants to Europe has become smugglers’ hallmark.These are typically decommissioned freighters up to 75 meters long procured in the ports of southeastern Turkey notably Mersin: a departure point still connected by ferry to the Syrian port of Latakia making it reachable for the tens of thousands of Syrians still fleeing the conflict in their country.Traveling from Turkey would in turn enable smugglers to circumvent the considerable danger of boarding a ship from Libya.Frontex also warned that smugglers have learned to time the departure of migrant boats so that they cross the paths of merchant ships heading for Europe. When the migrants issue a distress call the nearby merchant ships would be obliged by international maritime law to rescue them and disembark them at the nearest port of call.Frontex also warned that asylumseekers are also willing to pay exorbitant prices to book a place on one of the vessels with Syrian migrants claiming that they paid up to € 6500 each for a place on the decrepit vessels.Frontex deputy executive director says numbers for 2014 nearly doubled the previous record of 141000 registered in 2011 The number of illegal immigrants seeking entry to European Union soared in 2014 to an alltime record of 270000 with Italy and Greece as their preferred destinations according to the EU border agency Frontex.According to a summary of the interview with Efe by Migrants at Sea Frontex Deputy Executive Director Gil Arias Fernandez said the numbers for 2014 nearly doubled the previous record of 141000 that was registered in 2011 and attributed to spillovers from the Arab Spring.After Italy and Greece immigrants are most determined to settle in Bulgaria Hungary and Spain Fernandez said and attributed the rise to instability in their countries of origin and lack of control in transit countries such as Turkey and Libya.There is some control in Turkey but the large numbers arriving from the Mediterranean coast are coming from Libya said Fernandez.He noted that the number of immigrants fleeing their countries seeking international protection has increased.A few years ago immigration for economic reasons was estimated at 50 percent and the same percentage for political refugees while in 2014 about 80 percent of immigrants to the EU will be asylum seekers he said.Although Frontex will not reveal specific details until midJanuary 2014 Fernandez said the total figure will likely exceed 270000 people as about 260000 migrants were recorded till November.About 11000 immigrants who have arrived in recent weeks will be added to November’s figure.Fernandez voiced pessimism regarding future immigration flows saying that the figures for 2014 will be maintained if the EU and member states do not take joint action to devise a solution.If no political solutions are found in the immigrants’ original countries where the EU and the international community can play a role and in transit states like Libya where it appears their situation will not improve in the short term I think the situation will remain the same he admitted.Two ships the Blue Sky M a cargo vessel and the Ezadeen a livestock vessel were abandoned by their crews within days of each other leaving about 1400 migrants stranded at sea. Senior United Nations officials today stressed the need for urgent action to protect migrants at sea following recent incidents in the Mediterranean involving hundreds of people stranded while attempting to reach Europe.Vincent Cochetel Europe Bureau Director for the UN High Commissioner for Refugees said in a statement that two ships abandoned off the Italian coast are part of an ongoing and worrying situation that European Governments can no longer ignore.Two ships the Blue Sky M a cargo vessel and the Ezadeen a livestock vessel were abandoned by their crews within days of each other leaving about 1400 migrants stranded at sea. Italian authorities rescued the migrants who hailed mainly from Syria.The use of ships of such size marked a new trend Cochetel noted while underlining the need for urgent and concerted European action in the Mediterranean Sea along with more efforts to rescue people at sea and steppedup efforts to provide legal alternatives to dangerous voyages.UN Deputy SecretaryGeneral Jan Eliasson also commented on the new appalling trend of traffickers abandoning larger cargo ships laden with migrants in the Mediterranean.He commended the ongoing rescue efforts in particular by the Italian Navy and Coast Guard and emphasized the responsibility held by countries of destination transit and origin to ensure the protection and human rights of migrants.Eliasson’s views were echoed by Cochetel who noted UNHCR’s gratitude to the Italian authorities for their response to the latest incidents despite the phasing down of the Mare Nostrum operation.Cochetel emphasized his concerns about the ending of that operation despite the absence of a similar European searchandrescue operation to replace it.Without safer ways for refugees to find safety in Europe we won’t be able to reduce the multiple risks and dangers posed by these movements at sea he said.Wealthier migrants targeted in Syria on social media They offer their nefarious services as glitzily as can be: "Do you want to sail to Italy aboard a wellequipped ship offering all necessary comforts starting from € 5500?"But it is not an advert for a cruise – it’s how human traffickers are advertising trips to Europe on the social media.People traffickers especially criminal organisations in Turkey are making use of old freighters and cargo vessels to transport large numbers of migrants to Europe and crewabandoned ships carrying hundreds of Syrian asylum seekers have recently been intercepted by Italian authorities.The scenes were reminiscent of the exodus of Albanian asylum seekers who tried to reach Italy and Malta aboard ships in 1991 and indicative of the new methods being used by people smugglers.With millions of Syrians fleeing the fouryear civil war which has so far claimed some 200000 lives people smugglers are targeting welloff Syrians who are prepared to pay more to reach Europe than the subSaharan migrants we have become accustomed to can afford.According to the UNHCR some 3500 refugees died trying to cross the Mediterranean in 2014 while another 200000 were rescued.In 2013 hundreds of Syrian and subSaharan asylum seekers died in their attempts to reach Europe aboard rickety boats which departed from Libya.However now it seems that smugglers have turned their attention to Syrian migrants and are using safer routes and considerably bulkier vessels.And they have also taken to new ways to advertise these trips with Facebook pages such as Taharib taiaran airborne smuggling and Tahrib bialbar sea smuggling targeting Syrians who want to flee their wartorn country.The Facebook pages which include videos and images of the ships advertise sixday voyages to Italy departing from Mersin a busy port city on the southern coast of Turkey close to the Syrian border for € 5500.They also offer discounted prices for group bookings.The posts on the Facebook pages all in Arabic include amatuer videos promoting the provision documents passports and work permits. We provide everything you need. Just ask one of the posts says.According to reports in the Italian daily La Repubblica traffickers also offer the possibility of providing fake passports ID cards and international driving licences.One of the Facebook postings referring to a journey from Turkey to Italy says Price for adults to $ 4250; From 10 years to 14 years to $ 2125; Under 10 years free and Good food; water; delivery to Italy.Italian authorities believe traffickers made some € 2. 5 million from 359 illegal migrants found abandoned on one of the cargo ships intercepted last week.Moreover a Syrian man who was aboard a second cargo ship which was also intercepted last week revealed how he piloted the Moldovanregistered Blue Sky M which carried some 768 Syrian asylum seekers.Sarkas Rani a 36yearold Syrian told Italian authorities how he was contacted in Turkey by smugglers who had posted notices on Facebook offering a passage to Europe.They promised me US$ 15000 and the possibility of sending my entire family over Rani said during a police interrogation after the Syrian was arrested on 31 December in Gallipoli.The Blue Sky M was intercepted on New Year’s Eve as it was locked on autopilot heading for the Italian coast.Rani acknowledged having left the cargo ship’s bridge to hide among the other asylum seekers once he had set the ship on autopilot.Italian naval officers boarded the ship eight kilometres off the coast just in time before it ran aground in what could have been a human catastrophe.Rani a former ship captain was offered the opportunity to pilot the ship by an acquaintance who met him in Istanbul. He then travelled to Mersin from where the ship departed.Last week EU agency Frontex warned that in a rapid adaptation of strategy smugglers have started using much larger boats.These are typically decommissioned freighters up to 75 metres long procured in the ports of southeastern Turkey notably Mersin: a departure point still connected by ferry to the Syrian port of Latakia making it reachable for the tens of thousands of Syrians still fleeing the conflict in their country Frontex said.The cargo ships repaired and manned by crews sometimes hired from as far away as Russia are piloted via Cyprus and Crete towards Italy Frontex said adding that smugglers have learned to time the departure of migrant boats so that they cross the paths of merchant ships heading for Europe.The agency pointed out that migrants are willing to pay exorbitant prices to book a place on a freighter leaving from Turkey to Europe six times as much as they’d have to pay to board a ship from Libya.Travelling from Turkey not only circumvents the considerable danger of capsizing in a small boat in rough seas but it also avoids having to go to Libya Frontex said. This increasingly lawless North African nation appears to have become too dangerous an operating environment even for the criminal gangs.The European Union urged Turkish authorities to clarify how traffickers managed to take cargo ships carrying hundreds of migrants out of country The European Union wants Turkey to explain how human traffickers could have taken two cargo ships filled with migrants out of the country and towards the EU without the authorities noticing.Natasha Bertaud spokeswoman for the European commission said on Tuesday Given what has happened in recent days with the two ships we wanted to clarify things with the Turkish authorities.The cargo ships were picked up in the Mediterranean last week with more than 1000 migrants aboard many of them fleeing Syria. The smugglers had locked up the migrants and set the ships on a course to the Italian coast before abandoning the vessels.Bertaud said contacts with Turkey are happening at a political and technical level.She said It’s always the same area the cargo ships are leaving from so there is a problem that has to be resolved there.Turkey’s foreign ministry did not have an immediate response.The EU’s border agency Frontex says the smugglers are probably business opportunists operating out of southeast Turkey and not part of any larger human trafficking network.Spokeswoman Izabella Cooper said There is no evidence of these networks being connected. This might just be a new business opportunity that someone has picked up in Turkey.Cooper said Islamic extremists in Libya are making life dangerous for smugglers and migrants alike. New visa requirements in Algeria for Syrians could also be forcing those fleeing the conflict there to look for escape routes closer to home.Britain's Prime Minister David Cameron accompanying German Chancellor Angela Merkel on a visit to the British Museum in London yesterday. Photo: Facundo Arrizabalaga/Reuters German Chancellor Angela Merkel gave little ground yesterday as British Prime Minister David Cameron sought her help in curbing EU migration insisting that free movement of workers is crucial to the bloc. Cameron whose Conservatives are losing support to the Eurosceptic UK Independence Party Ukip before an election in May raised proposals on reforming the European Union when he met Merkel in London to discuss Germany’s presidency of the G 7. With immigration among voters’ top concerns Cameron wants to renegotiate ties with the EU before a referendum on Britain’s membership of the bloc that he has promised by the end of 2017 if his party is still in power. But while Merkel is sympathetic to cracking down on any welfare abuse by migrants one of her allies made clear she would not yield on the right of EU workers to seek employment wherever they want in the 28nation union. When Merkel visited London last year there was also the expectation that she would meet the demands of the British prime minister on changes to the EU treaty. She didn’t do this then and she certainly won’t do it now said Gunther Krichbaum head of the European Affairs committee of the German parliament. Cameron has made controlling the flow of EU citizens to Britain a central part of his renegotiation effort. UKIP and some Conservatives say Britons fear that workers from poorer member states in central and eastern Europe are depressing wages while others may be coming to collect more generous welfare entitlements than back home. As the leader of the EU’s most powerful state Merkel’s backing will be crucial if Cameron is to have any hope of getting the EU to agree to his proposals. But Krichbaum a member of her Christian Democrat party said the British leader should stand up to the Eurosceptics. Cameron is in a very difficult situation and is under a lot of pressure within his party. But he got himself into this situation. He is trying to match the demands of UKIP he said. Merkel also faces a Eurosceptic challenge at home with the antiEU Alternative for Germany AfD soaring from nowhere to around seven per cent in national opinion polls in less than two years. However she has chosen to ignore rather than directly challenge the AfD in the hope that it would burn itself out. A senior German official underlined this policy. There is a feeling that too many concessions are being made to the Eurosceptics. We have had experience in Germany with parties like Ukip and the view is that if you try to give them something you only dig yourself in deeper said the official speaking on condition of anonymity. Cameron who favours staying in a reformed EU but has warned he will rule nothing out if he cannot get the changes he wants has said his plans will require changes to EU treaties. However he has stopped short of proposing quotas on numbers of EU migrants or the right to demand a temporary halt to arrivals. Asked if Merkel supported Cameron’s plans the British leader’s spokesman said it was not up to him to set out the views of other countries but that Britain was not alone in voicing concerns. You have seen there is a significant debate in a good number of EU capitals around issues to do with the labour market welfare reform links to immigration he said. If implemented Cameron’s proposals would affect over 400000 EU migrants many of them working in lowwage jobs. Cameron seems to have misunderstood Merkel on changing EU rules. From Berlin’s perspective there is too much cherry picking from London said Josef Janning senior fellow at think tank the European Council on Foreign Relations. The view is ‘either we get our way in Europe’ or we get an opt out. If Merkel gives in a lot of other states will come running with demands. While the EU has made it clear it would like Britain to remain a member and will listen to its concerns it is not ready to go to any lengths to prevent Britain leaving. It would be a very hard blow for the EU if Britain left but it would be a worse blow for Britain said the German official. Ahead of her visit Merkel and Cameron released a joint statement saying more needed to be done to make the EU more stable and competitive and they hoped to seal a free trade deal between the EU and the United States this year.A person holding an umbrella as others brave heavy rain holding placards reading Je suis Charlie I am Charlie to pay tribute to Paris victims during a vigil in Frankfurt. Photo: Kai Pfaffenbach/Reuters A deadly attack on a French satirical magazine that lampooned Islam seems certain to fuel rising antiimmigration movements around Europe and inflame a ‘culture war’ about the place of religion and ethnic identity in society. The first reaction in France to Wednesday’s killing of 12 people at the offices of Charlie Hebdo by two masked gunmen who shouted Islamist slogans was an outpouring of support for national unity and freedom of speech. But that looks likely to be little more than a momentary ceasefire in a country gripped by economic malaise and high unemployment. France has Europe’s largest Muslim population and is in the throes of a virulent debate over national identity and the role of Islam. This attack is bound to accentuate rising Islamophobia in France said Olivier Roy a political scientist and Middle East specialist at the European University Institute in Florence. A book by journalist Eric Zemmour entitled Le suicide français French suicide arguing that mass Muslim immigration is among factors destroying French secular values was the bestselling essay of 2014. The publishing event of the new year is a novel by controversial author Michel Houellebecq that imagines a Muslim president winning power in 2022 and enforcing religious schooling and polygamy in France and banning women from working. That intellectual ferment has mingled with public anxiety over the radicalisation of hundreds of French Muslims who have gone to join Islamic State fighters in Syria and Iraq and who security officials fear may return to cause carnage in France. The farright National Front lost no time in linking the most deadly act of political violence for decades to immigration and calling for a referendum to restore the death penalty even though a leading French Imam Hassen Chalghoumi said the right way to counter Charlie Hebdo was not through bloodshed or hate. Anyone who says Islamist radicalism has nothing to do with immigration is living on another planet Party leader Marine Le Pen who opinion surveys suggest would top the first round of a poll if a presidential election were held now said ‘Islamic fundamentalism’ had declared war on France and that demanded strong effective action. While she was careful to draw a distinction between Muslim citizens who share French values and those who kill in the name of Islam her father National Front founder JeanMarie Le Pen and her deputy Florian Philippot were less cautious. Anyone who says Islamist radicalism has nothing to do with immigration is living on another planet Philippot told RTL radio. Imams intoned prayers outside the offices of Charlie Hebdo on Thursday and Islamic leaders urged their faithful to join in national mourning for the victims whose cartoons of the Prophet Muhammad had drawn the wrath of many Muslims in the past. In what justice officials said looked like revenge attacks shots were fired overnight at a mosque in the western city of Le Mans and a blast destroyed a kebab shop next to a mosque in the central town of VillefranchesurSaone. Socialist President François Hollande urged the French last month to embrace immigration as an economic and cultural boon to the country and not make migrants a scapegoat for economic woes. His conservative predecessor Nicolas Sarkozy attempting a political comeback has demanded much tighter European border controls to curb illegal migration. Marine Le Pen has attacked visible symbols of Islam in French life such as Muslims praying in the street hallal food being served in schools and women wearing headscarves. Many leftwing secularists share those concerns in a country where the separation of Church and State took decades of struggle. Two pencils left with a note to pay tribute to the victims of the shooting outside the French embassy in London. Photo: Stefan Wermuth/Reuters A survey last year found French people believe immigrants make up 31 per cent of the population roughly four times the real number. Although France collects no ethnic or religious statistics a reliable estimate published by the Pew Research Centre put the Muslim population at about 7. 5 per cent. That is well ahead of six per cent in the Netherlands 5. 8 in Germany or 4. 4 in the UK yet groups hostile to immigration and Islam which they often conflate with terrorism and crime are on the rise in all those countries. A grassroots movement called Pegida or Patriotic Europeans Against the Islamisation of the West warns Germany is being overrun by Muslims and has staged weekly rallies of up to 18000 people in Dresden. Chancellor Angela Merkel and other political leaders have urged Germans to shun the protests which Merkel said were organised by people with hate in their hearts. Pegida whose rise mirrors electoral gains by the rightwing Eurosceptic Alternative for Germany AfD party was quick to claim the Paris attack vindicated its views. The Islamists against whom Pegida has been warning over the last 12 weeks showed in France... that they are not capable of democracy but instead see violence and death as the solution the movement wrote on its Facebook page. Our political leaders want us to believe the opposite is true the group said. Does a tragedy like this first have to happen in Germany? A poll taken in November well before the Paris attack found 57 per cent of nonMuslim Germans feel threatened by Islam. In the UK the leader of the antiEU UK Independence Party Nigel Farage said the Paris attack was the result of a ‘fifth column’ living in European countries. We’ve encouraged people from other cultures to remain within those cultures and not integrate fully within our communities Farage told LBC radio. UK Prime Minister David Cameron who has called ‘multiculturalism’ a failure and is seeking to restrict migration from poorer EU countries condemned Farage’s comments saying this was no time to play politics. Social scientists say neither France’s secular integration model which confines religion to the private sphere and bars the wearing of religious symbols in schools and government buildings nor the multicultural British and US model which recognises separate ethnic and religious communities has prevented violence by a fringe of alienated young Muslims. In the Netherlands traumatised by the killing of film producer Theo van Gogh by an Islamist gunman 10 years ago outspoken antiIslam campaigner Geert Wilders is topping public opinion polls. Within minutes of the Paris events Wilders who has lived under police protection for a decade repeated calls to close Dutch borders to Muslim immigrants and said in a statement: The West is at war and should deIslamise. In the Nordic countries where farright antiimmigrant parties are gaining ground Muslim leaders said their communities faced a wave of violence. Omar Mustafa chairman of the Islamic Association of Sweden said many mosques had set up night patrols after recent arson and racist attacks on Muslim communities. Times are tough now Mustafa told Reuters. The forces of hate antidemocratic forces are trying to set the agenda both the extremists on the right and those who are religious.No records kept of investigations over alleged violence by detention services officers Home Affairs Minister Carmelo Abela has told parliament that no records were ever kept over cases of alleged violence against irregular migrants by detention services officers.Replying to a series of questions raised by backbencher Anthony Agius Decelis Abela confirmed that no records were found of investigations over alleged violence by detention services officers. Moreover no records were ever kept of any disciplinary action that may have been taken in the past.The lack of records means that there is no recorded information of the allegations made the investigations that may have been carried out and the outcome of the same investigations.The information requested referred to the period between 2004 and 2012.According to the minister no records were ever kept of attempted escapes from the detention centres which resulted in disciplinary steps being taken against members of the Armed Forces of Malta or detention services officers.However Abela did reveal that disciplinary steps were taken against 44 detention service officers between 2004 and 2012 most commonly for absenteeism leaving the workplace and insubordination.Responding to further parliamentary questions Abela said that 328 irregular immigrant escapes from detention centres were recorded between 2004 and 2012 the greatest being on 19 September 2007 when 40 immigrants escaped at the same time. No records were found on how many of those immigrants were caught.A further 22 irregular immigrant escapes were attempted in that same time period.Supporters of antiimmigration movement Patriotic Europeans Against the Islamisation of the West Pegida hold flags during a demonstration in Dresden Germany yesterday. Photo: Reuters German Chancellor Angela Merkel said yesterday Islam belongs to Germany in a clear repudiation of antiimmigration protesters gathering in Dresden and other cities in Germany. A day after walking arminarm with French President Francois Hollande at the front of a massive march in Paris to honour the victims of killings by Islamic militants Merkel received the Turkish Prime Minister and urged dialogue among religions. The conservative Chancellor pointed to comments made by former German president Christian Wulff who said in 2010 that Islam was part of Germany triggering a fierce debate. Former president Wulff said Islam belongs to Germany. That is true. I also hold this opinion Merkel said at a news conference with Turkish Prime Minister Ahmet Davutoglu who also took part with other world leaders in the Paris march on Sunday. The German Chancellor was speaking yesterday some hours before marches by a movement dubbed Pegida or Patriotic Europeans Against the Islamisation of the West were due to begin in several German cities. Such demonstrations launched in Dresden have been dwarfed by counterprotests. Merkel has said Pegida’s rallies are organised by people with hatred in their hearts. German Chancellor insists her government is doing everything it can to ensure migrants are being successfully integrated into German society Merkel said her government was doing everything it could to ensure migrants were being successfully integrated into German society regardless of their religion. Nearly two in three of the four million Muslims in Germany are of Turkish origin. Roughly half are German citizens. But Merkel acknowledged the need for better dialogue between religions praising Muslims for publicly rejecting the use of violence after the Paris killings and calling Turkey an ally in the fight against terrorism. She and Davutoglu announced that their governments would begin regular GermanTurkish consultations a format in which the cabinets meet once a year and which is reserved for some of Berlin’s closest allies like Israel and France. Merkel and other German politicians are due to take part in a solemn vigil at the Brandenburg Gate in Berlin today. Muslim organisations agreed to call the event to remember the victims of last week’s Islamist militant assaults on the French satirical journal Charlie Hebdo and a kosher supermarket in Paris. Davutoglu said it was important to fight all forms of Islamophobia in Germany. Speaking later in Berlin Davutoglu said that if Turkey was accepted in future as a European Union member it would send a powerful message of how Muslims and Christians could live together in Europe in peace. On the other hand the Turkish Prime Minister stated thatIf Turkey as a secular and moderate country is not accepted into the EU because of cultural pre­judice that will give a negative message to European people.Home News Interview We’re all Charlie now… | Frederic Depetris Despite the horror of last Wednesday’s massacre in Paris Frederic Depetris deputy head of the French diplomatic mission to Malta is confident that European values are still strong Raphael Vassallo Print Version Last Friday when I made my way to the French Embassy for this interview the hunt was still on for the gunmen who had murdered Stephane ‘Charb’ Charbonniere editor of Parisian satirical comic Charlie Hebdo and nine members of staff. Since that time the terrorists have been killed after a bloody hostage crisis; retaliatory acts of violence have been reported in various parts of France… and while not necessarily directly connected with Wednesday’s attack the following day another Islamist extremist network – Nigeria’s Boko Haram – perpetrated an attack that left a staggering 2000 dead. This took place after my meeting with Mr Depetris: but it gives an indication of the sheer scale at which things are developing on the international front. Clearly this is a critical moment for the countries affected by terrorist attacks such as Wednesday’s carnage in Paris. And as the intended target was not just a French magazine but also an underlying principle that lies at the very heart of postEnlightenment Europe: the freedom to express opinions even when these are offensive to others… that includes all people around the world who cherish human rights. Even so the principle at stake is particularly dear to the French Republic which was founded on the battlecry of ‘Liberte’ Egalite Fraternite’ in the late 19th century. Yet it bears mentioning that France and indeed all of Europe in 1789 was a far more homogenous society than it is today. The changing demographics since the days of the Enlightenment also imply that France has meanwhile assimilated people from different cultures where such concepts are perhaps alien or mistrusted. So it is my unpleasant duty to open fire with an uncomfortable question. Does Wednesday’s attack and all it represents also suggest that the Republican ideals of France may not be working in today’s more heterogeneous country? Does it indicate in brief that the main aims of the revolution may have failed? I don’t think so Depetris begins. On the contrary I think the reaction and expression of solidarity in Europe and around the world is the living image of this belief in such values as freedom of speech and expression. And these were also among the aims of the revolution. I would say it signifies the success of such ideas since the 18th century. As you mentioned these values are very intimately linked with the emergence of the French Republic… it goes back to Voltaire who said he would die for your right to speak even if he disagrees with what you say. It is one of our core values as French President Francois Hollande reaffirmed yesterday. And we will keep on fighting for it. I was very pleased to see that French citizens who gathered yesterday in Place Republique in Paris were saying the same: ‘We are not afraid’. It was one of the slogans… we will keep saying what we think we will defend our freedom of speech and of the press. These are the same values that were epitomised by these cartoonists who were killed. I’m also very pleased to see that the ones who survived the attack members of the editorial staff have declared they will publish the next issue of Charlie Hebdo. In this respect at least the attempt to stifle freedom of speech not only failed but also backfired. Depetris tells me that the printrun of the next issue of Charlie Hebdo will run into a million copies: far more than its usual circulation. It’s a statement to show that freedom of speech is alive and well and that they will keep saying what they think. It is very encouraging also to see all these spontaneous gatherings in France but also around the world outside the French embassies… even here in Malta. [A public vigil was held in St Julian’s on the same day]. What this suggests is that we are all in the same boat. Our values were attacked but we will defend them. I would like to thank again the Maltese government for its strong message of solidarity. When the Prime Minister said yesterday ‘Today we are all French’ it was really really appreciated: here at the embassy but also in France. At the same time there is an uncomfortable reality underpinning all that has occurred. We must acknowledge that random acts of terrorism are not the only thing to worry about now. There are indications of a spread of violence and even by Friday there had already been retaliatory attacks aimed at Muslim targets. There are also political movements throughout Europe that will no doubt exploit the fear and outrage provoked by this attack to foster a culture of hatred and intolerance. Against this backdrop is France gearing up for a ‘clash of cultures’ of the kind that rightwing groups are always happy to predict? It’s true that after such an attack one of the main threats we have to deal with is an increase of hatred and mistrust among the population. The French President was very clear on this issue: we are and we should remain united one people. Among us of course we are different. Different religions different provenance different social levels. But we are all French citizens. We should all live together under Republican rules. It is important to reaffirm that the values of the Republic of France as a nation and a democracy is to respect any kind of religion any kind of free way of thinking and that people are supposed to live together under these common rules. Depetris also reasons that the antiMuslim sentiment while expressed by many loud voices is not necessarily as widespread as it is sometimes portrayed. I was pleased to note that it was not just politicians but also French citizens interviewed in the streets who were in favour of reaffirming this unity. They were very committed to avoid any kind of racist comments or hate speech against Muslims. Because these extremists are ultimately a threat for the Muslim community in France. It is not targeted so much at the French people it’s more directly against the Muslim community. There are an estimated 56 million Muslims living in France today and by all accounts the vast majority are either indifferent or opposed to the sort of extremist violence we saw on Wednesday. It has in fact been argued that the purpose behind the attack on Charlie Hebdo was specifically to change all this: to provoke retaliation against moderate Muslims in the hope of precipitating more violence and facilitating the recruitment of more volunteers. Nor is it just Islamist terror cells who stand to benefit: in times of open racial hostility the radical right also has a field day when it comes to recruiting and convincing. Does the government of France expect a dramatic escalation of violence… such as for instance when the 2005 race riots of a Parisian suburb spread throughout the country and precipitated a state of emergency? We should certainly be aware of this danger and avoid such retaliations. That is why it is really important that speeches or public comments by the authorities impart the same message. I think it will be the case. This Sunday there will be a big demonstration in Paris and in major cities across the world which will be attended by all political parties committed to defend the Republican values. It’s important to show this unity among the political spectrum and society at large... At the same time part of the consequence of a terror attack like this is that fears normally associated with extreme factions may be given far wider credence. One such fear concerns the fact that European demographics suggest Islam is a fastgrowing religion in Europe. This may also be in part due to a falling birthrate in most European countries; either way the argument goes – and I must stress that it is made by others – that in time Europe will be forced to cede more and more of its principles as immigrant communities make more demands. Are Europeans justified in worrying that the values we cherish so much may be threatened by the longterm implications of demographics change? I wouldn’t say so no. France has one of the highest birthrates in Europe… Well the country does have a certain reputation to defend… Perhaps he replies with a laugh. But when we look at the birthrate the statistics show that migrants have higher birthrates when they arrive but by the next generation it drops to the same level as the national average. I am aware there is a theory spreading – ‘Le Grand Remplacement’… [The Great Replacement – which argues that at the present rate Europe will be ‘taken over’ by Islam in a few decades] It’s playing with fire and playing with fear. They want to attract an audience by saying we should be afraid of this … but we shouldn’t be afraid of this because first of all the links between the two sides of the Mediterranean are not only oneway. Things can change and the migration flows are not the same as 20 years before or 30 years before. Most migrants to France used to come from Italy and Portugal. Now it’s completely different: they come from all over the world from China Africa etc. Immigration to us is an also an added value. But we may have difficulties thinking this way in the light of the economic crisis… Meanwhile speaking of efforts to ignite intercultural hostilities in France: it must be pointed out that there may also be grievances beyond the immediate goals of terrorism. Racial tension has often been felt in France before as the aforementioned 2005 riots confirm. More recently the ban of the Burqa likewise sparked a controversy over minority rights. Like it or not this also points towards a subtext of discontent underpinning race relations in France and no doubt all over the rest of Europe too. Regardless of Islam there seems to be many within the Muslim community who feel they are a downtrodden or sidelined minority. Could it be then that the emergence of radical Islamic groups such as Al Qaeda and ISIS is the tip of the iceberg of a much deeper malaise? I hope not. But I don’t think so. You mentioned the burqa issue: but it was only an extreme minority of Muslims who were concerned with this law. The overwhelming majority of Muslims is perfectly integrated in the French community. It’s just a few people who could be tempted by radicalism who are drawn to extremist speeches and who could choose to radicalise and commit these kinds of crimes. These few exist; but they are first of all criminals not Muslims. They are criminals and they try to invoke some kind of ideological background to justify their acts; but we cannot confuse the Muslim community with the behaviour of such criminals. Of course what is happening around the world… the Syria crisis Al Qaeda and ISIS networks and attitudes… they are all part of the background. The French government is well aware that this is an issue that has global ramifications. Yet the emergence of ISIS at least is widely associated with the aftermath of the Iraq war: which in turn suggests that the conditions for the same unrest which we all agree now threatens Western core values were in fact created by western military involvement in the Middle East. There are of course limits to this argument: it is impossible to say what would have happened had Saddam Hussein not been toppled in 2003… especially in view of the Arab spring. But many argued against the Iraq war at the time precisely on these grounds: that it would result in global destabilisation. Is this a case of reaping what one sows? Depetris acknowledges that the situation in Iraq and elsewhere in the Middle East is connected to the causes of the terrorist attack in France… but only because the terrorists want the two issues to be linked. I think it’s linked for instance on the internet and social networks because the people trying to recruit young jihadists are making this kind of amalgam: that ‘we have to fight against Western countries in Iraq and Syria… the West is responsible for all your suffering… and they use hatred killings to incite others to commit crimes in Western countries. In that way yes there is a connection. But the issue of radicalism in Europe and what is happening in the Middle East are very different. Either way one immediate effect of the Charlie Hebdo attack was to dramatically increase vigilance levels in France: where the country’s terror threat alert system – Vigipirate – has been raised to maximum. As Depetris earlier mentioned the values under attack are not cherished only in France but also in the rest of Europe. The entire EU may well be considering whether or not to step up antiterror efforts… which may also imply expanding government control in sensitive intelligence gathering and security areas. Are there any plans to respond to this threat level by strengthening antiterror legislation in France? And does he expect there will be any talk in this direction by other European governments? Maybe it’s too early to say. But there is and it still exists a link between European countries. We do have very regular meetings in Brussels and there is the means to exchange information for intelligence services to cooperate and to establish networks. In the field of the fight against terrorism of jihadists this kind of European network already exists and it works quite well. In fact we don’t know all kind of affairs that happen but we can be sure that previously a bomb or terrorist attack would have been prevented by the work of the European police and armed forces. It’s working. But we can’t expect 100% prevention. These kinds of attacks occur and we must be vigilant; but we have avoided many others and I hope we will continue to do so. Lastly we have been talking a lot about values… and one value which was very central to Charlie Hebdo – part of its entire raison d’etre in fact – is perhaps best encapsulated by the French word ‘laiciete’. We tend to translate that as ‘secularism’ and the word is much used in the local context: where we have had a few issues touching on separation of Church and State over the years. Everyone seems to have their own definition of the word... so it would be nice to have a French perspective on what is ultimately a concept intricately linked with the French identity. How would he define laiciete? Well you’re right to mention that secularism is linked with France: it is directly linked to the law of the separation of Church and State which dates from 1905. It was the occasion to reaffirm our Republican consensus on laiciete. What does it mean? That the French Republic does not recognise one specific religion since all religions are recognised equally. You can worship you can practice your religion… of course we all agree to that… provided you make it a private issue not a public one. Public spaces in France are not supposed to be part of religious discourse or used for religious propaganda. But obviously – and this is respected everywhere – you are free to believe whatever you wish. Last Friday when I made my way to the French Embassy for this interview the hunt was still on for the gunmen who had murdered Stephane ‘Charb’ Charbonniere editor of Parisian satirical comic Charlie Hebdo and nine members of staff.Since that time the terrorists have been killed after a bloody hostage crisis; retaliatory acts of violence have been reported in various parts of France… and while not necessarily directly connected with Wednesday’s attack the following day another Islamist extremist network – Nigeria’s Boko Haram – perpetrated an attack that left a staggering 2000 dead.This took place after my meeting with Mr Depetris: but it gives an indication of the sheer scale at which things are developing on the international front. Clearly this is a critical moment for the countries affected by terrorist attacks such as Wednesday’s carnage in Paris. And as the intended target was not just a French magazine but also an underlying principle that lies at the very heart of postEnlightenment Europe: the freedom to express opinions even when these are offensive to others… that includes all people around the world who cherish human rights.Even so the principle at stake is particularly dear to the French Republic which was founded on the battlecry of ‘Liberte’ Egalite Fraternite’ in the late 19th century. Yet it bears mentioning that France and indeed all of Europe in 1789 was a far more homogenous society than it is today. The changing demographics since the days of the Enlightenment also imply that France has meanwhile assimilated people from different cultures where such concepts are perhaps alien or mistrusted. So it is my unpleasant duty to open fire with an uncomfortable question. Does Wednesday’s attack and all it represents also suggest that the Republican ideals of France may not be working in today’s more heterogeneous country? Does it indicate in brief that the main aims of the revolution may have failed?I don’t think so Depetris begins. On the contrary I think the reaction and expression of solidarity in Europe and around the world is the living image of this belief in such values as freedom of speech and expression. And these were also among the aims of the revolution. I would say it signifies the success of such ideas since the 18th century. As you mentioned these values are very intimately linked with the emergence of the French Republic… it goes back to Voltaire who said he would die for your right to speak even if he disagrees with what you say. It is one of our core values as French President Francois Hollande reaffirmed yesterday. And we will keep on fighting for it. I was very pleased to see that French citizens who gathered yesterday in Place Republique in Paris were saying the same: ‘We are not afraid’. It was one of the slogans… we will keep saying what we think we will defend our freedom of speech and of the press. These are the same values that were epitomised by these cartoonists who were killed. I’m also very pleased to see that the ones who survived the attack members of the editorial staff have declared they will publish the next issue of Charlie Hebdo.In this respect at least the attempt to stifle freedom of speech not only failed but also backfired. Depetris tells me that the printrun of the next issue of Charlie Hebdo will run into a million copies: far more than its usual circulation. It’s a statement to show that freedom of speech is alive and well and that they will keep saying what they think. It is very encouraging also to see all these spontaneous gatherings in France but also around the world outside the French embassies… even here in Malta. [A public vigil was held in St Julian’s on the same day].What this suggests is that we are all in the same boat. Our values were attacked but we will defend them. I would like to thank again the Maltese government for its strong message of solidarity. When the Prime Minister said yesterday ‘Today we are all French’ it was really really appreciated: here at the embassy but also in France.At the same time there is an uncomfortable reality underpinning all that has occurred. We must acknowledge that random acts of terrorism are not the only thing to worry about now. There are indications of a spread of violence and even by Friday there had already been retaliatory attacks aimed at Muslim targets. There are also political movements throughout Europe that will no doubt exploit the fear and outrage provoked by this attack to foster a culture of hatred and intolerance. Against this backdrop is France gearing up for a ‘clash of cultures’ of the kind that rightwing groups are always happy to predict?It’s true that after such an attack one of the main threats we have to deal with is an increase of hatred and mistrust among the population. The French President was very clear on this issue: we are and we should remain united one people. Among us of course we are different. Different religions different provenance different social levels. But we are all French citizens. We should all live together under Republican rules. It is important to reaffirm that the values of the Republic of France as a nation and a democracy is to respect any kind of religion any kind of free way of thinking and that people are supposed to live together under these common rules.Depetris also reasons that the antiMuslim sentiment while expressed by many loud voices is not necessarily as widespread as it is sometimes portrayed.I was pleased to note that it was not just politicians but also French citizens interviewed in the streets who were in favour of reaffirming this unity. They were very committed to avoid any kind of racist comments or hate speech against Muslims. Because these extremists are ultimately a threat for the Muslim community in France. It is not targeted so much at the French people it’s more directly against the Muslim community.There are an estimated 56 million Muslims living in France today and by all accounts the vast majority are either indifferent or opposed to the sort of extremist violence we saw on Wednesday. It has in fact been argued that the purpose behind the attack on Charlie Hebdo was specifically to change all this: to provoke retaliation against moderate Muslims in the hope of precipitating more violence and facilitating the recruitment of more volunteers. Nor is it just Islamist terror cells who stand to benefit: in times of open racial hostility the radical right also has a field day when it comes to recruiting and convincing. Does the government of France expect a dramatic escalation of violence… such as for instance when the 2005 race riots of a Parisian suburb spread throughout the country and precipitated a state of emergency?We should certainly be aware of this danger and avoid such retaliations. That is why it is really important that speeches or public comments by the authorities impart the same message. I think it will be the case. This Sunday there will be a big demonstration in Paris and in major cities across the world which will be attended by all political parties committed to defend the Republican values. It’s important to show this unity among the political spectrum and society at large...At the same time part of the consequence of a terror attack like this is that fears normally associated with extreme factions may be given far wider credence. One such fear concerns the fact that European demographics suggest Islam is a fastgrowing religion in Europe. This may also be in part due to a falling birthrate in most European countries; either way the argument goes – and I must stress that it is made by others – that in time Europe will be forced to cede more and more of its principles as immigrant communities make more demands.Are Europeans justified in worrying that the values we cherish so much may be threatened by the longterm implications of demographics change?I wouldn’t say so no. France has one of the highest birthrates in Europe…Well the country does have a certain reputation to defend…Perhaps he replies with a laugh. But when we look at the birthrate the statistics show that migrants have higher birthrates when they arrive but by the next generation it drops to the same level as the national average.I am aware there is a theory spreading – ‘Le Grand Remplacement’… [The Great Replacement – which argues that at the present rate Europe will be ‘taken over’ by Islam in a few decades] It’s playing with fire and playing with fear. They want to attract an audience by saying we should be afraid of this … but we shouldn’t be afraid of this because first of all the links between the two sides of the Mediterranean are not only oneway. Things can change and the migration flows are not the same as 20 years before or 30 years before.Most migrants to France used to come from Italy and Portugal. Now it’s completely different: they come from all over the world from China Africa etc. Immigration to us is an also an added value. But we may have difficulties thinking this way in the light of the economic crisis…Meanwhile speaking of efforts to ignite intercultural hostilities in France: it must be pointed out that there may also be grievances beyond the immediate goals of terrorism. Racial tension has often been felt in France before as the aforementioned 2005 riots confirm. More recently the ban of the Burqa likewise sparked a controversy over minority rights. Like it or not this also points towards a subtext of discontent underpinning race relations in France and no doubt all over the rest of Europe too.Regardless of Islam there seems to be many within the Muslim community who feel they are a downtrodden or sidelined minority. Could it be then that the emergence of radical Islamic groups such as Al Qaeda and ISIS is the tip of the iceberg of a much deeper malaise?I hope not. But I don’t think so. You mentioned the burqa issue: but it was only an extreme minority of Muslims who were concerned with this law. The overwhelming majority of Muslims is perfectly integrated in the French community. It’s just a few people who could be tempted by radicalism who are drawn to extremist speeches and who could choose to radicalise and commit these kinds of crimes. These few exist; but they are first of all criminals not Muslims. They are criminals and they try to invoke some kind of ideological background to justify their acts; but we cannot confuse the Muslim community with the behaviour of such criminals. Of course what is happening around the world… the Syria crisis Al Qaeda and ISIS networks and attitudes… they are all part of the background. The French government is well aware that this is an issue that has global ramifications.Yet the emergence of ISIS at least is widely associated with the aftermath of the Iraq war: which in turn suggests that the conditions for the same unrest which we all agree now threatens Western core values were in fact created by western military involvement in the Middle East. There are of course limits to this argument: it is impossible to say what would have happened had Saddam Hussein not been toppled in 2003… especially in view of the Arab spring. But many argued against the Iraq war at the time precisely on these grounds: that it would result in global destabilisation. Is this a case of reaping what one sows?Depetris acknowledges that the situation in Iraq and elsewhere in the Middle East is connected to the causes of the terrorist attack in France… but only because the terrorists want the two issues to be linked.I think it’s linked for instance on the internet and social networks because the people trying to recruit young jihadists are making this kind of amalgam: that ‘we have to fight against Western countries in Iraq and Syria… the West is responsible for all your suffering… and they use hatred killings to incite others to commit crimes in Western countries. In that way yes there is a connection. But the issue of radicalism in Europe and what is happening in the Middle East are very different.Either way one immediate effect of the Charlie Hebdo attack was to dramatically increase vigilance levels in France: where the country’s terror threat alert system – Vigipirate – has been raised to maximum. As Depetris earlier mentioned the values under attack are not cherished only in France but also in the rest of Europe. The entire EU may well be considering whether or not to step up antiterror efforts… which may also imply expanding government control in sensitive intelligence gathering and security areas. Are there any plans to respond to this threat level by strengthening antiterror legislation in France? And does he expect there will be any talk in this direction by other European governments?Maybe it’s too early to say. But there is and it still exists a link between European countries. We do have very regular meetings in Brussels and there is the means to exchange information for intelligence services to cooperate and to establish networks. In the field of the fight against terrorism of jihadists this kind of European network already exists and it works quite well. In fact we don’t know all kind of affairs that happen but we can be sure that previously a bomb or terrorist attack would have been prevented by the work of the European police and armed forces. It’s working. But we can’t expect 100% prevention. These kinds of attacks occur and we must be vigilant; but we have avoided many others and I hope we will continue to do so.Lastly we have been talking a lot about values… and one value which was very central to Charlie Hebdo – part of its entire raison d’etre in fact – is perhaps best encapsulated by the French word ‘laiciete’. We tend to translate that as ‘secularism’ and the word is much used in the local context: where we have had a few issues touching on separation of Church and State over the years. Everyone seems to have their own definition of the word... so it would be nice to have a French perspective on what is ultimately a concept intricately linked with the French identity.How would he define laiciete?Well you’re right to mention that secularism is linked with France: it is directly linked to the law of the separation of Church and State which dates from 1905. It was the occasion to reaffirm our Republican consensus on laiciete. What does it mean? That the French Republic does not recognise one specific religion since all religions are recognised equally. You can worship you can practice your religion… of course we all agree to that… provided you make it a private issue not a public one. Public spaces in France are not supposed to be part of religious discourse or used for religious propaganda. But obviously – and this is respected everywhere – you are free to believe whatever you wish. Share on Facebook Share on Twitter National Evarist Bartolo insists MFSA chairman’s position... Court & Police Romanians jailed over pickpocketing spree National 90% increase in cruise passenger traffic Business Comment ECB fails to break new ground on monetary policy Entertainment Tributes pour in for iconic musician Court & Police Hunter in Dingli accidentally shoots another hunte... National Doctors term hospital activity report 'partial' an... World At least two people dead after coastal cycleway co... World New virus outbreak in Australia can cause brain da... World Venezuela turns to power cuts amidst energy crisis World Obama says the UK will be stronger within the EU National In the Press: Gender pay gap in Malta amongst wors... Court & Police Woman critically injured in St. Paul’s Bay accid... National Greece seeks Malta’s advice on gender identity l... Music Legendary artist Prince dead at 57The shadow home affairs minister Beppe Fenech Adami has called for better human resources to deal with applications for the renewal of eresidence cards for nonEU nationals like migrants who are seeking a work permit. Fenech Adami was reacting to MaltaToday's exposé of migrants seeking renewal of their eresidence cards so that they can renew their work permits. The citizenship and expatriates department only sees a limited number of migrants on a Friday forcing them to wait outside as early as Thursday night braving the cold weather outside the office so that they can be first in line on Friday morning to access the service. Fenech Adami said the situation was totally unacceptable. "It is totally unacceptable that immigrants applying for the e residence card have to go through the ordeal described in the article. Government is to ensure that the proper infrastructure setup and human resources are in place to ensure that unnecessary hardship no longer persists." [WATCH] Migrants sleep out at night to apply for their eresidence card Home Affairs Minister Carmelo Abela who recently took up his new post as minister also said that the situation was "inhumane" for migrants and said that his ministry was actively seeking a solution to the workload. In March 2014 Nationalist MP Jason Azzopardi had told the House in a PQ of the disorganisation at the citizenship and expatriates department at the Evans Building with queues lasting five entire hours. Then home affairs minister Manuel Mallia had told the House that the disorganisation stemmed from the previous administration when in January 2013 no new human resources were passed on to the citizenship department when it started issuing eresidence and identity cards to foreign residents. Mallia had said that the ministry had provided modern offices for the department engaged new personnel and was considering hiving off certain services outside the department so that it can be more efficient and reduce queues. Once migrants qualify for protection the first thing they have to do is to apply for an eresidence card. Without it they cannot access public services such as benefits work permits or even open a bank account. But migrants are only being granted access to the service on Friday morning. I have to renew my ID card and I only have one day to do that which is Friday and there are a lot of people here. Without it you cannot re new your working permit" Stephen Morphy a Liberian migrant who has been in Malta since 2003 told MaltaToday. I’m working here paying taxes to go to work. It is not fair. Once we are working paying taxes we should be able to renew our document free and fair like the others. I have come and sleep in this weather just to be able to work to support my family." Morphy stands out as a living example of the failure of a system that is actually pushing him into illegality: braving the cold January night trying to secure a legal status so that he can continue working but instead he is treated as a secondclass citizen by having just one day in which he can have his eresidence card renewed. Carmelo Abela has dubbed the situation inhumane after having assessed the matter personally. The decision to allow migrants to apply on a particular day of the week was taken long before Identity Malta was established. In 2014 Identity Malta organised an outreach programme to accept residence applications from the premises of the Refugee Commission and the Agency for the Welfare of Asylum Seekers AWAS. Since then the number of migrants applying at AWAS decreased significantly and eventually the service stopped being offered from their office. The service offered from the Refugee Commission is still ongoing he said. Lately for a number of reasons there was an increase in the applications at the Department for Citizenship and Expatriate Affairs in Valletta Abela said since expired documents were all being issued on the same date and therefore had to be renewed on the same date.I was on my way to work 10 years ago to date when I got a phone call to alert me that detained migrants at Safi were holding a protest. When I reached a dusty football ground adjacent to the detention centre I saw a group of migrants chanting ‘All we are saying is give us freedom’ to the tune of John Lennon’s Give Peace a Chance. They had crossed the detention barriers and were refusing the soldiers’ orders to go back. I recall an asylum seeker telling me: Why are the soldiers holding sticks? We don’t even want to escape. The migrants just couldn’t understand why they were being cooped up inside a detention centre when they had committed no crime. Little did they know that their action would pave the way for a human rights crime committed by men who are meant to uphold the law. An hour or so later the soldiers marched towards them beating their shields with their truncheons in rhythm and within minutes it was a painful cacophony of screams protests and confusion. At a point up to six soldiers stood over a single floored protester while one beat him with a truncheon. Many of the detainees clutched their heads and wriggled on the ground in an attempt to protect themselves. Dozens of migrants were hospitalised. But what was really shocking was the reaction and the aftermath. Many Maltese let their prejudices get the better of them and justified the force used refusing to even acknowledge the shocking pictures taken by our photographer. If a Maltese man is holding down a black guy with a truncheon then he must be right. Within days we witnessed a series of arson attacks and threats against NGOs and journalists who denounced the heavyhandedness. It was not over. The subsequent inquiry into the Safi incidents was a major whitewash as it concluded that the force used to control the migrants during their protest was justified in the circumstances even if it took note of the fact the force used by several soldiers was exaggerated. When I was grilled by the judge tasked with carrying out the inquiry I recall feeling as though I was in the dock. The judge appeared to be more concerned with knowing the identity of who tipped me off about the protest rather than what I had witnessed. But then again should we be surprised? For the last 14 years we have been told by governments that the detention system is a must even if it criminalises asylum seekers in the eyes of many. In the last 10 years we have seen deaths suicides and more riots inside detention. We still see NGOs and journalists who analyse migration issues being threatened for doing their job. Because many of us still cannot differentiate between the terrorists that caused bloodshed in the streets of Paris last week and the asylum seekers fleeing the terror in their country. If he’s black then he must be an Arab and if he’s an Arab then he must be dangerous. Ten years on none of us should turn a blind eye to the horrible actions portrayed in the picture above.Comodini Cachia calls for better coordination of actions by Member States against human smuggling During a debate on the recent human smuggling incidents in the Mediterranean held during a Plenary Session at the European Parliament in Strasbourg MEP for Malta Therese Comodini Cachia said: Human smuggling attacks the dignity of those who fall victim to it and threatens Member States. We have a duty to stand up against this illicit and immoral business.Addressing the chamber in the presence of the European Commissioner for Migration Dimitris Avramopoulos Comodini Cachia emphasised that Member states that are mostly affected lie in the European Union’s largest sea border the Mediterranean.Comodini Cachia said that the EU had so far steered a strategy for the Mediterranean which involved border management. However this strategy did not reduce the number of smuggling incidents enough; hence proving to be insufficient.This debate should send a clear message towards coherent EU action to better fight human smuggling through concrete measures that go beyond what had been tried and failed she saidComodini Cachia insisted that the EU needs to work harder on relations with third countries where smugglers obtain their vessels and their victims from particularly in the light of recent cases of migrants smuggled in cargo ships from Turkey to Italy and abandoned at sea by the crew the socalled ‘ghost ships’ and other incidents in the Mediterranean.Latvian Secretary of State for European Affairs Zanda KalniņaLukaševica whose country holds the current EU Presidency since the beginning of January said: The recent events clearly show that we must step up our common action to combat the criminal organisations exploiting migrants.She joined Comodini Cachia and other MEPs in advocating ‘effective measures’ against the human smugglers.The Council looks forward to the proposals that the Commission will present on a European agenda for migration Lukaševica added.Comodini Cachia said that sporadic action is ineffective and called for a better coordination amongst Member States.This will require a mechanism that brings together representatives from the policy law enforcement intelligence and diplomatic areas ensuring a common approach to address the problem.In his conclusive statement Commissioner for Migration Dimitris Avramopoulos supported these views and said: If decisive and coordinated EU action is not taken the flow [of migrants] will continue. The European Commission is determined to take action.Avrampoulos joined Comodini Cachia in calling for more coordination and solidarity from EU member states. He also stressed the need for more cooperation with Turkey and African countries and urged Member States to step up their efforts to enforce EU asylum rules and resettle refugees.During this debate MEPs also discussed the new routes used by smugglers the role of the EU border agency Frontex legal channels of migration to the EU and a comprehensive approach to migration.Spanish police say they have arrested two Cameroonian migrants on suspicion of killing up to 10 other migrants by pushing them from a boat into stormy waters in a fight over a prayer session. The two were arrested after several of the 29 survivors of the African migrant boat crossing to Spain from Morocco told how a fight broke out when a Nigerian religious minister began praying that the boat would not sink police said. The Cameroonians blamed the worsening weather on the pastor police said. The pastor and other Nigerians praying were among those allegedly pushed over board. Police say there were some 50 people on the boat but that around 10 other migrants also died when they fell into the sea on December 3.President MarieLouise Coleiro Preca focused on poverty migration and international terrorism when she greeted ambassadors accredited to Malta for the exchange of New Year Greetings today. She said the economic situation continued to show signs of cautious recovery last year. "However there remains much to be done especially in the European employment sector where many young people are still finding it difficult to join the workforce. "The issue of the ‘longterm unemployed’ and the ‘working poor’ still persist on Europe’s agenda. A solution must be sought urgently to this social scourge that is affecting the wellbeing of one in four Europeans and 1. 4 billion people globally." Poverty she said not only persists among us but is a growing concern both in Europe and globally. Turning to terrorism she regretted that during 2014 bloodshed continued to spill in Libya Syria and Iraq with conflicts in the latter two giving rise to the emergence of the Islamic State. One consequence had been the increase in the number of migrants. "My thoughts are constantly with these people and especially with the thousands of people who lost their lives along a difficult journey which was meant to give them a dignified life in safety. "Malta’s plight together with that of other Mediterranean countries like Italy and Greece should be heard by the international community so that the movement of people so much a reality today should be a quality experience and not a tragic end to many hopes and lives." She said this human devastation was then further compounded by the fact that those who survived the ordeal were faced by poverty. "Migrants’ poverty is also increased by racist discourses which render them as the perceived threat to jobs.In addition the exploitative nature of their serving as a grossly underpaid and possibly even non paid ‘reserve workforce’ and the process of marginalisation breeds further poverty and becomes complete. "The only outlet for most migrants seems to be the low paid and insecure informal economy which constitutes an important feature of a number of European countries. "We need to shift the discourse enabling people to realise why migrants leave their country if we are to even attempt to change the lives of these persecuted people" the President stressed. In her address the President condemned violence "from Gaza to Syria; from Iran to Afghanistan; from Pakistan to Libya; from Ukraine to Nigeria and now in Paris horrific scenes pools of blood human slaughter that terrify and sadden all those who believe in human dignity." She also spoke briefly on the local situation noting that the economy was doing well despite having been affected by the deteriorating situation in Libya. "Malta as a country in the midst of the Mediterranean has every interest to see neighbouring Libya regain its political stability through democratic ways that will safeguard freedom and restore constitutional governance for all" she said. She looked forward tot he Commonwealth heads of government meeting in Malta this year hoping this event will lead to a roadmap that will kick start the shaping up of the Commonwealth of tomorrow hat have an effective voice and be a useful catalyst to influence change. Referring to the terrorism in Paris President Coleiro Preca said this was an attack on freedom and on democracy. "The aftermath of these horrible events should not be a clash of cultures but the realisation that fundamentalism no matter where it emanates from can only destroy what has been gained through so much suffering and endurance by our forefathers and fathers to make democracy our way of life. "Let us then use our freedom to make our voices heard to spread love instead of hatred to unite and not destroy and to celebrate our differences not let them tear us apart." Read the full speech on pdf belowMinister Carmelo Abela said that no records could be found regarding how many escapees were eventually caught and returned to their detention centres. Records revealed by Home Affairs Minister Carmelo Abela show that a whopping 1286 asylum seekers managed to escape from the Safi and Lyster Barracks detention centres between 2004 and 2012.Abela was responding to a series of parliamentary questions by Labour backbencher Anthony Agius Decelis pertaining to detention centres between 2004 and 2012 the final full year under a Nationalist administration.The tabled papers show that 328 irregular immigrant escapes were recorded in that same time period the largest getaway being on 4 May 2009 when 43 immigrants all made a dash for freedom.Interestingly a significant plummet in immigrant escapees was recorded in 2010 the numbers dropping to 12 when compared to the 350 escapees in 2009. The escape numbers remained relatively low in 2011 and 2012.Abela said that no records could be found regarding how many escapees were eventually caught and returned to their detention centres.However the records definitely indicate that the vast majority of irregular immigrants who attempted to flee their detention centres succeeded in doing so. Indeed only 46 asylumseekers were foiled in their freedom attempts between 2004 and 2012 with none at all recorded in 2004 and 2007.In response to another parliamentary question Abela revealed records showing that disciplinary steps were taken against 44 detention service officers between 2004 and 2012 most commonly for absenteeism leaving the workplace and insubordination. However no information on disciplinary steps taken against officers involved in violence against asylum seekers was tabled.This the home affairs minister told parliament was because no records were ever kept over cases of alleged violence against irregular migrants by detention services officers. Moreover no records were ever kept of any disciplinary action that may have been taken against such officers in the past.This means that no recorded information of allegations made against detention service officers investigations that may have been carried out and the outcome of said investigations.These latest revelations are particularly damning in light of last month’s publication of a 2012 inquiry into the death of Malian asylum seeker Mamadou Kamara at the hands of detention service officers. The report carried out by retired judge Geoffrey Valenzia painted a grim picture of the conditions in detention centres and shed a particularly bad light on the track record of detention service officers.The inquiry revealed that Kamara had successfully escaped his detention centre only to be recaptured by detention service officers who proceeded to handcuff him dump him inside a steel cage at the back of a detention centre van and brutally beat him to death. According to forensic expert Mario Scerri Kamara died from a heart attack as a result of blunt trauma.Nor was Kamara’s murder an isolated incident of abuse. According to the former head of the detention services the soldiers that were deployed at the detention centres were the worst of the worst…soldiers refused by the army.Lieutenant Colonel Brian Gatt shockingly admitted that such soldiers included an officer who had usury problems and another who had been charged with shooting at a yacht during training.I had a sergeant in Hal Far who used to prey on migrant women entering their rooms during the night and taking a woman back to his office with him Gatt told Valenzia. Even condoms were found in the room.The inquiry found that there was a kind of inappropriate relationship going on between some members of staff and migrant women being detained. It could have been consensual but given the context you question this consent…how real it is… because they are detained and there is a soldierdetainee relationship which renders the relationship inappropriate.Even this particular sergeant was never suspended but simply transferred to another section.It also revealed that the detention services were severely understaffed especially with regard to female officers stationed with migrant women. At the time there was only one female detention service officer. This meant that male officers would walk straight into female migrants taking a shower for the head count and accompany pregnant migrants to hospital at times and sometimes even stay with them while they were being examined by the doctor.A group of eight human rights NGOs including aditus foundation and the Jesuit Refugee Service Malta condemned the report’s findings as a scathing commentary on the way Malta has freely decided to treat men women and children who are running for their lives.It is one of the most constructive and thorough reports to date joining so many other reports in unequivocally condemning a policy that seeks to deprive migrants of their very humanity by locking them away out of sight out of scrutiny and out of human rights protection the eight NGOs said in a joint statement. Yet we are not shocked at any of the statements or findings in the Valenzia report. We are not shocked to read of sexual relations between a small number of Detention Services personnel and detained women. We are not shocked because we have been witnessing such incidents for several years.The MOAS migrant rescue mission is still millions of euros short of being able to set sail again but major benefactors could help get the show on the road by May. Founder Chris Catrambone told Times of Malta that a number of possibilities were being considered. Photo: Ivan Martin Photo: Ivan Martin The Phoenix rescue vessel saved 3000 weary migrants last year in operations costing in excess of € 4 million. In 2014 the mission was completely funded by Mr Catrambone and his wife Regina. This year however the philanthropists have called on the public for financial support raking in some € 65000 in online donations. While thanking the donors from the bottom of my heart Mr Catrambone said running the mission would cost around € 400000 every month – an ocean away from the current level of funding collected. We have shown that operations like this can be done and can be done with a certain level of success. With the right funding I want to see this continue he said speaking in the ships’ bridge. Although wary of commenting further as he did not want to scare potential donors away Mr Catrambone said one possibility being explored would be partnering up with other major humanitarian entities. Photo: Ivan Martin Photo: Ivan Martin Many of these he said had previously been unable to offer maritime rescue services and could join forces with MOAS. In fact Mr Catrambone said he had aspirations for the mission to branch out and see more newer boats carrying out wider operations. He was speaking during an onboard visit by MEP Roberta Metsola and Nationalist MP Francis Zammit Dimech. Dr Metsola who was recently appointed Shadow Minister for European and Foreign Affairs sits on the LIBE Committee an EUbody dedicated to discussing migration. Thanking the Catrambones for their efforts she said it was essential for Europe to tow the same line and increase efforts to save fleeing migrants’ lives.'No one deserves to die at sea. We need to give people dignity when they reach our backyard. This is Europe's backyard not just Malta's or Italy's but even Germany's and Sweden's' philanthropist Christopher Catrambone MEP Roberta Metsola visits MOAS • Video by Ray Attard Three thousand migrants crossing the Mediterranean sea were rescued by a private migrant rescue operation coordinated by philanthropists Regina and Christopher Catrambone.The Migrant Offshore Aid Station operated for the first time last summer using a 40metre ship equipped with two camcopters and a professional crew including rescuers seafarers paramedics and humanitarians.During a visit on board the Phoenix PN MEP Roberta Metsola praised the efforts of the private rescue operation.The commitment shown by MOAS in saving thousands of lives at sea is an example to all EU States. It is projects like this that will help combat the ‘culture of indifference’ that surrounds the issue of migration on so many fronts Metsola deputy coordinator of European Parliament’s civil liberties committee said.During a tour of the vessel Metsola and PN MP Francis Zammit Dimech also met project director and former AFM commander Brigadier Martin Xuereb.Our focus is on saving lives and on giving survivors the dignity they deserve. We provide even the most basic forms of aid like blankets and baby formulas to the survivors of these terrible wrecks Christopher Catrambone said."No one deserves to die at sea. We need to give people dignity when they reach our backyard. This is Europe's backyard not just Malta's or Italy's but even Germany's and Sweden's."Of the hundreds of persons encountered out at sea the rescue operation also experienced a number of cases where babies were born onboard the ship shortly after the mother would have been rescued.One boy an elevenyearold was sent to face the journey alone because his parents could only pay a oneperson passage.Among several difficult rescue operations Catrambone said on one occasion there had been 331 people – crew excluded – on board the Phoenix. Two rescue operations had been carried out one after each other 35 nautical miles off Libya’s shores.Praising the couple’s efforts Metsola said that the thousands of lives saved by MOAS shined a light on inaction by some EU governments in this respect. She called for a successful holistic approach to migration where any approach must start with saving lives.Inaction risks further tragedies in our seas. EU States cannot shirk their responsibility just because they are not geographically in the Mediterranean she said.Zammit Dimech recently appointed spokesperson on migration reiterated the call for a European solution: Too many people have lost their lives crossing the Mediterranean. This is a European issue that requires a European solution.As a privatelyrun mission MOAS needs to raise funds to continue its operation. Although it is currently not in operation the team is working hard to raise funds. Our focus is on raising funds and finding the necessary partners to be able to ensure sustainable operation this year. The response has been phenomenal and we have already collected more than € 60000 from the general public the brigadier said.Men had residence documents issued by Italian authorities and availed themselves of their right to free movement A police raid early this morning at 6:30am led to the arrest of eight irregular migrants who were living out in the open in Hal Far using the huge asbestos pipes that have been for years out in the nearby fields as their shelter.Police said that the men had official documents issued by the Italian authorities and had travelled to Malta via catamaran from Sicily. Because they were living close to the Hal Far open centre it is understood that the migrants living at the centre may have also provided them with food.Five men were of Ghanian nationality and two others were Togo nationals. Another man was a Spanish national. Their documents were verified by the police."Since these men have no means to sustain themselves and are living rough the Immigration Police is preparing to deport them back to the country where their residence permit was issued from. They are currently in police custody."During the raid the police found small cookers clothes and sheets.The recent announcement that this year the Maltese government will be launching a national policy on the integration of migrants is very welcome. Photo: Jason Borg The Catholic Church today celebrates the World Day of Migrants and Refugees. The commemoration aims at increasing awareness of the phenomenon of migration as contemporary movements represent the largest movement of individuals if not of peoples in history. Indeed in our time one person in seven is an international 240 million or internal migrant 700 million. Not all of them escape lifethreatening conditions but many of them do. Having faced ever new and challenging situations during its millennial history the Church knows that migration poses fresh challenges not only on account of its magnitude but also for the various social economic political cultural and religious problems it gives rise to. The role the Church has identified for itself in the situation is reflected in the theme chosen for this year’s celebration: Church without frontiers Mother to all. This role includes the duty to make efforts to ensure that the dignity and the centrality of the human person is protected to actively promote more creative and concrete forms of solidarity acceptance and protection and to encourage effective dialogue between peoples. With this in mind the Church continues to strive to understand the causes of migration to work towards overcoming its negative effects and to maximise its positive influence on the communities of origin transit and destination. The reality of migration given its new dimensions in our age of globalisation needs to be approached and managed in a new equitable and effective manner; more than anything this calls for international cooperation and a spirit of profound solidarity and compassion says Pope Francis in a message for today’s occasion. As the surge in the number of recent conflicts has produced new waves of asylum seekers and displaced people there is an increasingly urgent need to intensify the efforts to promote a gradual reduction in the root causes of migration that cause entire peoples to abandon their homelands. States and their people cannot risk becoming indifferent to human tragedy Forced migration due to persecution conflicts terrorism and other tragedies takes the form of fleeing for salvation often involving dangerous or lifethreatening journeys which may nonetheless offer the only option for reaching a country where protection and the possibility of a dignified life can be found. Many people in these conditions very often become ex­tremely vulnerable and in their search for protection become easy prey to smugglers and traffickers. The Church is therefore appealing to States to respond effectively to the recognition of the need for protection to restore human dignity to those who need it and to treat the causes of forced mobility by cooperating in a spirit of international solidarity. In the social doctrine of the Church the theme of human dignity derives from the recognition that all human beings are created in the image and likeness of God. Religious ethnic social or cultural variables citizenship or lack of it do not change this fact that gives any individual an inherent and immeasurable worth and dignity to the point that each human life is considered sacred. Emigration when it is a response to the need of survival from extreme poverty and hunger from threats to life from generalised violence and similar conditions cannot be prevented. States and their people therefore cannot risk becoming used to or indifferent to such human tragedy. The principle of human dignity implies that the vital needs of the person have to be assured. Pope Francis said that migrants and refugees are not pawns on the chessboard of humanity. They are children women and men who leave or who are forced to leave their homes for various reasons who share a legitimate desire for knowing and having but above all for being more. In this context the recent announcement that this year the Maltese government will be launching a national policy on the integration of migrants is very welcome. Such a policy should prove to be another important step in the solidarity response our small nation has endeavoured to design build and sustain over the past years to provide international protection to those who need it and reach our shores. [email protected] Charles Buttigieg was the first Refugee Commissioner in Malta.Dinghy carrying 87 SubSaharan migrants rescued by Armed Forces of Malta • Migrants quarantined for Ebola • Eight migrants hospitalised one passes away • Three ebola tests come back negative Migrants screened for Ebola upon arrival • Video by Chris Mangion @Armed_Forces_MT rescuing 80 immigrants on a distressed dinghy off #Malta coast. Another 20 reported dead and thrown at sea during crossing. — Joseph Muscat @JosephMuscat_JM January 22 2015 A migrant passed away at Mater Dei Hospital this afternoon after having been rescued by the Armed Forces of Malta. The migrant was among a group of eight who were transferred to Mater Dei Hospital. Three of the migrants were in critical condition.A spokesperson for the health ministry has also confirmed that ebola tests carried on three migrants at Mater Dei Hospital came back negative.The third result was confirmed late in the evening.A dinghy carrying 87 subSaharan migrants arrived at Haywharf this morning at around 10am after it was intercepted by the Armed Forces of Malta off the coast of Malta.The migrants who are claiming to be from Burkina Faso Mali the Ivory Coast and Guinea are all male and are believed to have departed from Libya before being intercepted off the east coast of Malta. According to information relayed by the migrants the dinghy had originally been carrying around 100 people on board but 20 are feared dead. In a tweet Prime Minister Joseph Muscat said that the dead are said to have been thrown at sea during the crossing.Addressing a press briefing this afternoon at Mater Dei Hospital Charles Mallia Azzopardi who heads the Ebola Response Unit explained that even though the risk of Ebola is extremely low all precautionary measures were taken.Azzopardi explained that 84 migrants have been quarantined at Hal Far detention centre to be treated for Ebola. Even though none of the migrants are showing any symptoms of Ebola the migrants will remain in quarantine for 21 days the duration of Ebola’s incubation period.An additional three migrants have been hospitalised where they were certified to be suffering in critical condition due to severe dehydration. They were also tested for Ebola.Mallia Azzopardi explained that Ebola screening was carried out after one of the migrants declared that he is from Guinea. In addition he explained that authorities could ignore claims by the migrants that 20 others had perished.The migrants who arrived this morning at around 10am after spending an unspecified amount of days crossing the Mediterranean Sea appeared weak as they disembarked off the AFM vessel. Despite arriving at Haywharf at around 10am safety precuatons meant that the disembarkation had to wait until 12:30pm.For the first time since the deadly Ebola outbreak across West and Central Africa the migrants were screened by health authorities. AFM personnel wore full Ebola protective suits while a decontamination tent was also set up. A spokeswoman for the home affairs ministry underlined that these were only precautionary measures and that there was no cause for alarm.Members of the media are also being kept away from the ordinary safety distance as a precaution.Migrants were provided with blankets and water while on board the AFM vessel.An AFM vessel has towed the migrants' dinghy to shore while additional vessels have been deployed in search for any bodies in the area.AFM personnel remained in constant contact with the Italian military and the health authorities on safe distance procedure.The AFM had been monitoring the situation for the past hours and after ongoing communication with their Italian counterparts it was decided that due to their safety the migrants should be brought to Malta. 0 PrintEmail Thursday January 22 2015 08: 43 Update 4: Migrant dies after rescue another two critical Ebola tests are negative 20 migrants reports to have perished at sea Video Mark Zammit Cordina Photo: Mark Zammit Cordina Photo: Mark Zammit Cordina Photo: Mark Zammit Cordina Last updated 5.50p.m. A migrant has died at Mater Dei Hospital hours after being rescued this morning. The man was in a group of 87 migrants picked up from a drifting dinghy some miles off Mellieha. Three were found to be in critical condition having swallowed sea water after suffering dehydration. They were rushed to hospital where one of them passed away. Another five migrants were also taken to hospital for urgent medical care. The migrants all men said their group had originally consisted of 100 people but 20 perished during the voyage. No bodies were found on the boat or at sea. The migrants claimed to be Burkina Faso Mali Guinea and the Ivory Coast. They said they started their trip from Libya and had been at sea for days. After rescue by a patrol boat the migrants were taken to Haywharf the AFM maritime base where they were received by AFM personnel in biohazard suits because of the risk of Ebola. Disembarkation started about three hours after the patrol boat arrived with officials having awaited the arrival from Mater Dei Hospital of a decontamination tent which was set up purely as a precaution. A Health Ministry spokeswoman insisted that there was no cause for alarm. The migrants have now been moved to Safi Detention Centre where they are being held in quarantine monitored by the AFM and public health authorities. Those in hospital were immediately tested for Ebola. The tests were negative. Ebola has a threeweek incubation period and the risk that the migrants carry the disease is low especially considering that the migrants spent time in Libya before heading over to Malta the spokeswoman said. The rescue was the first in several months and came at a time when the number of migrants in detention had slipped to a low of just 29. At one time there were over 2000.Concern on petrol prices increases by 10 points Despite a lull in migrant arrivals before last Thursday concern on immigration has risen by four points since November. 2014 saw the number of migrants reaching the Maltese coast decreasing from 2008 in 2013 to 568 in 2014.Despite decreasing numbers immigration has overtaken traffic which was the top concern in the November survey. Concern on traffic remains high but has declined by seven points since November when it peaked at 23%.Respondents were asked to mention the two main problems facing the country.The biggest percentage point increase over November was registered by respondents mentioning petrol prices as a major concern. Concern about petrol prices has risen from 0% in November to 10% now. Concern on petrol prices is just two points lower than that on the cost of living.The survey was conducted before the PN launched its fuel website which claims to calculate the amount the government ‘steals’ every time people buy fuel.Despite the absence of any boat arrivals in the past months concern on migration has gone up by eight points since March 2014.The survey shows that concern on traffic has gone down from the record levels registered in November but remains substantially higher than in March.While in March only 7% mentioned traffic as one of the two main problems facing the country the percentage has now risen to 16%.Moreover 4% and 8% of respondents mentioned roads and public transport respectively as their main concerns.The survey shows that 28% of respondents mentioned at least one issue related to transport.On the other hand the survey shows concern on jobs falling from 21% in March to just 7%. This suggests that most Maltese do not consider unemployment much of a problem reflecting statistics showing an increase in employment figures.Concern about the cost of living has been stable at 12% over the past year.In the wake of delays on the new power station concern on energy issues had also shot up from 3% in March to 7% in November. But concern on energy issues has now fallen back to 2%.Concern on the environment mostly on development issues has remained stable at five points slightly higher than in November but three points lower than in March 2014.Labour voters are more likely to be concerned about traffic and immigration but are less likely as PN voters to be concerned with petrol prices.Immigration tops the concern list of both PN and PL voters.But while 21% of PN voters list migration between their top two concerns 33% of PL voters do likewise.Concern on traffic is also six points higher among PL voters.One reason for this could be that PL voters are less likely to mention problems which can be blamed on the government of the day. Problems like roads traffic and to a certain extent migration are not directly attributable to the present government.On the other hand only 4% of PL voters are concerned by higher fuel prices. But the percentage rises to 18 points among PN voters.This suggests that PN voters are more susceptible to PN propaganda on this issue.But concern on fuel prices is also high among undecided respondents 16% of whom list higher petrol prices as a major concern.Respondents with a post secondary level of education those who continued studies after secondary level but did not go to university are the most likely to be concerned by rising petrol prices.Disgruntlement among this category may be bad news for the government. For it was within this category that a major shift towards the PL occurred before the 2013 general election.Among this category fuel prices are seen as a major concern by 14% and are only second to immigration. Concern on petrol prices is also high among the university educated 13% but lower among those with a secondary and primary level of education 7%.Concern about traffic is highest among the university educated 23% while that on the cost of living is highest among those with a primary level of education 18%. Concern on immigration is highest among respondents with a secondary level of education 31% and lowest among those with a university level of education 16%. Concern on immigration is also particularly high among those with a post secondary level of education 27%.Methodology 762 respondents were contacted by telephone between Wednesday 7 and Tuesday 13 January. The survey was stopped when a 500quota sample was reached.Respondents were told that MaltaToday was conducting the survey. Its results were weighted to reflect the age and gender balance of the population.The survey has a margin of error of +/ 4. 4%. Respondents were asked how they voted in the 2008 and 2013 elections.The need for an integrated European approach to counter terrorism was highlighted today by Home Affairs Minister Carmelo Abela during the Informal Justice and Home Affairs council in Riga. The minister referred to the recent terrorist attack on the Corinthia Hotel in Tripoli and said that instability in the Mediterranean led to a threat to European security. The ministers also discussed migration flows particularly in view of the challenges posed by the emerging trend of smugglers using larger vessels to transport migrants. Mr Abela emphasised Malta's role on the issue of irregular migration starting from search and rescue and stressed the need for EU states to work together including in the return of irregular migrants. He also underlined the need for relocation of beneficiaries of protection. A joint statement underlining the ministers’ united determination to combat terrorism was adopted at the end of the session. The ministers agreed to intensify the implementation of already agreed measures while also identifying additional measures that would contribute to the fight against terrorism.Project ENTER starts ICT training courses at Marsa open centre for residents and staff. Project ENTER starts ICT training program • Video by Ray Attard The Malta Communications Authority MCA in collaboration with the Foundation for Shelter and Support to Migrants FSM is providing training in ICT for the staff and residents of the Marsa open centre. The training is aimed at facilitating social inclusion and employability and it will focus on teaching residents how to use the internet prepare a CV and look for jobs.Our desire is to see you succeed and become independent so as to pursue with your families and loved ones your dreams and aspirations’’ said Alexander Tortell Head of the Agency for Welfare and Asylum Seekers addressing some of the residents present at the launch of the programme.Education projects within the Open Centre had started over four years ago and they included courses in Cultural Orientation English Language First Aid and Food Handling and Hygiene which aimed to provide migrants with the necessary skills to enter the workforce.Dr Ahmed Bugri Managing Director of FSM said: The Marsa Open Centre is a transitory place for asylum seekers and refugees needing temporary assistance until they are able to move in the community and access mainstream services.Bugri said that the centre which has a bed capacity of 450 residents is focusing on offering residents with the necessary support including educational courses and health and psychological support to be able to integrate with society.The FSM believes that education is an important tool for the personal development empowerment and social inclusion of migrants into Maltese society and in Europe at large he added.Parliamentary Secretary for Competitiveness and Economic Growth Jose Herrera said that integration for good quality of life is "essential". He added that it is a two way struggle with society and the government being obliged to do their best to integrate migrants into society and migrants needing to try their best to follow courses to enter society.The ICT training course at Marsa Open Centre is part of project ENTER a wider government initiative that targets ICT in all of Malta. In his speech Herrera said that the MCA had been working on reducing the digital divide and increasing social inclusion through ICT.Project ENTER which is cofinanced by the EU is an important step in the fight against the digital divide. We need to look into the respective niches of our society and address these on a case by case basis in order to address their individual requirements. Our immigrants are but one niche which we are targeting.Herrera said that the percentage of people in Malta who have never used the Internet fell from 28% in 2013 to 25% in 2014 and although this was encouraging Malta was still lagging behind the EU average of 15% which means that government must continue to fight the digital divide.Italy's Mare Nostrum operation which ended some weeks ago had served as a deterrent to terrorists wanting to enter Europe by posing as irregular migrants Italy's under secretary responsible for intelligence Marco Minniti told a parliamentary committee yesterday. "Migrant flows may be a channel for terrorist infiltration but there are no specific signals that this is taking place" Minniti was reported by Ansa as telling a meeting which was discussing the EU Schengen area. "When there was Mare Nostrum this was a deterrent because it was difficult for them to blend in if they have to pass through Navy ships" he said. Mare Nostrum had been blamed by critics in Italy for encouraging the flows of migrants from North Africa and increasing the risk of Islamist terrorist being among them. Ansa however also quotes a report appearing in unidentified Libyan media saying ISIS is focusing on Libya as a means to get to Europe among irregular immigrants. ISIS is reported to have said If we can take advantage of this channel the situation in these countries will turn into a living hell. The report has yet to be verified as authentic.EU leaders ‘too willing to sideline human rights’ at home says Human Rights Watch in 2015 report European Union leaders during 2014 were too often willing to sideline human rights at home when expedient in a year marked by success for populist and Eurosceptic parties in European Parliament elections and beyond Human Rights Watch said today in its World Report 2015 Europe is still a place of exclusion discrimination and suffering for so many said Benjamin Ward deputy Europe and Central Asia division director at Human Rights Watch. Until EU leaders are prepared to consistently act in accordance with the Union’s stated values that picture isn’t going to change.Executive Director Kenneth Roth urged governments to recognize that human rights offer an effective moral guide in turbulent times and that violating rights can spark or aggravate serious security challenges. The shortterm gains of undermining core values of freedom and nondiscrimination are rarely worth the longterm price Roth said.The horrific attacks of January 7 to 9 in Paris on the satirical magazine Charlie Hebdo police officers and people in a Kosher supermarket that left 17 people dead heightened concerns about terrorist attacks in Europe as well as new counterterrorism measures that restrict freedom of movement association and expression.The antiSemitic nature of the supermarket attack a subsequent wave of Islamophobic violence in France and rampedup rhetoric from rightwing parties in a number of EU countries underscored rising intolerance in Europe and its manifestation in violence and discrimination against Muslims Jews and other minorities Human Rights Watch said.A May gun attack at a Jewish museum in Brussels that killed four people was part of a disturbing pattern of antiSemitic violence and hate speech in the EU in 2014.The EU Fundamental Rights Agency FRA released findings in October that Roma women are disproportionately affected by widespread discrimination social exclusion and deprivation experienced by Roma across the EU. In a blow to women’s right to personal autonomy and religious freedom the European Court of Human Rights in July upheld France’s 2010 ban on the Muslim fullface veil.The EU’s response to increasing arrivals of migrants and asylum seekers was disappointing with efforts largely focused on border enforcement and preventing departures. Other EU member states criticized Italy for rescuing tens of thousands of boat migrants in the Mediterranean. Its massive naval operation was replaced by a much more limited operation by the EU external borders agency Frontex at the end of the year. This raises concerns that the death toll in 2015 will surpass the estimated 3000 people who perished in the Mediterranean in 2014 HRW said.While the EU is a key humanitarian donor to the Syrian crisis with the exception of Germany it showed little willingness to resettle significant numbers of refugees from Syria.Asylum seekers generally faced significant gaps in protection including substandard reception conditions in Italy Greece France and Bulgaria and routine detention of migrants and asylum seekers including children in some cases. There were reports throughout the year of summary returns and excessive use of force by border guards in Bulgaria Greece and Spain .Computer literacy courses are being offered to migrants living at the Marsa Open Centre in a bid to help them enter the local job market. The courses are being coordinated by the Malta Communications Authority in collaboration with the Foundation for Shelter and Support of Migrants which runs the Marsa centre. Ahmed Bugri who heads the foundation said some 300 students were currently participating in ICT courses which ranged from a basic introduction to IT skills to advanced ecommerce. Computer literacy Dr Bugri said was an essential tool for helping migrants enter the Maltese work force and improve their quality of life. This he added would ultimately benefit Maltese society at large. Educational programmes at the Marsa centre started four years ago and include courses in cultural orientation food handling which is aimed at helping migrants enter the tourism sector and English language.Maltese society has a moral obligation to help migrants integrate and failing to do so would be nothing less than bigotry Parliamentary Secretary José Herrera said yesterday. We all have the responsibility to help migrants form part of our society. This needs to be reinforced if the situation is to improve he said. Dr Herrera was making a call for renewed efforts to educate migrants on what it means to be Maltese in an attempt to bridge the gap between Maltese society and the migrant population. I am sure that if we teach migrants about Maltese culture – what it means to be Maltese who our forefathers were what a festa is how our political system works and so on – we will bridge the gap that is stopping many migrants from integrating he said. Dr Herrera was speaking during a press conference unveiling new computer literacy courses being offered to migrants at the Marsa Open Centre.Home Affairs Minister calls for integrated approach to counter terrorism. Minister for Home Affairs and National Security Carmelo Abela participated in the Informal Justice and Home Affairs Council in Riga Latvia where EU Home Affairs ministers discussed measures aimed at further enhancing the fight against terrorism and the phenomenon of foreign fighters.Abela emphasized the need for more information exchange between member states and the better use of existing tools to rapidly trace firearms.He also referred to the recent terrorist attack that occurred at the Corinthia Hotel in Tripoli Libya highlighting the need for an integrated approach to counter terrorism.Instability in the Mediterranean leads to a threat for European security he said.Abela said Malta was open to discuss necessary actions on the Schengen Code but no rushed decision should be taken.Over lunch ministers discussed migration flows particularly in view of the challenges posed by the emerging trend of smugglers using larger vessels such as ships to transport migrants. Abela emphasized Malta’s role in search and rescue and stressed the need for EU states to work together on this issue as well as on the return of irregular migrants. He also underlined the need for relocation of beneficiaries of protection.Head of Malta’s EP office Peter Agius says MEPs play a critical role in raising the Union’s attention to its role in Libya Maltese members of the European Parliament play a critical role in raising the European Union’s attention to its role in Libya and have been active in doing so Peter Agius head of the European Parliament office in Malta said.The recent terrorist attack on the Corinthia hotel in Libya reminds us of the fragile situation in this neighbouring country. The Maltese ownership of the hotel marks an additional level of proximity Agius said.During a lecture held at Europe House last December Ahmed El Senussi the 2011 Sakharov Prize Laureate spoke of the extent of the current instability in Libya.Above all he pointed out how this would undoubtedly have an adverse effect on Malta. El Senussi also pointed out that Malta is a sincere friend to the Libyan cause and can promote solutions thanks to its credibility Agius said.Ahead of the two Plenary Sessions held in January Pier Antonio Panzeri an MEP aligned with the Socialists & Democrats party and the chair of the delegation for relations with the Maghreb countries stated that ''Libya is at risk of becoming a failed state'' facilitating illicit activities such as the presence of terrorist cells as well as perpetuating the issue of irregular migration due to conflicts within the Middle East and North African countries.The issue of terrorism within and outside of our borders has also been tackled by the Maltese MEPs.Labour MEP Miriam Dalli said that the EU is underestimating the risk of IS militants infiltrating Europe's shores. PN MEP Robert Metsola suggested that a new passenger name record system would help increase citizen safety since this would lead to a higher degree of harmonisation and sharing of information between Member States.During the January debates of the European Parliament plenary session Dalli said that whilst the EU has at times focused a lot of energy on its Eastern borders such focus came at the detriment of relations with its Southern neighbours.She said that it was is time to reverse these trends to promote a better wellbeing for the Libyan citizens. Some 400000 people are believed to have been displaced as a result of the ongoing conflict.Echoing Dalli’s comments Labour MEP Marlen Mizzi recently criticised the agenda as set out by the Latvian Council Presidency which focuses on the EU's Eastern borders at the detriment of issues faced by Southern European countries.With particular reference to Libya MEPs commended the UNchaired Geneva conferences as a positive first step that would hopefully lead to the reconciliation between the different factions present in Libya.Whilst political debates are of outmost importance the peacekeeping initiative led by the United Nations is also highly significant with Italy agreeing to spearhead such an initiative under the guidance of the United Nations.The Maltese EP office said that improved conditions in Libya would also impact Malta Italy and other Mediterranean countries due to the relevance that this crisis has on immigration.A strong government and legal enforcement force is necessary to nip the rising of a new phenomenon that of ghost ships.PN MEPs Roberta Metsola and Therese Comodini Cachia spoke of the importance of tackling this challenge. With ghost ships hundreds of migrants are being forced on boats which are no longer seaworthy and are allowed to drift in the Mediterranean without any crew present to guide these boats towards a safe port.Lebanon reinforces restrictions with new visa rules Today marks the day where new restrictions come into force for Syrian refugees.The unprecedented move by the Lebanese government means that Syrian refugees will have to fulfil certain criteria in order to be given a visa and enter the country. Before this move Syrians were automatically allowed to stay in Lebanon for up to six monthsThis step is aimed to curb the influx of refugees into the country with the registered refugee population standing at a whopping 1. 1 million. There are a further 300000 unregistered refugees who will be greatly effected by these measures. It is in fact unclear exactly what these new restrictions will mean for Syrians already in the country and for unregistered refugees.The United Nations High Commissioner for refugees has expressed concern at the lack of clarity of these new rules.Groups supporting and opposing the antiIslam group have held rival rallies across Germany The Patriotic Europeans Against the Islamization of the West" or Pegida have held protests throughout the country since back in October and their rallies have gained both popularity and supporters over time. The group is canvassing against what it has started calling the ‘Islamisation’ of Europe.The group has been condemned by senior German politicians and it has also garnered counter demonstrators who favour a message of peace and tolerance. The Chancellor of Germany Angela Merkel has condemned the group however the group seems to be gaining in popularity as time goes by.A poll of just over 1000 people carried out by German magazine Stern revealed that a shocking one in eight Germans would join an antiIslam march if Pegida organized one near their homes.The organiser for Pegida Kathrin Oertel has said that the country has once again been plunged into an era of political repression: "Or how would you see it when we are insulted or called racists or Nazis openly by all the political mainstream parties and media for our justified criticism of Germany's asylum seeker policies and the nonexistent immigration policy?"The group is protesting against the fact that the country receives more asylum seekers and refugees than any other EU country.German police officers watching as members of Berlin’s section of antiimmigration movement Patriotic Europeans Against the Islamisation of the West Pegida prepared to demonstrate in Berlin yesterday. Photo: Reuters Chancellor Angela Merkel said yesterday she had a duty to protect the right to demonstrate in Germany regardless of the issue and offered federal security support after an antiIslam march was cancelled because of a terrorist threat. Police in the eastern city of Dresden banned all outdoor public gatherings yesterday including one by the Patriotic Europeans Against the Islamisation of the West Pegida a group that attracted 25000 people to its rally last week. The weekly Pegida demonstrations began last October as a local protest against the building of new shelters for refugees and have been growing in size. Prominent members of a rising rightwing party Alternative for Germany AfD are considering associating the AfD with Pegida. However countermarches have taken place across Germany with far larger numbers and Merkel has condemned the group in unusually strong language as racists with hatred in their hearts. But at a press conference yesterday she defended the right to protest: Such a precious principle has to be protected. That is why everything will be done... to ensure that the freedom to demonstrate is secured everywhere in Germany. German Chancellor makes statement after antiIslam march was cancelled following threat She offered federal help if requested to the regional state authorities who are responsible for policing. Pegida leaders said yesterday they would not allow themselves to be muzzled and would plan a rally for next week in conjunction with security officials. The threat wasn’t just against me it was also an abstract threat to the demonstration and we have a duty to protect people said Pegida leader Lutz Bachmann. Security authorities said last Friday they had specific warnings of a risk of militant attacks on central railway stations in Berlin and Dresden. Local police citing information from Germany’s BKA federal crime bureau then said assassins had been called up to mingle among the Pegida protesters and murder one of the leaders. Pegida leaders deny they are racist and say they distinguish between the secular majority among Germany’s four million Muslims and those trying to spread Muslim values.The leader of a German organisation against the perceived "Islamisation" of Europe stepped down after online posts surfaced in which he used derogatory language to refer to refugees and posed looking like Adolf Hitler. Lutz Bachmann cofounder of the Patriotic Europeans against the Islamisation of the West or PEGIDA announced his departure on Facebook. It followed German media publishing the comments where he called refugees "cattle" and "filthy" and a photo showing him with a Hitler moustache and hair combed over like the Nazi Fuehrer. Mr Bachmann did not comment directly on the picture but apologised for the antirefugee comments which he made online in September a month before the group staged its first protest. "I earnestly apologise to all citizens who felt attacked by my postings" he said on the group's Facebook page. "They were illconsidered comments that I wouldn't make in this way today" he added expressing regret for harming the movement which has taken pains to distance itself from neoNazi groups. The group has staged weekly demonstrations in the eastern city of Dresden that reached their peak last week drawing 25000 people. This week's planned rally was cancelled after police said authorities had monitored a Tweet calling for one of the organisers to be killed. PEGIDA's spokeswoman Kathrin Oertel said the Hitler picture had been satire but Mr Bachmann's comments about refugees and others he made about German politicians had not "contributed to the trustworthiness" of the group. Bild newspaper quoted Mr Bachmann as saying he had posted the Hitler picture on his Facebook page apparently some time ago as a joke. "One has to be able sometimes to make fun of oneself" he said. If it was a joke nobody was laughing. "Anyone in politics who poses as Hitler is either a total idiot or a Nazi" vice chancellor Sigmar Gabriel told Bild taking the opportunity to reiterate the government's call for people to stay away from PEGIDA's demonstrations. A protest staged by a separate group in the eastern city of Leipzig met violent counterdemonstrations yesterday. Police said some among the 20000 counterprotesters tried to break through barriers protecting the route where about 15000 supporters of the group calling itself LEGIDA were marching.

Ancora un mercantile carico di migranti all'apparenza abbandonato dall'equipaggio è alla deriva nello Ionio in acque 'Sar' ricerca e soccorso italiane a circa 80 miglia da Crotone. L'allarme è scattato nel pomeriggio e sono in atto i soccorsi coordinati dalla Guardia costiera per portare a bordo del cargo del personale in grado di riprenderne la guida e condurlo in porto. Sulla nave ci sono circa 400 persone.Il mercantile 'Ezadeen' lungo una sessantina di metri e battente bandiera della Sierra Leone è stato individuato da un aereo delle Capitanerie di Porto a circa 80 miglia ad est di Crotone. Via radio una persona non identificata da bordo ha detto che l'imbarcazione è stata abbandonata dall'equipaggio e che naviga senza guida al timone. A bordo ha riferito la voce ci sono circa 400450 persone tra cui bambini e donne incinta.La velocità di navigazione era di circa sette nodi prima che si verificasse il black out generale che avrebbe fermato anche i motori. Le condizioni del mare forza 4 e del tempo non sono buone con un vento che soffia da est/nordest. Il coordinamento delle operazioni di soccorso è stato assunto dalla centrale operativa di Roma della Guardia costiera che come già nel caso della petroliera attraccata l'altra notte a Gallipoli ha attivato gli interventi d'urgenza per evitare in primo luogo che la nave potesse concludere il suo viaggio sulle scogliere.Subito è stato chiesto e ottenuto l'impiego della nave islandese Tyr della missione Frontex che ha intercettato il mercantile intorno alle 18 50. Le difficili condizioni meteo marine la mancanza dell'equipaggio a bordo e la velocità del cargo non hanno però consentito l'abbordaggio da parte dell'equipaggio della Tyr. La Guardia costiera ha quindi invato un elicottero con una squadra che dovrà calarsi a bordo del cargo e assumerne il controllo: si tratta di sei uomini delle Capitanerie di Porto di Taranto e Gallipoli che verranno calati sul mercantile con un elicottero dell'Aeronautica Militare. Un HH 139 conferma l'Aeronautica Militare è partito dall'aeroporto di Gioia del Colle per soccorrere la nave cargo Ezadeen attualmente ferma per un black out a circa 40 miglia a largo di Capo di Leuca. A causa delle difficili condizioni meteorologiche la nave può essere raggiunta solamente per via aerea. L'elicottero dell'84mo Centro SAR Search and Rescue sta trasportando tre operatori della Capitaneria di Porto per mettere in sicurezza la nave. Successivamente prosegue la nota dell'Aeronautica preleverà da una nave della Guarda Costiera islandese impegnata nelle operazioni Frontex tre medici che si occuperanno delle cure alle persone a bordo. L'elicottero raggiungerà poi Galatina LE per caricare a bordo altri tecnici da trasportare sulla Ezadeen.La vicenda sembra confermare il copione già visto nel caso della Blu Sky M: l'allarme dato via radio equipaggio 'scomparso' centinaia e centinaia di persone lasciate in balìa del mare. Anche stavolta gli inquirenti dovranno verificare se gli scafisti di turno siano realmente fuggiti o se come avvenuto sul cargo sbarcato a Gallipoli si siano solo nascosti tra i profughi sperando di farla franca. Hanno cercato di confondersi tra centinaia di disperati. Ma gli investigatori del pool antiimmigrazione clandestina della provincia di Lecce sono riusciti ugualmente a identificarli: il comandante e tre membri dell'equipaggio della Blu Sky M nave moldava che il 30 dicembre stava andando a schiantarsi contro le scogliere del Capo di Leuca con il suo carico di 797 migranti. Il cargo a cui erano stati manomessi i comandi e inserito il pilota automatico e viaggiava a nove nodi verso le falesie del Salento è stato salvato dai militari della Guardia costiera coordinati dal comandante Attilio Daconto che ne hanno preso il comando dopo essere stati calati sul ponte da un elicottero della Marina e uno dell'Aeronautica.La nave è stata quindi condotta nel porto di Gallipoli e 130 passeggeri tra cui 35 bambini e una decina di donne incinte ricoverati in ospedale per ipotermia fratture e disidratazione mentre quelli che sono risultati in buone condizioni di salute sono stati sistemati in tre scuole cittadine. Tra aule e palestre sono state effettuate le procedure di identificazione nonché gli interrogatori che hanno permesso di appurare che l'equipaggio non era fuggito dalla nave ma si trovava ancora in mezzo al gruppo.In un inutile tentativo degli scafisti di confondersi con gli altri. La possibilità che avessero lasciato il cargo partito dalla Turchia era stata ripetutamente ventilata dalla persona che nel pomeriggio di martedì aveva parlato via radio con la Guardia costiera raccontando di una fuga avvenuta tramite una piccola imbarcazione nei pressi delle isole greche. Affermazione a cui gli investigatori non hanno evidentemente creduto riuscendo infine a scovare gli scafisti compreso il comandante e ad arrestarli con le accuse di favoreggiamento e sfruttamento dell'immigrazione clandestina.Tutti e quattro sono stati trasferiti nel carcere di Lecce mentre la Blu Sky M si trova tuttora sotto sequestro nel porto di Gallipoli. A bordo sono state trovate molte derrate alimentari ed elementi considerati utili all'indagine coordinata dal sostituto procuratore Antonio Negro ma non armi. Resta da chiarire il motivo per cui gli scafisti abbiano improvvisamente invertito la rotta del cargo che fino alla tarda mattinata del 30 navigava vicino le coste greche anche se dai registri navali la destinazione ufficiale risultava la Croazia. La virata verso la Puglia meridionale insieme alla manomissione dei comandi ha messo in atto un piano suicida che nell'arco di poche ore avrebbe potuto trasformarsi in un'altra strage del mare.Oggi i migranti sono stati in gran parte trasferiti nei centri di accoglienza salentini delle province di Bari Foggia Taranto Bat e in Lombardia Veneto Piemonte e Toscana regioni individuate dal piano di riparto del ministero dell'Interno.Sono pronti a chiedere i danni. Tra i superstiti del naufragio della Norman Atlantic c'è già chi ha affidato mandato agli avvocati di presentare una richiesta di risarcimento: a causadell'incendiohannoperso tutti i propri oggetti personali ma non solo hanno anche subito uno stress emotivo e psicologico che non sarà facile superare. Come è accaduto quindi per il naufragio della Concordia anche quello del traghetto Norman Atlantic sarà oggetto di una class action. In campo c'è già il legale team di Giustizia per la Concordia che punta l'indice tra l'altro contro il Rina il registro ministeriale per non aver fermato la nave dopo l'ispezione del Paris Mou.In queste ore negli uffici della procura di Bari che coordina l'inchiesta per accertare cause e responsabilità del disastro stanno elaborando la lista delle perone offese di coloro cioè che hanno subito un danno dal naufragio. Ci sono ovviamente i familiari di coloro che hanno perso la vita come i due camionisti napoletani Giovanni Liccardo e Michele Liccardo. I loro parenti hanno nominato come legali gli avvocati Davide Bellomo e Vita Luigi Torroni che già questa mattina chiederanno al magistrato Ettore Cardinali di poter accelerare i tempi delle autopsie. Le famiglie sono molto provate e aspettano di poter riportare a casa le salme dei propri congiunti spiega Davide Bellomo. Gli accertamenti medicolegali sulle nove salme delle vittime della Norman Atlantic potrebbero cominciare in mattinata.Le vittime accertate sono undici due corpi non sono stati ancora recuperati non c'è invece alcuna certezza sul numero dei dispersi. Stando alla Guardia costiera le persone salvate dal relitto in fiamme sono 477. Questo significa rispetto ai complessivi 499 stimati dai magistrati baresi che ci sarebbero ancora 11 dispersi. Il procuratore capo di Bari Giuseppe Volpe mercoledì aveva parlato di un centinaio di persone che mancavano all'appello non escludendo però che molti di loro potessero trovarsi a bordo di pescherecci diretti in Grecia. E ieri fonti greche hanno parlato di non più di 18 dispersi chiarendo che le liste dei passeggeri in possesso delle autorità italiane risulterebbero gonfiate a causa delle presenza di nomi duplicati o trascritti più volte con una grafia diversa.E poi c'è il giallo dei migranti che potrà essere chiarito soltanto con l'arrivo a Brindisi del relitto del traghetto previsto per la mattinata di oggi quando le stive della nave saranno ispezionate. Tre immigrati sono stati soccorsi e identificati ma tra i passeggeri c'è chi ha raccontato di averne visto anche altri sulla nave.Il viaggio del traghetto finirà al porto di Brindisi. Le operazioni di recupero affidate a due rimorchiatori grazie anche a un miglioramento delle condizioni meteo stanno per concludersi. Quello che vedevamo noi era orribile racconta Luca Zizzi il comandante del rimorchiatore Tenax che ha scortato il Norman Atlantic in arrivo a Brindisi. Il fumo la gente ammassata le fiamme. Era orribile una lotta contro il tempo per salvare delle vite. Quello che è stato fatto aggiunge è incredibile. Il comandante del Norman Atlantic è stato eroico. Come lui lo sono stati anche i membri dell'equipaggio. Noi ascoltavamo le conversazioni via radio. È rimasto lì per tutto il tempo. Continuava a infondere calma a tutti.E intanto Antonio Brizzi segretario generale del sindacato dei vigili del fuoco Conapo solleva il caso degli otto vigili del fuoco partiti domenica mattina da Brindisi a bordo dei rimorchiatori. Le nostre istanze di recupero dei colleghi evidenzia Brizzi hanno trovato immediata risposta al Viminale con una riunione permanente nonostante i particolari giorni di festa. Resta il fatto che la vicenda è paradossale i nostri soccorritori sono stati lasciati inutilmente in mare da 5 giorni. I trafficanti trovano nuove rotte per l'Europa e impiegano nuovi metodi per sfruttare i disperati. La lotta a queste organizzazioni criminali sarà una priorità top nel piano Ue complessivo sulle migrazioni. Così il commissario all'Immigrazione Dimitris Avramopoulos sui migranti alla deriva a bordo delle navi Ezadeen e Blue Sky M E' superfluo affermare che la lotta contro la tratta degli immigrati sarà una priorità nell'approccio globale alla migrazione. Ci sarà un piano strategico che sarà presentato a tempo debito. Andremo avanti con impegno e determinazione. La dichiarazione pubblica da Bruxelles di Avramopoulos è decisa. Mi congratulo con la Guardia costiera italiana e Frontex che nel quadro dell'operazione congiunta Triton hanno salvato centinaia di migranti in difficoltà. Questi eventi sottolineano la necessità di un'azione a livello Ue decisa e coordinata. Gli scafisti stanno trovando nuove rotte verso l'Europa e stanno impiegando nuovi metodi per sfruttare persone disperate che cercano di sfuggire a un conflitto o alla guerra. Pertanto abbiamo bisogno di agire contro queste spietate organizzazioni criminali. Non dobbiamo permettere ai contrabbandieri di mettere a rischio la vita delle persone in vecchie navi abbandonate.Proprio questa mattina si sono concluse nel porto di Corigliano Calabro le operazioni di sbarco dei migranti siriani dal mercantile Ezadeen soccorso giovedì pomeriggio al largo della costa calabrese dopo che l'equipaggio aveva abbandonato i comandi. Complessivamente sono giunte 360 persone tra le quali 232 uomini 54 donne e 74 minori 8 dei quali da affidare perché non accompagnati da adulti. Questi ultimi 8 sono stati temporaneamente affidati alle cure di una casa famiglia di Corigliano in attesa di decidere dove trasferirli FOTO .Le condizioni dei migranti sono complessivamente buone e non sono stati necessari ricoveri in ospedale. Una volta a terra i migranti sono stati nutriti e visitati dai medici del 118. Dalle prime indicazioni e dallo stato complessivo delle persone che erano a bordole forze dell'ordine ritengono che la nave abbia viaggiato per pochi giorni prima di essere intercettata al largo della Calabria. Dopo lo sbarco i migranti sono stati trasferiti in centri di accoglienza di varie regioni. Le operazioni sono state coordinate dalla Prefettura di Cosenza. È in porto a Corigliano Calabro in salvo il mercantile Ezadeen che trasportava 360 profughi di nazionalità siriana tra cui oltre 70 minori soccorsi dalla Guardia costiera nel Mare Jonio al largo della costa della Calabria dopo che gli scafisti avevano abbandonato l'imbarcazione.Gli immigrati sono stati portati in alcuni centri di accoglienza dove si procederà alla loro identificazione. Nessuno dei migranti presenta problemi di carattere sanitario.Il bilancio definitivo delle persone arrivate è di 360 tra le quali 232 uomini 54 donne e 74 minori 8 dei quali da affidare perché non accompagnati da adulti. Questi ultimi 8 sono stati temporaneamente affidati alle cure di una casa famiglia di Corigliano in attesa di decidere dove trasferirli.L'Aeronautica militare italiana aveva portato a bordo della nave in difficoltà personale della Capitaneria di porto e della Guardia costiera con il compito di assumere il controllo e mettere in sicurezza la nave. Dopo essersi fermato in mezzo al mare avendo esaurito il carburante il cargo è stato preso al traino dalla nave islandese di Triton.. Sono acquistate a poche centinaia di migliaia di dollari e abbandonate dagli scafisti in vista delle coste italiane dopo aver fruttato guadagni milionari ai trafficanti di esseri umani: è il trend delle navi 'fantasma' come è il cargo Ezadeen lasciato dall'equipaggio a 40 miglia al largo di Capo Leuca: È il terzo caso che registriamo in queste ultime settimane di nave abbandonata al suo destino con centinaia di persone a bordo spiega l'Ammiraglio Giovanni Pettorino comandante dei reparti operativi della Guardia Costiera ha fatto emergere questo nuovo modus operandi nelle strategie delle organizzazioni che sfruttano il traffico di migranti. Si tratta spiega Pettorino di mercantili al termine della loro vita operativa carrette del mare acquistate a 100150mila dollari e poi riempite di centinaia di migranti in prevalenza di nazionalità siriana che arrivano a pagare ciascuno anche 6mila dollari per la traversata dalle coste turche alla volta dell'Europa. I trafficanti arrivano così a guadagnare fino a 5 milioni di dollari per ogni viaggio e quindi non hanno alcuna remora ad abbandonare la nave considerando il margine di guadagno assicurato dal business dell'immigrazione irregolare.. Un vero business milionario quello dei migranti in rotta verso l'Europa: secondo l'Organizzazione internazionale per l'immigrazione che ha sede a Ginevra gli immigrati sono costretti a pagare tra 1. 000 e 2. 000 dollari per il viaggio cifra che avrebbe fruttato ben oltre un milione di dollari ai trafficanti che operano su navi come la Blue Sky. Due navi da carico sono state intercettate nei giorni scorsi dalla Marina Militare Italiana cariche di immigrati soprattutto siriani. L'Italia si trova ad affrontare da diversi anni un afflusso crescente di immigrati clandestini che cercano di raggiungere l'Europa dal Mediterraneo a rischio della loro vita.I trafficanti trovano nuove rotte per l’Europa e impiegano nuovi metodi per sfruttare i disperati. La lotta a queste organizzazioni criminali sarà una priorità top nel piano Ue complessivo sulle migrazioni. La dichiarazione del commissario all’Immigrazione Dimitris Avramopoulos arriva dopo lo sbarco in Italia dei migranti alla deriva a bordo delle navi Ezadeen e Blue Sky M. Missione Frontex Il commissario Ue all’Immigrazione elogia la Guardia costiera italiana e Frontex che nel quadro dell’operazione congiunta Triton hanno salvato centinaia di migranti e evidenzia: questi eventi sottolineano la necessità di un’azione risoluta e coordinata di tutta l’Ue. Dobbiamo agire contro i trafficanti scrive in una nota Avramopoulos . Non possiamo permettere loro di porre a rischio vite su navi abbandonate in condizioni meteo pericolose. L’Ue annuncia si muoverà con impegno e determinazione.LE NUOVE sfide del 2015 per chi combatte il crimine? I business mimetizzati nel sociale. E in forte ascesa: Lo sfruttamento dei migranti su cui ho chiesto ai colleghi di focalizzare bene l’attenzione. L’affare delle bonifiche ambientali che comportano il rischio di infiltrazioni . Il procuratore capo di Napoli Giovanni Colangelo traccia il quadro delle priorità nell’ambito della lotta ai clan indica il crescente fattore collusivo tra esponenti borghesi della camorra e settori corrotti della pubblica amministrazione. Colangelo parla anche di Terra dei fuochi. Invita a una consapevolezza più diffusa: Tutti si indignano ma poi chi continua a bruciare i rifiuti nell’hinterland chi inonda gli svincoli autostradali di ingombranti? . E ovviamente guarda a Napoli al degrado delle sue periferie. Di cui l’abbandono trovato nei campi rom è solo un esempio. Nella trincea dell’antimafia napoletana i nuovi nemici non solo soltanto le nuove articolazioni ormai disomogenee ma non meno pericolose dei clan. Dalla capitale del sud dal cuore nero di un distretto giudiziario che spesso ha anticipato emergenze nazionali dal business dei rifiuti alla corruzione negli appalti stiamo focalizzando la massima attenzione anche su altri fronti che non sono nati ieri. Esempi? Il fenomeno dello sfruttamento dei migranti l’affare bonifiche. Giovanni Colangelo disegna il suo 2015 prima di riprendere dopo la breve pausa natalizia la guida di uno dei più importanti uffici giudiziari italiani. Dove restano comunque calde le emergenze su cui costruire avanzate azioni di contrasto: il crimine predatorio il sistema delle cosche le collusioni tra boss imprenditori e Palazzi. Procuratore Colangelo tra boss in carcere e padrini pentiti i clan sembravano diventati una minaccia meno eclatante. Eppure da un lato si spara solo poche ore fa al Pallonetto Santa Lucia. Dall’altro cresce e diventa invisibile la camorra dell’economia sporca della penetrazione nella politica. E dietro l’angolo ci sono le elezioni regionali. Difatti la camorra ha solo cambiato pelle e non da ora. Partiamo dal dato che anche se molti padrini sono ormai rinchiusi in carcere al 41 bis e alcuni capiclan si sono pentiti nessuno si illude che i clan siano meno attivi nel territorio del distretto. Anzi. Abbiamo di fronte frange più giovani spesso più spregiudicate. Tuttavia i fenomeni che ci preoccupano ovviamente non riguardano solo le aggressioni. La camorra non è solo quella che spara al Pallonetto. Chi sono per essere sintetici i nuovi nemici? La camorra che non fa rumore e alleva oltre a spacciatori estorsori killer i quali costituiscono comunque un esercito sia chiaro anche imprenditori e mediatori. E sono questi ultimi che poi cercano il dialogo e l’interlocuzione con la pubblica amministrazione le istituzioni. Sono questi ad alimentare la corruzione su cui a sua volta s’ingrossa il potere criminale. In tutto l’hinterland ne abbiamo tracce per non parlare dei tanti comuni sciolti per infiltrazioni della criminalità organizzata. Ma in una lista 2015 quali sono i nuovi business ? Direi più precisamente che insieme con i colleghi ci stiamo concentrando tra l’altro nell’azione di contrasto allo sfruttamento dei migranti. C’è uno scenario molto variegato con cui fare i conti in cui organizzazioni criminali lucrano sia sugli spostamenti e i trasferimenti di questi stranieri sia sull’impiego della loro manodopera in attività di ogni tipo. Lei si è occupato già in passato del fenomeno. Si può dire che si tratta di un traffico criminale ormai in forte ascesa? Sì in effetti quando ero alla Procura di Bari dopo il 2005 raccogliemmo le prove contro l’organizzazione criminale che utilizzava le nostre sponde per uno dei traffici più odiosi che ci sia. Ma non direi che si trat ta di un nuovo fenomeno: pensiamo alle nostre zone a Castel Volturno. Da quanti anni vediamo che l’emergenza si trascina? . Parliamo di Terra dei fuochi. Il timore è che accanto alla comprensibile rabbia dei cittadini si facciano largo gli appetiti di chi punta alle bonifiche. Difatti: un fondato pericolo. Ma il governo ha promosso un’attività di consultazioni per stabilire le linee guida e il ministero dell’Interno ha coinvolto anche noi tra le principali Procure insieme alla Direzione nazionale. Siamo d’accordo sull’individuazione di criteri rigorosissimi. Ma prima mi faccia dire una cosa: su Terra dei Fuochi vedo tanto sdegno tanti blog. Ma poi com’è possibile che qualcuno continui a sversare continui a bruciare? Penso ad esempio ai nostri svincoli autostradali: inondati di rifiuti. Ai roghi che continuano. Ci vorrebbe però anche un’azione di vigilanza più serrata. Magari un’efficace video sorveglianza o no? Io sono favorevole anche al sequestro immediato del veicolo che ha fatto sversamenti in loco. Sarebbe un buon deterrente. Quanto alle bonifiche in generale mi lasci dire che il rischio è duplice: che la camorra punti agli appalti; ma anche che si intervenga senza bonificare e quindi peggiorando la situazione com’è avvenuto a Bagnoli. A proposito di Bagnoli: la Procura ha nuovamente ottenuto il sequestro dei suoli nomimando come custode il direttore del ministero dell’Ambiente. In questo modo l’autorità giudiziaria non si sostituisce alla politica? Non c’è il rischio della definitiva paralisi? Non credo proprio. Su Bagnoli non a caso è stato scelto il direttore del Ministero. Noi stiamo solo custodendo quei luoghi da eventuali e ulteriori peggioramenti. Noi facciamo un passo indietro appena le istituzioni mettono finalmente mano alla bonifica. Come Procura siete intervenuti nei campi rom degrado e pericoli. E ora: cambierà qualcosa? Noi quello che dovevamo fare di fronte a seri pericoli per incolumità e sicurezza l’abbiamo fatto. Ora speriamo che l’ente locale faccia fino in fondo il suo lavoro. il suo lavoro. Anche nel palazzo della giustizia avete limiti e inefficienze. Processi lunghissimi detenuti che escono. Sì è un altro buon proposito del 2015. Auspico un tempestivo incontro con il nuovo presidente del Tribunale ormai dobbiamo mettere a punto l’agenda delle priorità. I tempi della giustizia sono troppo lunghi abbiamo processi che non finiscono mai.Immagine tratta dalla pagina Facebook Hanno nomi espliciti su Facebook i trafficanti di profughi: Taharib taiaran contrabbando aereo o ancora Tahrib bialbar traffico via terra. Nel profilo appaiono foto rassicuranti di navi enormi e il linguaggio di qualsiasi agenzia viaggi che ti venderebbe una crociera da sogno. A soli 5500 euro partenza da Mersin per sbarcare in Italia sei giorni dopo pagamento all'arrivo tutto garantito: alloggio in attesa della partenza viaggio con tutti i comfort cibo acqua e comunicazioni.Tra i post ecco anche qualche video pubblicitario fatto in casa. Mostra la merce più ambita da un profugo: documenti passaporti permessi di lavoro. Una vita nuova col timbro sopra. Abbiamo tutto ciò di cui avete bisogno. Basta chiedere.Il web marketing di scafisti e contrabbandieri si muove senza timori sulla rete sanno dove cercare i loro clienti e lo fanno su gruppi in cui si condividono storie di migranti di guerra dove si supplica per avere informazioni per un visto che non arriverà mai.Hanno base soprattutto in Turchia ma anche Svezia Germania Italia e scrivono e parlano tutti in arabo. Alcuni di loro accettano la nostra amicizia Ciao a tutti chiamo Faisal vorrei sapere come arrivare in Germania basta scorrere i commenti ed ecco un numero di telefono da chiamare.Dall'altra parte risponde un uomo siriano dall'accento probabilmente di Aleppo. Non fa troppe domande non chiede dove abbiamo preso il numero e chi siamo. Sembra recitare una storia ripetuta mille volte l'ennesima telefonata.Al primo trafficante chiediamo documenti per qualcuno che è arrivato in Italia e non ne ha.Tutto ha un prezzo e lui presenta così i suoi. Un passaporto valido per 2 anni 1. 500 dollari se lo vuoi che duri 4 anni sono 1. 700 dollari per 6 anni 1. 800. Carta d'identità 500 dollari patente internazionale 500 dollari.Ne chiamiamo un altro quello che si presenta con la foto di una bella nave sotto un cielo sereno: La settimana prossima c'è una partenza se dio vuole. Una nave di 120 metri che parte da Mersin. Il posto costa 6. 000 dollari a persona. Quella prima costava meno tra i 5. 500 e i 5. 700 perché era di 80 metri. Questa è lunga 120 metri è allestita meglio....Al telefono il trafficante di uomini che organizza le traversate sui mercantili lanciati contro le coste italiane senza equipaggio ha la voce gentile premurosa. Se ci fosse anche solo l'uno per cento di possibilità di affondare non lo organizzerei.Se dio vuole ripete la voce a ogni frase. Se dio vuole il viaggio in nave dura sei giorni. Il bambino non paga. Falli venire da me a Mersin il loro soggiorno è a nostre spese dal momento in cui si saranno procurati i soldi. Come avverrà il pagamento? Depositano i soldi qui in un'agenzia ndr all'arrivo in Italia ci invieranno il codice per poterli ritirare. Non lo farò prima glielo garantisco. Bisogna portare qualcosa per la traversata? Nella nave c'è tutto quello che serve. I posti per dormire sono separati: c'è uno spazio per gli uomini e uno per le donne molto più comodo rispetto all'altro. A ognuno verrà dato un cuscino e una coperta il resto sarà fornito a bordo. Quindi per mangiare e bere chiediamo non c'è problema? È tutto garantito. Depositati i soldi andrà tutto bene fidati.Lo scafista è già un amico su Facebook i suoi interesi sono simili a quelli di molti profughi si autodefiniscono un network di siriani liberi spulciando le preferenze si trovano le trasmissioni televisive più popolari tra gli oppositori che fuggono dal regime di Assad mostrano pagine di ricerche di lavoro in Nord Europa postano foto suggestive di donne velate e sorridenti a Berlino Stoccolma Malmo ma nella pagina di Taharib ila Eurubba contrabbando verso l'Europa quasi 25mila like l'immagine del profilo è un cuore con il tricolore italiano.Nawal Soufi NAWAL lancia gli sos che salvano le vite dei profughi siriani con un cellulare vecchio di dieci anni. Sì è vero ma ha una batteria che dura quattro giorni di fila... sorride e io non posso permettermi di tenerlo spento. Nawal Soufi 27 anni nata in Marocco ma cresciuta a Catania fin da quando aveva un mese è a quattro esami dalla laurea in Scienze politiche e intanto fa la vedetta del Mediterraneo. È lei Lady Sos come l'hanno soprannominata i siriani. Perché quando si trovano alla deriva su un mercantile lasciato senza equipaggio quando non rimane che disperazione e paura sanno che c'è un numero d'emergenza sempre attivo. Il suo. Lei avverte la Guardia Costiera fornendo ai militari le coordinate della posizione dell'imbarcazione. Poi corre al porto ad accoglierli fornisce loro cibo acqua vestiti pannolini per bambini contatti utili. Lo fa da quasi due anni gratis spinta da una passione incondizionata che si riassume in questa risposta: È il cuore che mi paga. È stata lei a segnalare l'arrivo di tutti i 13 cargo lanciati contro le coste italiane dagli scafisti dal 28 settembre a oggi. In quattro casi mi avevano detto di essere stati abbandonati. Con il Blue Sky M intercettato il 30 dicembre con quasi 800 migranti a bordo ndr mi arrivò questo sms: Abbiamo problemi a guidare il mercantile non abbiamo controllo. Le dicono chi sono gli organizzatori dei viaggi? No c'è molta paura delle ritorsioni perché chi parte lascia la famiglia in Turchia o in Siria. Si limitano a dirmi: I pezzi grossi non li conosciamo. Sappiamo solo chi sono quelli che raccolgono i passeggeri. Queste organizzazioni criminali si stanno arricchendo in modo pazzesco: nel Mediterraneo ci sono morti di prima seconda e terza classe . Quanti messaggi di sos riceve ogni giorno? Decine ormai ho perso il conto. Annoto le chiamate su un diario le registro e pubblico i messaggi su Facebook. Così è tutto alla luce del sole. Alcune giornate non finiscono mai... Il 31 agosto scorso per esempio. Cosa successe? Leggo dal mio diario... A mezzogiorno mi chiamano da un rimorchiatore con 800 persone a largo della Libia. Poi un secondo sms da un altro numero: Stiamo imbarcando acqua vicino alla piattaforma petrolifera Bouri Field queste sono le nostre coordinate. Altro sms da un barcone di legno: Siamo 350 partiti da Sebrata a bordo donne incinte. Altro sos: Siamo in 250 non abbiamo più credito nel telefono. Alle 16. 30 poi: Siamo tutte famiglie partiti dall'Egitto. Così fino a notte fonda. A volte poi arrivano messaggi particolari.... Ovvero? Una volta un gruppo di 30 siriani bloccati da 48 ore su un isoletta in mezzo al fiume di Evros al confine tra Grecia e Turchia. Mi chiesero di contattare la Croce Rossa perché sostenevano che i tedeschi così chiamano Frontex li avevano picchiati. Un altro siriano mi cercò dall'aeroporto di Fiumicino: aveva il passaporto ma la polizia di frontiera aveva deciso di riportarlo in Turchia. Oppure messaggi tipo: Siamo in mare lo scafista ci ha lasciati siamo senza credito sul telefono satellitare per favore facci una ricarica . In quel caso come si comporta? Pubblico la richiesta sulla mia pagina Facebook Nawal Siriahorra che significa Siria Libera. Qualcuno degli altri attivisti italiani poi fa davvero la ricarica . Lei poi segnala tutto alla Guardia Costiera. Ma come fanno i profughi a fornire le coordinate esatte della posizione? Le trovano con gli smartphone che hanno il servizio Gps. Se non sanno come fare glielo dico io. Urlo per farmi capire chi sta dall'altra parte è nel panico e c'è il rumore del vento. Riesce a comprendere cosa dicono? Per passione mi sono messa a studiare tutti i dialetti del mondo arabo per questo capita anche che la Guardia costiera mi faccia partecipare a telefonate di gruppo con i migranti per quale sia la situazione a bordo. Da quanto tempo fa questa vita? Sono impegnata nel sociale da quando avevo 14 anni. Ho anche un lavoro vero faccio l'interprete presso tribunali e carceri siciliani. La prima barca con profughi siriani è arrivata in Sicilia tra il luglio e l'agosto 2013: li ho incontrati davanti al Cpa ho preparato vestiti per i bimbi ho spiegato loro quali erano i loro diritti e cosa fare per evitare gli scafisti di terra.... Scafisti di terra? Quelle persone che girano nei pressi di stazioni e porti e offrono biglietti e passaggi per Milano a 500 euro o più. Vestiti cibo biglietti ricariche... dove trova i soldi? Promuovo raccolte ogni settimana su Facebook. Sono in contatto con altri attivisti abbiamo un deposito. La chiamo accoglienza zero: quando hai due o tre euro in tasca puoi comprare palloncini e farci giocare i piccoli profughi.Gli ultimi ad arrivare in Centrale sono stati un padre con due bambini. Accolti dagli operatori della cooperativa Universiis che da oltre un anno gestisce il Centro assistenza profughi siriani della stazione. E poi inviati a una delle strutture che fanno capo a Palazzo Marino. Dove da ottobre 2013 a oggi sono stati ospitate 54. 616 persone. Milano ha fatto un miracolo — sottolinea l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino — ma non siamo in grado di ripeterlo nei mesi di Expo. E il governo per ora se ne frega: da Alfano sono arrivate solo chiacchiere e imprecisioni.È un’emergenza senza fine quella dei profughi a Milano. Se l'Epifania con solo 17 arrivi in Centrale è stata una giornata tranquilla nei giorni scorsi gli operatori si sono dovuti rimboccare le maniche: dall’inizio del 2015 sono transitate dallo scalo ferroviario 791 persone di cui 613 poi ospitate nelle strutture che fanno capo al Comune. Il picco è stato raggiunto il 2 gennaio quando in 24 ore sono state registrate 204 persone. Di queste in 138 sono state accolte nei centri di via Salerio Corelli Saponaro Aldini e viale Isonzo. Numeri alti soprattutto se confrontati con le poche decine degli stessi giorni del 2014. E che fanno invocare a Palazzo Marino di nuovo l’intervento del governo: Domanderemo ancora a Roma di cambiare il modello di gestione — scandisce Majorino — chiederemo al governo di assumersi la responsabilità di coordinare a livello nazionale gli interventi.Negli ultimi mesi Palazzo Marino è stato in prima linea sul fronte dell’accoglienza. Adesso però si sente solo. E chiede al governo maggiori certezze. Per esempio sul futuro di via Corelli: la struttura a ottobre è stata trasformata da Cie in centro di accoglienza in via sperimentale e fino all’inizio del 2015. Ma noi vorremmo che l’esperienza non fosse messa in discussione e che proseguisse non solo per qualche altro mese — dice Majorino — il centro di via Corelli deve essere stabilizzato. A preoccupare il Comune poi anche la possibile sovrapposizione del problema dell’accoglienza all’avvio di Expo. Se non si affronta adesso la situazione e si cercano soluzioni concrete il rischio è che non solo arrivino a Milano milioni di visitatori da tutto il mondo. Ma anche migliaia di profughi per la cui accoglienza Protezione civile e Croce rossa dovranno essere mobilitate proprio nei giorni dell’Esposizione.A Milano la maggior parte dei migranti giunta negli ultimi mesi è originaria di Siria 38. 235 persone Palestina 2. 431 ed Eritrea 12. 749. Persone arrivate in Centrale a bordo di treni partiti da Reggio Calabria o Catania dopo viaggi della speranza e l’approdo sulle coste italiane. Ma dirette in Nord Europa: Quasi tutti — spiega Desio De Meo della cooperativa Farsi prossimo che gestisce il centro di via Salerio — è diretta verso Svezia Norvegia e Germania dove spesso hanno già amici o parenti. Nessuno vuole restare qui: sanno che in Italia la situazione è difficile a causa della crisi. E vogliono ricostruirsi una vita in Paesi in cui c’è meno burocrazia e dove è più facile poter avviare il ricongiungimento con i propri familiari. Lo dimostrano anche i numeri: da ottobre 2013 a oggi abbiamo accolto oltre 10mila persone. Ma di queste solo sette hanno chiesto asilo in Italia.Hanno protestato in piazza Prefettura bloccando il traffico cittadino. Sono scesi per strada i circa 150 migranti che da due mesi sono all'interno del capannone ex Set di via Brigata Regina. Viviamo in condizioni disumane. Le tende sono piccole piove e fa freddo. I migranti alcune decine quelle che si sono radunate in sitin nel centro cittadino chiedono una sistemazione migliore e rivolgono un appello al Comune e alla Prefettura. Quella che doveva essere una sistemazione temporanea si sta trasformando in una sede definitiva e in molti non credono al prpgramma di seconda accoglienza prevista con modulo abitativi finanziati dal ministero dell'Interno con 1 6 milioni di euro. Quei soldi potrebbero essere usati per rimettere a nuovo un immobile dismesso chiedono i migranti e i collettivi di Rivoltiamo la Precarietà. Momenti di tensione al passaggio di un'ambulanza che una parte dei manifestanti ha cercato di bloccare. Immediata la reazione dei compagni che sono intervenuti scagliandosi contro il comportamento di alcuni di loro e permesso al mezzo di proseguire. La protesta è poi rientrata grazie all'incontro con il prefetto Antonio Nunziante. Ai migranti sono stati assicurati tempi celeri per i rinnovi dei permessi di soggiorno a circa 60 ospito. Per la gara dei prefabbricati invece le procedure si concluderanno nell'arco di qualche meseAll’ingresso dei Cantieri della Zisa dove ha sede il centro culturale francese i custodi del Comune hanno avuto disposizione di controllare con maggiore cura auto e persone che entrano nell’area. Le pattuglie di polizia e carabinieri hanno iniziato invece a fare ripetuti passaggi sotto lo studio del console onorario francese a Palermo il notaio Franz Salerno Cardillo che si trova nel salotto buono della città in via Principe di Belmonte. Anche a Palermo è scattato il piano di allerta antiterrorismo diramato mercoledì pomeriggio dal ministro dell’Interno Angelino Alfano dopo l’ultimo attentato a Parigi. Nella lista degli obiettivi sensibili attorno a cui è stata sensibilizzata la vigilanza c’è anche l’agenzia consolare americana: in via Vaccarini è impegnato pure l’Esercito.Il programma di questi e altri controlli è stato riesaminato ieri pomeriggio nel corso di una riunione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza presieduto dal prefetto Francesca Cannizzo. A Palermo non c’è alcuna allerta specifica ma in questo momento le parole d’ordine ribadite dal Viminale sono prevenzione e controlli da Nord a Sud. Nell’Isola c’è comunque un’attenzione particolare: le analisi dei servizi segreti continuano a ipotizzare che la Sicilia potrebbe essere già diventata una delle porte d’ingresso in Europa di soggetti legati al terrorismo internazionale infiltrati fra i migranti che arrivano sui barconi della speranza. È il tema di un’indagine che sta conducendo la procura di Palermo insieme con la Digos: si sta verificando l’esistenza di una struttura di supporto e accoglienza agli infiltrati degli sbarchi. Una pista porterebbe ad alcuni extracomunitari che risiedono nel Ragusano ma anche in provincia di Palermo a Villabate. Sono giovani che hanno un regolare permesso di soggiorno che vivono da anni in Sicilia: avrebbero il compito di aiutare i membri delle organizzazioni terroristiche a trasferirsi al Nord Italia o all’estero senza troppi problemi.Attorno all’indagine vige una rigida cortina di segretezza. A condurla sono il procuratore aggiunto Leonardo Agueci e i sostituti Geri Ferrara ed Emanuele Ravaglioli. L’inchiesta è partita dopo la scoperta di alcune fotografie ritrovate nei telefonini di cinque extracomunitari controllati nei mesi scorsi a Lampedusa: i migranti sono abbigliati in assetto da guerra con in mano kalashnikov. Sono due siriani due libici e un egiziano. Adesso sono sospettati di essere terroristi dell’Isis infiltrati fra i disperati che cercano una nuova vita lungo la rotta del Canale di Sicilia. Nei loro confronti non c’è alcun provvedimento. Per adesso proseguono le analisi dei telefonini sequestrati che hanno già rivelato molti particolari su tanti contatti siciliani del gruppo. Ecco il vero tema dell’indagine: la struttura di assistenza offerta ai presunti terroristi. Dopo un viaggio in mare potrebbero aver già fornito abiti nuovi documenti falsi e denaro.Le indagini della procura distrettuale di Palermo proseguono a ritmo serrato in stretto coordinamento con la procura di Catania che nei giorni scorsi ha chiesto e ottenuto un mandato di arresto internazionale contro uno dei boss che in Egitto organizza i viaggi degli scafisti verso l’Italia sulla rotta AlessandriaSiracusa o Catania. Si chiama Ahmed Mohamed Farrag Hanafi ha 32 anni ufficialmente risiede nel governatorato di Kafr El Sheik nel Nord del paese. Da qualche giorno è ufficialmente ricercato per associazione a delinquere finalizzata all’ingresso illegale in Italia di profughi siriani ed egiziani. Per la procura di Catania è il principale trafficante di uomini sulla direttrice che porta a Lampedusa. Anche Ahmed ha un’agenzia siciliana. Nelle intercettazioni del servizio centrale operativo della polizia emergono parole precise: L’avvocato arriverà direttamente gli sto mandando dei soldi. Così diceva il trafficante egiziano parlando con il comandante di una nave carica di migranti. L’avvocato è già al porto. Scrivono i pm di Catania: La cellula siciliana dell’organizzazione aveva già provveduto a contattare un avvocato pagato attraverso un cassiere operante in Irlanda. Quella volta il capitano e gli altri scafisti furono tutti assistiti dallo stesso legale nominato dall’organizzazione dei trafficanti.San Salvario non ha paura. Una serie di foto scattate nel quartiere più multietnico di Torino sono la risposta che musulmani e non danno agli attentati di Parigi. San Salvario è da sempre considerato lo spazio di primo arrivo della città il luogo dove i migranti si fermano quando raggiungono Torino e per questo è stato spesso oggetto di conflitti e polemiche. Le persone di ogni età sono fotografate assieme e reggono dei cartelli che raccontano una quotidianità condivisa e un'esperienza di convivenza che nonostante le difficoltà funziona. Sara Valentina e Mohamed vanno a scuola assieme Fathi e Roberto tifano per la stessa squadra Fallou e Sara sono entrambi precari. Tra gli slogan dell'iniziativa ovviamente anticipati dall'hashtag not in my name not afraid. Ci abbiamo messo la faccia per dire che Torino e San Salvario non hanno paura e rifiutano la violenza dicono gli organizzatori dell'iniziativa che fanno capo all'Agenzia sviluppo San Salvario onlusCATANIA Due inchieste sul Cara di Mineo una a Catania e una a Caltagirone sono state aperte dalle procure dopo i primi risultati d'indagine del maxi sistema di tangenti e corruzione Mafia capitale che aveva già acceso i riflettori sul mega centro di accoglienza a 5 stelle della provincia di Catania. Le inchieste contro ignoti e ancora senza indagati puntano a far luce su un sottosistema di corruzione malaffare e appalti truccati che coinvolgerebbe politici mafiosi e uomini d'affari che del sistema dell'accoglienza dei migranti hanno fatto un business ad alto reddito . Ma un filone delle inchieste tenderebbe anche ad accertare gli eventuali legami tra traffico di migranti e infiltrazioni del terrorismo. Il procuratore di Catania Giovanni Salvi sarà sentito oggi in un’audizione in commissione nazionale Antimafia alla quale riferirà del sistema di accoglienza migranti nel Catanese. Del Cara si è occupata anche la commissione Antimafia dell’ArsÈ salito a 18 il numero dei dispersi del naufragio della Norman Atlantic . La Grecia ha infatti trasmesso alla procura di Bari la lista definitiva dei passeggeri. Tra i 18 dispersi però ci sono anche due migranti di nazionalità siriana le cui famiglie hanno presentato una denuncia temendo che i loro cari fossero a bordo del traghetto incendiatosi il 28 dicembre al largo di Valona. Le famiglie attraverso l'ambasciata siriana in Grecia hanno comunicato che in maniera clandestina nascosti in un tir due loro congiunti sono saliti a bordo della nave.Sulla Norman Atlantic quindi c'erano più delle 499 persone inizialmente stimate sulla base delle liste passeggeri consegnate alle autorità italiane 478 più 18 overbooking e altri tre clandestini di cui 477 tratte in salvo e nove decedute.La Guardia di finanza di Ragusa è entrata nel centro di prima accoglienza di Pozzallo per acquisire documenti sulla gestione della struttura negli ultimi cinque anni. Da fine dicembre la Procura di Ragusa ha aperto un'indagine tra le ipotesi di reato da accertare ci sono truffa aggravata peculato abuso d'ufficio e malversazione. Le indagini sono partite quando sono stati scoperti materiali destinati al centro fuori dalla struttura senza che questi fossero segnati nel registro del Cpsa. Ma le verifiche della Guardia di Finanza si allargano a tutta la gestione anche su spinta di casi come quelli di Mafia capitale dicono gli investigatori.Il centro di Pozzallo posizionato in un hangar del porto nel 2014 ha ospitato 25. 500 migranti. La struttura è chiusa da dieci giorni per lavori di manutenzione e i suoi ospiti sono stati trasferiti nel Catanese. Da due mesi è gestito da una nuova cooperativa la Luoghi Comuni. Sono sereno dice il sindaco di Pozzallo Luigi Ammatuna penso che sia stato gestito correttamente. Confido nel lavoro della Guardia di Finanza che sta verificando eventuali incongruenze. Ma ripeto sono tranquillo.Una donna ha partorito sulla nave Libra della Marina militare che aveva appena soccorso l'imbarcazione carica di immigrati su cui la puerpura viaggiava. Sono in totale 490 le persone portate in salvo dal pattugliatore della Marina inserito nel dispositivo Triton dell'agenzia europea Frontex. Tre gli interventi la notte scorsa a 60 miglia nautiche dalle coste di Tripoli.Inizialmente erano stati avvistati due natanti in difficoltà con a bordo rispettivamente 111 e 175 immigrati. La nave Libra ha successivamente imbarcato altri 204 migranti profughi che erano prelevati dalla motovedetta CP 905 delle Capitanerie di porto. Una donna somala poco dopo essere stata imbarcata sull'unità militare assistita dal personale medico della Marina militareha dato alla luce un bambino che è stato chiamato Hamed Idiris Ibraahim. Il piccolo e la mamma sono in buona salute.Più di mille migranti salvati in 24 ore nel Canale di Sicilia in tre diverse operazioni. La nave Libra giunta ad Augusta ha ultimato lo sbarco dei 490 migranti soccorsi ieri nel canale di Sicilia. A bordo dell'unita' navale della Marina militare due donne hanno partorito una bimba e un bimbo. I neonati e le loro mamme stanno bene.Sono complessivamente 348 i migranti sbarcati oggi a Porto Empedocle nell'agrigentino.E' giunto in banchina nella notte intorno alle 2 il rimorchiatore Asso 24 con a bordo migranti di varie nazionalità tra cui circa 40 donne e 25 minori recuperati circa 50 miglia a nord delle coste libiche. Quattro migranti una bimba siriana affetta da sclerosi multipla accompagnata dalla madre e dalla sorella e un somalo colto da malore e con problemi di cuore sono stati immediatamente affidati al personale sanitario presente in banchina per essere trasferiti all'Ospedale Civile di Agrigento. Prima dell'ingresso in porto due motovedette della Guardia costiera avevano provveduto a rifornire la nave di acqua e viveri resi disponibili tramite la prefettura e a imbarcare sull'unità personale medico e militare per verifiche e accertamenti.Sono 242 invece in maggioranza uomini siriani i migranti arrivati ieri sera a Pozzallo. Lo sbarco nel porto del Ragusano si è completato la notte scorsa. Approdati con la nave Peluso della Guardia costiera gli extracomunitari 230 uomini 6 donne e 6 minorenni sono stati trasferiti con i pullman in cinque province italiane: Ancona Bari Perugia L'Aquila e Firenze.Sarà una settimana decisiva quella che si apre domani per l'inchiesta sulla Norman Atlantic il traghetto naufragato al largo delle coste di Valona il 28 dicembre. I tecnici di una ditta specializzata della provincia di Brindisi hanno ultimato le operazioni per aspirare il fumo e quindi già domani cominceranno i sopralluoghi degli inquirenti a bordo del relitto della motonave. Gli uomini della Capitaneria di Porto e i vigili del fuoco coordinati dalla procura di Bari potranno raggiungere il ponte 4 dove con ogni probabilità è scoppiato l'incendio e verificare la presenza di eventuali altri corpi all'interno del traghetto. All'appello mancano ancora 18 persone tra le quali due migranti siriani che non è escluso si erano imbarcati a bordo di uno dei tir imbarcati sul Norman Atlantic.Le operazioni non saranno semplici perché al ponte 4 le fiamme hanno distrutto tutti i mezzi parcheggiati. Martedì i pm Ettore Cardinali e Federico Perrone Capine conferiranno a un pool di esperti l'incarico di eseguire accertamenti sulle due scatole nere della Norman Atlantic. Si tratta di un passaggio fondamentale per l'indagine che permetterà di ricostruire non soltanto le cause dell'incendio ma anche e soprattutto le fasi successive all'esplosione delle fiamme. La procura vuole capire se il comandante del traghetto Argilio Giacomazzi avesse dato l'ordine di ammainare le scialuppe circostanze esclusa dallo stesso nell'interrogatorio. La fase di evacuazione dalla nave appare infatti quella più critica. Le nove vittime accertate del naufragio hanno perso la vita cadendo in acqua dalla scialuppa o dagli zatteroni.Intanto il caso approda anche in Parlamento. Il vicepresidente della Commissione Affari esteri il deputato Alessandro Di Battista con il collega pugliese Emanuele Scagliusi M5S hanno presentato una interrogazione parlamentare. I due portavoce 5 Stelle chiedono al Presidente del Consiglio dei ministri ai ministro della Difesa e dei Trasporti perché come affermato dal ministro della Difesa ellenico Nikos Dendias l'Italia abbia accettato solo lunedì 29 dicembre il sostegno di un elicottero Super Puma da parte della Grecia che avrebbe una capienza tre volte superiore a quelli italiani.Il Governo Renzi inoltre dovrà chiarire se corrisponda al vero che i primi aiuti ai passeggeri della Norman Atlantic da parte di mezzi italiani siano avvenuti dopo le ore 8 del 28 dicembre e a cosa sia imputabile questo ritardo di molte ore dal verificarsi dell'incendio dichiara il deputato Scagliusi M5S Nonché per quali ragioni l'Italia abbia assunto il coordinamento delle operazioni solo alle 9 e a chi sono imputabili le scelte in merito alle operazioni di soccorso adottate prima. Ci risulta che i rimorchiatori albanesi pur partiti dal porto di Valona e dunque a poca distanza dalla Norman Atlantic siano tornati indietro: vogliamo sapere quali ragioni abbiano impedito a queste imbarcazioni di poter intervenire nell'immediato ritardando le operazioni. E ancora: Pare che l'Italia senza un apparente logica giustificazione abbia rifiutato l'aiuto degli altri due Paesi coinvolti nella vicenda Grecia e Albania.Ciò nonostante il traghetto si trovasse a poche miglia dalla costa albanese e molto probabilmente sarebbe stato più logico che anche l'Albania fosse intervenuta nell'immediato eseguendo i primi soccorsi. Forse una giustificazione c'è visto che la società poi incaricata di effettuare il trasporto del traghetto è l'impresa dei fratelli Barretta azienda che alcuni organi di stampa segnalano essere molto vicina al Partito Democratico in considerazione del fatto che il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha diretta conoscenza di Rosy Barretta definita dalla stampa locale 'lady PD' e già coordinatrice provinciale dell'Ulivo. Ma il ruolo che ha avuto il Governo conclude il deputato pugliese nell'affidamento delle operazioni di traino della Norman Atlantic alla società dei fratelli Barretta a scapito dei più vicini mezzi albanesi dovranno chiarirlo i ministri interrogati.l libro è un manuale d’officina per gli aerei della compagnia tedesca Lufthansa una fra le prime dieci al mondo. Contiene informazioni dettagliate e riservate su ogni singola parte dell’aereo: la dislocazione e la conformazione degli spazi dalla cabina del comandante alle file dei passeggeri le caratteristiche della stiva le notizie sui motori i segreti sulla manutenzione la tipologia dei materiali utilizzati. Il libro apparteneva al marocchino 50enne espulso dall’Italia in quanto pericoloso per la sicurezza nazionale: l’hanno scovato i carabinieri nel corso della perquisizione dell’appartamento che l’immigrato condivideva con altri nordafricani. Uno di questi per lavoro ha accesso ad aerei e aeroporti Malpensa è a pochi chilometri di distanza può salire sui velivoli parcheggiati in pista fermi per riparazioni rifornimenti pulizie. La contemporanea presenza nello stesso alloggio dei due può essere un caso poiché la casa era frequentata a turno da numerosi migranti; ma il manuale legittima quantomeno dei dubbi sulle reali intenzioni del marocchino che frequentava una moschea ricavata negli scantinati di un palazzo a Pioltello cittadinadormitorio e multietnica a est di Milano. I due milanesi La sua espulsione un provvedimento amministrativo e non conseguenza di un arresto è una delle nove decise dal ministero dell’Interno. Nell’elenco degli allontanati tutto è cominciato a dicembre c’è un egiziano in Italia da anni e regolare come lo era il marocchino assiduo ospite di un’altra moschea più nota: viale Jenner a Milano. Lì nessuno si ricorda di lui. L’identikit degli investigatori parla di un uomo che non aveva regolare dimora ma che si dedicava intensamente e con frequenza a frasi fondamentaliste con intense navigazioni e produzioni di materiale sui siti internet stesse attività dell’altro nordafricano che nel tempo è stato impiegato in cooperative come manovale e facchino e che ha cambiato parecchi alloggi sempre in provincia di Varese Saronno e Sesto Calende e in Piemonte a Castelletto Ticino. Il marocchino e l’egiziano erano monitorati seguiti ed esaminati dai carabinieri. L’allarme A Milano già prima delle stragi parigine di due settimane fa l’allerta è alta e lo scambio delle informazioni intenso come spiegato dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli che guida un pool composto dai pm Piero Basilone Alessandro Gobbis Paola Pirotta e Francesco Cajani dai capi della Digos Bruno Megale e dell’antiterrorismo Cristina Villa e per i carabinieri dal colonnello Giovanni Sozzo che comanda il Ros di Milano e dal tenente colonnello Alessio Carparelli alla guida del Nucleo investigativo. Sia per il marocchino che per l’egiziano non sarebbero mai emersi contatti diretti con gruppi terroristici. Ciò non toglie che gli accertamenti continuino come dimostrato dalle perquisizioni. Al momento sono tre le inchieste più importanti aperte sul terrorismo islamico dalla Procura di Milano. Avviate anche intercettazioni preventive nell’ambito di un ampio piano investigativo e di sicurezza che prevede il rafforzamento delle difese degli obiettivi sensibili: luoghi di culto Duomo moschee sinagoga palazzi istituzionali consolati il Tribunale le sedi dei giornali.Una nuova tragedia dell'immigrazione sarebbe avvenuta nel Canale di Sicilia. Un gommone con oltre un centinaio di profughi a bordo è naufragato a circa 40 miglia a Sud Ovest di Malta. Solo 85 di loro sono stati tratti in salvo dalle motovedette della Marina maltese mentre una ventina risultano ufficialmente dispersi anche se quasi certamente sono annegati. Uno dei migranti salvati é successivamente deceduto all'ospedale Mater Dei de La Valletta. Due suoi compagni sono ricoverati nello stesso ospedale in gravissime condizioni.Sono stati gli stessi sopravissuti una volta giunti nel porto de La Valletta a ricostruire le fasi del naufragio. Secondo queste testimonianze il gommone si sarebbe capovolto a causa del mare in burrasca e i migranti sarebbe finiti in acqua cercando disperatamente di rimanere aggrappati al battello. Ma per venti di loro non ci sarebbe stato nulla da fare.I superstiti tutti uomini provenienti da paesi dell'Africa subsahariana hanno raccontato di essere partiti sei giorni fa dalle coste libiche. Un viaggio reso ancora più difficoltoso dalle cattive condizioni del mare. Elicotteri e motovedette della Marina Maltese hanno perlustrato una vasta zona di mare fino al confine con le acque libiche alla ricerca dei dispersi. Ma le operazioni che sono andate avanti dal mattino fino al calare delle tenebre non hanno dato alcun esitoI kalashnikov dello Stato islamico sono arrivati fino ai porti della Libia da cui partono i barconi dei migranti con destinazione Lampedusa le coste della Sicilia o di Malta. Lo rivela con certezza Ali Tarhouni 63 anni già ministro delle Finanze e del petrolio nel Consiglio nazionale di transizione e dall’aprile 2014 presidente dell’Assemblea costituente della Libia. Il governo italiano è in allarme. Due giorni fa il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni aveva dichiarato che qualche terrorista potrebbe sbarcare con i profughi. Poi il numero uno della Farnesina aveva smentito. In ogni caso il governo si sta attrezzando ed è pronto a concedere il permesso di soggiorno agli stranieri in grado di fornire informazioni utili all’antiterrorismo. La misura scrive l’Ansa sarà inserita nel pacchetto predisposto da Marco Minniti sottosegretario con delega ai Servizi segreti e dovrebbe essere approvata dal Consiglio dei ministri di mercoledì 28 gennaio. In questo quadro è fondamentale tenere sotto osservazione la Libia. L’Isis lo Stato islamico di Iraq e Siria guadagna posizioni lungo la costa del Paese. Le milizie del Califfo Abu Bakr al Baghdadi avevano già conquistato Derna cittadina di 80 mila abitanti. Ma ora dice Ali Tarhouni i guerriglieri dell’Isis si sono insediati nella regione di Bengasi. Poi continuando la marcia verso ovest nella zona di Sirte e quindi di Misurata quella che fino a poco tempo fa era un vitale centro di commerci e di affari anche per gli stranieri. Infine scavalcata almeno per ora la capitale Tripoli truppe di jihadisti hanno occupato Sabrata e infine il porto di Harat az Zawiyah ai tempi di Gheddafi scalo di una certa importanza per le rotte petrolifere verso la Turchia e l’Asia. Oggi dallo specchio di mare che va da Sabrata fino a Zawiyah e di lì fino a Zuara piccolo porticciolo di pescatori partono quasi tutte le imbarcazioni di migranti diretti a Lampedusa verso la Sicilia o verso Malta. Ormai dall’agosto 2011 con la fine del Colonnello da quelle parti non si vede più una divisa. Non dell’esercito non della polizia. Terra di nessuno. O meglio terra di pascolo per bande di contrabbandieri grassatori trafficanti di uomini donne e bambini. Situazione ideale per i reparti dei fondamentalisti islamici sempre meglio equipaggiati sempre meglio armati. Ali Tarhouni è venuto a Davos per scuotere gli occidentali: L’Europa soprattutto l’Europa sottovaluta i rischi della situazione libica. I pericoli crescono drammaticamente. Il Paese è polverizzato con le città persino i villaggi che non rispondono più a nessuno. L’assemblea costituente è forse l’ultima possibilità per salvare la Libia. Il presidente spiega come procedono i lavori dell’organismo eletto il 21 febbraio 2014 ma poi costretto in aprile a lasciare Tripoli e a riunirsi nella lontana Baida in Cirenaica. Sotto assedio tra mille insidie e qualche autobomba con linee telefoniche e dell’elettricità che saltano ogni duetre giorni. L’avanzata dell’Isis conclude Ali Tarhouni costituisce un’insidia diretta per i Paesi confinanti Tunisia Algeria ad Occidente; Egitto a Oriente. La produzione di petrolio è ridotta di un quinto rispetto al 2011. Per ora le nostre forniture non sono in pericolo. Per ora. L’allarme terrorismo la minaccia dell’Isis in tutto il Medio Oriente e in Africa sono stati temi centrali di questa edizione del World Economic Forum. Sia nella parte pubblica sia nella ridda di contatti tra i leader. Ieri parlando dalla tribunetta principale il presidente della Repubblica francese François Hollande ha sollecitato un’azione antiterrorismo corale appellandosi agli Stati e alle grandi multinazionali. Il segretario di Stato americano John Kerry è stato più diretto quasi rude: La guerra al terrorismo costa ma se è davvero una priorità tutti i governi democratici possono trovare i soldi. Così è stato per la Seconda guerra mondiale e tutte le volte che ci siamo trovati in pericolo. Giovedì 22 il presidente dell’Egitto Abdel Fattah Al Sisi si è presentato al Forum come il campione dell’Islam da riformare chiedendo e offrendo all’Occidente collaborazione contro il nemico comune. gsarcina@corriere.it Alexis Tsipras ATENE. Destra o sinistra è una distinzione vecchia. Al di là delle ideologie siamo greci. E adesso è il momento di mettere assieme le forze. Per noi vuol dire lavorare con Syriza per dare un futuro al nostro popolo. Nikos Nokolopoulos neo deputato di Anel Indipendenti greci si stupisce che gli altri si stupiscano. Si guardi intorno. Dia un'occhiata alle cifre dell'economia ellenica. Cinque anni di austerità hanno fatto più danni di una guerra. E in queste condizioni bisogna mettere da parte le differenze e pensare a cosa ci unisce. E cosa vi unisce al partito di Alexis Tsipras? Il no ai sacrifici unilaterali. Il salvataggio della Grecia non deve essere la morte della mio paese. Siamo d'accordo dunque a chiedere all'Europa un piano più equo e i mezzi per iniziare a ricostruire da subito lo stato sociale. E vogliamo costruire una pubblica amministrazione più efficiente che gestisca meglio i fondi statali. Ma su diritti civili e immigrati per dire come farete ad andare d'accordo? È ovvio che i primi passi del governo saranno concentrati solo sulla soluzione del dramma economico in cui vivono le famiglie. La povertà e la disoccupazione non hanno ideologie. E trovo che sia un grande passo avanti per la Grecia vedere due partiti diversi che invece che accentuare le differenze provano a valorizzare i punti in comune nell'interesse del paese. Provi a raccontarci cosa farete per i migranti... Noi e Syriza vogliamo una nazione che sia in primo luogo sicuro per i suoi residenti e poi in grado di accogliere chi arriva da zone di guerra solo per sfuggire agli orrori dei conflitti. Quello che non vogliamo è trasformare la Grecia in un parcheggio di anime affidandoci compiti e oneri che vanno oltre le nostre possibilità. E anche su temi come questi dovremo trovare una soluzione europea. Cosa chiederete alla Troika? Di aiutarci a cancellare le ingiustizie che si sono create nel nostro paese negli ultimi cinque anni. Subito dopo la nascita del governo delineeremo le priorità. Noi siamo pronti a fare la nostra parte. Ma anche i creditori devono fare la loro. Non teme che il vostro asse con Syriza possa durare poco? No. La Grecia ha bisogno di un'alleanza politica che rifletta una più larga intesa sociale. Sono convinto che la consapevolezza della fragilità della nostra alleanza sarà un'arma che invece che indebolirci ci rafforzerà. Dandoci così l'energia per trattare al meglio in una partita in cui lo sappiamo bene non abbiamo il coltello dalla parte del manico. In futuro magari torneremo a confrontarci con Syriza da posizioni opposte. Ma adesso è il momento di pensare a cancellare assieme l'austerità. Il 14 novembre scorso i poliziotti francesi hanno trovata Rosa una ragazza eritrea di 25 anni nascosta in un tir al porto di Calais. Sperava di riuscire così a sbarcare a Dover in Inghilterra: Mi hanno picchiato dice invece e mi sono accasciata davanti al camion. La ragazza ha raccontato di aver perso conoscenza e di essersi risvegliata in ospedale dove poi ha incontrato i ricercatori di Human Rights Watch Hwr; era stata operata alla gamba e doveva rimanerci ancora sei settimane. Salamou anche lui in fuga dall'Eritrea non ha una storia molto diversa: La sera del 25 novembre stavo camminando racconta quando tre poliziotti sono usciti dalla loro camionetta e mi hanno picchiato con pugni e armi.A Calais Human Rights Watch ha raccolto numerose denunce come quelle di Rosa e Salamou in un report che denuncia le violenze della polizia che però a sua volta smentisce assieme al Ministro dell'Interno. Quello che è innegabile è la militarizzazione della città francese come risposta all'aumento degli arrivi: secondo il prefetto Denis Robin ora i profughi sono 2300 comprese varie donne e alcuni minori.Molti di loro sono sbarcati in Italia hanno fatto tappa a Milano dei 70mila siriani e eritrei in transito negli ultimi 15 mesi nei dormitori del capoluogo lombardo meno di 100 hanno fatto domanda di asilo per restare in Italia ora sono a Calais progettando di passare la Manica. Per molti il nemico del sogno inglese si chiama Accordo di Dublino : è la regola dell'Ue per cui si può fare domanda solo nel primo paese europeo in cui si viene fotosegnalati. Chi tra di loro ha già avuto le impronte digitali scannerizzate in Italia o Oltralpe se anche raggiungerà la Gran Bretagna sarà rimandato indietro. Nel frattempo in Francia è crisi per i richiedenti asilo: solo un terzo è ospitato nei centri d'accoglienza 15mila sono in lista d'attesa e si aspetta in media un anno.C'è a chi è andata peggio rispetto ai manganellati denunciati da Human Rights Watch e ai respinti dalle leggi europee. Sono i caduti di questa frontiera interna dell'Ue: per le associazioni locali quattordici nel solo 2014. Come il trentenne sudanese Mohammad Ali Douda in fuga dalle violenze del Darfur che il 24 ottobre è morto saltando dall'alto di un ponte su un camion coperto; nel tentativo di entrarci tagliando il telone è scivolato a terra. O come Nitsuh sedicenne etiope che si faceva chiamare Sara e tre giorni prima era morta investita da un auto mentre attraversava l'autostrada A 16 all'altezza di Marck vicino Calais per cercare un camion. Il giorno della sua morte è stato particolarmente concitato al porto: oltre 300 disperati avevano tentato di assaltare i tir in fila per imbarcarsi sui traghetti per Dover spingendo la polizia ad usare i gas lacrimogeni per disperderli.Per chi resta a Calais la vita è dura. Nel 2002 chiuse i battenti il centro della Croce Rossa a Sangatte; aveva 700 posti di accoglienza che potevano diventare 2000 per le emergenze ma secondo Francia e Inghilterra era un fattore d'attrazione dei migranti. A 13 anni di distanza da questo punto di vista la sua chiusura non è servita a niente. I profughi ci sono sempre stati e dall'estate scorsa a seguito della guerra in Siria e delle crisi in Sudan ed Eritrea il numero è risalito fino agli attuali 2300. Ora vivono in quattro accampamenti di fortuna oppure dormono per strada. Le condizioni sono totalmente inaccettabili per gli standard di una società democratica dice Vincent Cochetel direttore dell'Unhcr in Europa. Siamo testimoni di una situazione vergognosa nel cuore dell'Ue.Tra le 800 e le 900 persone sono accampate in due spiazzi chiamati la jungle. Uno è un'industria chimica abbandonata con tende e materassi all'aria aperta mentre l'altro si estende nel bosco vicino dove ci sono almeno 200 tra bambini e donne. L'ong Auberge des migrants fornisce 600 pasti al giorno ma per tutti non bastano e la coda inizia alle 14. 30 per la distribuzione delle 16. Fogne e bagni non esistono in alcuni punti bisogna addirittura percorrere due chilometri per prendere l'acqua. Qualcuno spiega Mariam Guerey di Secours Catholique si lava vicino alla fabbrica Tioxide perché lì l'acqua è riscaldata dagli scarichi industriali ma è tossica e molti profughi sono per questo tutti spellati. La sua associazione aveva sette docce che il 29 settembre sono state bruciate da un cittadino di Calais infastidito dall'aiuto ai profughi.Al via a Corleone un progetto per insegnare a 11 migranti a coltivare legumi distribuirli sul mercato e a essere competitivi. D. r. a. g. o. developement resources agricultural growth organic questo il nome del progetto sostenuto da Fondazione con il sud è già partito. Nella prima fase sono stati ristrutturati due immobili confiscati alla mafia sede nei prossimi sei mesi dei corsi di formazione rivolti ai migranti ospiti dei centri Sprar. I beni sono stati affidati alla cooperativa Lavoro e non solo e all'associazione I girasoli che si occuperanno anche dei corsi. I migranti apprenderanno tutti i processi necessari per la coltivazione la confezione e l'immissione nei circuiti commerciali dei legumi prodotti nelle terre confiscate di Corleone. Per loro anche corsi di italiano e informatica. Il progetto dice Calogero Parisi presidente della cooperativa Lavoro e non solo vuole essere un esempio di buone prassi per quanto concerne il riuso sociale dei beni confiscati. Favorire infatti lo sviluppo di nuove professionalità in settori trainanti quali l'agricoltura sostenibile e il turismo sociale significa contribuire concretamente alla rinascita del nostro territorio. Dopo i sei mesi di corso teorico per i migranti inizierà l'esperienza sul campo. Un anno per imparare un mestiere e provare poi a mettersi in proprio con un progetto autosostenibile. Durante il periodo di formazione i migranti saranno ospitati in un ostello di Corleone. I migranti stessi dicono i formatori del progetto alla fine del percorso potranno creare una loro cooperativa e provare così a essere indipendentiUn americano che recita il monologo Rumore di Acque scritto da un italiano Marco Martinelli per raccontare la tragedia di centinaia di nordafricani è l'appuntamento senza localismi tristemente attuale di SegreteTracce di Memoria la rassegna di arte contemporanea in memoria della Shoah di sabato 31 gennaio alle 18 nella Torre Grimaldina di Palazzo Ducale.Un drammatico capitolo dei nostri giorni che si ripete da anni in quel breve tratto di mare che divide due continenti diventato teatro di un'immensa tragedia che riguarda 20 mila uomini ogni anno chiamati migranti o clandestini che partono a bordo di barconi precari precari come loro per cominciare il viaggio verso il desiderio di un futuro migliore solo un'improbabile illusione verso la terra promessa l'Occidente della ricchezza che non c'è ma sarebbe più giusto chiamarlo viaggio annunciato verso la disperazione e troppo spesso verso la morte.Thomas Simpson sguardo profondo fisico nervoso ottimo italiano con accento lievemente americano attore ma soprattutche professore di italiano alla Northwestern University di Chicago noto per le sue traduzioni di testi teatrali di Marco Paolini Eduardo De Filippo Pier Paolo Pasolini Giorgio Stehler e anche autore del libro Murder and Media in the New Rome insomma un profondo conoscitore della cultura del nostro paese sarà anche attore sabato sera nel monologo di Martinelli.Vestirà i panni di un personaggio dai contorni infernali un ipotetico generale da una baracca sottomarina al largo della Sicilia è alle prese con la compilazione di un infinito elenco di dispersi clandestini nordafricani. Uomini senza nome e senza volto che diventano solo numeri che prima di perdere la vita hanno perso dignità e identità.Il grottesco generale fatica a tenere la contabilità infinita nell'illusione di avere un potere che non gli appartiene interrotto da racconti e pianti delle vittime che ascolta con totale into differenza creando un crescendo in un'atmosfera surreale dove regnano solo follia e indifferenza: Di questo monologo mi ha colpito il coinvolgimento obbligato con il pubblico spiega Thomas Simpson molto spesso lo spettatore è dalla parte dei buoni non con Il Rumore dell'acqua si rispecchia nel protagonista e in qualche modo si sente a disagio disturbato e colpevole di questa assurda strage quotidiana che in qualche modo anche da lontano lo riguarda.Una quarantina di minuti senza pausa una scenografia quasi insistente se non le pareti della Torre Grimaldina e poi la voce di Thomas penetrante e potente: Il testo è molto interessante a livello poetico è molto forte corre velocemente ti sfugge non riesci a trattenerlo come il personaggio schizofrenico e isterico un uomo che cambia continuamente punto di vista impossibile prevederlo. Bambini a casa Suraya Fotogramma Solo tre giorni dall’inizio dell’anno e i rifugiati siriani sono già cinquecento. La pausa invernale che s’era registrata l’anno scorso di questi tempi e che aveva dato un po’ di respiro alle strutture del Comune e del Terzo settore nella stagione 201415 non c’è stata. L’emergenza è rimasta alta conferma l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino. Perché la guerra in Siria continua la situazione nei campi profughi al confine in Libano Giordania e Turchia è arrivata al limite. E soprattutto la rotta orientale battuta dalle grandi navi mercantili capaci di resistere alle tempeste s’è consolidata e riversa sulle coste italiane migranti a centinaia. Se gli scafi malconci dalla Libia con il freddo e le mareggiate non partono dai porti turchi ci si imbarca facilmente con il supporto di un’organizzazione da tempo oliata. Lo confermano tra gli altri Annamaria Lodi presidente della cooperativa Farsi Prossimo e Desio De Meo responsabile di Casa Suraya che hanno accumulato una lunga esperienza: da dicembre la gran parte dei profughi siriani indica di essere partita dalla Turchia. Il tour è il consueto: attraverso le acque internazionali e il mare greco quindi l’approdo a Sud in questi giorni tra Puglia e Calabria. E il passaggio a Nord. Di propria iniziativa con autobus o treno. Oppure con i pullman in alcuni casi addirittura i charter attrezzati dalle prefetture. Con i mezzi di Stato i punti di arrivo sono sparsi per il Paese. Qui vicino per esempio c’è la struttura della Croce Rossa a Bresso. Lo snodo resta però sempre la stazione Centrale di Milano. E il peso ritorna sempre sui centri comunali. Prendiamo il caso dei 797 sbarcati a Gallipoli il 31 dicembre. Di questi molti sono arrivati da soli in Centrale 160 risultano trasportati a Bresso. Ma da lì la grande maggioranza è evasa appena ha potuto e si è diretta in stazione spesso in taxi. Nell’attesa di riorganizzare il viaggio verso il Nord Europa quindi anche i profughi presi in carico dallo Stato hanno finito per essere alloggiati nei cinque centri allestiti dal Comune già allo stremo. Un folle gioco dell’oca in cui Roma non comunica con Milano. Non c’è nessuna capacità di coordinamento nazionale protesta Majorino e dal governo nessuna significativa novità. Unico caso di collaborazione resta il Cie di via Corelli per il quale la convenzione con la prefettura è scaduta il 31 dicembre ma sarà prorogata: continuerà a funzionare come centro di accoglienza. Noi chiediamo un allargamento dei posti da 145 a 200. Il Comune ha recuperato in queste settimane 2. 700 letti per senzatetto e rifugiati. Ma tra piano freddo e afflusso di siriani si rischia il collasso. Al caos contribuisce il fotosegnalamento che continua a essere casuale e parziale. Da quando nuove disposizioni su pressione di Bruxelles indicano di prendere le impronte una parte dei profughi viene portata negli uffici di polizia e registrata. Numerose testimonianze denunciano anche un uso eccessivo della forza. Momenti di tensione nella notte a Roma davanti a un centro di accoglienza per rifugiati politici di via di Grottarossa quartiere alla periferia nord della Capitale. Intorno a mezzanotte trenta ospiti della struttura sono usciti in strada e per protesta hanno spostato alcuni cassonetti al centro della carreggiata. Sul posto è arrivata la polizia. A quanto riferito agli agenti la protesta sarebbe scattata perché poco prima alcune persone in auto avrebbero lanciato petardi all'interno del cortile del centro. I rifugiati sono poi rientrati nella struttura.Nessuno è rimasto ferito. L'episodio avvenuto durante la notte ricorda quello di Tor Sapienza dove per giorni è andata in scena la protesta dei residenti contro il centro di via Morandi.ROMA La notte scorsa appena passata la mezzanotte sono stati lanciati alcuni petardi all’interno di una casa famiglia in via di Grottarossa all’altezza di via Veientana quartiere alla periferia nord della Capitale che ospita minori rifugiati. Un atto che non ha provocato feriti ma ha portato alcuni dei ragazzi ospitati a protestare bloccando la strada di fronte alla casa famiglia. Danneggiati alcuni cassonetti forse per la deflagrazione dei petardi. Alcuni residenti hanno chiamato le forze dell’ordine e sono intervenuti gli agenti del commissariato Flaminio Nuovo. I ragazzi che sono rientrati nella casa famiglia hanno raccontato che i petardi sono stati lanciati da un’auto subito allontanatasi.Migranti soccorsi dalla Guardia costiera nel Canale di Sicilia ansa ROMA Un esercito di invisibili gira per l'Italia. Sono i 3. 707 minori stranieri scomparsi nel 2014 dai centri di accoglienza su un totale di 14. 243 sbarcati sulle nostre coste. A fornire il dato è il ministro dell'Interno Angelino Alfano nel corso della seduta della commissione parlamentare Antimafia della Sicilia. Il ministro ha citato dati del ministero del Lavoro al 31 dicembre del 2014. Solo in Sicilia i minori stranieri non accompagnati scomparsi dai centri sono 1. 882 su 4. 628 registrati. Abbiamo siglato lo scorso luglio un accordo con Regioni e comuni per dare maggiore efficienza al sistema ha spiegato Alfano al termine della seduta . Al ministero degli Interni è stata istituita una specifica unità di missione perché il tema dei minori ha un profilo di sicurezza vogliamo che non entrino nel circuito dell'illegalità a partire dalla prostituzione. Un'azione forte passa dall'inserimento dei dati dei minori nel Ced poi collegato al sistema di Schengen. L'allarme delle organizzazioni. È un dato allarmante avverte Carlotta Sami portavoce Unhcr per il Sud Europa che si aggiunge a quello del numero clamoroso di minori stranieri non accompagnati arrivati in Italia l'anno scorso: quasi il 10% del totale degli sbarchi. Quello che preoccupa è la sorte di chi scompare dai centri. Questi minori hanno diritto a una protezione rafforzata sia in base alla legge nazionale che a quella internazionale spiega il presidente del Consiglio italiano rifugiati Cir Christopher Hein lo Stato italiano nei loro confronti ha una grande responsabilità: è grave che ne scompaiano più di 10 al giorno. Il rischio è che finiscano sfruttati o in mano alla criminalità. Le precisazioni del Viminale. Nel 2014 si è registrata un'esplosione di arrivi di minori confermano i tecnici del Viminale e anche le fughe sono in aumento. Ma ricordiamo che si tratta per lo più di minori tra i 16 e i 18 anni per lo più egiziani. Spesso hanno in tasca il numero di un parente o di un amico da raggiungere. Cercano un futuro migliore. Insomma chi scompare non finisce per forza nei canali dello sfruttamento.Questa volta a far riaccendere la tensione è stato un albero un ulivo simbolo della pace piantato nel fazzoletto di terra che sorge lungo via Morandi a due passi dalla palazzina gestita dalla cooperativa Un sorriso quella presa di mira a novembre quando scoppiò la rivolta dei residenti con sassi e bombe carta. Ora alla vigilia del nuovo incontro tra Ignazio Marino e i cittadini di Tor Sapienza previsto per mercoledì il clima sembra tornato quello di qualche mese fa: nervosismo polizia che invita gli ospiti a restare chiusi nel centro residenti che protestano.La miccia raccontano gli abitanti di via Morandi sarebbe stata una rissa Solo un litigio replicano dalla cooperativa tra due ospiti del centro. La dimostrazione secondo il comitato dei residenti della malagestione da parte della cooperativa Un sorriso. Critiche che ieri si sono tradotte in un nuovo scontro questa volta solo verbale durante la manifestazione organizzata da una serie di associazioni che lavorano nel sociale riunitesi per riqualificare l'aiuola a due passi dal centro. Ve ne dovete andare andate a piantare le banane le urla di una trentina di abitanti riferite dai presenti.Attimi di tensione che hanno convinto il presidio fisso di polizia lì davanti a invitare gli ospiti di ritirarsi nel centro. È stato solo un equivoco racconta Rossella Matarazzo delegata per il sindaco alla sicurezza che nel pomeriggio ha fatto visita ai residenti certo c'è sempre un po' di tensione in questa zona. Un incontro preparatorio a quello in programma per mercoledì col primo cittadino che farà il punto della situazione e presenterà un progetto di riqualificazione per la zona. Così lo descrive l'assessore Caudo: A Tor Sapienza c'è uno stradone largo 60 metri e lungo circa 1 5 km viale Giorgio De Chirico. Noi vogliamo trasformarlo in un boulevard urbano .a due passi dalla palazzina gestita dalla cooperativa Un sorriso presa di mira a novembre quando scoppiò la rivolta dei residenti è andata in scena la protesta Il centro per rifugiati che verrà spostato il lavoro con l'Ater per viale Giorgio Morandi e la situazione della prostituzione. Sono soltanto tre dei punti affrontati nell'incontro tra Ignazio Marino e una parte della sua giunta con i residenti e i comitati di Tor Sapienza teatro nei mesi scorsi della protesta antiimmigrati . Il sindaco di Roma insieme al suo vice Luigi Nieri e agli assessori Maurizio Pucci Lavori Pubblici Giovanni Caudo Urbanistica Estella Marino Ambiente Francesca Danese Sociale intorno alle 18 è arrivato nel centro anziani di via Morandi. Riunione in corso a Tor Sapienza. Con i comitati di cittadini troviamo soluzioni condivise per il quartiere ha twittato il sindaco durante l'incontro.Appena arrivati nel quartieredi un gruppo di militanti di Fratelli d'Italia davanti al centro anziani che hanno esposto alcuni striscioni: Ma quale boulevard i roghi tossici ce devi leva. MarinoPalmieri calamità Capitale Basta Marino rivogliamo la nostra città. Tra gli altri cartelli portati in piazza Marino ieri il pranzo oggi il tè per Tor Sapienza. Quando fai qualcosa te?. I manifestanti hanno urlato: Esci fuori Marino. A presidiare la zona c'erano le forze dell'ordine ma alla fine sono stati Marino e Danese a riferire gli esiti dell'incontro.Il primo faccia a faccia tra residenti e sindaco risale al 14 novembre quando Marino a Tor Sapienza era stato accolto con fischi e urla 'Buffone'. Sullo sfondo le proteste antiimmigrati al centro di accoglienza di viale Morandi cassonetti bruciati residenti 'giustizieri della notte' in rivolta e un quartiere 'blindato' 'sorvegliato speciale' dalle forze dell'ordine. Da allora l'amministrazione ha aperto un confronto ed ha siglato un patto con i residenti con dei puntipromessa da mantenere: dall'illuminazione pubblica alla potatura degli alberi dalla lotta alla prostituzione in cui ci sono miglioramenti dicono i residenti stessi al problema dei campi rom abusivi.Sposteremo il centro di accoglienza perchè credo che le persone abbiano il diritto di migliorare la propria vita. Stiamo cercando un accordo con il ministero dell'Interno ha detto l'assessore. E il sindaco: Abbiamo affrontato il tema della prostituzione. C'è stato detto che dei miglioramenti significativi ci sono grazie alla presenza delle forze dell'ordine. La presenza delle forze dell'ordine ci hanno detto che però non è costante e questo lo si può capire in un momento in cui le forze dell'ordine essendo sotto organico devono anche confrontarsi con il rischio terrorismo nella nostra città. Certamente riparlerò di queste questioni con prefetto e questore.E sui miglioramenti nel quartiere attesi dai residenti il sindaco ha aggiunto che È stato un incontro molto costruttivo come gli altri che ho avuto negli ultimi mesi. Assieme ai comitati abbiamo indicato il percorso che intendiamo fare nei mesi che verranno. Abbiamo fatto un'analisi di ciò che è stato fatto finora come ad esempio la nuova illuminazione Led. Ci sono state alcune lamentele rispetto alla potatura degli alberi che non sono ancora adeguate. E ancora Marino: Abbiamo avuto la possibilità di confrontarci anche con i responsabili dell'Ater e abbiamo insieme fatto un piano per come poter utilizzare al meglio la parte centrale di viale Giorgio Morandi dopo ovviamente essersi presi cura delle 143 persone ovvero 41 nuclei familiari con 43 bambini che li abitano dando loro accoglienza.Con l'accusa di concussione e violenza sessuale la Procura ha chiesto il giudizio immediato per don Sergio Librizzi ex direttore della Caritas di Trapani. Il sacerdote arrestato nello scorso mese di giugno avrebbe preteso prestazioni sessuali dai migranti in cambio dello status di rifugiato politico. Il prelato infatti era membro della specifica commissione ministeriale che opera in Prefettura. Prosegue invece uno stralcio dell'inchiesta che coinvolge don Librizzi ed quella riguardante la gestione dei centri di accoglienza. All'esame degli inquirenti una corposa documentazione informatica sequestrata all'atto dell'arresto all'interno degli uffici in uso al sacerdote.Un patto non scritto che conviene a tutti I disperati alla porta sud della Fortezza di GIULIA CARRARINI e ALBERTO CUSTODEROGli sbarchi di stranieri in Italia nel 2014 sono stati centosessantaseimila altri 459 sono arrivati nella prima settimana del 2015. Per la maggior parte si tratta di siriani e eritrei in fuga dai conflitti dei loro paesi. Le domande di asilo settantamila. Ciò significa che la maggior parte dei migranti sbarcati in Italia non è stata identificata. Centomila invisibili così sono stati soprannominati sono o sono stati presenti fisicamente sul nostro territorio. Ma non risultano in banca dati. Ci sono ma ufficialmente non esistono. E per questo nessuno sa nulla di loro. Stando alle fonti del Viminale gli eventi migratori illegali registrati nei primi 10 mesi del 2014 sono stati 945. Centotremila sono sbarcati in Sicilia 31 mila nel 2013 quasi tutti partiti dalla Libia 128 mila 15 mila in Puglia 884 nel 2013 20 mila in Calabria 3 mila nel 2013. A Lampedusa ne sono arrivati 4 mila contro i 13 mila dell'anno prima. Dei 149 mila la maggior parte sono siriani 35 mila contro gli 11 mila del 2013 seguiti dagli eritrei 33 mila contro i 10 mila del 2013.Poiché il Regolamento di Dublino III prevede che venga rispedito nel nostro Paese uno straniero fotosegnalato in Italia se fermato ad esempio in Germania Francia o Svezia la nonidentificazione è tanto interesse degli stranieri quanto dell'Italia. Interesse dei migranti perché altrimenti non riescono a ricongiungersi con i propri connazionali comprensibile dunque che rifiutino in tutti i modi di farsi identificare da noi. Interesse dell'Italia perché così si libera della gran parte degli stranieri: non li identifica a patto che se ne vadano. Patto non scritto s'intende. Ma questo nostro modus operandi ha fatto arrabbiare l'Europa che in estate incredibilmente proprio mentre all'Italia toccava la Presidenza del Consiglio dell'Unione Europea ha protestato energicamente con il nostro governo.I motivi della presa di posizione europea si intuiscono dalle statistiche ufficiali di Eurostat ultimi dati disponibili aggiornati a giugno 2014: cinquecentomila domande di asilo sono state presentate in Europa nei dodici precedenti mesi. Questo dato dimostra che sono un colabrodo le frontiere europee quindi anche quelle via terra del NordEst e non solo quelle via mare del Sud compresa la porta africana di Melilla. E conferma che l'emergenza degli ingressi illegali riguarda l'intera Europa. E non solo l'Italia. Secondo quei dati Eurostat le richieste d'asilo in Germania negli ultimi dodici mesi giugno 2013 giugno 2014 sono state 153mila 470 per milione di abitanti in Svezia 67mila la più alta proporzione rispetto alla popolazione 1960 per milione di abitanti in Francia 64mila 235 per milione di abitanti. In Danimarca solo 7mila domande ma i migranti sono 470 per milione di abitanti. Visti questi numeri va da sé che gli stati europei preferiscano che i centomila in transito nel nostro Paese se ne restino in Italia. E va da sé che l'Italia abbia un interesse diametralmente opposto: evitare che chi vuol raggiungere altri stati resti bloccato in Italia. Di qui la tensione politica dell'estate scorsa.Il problema del resto non è certo di polizia ma politico e rientra nelle sempre più pressanti richieste di modifica del Regolamento di Dublino III che dovrebbero consentire al profugo di scegliere lo stato di destinazione: soluzione caldeggiata dagli stati del Sud Europa compresa l'Italia che avrebbe potuto approfittare del suo semestre di guida ma non l'ha fatto. E fortemente osteggiata da quelli del Nord.Per Khalid Chaouki deputato Pd coordinatore Intergruppo parlamentare immigrazione l'Italia per avere voce in capitolo e cambiare il regolamento di Dublino III deve innanzitutto rispettarlo anche e soprattutto per garantire i più vulnerabili che perdendosi nelle maglie della non identificazione rischiano di cadere vittime della tratta e dello sfruttamento. Garantire l'identificazione dei richiedenti asilo però aggiunge Chaouki significa spesso andare contro la loro stessa volontà. Molti rifugiati infatti manifestano la loro intenzione di non lasciare le proprie impronte digitali al fine di trasferirsi in altri paesi europei e ricongiungersi con eventuali parenti.Di fronte alle bacchettate europee alle autorità italiane il ministero dell'Interno ha reagito il 23 settembre con una circolare che disponeva la distribuzione di 162mila volantini informativi in diverse lingue agli stranieri appena arrivati ammonendoli che se si fossero rifiutati di essere identificati la polizia li avrebbe fotosegnalati con l'uso della forza. E li avrebbe denunciati all'autorità giudiziaria. Il volantino non spiegava come fosse possibile denunciare delle persone prive di identità. Inoltre conteneva una incredibile stranezza solo per gli stranieri francofoni: l'avviso che oltre ai rilievo delle impronte digitali sarebbero stati sottoposti all'acquisizione delle impronte dei palmi delle mani des palmes des mains. Peccato che le impronte palmari a causa di problemi informatici al momento non possano essere usate per le comparazioni. Ma tant'è.Due giorni dopo la circolare sui volantini il Viminale emetteva una seconda circolare con le indicazioni operative alle questure italiane per la regolarizzazione mediante fotosegnalameno e rilievi dattiloscopici tutti gli ingressi illegali. Le circolari del Viminale hanno svegliato un po' le questure ma è rimasto il fatto che non è possibile materialmente obbligare qualcuno a farsi sottoporre a fotosegnalamento. Nella pratica le due iniziative del ministero dell'Interno hanno sortito due effetti negativi. Il primo è che ha messo in difficoltà le forze dell'ordine perché non hanno strumenti e mezzi per fotosegnalare tutti i migranti. Il secondo è che ha spaventato i migranti che temendo il possibile uso della forza nei loro confronti sono stati ancor più incentivati a opporre resistenza oppure a sottrarsi a ogni controllo non appena messo il piede in Italia.A quasi tre mesi dalle due circolari del Viminale sul fotosegnalamento all'epoca gli ingressi illegali erano 130mila sono stati registrati altri 36mila sbarchi. E la prassi di non identificare tutti gli stranieri ma solo una minima parte continua. Lo conferma Desio De Meo dell'organizzazione Farsi Prossimo: è il responsabile del centro di accoglienza Casa Suraya una delle strutture che a Milano accolgono i profughi siriani di passaggio in città. Chiediamo ai nostri ospiti se siano stati fotosegnalati da qualche parte raconta E la risposta è sempre 'no'. Certo è che i flussi migratori si sono praticamente tiplicati nel corso del 2014 rispetto all'anno precendente. Per fronteggiare un'emergenza di simili proporzioni sarebbe stato necessario garantire un adeguato investimento di uomini e mezzi anche con il contributo dell'Europa. E invece il dibattito politico è stato praticamente tutto assorbito e ridotto al superamento di Mare Nostrum con Triton.In Italia denuncia Daniele Tissone segretaio CgilSilp nonostante tante chiacchiere non abbiamo ancora un piano nazionale per la gestione dell'emergenza immigrazione. Ciò genera una gestione dell'accoglienza in una situazione questa sì di continua emergenza. La prova della mancanza di un piano arriva dai Cie: dei tredici previsti in Italia ce ne sono in funzione cinque o sei operanti al 50 per cento che ospitano a fronte di decine di migliaia di ingressi illegali circa 400 stranieri in attesa di indentificazione e espulsione. Negli ultimi anni conclude Tissone il 60 per cento di tutti i migranti irregolari rintracciati sul nostro territorio pur essendo transitati nei Cie di fatto è rimasto in Italia segno del fallimento dell'obiettivo che si era posto il legislatore. Oggi meno del 50 per cento degli stranieri chiede asilo in Italia gli altri si rifiutano. E noi cosa dovremmo fare secondo il Viminale? Denunciare chi si oppone all'identificazione e intasare le procure? Senza contare che a volte può capitare che i rilievi fotografici fatti dalle nostre scientifiche siano inseriti nella banca dati nazionale che non dialoga con quella europea.Sulla stessa linea il sindacato indipendente Coisp. A metà dicembre a Padova tuona Franco Maccari cinquantaquattro stranieri si sono rifiutati di farsi fotosegnalare. Mi fa ridere pensare che dovremmo denunciarli se non sappiamo chi sono. Di questi quarantadue nella notte si sono dileguati. Al Brennero continua il leader Coisp è un disastro una Lampedusa di montagna: la polizia austriaca si piazza sui treni e rispedisce indietro tutti i migranti che arrivano dall'Italia. E il Viminale cosa fa? Chiude 267 uffici ottanta dei quali della Polizia ferroviaria. E poi distribuisce quei volantini che ci hanno creato solo disagi e difficoltà.Per Giuseppe Tiani segretario del Siap la carenza di uomini e mezzi rende di fatto impossibile fotosegnalare tutti gli stranieri. Penso che per affrontare questo problema servano finanziamenti straordinari. Ma alla luce di quanto è emerso nell'inchiesta Mafia Capitale penso che i fondi debbano essere gestiti dalla polizia. Per Lorena La Spina segretario dei Funzionari di polizia il notevole aumento dei flussi migratori ha complicato enormemente l'organizzazione dei servizi di foto segnalamento sul territorio ad esempio in prossimità dei punti di arrivo o smistamento così da ridurre possibilità di fuga e di elusione. Si tratta di un'attività molto difficile da compiere senza la collaborazione degli interessati con particolari criticità per i nostri operatori. Anche per questo sarebbe auspicabile una modifica del Regolamento di Dublino che potrebbe favorire proprio la partecipazione da parte degli stranieri alle procedure di identificazione con effetti positivi sulla sicurezza del nostro Paese e dell'intera Europa.di TOMASO CLAVARINOMamadou sta seduto su una roccia lo sguardo rivolto verso il mare il cappuccio della felpa sulla testa per proteggersi dal vento. Ha diciassette anni e viene dal Mali e da quattro mesi è tra i circa quattromila abitanti di quella che è una vera e propria tendopoli sulle pendici di una montagna impervia esposta ad ogni tipo di intemperia. Tende fatte di sacchi di plastica coperte raccolte dai bidoni dell'immondizia piccoli falò per riscaldarsi e nulla più.Scappato dalla guerra nel nord del Mali dalla povertà dalla violenza e dalla fame Mamadou ha attraversato Mauritania e Algeria prima di raggiungere questo monte che si erge di fianco alla città marocchina di Nador e guarda dall'alto la piccola enclave spagnola di Melilla la porta d'Europa in Africa.Qui ha incontrato migranti provenienti da buona parte dell'Africa subsahariana. Ci sono Maliani Senegalesi Camerunensi Liberiani Ghanesi Guineensi tutti giunti su queste pendici rocciose con un unico obiettivo: superare il muro che divide il Marocco da Melilla. Una tripla barriera di 12 chilometri controllata da dozzine di telecamere e pattugliamenti continui da parte della Guardia Civil spagnola. Una fortezza apparentemente inespugnabile ma non per queste persone in fuga da una vita di stenti che sognano un futuro migliore. Tre o quattro volte alla settimana i migranti scendono a ondate dal Monte Gurugu e dopo aver studiato la posizione delle guardie provano a saltare il muro. Quelli che ce la fanno vengono portati al CETI Centro de Estancia Temporal de Inmigrantes un centro di primo soccorso sull'orlo dell'esplosione con quasi duemila persone in spazi studiati per al massimo cinquecento in attesa di conoscere il loro destino gli altri fermati dalla Guardia Civil vengono rispediti immediatamente in Marocco dove finiscono nelle mani delle forze di sicurezza di Rabat.Una chiara violazione delle leggi internazionali spiega José Palazon un attivista di Melilla che espone i migranti a nuove violenze in un Paese che non rispetta i diritti umani. Ogni volta che c'è un tentativo di salto del muro centinaia di migranti rimangono feriti non dalla barriera di ferro ma dai bastoni della polizia marocchina. E' questo il più grande incubo dei migranti in attesa di entrare a Melilla: la polizia marocchina. Lo è sia di quelli che vivono tra gli alberi sul monte Gurugu sia di quelli che si nascondono nelle periferie delle città del Marocco in attesa di arrivare in Europa circa 80mila persone secondo una recente stima.Quasi ogni giorno all'alba i soldati marocchini lasciano la loro base ai piedi del Gurugu e vengono a distruggere il nostro accampamento e tutte le nostre cose racconta Idriss che a stento riesce a camminare a causa dei colpi ricevuti da parte dei soldati. Abbattono le tende le bruciano gettano via il poco cibo che abbiamo messo da parte ci rubano i soldi i telefoni e se riescono a prendere qualcuno di noi lo arrestano lo picchiano e lo portano a Rabat. Cadiamo dai dirupi molti di noi si rompono braccia e gambe non abbiamo medicine con le quali curarci. Abbiamo smesso di contare i morti.Mamadou porta addosso ancora i segni dell'ultimo pestaggio ricevuto sull'avambraccio sinistro una larga ferita da poco cicatrizzata. Freddo fame disagi e violenze sono all'ordine del giorno sul Monte Gurugu. Un monte che ogni anno che passa sembra sempre più un girone dantesco dove solo tre o quattro ragazze hanno il coraggio di vivere invece di unirsi alle donne nascoste nelle foreste di Selouane in attesa di una piccola barca che le possa portare con i loro figli sulla spiaggia di Melilla.Non tutti i migranti infatti provano ad entrare a Melilla saltando il muro. Quelli che lo fanno sono i più disperati quelli che hanno speso tutti i soldi racimolati prima della partenza durante il viaggio fino a qui quelli ai quali i soldi sono stati rubati dalla polizia e dai soldati dalla mafia che controlla il traffico di migranti. Quelli che se lo possono permettere provano ad arrivare a Melilla via mare o comprando passaporti falsi per lo più le persone provenienti dal Medio Oriente e dagli altri paesi nord africani. Altri pagano duemila euro per un passaggio in auto. Ma non nel sedile del passeggero bensì nel doppiofondo del bagagliaio vicino al motore al tubo di scappamento. Un rischio enorme per la vita queste persone rimangono ore senza aria a temperature elevate spiega Juan Antonio Martin Rivera luogotenente della Guardia Civil Da quello che sappiamo solamente qui i migranti provano ad attraversare la frontiera in questo modo.Tutti hanno lo stesso sogno: l'Europa. Un'Europa che invece non li vuole che chiude gli occhi davanti alle violenze sia marocchine che spagnole sempre più spesso denunciate dalle ong. Secondo Abdelmalik El Barkawi delegato del governo spagnolo a Melilla l'enclave sta affrontando una pressione migratoria senza precedenti e probabilmente è per questo motivo che il governo di Mariano Rajoy non ha detto nulla sulla nuova ulteriore barriera che il Marocco sta costruendo attorno a Melilla. Un muro con filo spinato che secondo alcuni giornali locali sarebbe stato finanziato con parte dei cinquanta milioni di euro ottenuti dalla Spagna dall'Unione Europea per rafforzare le proprie frontiere. Affermazioni prima confermate e poi smentite da Madrid dice padre Esteban Velazquez gesuita uno dei pochi a fornire aiuto ed assistenza ai migranti che si trovano in territorio marocchino.Abbandonati a se stessi intrappolati alle porte dell'Europa vittime impotenti di violenze continue i migranti sub sahariani sono costretti anche ad affrontare deportazioni illegali da parte del governo spagnolo. Quando un migrante passa la frontiera si trova in territorio spagnolo e non può essere rimandato in Marocco. Ha il diritto di avere a disposizione un traduttore e un avvocato e può fare richiesta d'asilo. Il governo di Madrid non ha alcun diritto di riportare i migranti in un Paese nel quale la loro vita è in pericolo afferma Teresa Vazquez Del Rey avvocato del CEAR ComisionEspanola de Ayuda al Refugiado.A un centinaio di chilometri da Nador e Melilla c'è la città di Oujda un'area di transito per molti migranti sul confine algerino. Qui la vita per le persone in attesa di partire per l'Europa sembra essere leggermente migliorata da quando nel settembre 2013 il governo marocchino ha deciso di dirottare i migranti arrestati a Nador non più qui ma a Rabat. Prima le violenze erano quotidiane racconta Abdullah 35 anni dal Burkina Faso. Molte persone stanno iniziando a capire che tentare di arrivare in Europa è davvero troppo pericoloso. Quindi in centinaia hanno fatto domanda per un permesso di residenza qui in Marocco per provare a vivere e lavorare nel Paese. La maggior parte dei migranti di Oujda vivono al FAC una sorta di piccolo campo fatto di tende allestito all'interno del campus dell'Università Mohamed I. Sono aiutati dagli studenti e il clima che si respira sembra apparentemente calmo. Tuttavia i giornalisti non sono i benvenuti perché qui la presenza della mafia nigerina che controlla il traffico di uomini e donne è molto forte.Perché allora la situazione nella quale si trovano a vivere i migranti a Oujda e a Nador è così diversa? Padre Esteban Velazquez non ha dubbi: Perché a Nador e nella vicina Beni Ensar c'è la frontiera spagnola e il governo di Madrid ha delegato il ruolo di sceriffo alla polizia marocchina.Violenze mafia arresti nulla sembra essere in grado di scalfire la forza di volontà di queste persone di questi migranti che da più di cinque anni vivono e si nascondono in Marocco su di un monte per riuscire ad entrare a Melilla. Un mio amico Moussa è stato sul Gurugu per cinque anni ha provato sessantasette volte a saltare il muro racconta Ibrahim mentre gioca a carte in una piccola tenda adibita a casinò sulle pendici del monte. La sessantottesima volta ce l'ha fatta. Possono trattarci come animali picchiarci rubarci tutto ferirci anche ucciderci ma non sanno da cosa scappiamo e non sanno quanto sia forte il nostro desiderio di arrivare in Europa. Non abbiamo nulla da perdere nemmeno la nostra vita.Wael con il fratellino Fotogramma Bravo collega! gli ha detto il medico della Mangiagalli quando ha sentito la sua storia. E lui sotto i baffetti leggeri da adolescente ha riso per l’orgoglio e lo scampato pericolo. A quindici anni Wael da solo ha messo al mondo un bimbo suo fratello che si è ostinato a nascere nel momento meno opportuno nel mezzo della Libia e di un viaggio rischiosissimo la mamma che gridava Sto per morire!. Ho passato mezz’ora a piangere seduto in un angolo ammette il ragazzo un viso paffuto e bello ancora infantile . Poi ho detto: mamma tu non morirai ci sono qua io!. S’è rialzato uomo ha assistito la donna in un lunghissimo travaglio ha tagliato il cordone ombelicale con le forbici che c’erano e ha pure cucito con ago e filo di cotone. La mamma con il quarto figlio Mahmoud Fotogramma Un buon lavoro conferma la pediatra che ha visitato l’altro ieri il neonato a Milano. Mahmoud adesso ha due mesi e mezzo pesa anche più della norma ha una nuova tutina imbottita azzurra a prova di inverno e dorme pacifico in una delle stanze di Casa Suraya gestita dalla Cooperativa Farsi Prossimo per i siriani di passaggio in città uno dei centri più tranquilli confortevoli e sicuri in cui sperare di capitare. La mamma Hajar 33 anni che ha lo stesso volto tondo e grazioso del figlio dottorino racconta una storia lunga e articolata: Posso riempire un quaderno intero. Tra le odissee dei rifugiati una delle più complicate possibili: dalla Siria al Libano al Sudan quindi in Libia per imbarcarsi verso l’Europa. Si comincia dalla guerra civile in corso da quattro anni. Vivevamo nel campo di Yarmuk alla periferia di Damasco padre madre e tre figli. La battaglia arriva presto sotto casa. Fuggiamo in Libano. Dopo due anni però mio marito con i suoi documenti palestinesi non può più restare. Ma per l’Europa ci chiedono 7. 000 dollari a testa. Troppi. La famiglia opta allora per il più economico e povero Sudan. Insetti ovunque si dorme a terra non c’è nulla. Incinta vado in ospedale e ho paura: non voglio partorire lì. La donna pensa addirittura di rientrare in Siria dai miei genitori. Il marito si oppone e decidono di dar fondo a tutti i risparmi per far viaggiare mamma e figlio maggiore verso Nord: Voglio che il mio quarto bimbo nasca in Europa dice candidamente spero che possa così salvarci tutti. Al settimo mese di gravidanza Hajar accompagnata da Wael si affida ai trafficanti di Khartoum e parte. Concordiamo il prezzo di 6. 000 dollari in due fino alla spiaggia da cui ci saremmo imbarcati. Viaggiamo in macchina in carovana. Facciamo soste anche di giorni a volte chiusi in una stalla con gli animali. Cambiamo diverse vetture e trafficanti. Il più sgradevole è l’uomo che li conduce attraverso la Libia fin quasi alla costa. Gli chiedo di affrettarsi perché sto per partorire lui mi zittisce. Le doglie arrivano alle quattro di notte madre e figlio ormai in viaggio da due mesi sono chiusi con altri profughi in un appartamento di Ajdabiya. Chiamiamo il trafficante perché la porti all’ospedale racconta il ragazzo ma lui risponde che non possiamo uscire di casa. Promette di mandare un’auto quelli che arrivano dicono di andare a cercare una levatrice. La donna intanto grida e si dispera. Mai sentito tanto dolore. Nessuno viene ad aiutare. È a questo punto che il dottorino si rianima e interviene. Mahmoud nasce alle 7 del mattino e per tutto il giorno il neonato rimane sporco la sera qualcuno porta shampoo e acqua. I vestitini fatti con strisce di stoffa il neonato resiste tenacemente altri due mesi in viaggio poi in barca dalla Libia verso l’Italia. Infine a Milano si può assopire placido.Una casa lontano da casa è il nuovo centro Sprar per richiedenti asilo e rifugiati inaugurato a Ballarò. Trenta posti letto allestiti in quelli che erano i locali dei padri gesuiti di Casa Professa a pochi passi dal centro Astalli che ogni giorno accoglie i migranti con vari servizi. Il progetto finanziato dal fondo per l'inclusione sociale degli immigrati ha come capofila il centro Astalli di Palermo e coinvolge anche il Comune il centro Astalli di Roma e il centro di studi e ricerche Giuseppina Arnao. Il progetto era già partito nel 2008 con la ristrutturazione dei locali consegnati soltanto nel 2014 per una seria di intoppi burocratici. Adesso al centro Sprar ci sono già alcuni ospiti nigeriani maliani e del Burkina Faso. Per loro non soltanto un posto letto ma anche servizi di assistenza sanitaria e corsi di italiano. Agli inizi dice Alfonso Cinquemani presidente del centro Astalli di Palermo era un progetto sperimentale che serviva a trovare una soluzione abitativa ai migranti già residenti in città. Oggi come Sprar serve a rispondere all'emergenza dei nostri giorni. Per accogliere appunto tutti i migranti che arrivano in città e che hanno diritto a richiedere l'asilo.Prosperi gli affari per i trafficanti. In Libia in Egitto in Turchia? No qui a pochi passi tra la Stazione Centrale e il piazzale vicino alla struttura d’accoglienza in strada o sotto le pensiline dal venditore di kebab o all’uscita da un albergo cinese. La rete è vasta articolata multinazionale. E in quindici mesi di emergenza siriana con il passaggio costante di profughi attraverso Milano ha avuto modo di organizzarsi al meglio. A mettere insieme testimonianze di migranti volontari operatori e mediatori si scopre che almeno la metà dei 55 mila approdati qui da ottobre 2013 ha fatto ricorso a un passeur . Con un livello di professionalità sempre più alto. Al punto che adesso i trafficanti migliori sono in grado di fornire con una certa rapidità biglietti aerei e documenti falsi. Con clausola di assicurazione in caso di fallimento. La rotta aerea Negli ultimi mesi la più richiesta. Pulita facile adatta a famiglie con bambini. Ma costosa. Prezzo base: 1. 500 euro tutto compreso. Il primo contatto è in Stazione Centrale: gli uomini vengono condotti da un barbiere; le donne che pure non rinunciano al velo vengono truccate. L’aspetto complessivo della famiglia viene occidentalizzato. Quindi genitori e figli vengono accompagnati agli apparecchi per le fototessere. Tempo una settimana due al massimo e avranno dei documenti nuovi di solito svizzeri o greci con dei nuovi nomi impronunciabili. È uno degli scogli al controllo passaporti di Malpensa o di Orio al Serio per quanto il trafficante abbia accuratamente scelto un volo per Stoccolma al mattino presto sperando in verifiche più fiacche. Come ti chiami? chiede il poliziotto. E il malcapitato non sa neanche come si pronuncia la propria nuova identità. Documenti sequestrati denuncia invito a presentarsi in Questura per regolarizzarsi. E se ha pagato 2. 500 euro invece della tariffa base di 1. 500 ha diritto ha riprovarci con nuovi documenti e nuovi biglietti. Magari ripresentandosi allo stesso gate . Una scommessa ma la gran parte dei migranti a furia di tentare passa. Gli infiltrati Il primo contatto parla l’arabo. È siriano palestinese al massimo egiziano. Non si allontana molto dall’area linguistica dei profughi. S’avvicina con circospezione. Suri? chiede siriano?. Ha una pronuncia familiare induce a fidarsi. Il luogo principe delle trattative è la Centrale con le sue strade limitrofe. Ma dall’inizio i centri di accoglienza hanno segnalato anche alle autorità facce sospette passaggi d’auto via vai poco tranquillizzanti. Lo ha denunciato apertamente tra gli altri don Virginio Colmegna nel periodo in cui la sua Casa della Carità ha destinato alcuni posti ai profughi siriani. Lo raccontano molti altri. Abbiamo avuto problemi sì dice Alberto Sinigallia presidente del Progetto Arca che gestisce la struttura di via Aldini è intervenuta la polizia. Abbiamo avuto anche una persona un maghrebino che si era offerto come volontario. Ma che in realtà già nel tragitto dalla stazione al centro d’accoglienza chiedeva 30 euro. La vicenda degli infiltrati la raccontano più fonti: uomini che si mescolano ai rifugiati sbarcati al Sud e arrivati a Milano in treno e si lasciano smistare nelle diverse strutture. Obiettivo: diventare un riferimento per la vendita di viaggi clandestini. Un passaggio via terra costa 600800 euro a persona fino alla Germania o al Belgio. Ho visto anche una Jaguar davanti al centro una sera tardi dice un’operatrice. E poi furgoni macchine a sette posti taxi italiani targhe svizzere. Le truffe Tra le auto fermate una Y 10 con sette persone a bordo e un autista senza patente. Al volante entra in scena il secondo livello dei passeur : per la gran parte romeni o dell’Europa dell’Est ne hanno fermati a Bergamo a Trento al valico del Fréjus: tutti partiti da Milano. Molti guidano verso la meta pattuita. Altri s’avviano verso la Brianza si fermano all’autogrill e inventano un problema. Oppure girano per un’ora e poi fingono di aver avvistato la polizia: Scendete passerò a riprendervi. L’anticipo del viaggio metà del costo a quel punto è perso. A qualcuno poco prima di Natale è andata peggio: rapinato di tutto. Un quarantenne che viaggiava con il figlio di 13 anni e altri due ragazzi è stato selvaggiamente picchiato. L’auto che lo trasportava era seguita da un’altra. Deviazione in campagna fermata imprevista dalla seconda macchina scendono due complici dell’autista. E il viaggio che doveva arrivare in Belgio si ferma al San Gerardo di Monza in ospedale. ROMA Una storia tra tante storie. È quella della fuga dal suo paese in guerra di un bambino siriano Marhaba raccontata nel film diretto da Pupi Avati Con il sole negli occhi. in prima serata su Rai 1 il 2 febbraio. Un bambino che arriva a Lampedusa vivo per miracolo da dove inizia la ricerca di quel che resta della sua famiglia che lo spingerà fino in Germania. Una storia tra tante tra le molteplici che con sempre più frequenza raccontano le cronache e che il Centro Astalli il servizio dei Gesuiti per i rifugiati vive ogni giorno. È a uno di questi ragazzi che il regista si è in parte ispirato per comprendere meglio: I rifugiati devono essere visti come singoli sostiene Pupi Avati Non sono una massa ottocento o mille. Tutti sono una persona. E quando ho visitato il Centro Astalli prosegue io che ero preparato a quello che tutta l’iconografia ci racconta sulle immigrazioni e le sue scene spaventevoli soprattutto per i bambini ho trovato invece una struttura modello dove sono più tornato. Così posso dire qui non siamo soltanto questo ma c’è anche un tipo di accoglienza che ha attenzione e amore. Al Pedro Arrupe Pupi Avati ha visitato il Centro Pedro Arrupe nella periferia nord sulla Salaria: un ex albergo dei ferrovieri avuto grazie a un comodato con le Ferrovie dello Stato dove è stato allestito un centro per famiglie richiedenti asilo e rifugiate. E il regista si è soffermato poi all’Aver Drom che accoglie in semiautonomia minori e giovani adulti e alla Casa Di Marco dedicata ai bambini e ai ragazzi da zero a diciassette anni privati della possibilità di crescere nella propria famiglia di origine. L’esperienza e la professionalità maturata dagli operatori e una presenza costante e qualificata dei volontari afferma padre Camillo Ripamonti attuale presidente del Centro Astalli rendono queste strutture luoghi in cui i ragazzi possono fare un’esperienza positiva di crescita. E i minori stranieri non accompagnati sono in questo momento la categoria più debole perché scappano piccolissimi da guerre e persecuzioni e cercano rifugio nel nostro paese aggiunge . Quando arrivano la prima cosa importante è una famiglia sostitutiva l’inserimento scolastico; per i più grandi e passiamo poi ai corsi professionali. La storia di Edelawit Vicende come quella raccontata del film che si ispirano a volte anche a storie reali. Come quella di Edelawit rifugiata in Italia da quando aveva 8 anni che oggi ne ha 18 arrivata nel nostro paese dall’Etiopia. Mi ricordo mio padre ha raccontato lei stessa . Io era la sua preferita. La più piccola quella con cui giocare e fare delle belle passeggiate. In Italia la famiglia è arrivata a tappe prima la madre con la sorella maggiore dopo due anni lei e gli altri due fratelli. Da quando sto in Italia ho vissuto in due centri d’accoglienza e in una casa famiglia per minori prosegue il racconto Ora devo pensare a trovare una strada mia indipendente da adulta. Ma non è facile. Sono etiope si vede dal colore della pelle ma sogno e penso in italiano perché ho passato più anni a Roma che ad Addis Abeba. I miei fratelli più grandi lavorano e vivono insieme. La cosa più ovvia è andare a stare con loro. Sono fortunata rispetto a tanti ragazzi che non hanno nessuno ma nonostante ciò lasciare la casa famiglia non è semplice.

Gonçalo Saraiva Matias 35 anos vicedirector da Faculdade de Direito da Universidade Católica Portuguesa é o novo director do Observatório das Migrações. Doutorado em Direito — com uma tese em Direito das Migrações — tem entre as suas prioridades já em Janeiro trabalhar com as universidades para estudar a forma de captar mais estudantes de outros países. O Observatório das Migrações é uma unidade informal no âmbito do Alto Comissariado para as Migrações que tem por função o estudo e acompanhamento estratégico e científico das migrações. Sucede ao Observatório da Imigração — a mudança de nome acompanha a nova estratégia do comissariado que deixou de centrar atenções apenas na integração de imigrantes para ter como objectivo também a captação de imigrantes olhando para perfis como os estudantes os empreendedores e os artistas explica Gonçalo Matias. Nesse sentido informa já no início de Janeiro haverá um workshop com universidades portugueses para debater formas de captar mais estudantes estrangeiros. Outra das missões do Alto Comissariado passa a ser a emigração. E o apoio ao regresso dos que têm emigrado. Gonçalo Matias diz que neste ponto o papel do observatório será o de estudar os principais destinos dos emigrantes as razões da saída as razões que podem levar ao regresso de forma a poder apresentar ao Governo propostas de actuação. O professor de Direito da Católica também professor convidado da Washington University na St. Louis Law School tomou posse este mês. Escreveu As Migrações e a Cidadania publicado recentemente pela Fundação Francisco Manuel dos Santos. Em 2007 tinha escrito com Patrícia Fragoso Martins A convenção internacional sobre a protecção dos direitos de todos os trabalhadores migrantes e dos membros das suas famílias: perspectivas e paradoxos nacionais e internacionais em matéria de imigração para o antigo Observatório da Imigração.O Papa Francisco pediu nesta quintafeira que os fiéis de todas as religiões lutem "contra as formas modernas de escravatura" durante a homilia na missa que celebrou no Vaticano por ocasião da Jornada Mundial da Paz. Fêlo depois de no mês passado ter apelado aos consumidores para que não comprem artigos de baixo preço que possam ser produzidos em fábricas onde os trabalhadores podem ser forçados a trabalhar ou sujeitos a outras formas de exploração. "Todos estamos destinados a ser livres todos chamados a ser filhos e cada um de acordo com a sua responsabilidade a lutar contra as formas modernas de escravatura" disse o pontífice argentino na Basílica de São Pedro no Vaticano. No discurso associado à celebração da 48.ª edição da Jornada Mundial da Paz que este ano tem por tema "Já não somos escravos mas sim irmãos e irmãs" o Papa Bergoglio considerou que as "escassas" oportunidades de trabalho contribuem para o aparecimento de formas de escravatura moderna. Esta mensagem vem reforçar o pedido que fez no passado dia 12 de Dezembro quando disse que as empresas devem oferecer aos funcionários "condições de trabalho dignas e salários adequados" e classificou como forma de opressão moderna "a corrupção de quem está disposto a fazer qualquer coisa para enriquecer". Essa mensagem foi enviada aos chefes de Estado e Governos instituições internacionais e paróquias católicas diz a Reuters. Na primeira missa do ano o Papa Francisco mencionou como causas da "escravidão moderna" a pobreza o subdesenvolvimento e a exclusão combinadas com a falta de acesso à educação ou "com a realidade caracterizada pelas escassas para não dizer inexistentes oportunidades de trabalho". O índice global da escravidão divulgado pela segunda vez em Novembro pela Fundação Walk Free concluíu que existiam em todo o mundo 36 milhões que viviam como escravos: vítimas de tráfico humano e forçadas a trabalhar em bordéis forçadas a trabalhar em fábricas ou a cumprir trabalhos duros vítimas de dívidas abusivas ou mesmo nascidas em cativeiro. Os lucros do trabalho forçado estão estimados em 150 mil milhões de dólares anuais pela Organizacao Mundial do Trabalho. O Papa afirmou ainda que a corrupção "acontece no centro de um sistema económico onde está o deus dinheiro e não o homem a pessoa". Apontando a prostituição e o tráfico de órgãos como formas de escravidão moderna o Papa estacou que o direito de toda a pessoa a não ser submetida à escravidão nem à servidão deve ser "reconhecido como um direito internacional como norma irrevogável". O Papa Bergoglio que fez da defesa dos direitos dos imigrantes uma das suas bandeiras voltou a referirse a eles na missa de Ano Novo. Referiuse aos "muitos migrantes" que na sua viagem "sofrem a fome se vêem privados da liberdade despojados dos seus bens ou de quem se abusa física e sexualmente". Imigrantes que "depois de uma viagem duríssima e com medo e insegurança são detidos em condições às vezes inumanas" e se vêem "obrigados à clandestinidade por diferentes motivos sociais políticos e económicos" ou "com o objectivo de viver dentro da lei aceitam viver e trabalhar em condições inadmissíveis". Por último referiuse aos "conflitos armados à violência ao crime e ao terrorismo" para dizer que são "outras causas da escravatura". Insistiu que muitas pessoas são sequestradas para serem vendidas ou recrutadas como combatentes e exploradas sexualmente enquanto outras se vêem forçadas a emigrar deixando tudo o que possuem.Um plano a 25 anos "políticos com coragem" e uma abordagem de controlo de danos são os ingredientes da receita do relator especial das Nações Unidas François Crépeau para enfrentar o desafio dos fluxos migratórios. Segundo a Organização Internacional para as Migrações quase cinco mil imigrantes morreram à procura de melhores condições de vida ao longo de 2014 o ano mais mortífero desde que há registos. A julgar pelo início do novo ano a tendência parece ter vindo para ficar. Na sextafeira as autoridades italianas resgataram mais um cargueiro com quatro centenas de imigrantes a bordo. "Não podemos esperar que os três milhões de pessoas à espera nas nossas fronteiras não tentem atravessálas" comenta o relator especial das Nações Unidas para os Direitos Humanos dos Migrantes. Em entrevista telefónica à Lusa François Crépeau diz que a resolução do problema exige "ideias criativas" e "não vai acontecer de um momento para o outro". Mas arrisca uma receita. Primeiro um plano a longo prazo para os próximos 25 anos assente numa maior mobilidade. "É extremamente paradoxal que hoje em nome de medidas para controlo de fronteiras os Estados tenham perdido o controlo dessas mesmas fronteiras agora controladas por traficantes" critica considerando que a política de tolerância zero demonstrou ser "a abordagem errada". Daí que o segundo ingrediente passe por políticas de "redução de danos" retirando poder às redes de traficantes. "Proibir as pessoas de entrarem apenas cria um mercado para as máfias que prometem ultrapassar a proibição. Se queremos controlar o fluxo de pessoas temos de autorizar a passagem para a maioria delas" contrapõe o professor canadiano considerando que é aqui que a União Europeia pode "demonstrar liderança" como já o fez com os acordos de Schengen por exemplo. Lutar contra a exploração laboral dos imigrantes passa por reconhecer que eles são necessários e por lhes dar poder para denunciarem os abusos e reivindicarem os seus direitos. O que leva ao terceiro ingrediente: "políticos com coragem". Três anos após o início do conflito na Síria "a Europa nada fez para acolher" os três milhões de refugiados sírios. "Liderança" diz François Crépeau seria um programa conjunto dos países desenvolvidos para os acolher ao longo dos próximos três anos. "O que podemos esperar de pessoas normais que esperam e desesperam sem qualquer solução à vista? Se eu e você estivéssemos nesses campos o que faríamos?" questiona avançando a sua resposta: "Eu iria com os traficantes. E a maioria desses ministros que nada querem fazer fariam o mesmo pelas suas famílias." Por esta e por outras François Crépeau não esconde a irritação face à posição assumida pelo Reino Unido de deixar de financiar as operações de busca e salvamento de imigrantes no mar com o argumento de que incentivam outros a tentarem chegar à Europa. "As operações de busca e salvamento têm a ver com salvar vidas" resume. Portanto o que Londres está a dizer é que "devemos deixálos morrer porque isso será uma lição a todos os candidatos à imigração irregular" interpreta qualificando a posição de "profundamente cínica". Porém "as operações de busca e salvamento são o curativo de uma ferida maior" reconhece. "A verdadeira questão é saber por que é tantas pessoas arriscam a vida e a segurança às mãos de traficantes" realça dando a resposta: "Não há outra hipótese de chegarem à Europa." E quem chega sabe que "há trabalho" para si na Europa. "Porque permitimos nos nossos países que muitos setores da economia funcionassem na base de um mercado laboral clandestino" muito dependente da "exploração de imigrantes irregulares" assinala. "Precisamos desses imigrantes mas o problema é que precisamos deles a dois euros à hora e a única razão por que eles aceitam esses dois euros à hora é porque não têm outra opção" recorda. "Não podemos ficar indignados por chegarem de forma irregular se não lhes oferecemos hipóteses de chegarem de forma regular" sublinha. "Os fundamentos da democracia não estão a ser aplicados aos imigrantes. A democracia deve ser o governo do povo pelo povo e para o povo mas uma grande parte das pessoas não está incluída no 'povo'" destaca. "Uma piada sexista hoje pode arruinar a carreira de um político mas dizer coisas absolutamente ridículas sobre imigrantes ainda é aceitável" compara.O director da Obra Católica Portuguesa de Migrações OCPM defendeu neste sábado que os imigrantes ilegais provenientes do Norte de África e Médio Oriente que têm chegado às costas europeias devem ser considerados refugiados pois tentam escapar da guerra. Francisco Sales Diniz que falava à Lusa a propósito dos casos ocorridos nos últimos dias em que dois navios com centenas de imigrantes a bordo foram abandonados pela tripulação no Mediterrâneo considerou que se trata da continuidade de um drama agravado pelos conflitos. O que se está a passar possivelmente é o agravamento da situação em alguns países como é o caso da Síria em que muitas pessoas tentam fugir arriscando tudo para chegar a uma terra onde possam encontrar paz e condições de vida melhores para viver frisou o sacerdote lembrando que o regime do antigo ditador líbio Muammar Kadafi conseguia bloquear mais a imigração. O responsável da OCPM considerou que o que está em causa é o tráfico de pessoas humanas que se deixam iludir por promessas e arriscam a própria vida por não terem esperança nem futuro. Na situação desesperante em que essas populações vivem não têm nada a perder porque estão em risco de perder a própria vida reforçou. Humanamente falando nós temos de os acolher e se calhar as Nações Unidas têm de olhar para eles mais como refugiados do que como imigrantes ilegais porque as pessoas estão à procura de refúgio para a sua situação desesperante acrescentou. Frei Francisco Sales Diniz apelou a uma atitude diferente por parte da comunidade internacional para tentar resolver a situação no Norte de África no Magrebe e na Síria. Continuamos a ver ditadores e estados a destruírem as populações com guerras e violência apenas para manterem o poder e muitos governantes a apoderaremse da riqueza que devia ser para o desenvolvimento das populações quando a maioria das populações [desses países] vivem na miséria e por isso procuram refúgio destacou. Um dos navios interceptados esta semana ao largo de Itália com 450 imigrantes estava matriculado na Serra Leoa enquanto um outro detectado junto à costa grega transportava perto de 800 passageiros na maioria sírios. Há vários anos que a Itália assiste a um fluxo crescente de migrantes que procuram chegar à Europa através do Mediterrâneo a um ritmo de 400 chegadas por dia. As autoridades italianas estão preocupadas com esta tendência que poderá aumentar significativamente a entrada de imigrantes actualmente já muito significativa. Em 2014 o total das chegadas de imigrantes superou as 160 mil sendo mais de metade sírios ou eritreus.Um navio abandonado pela sua tripulação com 450 migrantes chegou na noite de sextafeira ao porto italiano de Corigliano escoltado pela Marinha do país 48 horas depois de uma operação similar que envolveu outras 800 pessoas. Em menos de 48 horas a Marinha italiana teve de intervir para socorrer navios carregados com migrantes e abandonados nas proximidades das costas de Itália. O Ezadeem navio com 73 metros de comprimento matriculado na Serra Leoa e destinado ao transporte de animais entrou no porto calabrês do sul de Itália cerca das 23 horas locais 22 horas de Portugal continental. A Marinha informou que estão 450 migrantes a bordo homens mulheres e crianças sem detalhar as nacionalidades mas a imprensa italiana divulgou que eram todos de nacionalidade síria. O navio tinha sido detetado na noite de quintafeira aparentemente em dificuldades a cerca de 150 quilómetros ao largo de Crotone na Calábria. Os guardacosteiros italianos adiantaram que o Ezadeen tinha partido da Turquia. Porém o sítio na internet especializado em tráfego marítimo marinetraffic.com contrapõe que a embarcação teria saído do porto cipriota de Famagusta situado na zona sob controlo turco depois de ter partido de Tartus na Síria. Dois dias antes a mesma situação ocorreu com outro cargueiro também abandonado pela tripulação o Blue Sky M que transportava cerca de 800 pessoas. Este navio que tinha pavilhão moldavo chegou na quartafeira a Gallipoli. Há vários anos que a Itália assiste a um fluxo crescente de migrantes que procuram chegar à Europa pelo Mediterrâneo com risco da própria vida a um ritmo de 400 chegadas por dia. Mais de metade destes migrantes são sírios ou eritreus. A grande maioria chega em barcos pneumáticos ou pesqueiros velhos saídos da Líbia onde o caos que se seguiu à queda de Kadhafi deixa o campo livre aos traficantes. A Organização Internacional para as Migrações OIM sublinhou na sextafeira que os traficantes parecem ter optado por 'economias de escala' que lhes permitem ganhos avultados com uma única viagem e uma única nacionalidade. Com pagamentos de mil a dois mil dólares 833 a 17 mil euros uma viagem como a do Blue Sky M pode render cerca de um milhão de dólares o que permite alugar navios e tripulações segundo a OIM.Colónia apagou as suas luzes na hora prevista da manifestação do movimento antiislão Pegida com a catedral câmara e vários outros edifícios históricos e deixarem o centro da cidade na escuridão negando um palco aos activistas. Com cartazes dizendo Bemvindos refugiados e Luzes apagadas contra os racistas milhares de pessoas da contramanifestação congratularamse com a desmobilização da marcha rival. O cenário vaise repetindo por várias cidades alemãs – muita mobilização contra o movimento Pegida acrónimo de Europeus Patriotas contra a Islamização do Ocidente impedindo mais pequenas manifestações dos islamófobos. No Twitter alemães orgulhosos põem imagens das contramanifestações dizendo: Aqui o Pegida não passou. O diário de grande circulação Bild juntouse às vozes críticas do movimento publicando um apelo Não ao Pegida com testemunhos de 50 políticos e celebridades com cobertura a movimentos contra O povo está a parar o Pegida era um dos títulos um editorial elogioso Estão a dizer não à xenofobia e sim à diversidade e tolerância. Não devíamos entregar as nossas ruas a gritos vazios e um link para assinar uma petição contra o Pegida na edição online. Enquanto isso em Dresden a cidadeberço do Pegida as manifestações antiislão continuam a crescer – nesta segundafeira com um número recorde de 18 mil participantes. O movimento Pegida nasceu em Outubro na capital do estado da Saxónia que pertenceu à antiga RDA com manifestações semanais à segundafeira como tinham sido à segundafeira as manifestações pela democracia na Alemanha de Leste. A Alemanha para os alemães Os líderes do Pegida denunciam o que dizem ser uma islamização da sociedade com falta de direitos para as mulheres ou a existência de sistemas alternativos de justiça como a sharia. Dizem ainda defender a manutenção da cultura judaicocristã. Nas manifestações vêemse cartazes dizendo A Alemanha para os alemães. A cidade de Dresden tem apenas cerca de 2% de imigrantes e o número de muçulmanos residentes é de apenas 01% da população. Os apoiantes do Pegida contestam estes números dizendo que os media e os políticos mentem em relação à verdadeira extensão da imigração e presença de muçulmanos. Em Dresden marcando a diferença a contramanifestação foi diminuta mas a fábrica da Volkswagen apagou as luzes para mostrar que a empresa apoia uma sociedade aberta livre e democrática. Também em Berlim as luzes da Porta de Brandeburgo e da torre de televisão foram apagadas para os populistas não tirarem fotos emblemáticas nos locais e como em Colónia a disparidade de números de manifestantes do Pegida e contramanifestantes foi suficiente para parar a acção antiislão: os 300 activistas do Pegida desmobilizaram antes dos cinco mil da contramanifestação de Berlim. Hamburgo Estugarda Munique e Münster foram outras cidades com grandes marchas antiPegida com um total de cerca de 22 mil pessoas segundo a agência de notícias alemã DPA. No antigo Leste em Rostock os opositores ao Pegida com o slogan Bemvindos ao Ocidente! Rostock para todos foram também mais numerosos. Associação a neonazis Na sua mensagem de Ano Novo a chanceler Angela Merkel disse que os apointes do Pegida têm ódio nos seus corações. Outros políticos têm associado os activistas antiislão a neonazis. Durante o fimdesemana surgiram provas ligando um grupo de participantes na manifestação do Pegida a um ataque imediatamente a seguir ao fim do protesto de 22 de Dezembro em Dresden no centro comercial da cidade em que um grupo de cerca de 30 jovens migrantes foram atacados por umas 50 pessoas armadas e com máscaras. Os organizadores do movimento fundado por Lutz Bachman dono de uma agência de fotografia e relações públicas que raras vezes deu entrevistas negam esta associação a neonazis e não permitem símbolos destes nas suas manifestações. Estas têm tido a presença de extremistas identificados pelos serviços de segurança da Alemanha diz a imprensa mas também de reformados e jovens tornandoo um movimento que não é só de franjas extremistas alertam comentadores. O movimento temse centrado ultimamente no ataque à política de asilo liberal da Alemanha que é o país europeu que mais pedidos de asilo recebe – em 2014 estimase que tenham sido 200 mil muito mais do que os 127 mil de 2013 – embora surja em oitavo lugar quando se tem em conta o número de pedidos em relação à população aí é a Suécia o destacado número um. Os apoiantes do Pegida dizem apoiar quem pede asilo mas defendem que quem seja recusado seja imediatamente deportado assim como quem tenha registo criminal. Consequências políticas Os partidos políticos têm reagido condenando o Pegida. Apenas a Alternativa para a Alemanha AfD partido populista que defende o fim das políticas de resgate parece estar a considerar mostrarse como a voz política das preocupações do Pegida. Mas o partido está dividido. Mais preocupante para alguns é a posição da CSU União SocialCristã partido gémeo da CDU de Angela Merkel que num encontro nesta semana planeia debater uma política de asilo justa e equilibrada. Há quem diga que o Pegida surge de uma falta de discussão sobre algumas questões. Gerd Landsberg da Aasociação de cidades e municípios disse à emissora alemã Deutsche Welle que as autoridades não explicam porque é que estão a chegar os refugiados e que os presidentes de câmara muitas vezes são notificados da chegada dos refugiados demasiado perto da data e não conseguem explicar aos seus eleitores a razão da chegada. Se for claro que estes refugiados escaparam por pouco à morte ninguém terá objecções.As regras e procedimentos de atribuição de vistostalento — para estudantes investigadores artistas e outro migrantes talentosos que possam ser especialmente úteis ao país — deverão ser aprovadas até ao final deste ano. Esta é uma das 102 medidas do Plano Estratégico para as Migrações que é colocado em consulta pública nesta segundafeira. Já tinha sido avançada pelo Governo. Agora estabelecese um prazo para a sua concretização. Novidade é a promessa de lançar também este ano ainda um programa de "Empreendedorismo para Emigrantes. Ou seja o Governo vai apoiar a criação de empresas por nacionais não residentes em território nacional. Não se compromete com metas sobre quantas empresas a criar ao contrário do que acontece noutras medidas deste plano estratégico. Mas explica: Dispondo Portugal de uma vasta e muito qualificada diáspora hoje enriquecida por novos perfis migratórios de jovens que têm procurado outros destinos estará aí a primeira fonte de migrantes que nos interessa enquanto nação captar. Para além dos cidadãos portugueses muitos qualificados que se pretende atrair o plano prevê ainda a promoção de políticas de apoio à reintegração de emigrantes economicamente vulneráveis não residentes em território nacional há mais de um ano. Um dos compromissos é apoiar despesas de deslocação e estabelecimento em território nacional. Não se quantifica. A capacitação dos imigrantes empreendedores também será alvo de apoios com programas de incentivo à criação do próprio emprego. A meta é que 200 imigrantes por ano frequentem acções de formação nesta área e que sejam criados também a cada ano 20 negócios. O Plano Estratégico para as Migrações 20152020 estará em debate dez dias úteis. Uma vez em vigor será sustentado pelo financiamento comunitário 20142020 sem onerar de forma acrescida o orçamento nacional. Plano de contingência Num país em défice demográfico — uma emergência social económica e política nacional lêse — são cinco os desafios enumerados: o equilíbrio do saldo migratório; a consolidação da integração e capacitação das comunidades imigrantes residentes em Portugal respeitando e aprofundando a tradição humanista de Portugal; a inclusão dos novos portugueses em razão da aquisição de nacionalidade ou da descendência de imigrantes; a resposta à mobilidade internacional através da internacionalização da economia portuguesa na perspectiva da captação de migrantes e da promoção das migrações como incentivo ao crescimento económico; o acompanhamento da nova emigração portuguesa através do reforço dos laços de vínculo e da criação de incentivos para o regresso e reintegração de cidadãos nacionais emigrados. As medidas previstas tocam as várias áreas. Por exemplo no capítulo Políticas de coordenação dos fluxos migratórios dizse que até ao final do ano o país deverá ter um plano de contingência que permita a disponibilização de meios e resposta humanitária perante eventuais afluxos massivos de imigrantes. Deverá ainda ser criado um novo portal com potencialidades ao nível da gestão dos serviços migratórios de forma desmaterializada para concretizar o chamado Simplex Migrante. E uma nova plataforma online deverá permitir que em qualquer parte do mundo se possa formular um pedido de visto. Em Novembro em declarações ao PÚBLICO Pedro Lomba secretário de Estado Adjunto do Ministro Adjunto e do Desenvolvimento Regional enquadrava a medida do Simplex Migrante da seguinte forma: Tem havido um trabalho de simplificação e é evidente que o fluxo de estrangeiros coloca exigências especiais que devem ser tidas em conta. Mas num tempo em que os Estados competem entre si também pelas decisões mais rápidas a ideia é acelerar e agilizar um conjunto de procedimentos a começar pelos de entrada de obtenção de vistos. A agilização dos procedimentos de inscrição dos estudantes internacionais nos estabelecimentos de ensino superior e dos procedimentos de reagrupamento familiar são especificamente mencionados — neste último caso o públicoalvo referido é quem tem Autorização de Residência para Actividade de Investimento ARI ou seja os detentores dos chamados vistos dourados mas também professores e investigadores estrangeiros por exemplo. Combate ao racismo O estratégia traçada passa ainda por mudar o quadro legislativo referente às punições de actos discriminatórios em função da nacionalidade ou origem étnica. O objectivo é prevenir e melhorar a instrução dos processos contraordenacionais por discriminação racial. O combate à utilização ilegal de mãodeobra nomeadamente o trabalho não declarado e ao tráfico de seres humanos bem como a promoção da melhoria das condições do trabalho levarão a inspecção do trabalho a fazer 300 visitas a locais de trabalho por ano. Na área da Educação e Cultura querse promover o ensino da língua portuguesa aos migrantes crianças e adultos com o envolvimento das escolas do Instituto de Emprego entre outras entidades meta: 5800 formandos em média por ano e 2500 formandos certificados. Valorizar talentos desconhecidos provenientes de bairros desfavorecidos é algo que o Governo conta fazer através da divulgação de 60 autores imigrantes desconhecidos. No capítulo apoio à transição dos descendentes para o mercado de trabalho prevêse a concretização de medidas de fomento da responsabilidade social das empresas no sentido de acolher em estágio e ou emprego jovens descendentes qualificados. Meta: 50 experiências anuais com "efectiva colocação em posto de trabalho". De acordo com os dados dos últimos Censos 2011 recordase no plano residiam em Portugal 871. 813 portugueses nascidos no estrangeiro o que representa mais do dobro dos estrangeiros residentes em Portugal 394. 496. Mais: 92. 700 cidadãos de nacionalidade portuguesa têm pelo menos um progenitor de nacionalidade estrangeira. Estes dados ainda que por aproximação permitem ter em conta a efectiva importância dos descendentes de imigrantes na sociedade portuguesa bem como o ritmo e eficácia do processo de naturalização de imigrantes nos últimos anos. O combate à exclusão social escolar e profissional destes descendentes será feito por exemplo com o Programa Escolhas na procura de respostas integradas a situações de exclusão social escolar e profissional das crianças e jovens mais vulneráveis promovendo uma integração mais efectiva. A meta é esta: garantir uma taxa de sucesso escolar anual superior a 70% e 2000 reintegrações escolares em formação profissional e emprego por ano. E para apoiar "a criação de soluções de empreendedorismo económico e social pelos descendentes de imigrantes" haverá um concurso anual de ideias para jovens. 30 projectos/ano serão apoiados. O documento em discussão pública estará disponível no portal na Internet do Governo.A pressão migratória através da rota do Mediterrâneo tem aumentado? A ONU descreveua recentemente como a rota mais mortífera do mundo num relatório da Agência das Nações Unidas para os Refugiados ACNUR que contabilizava pelo menos 3419 mortes apenas em 2014 – quando no ano anterior tinham morrido cerca de 600 pessoas. O crescimento do número de vítimas é explicado pelo aumento significativo do número de pessoas que tentou alcançar a Europa por esta via. Foram mais de 207 mil os que arriscaram a sua vida nas águas do Mediterrâneo – o triplo do registado em 2011 no auge das primaveras árabes em que cerca de 70 mil fugiram à instabilidade nos seus países. A subida acentuada ocorreu sobretudo a partir do Verão coincidindo com o aumento da violência na Síria e no Iraque perpetrada pelo grupo autodenominado Estado Islâmico. Em Maio a Frontex a agência europeia responsável pelo controlo das fronteiras estimava que até ao final do ano mais de 140 mil pessoas tentariam chegar ao continente através do Mediterrâneo – previsão amplamente ultrapassada. Há quatro grandes rotas normalmente utilizadas por imigrantes para alcançar a Europa através do Mediterrâneo. É sobretudo através da Rota do Mediterrâneo Central – cuja porta de entrada é o sul da Itália – que a maioria chega ao continente mais de 40 mil em 2013 de acordo com a Organização Internacional para as Migrações. Porém a OIM estima que apenas 10% das entradas de imigrantes ilegais na Europa se faça através de barco. A travessia do Mediterrâneo passou a ser mais utilizada nos últimos anos cinco anos sobretudo por causa do maior policiamento das fronteiras europeias terrestres e aéreas obrigando ao recurso a meios menos seguros como pequenos barcos pesqueiros. De onde vem a maioria dos imigrantes clandestinos? O fluxo migratório para a Europa está intimamente associado às dinâmicas geopolíticas dos países e regiões de origem dos imigrantes. Em 2014 cerca de metade dos que atravessaram o Mediterrâneo vieram da Síria e da Eritreia países que a ACNUR identifica como produtores de refugiados o que indicia que factores como os conflitos armados e a perseguição política sejam as principais razões destronando as condições sócioeconómicas para a imigração ilegal. Esta tendência teve início em 2011 quando as autoridades italianas reportaram um aumento de 35% nas detenções de imigrantes ilegais provenientes sobretudo da Tunísia na altura em processo revolucionário. A vaga mais recente é a dos refugiados da guerra civil síria. No último trimestre de 2012 segundo a Frontex foram apenas 96 os sírios que utilizaram a Rota do Mediterrâneo Central mas um ano depois o número disparou para mais de 3400 no mesmo período. Ao todo dos 107 mil imigrantes clandestinos contabilizados pela agência europeia em 2013 quase um quarto vinha da Síria e cerca de 10% da Eritreia. No que respeita a pedidos de asilo são também os sírios – cerca de 47 mil em 2013 – que ocupam a primeira posição à frente da Rússia 35 mil – sobretudo de chechenos – e do Afeganistão 21 mil. Ao Médio Oriente e ao Norte de África como regiões de origem juntase a África Subsariana onde os potenciais imigrantes fazem longas travessias até alcançar os países de acesso ao Mediterrâneo geralmente a Tunísia e a Líbia. A República CentroAfricana o Chade e o Mali são os países de onde saem o maior número de refugiados da região segundo a OIM. Em que países europeus se fixam? Depois de ultrapassarem a perigosa travessia do Mediterrâneo e alcançarem o continente europeu os imigrantes enfrentam um longo e tortuoso processo para conseguirem o estatuto de refugiado. Nos vários centros de detenção nos países de acesso – Itália Grécia Malta e Espanha – são frequentemente vítimas de abusos e maustratos de acordo com algumas organizações de defesa dos direitos humanos. Apesar de serem os países do Sul as portas de entrada para os imigrantes clandestinos é a Norte que eles se costumam fixar. Em 2013 foram aceites mais de 430 mil pedidos de asilo – uma subida de 30% – com a Alemanha a receber um quarto do total segundo o Eurostat seguindose a França e a Suécia com cerca de metade. No último ano o número de refugiados recebidos pela Alemanha superou os 200 mil. Que respostas têm sido dadas pela União Europeia? O grande drama do ponto de vista de Bruxelas é a delineação de uma estratégia comum entre os 28 Estadosmembros para lidar com as entradas de imigrantes ilegais no continente. A Comissão Europeia insiste na ideia de que este é um problema de toda a UE e não apenas dos países que servem de porta de entrada. A medida mais visível tomada até agora destinouse ao problema imediato: travar a taxa de mortalidade no Mediterrâneo. Em Novembro teve início a operação de vigilância Tritão a cargo da Frontex e que conta com o financiamento e a participação dos Estadosmembros. A nova iniciativa veio substituir a Mare Nostrum da Marinha italiana que desde Outubro de 2013 tinha salvado mais de 100 mil pessoas. No entanto os críticos sublinham que a operação europeia tem menos recursos e um raio de acção muito mais limitado do que a italiana. A política de asilo também é um foco de discórdia no seio da UE. Em Junho de 2013 o Parlamento Europeu aprovou a implementação de um sistema de asilo comum mas os Estadosmembros têm oferecido resistência à sua aplicação de acordo com o Council on Foreign Relations.Já lhes chamam navios fantasmas barcos cheios de gente desesperada para fugir à guerra arrebanhada por traficantes que não têm escrúpulos em colocála em carcaças mais aptas para a sucata do que para atravessar o Mediterrâneo em pleno Inverno e deixála depois entregue à sua sorte. Em apenas três dias as forças navais italianas assumiram o controlo de dois cargueiros abandonados pela sua tripulação resgatando mais de 1200 pessoas na sua maioria refugiados sírios. O drama dos que arriscam a vida para chegar às costas do Sul da Europa não é novo – quase 3500 morreram na travessia do Mediterrâneo a rota mais mortífera do mundo nos primeiros 11 meses de 2014 ano em que as chegadas triplicaram o recorde registado em 2011. Só à costa italiana chegaram 160 mil imigrantes a uma média de quase 500 por dia. O que é inédito é o modus operandi que os episódios desta semana revelam. Ao invés dos pneumáticos ou das pequenas embarcações de pesca usadas até aqui pelos traficantes os imigrantes e candidatos a asilo são colocados em cargueiros prestes a serem abatidos mas capazes de levar mais gente e de navegar até às costas europeias em pleno Inverno. Ainda em águas internacionais os navios são colocados em piloto automático dirigidos ao destino e a tripulação abandona os comandos. É o terceiro caso que registamos nestas últimas semanas de navios abandonados à sua sorte com centenas de pessoas a bordo revelou o almirante Giovanni Pettorino comandante de operações da Guarda Costeira italiana. O contrabando é um negócio obscuro pelo que é impossível saber o motivo desta alteração de método ou se esta é uma tendência que veio para ficar. Mas o uso de navios de maior porte acontece depois de Itália ter posto fim a 1 de Novembro à missão Mare Nostrum uma operação de grande escala lançada um ano antes para evitar a repetição de naufrágios como os que provocaram mais de 400 mortos ao largo da ilha de Lampedusa e que permitiu salvar mais de 150 mil vidas. Em seu lugar a Frontex a agência de fronteiras da União Europeia lançou a operação Tritão com orçamento meios e um mandato mais modesto. Ao invés do salvamento dá prioridade ao controlo de fronteiras e os seis navios fornecidos por Estadosmembros devem cingir a sua actuação até 30 milhas da costa. Carlotta Sami portavoz do Alto Comissariado das Nações Unidas para os Refugiados ACNUR explicou à Reuters que o fim da Mare Nostrum bem como o agravamento da instabilidade na Líbia tornou mais arriscado o uso de barcos de menor porte para fazer a travessia. Mas outros têm explicações menos benevolentes. A Tritão é uma operação que não assusta ninguém disse à BBC o eurodeputado britânico Claude Moraes presidente da Comissão de Liberdades Justiça e Assuntos Internos acrescentando que sem o peso de um sistema judicial capaz de os acusar e condenar os traficantes têm menos medo de actuar ao longo das rotas de contrabando. Ganância A isto juntase a ganância. Temos informações de que os imigrantes pagam entre mil a dois mil dólares por pessoa disse à AFP Joel Millman portavoz da Organização Internacional para as Migrações explicando que facilmente os traficantes conseguem um milhão de dólares só com uma viagem o que lhes dá para pagar a tripulação a sua fuga e os subornos que lhes serão úteis em próximas operações. O almirante Pettorino diz que há imigrantes que chegam a pagar 6000 euros pela travessia e os cargueiros em que viajavam estão em fim de vida e podem ser comprados por 100 ou 150 mil euros. Os contrabandists não têm por isso nenhum remorso em abandonar o navio tendo em conta a margem de lucro afirmou citado pelo Corriere della Sera. Terá sido isso que aconteceu com o Carolyn Assense interceptado pela guarda costeira italiana a 20 de Dezembro a 100 milhas 185km da Sicília com 800 imigrantes a bordo. Abandonados pela tripulação os ocupantes usaram um telefone por satélite para alertar as autoridades que entraram a bordo e conduziram o navio até terra. Mais dramático foi o resgate na noite de 30 para 31 de Dezembro do Blue Sky M cargueiro com 38 anos e bandeira moldava travado quando avançava sobre a rochosa costa da Apúlia no salto da bota italiana. Evitámos uma tragédia disse a guarda costeira revelando que quando os seus homens transportados de helicóptero para o cargueiro conseguiram desactivar o piloto automático a embarcação estava a cinco milhas e 45 minutos do embate. A bordo do navio que terá partido da Turquia seguiam 800 pessoas a maioria de nacionalidade síria acolhidas em escolas de Gallipoli estância balnear onde o navio atracou na madrugada de quintafeira. Inicialmente foi dito que a tripulação tinha abandonado o navio pouco depois de a Marinha grega o ter abordado perante um alerta que dava conta da presença de homens armados a bordo. Mas a polícia italiana deteve entretanto quatro alegados tripulantes incluindo o comandante que se teriam tentado misturar entre os passageiros. A história varia pouco no caso do Ezadeen um navio com quase 50 anos construído para transportar gado e deixado à deriva a 40 milhas do cabo de Leuca. Estamos sozinhos e não temos ninguém para nos ajudar respondeu uma passageira quando quintafeira à noite a capitania pediu informações sobre a embarcação que tinha sido posta em piloto automático e ficou sem combustível. Com o mar revolto e o vento forte a guardacosteira voltou a usar helicópteros para levar os seus homens a bordo onde encontrou 450 pessoas. O navio só na noite desta sextafeira deverá aportar em Itália mas as autoridades afirmam que a maioria dos passageiros são também sírios – a guardacosteira diz que o cargueiro partiu da Turquia embora sites especializados em navegação assegurem que saiu de Tartus na Síria e passou por Chipre. A chegada destes cargueiros mostra que sem vias seguras para chegar à Europa não seremos capazes de reduzir os perigos associados a estas travessias reagiu Vincent Cochetel director no continente do ACNUR repetindo o apelo a uma acção concertada da UE que o altocomissário António Guterres tinha já feito quando em Dezembro afirmou que políticas de imigração europeias devem ser elaboradas de forma a que as vidas humanas não se transformem num dano colateral.A Suécia orgulhase da sua política de portas abertas aos exilados e em 2014 deu um passo que nenhum outro país europeu seguiu ao anunciar que daria autorização de residência permanente aos refugiados sírios. Mas não é imune ao malestar que pela Europa vai alimentando movimentos xenófobos e depois de um partido populista quase ter forçado a queda do Governo o ataque a três mesquitas forçou os suecos a reconhecer que algo não está bem no reino da tolerância. Ninguém na Suécia deve ter medo de praticar a sua religião afirmou o primeiroministro sueco o socialdemocrata Stefan Löfven horas depois de um cocktailMolotov ter sido lançado a coberto da noite contra uma mesquita de Uppsala a norte de Estocolmo. Testemunhas dizem ter visto um homem a atirar um objecto incandescente contra o edifício supostamente o mesmo que deixou uma inscrição xenófoba numa das portas. A mesquita estava vazia e o projéctil não provocou estragos mas reforçou o medo da comunidade muçulmana alarmada depois de no dia de Natal uma bomba incendiária ter sido lançada contra uma mesquita em Eskilstuna cidade com uma grande comunidade imigrante a oeste da capital ferindo cinco pessoas. Deixámos o nosso país como refugiados. Não viemos à procura de comida ou benesses mas de um local onde nos pudéssemos sentir seguros disse ao correspondente do New York Times Abdirahman Warsam imã da mesquita de origem somali. Isso desapareceu. Sentimos que a sociedade se está a virar contra nós. Quatro dias depois a 29 de Dezembro um incêndio que terá tido igualmente mão criminosa provocou estragos no interior de uma pequena mesquita em Eslov na Sul do país. O Governo anunciou um reforço da segurança policial nos locais de culto muçulmanos e muitos suecos juntaramse para repudiar os ataques. Na porta da mesquita de Uppsala o graffiti racista foi limpo e em seu lugar foram colados centenas de corações em papel. Na sextafeira mais de mil suecos juntaramse no centro de Estocolmo empunhando cartazes com aquele que se tornou o slogan do repúdio: Não toquem na minha mesquita. Queremos passar a mensagem de que estes ataques são um problema para toda a sociedade e não apenas para os muçulmanos disse à AFP Mohammed Karrabi portavoz da Associação Islâmica da Suécia AIS. A ministra da Cultura e Democracia Alice Bah Kuhnke filha de imigrantes gambianos anunciou que está a ser preparada uma estratégia nacional contra a islamofobia que incluirá acções de esclarecimento para combater preconceitos em relação à religião muçulmana. A Suécia continua a ser um paraíso mas temos problemas que precisam de ser resolvidos afirmou. A Suécia é em muitas medidas um oásis na Europa. Em 2014 foi o país da União Europeia que mais refugiados recebeu em relação à sua população. Neste ano preparase para bater todos os recordes prevendo acolher mais cem mil pessoas fugidas à guerra. A generosa política de asilo contribuiu para que 16% dos seus dez milhões de habitantes tenha nascido fora do país ou seja filho de estrangeiros e é um dos poucos países europeus onde a maioria dos eleitores aprova a gestão que o governo faz da imigração. Mas a integração dos recémchegados nem sempre é fácil. A taxa de desemprego entre os estrangeiros é o dobro da média nacional e as associações de solidariedade denunciam que muitos são alojados em autênticos guetos como aqueles na periferia de Estocolmo onde na Primavera de 2013 se registaram violentos motins. E com o mundo a registar a maior vaga de refugiados desde a II Guerra Mundial são cada vez mais os suecos que querem que as portas do país se fechem. Em Setembro os Democratas Suecos partido populista que fez campanha exigindo um corte de 90% no número de asilos concedidos pelo país tornouse a terceira força mais votada o que lhe permitiu chumbar o orçamento e quase forçar a queda do executivo de Löfven – as eleições antecipadas só não se concretizaram porque os sociaisdemocratas firmaram um pacto de governabilidade com todos os partidos moderados. São poucos os que associam os populistas à vaga de ataques às mesquitas – que eles condenaram – mas quase ninguém tem dúvidas de que vieram dar credibilidade ao discurso xenófobo que antes só se ouvia aos grupos neonazis com longo historial no país. A revista Expo especializada no seguimento destes movimentos contabilizou uma dezena de acções contra mesquitas em 2014 e os muçulmanos denunciam um aumento do assédio e dos ataques verbais. Os Democratas Suecos estão a impulsionar uma agenda antimuçulmana e uma boa parte da sociedade comprou esse discurso disse Omar Mustafa presidente da AIS ao jornal online The Local. Os traficantes que organizaram a viagem do Blue Sky o cargueiro encontrado à deriva no Mediterrâneo com quase 800 refugiados sírios a bordo prometeram 15 mil dólares ao homem que puseram no barco como "capitão". "Prometeramme 15 mil dólares e disseramme que havia a possibilidade de trazerem [para a Itália] toda a minha família" disse o homem ao jornal La Repúbblica. O "capitão" deste "barco fantasma" a nova estratégia dos traficantes que abandonam à sua sorte as embarcações com refugiados e imigrantes que pretendem chegar à Europa e que pagam fortunas por um lugar é também ele um refugiado de guerra sírio disse. Chamase Sarkas Rani tem 36 anos e foi detido no dia 31 de Dezembro depois de a marinha italiana ter socorrido o cargueiro abandonado no mar alto. "Cheguei à Turquia de avião ido do Líbano onde estava refugiado. Ali foi contactado por uma pessoa que sabia que eu era capitão de navio" contou o sírio que ao ser interrogado pela polícia reconstruiu a viagem do Blue Sky. Foram dois os homens que o abordaram em Istambul e Rani embarcou no cargueiro com pavilhão moldavo acompanhado de outros dois homens. O que combinaram explicou é que o navio rumaria em direcção a Mersin um porto turco junto à costa síria. Ali ficou dois dias ancorado ao largo à espera da sua "carga" as quase 800 pessoas que fugindo da guerra pretendiam chegar a um porto italiano e que pagaram segundo testemunharam à polícia italiana que divulgou esta informação entre quatro mil e oito mil dólares por um lugar. Segundo o jornal os traficantes publicaram na rede social Facebook um anuncio a abrir lugares para esta viagem e a dizer os preços: 5500 dólares por uma pessoa 4500 dólares por pessoa em grupos de 25 ou mais. Ao terceiro dia de espera no porto turco continua o relato do "capitão" chegou a bordo um primeiro grupo de 30 refugiados. No dia 25 de Dezembro estavam a bordo quase 800 homens mulheres e crianças. As autoridades turcas diz Rani não procederam a qualquer inspecção do navio. "Fui eu pessoalmente que traçou a rota em direcção a Itália" disse o "capitão". Porém por causa do mau tempo teve que se aproximar da costa grega e contactar as autoridades para pedir uma autorização queria esperar que o tempo ficasse melhor abrigado numa baía. A autorização foi concedida disse mas também aqui não foram feitas mais perguntas e ninguém foi a bordo. O cargueiro retomou viagem em direcção ao porto italiano e foi nesse momento contou Sarkas Rani que abandonou o seu papel de "capitão" para assumir a de refugiado aquilo que diz ser. Afirma ainda que orientou o navio para o ponto pretendido e desceu para a zona do navio onde estavam os outros refugiados. A embarcação avançou perdeu a rota desejada e permeneceu à deriva até ser resgatado pela marinha italiana. O Blue Sky entrou no porto de Galipoli com 768 sírios a bordo. Dois dias depois outro navio com 360 refugiados sírios foi encontrado também à deriva pela marinha italiana.Os diferentes partidos libaneses divididos entre o seu apoio a Bashar alAssad e a simpatia com a revolução contra o regime xiita nunca chegaram a um consenso sobre uma forma de lidar com os refugiados. Entretanto há 11 milhões de sírios registados pela ONU no país; ao todo serão perto de 15 milhões – e o Líbano com 4 milhões de habitantes tornouse per capita no país com mais refugiados do mundo. Esta segundafeira os sírios passaram a precisar de vistos para entrar no país. Evocando a experiência palestiniana cujos campos abertos em 1948 com a criação de Israel nunca mais desapareceram neles vivem hoje 400 mil pessoas na maioria descendentes dos refugiados originais as autoridades de Beirute recusaram desde o início da crise abrir campos de refugiados. O resultado é que os sírios vivem ainda em piores condições do que muitos dos que fugiram para a Turquia ou para a Jordânia em campos improvisados ocupando edifícios abandonados ou em casas sobrelotadas. Como acontece nos outros países aos que não cabem nos campos muitos tornaramse pedintes ou são explorados por libaneses que lhes pagam menos do que pagariam a trabalhadores locais. Em Outubro o Ministério dos Assuntos Sociais anunciou que o Líbano deixou de receber oficialmente sírios deslocados uma decisão que abria excepções humanitárias. O objectivo é impedir os sírios de se refugiarem no Líbano e regular de forma mais séria as entradas explicava então o ministro Rashid Derbas. Há 15 milhões de sírios no Líbano incluindo 1070 refugiados registados afirmou esta segundafeira o ministro do Interior Mouhad Machnouk citado pelo jornal libanês Daily Star. Este número é suficiente e o Líbano não tem capacidade para receber mais refugiados disse Machnouk assegurando que a porta continua aberta para motivos justificados como trabalho ou tratamentos médicos. A medida foi anunciada pelo ministério de Machnouk e defendida por Rashid Derbas mas nem todos no Líbano estão de acordo. A decisão de impedir a entrada de sírios no Líbano é uma decisão política disse o antigo chefe da Segurança Geral libanesa Jamil alSayyed próximo do Irão e do grupo xiita libanês Hezbollah que tem lutado ao lado de Assad na Síria. A medida afirmou Sayyed é uma violação da lei porque deveria ter sido tomada de forma consensual pelo governo e não através de um decreto de um ministro para além de ser impossível de concretizar por falta de guardas na fronteira. O que preocupa os sírios e o Alto Comissariado da ONU para os Refugiados ACNUR é a falta de clareza do que foi anunciado. Desde Outubro o número de sírios que tentam passar a fronteira já diminuiu de forma significativa. Podem ter desistido ou ouvirem que passou a ser mais difícil entrar ou podelhes ter sido recusada a entrada diz à AlJazira o portavoz do ACNUR Ron Redmond. Khalil Jebara conselheiro do ministro do Interior assegura que o país não vai expulsar ninguém e haverá excepções humanitárias. Mas a presença dos sírios impõe um fardo de segurança económico e social e uma pressão que as infraestruturas já não suportam. Regras pouco claras A nossa preocupação é que não há qualquer referência a refugiados nas novas regras afirma Redmond. Nós gostaríamos de perceber exactamente como é que estes procedimentos vão ser realizados para garantir que os mais vulneráveis vão continuar a poder entrar. Redmond diz que entende as dificuldades do Líbano que merece muito mais ajuda internacional do que aquela que recebe actualmente mas teme que os refugiados sejam obrigados a voltar a situações onde as suas vidas estejam em perigo. Segundo o que foi anunciado a partir de agora um sírio que se apresente num posto fronteiriço tem de pedir um visto de trânsito médico de estudante ou turístico; em alternativa pode requerer uma autorização de estadia temporária por ter propriedades ou negócios no país. Ter negócios no país tal como acontece a quem peça um visto de trabalho implica que o requerente tenha um patrocinador libanês. Para além dos que possam precisar de entrar em fuga do conflito que já fez mais de 200 mil mortos estes anúncios assustam os sírios que já se encontram no Líbano e que ainda não perceberam o que precisam de fazer para regularizar a sua situação. Esses e os milhares que sempre viveram entre os dois países – nunca foi preciso visto para passar a fronteira – trabalhando no Líbano e regressando de vez em quando para levar dinheiro às famílias na Síria. A minha mulher está actualmente na Turquia e estamos em pânico com medo que ela não consiga regressar ao Líbano disse à AlJazira um sírio que prefere não ser identificado. Estas novas medidas significam que não a vão deixar a voltar entrar? Eu não sei. Ninguém parece saber.Cerca de 80 personalidades da Alemanha juntaramse esta terçafeira a uma campanha contra o movimento xenófobo Pegida um dia depois de a 11.ª manifestação do grupo ter atingido um número recorde de 18 mil participantes. A campanha foi lançada pelo jornal "Bild" que publica esta terçafeira duas páginas com testemunhos pela tolerância e contra a xenofobia de dezenas de personalidades entre as quais os exchanceleres Gerhard Schröder 19982005 e Helmut Schmidt 19741982. O Pegida sigla em alemão de "Patriotas Europeus contra a Islamização do Ocidente" é um movimento de Dresden leste da Alemanha que desde o final de outubro organiza manifestações semanais contra a imigração. Na última realizada na segundafeira o movimento registou um recorde de 18 mil participantes apesar de vários outros milhares de alemães terem participado em contramanifestações em Berlim Colónia ou Hamburgo. "Há 14 anos houve um 'levantamento das pessoas decentes'" escreveu Schröder referindose a uma grande manifestação contra a xenofobia que se realizou em Berlim em 2000 depois de uma série de ataques antissemitas. "Precisamos disso hoje" acrescentou. Helmut Schmidt afirmou na sua mensagem que um movimento como o Pegida "apela ao ódio e à intolerância" e frisou que "isso não é a Alemanha". À campanha "Não ao Pegida" juntaramse vários membros do atual Governo como o ministro das Finanças Wolfgang Schäuble que escreveu que "a Alemanha precisa de imigrantes e deve ter coração para acolher os refugiados em situação de necessidade". Do Governo participam também na campanha a ministra da Defesa Ursula von der Leyen e os ministros socialdemocratas da Economia Sigmar Gabriel Negócios Estrangeiros FrankWalter Steinmeier e da Família Manuela Schwesig. Representantes da oposição atores atletas como o futebolista Oliver Bierhoff e os líderes das organizações patronais e sindicais integram igualmente a campanha que pede "um país aberto e tolerante".A esmagadora maioria dos estimados 17 milhões de sírios refugiados na Turquia não tem lugar nos 24 campos construídos pelas autoridades do país – muitos vivem nas ruas e parques mesquitas em campos improvisados ou edifícios ocupados. Ancara acaba de abrir o seu maior campo com capacidade para 35 mil pessoas a maioria curdos que fugiram nos últimos meses dos combates em Kobani junto à fronteira. Situado em Suruç junto à fronteira na zona para onde terão fugido grande parte dos 200 mil sírios curdos que deixaram Kobani tem dois hospitais sete clínicas e salas de aula suficientes para 10 mil alunos da escola primária ao liceu. Para o próximo mês está prevista a abertura de um novo campo em Mardin uns 200 quilómetros a leste diz a agência de gestão de desastres que desde o início da revolução síria tem a cargo a questão dos refugiados. Ao contrário da Jordânia ou do Iraque a Turquia decidiu que iria controlar completamente os seus campos em vez de contar com a ajuda do Alto Comissariado da ONU para os Refugiados ACNUR para o fazer. Abertos e geridos pela AFAD o Gabinete de Gestão de Emergências e Desastres os campos são pequenos e construídos tendencialmente longe das zonas urbanas para evitar tensões com a população local. Entretanto decidiu pedir aconselhamento ao ACNUR mas ainda coloca muitas dificuldades para registar ONG estrangeiras ou permitir o acesso destas ou dos jornalistas aos campos. O problema é que nestes campos todos erguidos nas províncias de fronteira com a Síria não cabem mais do que 265 mil refugiados e os restantes vivem em situações muito precárias – às vezes tentam viver junto aos campos oficiais à espera de vagas. A esmagadora maioria vive sem qualquer apoio e não pode trabalhar enfrentando dificuldades para aceder a cuidados médicos ou mesmo tendo dinheiro alugar uma casa.

February

Tens of thousands of longtime Palestinian refugees in a camp on the outskirts of the Syrian capital have been cut off from United Nations emergency aid for nearly two months by armed groups preventing access a UN official said. Up to 18000 people are living inside the devastated Yarmouk camp which is caught between government forces and Syrian insurgent groups including al Qaeda’s Nusra Front. Food water and medicine are scarce. Last year a degree of cooperation allowed aid to enter after several months of being blocked but access has again vanished with a deterioration of security said Pierre Kraehenbuehl head of the UN’s agency for Palestinian refugees. We really haven’t been able to bring in any assistance since early December he told Reuters. Yarmouk was home to more half a million Palestinian refugees before Syria’s conflict began in 2011. Most have fled abroad or to elsewhere in Syria. Those who stayed face worsening conditions including price rises and a severe winter Kraehenbuehl said. Kraehenbuehl said he had urged Lebanese officials to allow Palestinians fleeing Syria to enter. About 44000 Palestinians from Syria are now living in Lebanon but tighter entry restrictions have meant that few have been able to enter since May. Lebanon also hosts 1. 5 million Syrians who fled the war giving it the highest number of refugees per capita in the world. Hospitality has worn thin in a country with a creaking infrastructure and tense security environment. More than 60 years ago Lebanon took in Palestinian refugees from the war of Israel’s creation. The population grew to hundreds of thousands many now living in dilapidated settlements.UNLIKELY THAT TERRORISTS WOULD MINGLE WITH MIGRANTS Ranier Fsadni one of the guests on the programme said it was unlikely that an extremist or a terrorist would come to Malta on migrants' boats. That he said made no sense because Malta had a detention policy and migrants could be held in detention for up to 18 months. MALTESE BUSINESSES IN LIBYA LOSING SOME €120m PER YEAR The vicepresident of the GRTU Mario Debono said Maltese businesses in Libya were suffering some € 120 million in lost business every year. He said that apart from the Corinthia Maltese in Libya had small hotels and provided a range of other services. Exports were in the region of €60m to € 80 million. He said many Maltese businesses had managed to survive the uprising against Muammar Gaddafi because it was relatively short but the current unrest was more drawn out and big cities such as Tripoli were at a standstill. Mr Debono ran a business in Libya for several years until having had to come to Malta because of the unrest. He said that returning to Malta despite having a business in Libya was a difficult decision and many Maltese had lost businesses in Libya. He said that the government needed to give more help to these businesses particularly by urging the banks in Malta to be more flexible.The European Union needs to grant asylum to more refugees and members must share the responsibility of hosting them more equally the UN High Commissioner for Refugees Antonio Guterres said today. With wars raging in Syria Iraq and other countries 50 million people are displaced worldwide due to conflicts and persecution the highest number since World War II according to the UN agency. But the EU's 28 member countries gave asylum to only 136000 people in 2013 data from the EU's statistics agency Eurostat showed. Of those Sweden and Germany which have populations of just 10 million and more than 81 million respectively took in the largest portions at about 20 percent each according to the data. Figures for 2014 were not yet available. "Unfortunately we have today a very dysfunctional European asylum system" Guterres said at a joint press conference with Swedish ministers including Foreign Minister Margot Wallstrom. "Sweden and Germany are doing the right thing but it is absolutely essential that other countries do the same that all assume their responsibilities" he said. Guterres a former prime minister of Portugal said member countries would first need to implement existing EU directives and align the ways they process asylum applications. If this failed a quota system was a possibility he said.Prime Minister suggests EU framework for private sector leaders to generate economic opportunity in Africa Malta wants to put private sector involvement in subSaharan Africa on the EU agenda in 2017 when the island assumed the European presidency together with Slovakia and the Netherlands Prime Minister Joseph Muscat said.He was addressing an audience at the Social Democrat thinktank Freidrich Ebert Stiftung in Berlin where he earlier met German Chancellor Angela Merkel.In his speech Muscat denounced attempts at blaming migration for joblessness as factually untrue and morally repulsive.Muscat described the Mediterranean as a complex and difficult region that presented Europe with a constant migratory stream of people driven northwards by despair and hope.He did not fail to remind his audience that Europe has not and is not doing much to assist his country dubbing it an evident failure of European solidarity.He said Europe but also the United Nations and international financial institutions had to seek an active longterm role in conflict resolution and economic development inside the regions pushing migrants to the continent. Ultimately the solution of the problem lies in finding realistic ways and means of helping the countries concerned in eliminating the causes of the problem.He gave an insight into his political mindset: a realist who quotes Polish philosopher Leszek Kolakowski admitting to having no prescription for the total salvation of mankind. So on migration he ‘provocatively’ suggested to his audience that material interests for the private sector and not simply human compassion can drive opportunity inside Africa and create the economic conditions to stem the flow of migration.He said that it should be the EU that spurs on the private sector to contribute to economic development and employment in Africa. We will expand on this when in 2017 Malta will bear the responsibility of the European Presidency together with Slovakia and the Netherlands between 1 January 2016 and 30 June 2017 Muscat said adding that Malta Enterprise was present on the ground in the Ethiopian capital of Addis Ababa promoting economic cooperation.Muscat was also categorical on the repudiation of populist attempts to shift economic woes into migration a major concern for Maltese voters that has manifested in repeated surveys.This is factually untrue morally repulsive and politically dangerous. It encourages racism and xenophobia and ultimately does nothing to solve the European Union’s economic and financial problems. Indeed it only exacerbates them.On the eurozone the Maltese prime minister defended fiscal discipline while pursuing growthcentred policies at the European level. It is admittedly not easy to reconcile the two objectives; it is certainly difficult but it can be done… It can only work if we promote a European Union that listens to its citizens. We are against rigidity and a lax attitude and in favour of discipline and flexibility.EU funds to help Maltese armed forces acquire an additional fixed wing aircraft Malta has been allocated an additional € 12600000 in EU funds for the purchase of an additional fixed wing aircraft.Parliament secretary for EU funds Ian Borg said that Malta was allocated the funds following a call for proposals for the purchase of Frontex equipment under the ISFBorders Specific actions.This additional allocation will bring the total amount of EU funds earmarked for Malta for the period between 2014 2020 under the Asylum Migration and Integration Fund as well as under the Internal Security Fund to € 92 million euro.These funds will be used to continue to strengthen the Armed Forces of Malta the Malta Police Force the Civil Protections Department Malta’s Security Services Malta Foreign Affairs and the Customs Department in their fight against crime especially crossborder crime and in their monitoring of Malta’s borders.Various pieces of equipment are envisaged to be purchased such as an additional helicopter which will continue to enhance AFM’s air fleet which was recently improved through the procurement of a further 2 twinengine helicopters partfinanced through the External Borders Fund.These helicopters will replace the Alouette IIIs which are operated by the AFM at the moment. Various surveillance systems will also be upgraded and procured to assist both the AFM and the Police Force.Upgrades are also envisaged to software utilised by the Police and the Malta Security Services to monitor crossborder crimes. The HAZMAT unit within the Civil Protection Department is envisaged to be enhanced with new equipment and technical training while scanning equipment will be provided to the Customs Department.Assistance will be provided to finance material aid and services given in open centres and closed centres to increase reception facilities for irregular migrants and to set up a specialised health unit while further improvements in the capacity of the Office of the Commissioner for Refugees are envisaged.Assistance will also be used to continue to finance voluntary and forced return actions with which migrants are assisted to return back to their country of origin.Borg said that the €92million obtained will therefore continue to build on the various actions which are currently being implemented under the current Funds envisaged to be completed by June 2015.Deputy Prime Minister Louis Grech meets EU Vice President Jyrki Katainen to discuss Commission roadshow that will brief Maltese stakeholders on the € 315 billion Juncker Investment Plan Deputy Prime Minister Louis Grech met EU Vice President Jyrki Katainen in Brussels earlier this week to discuss the Commission roadshow that will brief Maltese stakeholders on the € 315 billion Juncker Investment Plan.Grech who also met EU Commission First Vice President Frans Timmermans discussed national and European issues of common interest with both Commissioners.Grech brief Katainen on Malta’s economic performance last year and on the outlook for a continuing buoyant growth with hopes that the island exits the excessive deficit procedure.Grech and Katainen both agreed that it was essential that the investment contemplated in the Juncker Plan be implemented within a short timeframe.I await with interest the Commission’s proposals to develop a Capital Markets Union making it easier for European enterprises to access capital anywhere in the Union but contended that further deepening of the Single Market was also essential Grech said.In discussions with Timmermans Grech discussed the role of national parliaments and suggested that the Commission engage in a constructive dialogue with each member state rather than prescriptive solutions particularly on the EC’s Country Specific RecommendationsGrech also told Timmermans that the EU needed to pay particular attention to developments in Libya.Malta is looking forward to the Commission’s proposals on the next steps on migration. Irregular migration is not simply a Mediterranean issue but one that has serious implications for the whole of the Union including the integrity of its borders. There needs to be a proper balance between integration of migrants and burdensharing within the Union. It was agreed that migration should remain on the European agenda given its importance and wider implications.I have so far spared myself the IS beheadings videos. Last week however I found myself watching a young man being burned alive in a cage. I never imagined I would witness such a scene in my lifetime. I’ve always associated the spectacle for it was intended as such of people being burned alive with situations that kept a safe historical distance – Joan of Arc autodafé necklacing and so on. Only the full horror of it really hit me this time. Death doesn’t come quickly to the victim. The Jordanian pilot appeared to be very much alive as his nose came melting off his face. It was hideous beyond belief. The point has been made that to watch IS’s gruesome videos is to play their game which has been described as one of ‘asymmetry of fear’. Simply put the aim of any terrorist is to produce as much terror and outrage as can be had on a relatively lean capital investment. One man’s life and a few gallons of petrol are nothing to a wellarmed and fabulously rich organisation like IS. Which is why we were urged to refrain from watching the video and to look at photos of Lt Kasasbeh in happier circumstances instead. Apparently the idea was to put a dent in the profits of terrorism by being spectators to his smile rather than to the death IS devised for him. I disagree. Whether or not we choose to watch the videos it is our response individually as well as collectively that is relevant. Our irrationality and hotheaded­ness would be IS’s strongest weapons. The trick is to keep levelheaded at all times in ways that are specific to our particular circumstances. We might want to ask ourselves what sort of terror IS may be producing in Malta and to address it. I think the main one is that IS militants could mingle with asylum seekers cross over from Libya and infiltrate us. I’ve come across this fear plenty of times in recent weeks. Now I can understand why people might get carried away. There have been attacks in Libya and threats of a ‘war on Europe’ whatever that means. Nor does it help that the sky over Malta was resonant with the noise of fighter jets throughout most of past week. The presence of the jets was not directly connected to IS but that’s not the point. The fear is that IS savagery could become part of our everyday lives and it is not entirely baseless. The last thing we need is some kind of tissue of irrational fear that would further push migrants towards the edges Only it would be a mistake to take it out on asylum seekers for several reasons. The main one is that asylum seekers often turn out to be fleeing directly or through a ripple effect the same conditions of violence and instability as those produced by terrorist groups. And just like the victims of terrorism they often end up dead. That of the Jordanian pilot was one of two disturbing images I came across last week. The other was of the body of a young man apparently a 26yearold west African drifting about the bottom of the sea off Mellieħa. If militants wanted to infiltrate Malta it is highly unlikely that they would do so disguised as asylum seekers. The migrant journey would expose them to a litany of risks. In any case they would stand out like sore thumbs on arrival. The last boatload of migrants who made it to Malta were so battered they could hardly walk let alone march off the jetty to wage war on Europe. There’s another thing. Terrorist groups have been known to recruit from populations of migrant origin that were settled but felt marginalised and left out socially and economically. The last thing we need is some kind of tissue of irrational fear that would further push migrants towards the edges. There are some encouraging signs. In July 2013 I wrote a statement to express my disgust at the infamous pushbacks case. ‘My’ quickly became ‘our’ as 37 academics from the Faculty of Arts at University signed the statement. The drift was that we were concerned about the feelings of bad blood and xenophobia stirred up by the government rhetoric of crisis and invasion. Artists and designers were among the various groups that issued similar statements on that occasion. Thankfully there appears to be little resemblance between the present Prime Minister and that of the pushbacks bullyboy talk 18 months ago. Joseph Muscat’s comments on Times Talk last Tuesday were thoughtful and responsible. He poured cold water on the idea that terrorists were likely to sneak in on boats disguised as asylum seekers. Addressing an audience at a think tank in Germany Muscat said that blaming joblessness on migrants was ‘factually untrue and morally repulsive’. He really seems to have had a change of heart on migration. Let’s call it a Uturn for the right reasons and in the right direction. A very welcome one too because racism and xenophobia are often the direct result of misinformed and populist political rhetoric. I still have an email sent to me by a colleague who had refused to sign our statement of July 2013. I agree with and support my Prime Minister on pushbacks it goes. On this matter at least I can now say the same. There are two ways in which the average Maltese person can resist and fight IS. The first is prevent their initial investment of savagery from mushrooming into a rich profit of irrational fear. The second is to know who is and who is not the enemy. [email protected]The amendments are in response to demands by the Council of Europe’s committee of ministers calling upon Malta to adhere to rulings by the European Court of Human Rights after three migrants successfully challenged their prolonged detention. The maximum detention period for asylum seekers is expected to be reduced from a mandatory 12 months to nine months according to plans by the government to amend the Immigration Act.The amendments are in response to demands by the Council of Europe’s committee of ministers calling upon Malta to adhere to rulings by the European Court of Human Rights after three migrants successfully challenged their prolonged detention.In all three cases the ECHR declared that the Maltese legal system did not allow them to challenge their detention in an effective and speedy manner.The reduction of the detention period is also in line with the recast EU directive on reception conditions for migrants which advocates a shorter detention period.In 2013 the Court declared that one of the three migrants Suso Musa had been detained arbitrarily after it took over six months to determine his asylum application as well as raising concerns about the conditions of the detention centre.Following Musa’s case the ECHR slapped the Maltese government with a € 27000 fine in damages and costs to Musa and ordered it to amend the law to allow asylum seekers to challenge their detention within a timeframe deemed fair by the Geneva Conventions. It also advised Malta to limit its detention periods and to improve its detention conditions.During a meeting last June with the Committee of Ministers of the Council of Europe the government revealed that it had drawn up a bill to amend the Immigration Act and that it would adopt it by the end of 2014. However it has not yet been presented in Parliament.The bill will allow detainees whose deportation cannot be ensured within a reasonable time to apply to the Immigration Appeals Board to be granted release. Only those immigrants who are proven to have purposely destroyed their travel documents or have made use of false documents will be denied this right of release.Also the Principal Immigration Officer will only be able to order the detention of an asylum seeker if the order is written in a language that the immigrant is expected to understand and if it contains the reasons for detention.The detainee must also be advised as to how he can challenge this detention order. Therefore the government plans to offer free legal aid to immigrants as from July.When a detainee challenges his detention the Immigration Appeals Board must review his application within a week or two weeks in the case of justified reasons such as an influx of applications. If the applicant remains in detention then the board must review his application every two months. If the board decides that the immigrant’s detention is indeed unlawful then the immigrant will be released from detention immediately.Moreover detention centres will now include openair spaces separate accommodation facilities for male and female detainees facilities for detainee families and spaces for recreational and social activities the government told the Committee of Ministers.Kosovars from Pristina many of them hoping to reach the EU and seek asylum boarding buses headed for Serbia. Photos: Hazir Reka/Reuters The European Union is experiencing a steep rise in the number of Kosovo citizens smuggling themselves into the affluent bloc with 10000 filing for asylum in Hungary in just one month this year compared to 6000 for the whole of 2013. It follows a relaxation of travel rules allowing Kosovars to reach EU borders via Serbia and has coincided with political turmoil and street unrest in Kosovo fuelled by poverty high unemployment and economically debilitating corruption. The United Nations High Commissioner for Refugees UNHCR said hundreds of Kosovars had slipped into Hungary and asked for asylum in the first eight months of last year only for the number to rocket to 21000 between September and December. Hungary’s State Office of Immigration and Nationality said that of 14000 foreigners who had sought asylum since the turn of the year 10000 were from Kosovo a small ethnic Albanianmajority state that declared independence from Serbia in 2008. We have visited several reception centres in the past two weeks and most of the Kosovars we talked to said they came because of extreme poverty and total lack of perspective said Erno Simon a UN refugee agency spokesman in Budapest. Over the past few days crowds of people were seen boarding night buses from the Kosovo capital Pristina bound for Serbia’s capital Belgrade more than halfway to Hungary. Among them 18yearold student Vilson Beqiri said he would take a second bus from Belgrade to the northern Serbian town of Subotica and then cross the border into Hungary illegally. We’ll meet some other people there in Subotica pay them and they’ll lead us to Hungary he said. God willing I’ll be in Germany by tomorrow evening. We have visited several reception centres in the past two weeks and most of the Kosovars we talked to said they came because of extreme poverty and total lack of perspective The exodus appears to have been abetted by an EUencouraged easing of travel rules in Serbia which since 2012 has allowed Kosovars to enter with Kosovoissued documents that Belgrade previously rejected given that it does not recognise its former southern province as independent. It has also coincided with political turbulence in Kosovo which held an inconclusive election in June and only formed a new government six months later. Last week police fought running battles with protesters lobbing rocks and petrol bombs during antigovernment demonstrations stirred by joblessness and corruption. Rados Djurovic of the Asylum Protection Centre NGO in Belgrade said people smugglers may have found new routes to spirit migrants from Serbia into Hungary – a welltrodden path for Syrians Afghans and others trying to reach Western Europe. On Monday 250 illegal migrants from Kosovo were stopped by Hungarian police without valid documents on a train from Budapest to Vienna. Almost all asylum applications are rejected as migrants cannot show they are fleeing war or persecution but applying staves off immediate deportation while their cases are being processed. In the meantime many will give overstretched immigration authorities the slip and push on westwards through the EU’s borderless Schengen zone under the radar. Most would hope to find work in the grey economy in wealthy Western Europe hooking up with relatives and friends until they can ultimately legalise their stay. Hungary’s immigration agency said 4050 per cent of asylum applicants would normally leave the country within 24 hours and a further 3040 per cent within three to 10 days. Around 700000800000 Kosovars already live and work in western Europe mainly Switzerland and Germany – a diaspora that originated with an exodus from repression and war with Serbia in the late 1990s and then stubborn poverty in the 15 years since. Kosovo declared independence in 2008 and is recognised by more than 100 countries. But Serbia’s refusal – backed by UN vetoholder Russia – to do so has impeded Kosovo’s international integration and therefore its economic development. Kosovo Interior Minister Skender Hyseni said the government was at a loss to stop the emigrant wave. [We] could stop this process by simply putting a roadblock at the border crossing points [but] then the government would be accused of violating a fundamental human right.At least 29 migrants died of hypothermia aboard Italian coastguard vessels after being picked up from an inflatable boat adrift near Libya the mayor of the Italian island of Lampedusa said. Two patrol boats picked up 105 migrants late yesterday from the boat drifting in extreme sea conditions with waves as high as 8 metres and temperatures just a few degrees above zero the coast guard said in a statement. The migrants spent around 18 hours on the decks of one of the boats taking them toLampedusa buffeted by high winds and spray. At least 29 died en route of hypothermia Lampedusa's mayor Giusi Nicolini told Reuters. The number of dead may still rise she said. One migrant had been taken by helicopter to Sicily in critical condition and the second patrol boat has yet to reach port. Nicolini blamed the closure of Italy's searchandrescue mission known as Mare Nostrum last year for the tragedy. Since then no navy ships capable of keeping large numbers of migrants below deck have patrolled the waters near the Libyan coast. "Mare Nostrum was an emergency solution to a humanitarian crisis so closing it was a huge and intolerable step backward" Nicolini said in a telephone interview. Human rights groups repeatedly warned that ending the mission would endanger lives. "The small patrol boats were completely swallowed by the waves during the trip back. If Mare Nostrum were still going the migrants would have been given shelter inside a large ship within an hour." The patrol boats sent from Lampedusa are small vessels that ride low to the water so crew members can pull people in. But they cannot accommodate many below deck. Mare Nostrum was abandoned by Prime Minister Matteo Renzi's government partly due to public concern over the 114 million euro $ 129 million cost of the mission in its first year. Now the European Union is running a border control operation called Triton with fewer ships and a much smaller area of operations. Civil war in Syria and anarchy in Libya swelled the number of people crossing theMediterranean last year. Many paid smugglers $ 1000$ 2000 to travel. The United Nations refugee agency says 160000 seaborne migrants arrived in Italy by November 2014 and a further 40000 in Greece. Thousands have died attempting the journey. "To organised crime it's not important if people make it across the sea alive or dead" Nicolini said. "But now without Mare Nostrum it's as if no one and not just the criminals cares if they live or die."The local representative of the United Nations High Commissioner for Refugees Jon Hoisaeter has urged Malta to prepare for a potential upsurge in migrant departures from Libya as the situation in that country deteriorates. Speaking before the Social Affairs Committee he said the situation in Libya could see Libyans escaping from that country and not just migrants. Talks about the evolving scenario were being held at various levels with the Ministry of Home Affairs. However there was no comprehensive discussion on any contingency plan for the various scenarios which may emerge. Mr Hoisaeter regretted that different countries were doing different things about migration and there was no unified approach. He stressed that Malta has to revise its laws to transpose the Reception Conditions Directive by July. Work in this regard was being done by the Ministry of Home Affairs. Malta also needed to amend its laws in line with judgement of the European Court of Human Rights. The Equal Opportunities Ministry was also working on a Comprehensive Integration Policy Framework. Malta he said had already done a lot to deal with migrants and he wished to acknowledge the work done by the AFM who have rescued 14000 migrants at sea. Lives he said were continuing to be lost at sea. Some 3500 people are believed to have died at sea last year but media fatigue meant this tragedy was not being given enough importance. The UNHCR he said acknowledged security concerns expressed by the government. There were some circumstances which merited detention but in that case detention facilities had to be of the required standard. Unfortunately the way the detention centres were set up created a tense environment and an environment that was not conductive to addressing problems and identifying individuals who need special care. It was true that the number of arrivals in Malta was higher than the country could integrate. However integration was important and necessary and it would benefit Maltese society as well. Mr Hoisaeter said however that most migrants did not intend to come here and the refugee community itself was in many cases not focused on the integration process. That was compounded by problems of racism and discrimination. However it was not all bad news. More migrants were moving out from the open centres and settling in communities. As for planning for future scenarios the situation in Libya was of great concern. The country was fragmented and close to a failed state scenario. The UNHCR was concerned about the potential of population movements from Libya. He did not wish to be alarmist he said but the UNHCR wished to help the Maltese government in planning for potential future scenarios such as massive movements across the sea as the worsening situation in Libya led to more people leaving that country not just third country nationals in Libya but also Libyans. This was something which needed to be high on everyone’s agenda and Malta should also be discussing what support it could receive from the EU and what it could plan with Italy for example. We need to be ready for a potentially difficult year a potential year of record arrivals in Malta. I am not being alarmist I am not saying this is necessarily the most likely outcome but it is something we should discuss now not in the summer when the focus will be on the immediate response not planning he said. Questioned on the Dublin II Treaty he said the position of the UNHCR was that Dublin II was not good in facilitating solidarity between states and sharing responsibility. There was space within that framework for states to agree on shared mechanism. Unfortunately however that was done only to a small degree. The UNHCR was making suggestions on arrangements which countries could adopt. http://new.livestream.com/committeemeetings/events/ 2487788/videos/76634862The committee in session. The migrants were not shown. Migrants from various countries spoke about their experiences in Malta when they appeared before the Social Affairs Committee yesterday. Mohamed Ahmed Ali a 17yearold Somali who has been here for 18 months said he had been in detention for two days before moving to Dar IsSliem. He said he is studying ICT at Mcast and works in a hotel at night. He is also learning English. Malta he said ‘was good’ and he wished to continue to live here. He regretted however that there were no activities for the migrants although he was able to make friends at Mcast. Hussein Do 17 from Mali who arrived in Malta last year said he was in detention for a month during which he said the migrants played football. He said his problem was that he had not been issued local documents. The only thing he had was a police card. He goes to the former Lyceum in Hamrun to learn English and Maltese and he said he was making friends. He also praised Dar isSliem and said that before coming to Malta he could not speak English but was able to pick it up once he arrived here. Another migrant 25 who arrived from Senegal two years ago said he was held in detention for eight months. I felt so bad" he said. He used to think about freedom and also thought about killing himself because no one was standing up for him. He was treated at Mt Carmel Hospital. He said he arrived here for protection but found himself in detention without family. He could not sleep at night thinking of his family. He had originally intended going to Italy he said seeking a peaceful life and something to do. Since his release he said he was happy and attending computer classes. However he felt dependent because he was unable to find work despite sending his CV to many people. He had also applied to the ETC. His main problem he said was that he had no family and burst into tears. Another migrant from Somalia said he arrived six months ago and was in detention for two months. While in detention he said all the migrants who were there wanted freedom but all they could do was play football. However he understood the situation and had no problem. He was then moved to the open centre. He said his only problem was to find work. He had a work permit and presented his CV to employers but no one called him. He could do anything he said whether it was a cleaner or storekeeper. In the meantime he said he was learning ICT and English. Asked by Labour MP Deborah Schembri about his impression of the Maltese he said his impression was a good one and he had not met any problems.At least 29 people lost their lives Monday in the latest Mediterranean tragedy off Italy's Lampedusa Island UNHCR spokesman Adrian Edwards told journalists in Geneva. The UN refugee agency on Tuesday mourned the first major maritime loss of life this year off the coast of Italy and called on the European Union to beef up search and rescue capacity in the Mediterranean Sea.At least 29 people lost their lives Monday in the latest Mediterranean tragedy off Italy's Lampedusa Island UNHCR spokesman Adrian Edwards told journalists in Geneva. "UNHCR is both deeply saddened by this news and concerned about the manner of the deaths – all but seven of which appear to have occurred on board the rescue vessel with people dying of hypothermia" he said."While we applaud all involved in the rescue effort – which took place in high seas and poor weather conditions and resulted in 106 lives being saved – this is an example of why it was felt important in October 2013 following tragedies that occurred then to underline the need for a much more effective and improved rescue capacity in the Mediterranean to cope with the scale of the problem" he added.Edwards said that the number of refugees and migrants trying to cross the Mediterranean on smugglers' boats in the first few weeks of this year was "significantly higher" compared to the same period last year. In January alone 3528 arrivals were reported in Italy compared to 2171 in January last year. Including the lives lost yesterday 50 deaths have been recorded compared to 12 by this point last year."Additionally worrying is that with yesterday's incident there are indications that more people were attempting to reach Italy last night. As well as the dinghy carrying over 100 people nine other people were recovered from two other nearempty dinghies [off Libya]. The fate of the others believed to have been aboard these boats is not known" Edwards said.More than 218000 people crossed the Mediterranean by irregular routes last year while about 3500 lost their lives in the attempt – a number that would have been higher if not for Italy's Mare Nostrum rescue operation which ended last year. Europe's current Triton operation has a different focus and is no replacement for proper search and rescue capacity.Edwards reiterated UNHCR's call for the European Union to ensure this capacity and to provide Italy with proper support to deal with people making irregular crossings of the Mediterranean. The Mediterranean has gone from being a socalled mixed migration route to being a major route for refugees fleeing war.In January Syrians were the largest single population group among people arriving in Italy – accounting for around 22 per cent of the total. People from other refugeeproducing countries were also prominent among the remaining numbers who undertook this journey.At least 29 migrants died of hypothermia aboard Italian coast guard vessels after being picked up from an inflatable boat adrift near Libya the mayor of the Italian island of Lampedusa said yesterday. Two patrol boats picked up 105 migrants late on Sunday from the boat drifting in extreme sea conditions with waves as high as eight metres and temperatures just a few degrees above zero the coast guard said in a statement. The migrants spent around 18 hours on the decks of one of the boats taking them to Lampedusa buffeted by high winds and spray. At least 29 died en route of hypothermia Lampedusa’s mayor Giusi Nicolini said. The number of dead may still rise she said. One migrant had been taken by helicopter to Sicily in critical condition. The small patrol boats were completely swallowed by the waves Nicolini blamed the closure of Italy’s searchandrescue mission known as Mare Nostrum last year for the tragedy. Since then no navy ships capable of keeping large numbers of migrants below deck have patrolled the waters near the Libyan coast. Mare Nostrum was an emergency solution to a humanitarian crisis so closing it was a huge and intolerable step backward Nicolini said in a telephone interview. Human rights groups repeatedly warned that ending the mission would endanger lives. The small patrol boats were completely swallowed by the waves during the trip back. If Mare Nostrum were still going the migrants would have been given shelter inside a large ship within an hour. The patrol boats sent from Lampedusa are small vessels that ride low to the water so crew members can pull people in. But they cannot accommodate many below deck. Mare Nostrum was abandoned by Prime Minister Matteo Renzi’s government partly due to public concern over the 114 million euro cost of the mission in its first year. Now the EU is running a border control operation called Triton with fewer ships and a much smaller area of operations. Civil war in Syria and anarchy in Libya swelled the number of people crossing the Mediterranean last year. The UN refugee agency says 160000 seaborne migrants arrived in Italy by November 2014 and a further 40000 in Greece. Thousands have died attempting the journey. 29 migrants die of hypothermia off the coast of Lampedusa 29 SubSaharan Africans died of hypothermia in severe winter conditions yesterday. The victims were part of a group of 105 immigrants picked up by the Italian Coast Guard off the island of Lampedusa. The deaths mark an ominous and early start to the Mediterranean human smuggling season."What happened yesterday shows the necessity of lifesaving operations in the Mediterranean said IOM’s Director General William Lacy Swing. Bigger ships like those used in the Mare Nostrum operation could have easily rescued these migrants.The boat was intercepted 100 miles off the Italian coast in international waters an area where the European Union’s Triton border protection force does not operate with all rescue operations in the area therefore being carried out by the Italian Coast Guard.Despite winter conditions 3528 migrants have already crossed the Mediterranean during the month of January according to figures newly released by Italy’s Ministry of the Interior.Although this number represented a drop from the number of arrivals registered in December 6732 IOM officials in Rome note that these figures are very unusual for the month of January. Last year during the same period migrant arrivals were 2171 while in 2013 they were just 217.These deaths along with nearly 200 others in waters off Africa Turkey Cuba and the Arabian Peninsula mark one of the deadliest beginnings of any year in recent times in terms of fatalities of migrants.By comparison IOM reported just 41 deaths at this point in 2014 – a year when over 5000 migrants perished worldwide. January and February traditionally are slow months on migrant routes which grow more active as spring approaches.The weather conditions were extremely difficult – Sea Force 7 with 25 foot waves – when two small units of the Coast Guard approached the migrants’ inflatable. Many of the migrants all of them African were in extremely poor physical condition due to exhaustion and exposure and died soon after being picked up.The survivors were transferred to the Italian island of Lampedusa where they are receiving medical treatment. IOM staff are now also on the island to provide assistance.Last month Libya – where unrest and political instability is rampant – was the main departure point. The main country of origin of the migrants is still Syria 764 followed by Gambia 451 Mali 436 Senegal 428 Somalia 405 and Eritrea 171.While many Syrians arrived at the beginning of January from Turkey on the cargo ship Ezadeen many others arrived from Libya as well. According to testimonies gathered by IOM officials many Syrians travel to Libya through Sudan which they reach by plane from Turkey.The route through Algeria – previously used as one of the main transit countries to Libya – is not available any more after the Algerian authorities imposed a visa requirement on all Syrians trying to enter the country.The route by sea from Turkey has also apparently been stopped. In January the few cargo ships that tried to leave to Europe were blocked by the Turkish authorities after their departure.Many Syrians are therefore stuck in the southern Turkish port of Mersin waiting to embark to Italy while some reports suggest that an increasing number of Syrians are now trying to reach Europe through Greece.The wars and the difficult geopolitical conditions in the region suggest that we can expect the flow of migrants and asylum seekers to continue for some time said Federico Soda IOM Chief of Mission in Italy. The boat arrivals to Europe are the result of many deteriorating situations including the Syrian War the Libyan crisis the presence of Boko Haram in Nigeria and the crisis in Iraq.What happened yesterday he added is further proof that sea crossings may be fatal. The Italian Coast Guard carried out a very brave rescue operation far from the Italian coast in rough seas. Unfortunately their vessels were too small to provide the necessary emergency assistance on board to people who were rescued in very bad physical condition some barely alive.Soda insisted Europe must be ready to assist those who are risking their lives at sea by expanding the geographical limit of action of the EU’s Triton operation and to find possible alternatives to those migrants who do not have any choice but to leave their country.This last tragedy proves how important Mare Nostrum was as a lifesaving operation. The Mediterranean must be patrolled with the necessary means and resources for both security and rescueatsea operations and Europe should react in a more efficient and better resourced way to such a humanitarian emergency" he added.With reduced presence in 2015 by the EU’s Frontex MOAS predicts record deaths in 2015 This week’s tragedy off Lampedusa where 29 migrants are reported to have died of hypothermia after being rescued from an inflatable boat marks the beginning of a deadly 2015 MOAS has warned.Migrant Offshore Aid Station is a private rescue foundation that assisted some 3000 migrants in the summer of 2014 using a 40metre vessel M.Y. Phoenix two RHIBS and two Schiebel camcopters as well as a crew of experienced rescuers and paramedics.MOAS director Brig. Ret’d Martin Xuereb said: This tragedy is a stark reminder of two crucial points. Firstly migrant crossings are continuing through winter despite rough seas and dire weather conditions. Secondly without Italy’s rescue mission Mare Nostrum search and rescue in the Mediterranean is inadequate.The restricted Frontex mission effectively takes the situation back to what it was in October 2013 when hundreds of migrants died preventable deaths. It is actually worse because we are only now feeling the full impact of the displacement of people from Syria and other conflict zones.MOAS warned that the reduced search and rescue efforts by the EU and its member states effectively placed a bigger burden on the commercial military and civilian boats which may be illequipped and unprepared to deal with search and rescue effectively.The most tragic element of this latest disaster is that the migrants died after they had been rescued many from hypothermia due to being exposed on deck Brig. Xuereb added.Xuereb also added that the migrant tragedy dispels the myth that wouldbe refugees are attracted by rescue vessels. This he said was a fictional narrative.Migrants are being pushed to leave their homes not pulled towards Europe. They are getting onto boats in rough seas and freezing weather knowing that the rescue missions have stopped. This is their last resort he said.MOAS founded by ItaloAmerican couple Christopher and Regina Catrambone is currently on a mission to raise funds to ensure a beefed up sixmonth presence in the Mediterranean this year to respond to the increase in refugees and the winding down of other rescue missions.Last year 3419 men women and children died while making the dangerous crossing to Europe in unseaworthy boats mostly by drowning or dehydration.Up to 300 people are now unaccounted for after boats carrying migrants sank in the Mediterranean according to the UN Refugee Agency. The UN High Commissioner for Refugees says survivors have confirmed the existence of a fourth rubber boat that left Libya on Sunday. It says that means some 300 people are missing. The youngest known victim is currently thought to be 12 years old. The UN Save the Children and other aid organisations are criticising the new EU border patrol operation as inadequate for saving lives. The EU's Triton operation took over Italy's Mare Nostrum operation last year but it only patrols close to Europe's coast. Italy had patrolled the waters up to Libya's coast. "The Triton operation doesn't have as its principal mandate saving human lives and thus cannot be the response that is urgently needed" Laurens Jolles the head of the UN agency for southern Europe said. The deaths add to the 29 reported earlier in the week by the Italian coast guard which said the victims had died of hypothermia during the voyage that began Sunday in Libya. European Commission spokeswoman Natasha Bertaud said the Triton operation operated by the EU's Frontex border agency cannot possibly do the job with Frontex's 90 million euro total annual budget. Mare Nostrum which just patrolled the southern Mediterranean cost Italy 9. 5 million euro a month to operate. She said: "Pointing fingers is not going to get us anywhere. If we want to talk seriously about improving the situation then we also need to talk about financing it adequately." The commission is currently conducting a feasibility study into whether a border guard system would be worthwhile with the first discussions expected to begin next month.The International Organization for Migration says the two boats involved in the latest tragedy had departed from the Libyan coast on Saturday. More than 200 migrants are dead after the motorboats they were travelling on sank in the Mediterranean Sea the UN's refugee agency says."Nine were saved after four days at sea. The other 203 were swallowed by the waves" UNHCR's spokeswoman in Italy Carlotta Sami said on Twitter.She called the situation a "horrible and enormous tragedy".On Monday at least 29 migrants died after the inflatable boat carrying them overturned in high seas.Seven were already dead when they were picked up near the Italian island of Lampedusa and a further 22 succumbed to hypothermia after spending more than 18 hours on the open deck of the vessel which picked them up.The International Organization for Migration says the two boats involved in the latest tragedy had departed from the Libyan coast on Saturday.The IOM says that each boat was carrying more than 100 people when they capsized probably on Monday.The nine survivors all speak French and are believed to be from West Africa.According to the UN Refugee Agency the number of irregular migrants arriving by sea in January 2015 increased by around 60% over the same month last year when Mare Nostrum was in place. The European Union and its member states must hang their heads in shame following reports this morning that as many as 300 migrants are believed to have died in the high seas off the Italian island of Lampedusa said Amnesty International.This new tragedy realises our worst fears about the end of Italy’s Mare Nostrum search and rescue operation and exposes the predictable consequences of the European Union’s failure to provide an adequate replacement said John Dalhuisen Europe and Central Asia Programme Director at Amnesty International.The humanitarian crisis that sparked the need for Mare Nostrum has not gone away. With people continuing to flee war and persecution EU member states must stop burying their heads in the sand whilst hundreds keep dying at sea.According to the UN Refugee Agency the number of irregular migrants arriving by sea in January 2015 increased by around 60% over the same month last year when Mare Nostrum was in place.This makes a mockery of suggestions that the search and rescue operation – whose demise was widely publicised – was encouraging migrants to take this dangerous route.The EU’s operation Triton touted as a replacement to Mare Nostrum is not focused on search and rescue does not routinely operate in international waters and is significantly reduced in scale.It’s a simple equation – as the number of people taking this perilous sea route goes up and the resources put into search and rescue go down more people will die said Dalhuisen.On Monday 9 February 29 migrants died most of them of hypothermia after Italian coast guards rescued them from an inflatable dinghy carrying 106 people including children. Reports suggest that the rescue operation was extremely difficult due to severe weather conditions.According to Italian media reports nine survivors from two other boats informed the Italian coast guards that more than 200 migrants were on two other dinghies while a third one according to still unconfirmed reports is said to have disappeared with no survivors carrying a further estimated 100 people to their death.The dinghies were believed to be drifting in extreme sea conditions with waves as high as 8 metres and temperatures just a few degrees above zero according to coast guards’ statements. Those who died were believed to be between 18 and 25 years old and from subSaharan Africa.It’s possible the Italian coast guards did what they could with the resources they had. They clearly were not enough. Unless EU member states commit to significantly increasing search and rescue capacity in the central Mediterranean tragedies like these will only multiply said Dalhuisen.Two commercial ships and an Italian coastguard vessel rescued about 700 migrants from overcrowded boats near the Libyan coast today days after more than 300 people died trying to make the crossing to Europe. Rome's coastguard command centre organised rescue operations which started early this morning after it received a distress call by satellite phone a coastguard spokesman said. "All of those rescued appear to be in good shape and the sea conditions are good and getting better" the spokesman said. More than 300 migrants died trying to reach Italy from North Africa in stormy seas this week. Italy shut down its Mare Nostrum searchandrescue operation last October and it has been replaced by a more limited EU border control mission Triton. The weather has improved since the beginning of the week the coastguard said opening the way for migrant boats to set off again from Libya where the breakdown in law and order has allowed peoplesmugglers free rein. The UN refugee organisation UNHCR says at least 218000 migrants crossed the Mediterranean by boat last year and 3500 lives were lost. This week's deaths have renewed focus on the European Union mission. Unlike its predecessor Triton does not have a specific searchandrescue mandate and limits its border control operations to the waters near the Italian coast.Search and rescue foundation Migrant Offshore Aid Station MOAS has launched an urgent appeal for funds following this week’s tragedy in Lampedusa which saw hundreds of migrants drown and others dye of hypothermia after being rescued. MOAS which aims to relaunch its operation next summer depending on funds collected is a purposebuilt search and rescue operation created with private funds to assist naval commercial and private mariners in rescue at sea and successfully assisted 3000 migrants during a 60day mission last summer. What happened in Lampedusa is a tragedy. Unfortunately it was an expected tragedy MOAS director Brigadier Martin Xuereb said. The charity said that according to reports three rubber dinghies crammed beyond capacity by smugglers with hundreds of migrants left Libya last weekend. The first responder was a tiny tug boat which waited some two hours for naval help from Operation Triton by which time many were already dead. After around 100 people were rescued at least 29 died from hypothermia on their way back to Lampedusa. The weather was cold the sea was rough there was wind chill and it had rained. It is also very likely that these people had been out at sea already for a considerable amount of time Brig. Xuereb said. He added that such an incident at this time of the year indicated that migrants were desperate enough to leave in winter in makeshift rubber dinghies with no cover a phenomenon rarely seen in previous years. MOAS said it will be sending its 40metre boat Phoenix together with an experienced crew of rescuers out to sea again to coordinate and assist emergencies during the critical sixmonth peak period from May to October depending on how much funds it raised from public and private donors. Founder Regina Catrambone recalled the ceremony held in Lampedusa last October to commemorate the hundreds of men women and children who died in the October 2013 tragedies that inspired MOAS. In October 2014 we promised this would not happen again but now in 2015 we first hear that 29 people died of hypothermia and now it turns out almost 300 people drowned. She said that MOAS depended on the public to be able to go back to sea and assist in maritime emergencies. Founder Christopher Catrambone also launched a special appeal to the maritime industry that is required to respond to emergencies. Seafarers transiting the Mediterranean would be especially affected by the numbers of refugees crossing from Libya to Italy now that projects like the Italian mission Mare Nostrum were no longer in operation he said. Due to the sheer number of migrant boats and the lack of EU assets to intercept them commercial vessels had become the first line of defence in rescues. Yet cargo ships and private sailors were unprepared for this kind of overwhelming emergency situation. They do not have medical personnel so they are unfamiliar on how to take care of the people involved. And this is a big part of the process not only rescuing them but taking care of them after they’ve been rescued which can be critical to their lives as we’ve learned in Lampedusa Mr Catrambone said. Donations are being received here.Prime Minister Joseph Muscat welcomed an announcement by Italy this evening that it would be ready to join a UNled force to battle "an active terrorist threat" after recent advances by a faction in Libya that has sworn loyalty to Islamic State militants. In a tweet Dr Muscat said: "Glad #Italy willing to intervene in #Libya under UN mandate. #Malta will play it's part to ensure #Mediterranean stability JM @matteorenzi" Earlier Italian Foreign Minister Paolo Gentiloni said in an interview with SkyTG 24 television that Italy backed efforts by United Nations special envoy Bernardino Leon to bring warring factions to the table to try to broker a ceasefire. But he said should talks fail Italy "is ready to fight naturally in the context of an international mission". "We cannot accept the idea that there's an active terrorist threat only a few hours from Italy by boat." The situation in Libya already chaotic "is deteriorating" Gentiloni said adding that Italy "cannot underestimate" the possibility of an attack by Islamic State militants. In recent days Italian officials have made generic statements about being willing to lead a UN force in Libya but Gentiloni's comments on Friday mark a more aggressive stance. Gentiloni spoke after media reports toay that fighters claiming allegiance to Islamic State militants in Iraq and Syria had taken control of radio and television stations in Sirte a coastal city halfway between Tripoli and Benghazi. Until recently the Islamic State faction appeared to have limited power and to be confined mostly to the city of Derna he said. The main power struggle in Libya which has been the focus of the U.N. talks is between an internationallyrecognised government and a rival administration set up in Tripoli after an armed faction seized the capital last summer. Both are backed by brigades of fighters who helped oust veteran leader Muammar Gaddafi in 2011 but have since turned against one another in a complex conflict involving tribes former Gaddafi troops Islamist militants and federalist forces. People traffickers there have taken advantage of the chaos to send tens of thousands of refugees and migrants in small overcrowded boats towards Italy. More than 300 migrants died trying to reach Italy from Libya in stormy seas this week. The UN refugee organisation says at least 218000 migrants crossed the Mediterranean by boat last year and 3500 lives were lost.MOAS plans to spend six months at sea from May to October depending on the level of public donations after latest Lampedusa tragedy Search and rescue foundation Migrant Offshore Aid Station MOAS has launched an urgent appeal for funds following this week’s tragedy in Lampedusa which saw hundreds of migrants drown and others dying of hypothermia after being rescued.MOAS is a purposebuilt search and rescue operation created with private funds to assist naval commercial and private mariners in rescue at sea and successfully assisted 3000 migrants during a 60day mission in the summer of 2014.What happened in Lampedusa is a tragedy. Unfortunately it was an expected tragedy said MOAS director Brig. Ret’d. Martin Xuereb.According to reports three rubber dinghies crammed beyond capacity by smugglers with hundreds of migrants left Libya on the weekend. The first responder was a tiny tug boat which waited some two hours for naval help from Operation Triton by which time many were already dead or dying. After around 100 people were rescued at least 29 died from hypothermia on their way back to Lampedusa.The weather was cold the sea was rough there was wind chill and it had rained. It is also very likely that these people had been out at sea already for a considerable amount of time Xuereb said adding that hypothermia kicked in very fast under these conditions when people were exposed without any cover.Xuereb also said that such an incident at this time of the year indicated migrants were desperate leaving in the winter months in makeshift rubber dinghies with no cover a phenomenon that was rarely seen in previous years.MOAS will be sending its 40metre boat M.Y. Phoenix together with an experienced crew of rescuers out to sea again to coordinate and assist emergencies during the critical sixmonth peak period from May until October depending on how much funds the foundation raises from public and private donors.Founder Regina Catrambone recalled the ceremony held in Lampedusa last October to commemorate the hundreds of men women and children who died in the October 2013 tragedies that inspired MOAS.In October 2014 we promised this would not happen again but now in 2015 we first hear that 29 people died of hypothermia and now it turns out almost 300 people drowned.She said that MOAS depended on the public to be able to go back out at sea and assist in maritime emergencies.Founder Christopher Catrambone launched a special appeal to the maritime industry who are required to respond to emergencies. Seafarers transiting the Mediterranean will be especially affected by the numbers of refugees crossing from Libya to Italy now that projects like the Italian mission Mare Nostrum were no longer in operation he said.He added that due to the sheer number of migrant boats and the lack of EU assets to intercept them commercial vessels have become the first line of defence in rescues. Yet cargo ships and private sailors are unprepared for this kind of overwhelming emergency situation.They do not have medical personnel so they are unfamiliar on how to take care of the people involved. And this is a big part of the process not only rescuing them but taking care of them after they’ve been rescued which can be critical to their lives as we’ve learned in Lampedusa.Martin Xuereb added: What is bringing these people to our shores is not the pull factors. It was never Mare Nostrum or MOAS or any other search and rescue capability to assist people in distress. It is the push factors that are pushing more and more these people out of the country of origin.Migrant Offshore Aid Station FoundationLBMAMTMTMT15LBMA 0500000000000118011378767 Republic St IlBelt Valletta Malta VLT 1117: Migrant Offshore Aid Station Foundation: LBMAMTMTMT20LBMA 0500000000000344011378767 Republic St IlBelt Valletta Malta VLT 1117In the immediate wake of the recent atrocities in Paris some politicians have called for the suspension of the Schengen Agreement which abolished internal borders between signatory countries and allowed the free movement of persons between them. The agreement which has been in place for 30 years and has grown to include 26 countries in Europe establishes common rules on visas asylum requests and border controls. It is a fundamental symbol of an evercloser European Union. The reaction of those politicians calling for its suspension is understandable given first a reflection of their misplaced political conviction that it is uncontrolled immigration across Europe’s borders that is one of the key causes of the spate of current acts of terrorism and secondly that the security of European countries demands tough border controls and a ‘Fortress Europe’. It is a political view which has considerable support especially from antiimmigrant movements in France Germany the Netherlands and elsewhere. The Schengen Agreement already permits member states to reintroduce controls for short periods if a threat to internal security is perceived. But while a tighter form of border control may be desirable a wholesale suspension of Schengen in reaction to the internal threats posed by Islamic terrorists is not the best answer. Also this would be pointless unless other effective methods are taken up by governments to deal with Islamic terrorists many of whom are homegrown and against whom stringent border barriers are likely to be ineffective. Any action also has to be weighed against the freedom of European citizens to move freely which would be curtailed undermining our liberty and capitulating to barbarians in our midst. Dealing with threats requires cool European heads and closer cooperation and coordination between Western countries. There are two fields that are now crucially important. The first is shared intelligence. The Schengen Agreement already allows for cooperation and coordination between police forces in Europe. But this must now be intensified. The paramount antiterrorism tool is good security intelligence. The ability to expose terrorist networks or to preempt terrorist attacks is the central purpose of good peacetime intelligence. The massacre of Charlie Hebdo cartoonists exposed a fatal lapse in French security that had failed to keep tabs on militants who had been on terrorist watch lists for years. The second issue is the EU’s unwillingness and inability to control immigration. The crux of the issue is that there should be a radical change to its policy on both internal intracountry and external immigration and its laws on asylum. Brussels must find practical humane and properly managed solutions to the sources of migration from Africa and the Middle East. It should now establish with the international refugee agencies a system of processing applications for migration to Europe closer to migrants’ countries of origin or in appropriate transit countries in North Africa. This would bring some order to the present chaotic conditions and might reduce irregular immigration in the longrun. While it is important to have a discussion on the wisdom of a completely borderless area within our continent – and examine how that can be tweaked to deal with modern realities it is in Europe’s security interests to focus on bolstering intelligence and tackling its pressing migration problems. These are issues that can no longer be ignored.Coastguard headquarters in Rome said it had received a request for help by satellite telephone and had directed the Maltese ship to the location of the first vessel a rubber boat. A Maltese cargo ship was heading to assist a migrant boat with around 100 people on board in difficulty off the coast of Libya on Friday and an Italian coast guard vessel was helping two other boats Italian coastguards told Reuters.Coastguard headquarters in Rome which was coordinating both Friday's operations said it had received a request for help by satellite telephone and had directed the Maltese ship to the location of the first vessel a rubber boat.The second incident was reported around 30 nautical miles from the Libyan capital Tripoli and an Italian coastguard ship was already on the scene.The coastguard said an improvement in weather conditions had allowed more migrant boats to set off from Libya where the breakdown in law and order has allowed peoplesmugglers free rein.Two merchant ships and an Italian coast guard vessel went to the rescue of more than 600 migrants who sent emergency calls for help from their packed rubber boats near the Libyan coast. The rescue operation is the second of its kind in two days and closely follows the deaths last week of more than 300 people who were trying to make the crossing to Europe. The Italian coast guard in Rome said the rescue vessels had located six boats drifting about 50 miles from the coast of Libya after receiving calls for help by satellite telephone. The coast guard ship Peluso has started the rescue operation a spokesman for the coast guard said a day after about 700 other migrants were plucked from overcrowded boats. An improvement in the weather last week encouraged migrants to make the perilous journey from North Africa which the United Nations refugee agency UNHCR says claimed 3500 lives last year. Last week's deaths reignited criticism of Italy's decision to close its fullscale search and rescue mission last year. The "Mare Nostrum" operation was replaced with an EU bGreece's new leftwing government pledged today to close down detention centres for illegal immigrants that have long been criticised by rights groups as inhumane. A Pakistani man had died overnight at the Amygdaleza detention centre in western Athens in a suspected suicide. "Detention centres we're finished with them" Deputy Interior Minister Yannis Panousis who is in charge of public order and civil protection told reporters on Saturday when he visited the centre. "I'm here to express my shame not as a minister but as a human being" he said. "I couldn't believe what I saw. I really could not believe it. This must change and it must change immediately." The United Nations has accused Greece of holding migrants in shocking conditions without heating or hot water. Panousis said the government would set up "open" reception centres with better facilities. Greece is the route of choice into the European Union for hundreds of thousands of mainly Asian and African migrants every year. Rising antiforeigner sentiment during Greece's economic crisis made immigration a hot political issue. The former conservativeled government of Antonis Samaras launched a sweep operation in 2012 called "Xenios Zeus" after the ancient Greek god of guests and travellers arresting thousands of undocumented immigrants. Amygdaleza was Greece's first dedicated detention centre for illegal migrants and consists of dozens of containers that were originally set up to house people displaced by natural disasters such as earthquakes.The Armed Forces are assisting the Italian coastguard in the rescue of at least 1000 migrants on 12 boats some 110 miles south of Lampedusa. This is the third operation of its kind in as many days. Prime Minister Joseph Muscat tweeted: "#Malta @Armed_Forces_MT working with #Italy authorities in major joint operation rescuing migrants on numerous boats leaving from #Libya." The Italian coast guard said it had plucked more than 130 people from two rubber boats about 180 kilometres south of the island of Lampedusa so far and was working to save eight more vessels. "We are certainly at more than 1000 migrants" involved in today's rescue operation a spokesman for the coast guard in Rome told Reuters. Assistance has also been provided to 40 people on board a dinghy just a few miles off Libya. According to Ansa gunmen threatened an Italian Coast Guard patrol boat that was rescuing a boat with migrants on board about 50 miles from Tripoli. The gunmen ordered the Italians personnel to leave the migrants boat behind after they rescued the migrants. The Coast Guard personnel who were not armed obeyed the order. Migrants arrive at the Sicilian harbour of Pozzallo after they were rescued from overcrowded boats near Libya. Photo: Antonio Parrinello Reuters Migrants arrive at the Sicilian harbour of Pozzallo after they were rescued from overcrowded boats near Libya. Photo: Antonio Parrinello Reuters Better weather since last week has encouraged migrants to make the perilous journey from North Africa where a breakdown of order in Libya has made it almost impossible to police the traffickers who pack people onto rickety boats. More are said to be leaving Libya which seems to be experiencing a mass exodus according to Italian media. Migrants who landed in Pozzallo this morning included a man from Central Africa suffering from a gun shot wound. He is being interrogated by state police. Ansa said that according to initial reports he was shot at by the smugglers to force him to get on a boat. More than 300 people died last week trying to make the crossing which claimed 3500 lives last year even before Italy closed its Mare Nostrum search and rescue mission in December. The coast guard ship Fiorillo and several cutters were sent to the latest rescue along with four merchant ships and two tug boats which were diverted to join the operation. One navy ship two police patrol ships and a Maltese vessel had also been mobilised the coast guard spokesman said.Prime Minister Joseph Muscat says UNbacked intervention is only option for Libya insists Malta is in no real danger or threat from any extremist group. Prime Minister Joseph Muscat has this morning insisted that Malta is not in any real danger or threat from any extremist groups from Libya and that a UNintervention is the only option to solve the Libyan crisis.The government has not received any information or indication of any real danger or threat from any extremist groups in Libya. The Maltese security service is constantly monitoring the situation and the events in Libya and is in constant contract with other countries he argued while urging people not to spread false news from unreliable sources.Speaking on an interview on One Radio this morning the prime minister warned that the situation in Libya could instantly change and that a UN intervention must ensure that the country would not become a failed state.While defending Malta’s decision not to join the antiIS coalition the prime minister insisted that Malta’s neutrality does not mean that it would remain passive in the face of the Libyan conflict. Conversely he said the country must insist on the Libyan factions coalescing to find a solution.However the prime minister bluntly admitted that this was a tall order and that an organised intervention led by the United Nations would be the only solution to control the worrying situation in Libya.The only solution is for a UN backed intervention to restore security. There needs to be one authority in charge of the country’s security as otherwise we risk Libya becoming a failed state he said.Libya is currently caught up in a conflict among rival factions with the Tobruk and Tripoli governments each having its own governments armed forces and separate parliaments. The country has also become home to factions who have pledges allegiance to the Islamic State.The prime minister expressed fear of the prospect of nonLibyan organisations gradually taking over the embattled country and argued that the crisis is no longer just about rival factions fighting each other.He also said that if things were to carry on like this Libya risks becoming a failed state. Consequently he said the United Nations should intervene not to let Libya collapse.Muscat also warned that the deteriorating situation in Libya could change overnight and that migrant crossings could increase.Europe has seen record migrant crossings from Libya while Malta had the least number of migrants last year. However the situation can change in an instant and if Libya were to carry on like this and eventually collapse the country risks becoming a haven for criminal gangs trafficking migrants he said.Muscat also warned that Malta and Europe cannot have the cake and eat it and that consequently it can no longer moan about people crossing at sea while staying put waiting for the situation in Libya to improve.The prime minister also said that as a neutral state Malta will work to promote peace and that it would provide logistic support to UN backed missions and urged all Maltese nationals to leave Libya immediately as any future evacuations would be very difficult.Migrants sits on the 'Fiorillo' Coast Guard vessel as they arrive at the Porto Empedocle harbour. Photo: Antonio Parrinello Reuters The persistent incidents involving asylum seekers at sea have often sadly been relegated to a footnote in news bulletins. But the tragedies of the past week should serve as a wakeup call for EU leaders to realise the Mediterranean has become a watery grave for far too many people. In the past week at least 300 people died in the seas off Malta after departing from Libya. Twentynine migrants are reported to have frozen to death after being rescued from an inflatable boat off Lampedusa. We are in the middle of February usually one of the quietest months where sea migration is concerned yet the Migrant Offshore Aid Station predicts a record number of migrant deaths in 2015. UN High Commissioner for Refugees António Guterres said the EU’s Operation Triton was a woefully inadequate replacement for Italy’s Mare Nostrum sea rescue mission. Amnesty International singled out France Germany and the UK and urged them to take action on migration demanding more vigorous search and rescue systems. If you’re going to push people down dangerous routes you can’t then wash your hands of any responsibility for people who die taking them Amnesty said. All stronglyworded statements sadly all an inconvenient truth we have to face. With savage wars breaking out and unrest spanning from neighbouring Libya to Syria the Mediterranean Sea has become the deadliest border crossing in the world. Last year some 3500 people died trying to reach Europe. What we witnessed in the past week showed that migrant crossings are continuing through winter despite dire weather conditions. The incidents expose the predictable consequences of the EU’s failure to provide an adequate replacement for the Italian mission which last year rescued some 150000 migrants. The past week’s tragedies also dispel the myth that asylum seekers take on the voyage well aware there are rescue vessels in the vicinity. The world is seeing unprecedented asylum seeker movements which can only be exacerbated in the Mediterranean if Islamic State continues making inroads in Libya. So far it seems only Malta and Italy are kicking up a fuss over the devil rearing its head on Europe’s doorstep. Brig. Martin Xuereb director of MOAS hit the nail on the head: Migrants are being pushed to leave their homes not pulled towards Europe. They are getting onto boats in rough seas and freezing weather knowing the rescue missions have stopped. This is their last resort. In Brussels last Thursday leaders agreed on the need for tighter controls at the EU’s borders. Among others EU leaders called for stricter checks on travellers entering the passportfree Schengen area. It is justifiable for the EU to seek a larger dragnet of surveillance efforts to identify potential terrorists. Dangerous times sometimes dictate sterner measures. But we cannot seal off borders to those actually fleeing terrorism effectively forcing them to face death. The EU cannot ignore calls like those made by MEP Roberta Metsola who suggested the need to consider redeploying assets used in antipiracy missions to support Frontex operations in the Mediterranean. This could possibly help save lives and boost security in the region. Many exponents agree that more should be done to stem the deaths but clearly nobody is taking the lead. It’s been three months since Mare Nostrum came to an end with no replacement. We are already too late. People are fleeing danger by jumping onto rickety boats in rough seas hoping to reach safety in a risk tantamount to Russian roulette. How many of these tragedies can the international community watch from the shores before they feel morally compelled to respond?Malta and Italian coastguard in major joint rescue operation of at least 1000 migrants on board 12 boats off the coast of Lampedusa. #Malta @Armed_Forces_MT working with #Italy authorities in major joint operation rescuing migrants on numerous boats leaving from #Libya. — Joseph Muscat @JosephMuscat_JM February 15 2015 The Armed Forces of Malta and the Italian coastguard are currently involved in a major rescue joint operation rescuing at least 1000 migrants on board numerous boats travelling from Libya.In a tweet Prime Minister Joseph Muscat confirmed that the AFM are assisting their Italian counterparts in the rescue of the migrants. Earlier today the prime minister warned that the rapidly deteriorating crisis in Libya could result in an increasing number of migrants departing from Libya.The Italian coastguard said it rescued at least 130 people from two rubber boats about 180km off the southern coast of Italian island Lampedusa while operations are currently underway to save eight more vessels.We are certainly at more than 1000 migrants involved in Sunday's rescue operation a spokesman for the coast guard in Rome told Reuters.Meanwhile an AFM spokesperson explained that the joint rescue operation was a usual practice between the Maltese and their Italian counterparts. The army spokeman also said that AFM deployed an offshore patrol vessel to assist in the rescue of 12 boats some 100 miles off the coast of Lampedusa. The spokesman also explained that the AFM received no distress calls while no boats requested medical assistance.The AFM spokesman said that the number of boats was not exceptional compared to past operations.The spokesman also explained that the AFM together with their Italian counterparts are constantly monitoring the situation in Libya and are ready to provide logistic support in rescue operations.The Italian coastguard also rescued around 280 migrants after they were rescued in the Sicilian channel. Italian officials also said that one of the migrants a young man from the Central African Republic is alleged to have been shot by traffickers who wanted to force him to get on the boat.The rescue operation was the third in as many days after on Saturday the Italian coastguard rescued more than 600 migrants who sent emergency calls for held from their boats near the Libyan coast.Last week more than 300 people died while trying to make the crossing to Europe.Although Malta did not have the necessary resources to send soldiers or equipment to take part in a UNled mission in Libya it could serve as a contact point with the Libyan people as it is the European country Libyans trusted the most Prime Minister Joseph Muscat said this morning. Speaking to journalists on the situation in the north African country he said that if need be Malta could also help logistically something that was allowed by the Constitution. Any action the Prime Minister said should be taken under the UN’s umbrella: We cannot take action unilaterally but there should be a coalition… Italy he said had already expressed its interest to lead a mission and two other EU countries as well as Arab and Middle Eastern states had also expressed an interest in taking part. Dr Muscat said it was important to build contact with Libyans as such a mission should be carried out with their support. Asked about fears nationally about a threat for Malta Dr Muscat said: We are not informed to date that there is a real threat of attack on Malta but the situation is still of concern because of extremist groups on our doorstep which took over parts of Libya that are not under the control of either of the two Libyan governments. Speaking at the launch of a Commonwealth Business Forum earlier Dr Muscat said Malta could not turn a blind eye to what was happening around it especially since Libya had become a playing field for terrorists. Commonwealth countries he said had a role to actively seek to fight terrorism. Terrorists were not based in one part of a country or continent but in several parts of the world that were burning and we cannot as an international community as Maltese sit back and let Libya sink further into violence and lawlessness. Expecting things to fall into place he said was no longer an option. The United Nations should act. Dr Muscat said that had the international community listened to Malta and Italy’s plea we would not be in such a dire situation. Malta and Mediterranean Europe he said would stand to benefit from stability in Libya. The priority was to restore peace which would benefit trade and business. Asked about the problem of irregular migration Dr Muscat admitted this had escalated. He referred to Malta’s help in yesterday’s Italyled rescue and said that yesterday’s arrivals were not the last and there would be others. Malta he said could not stay out of such rescue operations and then complain about migration. He confirmed reports that criminals had shot on an Italian patrol boat as it was rescuing migrants from a boat. It was not possible for Malta not to intervene and then complain about migration he added. In a statement the Foreign Ministry said it was gravely concerned by the latest developments in Libya and strongly condemned the heinous crimes committed against Egyptian nationals. There should be no refuge for those who have committed these despicable acts. International justice must be set in motion to bring all those who participated or were involved in any way in the perpetration of such crimes to be brought to justice sooner rather than later. The ministry extended its condolences to all the families of the victims and expressed its support to the friendly Egyptian people in this moment of grief. It urged all Libyans to put aside their differences rally around and work together in the search for a negotiated peaceful settlement of the crisis. It reiterated that there was no other alternative to political dialogue and reconciliation. Unity and understanding among the parties in the Libyan crisis could resolve the political economic and social upheavals as well as the humanitarian crisis that were afflicting Libya it said adding that this process would also contribute towards combating the rise of terrorism and extremism in Libya.The International Organization for Migration called for quick action to address the growing instability in Libya which is forcing thousands to flee for their lives across the Mediterranean The International Organization for Migration called on world governments to act swiftly as escalating violence forces more migrants to risk their lives in stormy seas. Over 1600 have been rescued from unseaworthy boats on the Mediterranean Sea since last Friday.This is a clear signal that the situation in Libya is unravelling. We also know this from the fact that Italy and several other nations have already evacuated their citizens from the country IOM Director General William Lacy Swing said on Monday. We must stand ready to assist thousands of extremely vulnerable people who need our help he added.IOM pointed to the rescue since Friday of over 1600 migrants from multiple vessels just days after some 330 adults and children were reported lost presumed drowned the previous weekend.IOM staffers in Sicily and the island of Lampedusa are preparing this week to help the Italian authorities to care for the latest victims of criminal Libyan trafficking gangs who reportedly sent at least a dozen unseaworthy inflatable vessels into a stormy Mediterranean starting last Tuesday.IOM Italy Chief of Mission Federico Soda warned that he expects voyages like these will continue as Libya’s violence worsens.Migrants are being forced to travel on unseaworthy boats and in dire weather conditions he noted. Given these circumstances the relatively few small ships that we Italy and its European partners are currently using are insufficient to rescue a large number of people fleeing Libya.IOM Italy reported Monday that approximately 1650 survivors have been able to safely reach Italian shores after being rescued and brought to the ports of Lampedusa Augusta Pozzallo Porto Empedocle and Trapani.The organization said that the migrants were rescued starting Friday 13 February by the Italian Coast Guard Italian navy ships an Icelandic navy unit working in the framework of Triton the EU’s coastal border patrol and by a passing merchant ship. Most of the survivors are from SubSaharan Africa although they include at least 200 Somali migrants.Libya’s deepening chaos raises the stakes for Italy and all of Europe as officials across the continent debate the future of the EU’s border control policies.Italy’s Operation Mare Nostrum in place from October 2013 until late last year was responsible for the rescue of over 172000 migrants sent out to sea by smuggling gangs in Africa. It has been replaced by an EU programme called Triton which is administered by the EU’s Frontex border control agency.The current Triton patrols in the Mediterranean are clearly inadequate in the face of this situation said Swing. It is necessary to establish immediately a rescue system on the high seas that can respond to this emergency effectively to save migrants off Libya’s coast.Migrants as they arrived in Pozzallo yesterday. Photo: Reuters The European Union’s limited search and rescue resources contributed to the migrant tragedy that claimed more than 300 lives a few days ago Amnesty International said today after a visit to Lampedusa. It said that on that fateful day four rubber dinghies carrying hundreds of migrants sent out an SOS in stormy weather in the southern Mediterranean. But when the distress call was received on February 8 the main vessel used in the panEU border management operation Triton was docked hundreds of kilometres away in Malta for maintenance. The large military vessels used in Italy’s nowdefunct Mare Nostrum search and rescue operation were also out of use and docked even farther away in Sicily. An Amnesty International research team carried out interviews in Rome and Lampedusa with survivors members of the Italian coastguard and local authorities. Italian coast guard officials responded admirably and with exceptional personal courage to the SOS call putting in long hours amid incredibly treacherous conditions at sea. It’s impossible to know how many lives they could have saved with better resources but the death toll would likely be lower Amnesty International’s Italy campaigner Matteo de Bellis said. Unless the void of Italy’s now defunct lifesaving Mare Nostrum search and rescue operation is filled refugees and migrants will continue to die in great numbers at sea he said. The 400 survivors most of them young men from West Africa were attempting to travel across the Mediterranean in four boats from Libya when they ran into trouble. People smugglers had kept them near Tripoli after charging them the equivalent of around € 650. On February 7 the armed people smugglers brought the migrants to the Libyan port town of Garabouli 40 km west of Tripoli and made them board four inflatable dinghies. Early the next day as the boats drifted in the Mediterranean Sea north of Libya it was clear that they were in serious danger. Italian coast guard officials told Amnesty they received a satellite phone call for help early on February 8 in the afternoon. It was mostly unintelligible but the officials could make out the words dangerous dangerous in English. Coast guard officials stressed that under the circumstances the migrants were sailing to their almost certain death. The weather forecast in was bad for the entire week and the boats were powered by small outboard motors. The people smugglers had not provided enough petrol for the trip. According to survivor accounts more than 300 people perished. The migrants many of whom were scantily clothed were exposed to extreme weather conditions for up to two days including in nearfreezing temperatures rain and hail as their boats were at times tossed about on waves of up to eight metres. Italian coast guard responders managed to rescue 105 people from one dinghy but 29 of those rescued died of hypothermia and other causes. Two merchant vessels in the area rescued nine remaining survivors from two other boats. Survivors confirmed that there were four dinghies in total which were numbered 1 to 4. One boat is still missing. Departures of refugees and migrants surged this weekend and will continue to do so as Libya descends deeper into violence. The Italian coast guard confirmed that Italian authorities and merchant vessels rescued more than 2800 people in at least 18 boats between last Friday and Sunday. A total of 2225 people were rescued from a dozen boats on Sunday alone.'When the distress call came in on Sunday 8 February the main vessel used in the panEU border management operation Triton was docked hundreds of kilometres away in Malta for maintenance' The European Union’s limited search and rescue resources contributed to the soaring death toll after four rubber dinghies carrying hundreds of migrants sent out an SOS in stormy weather in the southern Mediterranean last week Amnesty International revealed today after a visit to Lampedusa.Following the tragedy that claimed more than 300 lives an Amnesty International research team carried out interviews in Rome and Lampedusa with survivors members of the Italian coastguard and local authorities.When the distress call came in on Sunday 8 February the main vessel used in the panEU border management operation Triton was docked hundreds of kilometres away in Malta for maintenance. The large military vessels used in Italy’s nowdefunct Mare Nostrum search and rescue operation were also out of use and docked even farther away in Sicily.Italian coast guard officials responded admirably and with exceptional personal courage to the SOS call putting in long hours amid incredibly treacherous conditions at sea. It’s impossible to know how many lives they could have saved with better resources but the death toll would likely be lower said Matteo de Bellis Amnesty International’s Italy Campaigner who just returned from Lampedusa.Unless the void of Italy’s now defunct lifesaving Mare Nostrum search and rescue operation is filled refugees and migrants will continue to die in great numbers at sea.Departures of refugees and migrants surged over the weekend and will continue to do so as Libya descends deeper into violence. The Italian coast guard confirmed that Italian authorities and merchant vessels rescued a total of more than 2800 people in at least 18 boats between Friday 13 and Sunday 15 February. On Sunday 15 February alone 2225 people were rescued from a dozen boats.This comes just a week after at least 300 deaths at sea as four other boats attempted the crossing from Libya to Italy in stormy weather. Amnesty International spoke to some of the survivors of that tragedy.According to survivors’ testimonies 400 migrants in all most of them young men from West Africa were attempting to travel across the Mediterranean in four boats from Libya when they ran into trouble last Sunday 8 February.People smugglers had kept them near Tripoli to await the journey after charging them the equivalent of around 650 euros. On the evening of Saturday 7 February the armed people smugglers brought the migrants to the Libyan port town of Garabouli 40 km west of Tripoli and made them board four inflatable dinghies.Early the next day as the boats drifted in the Mediterranean Sea north of Libya it was clear that they were in serious danger.Italian coast guard officials told Amnesty International they received a satellite phone call for help early in the afternoon on 8 February from a location 120 nautical miles 222 km south of Lampedusa and 40 nautical miles 74 km north of Libya. The call was mostly unintelligible but the officials could make out the words dangerous dangerous in English.Coast guard officials stressed that under the circumstances the migrants were sailing to their almost certain death. The weather forecast in that part of the Mediterranean was bad for the entire week. The boats were powered by small outboard motors and the people smugglers apparently had not provided enough petrol for the trip.According to survivor accounts more than 300 people perished. The migrants many of whom were scantily clothed were exposed to extreme weather conditions for up to two days including nearfreezing temperatures rain and even hail as their boats were at times tossed about on waves of up to eight metres.Italian coast guard responders managed to rescue 105 people from one dinghy at 9pm on Sunday but 29 of those died of hypothermia and other causes after the rescue. Two merchant vessels in the area rescued nine remaining survivors from two other boats. Survivors confirmed that there were four dinghies in total which were numbered 14. One boat is still missing.Amnesty International spoke to Ibrahim a 24yearold man from Mali who was one of only two survivors in his dinghy:[At around 7pm on] Sunday the boat started to lose air and to fill with water. People began to fall into the sea. At each wave two or three were taken away. The front part of the boat rose so people on the back fell in the sea. At that point only about 30 people remained on the boat. One side of the boat … stayed afloat …and [we clung to a rope as we had] water up to our belly. [Eventually] only four of us remained. We kept holding on together all night. It was raining. At sunrise two slipped away. During the morning we saw a helicopter. There was a red shirt in the water; I shook it so they would see me. They threw a small inflatable boat but I didn’t have the energy to reach it. So we stayed holding on. Half an hour later a cargo boat arrived. It threw a rope to get us onboard. It was about 3 in the afternoon [on 9 February].Lamin also from Mali was on board the other dinghy approached by a merchant vessel:We were 107 [on board]. In the high seas the waves were taking the boat up and down. Everyone was afraid. I saw three people falling in the water. No one could help. They tried to catch the boat but couldn’t. Then many others died maybe for lack of food or water. I can’t count how many died. When a big commercial boat came to rescue us only seven of us were [left]. The rescuers threw a rope and got us onboard. During the rescue [our] boat folded in two and went down taking down all the bodies.The Italian coast guard responded to the SOS call on 8 February by sending a search aircraft and four patrol boats – two of them were dispatched immediately followed by two more after one of the initial boats had an engine problem.The head of the Italian coast guard’s rescue operation centre was frank about the limited resources at their disposal:Can you imagine what it means to cover that distance in an 18metre boat with waves as high as eight or nine metres? We feared for the lives of our crew… When departures pick up after the winter we won’t be able to take them all if we remain the only one to go out there.Lampedusa residents and officials are reeling after the latest in a long series of sea tragedies to befall their island.Mayor Giusi Nicolini told Amnesty International: When the dead arrive one feels defeated. One wonders why nothing ever changes. Europe is completely absent – one does not need to be an expert in politics to understand that. Amnesty International is urging EU countries to provide collective and concerted search and rescue operations along routes taken by migrants to at least the same level as Mare Nostrum. In the meantime the organization is urging Italy to provide additional emergency resources until this happens.Many of those rescued after last week’s tragedy are from Côte d’Ivoire 41 – including two children followed by Mali 23 including a child Senegal nine Guinea seven Gambia two and Niger two. Ivorians also reportedly account for more than half of the confirmed fatalities among those rescued – 15 out of the 29 along with seven men from Mali five Senegalese and one each from Guinea and Mauritania.The UN Refugee Agency UNHCR said it expects the trend of migrants crossing the Mediterranean to continue in 2015. Some 218000 crossed in 2014 and the numbers for January 2015 already show a 60% increase in incoming migrants registered in Italy compared to January 2014. There were close to 3500 recorded deaths last year making it the deadliest sea crossing in the world.IOM teams in Italy say 933 migrants rescued in the past 24 hours Italian forces rescued 933 migrants during the past 24 hours bringing the total number of survivors rescued from the Mediterranean sea since Friday to at least 3800.The International Orgnaisation for Migration warned that the influx of migrants crossing the Mediterranean in rough seas was a very clear signal that the situation in Libya was unravelling.We must stand ready to assist thousands of extremely vulnerable people who need our help IOM director general William Lacy Swing said.In addition to nearly one thousand migrants now being processed in Lampedusa – where the capacity of the reception centre is normally just 400 – almost 300 more either are bound for the port of Pozzallo on the island of Sicily or are already in a reception centre there. Three hundred more are en route to the port of Calabria while 640 rescued migrants are bound for Porto Empedocle also in Sicily. Late Monday IOM learned that 265 rescued migrants also are bound for Lampedusa.Italy’s Ministry of Interior reported 3528 migrants arrived in Italy by sea in January. Totals for February already have topped last month’s arrivals. According to the IOM this indicates that 2015’s human smuggling season is starting earlier than in years past with potentially lethal consequences. In 2014 IOM reported 3279 migrants died attempting to cross the Mediterranean bound for Europe.It is not yet known how many fatalities may have occurred during what is believed to have been a flotilla of a dozen or more inflatable boats that left Libya last Tuesday just days after a smaller fleet foundered killing an estimated 330 migrants most of them from SubSaharan Africa.As violence escalates in Libya IOM has called for world governments to act swiftly to face the growing threat to migrants as over 1600 people were rescued from unseaworthy boats this weekend.IOM yesterday 16/ 2 reported the rescue since Friday of over 1600 migrants discovered on multiple vessels just days after some 330 people were reported lost presumed drowned the previous weekend. The departures illustrate the humanitarian emergency unfolding across the North African country.IOM staffers in Sicily and Lampedusa are assisting Italian authorities as they care for the latest victims of criminal Libyan gangs who reportedly beat and robbed victims while forcing them into unseaworthy boats on a beach 15 km from Tripoli. One survivor told IOM: They forced us to leave using guns; they beat many of us and took all our belongings.No deaths have been reported in almost a week. But IOM staff may learn of fatalities as they interview the hundreds of survivors due to arrive in Italy during the coming days.IOM said that the migrants were rescued starting Friday February 13 by the Italian Coast Guard and other ships patrolling the Mediterranean. Most are from SubSaharan Africa although at least 200 Somali migrants are among the survivors.Director of IOM’s Coordinating Office for the Mediterranean Federico Soda warned that he expects voyages like these will continue as Libya’s violence worsens.Migrants are forced to travel on unseaworthy boats and in dire weather conditions Soda said. Given these circumstances the relatively small number and the kind of ships used at the moment would be unable to rescue a large number of people fleeing Libya.Libya’s deepening chaos raises the stakes for Italy and all of Europe as officials across the continent debate the future of the European Union EU’s border control policies.Italy’s Operation Mare Nostrum in place from October 2013 until late last year was responsible for the rescue of over 172000 migrants put out to sea by smuggling gangs in Africa. It has been replaced by an EU programme called Triton which is administered by the Frontex EU border agency.The current system Triton patrolling the Mediterranean clearly is inadequate in the face of this situation Ambassador Swing added. It is necessary to establish immediately a rescue system on the high seas that can respond to this emergency effectively to save migrants off Libya’s coast.Chilling details still are emerging from the boats that departed Libya over a week ago. D a 20yearold migrant from Mali among the survivors arriving in Lampedusa last week said he witnessed the drowning of dozens of his fellow passengers.We left on a rubber dinghy with more than 100 [passengers] D told IOM explaining how four inflatable vessels departed from a beach 15 km from Tripoli on Saturday February 7. On Sunday around 11. 00 am our dinghy collapsed. Thirty people fell in the water while I held on to the boat with another 70.D explained that he held on until 3. 00 pm the next day. For hours I watched as my fellow passengers died one by one exhausted by the cold the waves and the rain letting themselves fall in the sea. I saw them drift away with their hands close to the surface he said.A record number of migrants look set to flow into Europe this year with human traffickers becoming increasingly aggressive as they take advantage of chaos in Africa and the Middle East the EU borders chief said. Many asylum seekers and illegal immigrants are reaching Europe via the Mediterranean sea with hundreds dying during the perilous crossing said Fabrice Leggeri executive director of Frontex the European Union's border cooperation agency. Libya's plunge into anarchy has created an ideal environment for traffickers who pack people fleeing war and poverty in the Arab world and subSaharan African onto rickety boats that set sail for Europe mainly aiming for nearby Italy. In an interview at the Warsaw headquarters of Frontex Leggeri said the numbers since Jan. 1 of what his agency terms "irregular crossings" into Europe at all border points was the highest ever recorded. An official put the number at more than 5600 despite winter storms and cold that normally deter the human smugglers. Asked if that meant 2015 would be a record year Leggeri said: "Yes if the current trend is confirmed." In 2014 there were approximately 300000 irregular crossings into the European Union with U.N. data showing at least 218000 people entering via the Mediterranean. The other major route for migrants was overland from the Middle East into the western Balkans and onto the EU officials said. "There are obvious reasons: because of the geopolitical situation in Syria and the Middle East because in Libya one can say there is a failed state and there is no government able to have effective control of the territory which makes it easier for organised crime to flourish there." Leggeri said traffickers were becoming more aggressive. In one case this month smugglers pulled out guns to threaten an Italian coastguard crew which was trying to tow a wooden vessel filled with migrants into port. The traffickers he said wanted the boat back so they could use it again. Frontex is in charge of an EU coastguard mission patrolling the Mediterranean dubbed Operation Triton which started work last November just as Italy wound down a much larger programme Mare Nostrum that rescued more than 100000 migrants in 2014. The Mediterranean crossing claimed an estimated 3300 lives last year and earlier this month more than 300 people are believed to have died after leaving Libya in inflatable rafts. The United Nation's refugee agency the UNHCR says Operation Triton is woefully inadequate and urged Europe to take a new approach. Leggeri said Operation Triton which had been planned to run only until the end of January would now carry on throughout the year adding that it had already helped save up to 9000 people. The International Organization for Migration said yesterday that some 3800 migrants had been rescued from the Mediterranean since last Friday alone. Leggeri said he had put out a call to EU member states to provide the vessels and aircraft needed to keep the operation going. Frontex has no operational resources of its own. Triton currently employs nine boats and two aircraft. "We have to get ready and when I say 'we' it's Frontex but also the member states. We have to be prepared to face a very difficult year" he said.Migrants arriving on the Italian navy ship Orione at Porto Empedocle in Sicily yesterday. Some 640 migrants rescued by Italian authorities arrived on the ship. Photo: Alessandro Bianchi/Reuters EU border chief says many are expected to make treacherous crossing across Mediterranean as human traffickers take advantage of Libya chaos A record number of migrants look set to flow into Europe this year with human traffickers becoming increasingly aggressive as they take advantage of chaos in Africa and the Middle East the EU border chief said. Many asylum seekers and illegal immigrants are reaching Europe via the Mediterranean sea with hundreds dying during the perilous crossing said Fabrice Leggeri executive director of Frontex the EU’s border cooperation agency. Libya’s plunge into anarchy has created an ideal environment for traffickers who pack people fleeing war and poverty in the Arab world and subSaharan Africa onto rickety boats that set sail for Europe – mainly aiming for nearby Italy. In an interview at the Warsaw headquarters of Frontex Leggeri said the numbers since January 1 of what his agency terms irregular crossings into Europe at all border points was the highest ever recorded. An official put the number at more than 5600 despite winter storms and cold that normally deter the human smugglers. Asked if that meant 2015 would be a record year Leggeri said: Yes if the current trend is confirmed. Traffickers are becoming more aggressive In 2014 there were approximately 300000 irregular crossings into the EU with UN data showing at least 218000 people entering via the Mediterranean. The other major route for migrants was overland from the Middle East into the western Balkans and onto the EU officials said. There are obvious reasons: because of the geopolitical situation in Syria and the Middle East because in Libya one can say there is a failed state and there is no government able to have effective control of the territory which makes it easier for organised crime to flourish there. Leggeri said traffickers were becoming more aggressive. In one case this month smugglers pulled out guns to threaten an Italian coastguard crew which was trying to tow a wooden vessel filled with migrants into port. The traffickers he said wanted the boat back so they could use it again. Frontex is in charge of an EU coastguard mission patrolling the Mediterranean dubbed Operation Triton which started work last November just as Italy wound down a much larger programme Mare Nostrum that rescued more than 100000 migrants in 2014. The Mediterranean crossing claimed an estimated 3300 lives last year and earlier this month more than 300 people are believed to have died after leaving Libya in inflatable rafts. The United Nation’s refugee agency the UNHCR says Operation Triton is woefully inadequate and urged Europe to take a new approach. Leggeri said Operation Triton which had been planned to run only until the end of January would now carry on throughout the year adding that it had already helped save up to 9000 people. The International Organisation for Migration yesterday said that some 3800 migrants had been rescued from the Mediterranean since last Friday alone. Leggeri said he had put out a call to EU member states to provide the vessels and aircraft needed to keep the operation going. Frontex has no operational resources of its own. Triton currently employs nine boats and two aircraft. We have to get ready and when I say ‘we’ it’s Frontex but also the member states. We have to be prepared to face a very difficult year he said.Italy this morning called for urgent international action to halt Libya's slide into chaos and said it was ready to help monitor a ceasefire and train local armed forces. The U.N. Security Council is due to meet later today to discuss Libya where two rival governments each backed by former rebels who toppled Muammar Gaddafi in 2011 are battling for power. The growing danger became apparent on Sunday when Islamic State released a video showing the beheading of 21 Egyptian Coptic Christians in Libya. Italian Foreign Minister Paolo Gentiloni told parliament that possible alliances between local militias and IS militants inspired by their counterparts in Syria and Iraq risked destabilising neighbouring countries. "The deterioration of the situation on the ground forces the international community to move more quickly before it's too late" he said in a special address on the crisis. "There's a clear risk of alliances between Daesh and local groups" he said using a common Arabic name for Islamic State. "The situation must be monitored with the maximum attention." Italy whose southern islands are only around 300 kilometres 186 miles from the Libyan coast has watched in alarm as the country has unravelled since Western forces helped topple Gaddafi. Hundreds of thousands of migrants have arrived in southern Italy in unsafe boats their departure from Libya facilitated by people smugglers operating freely in conditions of nearanarchy. Last week more than 300 were reported to have died attempting the crossing. As well as fuelling antiimmigrant sentiment in Italy which is suffering a deep economic slump of its own the crisis has also heightened security fears particularly after this week's beheadings of the Egyptian Christians and Islamic State messages threatening Rome home of the Pope. However Defence Minister Roberta Pinotti told parliament no evidence had been found of any increased threat to Italy in particular. "We're at risk as all countries that are fighting terrorism are" she said. Gentiloni spoke with U.S. Secretary of State John Kerry yesterday when Italy joined the United States France Germany Spain and Britain in calling for a national unity government in Libya. He said today's Security Council meeting had to produce concrete signs the scale of the crisis was recognised. Italy was ready to help monitor a ceasefire and train a regular army within the framework of a U.N. mission he said. But Pinotti warned that any military action needed agreement within Libya. "It's not realistic to talk about a peaceenforcing mission in Libya because there would first have to be an accord between the factions but it could be a peacekeeping mission" she said. Gentiloni said the surge in migrant arrivals up nearly 60 percent in the first six weeks of the year to more than 5300 was clearly connected with the security situation in Libya. Italy ended its "Mare Nostrum" searchandrescue mission in October but the EUbacked Triton mission that replaced it has been criticised as inadequate.Depicting migrants in stereotypically ‘traditional’ African garb – recalling South African Zulus – the float also features a portrait of Norman Lowell – leader of the farright party Imperium Europa who was charged with inciting racial hatred in 2008. Perhaps taking the welcome lifting of the ban on satire from Maltese Carnival to its logical conclusion floatmaker Brian Bonnici’s contribution to this year’s festivities was a satirical smorgasbord. But apart from taking the mickey out of local politicians – a tradition that is returning with gusto – Bonnici’s float entitled ‘Malta Taghna Lkoll’ also dedicated a section to the eversensitive reality of irregular migration.Depicting migrants in stereotypically ‘traditional’ African garb – recalling South African Zulus – the float also features a portrait of Norman Lowell – leader of the farright party Imperium Europa who was charged with inciting racial hatred in 2008.I don’t think there’s anything racist or discriminatory about Brian’s float Carnival director Jason Busuttil said when asked by MaltaToday whether the float could be considered racially insensitive. We take pride in the fact that carnival is once again open to satire and I think Brian’s float is just taking full advantage of this.Asked about whether the large portrait of Norman Lowell – attached to the open palms of the float – could be misinterpreted as glorifying the controversial farright leader Busuttil pointed out how other political figures were also given the same treatment on the same float.I don’t think it makes a difference whether the political figures are depicted as floats or in photos... you’ll find photos of the President and Bishop Charles Scicluna on the float too in fact. It’s all done in the spirit of satire Busuttil said.Neither did Busuttil find anything wrong in the way the African figures were depicted on the float insisting that it should all be taken in the spirit of carnival.The way I took Brian’s message is: these people are now among us and we should be free to include them even in carnival processions.Another side of the float shows an African woman being crowned as Miss Malta… I think it’s just a bit of goodnatured provocation – it’s just trying to gauge how people would react to something like that Busuttil said.He added that the Church was the only aspect of Maltese society that float makers are treating with caution but that he also expects this to give way soon enough.I think that the country has matured as a whole and will nowadays accept satire across the board Busuttil said adding that his standard for satirical carnival remains the carnival in Viareggio where you will see not just one but several floats depicting African migrants and where floatmakers won’t shy away from depicting either political or religious figures.Busuttil also contended that despite inclement weather this year’s edition was one of the biggest carnivals ever organised in Malta saying that lifting the ban on political satire last year helped to awaken people’s curiosity about carnival once again.A migrant who survived a shipwreck is helped as he arrives with others at the Lampedusa harbour on February 11. Photo: Reuters Frontex will be meeting today to discuss the new threat posed by Kalashnikovwielding smugglers who approached rescue teams carrying out a migrant rescue operation off the Libyan coast demanding their boat back. During a major operation last week in which the Italian coastguard saved more than 2000 migrants four men with Kalashnikov rifles sped out from the Libyan shore and ordered the coastguard to return a boat that had been emptied of migrants. Some of the gunmen then jumped on the boat and took it according to Italy’s transport ministry. This is a new threat that requires reflection. We need to speak to member states and Italian authorities about how to handle this situation. There is a management board meeting [today] in which this will be discussed a Frontex spokeswoman told Times of Malta. Read more on Times of Malta.The European Commission has extended its rescue mission in the Mediterranean until at least the end of the year and given Rome extra funding to deal with an influx of migrants from Africa and the Middle East. The Commission launched the mission dubbed Operation Triton in November just as Italy wound down a much larger and more costly programme known as Mare Nostrum. Triton managed by the European Union's border control agency Frontex was only expected to run for a few months and has fewer ships and a smaller operational area than Mare Nostrum drawing criticism from human rights groups. "We are willing to go further" said Home Affairs Commissioner Dimitris Avramopoulos. "Europe needs to manage migration better in all aspects." More than 5000 migrants have reached Italy so far this year on rickety boats that mostly set sail from Libya despite winter storms that usually slow the flow. The head of Frontex told Reuters this week that the recent flood of arrivals suggested a record number of migrants would travel to Europe this year spurred on by turbulence across much of the Arab world and Africa. Given the growing pressure the Commission on Thursday handed Italy 13. 7 million euros $ 15. 61 million of emergency funding which came on top of more than 500 million euros earmarked for Rome for the 20142020 period. "We cannot replace Italy in the management of the external borders but we can lend a helping hand" Avramopoulos said. Mare Nostrum saved the lives of more than 100000 migrants in little over a year but it put a huge strain on Italy's finances costing some 9 million euros a month. Operation Triton costs between 1. 5 million and 2. 9 million euros a month and has no operational resources of its own depending on contributions from EU member states. It currently deploys nine boats and two aircraft which patrol waters within 30 nautical miles of Italy. Mare Nostrum reached across the Mediterranean to the coast off Libya. An estimated 3300 people died last year trying to cross the Mediterranean and earlier this month more than 300 people are believed to have died after leaving Libya in inflatable rafts that were not sea worthy. In the wake of those deaths the United Nation's refugee agency said Operation Triton was woefully inadequate and urged Europe to take a new approach. Amnesty International criticised Thursday's EU move. "Extending Operation Triton without increasing its assets and operational area changes nothing" said Iverna McGowan acting director of the rights group's Brussels officeThe Migrants Association in Malta aims to facilitate discussions with the government to improve the lives of migrants on the island protection but as rejected applications they are allowed to stay with humanitarian protection status but with few rights. We want to contribute to the economic growth of Malta and are ready to contribute in the development of Malta in all forms. A new NGO has been formed in Malta to give a voice to the island's migrant community. The Migrants Association in Malta is headed by Bushra Fuad from Sudan.At one of their regular Sunday meetings various members spoke of their needs. All were grateful that Malta gives the possibility of a second chance of life.They thanked the government of Malta for many things in particular the protection and accommodation offered them. Many however felt that after residing in Malta for several years they want to voice their concerns and seek solutions. Many did not qualify for refugee status or subsidiaryThey stressed that many are already integrated into Maltese civil society but feel that they are offered fewer rights than those offered to migrants in other countries. Migrants from Sudan Ghana Gambia Togo Nigeria and Niger lamented issues with employment travel benefits medical care citizenship and insurance.The association emphasized its desire for peaceful cooperative discussion. We don't want to cause any problems we just want to talk with the government and improve things together" it said. We are part of Malta. We are integrated."We want polite peaceful discussions with respect and within the law.The members of Migrants Association in Malta are looking for a space to hold their weekly meetings.Migrants wishing to join the organisation and anyone who can offer help and support in any way can contact the group by emailing on [email protected] or by calling on 7760 6944.The evident rise of extremist and terrorist entities in Libya was a very alarming factor that needed to be addressed Foreign Affairs Minister George Vella said today. Speaking during a meeting of the Med 7 group that was convened to discuss unfolding developments in the region in particular the crises in Libya and Syria Dr Vella also highlighted the importance of keeping the migration issue firmly in sight and called for EU solidarity in this respect. He said that prevailing instability in Libya would result in increased influxes of migrants in the coming months. Dr Vella described the situation in Libya as an increasing growth threat to security and stability in Europe. He welcomed the fact that the matter was brought to the UN Security Council following a further deterioration of events during the week and reiterated Malta’s support to the reconciliation efforts being made by the UN special envoy Bernardino Leon. He said Malta actively supported deeper engagement with important regional partners such as the League of Arab States and the Gulf Cooperation Council. Every opportunity and existing mechanism should be availed of to spread a culture of tolerance in Europe’s neighbourhood he said. The Med 7 group is composed of France Italy Greece Cyprus Spain Portugal and Malta.Several countries participated in the Southern Youth Councils’ Meeting in Madrid last week to discuss pressing European issues The National Youth Council KNZ attended a Southern Youth Councils’ Meeting in Madrid last week to discuss several pending issues concerning youth rights and youth activism.The meeting held between the 12 and 16 of February saw the National Youth Councils of Belgium Bulgaria Croatia Cyprus France Greece Italy Malta Portugal Romania Serbia Slovenia and Spain discuss topics such as youth mobility access to several rights nonformal education youth participation and social inclusion.Based on a survey held by KNŻ and Aġenzija Żgħażagħ during the League of Young Voters campaign held in 2014 44% of the Maltese and Gozitan Youths who participated expressed the view that the most pressing issue is that of irregular immigration in the Mediterranean.Bearing this in mind the KNŻ executive together with the Italian National Youth Council Forum Nazionale Giovani strived to bring up this topic on the agenda of the meeting. The need for a long term project with the aim of raising more awareness on a European level emerged.Maltese youths believe that the irregular immigration issue has never been tackled properly and therefore youths should be the ones who raise this issue on a national and international level with such actions leading to an international program of awareness on social inclusion and humanitarian action.In the coming months bilateral site visits between KNŻ and FNG will be done to Maltese and Italian migrant reception centres in order to see the living conditions that such migrants face and understand their reasons for leaving their origin country.Visits to local humanitarian NGOs are are also planned in order to discuss the issue and what can be done to improve the migrants’ conditions. The project will culminate in the launch of an educational campaign on the matter and finally put on the table a Recommendations Report which will be handed in to the European Parliament and the European Youth Forum.A new nongovernmental organisation has been set up in Malta for Africans by Africans. The organisation Migrants Association in Malta is headed by Bushra Fuad from Sudan. Although grateful that Malta gave them the possibility of a second chance of life many were anxious because they did not qualify as refugees or for humanitarian projection and even though they were allowed to stay on in Malta their rights were basic. The migrants stated many of them were already integrated with Maltese civil society and they had a permit to work their paid taxes and national insurance but did not receive benefits when they had no work. Moreover they did not get financial support if they suffered an occupational accident. I have been here for 10 years but I have nothing to show for it. People think we are happy but we have many problems. We want the people of Malta and of Europe to know what the situation is. If nothing changes we will still have nothing in another 10 years one said. Some migrants have been here for 20 years and still did not have a passport benefits medical care or insurance. We don't want to cause any problems we just want to talk with the government and improve our situation together… We are now part of Malta. We are integrated. There is much suffering some have taken their lives others are in hospital… they said. The migrants said that they should be given citizenship after being in Malta for five years. They said they wanted to contribute to the country’s economic growth and were ready to contribute to the country’s development in any way possible. The association is currently looking for a place from where to hold its meetings which are currently held in a noisy bar. Migrants wishing to join the organisation and anyone who can offer help and support can contact the group at [email protected] tel. 7760 6944.Home Affairs Minister Carmelo Abela said on Times Talk on Tuesday that extremists were taking the opportunity of the lack of uncertainty in Libya to set up base in the country. He said that although the possibility of extremists arriving in Malta as irregular immigrants by boat could not be excluded the possibility was somewhat "farfetched". On Tuesday Times Talk discussed the migration chaos amid the second major conflict in Libya in four years. Jesuit Refugee Service director Katrine Camilleri historian Henry Frendo and anthropologist David Zammit debated whether the hundreds of migrants who are making the crossing in the the winter are leaving Libya voluntarily or are actually being forced onto boats. The programme also featured interventions by MOAS director Martin Xuereb and Matteo de Bellis from Amnesty International.Although the possibility of extremists arriving in Malta as irregular immigrants by boat could not be excluded the possibility was somewhat farfetched as these people had means to get to their destination without risking their life in the process Home Affairs Minister Carmelo Abela said this evening. Speaking on Times Talk the minister said extremists were taking the opportunity of the lack of uncertainty in Libya to set up base in the country. However although one could not exclude the possibility of such extremists coming to Malta on boats with irregular migrants this possibility was a bit farfetched as these people had better means of getting where they wanted to go without risking their lives on a dinghy. Mr Abela said that although the possibility could not be excluded it was very remote. Asked what was the government doing to mitigate risks Mr Abela said Malta shared intelligence with other countries primarily Italy and so far there was nothing to show that Malta was at risk.The Maltese are three times more concerned about migration than the rest of the EU according to a Eurobarometer report. The study published today gives an overview of Maltese perceptions of life as an EU Member State. It was carried out last November. As has been the case with previous Eurobarometer studies 57 per cent were preoccupied with the migration influx compared to 18 per cent across the rest of the EU. Maltese were mostly worried about migrants originating from outside the EU with three quarters saying this evoked very negative feelings some 20 per cent more than the EU average. Asked what future policy was most important for the stability of the EU 82 per cent of the 500 local respondents called for a common migration policy. The survey also found that the Maltese trust the written press radio and television less than other Europeans. However they trusted social media and Internet more. They are twice as likely to trust political parties at 24 per cent and twice as likely to trust the government than the EU average with 56 per cent. Overall the Maltese had a very positive outlook with 90 per cent saying they were satisfied with life in general the 6th highest rate in Europe. Furthermore 40 per cent expected their life to get better in the next 12 months the third highest in Europe.Home News World [ANALYSIS] Bringing on the Libyan apocalypse Islamic State wants to see the Libyan civil war pushing Muslim jihadists into a unified army against foreign intervention. JAMES DEBONO on the fastchanging landscape in the North African conflict James Debono Print Version The gruesome videotaped beheadings of 21 Egyptian Christians on a Libyan beach may well be the Islamic State’s also known as IS ISIS or ISIL invitation to foreign powers to intervene in Libya. The air strikes Cairo launched in response followed a script written by a group whose role in Libya was marginal up until a few months ago. Not only does generating chaos fit well with the group’s apocalyptic interpretation of Islam. It also suits the group’s political strategy. While it remains unclear whether ISIS in Libya is a direct export of the Caliphate in Iraq and Syria or a homegrown franchise that has adopted the ISIS brand its numbers have swelled by arrivals from Iraq and Syria in Spring 2014 spurred on by the establishment of ISIS’s caliphate last summer. But even though the group is getting stronger inside Libya its strength is sometimes overstated. It does not even control all of Derna its birthplace where rival groups like the Abu Salim Martyrs Brigade still play a major role. It faces competition from other wellentrenched Islamist groups and Libya lacks the sectarian divide between Sunni and Shiite that has fed the civil wars in Syria and Iraq. And so far ISIS has not gained control over the oil fields even if some of its attacks have targeted oil fields. Even Al Qaeda still wields more influence in Libya than IS and still appears to hold a more pragmatic aim than bringing on the apocalypse perhaps to settle on Libya becoming a sort of ‘Gulfstyle’ Sunni emirate. Like David Koresh but bigger… Islamic State’s particular brand is its cultishness and eerily millenarianism. Deciphering ISIS theology is important in avoiding alarmist conclusions. In the Coptic beheadings the ISIS commander says And we will conquer Rome by Allah’s Permission. But this is not the Italian capital but defeat of the Christian armies in a future battle to take place in Dabiq in Syria. In this eschatological vision as recounted by Geame Wood in The Atlantic ISIS believes that after its victory in Dabiq the caliphate will expand and sack Istanbul. But an antiMessiah known in Muslim apocalyptic literature as Dajjal will come from the Khorasan region of eastern Iran and kill a vast number of the caliphate’s fighters until just 5000 remain cornered in Jerusalem. Just as Dajjal prepares to finish them off Jesus – the secondmostrevered prophet in Islam – will return to Earth spear Dajjal and lead the Muslims to victory. While in neighbouring Tunisia a political party with roots in the Muslim Brotherhood handed over the reins of power peacefully after being defeated in a democratic election the Brotherhood in Egypt was ousted from power by a military coup. Which is why Graeme Wood assimilates ISIS to cult terrorist organisations like David Koresh and Jim Jones – of the Waco and Jonesville massacres respectively – with the singular difference that they wield absolute power over not just a few hundred people but some eight million. But not to be underestimated is ISIS’s proven ability to act politically and strategically and govern millions of people through a mixture of fear consent and sectarian alliances in Iraq and Syria. Neither is it incapable of political pragmatism: in Iraq it was able to ally itself with Baathist of Saddam Hussein’s Ba’ath Party Sunni insurgents to take over cities like Tikrit and Falluja. Inviting the crusaders to war ISIS’s strategy in Libya to provoke a foreign intervention would be its route of giving other Islamic groups no option but to join them in expelling the invader. Provoking Europe to intervene in Libya would enable ISIS to play the nationalist card. Resentment against the presence of foreigners in Libya is so strong that even during their revolt against Gaddafi Libyan insurgents were adamant in refusing any foreign boots on the ground. The Coptic beheadings has attracted Egyptian retaliation perhaps in a bid to force all jihadist groups and even moderate Islamists to unite against a foreign invader. In this sense ISIS plays on Libya rivalries to create their ideal apocalyptic scenario: the arrival of the crusading armies in another Muslim state. Yet as the Middle East experts and Independent columnist Robert Fisk observes ISIS’s own brutality may now have backfired creating a new Arab military alliance to bomb it out of existence. Burning Jordan’s captured pilot provoked 56 air strikes from Jordan and the Coptic murder brought Abdel Fattah alSisi into the war. What could be bad news for Sisi is that in his game of conflating ISIS with the Muslim Brotherhood adherents he has thrown into jail his air strikes could encourage the recruitment of Muslim Brotherhood to ISIS. And then again there is the chance that ISIS’s role in Libya is being hyped by the very regional powers who seek intervention. ISIS is a serious threat to Cairo but in one sense it is also an opportunity says Shashank Joshi a research fellow of the Royal United Services Institute in London. This week’s strikes are likely to lend international legitimacy to Egypt’s Libya policy by associating its broad support for the Tobruk government and General Khalifa Haftar with its specific actions against ISIS. Making sense of the Libyan chaos The Tobruk government The eastern city of Tobruk hosts the House of Representatives led by Prime Minister Abdullah alThinni recognised by most of the international community. Libya’s new parliament dominated by selfstyled secular and nationalist candidates was formed after the heavy defeat of Islamist candidates in June elections. The House moved to Tobruk after armed groups supportive of the General National Congress began to overrun the capital. The Tripoli government Fighters under Libya Dawn Fajr Libya an umbrella of several armed groups took control of the capital’s and its airport after months of fighting against rival fighters largely from the mountain stronghold of Zintan southwest of Tripoli. In November 2014 Libya’s constitutional court invalidated the parliament in Tobruk giving the parliament in Tripoli its own claim to legitimacy. It is led by Omar Al Hassi. General Khalifa Haftar Army strongman who as a cadet participated in Muamma Gaddafi’s 1969 coup that deposed the Libyan monarchy. He was my son and I was like his spiritual father Gaddafi said of the general when he defected in the 1980s after Gaddafi turned his back on him when he was taken as a prisoner of war in Chad. He subsequently moved to the US and only came back to Libya in March 2011 during the uprising. He launched ‘Operation Dignity’ as Libya drifted into instability pledging to purge Benghazi of terrorists with his selfdeclared Libyan National Army. He is backed by a loose coalition of eastern tribal groups eager for more autonomy former Gaddafi army soldiers and a number of politicians in the House of Representatives. Asked by New Yorker journalist Jon Lee Anderson whether he would be willing to serve as President Haftar smiled replying: I would have no problem with that. Ansar alSharia One of the most powerful Islamist groups which gained notoriety for its alleged involvement in the 2012 attack on the US Consulate in Benghazi. It also enjoys support among many Libyans for its emphasis on charity and the services it provides to locals. It distanced itself from more moderate Islamist groups such as the Muslim Brotherhood who have participated in Libya’s democratic process. They are separate from the Islamist militias that Haftar is fighting. Ansar alSharia include the February 17th Martyrs Brigade described by the BBC as the biggest and best armed militia in eastern Libya. The militias In the vacuum that followed Gaddafi’s removal rival militias took up residence in neighbourhoods and public institutions in Tripoli. The main rivalry is between the Zintan and Misurata militias both of them instrumental in Gaddafi’s downfall. Misurata is supported by business leaders and have joined the mainstream Islamists who are battling more secular forces including the Zintan brigades and tribal units once loyal to Gaddafi. Egypt and other foreign powers Foreign powers have sowed divisions by treating the Libya conflict in terms of a wider regional struggle. The UAE Saudi Arabia and Egypt are aligned against Qatar and Turkey in the latter’s support for the Muslim Brotherhood and its affiliates. Egypt’s involvement is an extension of the Napoleonic ambitions of Abdel Fattah alSisi to quell Islamists ambitions regionally. Ironically his deposition of the democraticallyelected Mohammed Morsi of the Muslim Brotherhood is supported by the Salafist Al Nour party. Saudi Arabia despite practising a form of Islam not at all different from that practised in the ‘caliphate’ wants to maintain its autocracy and rout out Islamic State troublemakers. Equally ambivalent are Qatar and Turkey: they support a galaxy of groups affiliated to the Muslim Brotherhood in Libya and Syria which however has spilled towards more extremist groups. The immigrants Gaddafi had threatened to flood Europe with subSaharan refugees; Islamic State may be planning the same tactic. Up to 6000 people are detained in severely overcrowded conditions in Libya Human Rights Watch said in April 2014. But this is a tiny fraction of the three million undocumented migrants and refugees estimated to be in the country. Between 500000 to 800000 – mostly from Somalia Sudan and Eritrea – are believed to be waiting to embark on the treacherous crossing. The gruesome videotaped beheadings of 21 Egyptian Christians on a Libyan beach may well be the Islamic State’s also known as IS ISIS or ISIL invitation to foreign powers to intervene in Libya. The air strikes Cairo launched in response followed a script written by a group whose role in Libya was marginal up until a few months ago.Not only does generating chaos fit well with the group’s apocalyptic interpretation of Islam. It also suits the group’s political strategy.While it remains unclear whether ISIS in Libya is a direct export of the Caliphate in Iraq and Syria or a homegrown franchise that has adopted the ISIS brand its numbers have swelled by arrivals from Iraq and Syria in Spring 2014 spurred on by the establishment of ISIS’s caliphate last summer.But even though the group is getting stronger inside Libya its strength is sometimes overstated. It does not even control all of Derna its birthplace where rival groups like the Abu Salim Martyrs Brigade still play a major role. It faces competition from other wellentrenched Islamist groups and Libya lacks the sectarian divide between Sunni and Shiite that has fed the civil wars in Syria and Iraq. And so far ISIS has not gained control over the oil fields even if some of its attacks have targeted oil fields.Even Al Qaeda still wields more influence in Libya than IS and still appears to hold a more pragmatic aim than bringing on the apocalypse perhaps to settle on Libya becoming a sort of ‘Gulfstyle’ Sunni emirate.Islamic State’s particular brand is its cultishness and eerily millenarianism.The loaded language myth creation and strict ideology mean that the members are not participating in what we would call the real world. They live in an imaginary world in which jihadi heroes prepare for the apocalypse writes Marita Le Palm in Foreign Policy Journal.Deciphering ISIS theology is important in avoiding alarmist conclusions. In the Coptic beheadings the ISIS commander says And we will conquer Rome by Allah’s Permission. But this is not the Italian capital but defeat of the Christian armies in a future battle to take place in Dabiq in Syria.In this eschatological vision as recounted by Geame Wood in The Atlantic ISIS believes that after its victory in Dabiq the caliphate will expand and sack Istanbul. But an antiMessiah known in Muslim apocalyptic literature as Dajjal will come from the Khorasan region of eastern Iran and kill a vast number of the caliphate’s fighters until just 5000 remain cornered in Jerusalem. Just as Dajjal prepares to finish them off Jesus – the secondmostrevered prophet in Islam – will return to Earth spear Dajjal and lead the Muslims to victory.In contrast to ISIS the more entrenched Muslim Brotherhood that which wields influence on the Tripoli government belongs to a completely different mindset one which seeks the Islamisation of society through the imposition of Shari’a law – but through constitutional and parliamentary means.While in neighbouring Tunisia a political party with roots in the Muslim Brotherhood handed over the reins of power peacefully after being defeated in a democratic election the Brotherhood in Egypt was ousted from power by a military coup.Which is why Graeme Wood assimilates ISIS to cult terrorist organisations like David Koresh and Jim Jones – of the Waco and Jonesville massacres respectively – with the singular difference that they wield absolute power over not just a few hundred people but some eight million.But not to be underestimated is ISIS’s proven ability to act politically and strategically and govern millions of people through a mixture of fear consent and sectarian alliances in Iraq and Syria. Neither is it incapable of political pragmatism: in Iraq it was able to ally itself with Baathist of Saddam Hussein’s Ba’ath Party Sunni insurgents to take over cities like Tikrit and Falluja.ISIS’s strategy in Libya to provoke a foreign intervention would be its route of giving other Islamic groups no option but to join them in expelling the invader. Provoking Europe to intervene in Libya would enable ISIS to play the nationalist card. Resentment against the presence of foreigners in Libya is so strong that even during their revolt against Gaddafi Libyan insurgents were adamant in refusing any foreign boots on the ground.The Coptic beheadings has attracted Egyptian retaliation perhaps in a bid to force all jihadist groups and even moderate Islamists to unite against a foreign invader. In this sense ISIS plays on Libya rivalries to create their ideal apocalyptic scenario: the arrival of the crusading armies in another Muslim state.Yet as the Middle East experts and Independent columnist Robert Fisk observes ISIS’s own brutality may now have backfired creating a new Arab military alliance to bomb it out of existence. Burning Jordan’s captured pilot provoked 56 air strikes from Jordan and the Coptic murder brought Abdel Fattah alSisi into the war.What could be bad news for Sisi is that in his game of conflating ISIS with the Muslim Brotherhood adherents he has thrown into jail his air strikes could encourage the recruitment of Muslim Brotherhood to ISIS.And then again there is the chance that ISIS’s role in Libya is being hyped by the very regional powers who seek intervention.ISIS is a serious threat to Cairo but in one sense it is also an opportunity says Shashank Joshi a research fellow of the Royal United Services Institute in London. This week’s strikes are likely to lend international legitimacy to Egypt’s Libya policy by associating its broad support for the Tobruk government and General Khalifa Haftar with its specific actions against ISIS.The eastern city of Tobruk hosts the House of Representatives led by Prime Minister Abdullah alThinni recognised by most of the international community. Libya’s new parliament dominated by selfstyled secular and nationalist candidates was formed after the heavy defeat of Islamist candidates in June elections. The House moved to Tobruk after armed groups supportive of the General National Congress began to overrun the capital.Fighters under Libya Dawn Fajr Libya an umbrella of several armed groups took control of the capital’s and its airport after months of fighting against rival fighters largely from the mountain stronghold of Zintan southwest of Tripoli. In November 2014 Libya’s constitutional court invalidated the parliament in Tobruk giving the parliament in Tripoli its own claim to legitimacy. It is led by Omar Al Hassi.Army strongman who as a cadet participated in Muamma Gaddafi’s 1969 coup that deposed the Libyan monarchy. He was my son and I was like his spiritual father Gaddafi said of the general when he defected in the 1980s after Gaddafi turned his back on him when he was taken as a prisoner of war in Chad.He subsequently moved to the US and only came back to Libya in March 2011 during the uprising. He launched ‘Operation Dignity’ as Libya drifted into instability pledging to purge Benghazi of terrorists with his selfdeclared Libyan National Army.He is backed by a loose coalition of eastern tribal groups eager for more autonomy former Gaddafi army soldiers and a number of politicians in the House of Representatives. Asked by New Yorker journalist Jon Lee Anderson whether he would be willing to serve as President Haftar smiled replying: I would have no problem with that.One of the most powerful Islamist groups which gained notoriety for its alleged involvement in the 2012 attack on the US Consulate in Benghazi. It also enjoys support among many Libyans for its emphasis on charity and the services it provides to locals. It distanced itself from more moderate Islamist groups such as the Muslim Brotherhood who have participated in Libya’s democratic process.They are separate from the Islamist militias that Haftar is fighting. Ansar alSharia include the February 17th Martyrs Brigade described by the BBC as the biggest and best armed militia in eastern Libya.In the vacuum that followed Gaddafi’s removal rival militias took up residence in neighbourhoods and public institutions in Tripoli. The main rivalry is between the Zintan and Misurata militias both of them instrumental in Gaddafi’s downfall. Misurata is supported by business leaders and have joined the mainstream Islamists who are battling more secular forces including the Zintan brigades and tribal units once loyal to Gaddafi.Foreign powers have sowed divisions by treating the Libya conflict in terms of a wider regional struggle. The UAE Saudi Arabia and Egypt are aligned against Qatar and Turkey in the latter’s support for the Muslim Brotherhood and its affiliates. Egypt’s involvement is an extension of the Napoleonic ambitions of Abdel Fattah alSisi to quell Islamists ambitions regionally. Ironically his deposition of the democraticallyelected Mohammed Morsi of the Muslim Brotherhood is supported by the Salafist Al Nour party.Saudi Arabia despite practising a form of Islam not at all different from that practised in the ‘caliphate’ wants to maintain its autocracy and rout out Islamic State troublemakers. Equally ambivalent are Qatar and Turkey: they support a galaxy of groups affiliated to the Muslim Brotherhood in Libya and Syria which however has spilled towards more extremist groups.Gaddafi had threatened to flood Europe with subSaharan refugees; Islamic State may be planning the same tactic. Up to 6000 people are detained in severely overcrowded conditions in Libya Human Rights Watch said in April 2014. But this is a tiny fraction of the three million undocumented migrants and refugees estimated to be in the country. Between 500000 to 800000 – mostly from Somalia Sudan and Eritrea – are believed to be waiting to embark on the treacherous crossing. Share on Facebook Share on Twitter More from James Debono James Debono is MaltaToday's chief reporter on environment planning and land use issues ... Court & Police Romanians jailed over pickpocketing spree National 90% increase in cruise passenger traffic Business Comment ECB fails to break new ground on monetary policy Entertainment Tributes pour in for iconic musician Court & Police Hunter in Dingli accidentally shoots another hunte... National Doctors term hospital activity report 'partial' an... World At least two people dead after coastal cycleway co... World New virus outbreak in Australia can cause brain da... World Venezuela turns to power cuts amidst energy crisis World Obama says the UK will be stronger within the EU National In the Press: Gender pay gap in Malta amongst wors... Court & Police Woman critically injured in St. Paul’s Bay accid... National Greece seeks Malta’s advice on gender identity l... Music Legendary artist Prince dead at 57 National Gozo mayor facing breathalyzer arraignment suspend...The Migrant Offshore Aid Station MOAS has donated brand new medical equipment to Malta's Mater Dei Hospital while praising hospital staff for the free healthcare given to migrants over the years. Parliamentary Secretary for Health Chris Fearne thanked MOAS founder Regina Catrambone and MOAS director Brig. Retd. Martin Xuereb for the donation and assured them the equipment would be put to good use. MOAS a search and rescue charity that assisted some 3000 migrants in the Mediterranean Sea last year had received a large donation of medical equipment from USbased NGO Medical Bridges some of which could not be utilised on its boat M.Y. Phoenix. MOAS expressed gratitude for all donations received because each contribution showed that many private individuals and organisations want to be part of the solution to the humanitarian crisis witnessed in the Mediterranean Sea. The medical equipment donated includes a neonatal resuscitator defibrillator and an infusion pump. MOAS is currently on a mission to raise funds to ensure a beefed up sixmonth presence in the Mediterranean this year to respond to the increase in refugees and the winding down of other rescue missions. Donations are being received on www.moas.eu/donate. http://www.moas.eu/donate Last year 3419 men women and children died while making the dangerous crossing to Europe in unseaworthy boats mostly by drowning or dehydration.Migrant Offshore Aid Station donates a neonatal resuscitator a defibrillator and an infusion pump to Mater Dei Hospital. Search and rescue foundation Migrant Offshore Aid Station MOAS have donated several items of medical equipment to Mater Dei Hospital. The items include a neonatal resuscitator a defibrillator and an infusion pump.In a statement MOAS thanked Mater Dei’s hospital staff for granting free healthcare to refugees over the years. Health Parliamentary Secretary Chris Fearne thanked MOAS founder Regina Catrambone and MOAS director Brig. Ret’d. Martin Xuereb for the donation and promised that the equipment would be put to good use.MOAS assisted around 3000 migrants in the Mediterranean Sea last year with most of its donations in medical equipment coming from USbased NGO Medical Bridges.They are currently seeking to raise funds to ensure a beefed up sixmonth presence in the Mediterranean this year to respond to the increase in refugees and the winding down of other rescue missions. Donations can be made on www.moas.eu/donate.Fewer than one in four of those who arrived by boat from Libya are working. Photo: Darrin Zammit Lupi A total of 1296 irregular migrants were officially employed in Malta as at the end of September 2014 either in full or parttime jobs. The figures provided by the Employment and Training Corporation show that only 177 of these were refugees with the others having various categories of status see table. The UN High Commission for Refugees estimates that less than 30 per cent of the around 19000 who arrived by boat from Libya since 2002 remain in Malta. That means that fewer than one in four are working – at least officially. Beneficiaries of protection have a right to a travel document and many opt to leave Malta on their own initiative. Over 2800 beneficiaries of protection have been resettled or relocated to the US and other EU member states. However it is difficult to gauge the economic contribution being made by the working migrants as the Inland Revenue Department tags them along with the rest of expatriates working in Malta and therefore does not have any data on their contributions. The number of those who work is only one aspect of the issue however. It is just as important to consider the jobs that these migrants are taking up and the director of the Emigrants’ Commission Fr Alfred Vella believes that many of them are underemployed taking up jobs that bear little or no relation to their experience and qualifications. This is partly an issue of what employers want – most need workers to do menial jobs in construction and cleaning – and partly the fact that migrants can rarely substantiate their claims to technical or even professional skills. Best being lost to resettlement Certificates are a problem. And even when these are available it is not always possible to ascertain their equivalence in Malta. The BICC is creating a Skills Card which would allow them to be assessed to ascertain their proficiency – but this is not yet available Fr Vella said. There are a number of initiatives in place to help migrants find work: all those with a subsidiary protection status can apply for a work licence. Charities are donating € 30 out of the € 58 fee that they have to pay to get a work permit. The commission has a volunteer at the Marsa Open Centre to help them find jobs and Alex Tortell the operations director at the Agency for the Welfare of Asylum Seekers said that although there was no formal project for work placements in open centres all welfare staff social workers etc. focused on employment as a priority area. Another problem is the wage they are paid Another problem is the wage they are paid. Even though they should be paid at least minimum wage there is still some abuse although considerably less than there was a few years ago. A case highlighted by Times of Malta in 2013 concerned eight migrants who worked as garbage sorters with a contractor engaged by Wasteserv a government waste management agency. They were paid just over € 8400 annually when Maltese employees earned € 11300 a year. There are occasional stories that offer hope: six migrants from the open centre are studying as mature students one at the University and five at Mcast. And of course there are numerous children attending school and are working their way through the educational systems. Fr Vella is all in favour of these efforts to improve their chances of survival – but is also concerned that Malta is losing an economic opportunity. The ones who do best are the ultimately also the ones who have the best chance to benefit from resettlement programmes. I think we are losing some of the best being left with those who have humanitarian protection status or who are failed asylum seekers.Amnesty International warn that Malta's search and rescue operations at sea are too 'restrictive' and that the conditions in detention centres are 'substandard' The automatic detention of undocumented migrants for up to 18 months and of asylum seekers for up to 12 months is in breach of Malta’s international human rights obligations human rights experts have warned.In its annual ‘State of the World’s Human Rights’ report human rights organisation Amnesty International said that Malta’s search and rescue operations at sea limited at disembarking refugees and migrants in its territory is too restrictive.On 30 March the Prime Minister publicly pledged to end migrant children’s detention Amnesty said. However children and other vulnerable people continued to be routinely detained as well as unaccompanied minors detained alongside adults while awaiting the outcome of their age and vulnerability assessment.They said that migrants’ appeal procedures to challenge the length and lawfulness of their detention are in breach of Malta’s international human rights standards and that the conditions in detention centres are substandard.Many migrants experience lack of privacy and poor recreation and leisure facilities Amnesty said while noting the government's refusal to disclose information about the search and rescue operation regarding a trawler carrying over 400 people mostly Syrian families which sank on 11 October 2013.Survivors’ testimonies and available data indicated that rescue may have been delayed due to failures by Maltese and Italian authorities the organisation said.Amnesty also pointed out that abortion in Malta remains prohibited under all circumstances including to save the life of a pregnant woman.In October the UN Human Rights Committee considering Malta Amnesty International Report 2014/ 15 under the International Covenant of Civil and Political Rights raised concern about the compatibility of the prohibition with the right to life the organisation pointed out.However they positively noted Malta’s passing of the Civil Unions Act last April a law that grants samesex couples the same rights as heterosexuals in a civil marriage including the right to jointly adopt children.Though a Daesh fighter was heard saying in a video that Rome is next some Daesh ideologues say ‘Rome’ to mean Ankara or Istanbul the centre of the Byzantine empire or as a general symbol of the ‘crusader West’. Photo: Max Rossi/Reuters There is no question that the battle against Daesh Isis is a formidable one. In military terms alone it is probably no stronger currently than a group like Hizbollah of Lebanon but its ability to fight on different fronts the chaotic conditions in which it operates the financial resources it commands and the morale of fighters who believe they’re ushering the end of the world place Daesh in a category of its own. In any battle it is essential to see the enemy objectively. One should not underestimate it. However overestimation – whether of its capacities or its objectives – can lead to fatal misjudgements too. Right now Daesh is being overestimated in three key ways. First the stories of ‘homegrown’European jihadists are inflating the paranoia of a lurking massive threat within European societies. There are several links and videos being shared ‘showing’ just what a threat free Europe faces from its own Muslim populations – all ready apparently to strip off its mask and turn fascist. I have myself been sent just such a video of ‘Muslim leaders’ declaring on film that Europe will eventually be conquered by Islam. In fact all but one of the ‘leaders’ shown are simply TV preachers; the exception is Muammar Gaddafi whose credentials as a leader with religious authority were nonexistent. In an age where private satellite stations are mushrooming it’s the easiest thing in the world to find a radical preacher spouting a message of soontobe greatness. They’re cultural entrepreneurs just like any US televangelist. But almost all of them are leaders in search of a following. The exception is Sheikh Yusuf alQaradawy whose programme on alJazeera has a worldwide following of 60 million out of 1. 2 billion Muslims even though he has also been condemned by about 2500 Muslim academics from 23 countries. It’s noteworthy that the footage shows the audience of only one of these leaders: Gaddafi’s which was of course a rented crowd. If we’re going to call the rest ‘Muslim leaders’ because they have a TV programme and an audience then let’s be consistent. It’s a definition of leadership that would make ‘Christian leaders’ of Pastor GordonJohn Manché and Edward Spiteri. If you’re not entirely happy with that there’s a billion empathising Muslims I’d like to introduce you to. Meanwhile the friends and families of Europeanborn jihadists almost all behave the same way: with surprise anguish and even guilt that they did not detect anything. The second way in which Daesh is being overestimated relates to how the words uttered by its operatives are sometimes inflated. Of course we should pay attention to what Daesh says but we should also weigh it against the rest of what we know. There’s no doubt that a Daesh fighter was heard saying in a video that Rome is next. There’s also no doubt about the intercepted memo by a Daesh recruiter in Libya arguing for more fighters to be sent over from the Levant since Libya can serve as a stepping stone to Europe. There’s no doubt about the murderous intent behind such words. But what weight do they have? What ‘Rome’ means for Daesh is actually equivocal. The Libyan operative meant the Italian capital. But other Daesh ideologues say ‘Rome’ to mean Ankara or Istanbul the centre of the Byzantine empire or simply as a general symbol of the ‘crusader West’. Daesh is being overestimated in three key ways The meaning matters. If ‘Rome’ means either Ankara or the West the likelihood is that Daesh jihadists will continue to flow east hoping for a showdown in Syria where according to their selective reading of Islamic texts they will fight a decisive battle against the West. What is clear from the intercepted Libyan memo however is that Daesh is not banking on a dormant army of European Muslims to conquer Europe. The Libyan recruiter was lobbying for resources to be sent over; he did not ask for the goahead to tell Europe’s Muslims to take up arms. Daesh is not counting on Europe’s Muslims to join it. So why should we? What’s also clear is that the memo’s writer is no military strategist. He may be a successful recruiter. But his memo argues for an invasion of Europe by sea. It’s clear that he has not thought things through. Boats of armed terrorists would be spotted early thanks to modern surveillance and picked off from the air. Boats of unarmed terrorists posing as refugees in rickety vessels are not exactly a military threat should they even make it to European shores. We’ll have to see if the higher echelons of Daesh bought the argument because that’s what it was – a plea for more resources not an official strategy. But the likelihood is that Daesh won’t – at least not just yet – go for a concerted massed attack on European territories although the encouragement of lone wolf attacks is a different matter. What we know now about Daesh’s understanding of itself and its grand strategy is that it wants first to conquer the Arab lands and then the rest of the Muslim world. It believes it is going to bring about the end of the world: first it will win a devastating victory against Western forces in Syria then it will suffer several defeats at the hands of a redoubtable enemy who will probably emerge from Iran but finally when its forces are whittled down to 5000 men it will be finally victorious in a battle where Daesh forces are led by Jesus who according to Muslim tradition will usher in the Last Judgement. Such beliefs help explain why for example European jihadists are travelling to Syria and then burning their passports. It’s not exactly a sign that they plan to return to Europe. They see their calling as being in Syria for the decisive battle. It also helps us explain how Daesh can be methodical and rational in its planning while having mad unsustainable goals such as attempting to provoke every country including the US to attack it. Its belief system is premised on total war waged continuously. We know a lot of what Daesh believes thanks in large part to Graeme Wood’s report in the latest issue of The Atlantic. Unfortunately Wood’s description of Daesh ideologues use of Islamic texts as ‘learned’ is likely to attract more attention. The third way to overestimate Daesh is to conflate its beliefs with mainstream Islam. Reports like those of Wood will continue to come out and – although Wood himself is careful to say that most Muslims don’t share Daesh’s vision – will be taken to confirm that Daesh’s fascism is different from mainstream Islam only in degree. The facts however are these. No one who has ever bothered to follow what is known about violent Islamist groups would be surprised to learn that such Islamists are continually citing scripture and sayings attributed to the Prophet Muhammad. It’s a constant in such groups. But if that counts as ‘learned’ then your garden variety US evangelical pastor or doorstep Jehovah Witness should be counted as ‘learned’ in Christianity. If Daesh’s invocation of Muslim tradition some of it considered to be of doubtful authenticity by Muslim scholars places it within mainstream Islam then to be consistent we should place European fascism and white supremacy in mainstream European tradition since they draw on and transform such European notions as ‘nation’ and ‘enlightenment’. European fascism continues to be a dangerous force in European politics something to guard against. We could say the same about violent Islamist groups. But we know the answer to the first threat is intelligent social inclusion and that’s also the answer to the second. [email protected]Overwhelming majority of respondents to a MaltaToday.com.mt poll express unease over IS’s presence in Libya An overwhelming majority of respondents to an online poll carried by MaltaToday.com.mt expressed unease at the presence of Islamic State forces in neighbouring country Libya. 72% 1544 of the participants fear that Malta could be threatened while only 12% 250 think that there is no real threat to Europe. 15% of the respondents – 341 – feel reassured that the West will take action in Libya.Prime Minister Joseph Muscat once again reassured that the Maltese had nothing to fear so far even though it was important to remain vigilant.I promise you that I’ll personally inform the nation as is my responsibility in the eventuality of a real threat to Malta. Right now we have no information of Malta being the target of any forces Muscat reiterated last night on Xarabank also ruling out the possibility of missiles fired from Libya reaching Malta.The PM was replying to questions raised by host Peppi Azzopardi and fielding questions by the public.Muscat explained that the goal of the Islamic State was to instil fear and create chaos. He said that the authorities were on the alert and countries shared and coordinated information.Insisting that ISIS affiliates should not be confused with Muslims Muscat expressed concern over small groups who do not form part of the local Muslim community and who do not follow the teachings of Imam Mohamed El Sadi.They feel that Imam is too soft … we have already warned them that we will not accept anyone who attempts to promote hatred whether its against Islam Catholics or other religions.The PM admitted that it was worrying that while the warring factions in Libya continued with their arguments IS forces were slowly gaining found.We are taking precautions. When ISIS took over Sirte the Services informed us that IS militants had taken over government offices where passports were printed.We have now stopped a diplomatic agreement we had with Libya and we are now vetting every Libyan that comes to Malta as they must first apply for a visa.Muscat reiterated that the two rival parliaments in Libya had to come together for Libya to achieve strong security.Malta was in contact with both the Tobrukbased House of Representatives and the Tripoli parliament. It however recognised the Tobruk government as the legitimate representative of the Libyan people.Muscat insisted that both sides had to come together form a national unity government and turn to the United Nations in seeking support on making Libya a safer country.In reply to questions by the public the PM said he was more worried about the people that came in through the Schenghen area rather than irregular migrants.Irregular migrants spend months in detention and we scan them. If they come with any plans we’d find out. What worries me and the rest of the EU prime ministers is the people that come through the Schenghen area without any vetting.We have now agreed to start adopting a number of security measure. It is not about denying the opportunities of passportfree movement but it’s a matter of security.Muscat recalled how the attacks that took place in France and Denmark were carried out by French and Danish nationals born and bred in the respective countries.Muscat said he disagreed with the media attention given to ISIS arguing that it was a way of giving IS the satisfaction of knowing they were gaining viewership.No one heard of the killing of a Filipino in Libya last week because it was not filmed. Yet these have invested in filming equipment and direct their productions so more people watch them he said.He also down played the recent vandal attacks that took place in Qrendi where two bus stages and a chapel were vandalised with graffiti reading Death to Christians and Allah written incorrectly in Arabic.Whoever wrote it did not know how to write Allah in Arabic. Perhaps we are reading too much into it. I’d expect a foreign to make a mistake in the use of English not in his mother tongue Muscat said.

STOCCOLMA SIAMO modello ma anche paese giovane: povero fino agli anni ' 30 l'Illuminismo venne da Copenhagen in corsa divenimmo industriali urbani ricchi. Ma l'abbiamo assimilato e ora vogliamo salvarci con questo strano accordo. Ascolto Per Olof Enquist decano e coscienza critica della letteratura scandinava. Paese giovane e orgoglioso di esserlo? Sì con idee illuministe radicali e una nuova sfida: l'aggressività improvvisa degli Sveriges Demokraterna. Ecco le radici dello strano accordo. Dopo troppi tabù di tutti i democratici sul tema immigrazione 94 mila all'anno era inevitabile. Troppo a lungo abbiamo parlato di sfida nazista ma non di integrazione dei migranti. La Svezia non è razzista è aperta globale solidale. Ma troppe persone spaventate da presente e futuro hanno votato per i populisti magari per dire no alla generosità a oltranza. E così si è arrivati allo shock culturale dell'accordo? Sì. Sulle prime l'ho giudicato molto pragmatico e non svedese. È normale qui avere governi di minoranza ma prima non c'erano i populisti e allora ecco un accordo anomalo in democrazia per salvare anima e valori costitutivi. Intesa elogiata altrove in Europa... A breve la soluzione è smart e democratica positiva per democrazia economia stabilità. Ma può rendere gli elettori sospettosi di accordi alle loro spalle? Vogliamo restare moderni e solidali ma i sospetti degli elettori pesano: davvero fermeremo gli Sveriges Demokraterna? L'intellighenzia ha una lunga tradizione d'impegno. Come reagisce? Tradizione non troppo lunga. Strindberg fu a lungo incompreso o odiato come intellettuale politico: solo dopo divenne esempio d'impegno. Oggi intellettuali giovani narrano di una società irritata e confusa politici spesso senza coraggio élite illuminista che deve parlare di migranti senza tabù altrimenti ignorerà temi sentiti dalla gente delusa dal presente globale tentata dai populisti. © Riproduzione riservata 03 febbraio 2015ansa MILANO Il governo Tsipras rivede la politica sui migranti e si prepara a cancellare l'operazione Xenios Zeus il durissimo piano di intervento della polizia messo a punto dal governo di Antonis Samaras duramente contestato da Amnesty International e molte altre organizzazioni umanitarie per combattere l'immigrazione illegale. L'ha annunciato in un'intervista al sito Left.gr Tasia Christodoulopoulou viceministro dell'Immigrazione confermando anche che Atene avvierà una drastica riorganizzazione dei campi di accoglienza per stranieri. Quelli attuali sono incompatibili con la legge con la dignità delle persone e con il dovere umanitario dell'accoglienza ha spiegato. Xenios Zeus è stato per molte Ong uno dei più violenti interventi contro gli immigrati mai messo in atto in Europa. Il protocollo è stato messo a punto dal vecchio esecutivo di Samaras per coprirsi le spalle a destra nei momenti in cui Alba Dorata viaggiava attorno al 10% nei sondaggi e dava in sostanza mano libera alle forse dell'ordine per bloccare identificare e trattenere cittadini stranieri. Ordini che tradotti sul campo si sono trasformati in diversi episodi di abusi impuniti da parte della polizia come ha scritto Amnesty Internazional in un rapporto dello scorso aprile. Un esame delle operazioni tra aprile 2012 e giugno 2013 dell'organizzazione umanitaria ha raccontato di oltre 120mila persone fermate e identificate spesso in modo piuttosto brusco su basi puramente razziali. Le forze dell'ordine sono state usate in modo indiscriminato dalle autorità ha detto all'epoca Jezerca Tigani direttore di Amnesty per l'Europa . Invece di mantenere l'ordine si sono accaniti su gruppi vulnerabili di persone. E le loro azioni non sono state monitorate e perseguite. Il governo Tsipras in tema di immigrazione ha già preannunciato la volontà di concedere la cittadinanza ai figli di immigrati nati in Grecia. Questo provvedimento assieme alla revisione di Xenios Zeus e dei Cie rischia però di aprire qualche focoloaio di tensione con Anel il partito di destra che garantisce a Syriza la maggioranza in Parlamento. Ventinove profughi sono morti per ipotermia durante un viaggio della speranza attraverso il Canale di Sicilia. Quando sono stati soccorsi sette di loro erano già morti gli altri sono deceduti per il freddo durante il trasporto sulle motovedette della Guardia costiera. E' accaduto a un centinaio di miglia dall'isola di Lampedusa. I migranti fanno parte del gruppo di 105 profughi salvati nel corso della notte. L'intervento era stato chiesto nel primo pomeriggio di ieri al centro nazionale di soccorso della Guardia costiera di Roma tramite telefono satellitare. Nell'area sono state anche inviate le motovedette CP 302 e la CP 305 da Lampedusa.Ricerche di un secondo barcone segnalato dalle autorità spagnole sarebbero in corso ma dell'imbarcazione non c'è traccia. I dispersi potrebbero essere ancora molti. Il direttore sanitario di Lampedusa Pietro Bartolo aveva allertato l'elisoccorso per potere trasferire subito dopo il loro arrivo sull'isola i profughi più gravi con sintomi di ipotermia. I primi sette cadaveri erano stati caricati sulle motovedette ma altri 22 profughi che in un primo tempo erano stati soccorsi in condizioni gravissime non ce l'hanno fatta a reggere il freddo sulle motovedette della Guardia costiera: E' terribile dice Bartolo tra loro ci sono tanti giovani. Sono tutti bagnati sono morti di freddo. La Procura di Agrigento ha aperto un'inchiesta.E il medico apre la polemica sui soccorsi e sulla trasformazione di Mare Nostrum: Hanno viaggiato per ore su imbarcazioni che non sono idonee al soccorso delle persone dice Bartolo. Parlo da medico e ormai purtroppo da esperto di queste tragedie ha aggiunto non è questo il sistema giusto per salvare vite umane. Probabilmente con Mare Nostrum non avremmo avuto questi morti: non è possibile che si vadano a recuperare i migranti a 100120 miglia da Lampedusa per poi portarli verso la Sicilia in condizioni meteo proibitive. Quel dispositivo consentiva alle navi della Marina di raggiungere questi disperati prenderli a bordo metterli al riparo e ristorarli. Ora questo è più difficile.Una voce critica la sua che non resta isolata: I 366 morti di Lampedusa non sono serviti a niente le parole del Papa non sono servite a niente siamo tornati a prima di Mare Nostrum. E' la realtà dice Giusi Nicolini sindaco di Lampedusa commentando la morte dei profughi. E' la prova che Triton non è Mare Nostrum dice ancora il sindaco Siamo tornati indietro. E annuncia che chiederà al più presto un incontro al Viminale per sapere come dobbiamo organizzarci in vista dell'arrivo della primavera. Orrore al largo di lampedusa. Persone morte non in un naufragio ma per il freddo. Queste le conseguenze del dopo Mare nostrum scrive su Twitter la presidente della Camera Laura Boldrini. Stillicidio altri morti. L'abbiamo già detto: Triton non è sufficiente. Procedure Sar di Mare Nostrum non esistono più commenta Carlotta Sami portavoce dell'Unhcr.La nuova strage di migranti suona come una tragedia annunciata scrive invece in una nota l'europarlamentare Pd Michela Giuffrida mentre il collega di scranno Renato Soru cita le parole di papa Francesco: Caino dov'è tuo fratello? Europa assente bisogna ripensare Triton. Il leadar della Lega Matteo Salvini chiede le dimissioni del ministro Alfano: Altro sangue sulle coscienze sporche dei falsi buoni. Da domani a Strasburgo chiederò a Junker di sospendere Triton operazione inutile e di morte. Così come è dannoso il ministro dell'interno italiano Angelino Alfano al quale resta solo una cosa da fare: dimettersi. Critica anche Sel: Erano mesi che non assistevamo ad una tragedia del mare di queste proporzioni. Infatti prima cera Mare nostrum oggi c'è Triton. Il tema non è solo accogliere chi riesce ad arrivare vivo sulle nostre coste ma va garantita una via 'accesso protetta che permetta a chi scappa da fame guerra e disperazione di non morire in mezzo al mare come accaduto di nuovo stanotte al largo di lampedusa ha affermato il deputato di Erasmo Palazzotto auspicando l'apertura di canali umanitari.Sull'isola è ancora vivissimo il tragico naufragio del 3 ottobre 2013 in cui persero la vita 366 persone nei pressi dell'Isola dei Conigli. Le vittime facevano parte di un gruppo di 105 migranti che si trovava a bordo di un barcone alla deriva a largo delle acque libiche soccorso dalla Guardia Costiera nel corso della tarda serata di ieri. Le condizioni proibitive del mare forza 8 con onde alte anche fino a nove metri hanno reso particolarmente difficile il soccorso e hanno rallentato il rientro a Lampedusa: le motovedette hanno navigato infatti a non più di due nodi all'ora.La richiesta di aiuto era arrivata da un telefono satellitare nel pomeriggio alla centrale operativa delle Capitanerie di Porto di Roma. Ricevuto l'Sos sul posto sono stati immediatamente dirottati due mercantili che si trovavano in zona il Bourbon/Argos e il Saint Rock e contemporaneamente sono partite da Lampedusa due motovedette la Cp 302 d la Cp 305. Arrivate sul posto attorno alle 22 di ieri sera le motovedette hanno completato il trasbordo dei migranti in piena notte e ripreso la rotta verso Lampedusa. I medici a bordo hanno accertato la morte dei primi 7 migranti. Gli altri sono deceduti durante il trasporto.L'arrivo delle motovedette a Lampedusa è ritardato a causa del maltempo che sta imperversando nel Canale di Sicilia e che rende la navigazione particolarmente difficoltosa. In supporto il Centro nazionale di soccorso della Guardia costiera che sta coordinando le operazioni ha inviato altre 2 motovedette: le onde sono alte fino a 8 metri e il mare è forza sette da nord ovest.Erano ferme in porto per rifornimento e cambio equipaggio le due navi d'altura che avrebbero potuto soccorrere in modo più sicuro il barcone alla deriva nelle acque libiche. E nessun mercantile in zona pronto ad intervenire nel mare in condizioni proibitive. Ci sono anche sfortunate coincidenze dietro l'ennesima tragedia dell'immigrazione. Nel dispositivo messo in campo da Triton l'operazione targata Frontex l'Agenzia europea delle frontiere è presente una nave d'altura l'islandese Tyr l'unica della flotta in condizione di andare a raccogliere barconi in difficoltà a ridosso delle coste libiche. La Tyr però nelle ore della richiesta di aiuto era ferma a Malta per il periodico e programmato cambio di equipaggio e rifornimento. Non è dunque potuta intervenire. L'altra nave d'altura che incrocia nelle acque del Canale di Sicilia è un pattugliatore della Marina militare che però si trova nel porto di Augusta per rifornimento. Neanche questa nave era così disponibile.Peraltro non è un caso che entrambe le navi fossero ferme ai box: in giorni di mare così grosso si considerava meno probabile la richiesta di interventi e dunque si approfitta per le operazioni di rifornimento. Con il mare forza 8 solo le grandi navi possono affrontare le onde in sicurezza ma nella zona in quelle ore non c'erano mercantili pronti ad intervenire. E' toccato dunque alle motovedette della Guardia costiera operare il soccorso. Proprio nei giorni scorsi il direttore di Frontex Fabrice Leggeri è stato in Italia per una serie di incontri. Tra gli altri ha visto il capo della polizia Alessandro Pansa. Il focus dell'impegno di Triton come da mandato è sul controllo delle frontiere più che sull'attività di ricerca e soccorso in mare. I mezzi Triton sono così posizionati entro il limite delle trenta miglia dalle coste italiane. Ma superano quella soglia quando sono chiamati al soccorso. Diverso era il mandato dell'operazione italiana Mare Nostrum conclusa il 31 dicembre. In quel caso l'accento era sul salvataggio delle vite in mare e dunque le navi impiegate incrociavano fino a ridosso della Libia per soccorrere i barconi in difficoltà.Un vasto incendio ha distrutto nella notte almeno un terzo del cosiddetto Ghetto di Rignano nonostante la battaglia del Comune per mette al bando l'espressione il villaggio di cartone nelle campagne tra Foggia e San Severo che al momento è occupato da un centinaio di migranti; numero che aumenta a dismisura in estate accogliendo i lavoratori stagionali impiegati per il lavoro nei campi.Le fiamme hanno incenerito una trentina di baracche costruite con mezzi e materiali di fortuna perlopiù legno e cartone insieme a tutto ciò che vi era all'interno: viveri abiti documenti. I vigili del fuoco del distaccamento di San Severo con il supporto di un'autobotte dal comando provinciale di Foggia hanno impiegato 4 ore per spegnere il rogo che fortunatamente non ha provocato né vittime né feriti. Danneggiate dalle fiamme anche auto e roulotte presenti in zona e alcuni bagni chimici.Difficile al momento accertare cosa abbia potuto innescare l'incendio: forse un fornello lasciato acceso oppure una scintilla proveniente da una stufa. In quasi tutte le baracche erano presenti anche bombole di gpl: solo il tempestivo intervento degli uomini del 115 ha evitato che queste ultime potessero esplodere aggravando inevitabilmente il bilancio dell'accaduto. Sul posto per gli indagini del caso è giunta anche una pattuglia dei carabinieri.Il termine con cui viene da anni indicata la vergogna della baraccopoli non piace proprio a nessuno. Difficile del resto trovare un'accezione positiva al 'ghetto'. Quando poi finisce per identificarsi con un paesino ecco che l'allergia a quella parola diventa ancor più forte. E così il Comune di Rignano Garganico per togliersi di dosso il marchio della vergogna è arrivato a diffidare i giornalisti: Non chiamatelo più ghetto di Rignano o vi denunciamo. È questo in sostanza il senso della delibera del Consiglio approvata una settimana fa partendo da un assunto: La zona dove è ubicato il triste e famoso Ghetto è in agro di San Severo contrada Torretta Antonacci.Questione di chilometri ma non solo. Perché da Rignano continuano a ripetere che non avendo competenza in materia non possono neanche prendere provvedimenti. È per questo che non riescono ad accettare che da diversi anni l'immagine del paese sia danneggiata e offesa da continui articoli giornalistici e servizi televisivi sul 'Ghetto' dove gli extracomunitari vivono come bestie e al limite della schiavitù. Nella delibera il Comune chiede che vengano rettificate le citazioni illegittime utilizzate dai massmedia nazionali per riparare i danni di immagine che l'intera comunità ha subito e subisce ancora e qualora questo non avvenga il Comune come parte lesa si riserva di adire le vie legali per i danni subiti.L'ordine del giorno è stato recapitato alle varie testate giornalistiche nazionali ma il Comune avrebbe fatto bene ad allargare il raggio d'azione. La storia del Ghetto ha infatti varcato i confini italiani finendo solo per fare due esempi sulla Bbc e France 2. In vetrina le storie di sfruttamento e caporalato di una baraccopoli che doveva nei piani della Regione essere smantellata e che è bruciata invece la notte tra l' 8 e il 9 febbraio. Non si smantella invece l'apporto di volontari e associazioni che quotidianamente lottano per dare prima di tutto dignità a chi popola il ghetto. O il 'Grand ghetto' come lo chiama da tempo padre Arcangelo missionario e punto di riferimento dei migranti. Propose anche un referendum insieme agli 'ospiti' per dare un nome nuovo al villaggio ma non se ne fece niente. Perché il ghetto non piace proprio a nessuno. Che sia a Rignano a San Severo o a Foggia.Un vasto incendio ha distrutto nella notte almeno un terzo del cosiddetto Ghetto di Rignano nonostante la battaglia del Comune per evitare l'espressione su cui si è aperto anche un dibattito con gli stessi migranti il villaggio di cartone nelle campagne tra Foggia e San Severo che al momento è occupato da un centinaio di migranti; numero che aumenta a dismisura in estate accogliendo i lavoratori stagionali impiegati per il lavoro nei campi. Le fiamme hanno incenerito una trentina di baracche costruite con mezzi e materiali di fortuna perlopiù legno e cartone insieme a tutto ciò che vi era all'interno: viveri abiti documenti. I vigili del fuoco del distaccamento di San Severo con il supporto di un'autobotte dal comando provinciale di Foggia hanno impiegato 4 ore per spegnere il rogo che fortunatamente non ha provocato né vittime né feriti. Danneggiate dalle fiamme anche auto e roulotte presenti in zona e alcuni bagni chimici. Difficile al momento accertare cosa abbia potuto innescare l'incendio: forse un fornello lasciato acceso oppure una scintilla proveniente da una stufa. In quasi tutte le baracche erano presenti anche bombole di gpl: solo il tempestivo intervento degli uomini del 115 ha evitato che queste ultime potessero esplodere aggravando inevitabilmente il bilancio dell'accaduto. Sul posto per gli indagini del caso è giunta anche una pattuglia dei carabinieriL’allenatore? Fuggito dalla Nigeria. Quel gentile signore che accompagna gli anziani a fare le terapie? Scappato dal Bangladesh. Quel bravo fabbro che ha riparato la porta del centro anziani? Ha abbandonato la Somalia. Potrebbero essere solamente alcune delle storie dietro ai nuovi volontari in arrivo nelle associazioni di Cinisello Balsamo. Grazie a un accordo tra Comune Prefettura di Milano e sodalizi cittadini infatti i 39 profughi che la città sta ospitando da luglio 2014 saranno inseriti nelle associazioni di volontariato per far loro svolgere attività dove ve n’è più bisogno e favorire un percorso di maggior integrazione. L’idea è stata approvata dalla Giunta in questi giorni a firmarla oltre una decina di realtà: il locale comitato della Croce Rossa la cooperativa la Cordata la Fondazione Fratelli di San Francesco d’Assisi Auser Fondazione Cumse Banco Alimentare onlus Anffas Compagnia teatrale ambrosiana Centro di aiuto alla vita Centro anziani Costa Centro anziani Friuli Aias La terrazza. L’accordo permetterà ai 39 profughi inseriti nel programma del Ministero dell’Interno di protezione internazionale giunti in Italia attraverso il Mediterraneo di impiegare un po’ del loro tempo con le associazioni di volontariato mettendo a disposizione le proprie competenze. Svolgeranno piccoli lavori di manutenzione nei centri anziani accompagneranno le persone che necessitano di terapie per conto dell’Auser porteranno la spesa alle famiglie bisognose faranno compagnia agli ospiti de La Terrazza e affiancheranno nelle attività sportive i ragazzi dell’Anffas. Anche all’interno dell’Amministrazione comunale si sta ipotizzando di inserire qualcuno dei profughi in attività socialmente utili. Oggi i 39 migranti sono ospitati in tre edifici: la sede di via Giolitti della Croce Rossa presenti in 10 dal mese di luglio 2014 e provenienti dalla zona subsahariana via Mar Mediterraneo il residence Brodolini gestito dalla cooperativa La Cordata 4 provenienti dall’Africa subsahariana via Mar Mediterraneo e oratorio Emmaus dove dallo scorso ottobre sono accolte dalla Fondazione Fratelli San Francesco 22 persone provenienti dal Bangladesh e 3 dalla Nigeria.Uno sbarco di immigrati ALLE cinque del pomeriggio sotto un vento sferzante Giusi Nicolini è di nuovo sul molo Favaloro. Di nuovo davanti a corpi senza vita pietosamente adagiati nei teloni di plastica. Sindaco ci risiamo? Siamo di nuovo qui di fronte a un'altra tragedia a piangere ragazzi morti in cerca di un futuro: una situazione drammatica ma purtroppo ampiamente prevedibile che in tanti hanno sulla coscienza ma nessuno prova vergogna. Chi li ha sulla coscienza l'Europa? Tutti quelli che hanno fatto finta di non capire e che forse ora faranno finta di non vedere. Tutti quelli che dicevano che l'operazione Mare nostrum ha fatto aumentare gli arrivi. Forse è vero. ma almeno arrivavano vivi. Ora invece arrivano morti. E Triton che dovrebbe sostituire Mare nostrum non è un'operazione umanitaria ma solo di salvaguardia delle frontiere. Non serve a nulla: né a salvare la gente e nemmeno a dare l'allarme. L'Sos l'hanno mandato quei poveri migranti. E quel che è successo dopo è l'esempio perfetto di quanto accadrà chissà quante altre volte in futuro. Soccorsi troppo lontani? Lontani inadeguati e non attrezzati: come si può pensare di salvare i migranti in mezzo al Canale di Sicilia facendo partire motovedette aperte senza materiali da Lampedusa? Lo sapete quante ore ci vogliono per andare e tornare? E nel frattempo a questa gente che sta morendo quale aiuto siamo in grado di dare? Questi ragazzi non sono naufragati né annegati ma morti di freddo. Per non parlare del rischio che corrono anche gli operatori dei soccorsi. Ma a chi interessa davvero tutto questo?. Lampedusa nell'ultimo anno con Mare nostrum era ormai fuori dalle rotte di migranti. Cosa si prospetta adesso? Un drammatico ritorno al passato come se i naufragi del 3 e del 10 ottobre non fossero mai avvenuti come se Mare nostrum non fosse mai esistita. Ma le cose devono cambiare per forza. L'Europa ha deciso di lasciare nuovamente l'Italia da sola e l'Italia in silenzio ha permesso che succedesse di nuovo. Io purtroppo non posso spostare Lampedusa dalla carta geografica noi siamo l'unico avamposto in mare ma non possiamo pensare di affrontare una nuova drammatica stagione di sbarchi. E soprattutto di morti. Il governo deve fare la voce grossa per riprendere un'operazione umanitaria. Il centro di accoglienza dopo lo scandalo delle docce disinfettanti ai migranti è in ristrutturazione. Siete attrezzati per questa nuova emergenza? I padiglioni non interessati dai lavori sono agibili il poliambulatorio lavora a pieno ritmo ma questi poveri morti dove li mettiamo? Non abbiamo neanche le bare. L'Europa sta a guardare. Così il cardinale Angelo Bagnasco presidente della Cei e arcivescovo di Genova ha commentato l'ultima tragedia avvenuta a Lampedusa con la morte di 29 immigrati.Finchè l'Europa guarda dalle altre parti ha aggiunto il porporato e fa finta di non capire che l'Italia è veramente la porta dell'Europa e che ciò che accade in Italia appartiene a tutti le cose andranno avanti così ha concluso con queste tragedie del mare.E' in corso il dramma. La nostra lotta contro i trafficanti continua in modo costante e coordinato. Deve essere fatto di più: così su Twitter il commissario Ue all'Immigrazione Dimitris Avramopoulos si rammarica per i 29 migranti morti per assideramento nelle motovedette che li avevano salvati al largo di Lampedusa. Ogni vita perduta è una di troppo aggiunge. I corpi delle vittime sono al momento sistemati nel vecchio aeroporto della maggiore delle pelagie. Le vittime saranno sepolte in diversi cimiteri della provincia di Agrigento ma i tempi della loro tumulazione sono legati alle indagini che la procura ha avviato con l'accusa a carico d'ignoti di omicidio plurimo.I vescovi puntano il dito contro Bruxelles. Dopo il quotidiano Avvenire che definisce quanto accaduto una tragedia lancinante che pesa sulla coscienza dell'intera Europa rincara la dose il cardinale Angelo Bagnasco presidente della Cei e arcivescovo di Genova: L'Europa sta a guardare dice il porporato che aggiunge: Finché l'Europa guarda dalle altre parti e fa finta di non capire che l'Italia è veramente la porta dell'Europa e che iò che accade in Italia appartiene a tutti le cose andranno avanti così conclude Bagnasco con queste tragedie del mare.E Avvenire aggiunge: Non possiamo credere che questa nuova tragedia nulla dica alla coscienza d'Europa. La Libia dove operano trafficanti senza scrupoli racket legato alle milizie e forse ai jihadisti non può restare estranea all'agenda di Bruxelles.Nel tardo pomeriggio l'alto rappresentante Ue Federica Mogherini ha annunciato che nei prossimi giorni convocherà una riunione straordinaria per rivedere le politiche europee sull'immigrazione. Non possiamo permettere altre tragedie in mare dice Dobbiamo essere capaci di dare una forte risposta politica ed operativa.Sull'isola i sopravvissuti alla tragedia hanno trascorso la notte nel centro d'accoglienza di contrada Imbriacola. Le salme dei migranti chiuse in sacchi di plastica sono state sistemate all'interno del vecchio aeroporto in disuso. In arrivo una squadra della polizia Scientifica che dovrà identificare le vittime. Si tratta di giovani tra i 18 e i 25 anni secondo una prima ispezione cadaverica. Gli agenti della Scientifica preleveranno il Dna e scatteranno delle fotografie per poterle poi identificare. Non si sa ancora se alcune delle vittime fossero parenti dei 75 superstiti che si trovavano sullo stesso barcone. Subito dopo le salme verranno sistemate nelle bare e portate via con la nave a Porto Empedocle per poi essere tumulate nei cimiteri in cui c'è spazio.Il decesso dei migranti è avvenuto per ipotermia dovuta al freddo del Canale di Sicilia su cui nelle scorse ore si è abbattuto una violenta ondata di maltempo. Al loro arrivo sulla maggiore delle Pelagie i soccorritori hanno parlato di evidenti sintomi di assideramento. Per un migrante giunto in condizioni gravissime è stato necessario il trasferimento in elisoccorso a Palermo dove è ricoverato in coma un altro con sintomi di assideramento è stato portato alla Guardia medica. Gli altri sono stati trasferiti al Centro d'accoglienzaIl direttore sanitario dell'isola Pietro Bartolo ha criticato il sistema di soccorso adottato con l'introduzione del dispositivo Triton al posto dell'operazione Mare nostrum. Per il medico infatti i migranti vengono soccorsi troppo al largo dalla terraferma senza la possibilità di riparo a bordo delle navi e in caso di mare grosso e freddo sono costretti a una traversata esposti alle intemperie cosa che può rivelarsi estremamente pericolosa. Le condizioni in Libia sono drammatiche spiegano i soccorritori Se questi migranti hanno sfidato le onde alte sette metri e mare Forza 8 non appena il maltempo si placa si rischia una nuova invasione.Sull'isola già ieri sera è arrivato il prefetto di Agrigento Nicola Diomede che oggi insieme al sindaco Giusy Nicolini ha visitato il centro d'accoglienza per incontrare i 75 profughi sopravvissuti tra loro ci sono anche tre minori non accompagnati due della Costa d'Avorio e uno del Mali. Uno di loro ha dodici anni. Gli altri profughi provengono sempre dall'Africa subsahariana: Guinea Senegal Gambia e Niger. Il viaggio è durato tre giorni e quasi subito dopo la partenza l'acqua èentrata nel gommone perchè il mare era agitato. E' questo il racconto ancora molto parziale che alcuni dei sopravvissuti hanno fatto al sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini. I superstiti sono molto stanchi e ancora sotto shock ha detto Giusi Nicolini e in queste ore sono impegnati a fare ognuno di loro una lista delle persone che si trovavano su il gommone con loro per far sì che tutte le vittime abbiamo un nome. Uno solo dei 29 morti è stato finora identificato perchè in tasca aveva un documento. Si tratta di un ivoriano di 31 anni. Intanto la Prefettura di Agrigento ha già acquisito la disponibilità di venti Comuni della provincia per trovare 29 loculi necessari per dare una sepoltura alle vittimeIl sindaco ha parlato al telefono con il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio: Gli ho detto che non si può affrontare così né la primavera né l'estate perché è stato sguarnito il fronte umanitario quello del soccorso afferma il primo cittadino che ha attaccato frontalmente la missione europea 'Triton' subentrata all'operazione italiana 'Mare nostrum': Così com'è dice Nicolini non serve a niente e quindi almeno risparmiamo questi soldi. Bisogna ripensare il sistema di soccorso e non può essere 'Mare nostrum'. Ma bisogna fare qualcosa di simile. E' vero prosegue il sindaco che costava tanto ma bisogna fare in modo che costi di meno perchè un presidio nel Mediterraneo serve. Se si manda una motovedetta a 140 miglia è evidente che c'è il rischio di trovare i migranti già morti. Bisogna portarli al sicuro nel giro di due ore. Non possiamo permetterlo e non possiamo permettere che Lampedusa ritorni nell'imbuto della indifferenza della solitudine e dell'emergenza. Ma in serata arriva la replica del ministro dell'Interno Alfano: Solo farisei ed ipocriti possono negare la realtà che sono morte centinaia o migliaia di persone anche durante l'operazione Mare Nostrum: 500 cadaveri sono stati censiti e ben oltre mille sono stati i dispersi. Ora ha aggiunto l'Europa deve fare sua parte piantando le tende in Africa e ci vogliono pene più severe contro gli scafisti: ci lavorerò.Per il momento stiamo indagando per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina per ipotizzare altri reati aspettiamo di sentire i superstiti. Le loro testimonianze saranno preziose. In futuro potremmo anche indagare per omicidio plurimo colposo ma per il momento è solo un'ipotesi astratta spiega il procuratore capo di Agrigento Renato Di Natale che coordina l'inchiesta per la morte per assideramento dei 29 profughi. Siamo in attesa dei rilievi dice ancora Di Natale e delle dichiarazioni dei superstiti. Non sarà facile. Vedremo cosa accadrà.Sarebbero oltre trecento i morti nel naufragio avvenuto nel Canale di Sicilia. L'imbarcazione era partita sabato dalla spiaggia di Tripoli con altri tre gommoni con a bordo almeno cento persone su ogni mezzo. Tra loro anche i 29 profughi morti assiderati dopo il soccorso della Guardia costiera a cento miglia da Lampedusa . Non volevamo partire ha raccontato un testimone c'era brutto tempo. Ma i trafficanti umani ci hanno costretti sotto la minaccia delle armi e non avevamo altra scelta. Questa è solo l'ultima tragedia in ordine di tempo avvenuta nelle acque del Mediterraneo. Ecco alcuni precedenti. 19 luglio 2014: Tragedia a largo di Lampedusa. Diciotto profughi muoiono asfissiati nella stiva di un barcone a circa 80 miglia dall'isola. 29 giugno 2014: Un barcone con a bordo circaviene soccorso dalla Marina militare. 3 ottobre 2013: Al largo delle coste di Lampedusa si consuma una vera e propria strage: in un naufragio muoiono 366 migranti 30 settembre 2013: Tredici migranti muoiono in uno sbarco sulla spiaggia di Sampieri a Scicli nel tentativo di raggiungere la costa. Presi a cinghiate i migranti tutti uomini erano stati costretti dagli scafisti a buttarsi in mare. Gli immigrati circa 200 avevano raggiunto la costa ragusana a bordo di un peschereccio che si è arenato a pochi metri dalla riva. 10 agosto 2013: Sei migranti muoiono sulla spiaggia del lungomare della Plaia di Catania nei pressi del 'Lido Verde' annegando proprio nel tentativo di raggiungere la riva. Sull'imbarcazione arenatasi a circa 15 metri dalla riva viaggiavano oltre 100 extracomunitari soccorsi dalle forze dell'ordine e dalla guardia costiera e trasferiti nel porto di Catania per l'identificazione e i soccorsi. 11 ottobre 2012: Trentaquattro migranti tra cui sette bambini e undici donne sono le vittime di un naufragio a 70 miglia da Lampedusa . Il barcone su cui viaggiano si capovolge mentre i migranti si muovono per farsi notare da un elicottero in ricognizione. Circa 206 migranti vengono invece portati in salvo dalla Marina Militare. 1 agosto 2011: Venticinque profughi tutti uomini e non ancora trentenni muoiono asfissiati nella stiva di un barcone partito dalle coste libiche verso Lampedusa. I cadaveri vengono scoperti dagli uomini della Guardia costiera una volta terminato il trasbordo degli extracomunitari. 19 maggio 2011: Tragedia sfiorata per oltre 400 profughi partiti dalla Libia. A bordo del barcone in legno a circa 20 miglia dalla costa di Lampedusa si sviluppa un principio di incendio spento solo grazie all'intervento di 4 finanzieri saliti a bordo prima di effettuare il trasbordo dei migranti. 8 maggio 2011: 527 profughi vengono salvati in extremis a Lampedusa da un barcone incagliato sugli scogli che rischia di capovolgersi ma tre di loro tutti giovanissimi non ce la fanno e muoiono a un passo dal traguardo. I cadaveri vengono recuperati incastrati sotto il barcone a Cala Francese: due immigrati muoiono per annegamento uno per schiacciamento. 6 aprile 2011: Un barcone partito dalla Libia con 300 persone a bordo si ribalta nel canale di Sicilia a causa delle cattive condizioni del mare. A più di 12 ore dalla tragedia sono 51 le persone tratte in salvo mentre i dispersi da quanto emerge dal racconto dei superstiti sono oltre duecento. 3 aprile 2011: I corpi di 70 migranti morti probabilmente durante una traversata per raggiungere forse le coste italiane vengono recuperati al largo della Libia nei pressi di Tripoli. 30 marzo 2011: Nella notte tra il 29 e il 30 marzo un barcone con a bordo 17 immigrati partiti dalla Libia affonda a largo di Lampedusa. A raccontarlo sono i sei superstiti secondo cui sarebbero annegati 11 loro compagni durante la navigazione. 14 marzo 2011: Nel canale di Sicilia affonda un barcone con a bordo una quarantina di tunisini. Solo cinque di loro riescono a salvarsi gli unici che sapevano nuotare salendo su un altro barcone diretto a Lampedusa. A raccontare i particolari del naufragio sono gli stessi superstiti appena sbarcati a Lampedusa. Tre dei naufraghi vengono trasferiti nella Guardia medica. Il natante si sarebbe ribaltato subito dopo la partenza da Zarzis in Tunisia. 4 marzo 2011: Un barcone che trasporta 30 immigrati nordafricani naufraga nel Canale di Sicilia circa 40 miglia dalla coste del trapanese tra Marsala e l'isola di Marettimo. I migranti sono soccorsi dal motopesca mazarese Alcapa ma durante le operazioni di trasbordo quattro di loro finiscono in mare a causa del maltempo. Due vengono subito recuperati dai marinai del peschereccio mazarese altri due invece scompaiono tra le onde del mare in tempesta. 16 febbraio 2011: Nel canale di Sicilia scompare un barcone di circa 45 metri con a bordo forse oltre 200 immigrati.Gli ultimi salvati sono arrivati questa mattina all'alba sul molo Favaloro. E la loro testimonianza fa crescere in maniera drammatica il numero delle vittime della domenica di bufera nel Canale di Sicilia quando ad essere raggiunti dai soccorsi nel mare forza otto con onde alte nove metri non c'era solo il gommone con i 105 migranti 29 dei quali morti di freddo . Poco dopo nella stessa zona sono stati raggiunti altri due gommoni a bordo di uno c'erano solo due migranti sull'altro erano in sette. Troppo pochi visto il numero di profughi che i trafficanti libici fanno salire su queste carrette del mare. E le prime dichiarazioni dei sopravvissuti infatti fanno ipotizzare una tragedia immane: Sul secondo gommone abbiamo visto morire oltre duecento persone raccontano. L'Unhcr conferma: 232 vittime. Poi un'altra testimonianza fa cerscere ancora le dimensioni della tragedia. C'era una quarta imbarcazione dice il sopravvissuto anch'essa con un centinaio di persone a bordo. In tutto dunque i gommoni sarebbero stati quattro e i profughi imbarcati 460. Se così fosse le vittime sarebbero molte di più oltre 400. Stasera intorno alle 20 30 il traghetto Sansovino è attraccato a Porto Empedocle dove ha sbarcato il suo carico di morte.Non volevamo partire c'era brutto tempo. Ma i trafficanti umani di hanno costretti sotto la minaccia delle armi e non avevamo altra scelta. Siamo partiti a bordo di quattro gommoni in 460 ma uno dei gommoni durante la traversata è affondato e sono morti tutti i profughi a bordo. Tra loro c'erano anche tre bambini. E' stata una tragedia non avrei mai immaginato di vivere un incubo del genere. A raccontarlo ancora visibilmente sotto choc sono alcuni dei testimoni oculari di quanto accaduto nel Canale di Sicilia. Sono nove malesi tutti tra i venti e i trenta anni soccorsi a bordo di un mercantile e portati all'alba di oggi a Lampedusa a raccontare agli operatori di Save The Children quanto vissuto.Ci tenevano chiusi in un magazzino alla periferia di Tripoli raccontano e ci dicevano di aspettare prima di partire. Aspettavano il momento giusto. Poi sabato senza preavviso sono venuti. Erano tutti armati e ci hanno costretti a lasciare quel campo per raggiungere una spiaggetta di Tripoli. Alcuni dei profughi si sono opposti. Volevano aspettare che il tempo migliorasse. Ma non ci hanno fatto tornare indietro racconta un superstite a Giovanni Di Benedetto di Save The Children Eravamo minacciati e guardati a vista. Cosa altro potevamo fare?. Avrebbero pagato tutti 800 dollari a testa.I 460 immigrati tra cui anche donne e minori sono così arrivati sulla spiaggia e sono stati ammassati secondo il loro racconto su quattro gommoni con un motore da appena 40 cavalli. Ci hanno dato complessivamente dieci taniche di benzina per la traversata raccontano ancora e ci hanno spinti sui gommoni con la forza nonostante il brutto tempo. Ci avevano assicurato che il tempo sarebbe migliorato. E noi non potevamo che fidarci di loro. Così in 460 sono partiti sabato alla volta di Lampedusa. A poche miglia dalla Libia racconta un altro testimone uno dei quattro gommoni è affondato con oltre cento persone a bordo. Un altro gommone si è sgonfiato davanti e l'altro imbarcava acqua. Il resto è ormai storia. Uno dei gommoni in avaria è stato soccorso dalla Guardia costiera arrivata da Lampedusa nonostante le onde altre nove metri e il mare forza setteotto. Sono 76 i superstiti e 29 i profughi morti per assideramento. Su un altro gommone sono riusciti a salvarsi solo due degli oltre cento immigrati a bordo e sul quarto gommone si sono salvati in sette su più di cento profughi.Questa mattina le bare con i 29 corpi ricomposti a Lampedusa sono state imbarcate sul traghetto per Porto Empedocle dove è giunto intorno alle 20 30 che ha raggiunto l'isola dopo giorni di maltempo che aveva fatto saltare i collegamenti. I 29 migranti solo uno dei quali è stato identificato perché aveva i documenti addosso verranno poi distribuiti nei cimiteri siciliani che si sono detti disposti ad ospitare le salme. A Lampedusa a coordinare le operazioni il prefetto di Agrigento Nicola Diomede e il sindaco Giusi Nicolini che ieri ha ricevuto la telefonata del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Del Rio. I 77 sopravvissuti e tra loro anche un bambino di 12 anni che ha affrontato il terribile viaggio da solo in cerca di lavoro in Europa sono tutti ospitati nel centro di accoglienza di Lampedusa dove rimarranno almeno per altre 24 ore per riprendersi fisicamente e psicologicamente. Dopo il sindaco dell'isola Giusi Nicolini e i rappresentanti dell'Unhcr a rinfocolare le polemiche sull'insufficienza di Triton anche il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni che ha definito l'operazione di Frontex insufficiente. E Enrico Letta in un tweet incalza: #RipristinareMareNostrum. Che gli altri paesi europei lo vogliano oppure no. Che faccia perdere voti oppure no. Anche la presidente della Camera Laura Boldrini afferma che di fronte a questastrage non si può non prendere atto che l'operazione Triton è inadeguata. Siamo tutti chiamati come cittadini Europei a rispondere non a un tribunale ma alla nostra coscienza per ciascuna delle vittime del Mediterraneo aggiunge il presidente del Senato Piero Grasso sul suo profilo Facebook.Intanto sono quattordici i comuni dell'Agrigentino che hanno dato la loro disponibilità per accogliere le salme dei 29 profughi morti assiderati. Lo conferma il prefetto di Agrigento Nicola Diomede che sta coordinando le operazioni. Due verranno sepolti ad Alessandria Della Rocca due ad Aragona due a Burgio due a Cammarata tre a Canicattì quattro a Cianciana uno a Favara due a Grotte due a Montallegro due a Palma di Montechiaro uno a Porto Empedocle uno a Ribera due a Santo Stefano di Quisquina e tre a Sciacca.Tragedia migranti il Papa: A nessuno manchi il necessario soccorso #RipristinareMareNostrum. Che gli altri paesi europei lo vogliano oppure no. Che faccia perdere voti oppure no. — Enrico Letta @EnricoLetta 11 Febbraio 2015 OPERAZIONI DI MORTE STOP subito! Oggi stesso lo proporrò a Strasburgo. Renzi e Alfano ci siete o dormite? #Salvini pic.twitter.com/PjIbFsISlb — Matteo Salvini @matteosalvinimi 11 Febbraio 2015 Lampedusa Gino Strada: Mi vergogno di essere italianoLa procura della Repubblica di Agrigento è al lavoro alla ricerca di riscontri alle dichiarazioni dei superstiti dei gommoni salvati tra domenica e lunedi nel Canale di Sicilia. I magistrati invitano alla cautela sulle cifre su quei 300 e passa morti che secondo le ricostruzioni dei migranti sarebbero caduti in mare durante una bufera con mare forza 8. Fino a ora dicono i magistrati non è stato trovato alcun elemento di riscontro né relitti né corpi. Un'impresa che per la verità sembra impossibile viste le condizioni del mare in quei giorni.Nel centro di prima accoglienza di Lampedusa però i superstiti sia i 77 tratti in salvo dalla Guardia costiera a bordo della motovedetta sulla quale poi sono morti di freddo 29 migranti sia i nove sbarcati ieri mattina da un mercantile che li ha tratti in salvo mentre erano aggrappati ad altri due gommoni semiaffondati stanno compilando la lista delle persone secondo loro 430 che sarebbero partite sabato pomeriggio a distanza di mezz'ora l'uno dall'altro su quattro gommoni dalla spiaggia di Garbouli vicino a Tripoli.Per quanto sembri incredibile dice Giovanni Abbate dell'Oim i profughi dicono di essere perfettamente in grado di dare nomi e cognomi età e provenienza delle persone che sono partite con loro. Molti erano parenti o amici molti hanno fraternizzato durante la permanenza nei centri libici.Ancora per oggi i superstiti che nel frattempo vengono ascoltati dai poliziotti della squadra mobile di Agrigento che li stanno identificando resteranno nel centro di accoglienza di Lampedusa. Tra domani e dopodomani dovrebbero essere trasferiti a Porto Empedocle per essere smistati in altri centri. A Porto Empedocle sono arrivate anche le bare delle 29 vittime morte di freddo accolte dal prefetto Nicola Diomede che ha deposto fiori su ciascun feretro. Le salme saranno tumulate nei cimiteri di venti comuni dell'Agrigentino.E intanto il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini interviene nella polemica politica sull'opportunità delle missioni Mare Nostrum e Triton e ringrazia l'ex premier Enrico Letta per la sua proposta di riprendere Mare Nostrum anche se si perdono voti. Enrico Letta grazie! Un abbraccio scrive su Twitter la Nicolini.Settecento migranti sono stati soccorsi da navi della Guardia costiera italiana al largo delle coste libiche. I sette gommoni a bordo dei quali c'erano i migranti erano stati avvistati nel primo pomeriggio e le operazioni di soccorso erano subito partite grazie a un meteo relativamente clemente dopo che il gelo e le cattive condizioni del mare nei giorni scorsi hanno causato la morte per assideramento di 330 persone che tentavano di attraversare il mediterraneo su dei barconi. Sono in tutto sette le operazioni di soccorso coordinate oggi dal Centro nazionale di soccorso della Guardia costiera. E ci sarebbero altre vittime. Alcuni immigrati salvati spiegano fonti della Capitaneria di porto hanno riferito che diversi loro compagni sono morti dopo essere partiti dalla Libia. Dichiarazioni tutte da verificare viene spiegato. Insomma si potrebbe essere di fronte a un nuovo dramma sebbene la cautela sia massima nel raccogliere questi racconti dopo la recentissima tragedia che avrebbe provocato oltre 330 vittime. Erano su quattro gommoni come gli stranieri tratti in salvo oggi dalla Guardia costiera: sui primi tre a poche miglia dalle coste libiche ha dirottato il mercantile Belle di bandiera maltese e da uno di questi è giunta la notizia della presunta ennesima tragedia; la nave Fiorillo è giunta in soccorso di altri tre gommoni di immigrati in pericolo a trenta miglia da Tripoli; infine su un settimo gommone è stato inviato un altro mercantile.E un altro allarme arriva da un prete eritreo don Mussie Zerai responsabile di una ong di aiuto ai migranti che ha dichiarato di aver ricevuto centinaia di chiamate di soccorso da parte dei migranti che sarebbero rinchiusi in condizioni spaventose all'interno di alcuni capannoni vicino Tripoli. I trafficanti hanno detto a questi 600 disperati che li imbarcheranno entro la fine della settimana. Li hanno portati su dei camion dentro questi capannoni a qualche chilometro dal mare ha detto il prete.Alcuni sono già là da due settimane e hanno pagato ciascuno 1. 800 dollari per la traversata. Fra di loro ci sono circa 150 donne di cui sei incinte e numerosi minori non accompagnati. Sono soprattutto eritrei ma anche etiopi somali e sudanesi. Quando si lamentano gli uomini armati sparano in aria per terrorizzarli. Hanno paura di ammalarsi per le pessime condizioni igieniche in cui vivono sono disperati e pronti a fare qualsiasi cosa chiedano loro i miliziani ha spiegato il prete.La Corte di Assise di Agrigento ha condannato a 30 anni il trafficante somalo accusato di essere tra gli organizzatori della traversata di immigrati finita nel tragico naufragio dell'ottobre 2013 davanti alle coste di Lampedusa e nella morte di 366 persone. Una tragedia dell'immigrazione che si legherebbe secondo gli investigatori a quella avvenuta pochi giorni fa che ha coinvolto tre forse quattro gommoni sui quali sarebbero state imbarcate 460 persone delle quali se ne sono salvate appena 85. Su questo ultimo episodio la Dda di Palermo ha aperto un'inchiesta per scoprire se la banda che ha gestito la tratta dei migranti partiti dalla Libia e giunti l'altro giorno a Lampedusa è la stessa che mise in mare i profughi naufragati a Lampedusa a ottobre 2013. Durante l'ultimo viaggio su cui indagano i pm sarebbero morte 330 persone 29 per assideramento e più di 300 tra cui molti bambini nel corso della traversata resa proibitiva dal mare forza 8. Solo 85 dei migranti salpati si sono salvati. Nel canale di Sicilia non abbiamo assistito a una tragedia ma a un crimine. Triton non basta: ha un raggio di intervento troppo limitato e troppi pochi mezzi a disposizione. A parlare da Ginevra è tra i numeri uno dell'immigrazione mondiale. Il direttore generale dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni Oim critica l'Europa che deve passare dal controllo delle frontiere al salvataggio di vite umane e plaude agli italiani eroici e all'operazione Mare nostrum: Ciò che è stato realizzato con questa operazione è stato impressionante.Secondo quanto appreso dal nostro staff a Lampedusa è ancor peggio di una tragedia: è un crimine uno dei peggiori che abbia mai visto in 50 anni di carriera. Le organizzazioni di trafficanti agiscono con impunità e centinaia di persone stanno morendo. Il mondo deve reagire.In questa circostanza è emerso chiaramente come gli italiani si siano comportati in modo eroico quando all'inizio di questa settimana la Guardia costiera ha effettuato una operazione di soccorso molto coraggiosa lontano dalla costa e in condizioni di mare proibitive. Nonostante l'assenza di Mare Nostrum hanno comunque soccorso oltre 100 persone che si trovavano sul primo di una serie di gommoni partiti dalla Libia. Quello che è successo in seguito e che ha portato a un totale di oltre 300 vittime dimostra quanto sia necessario rafforzare le operazioni di salvataggio di vite umane nel Mediterraneo.La priorità è salvare le vite di coloro che purtroppo cadono nelle mani dei trafficanti in Libia e altrove e si trovano ad affrontare una pericolosa traversata in alto mare. Sono state 170. 100 le persone arrivate in Italia nel 2014. L'anno scorso a gennaio arrivarono 2171 persone quest'anno 3528. È già evidente che la fine di Mare Nostrum non porterà a una diminuzione del flusso di tanti disperati che fuggono da gruppi armati o da persecuzioni. Gli arrivi via mare in Europa sono la diretta conseguenza di situazioni di crisi che non accennano a migliorare. Basti pensare alla guerra in Siria alla crisi libica alla presenza di Boko Haram in Nigeria a ciò che accade in Iraq ma anche a tante situazioni di instabilità economica. Sono tutte crisi umanitarie che non saranno risolte nel breve periodo. Con Mare Nostrum il Mediterraneo era pattugliato in modo ampio ora non lo è più. Occorre dar vita a un meccanismo di ricerca e soccorso più efficace. Se la comunità internazionale è stata capace di porre termine alla pirateria lungo la costa della Somalia può essere sicuramente in grado di salvare migranti che sono mandati a morire in mare dai trafficanti di persone.L'operazione di controllo delle frontiere finanziata dalla Ue Triton ha un raggio di intervento geograficamente troppo limitato e ha troppi pochi mezzi a disposizione. Il focus deve essere la ricerca e il salvataggio in mare e non il controllo delle frontiere.Mare Nostrum ha portato avanti un compito altamente umanitario e ha salvato quasi 200. 000 persone tra cui molte donne e bambini. Nonostante 3279 migranti siano morti nel Mediterrano l'anno scorso ciò che è stato realizzato con questa operazione è stato impressionante.È urgente che l'Europa modifichi le priorità passando dal controllo delle frontiere al salvataggio di vite umane. L'Europa deve essere pronta a fornire assistenza a coloro che rischiano le loro vie in mare ampliando il limite geografico dell'operazione Triton.L'Italia ha fatto un grande sforzo con l'operazione Mare Nostrum e sta ancora salvando vite umane grazie alla Guardia Costiera e a quelle ormai poche navi della marina Militare che ancora pattugliano il Mediterraneo.Circa 200 persone hanno aderito al flash mob di Radio Popolare per protestare contro la strage di migranti al largo di Lampedusa. Presenti anche rappresentanti dell’amministrazione comunale milanese e della Cgil. Diamoci appuntamento con un lenzuolo bianco e una radio sabato 14 febbraio alle ore 16 in Galleria Vittorio Emanuele a Milano. Continua quotidiano il macabro conteggio dei morti nel Mediterraneo. Ormai è un bollettino di guerra si legge sul sito di Radio Popolare . La guerra che vede l’Europa contro i migranti. Un dramma a cui ci si rischia di abituare anche perché di questi morti spesso non ci sono nemmeno le foto dei cadaveri da pubblicare sulle prime pagine dei giornali. I partecipanti si sono sdraiati coperti dalle lenzuola mentre in radio è stata mandata in onda la Pizzica dello scafista brano della Med Free Orkestra FotogrammaIn centinaia sdraiati in mezzo alla Galleria Vittorio Emanuele coperti da un lenzuolo bianco: con un flashmob organizzato da Radio Popolare a Milano sono state ricordate così le tragedie dei migranti che continuano a verificarsi nel Mediterraneo. Circa duecento persone hanno risposto all'invito dell'emittente radiofonica che ha dato appuntamento all'Ottagono nel centro della Galleria per manifestare contro il silenzio sulle morti nel Mediterraneo. Presenti anche rappresentanti dell'amministrazione comunale milanese e della Cgil che si sono sdraiati coperti da un lenzuolo bianco mentre in radio è stata mandata in onda la Pizzica dello scafista brano della Med Free OrkestraLa norman Atlantic restituisce un altro corpo. Un cadavere ancora non identificato ma presumibilmente di sesso maschile è stato ritrovato ieri mattina sul ponte della motonave naufragata al largo dell'Albania il 28 dicembre scorso a causa di un incendio.Il corpo semi carbonizzato è stato trasferito nel pomeriggio nell'istituto di medicina legale del Policlinico di Bari dove nei prossimi giorni si procederà agli accertamenti utili all'identificazione e successivamente all'autopsia. Se possibile dal cadavere sarà prelevato il Dna da comparare con gli elementi relativi alle persone scomparse in possesso dell'autorità giudiziaria italiana.Prono e disteso sul pavimento del ponte 3 dove erano parcheggiati i tir è stato scoperto dagli uomini della Capitaneria di Porto durante un'ispezione a bordo del relitto. Sale così a 11 il numero delle vittime accertate nel naufragio. È il secondo cadavere trovato fino a questo momento sul relitto e potrebbe trattarsi di uno dei 18 naufraghi ancora dispersi ma anche di uno dei clandestini e dei quali era stata segnalata da più persone la presenza sulla nave.Il pm inquirente di Bari Ettore Cardinali infatti non ha mai escluso che a bordo del traghetto viaggiassero anche gruppi di migranti nascosti nei tir. Un particolare confermato proprio da tre clandestini sfuggiti alle fiamme e soccorsi subito dopo l'esplosione dell'incendio.E intanto la Norman Atlantic nella serata di ieri ha mollato gli ormeggi lasciando il porto di Brindisi per quello di Bari dove si fermerà al molo 12 lo stesso dove di solito attraccano le navi da crociera. Le ultime ispezioni effettuate a bordo nel pomeriggio di ieri dall'ingegnere del Rina di Genova hanno attestato la possibilità della nave di riprendere la navigazione. Di conseguenza il comandante della Capitaneria di porto di Brindisi Mario Valente ha firmato l'autorizzazione al trasferimento. Nella serata sono incominciate le procedure per allontanare il traghetto dalla banchina di Costa Morena dove era arrivato il 2 gennaio ormai un mese e mezzo fa.Il viaggio verso Bari è stato possibile con l'utilizzo di un rimorchio del Tenax della ditta brindisina Fratelli Barretta. A scortarli c'era una motovedetta della guardia costiera a bordo della quale a scopo precauzionale erano presenti anche i vigili del fuoco. L'arrivo a Bari è previsto per le 10 circa di oggi.Il ritrovamento di un secondo cadavere dopo quello scoperto nella stiva di un camion parcheggiato sul ponte 4 è importante per capire cosa non abbia funzionato sulla Norman Atlantic. Sino a questo momento una delle fasi più critiche era considerata quella dell'evacuazione nei minuti successivi all'incendio.I nove passeggeri i cui corpi sono stati ritrovati dopo il naufragio sono morti dopo essere caduti in acqua dalla scialuppa o dagli zatteroni calati in mare. Maggiori informazioni arriveranno quando si concluderà l'incidente probatorio sulle due scatole nere recuperate a bordo della Norman Atlantic. Accertamento che permetterà di stabilire ad esempio se il comandante Argilio Giacomazzi uno degli indagati abbia fatto scattare l'allarme nei tempi e nei modi previsti e se davvero come lui ha sostenuto nell'interrogatorio non abbia mai dato l'ordine di abbondare la nave. 12 BARCONI carichi di #immigrati a Sud di #Lampedusa. Io li aiuterei ma NON LI FAREI SBARCARE: ne abbiamo abbastanza! #Lega #Salvini — Matteo Salvini @matteosalvinimi 15 Febbraio 2015 Sono undici tra gommoni e barconi le imbarcazioni con a bordo migranti di cui è in corso da questa mattina il salvataggio a oltre 100 miglia a sud di Lampedusa. I soccorsi vengono coordinati dal centro nazionale di soccorso della Guardia Costiera di Roma. E Salvini spara a zero: Fosse per me li aiuterei li curerei e darei loro cibo e bevande. Li soccorrerei ma li terrei al largo e non li farei sbarcare. Ne abbiamo abbastanza dice il leader della Lega Nord su Facebook e su Twitter parlando di dodici barconi. Durante un'operazione di salvataggio alcuni uomini armati su un barchino hanno minacciato una motovedetta della Guardia costiera che stava soccorrendo un'imbarcazione con migranti a bordo a circa 50 miglia da Tripoli. Gli uomini armati hanno intimato agli italiani di lasciare loro l'imbarcazione dopo il trasbordo dei migranti. E così è avvenuto. Il fatto sarebbe avvenuto tra le 15 e le 16 di questo pomeriggio. La motovedetta della Guardia costiera una volta terminato il soccorso dei migranti ha lasciato in mare l'imbarcazione usata dagli scafisti che è finita quindi nelle mani degli uomini armati a bordo del barchino. Probabilmente verrà usata per nuovi viaggi verso l'Italia. Il personale della Guardia Costiera a bordo delle motovedette che fanno operazioni di ricerca e soccorso nel canale di Sicilia non è armato. Continuano dunque le partenze dei barconi carichi di migranti dalla Libia. In mattinata si è concluso il soccorso di un altro gommone dopo i sei di ieri a qualche decina di miglia dalle coste del Paese nordafricano. I migranti sono stati presi a bordo da un rimorchiatore che era stato dirottato nella zona. Alcune operazioni di oggi si sono già concluse e in particolare 43 migranti su un gommone sono stati soccorsi dall'Asso 30 95 persone su un gommone e altre 94 su un altro gommone sono state soccorse dal mercantile Sestri Star. Infine 96 migranti che erano a bordo di un quarto gommone sono state soccorse da un pattugliatore della Guardia di Finanza. A bordo delle imbarcazioni si stima ci siano in totale oltre mille migranti.Per i soccorsi vengono impiegati un velivolo Atr 42 tre motovedette e la nave Fiorillo della Guardia Costiera alcuni mercantili dirottati dalla centrale operativa tra cui il Sestri Star il Gaz Concord il Bee il Super Lady e due rimorchiatori l'Asso 30 e l'Amal due pattugliatori della Gdf un pattugliatore maltese e la nave Orione della Marina Militare.A Pozzallo nel Ragusano sono sbarcati 280 migranti soccorsi ieri nel Canale di Sicilia. Tra loro un giovane centroafricano che ha sul corpo i segni di una ferita di arma da fuoco. La polizia lo ha subito interrogato. Secondo una prima ricostruzione contro di lui sono stati sparati colpi dai trafficanti che volevano costringerlo a salire sul gommone in partenza dalle coste della Libia. Tra i migranti sbarcati tutti subsahariani c'è un altro ferito: ha una frattura di due falangi di un dito della mano. I due feriti sono stati ricoverati in ospedale a Modica. Le loro condizioni sono stabili e non destano preoccupazioni.Libia Renzi: Serve leadership Onu per azione più forte #Libia:avanzata #Isis preoccupa. Italia pronta a fare la propria parte in missione Onu. Ora sosteniamo lo sforzo diplomatico — Roberta Pinotti @robertapinotti 15 Febbraio 2015 Un messaggio firmato con il sangue alla Nazione della Croce: è questo il titolo del nuovo video diffuso dallo Stato islamico che mostra la decapitazione di 21 egiziani copti in Libia e contiene minacce al nostro Paese. Un video diffuso nel giorno in cui l'Italia abbandona la Libia chiudendo l'unica ambasciata europea ancora in funzione a Tripoli.L'esistenza del filmato attribuito a un gruppo che si identifica come lo Stato Islamico della provincia di Tripoli è stata confermata dal Site il sito americano di monitoraggio del jihadismo in internet. Nei giorni scorsi era stata annunciata l'esecuzione dei 21 lavoratori egiziani sequestrati a Capodanno nella città di Sirte. Le immagini rilanciate su Twitter da un sito vicino ai jihadisti mostrano gli ostaggi in tuta arancione che vengono fatti chinare e poi decapitati. Finora erano state diffuse soltanto alcune fotografie su Twitter che mostravano cinque uomini in ginocchio in riva al mare con alle loro spalle individui vestiti di nero apparentemente pronti all'esecuzione. Il video contiene anche minacce all'Italia: Prima ci avete visti su una collina della Siria. Oggi siamo a sud di Roma... in Libia. Nel filmato si sente anche un riferimento alla morte del capo di Al Qaeda: Avete buttato il corpo di Osama Bin Laden in mare mischieremo il suo sangue con il vostro. E si vedono le immagini del mare insanguinato dai corpi dei decapitati.Il presidente egiziano Abdel Fattah alSisi ha convocato una riunione d'urgenza con i ministri dell'Interno e della Difesa e con i vertici militari. Sisi ha proclamato sette giorni di lutto e in un discorso trasmesso in tv ha avvertito che il suo Paese si riserva il diritto di rispondere nei modi e nei tempi che riterrà adeguati alla strage. Il ministro degli Esteri Sameh Shukri andrà immediatamente a New York per una serie di colloqui al Consiglio di sicurezza dell'Onu in cui solleciterà una reazione internazionale. Nei mesi scorsi l'Egitto ha smentito di aver partecipato a raid aerei contro le milizie jihadiste in Libia.La chiesa copta che rappresenta il 10% della popolazione egiziana si è detta fiduciosa che gli assassini verranno puniti. Possiamo affermare con convinzione che i morti sono i nostri figli sequestrati in Libia ha dichiarato il portavoce della chiesa l'arcivescovo Bolos Halim.Mentre lo Stato islamico avanza alla conquista di Sirte a sole 200300 miglia marine da noi a bordo di una nave salpata stamani da Tripoli e arrivata in nottata in Sicilia un centinaio di italiani è stato rimpatriato da una Libia in frantumazione dove i jihadisti portano avanti giorno dopo giorno il proprio progetto di espansione.La mossa arriva all'indomani delle minacce lanciate dall'autoproclamato Califfato nei confronti del titolare degli Esteri Paolo Gentiloni definito ministro crociato . La Farnesina precisa però che non si tratta di un'evacuazione dal Paese che affaccia sul Mediterraneo ma che è in corso una delle preannunciate operazioni di alleggerimento dei connazionali presenti nel Paese. Un'imbarcazione della Marina militare fa da scorta al rimpatrio mentre un Predator dell'Aeronautica privo di pilota monitora la situazione dall'alto. Dopo aver fatto rifornimento l'imbarcazione a bordo della quale si trovano gli italiani evacuati il catamarano San Gwann della compagnia Virtu Ferries affittato dal governo di Roma è partita da Malta alla volta di Augusta.L'ambasciata d'Italia a Tripoli ha sospeso le sue attività. I servizi essenziali saranno comunque assicurati. A tal proposito Gentiloni ha annunciato che il peggioramento della situazione richiede ora un impegno straordinario e una maggiore assunzione di responsabilità secondo linee che il governo discuterà in Parlamento a partire dal prossimo giovedì 19 febbraio. L'Italia promuove questo impegno politico straordinario ed è pronta a fare la sua parte in Libia nel quadro delle decisioni dell'Onu.È dal primo febbraio scorso che con un warning particolare pubblicato sul sito www.viaggiaresicuri la Farnesina ha ribadito il pressante invito ai connazionali a non recarsi in Libia e a quelli tuttora presenti a lasciare temporaneamente il Paese a fronte del progressivo deterioramento della situazione di sicurezza. Nell'avviso tuttora valido pubblicato a seguito dell'attacco terroristico del 27 gennaio scorso all'Hotel Corinthia con numerose vittime tra cui sei cittadini stranieri la Farnesina ha evidenziato tra l'altro che in tutta la Cirenaica la situazione di sicurezza è progressivamente deteriorata ed è pertanto assolutamente sconsigliata la presenza di connazionali dovunque e con particolare riguardo alla città di Derna.A rischio si sottolinea anche le situazioni a Bengasi e nell'area urbana di Tripoli le due principali città del Paese dove la Farnesina ha segnalato un sensibile innalzamento della tensione anche all'interno dei centri urbani che può coinvolgere quindi anche i cittadini stranieri. In generale si rileva che il quadro generale è minato da fattori di diversa matrice. Dalla caduta di Gheddafi la Libia è in preda a fazioni e milizie armate che si fronteggiano rendendo la situazione ingovernabile. Il caos diventa terreno fertile per le azioni terroristiche che fanno leva sulla perdurante impossibilità per le forze dell'ordine di garantire un effettivo controllo del territorio.Circolano con insistenza sui media libici ad esempio informazioni secondo le quali il presidente del Parlamento libico quello riconosciuto dalla comunità internazionale a Tobruk ha nominato comandante generale delle Forze armate libiche e ministro della Difesa l'ex generale di Gheddafi Khalifa Haftar oggi fedele al governo ufficiale. Ma il vicepresidente della commissione Difesa e sicurezza nazionale del Parlamento ha smentito l'informazione.Va detto però che ci sarebbe anche chi pur di far fronte comune contro la crescente minaccia dell'Is è disposto a mettere da parte le divisioni con gli islamisti e quindi a trattare con il diavolo. E' ministro dell'Interno ufficialmente sospeso dal premier Abdullah al Thinni perché ha criticato Haftar ma che continua a comandare le forze di polizia del governo internazionalmente riconosciuto di Beida legato al Parlamento di Tobruk. Per Zanki i due governi e Parlamenti rivali potrebbero unire il Paese nella lotta comune contro lo Stato islamico. Abbiamo avuto contatti con esponenti della regione occidentale la Tripolitania controllata dagli islamisti ndr e in particolare con le brigate di Misurata sulla grande minaccia dello Stato Islamico ha detto Zanki riferendosi alle forze che insieme alla cosiddetta coalizione dell'Alba Libica Fajir controllano la capitale e tutta la regione. Zanki secondo il quale gli uomini che hanno giurato fedeltà al califfo Abu Bakr al Baghdadi sarebbero almeno 1. 000 a Sirte ritiene che anche a Tripoli si sta arrivando a capire che non è possibile ignorare oltre la minaccia.Ora è sulle intenzioni del governo italiano che ruotano il confronto e le preoccupazioni politiche. Intervistata dal Messaggero il ministro della Difesaha fatto sapere che l'Italia è pronta a guidare in Libia una coalizione di paesi dell'area europei e dell'Africa del Nord per fermare l'avanzata del Califfato che è arrivato a 350 chilometri dalle nostre coste. Se in Afghanistan abbiamo mandato fino a 5mila uomini ha aggiunto in un Paese come la Libia che ci riguarda molto più da vicino e in cui il rischio di deterioramento è molto più preoccupante per l'Italia la nostra missione può essere significativa e impegnativa anche numericamente. E ancora: Ne discutiamo da mesi ma ora l'intervento è diventato urgente. Ogni decisione e passaggio verrà fatto in Parlamento. Giovedì il ministro Gentiloni fornirà informazioni e valutazioni. Poi su Twitter la Pinotti esterna i propri timori.Il commento polemico di capogruppo dei deputati di Forza Italia si è concentrato sulle affermazioni di Gentiloni: Il nostro ministro degli Esteri venga in Parlamento anziché rilasciare dichiarazioni alla stampa ha affermato all'Intervista di Maria Latella su Sky Tg 24 Sono degli irresponsabili. Renzi il ministro degli Esteri e il ministro della Difesa dicono che l'Italia farà un intervento di terra in Libia senza avere il mandato del Parlamento sono pazzi.Alcune ore dopo però è il leader di Fi a schierarsi con l'esecutivo e a dichiarare con tutt'altri toni: Accogliamo con favore l'intento del governo di non abdicare alle responsabilità che ci derivano dal ruolo che il nostro Paese deve avere nel Mediterraneo. Un intervento di forze militari internazionali sebbene ultima risorsa deve essere oggi un'opzione da prendere in seria considerazione per ristabilire ordine e pace.Di contro il M5s si oppone a qualsiasi intervento militare in Libia. Ai ministri Pinotti e Gentiloni hanno detto del direttorio che oggi hanno annunciato per mezzo stampa un intervento militare scavalcando nuovamente il Parlamento suggeriamo di venire a riferire in aula prima di assumere decisioni dal carattere unilaterale e in violazione dei principi costituzionali. Per il M5s la sicurezza dei cittadini italiani rappresenta un'assoluta priorità ma credere di poter trovare una soluzione pacifica alla questione libica scandendo come accaduto nel 2011 nuovi attacchi e mietendo migliaia di vittime innocenti è una posizione che rasenta la follia.Il caos e la violenza che dilagano in Libia favoriscono il traffico di migranti. Nel corso della giornata sono stati segnalati e soccorsi nel Canale di Sicilia 11 barconi che portavano 2100 persone. In una delle operazioni a largo delle coste libiche una motovedetta della Guardia costiera è stata affiancata da un barchino veloce con a bordo quattro persone armate di kalashnikov che hanno minacciato i marinai italiani per riprendersi il barcone vuoto e portarlo indietro per poterlo riutilizzare.Su Facebook il segretario della Lega ha scritto: Fosse per me li aiuterei li curerei e darei loro cibo e bevande. Li soccorrerei ma li terrei al largo e non li farei sbarcare. Ne abbiamo abbastanza.E riguardo alla situazione in Libia il leader del Carroccio ha affermato: Se avessi un uomo da impiegare non lo manderei ai confini con la Russia ma in Libia o meglio ancora in Siria e nel Califfato. Non serve schierare 5mila uomini della Nato ai confini con la Russia è da cretini. Questi ci hanno dichiarato guerra se arrivano a ritenere pericoloso il ministro Gentiloni vuol dire che è gente pericolosa veramente e che vanno bloccati sul nascere.Continuano senza sosta gli sbarchi di migranti in Sicilia. Due sbarchi di immigrati oggi a Pozzallo Ragusa per un totale di altri 249 profughi che si aggiungono alle centinaia giunti in questi ore e alloggiati nel centro di accoglienza. Il primo e più consistente gruppo di 160 persone tra cui due donne incinte è stato trasbordato stamattina dalle motovedette della Guardia costiera. Il secondo di 89 persone è stato prelevato da una nave mercantile che si è poi diretta verso il porto ragusano per giungervi nel primo pomeriggio. Sempre a Pozzallo polizia ha fermato il presunto scafista di uno dei tre gommoni soccorsi da un mercantile al largo delle coste libiche. In manette è finito Lamin Jallow 28 anni originario del Gambia. Altri due sbarchi stamane a Lampedusa dove sono giunti in particolare giovani donne e bambini. Salgono cosi' a sei gli sbarchi avvenuti sull'isola a partire da ieri sera alle 21. Complessivamente a Lampedusa sono giunti circa 650 migranti. Tutti sono stati trasferiti nel centro di prima accoglienza di contrada Imbriacola dove gia' si trovavano altri duecento migranti tra i superstiti arrivati otto giorni fa e gli altri giunti qualche giorno dopo. La struttura che ha una disponibilita' di 250 posti e' al collasso. E nel pomeriggio a partire dalla 13 voli speciali procederanno al trasferimento dei profughi in altri centri di accoglienza probabilmente in regioni diverse dalla Sicilia dove le diverse strutture sono gia' piene.E' terminato poco prima delle 20 sul molo Ronciglio di Trapani lo sbarco di 186 immigrati recuperati nel Mar Mediterraneo. Gli stranieri provenienti in buona parte dal centro Africa Gambia Costa D'Avorio Nigeria e Gabon sono reduci da due salvataggi: 95 viaggiavano su un gommone e 94 su un altra imbarcazione entrambi partite dalla Libia. A soccorrerli al largo di Tripoli è stato il mercantile Sestri Star battente bandiera maltese. Tra i migranti cinque donne una delle quali in stato di gravidanza. In banchina Guardia costiera carabinieri Polizia e Guardia di finanza per i primi interrogatori alla presenza del magistrato di turno. Le operazioni di sbarco sono state difficoltose a causa delle avverse condizioni meteo. AGI Tp 2/MrgE l'emergenza continua: sono circa 700 i profughi che domattina sbarcheranno al molo di Porto Empedocle. Il nutrito gruppo di migranti si trova su un mercantile che li ha raccolti domenica in acque libiche. In serata a Lampedusa è stato istituito invece un altro ponte aereo il secondo della giornata che ha trasferito 94 migranti in Toscana. Complessivamente nella sola giornata di oggi sono approdati sull'isola 924 profughi. Gli ultimi arrivi in serata: prima 48 a bordo di una motovedetta e poi 246 sul rimorchiatore Asso 30. In questo momento nel centro di prima accoglienza di Contrada Imbriacola si trovano oltre 1100 migranti.Le indagini lampo degli investigatori sullo sbarco di Pozzallo hanno permesso di fare luce su quanto accaduto dal momento in cui i migranti erano presenti in Libia all'interno dei capannoni prima di essere caricati sui gommoni. L'attenzione è stata riposta in particolare sul migrante ferito alle gambe da colpi d'arma da fuoco . L'uomo ha raccontato ai poliziotti di essere stato vittima di una rapina nei pressi del capannone che lo ospitava proprio mentre stava andando all'appuntamento con i trafficanti di uomini. Stavo andando all'appuntamento con chi mi doveva consegnare agli organizzatori del viaggio verso l'Europa quando sono stato avvicinato da due libici armati di pistola ha detto . Mi hanno chiesto il telefono ed i 5 dollari che avevo in tasca. Non volevo cedere il telefono perché durante il viaggio poteva servirmi per la mia sopravvivenza e mi sono rifiutato di consegnarlo. Senza pensarci due volte mi hanno sparato alle gambe hanno preso tutto e sono fuggiti. Alcuni miei connazionali mi hanno portato in braccio fino al luogo dell'appuntamento poi in macchina ci hanno portato nel capannone fino al momento della partenza.Sono 319 i migranti sbarcati da una nave della Marina militare nel porto commerciale di Salerno provenienti da Corno d'Africa Eritrea Siria Somalia Palestina. Tra di loro 19 bambini alcuni neonati di qualche mese trenta donne due delle quali incinte e anche un presunto scafista di nazionalità tunisina che è stato bloccato dalla Squadra Mobile di Salerno. Sono in corso ulteriori approfondimenti per accertare il suo eventuale ruolo nello sbarco. Il primo a salire a bordo infatti è stato proprio il capo della Mobile vicequestore Claudio De Salvo.La nave della Marina militare Luigi Durand De La Penne ripartirà questa sera. Sulla banchina tra gli altri per il settimo sbarco avvenuto a Salerno da luglio ad oggi polizia guardia di Finanza carabinieri esercito vigili del Fuoco protezione civile Caritas Humanitas Croce Rossa Italiana Cgil Salerno con quattro mediatori linguistici arabo inglese francese.Il nostro compito spiega il vice prefetto vicario di Salerno Giovanni Cirillo è quello di accogliere queste persone come abbiamo sempre fatto. La macchina organizzativa aggiunge il questore di Salerno Alfredo Anzalone ha funzionato perfettamente. Questa volta l'attenzione è stata sicuramente maggiore a causa dello scenario internazionale nel quale è avvenuto lo sbarco.Non avevano valigie o borsoni ingombranti con loro ma solo uno zaino una borsa o una busta di plastica al cui interno era racchiusa tutta una vita. Alcuni in giacca con l'abito buono da sfoggiare per una ricorrenza importante altri in tuta e senza neanche le scarpe protetti solo da anonimi calzini. C'era chi scendendo le scalette ha abbozzato un sorriso e un segno di vittoria altri ancora zoppicanti e provati hanno dovuto farsi aiutare dai volontari di Croce Rossa Italiana e Humanitas. Tantissimi i bambini che non hanno mai smesso di guardare verso la banchina salutando con la manina. Una volta scesi dalla nave sono stati assistiti dai volontari che hanno fornito ciabatte calzettoni e un pasto caldo da magiare. Dopo l'identificazione sono stati fatti salire sugli autobus alla volta dei centri di accoglienza. I migranti saranno tutti ospitati tra Salerno Ogliastro Cilento Capaccio Ascea Castel San Giorgio Sarno Sanza Ispani Caggiano Montesano sulla Marcellana S. Egidio Sicignano degli Alburni Corleto Monforte e Capaccio. I nuclei familiari non verranno divisi.La polizia di stato ha fermato due senegalesi ritenuti gli scafisti dei gommoni con a bordo 200 migranti intercettati nel Canale di Sicilia e fatti sbarcare ieri a Pozzallo. Gli extracomunitari arrivati dalla Libia sono stati sentiti anche sulle condizioni di vita a Tripoli ma nessuno è stato in grado di fornire indicazioni perché fino al giorno della partenza sono rimasti chiusi per un mese circa in dei capannoni. Oggi è una giornata di arrivi.Sono 642 i migranti che stanno sbarcando a Porto Empedocle dalla nave Orione della Marina militare dopo essere stati salvati nel Canale di Sicilia. Una donna incinta è stata portata in ambulanza al pronto soccorso dell'ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. I medici stanno visitando altri tre migranti che presentano sintomi da assideramento ma che non necessiterebbero di ricovero.Il centro d'accoglienza di Lampedusa è al collasso. Con l'ultimo sbarco di 265 profughi salgono a 1. 215 i migranti ospiti della struttura di contrada Imbriacola che ha solo 250 posti letto disponibili. Tra loro ci sono anche 150 minori. Una situazione particolarmente difficile per i responsabili del centro gestito da Misericordia che devono fare fronte a numerosi problemi soprattutto logistici. Oggi è previsto un altro ponte aereo che dovrebbe trasferire 94 profughi in altri centri d'accoglienza del Nord Italia. Una situazione molto complicata è un delirio dice il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini.Lampedusa Salerno Trapani. Sbarchi di 300 400 anche 800 persone alla volta. Con l’avanzare dell’Is in Libia aumenta il numero di chi si mette su un barcone pronto a rischiare la vita nel 'mare nostrum'. Il sud già da qualche giorno scoppia di profughi i centri d’accoglienza sono al collasso e nei giorni prossimi si annuncia un esodo ancora più pesante. Per questo il governo ha già cominciato un ponte aereo per trasferire i migranti al nord distribuendoli in tutte le Regioni. All’aeroporto di Bresso ne sono attesi 500. Sono soprattutto eritrei sudanesi e sub sahariani popoli colpiti dalla guerra; persone che intendono fermarsi in Italia chiedendo asilo politico. Progetti dunque a media scadenza diversi da quelli dei profughi siriani che arrivano in stazione Centrale e che vogliono dirigersi subito verso il nord Europa.Ad accogliere questi primi 500 saranno gli operatori della Croce Rossa che a Bresso vicino al piccolo scalo militare hanno allestito le tende e le strutture di prima necessità già montate nell’autunno scorso. La prefettura è stata allertata dal Viminale e sono in corso tutte le operazioni per distribuire i migranti nelle strutture presenti in tutte le province lombarde. Nel milanese ne resterà più o meno un terzo. Ma è chiaro a tutti in corso Monforte in primis che questo è solo l’antipasto di quel che ci attende nella prossima primavera. Gli osservatori internazionali parlano di 200mila persone nei campi profughi della Libia pronte a partire verso l’Italia e incoraggiate dalle milizie jihadiste che si stanno impadronendo del Paese dall’altra parte del Mediterraneo.In Comune anche se tutte le antenne sono drizzate nessuno sapeva fino a ieri pomeriggio dell’imminente sbarco dei primi 500 profughi. Non ci hanno avvertito — dice l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino — Come al solito da Roma nessuno pensa che condividere le informazioni in anticipo su questi flussi aiuterebbe l’amministrazione a gestire meglio l’accoglienza anche se mi pare di capire che in questo caso se ne occuperà direttamente la prefettura e non noi.Se la patata bollente per ora è in mano al prefetto Francesco Paolo Tronca anche a Palazzo Marino sono tutti in allerta. Il Consiglio comunale ha approvato l’ordine del giorno del consigliere Alessandro Giungi Pd con cui si chiede a Regione Lombardia e Grandi Stazioni di istituire un presidio medicosanitario presso la Stazione Centrale dove 320mila passeggeri transitano ogni giorno numero destinato a crescere ancora con Expo. Intollerabile che non vi sia un luogo per far fronte immediatamente a crisi cardiache svenimenti colpi di caldo o di freddo — sottolinea Giungi — . Non dimenticherò mai le donne siriane incinte i profughi scossi dai brividi della febbre il bimbo con le mani fasciate per le schegge di una bomba in lacrime mentre veniva portato via dall’ambulanza per cambiare le fasciature in ospedale. Avrebbero avuto diritto a un’immediata visita in stazione Centrale.Anche da Susy Iovieno coordinatrice dei 2mila volontari di Emergenza Siria — al lavoro al mezzanino per la prima accoglienza — arrivano conferme di un improvviso rinforzo dei flussi in arrivo in stazione: Il 24 l’assessore Majorino ci ha convocato per parlare della nuova organizzazione del servizio. Ben venga il confronto siamo lieti di partecipare.Il Consiglio di sicurezza dovrebbe riunirsi mercoledì su richiesta francese. La crisi in Libia si è aggravata con l'orrendo assassinio di 21 cristiani egiziani compiuta dall'Is . Il che conferma che i miliziani del Califfo si stanno installando a 300 chilometri dall'Italia. Mercoledì il Consiglio potrebbe iniziare a prendere in considerazione la creazione di una forza di stabilizzazione ma per ora probabilmente darà mano libera all'Egitto per i suoi attacchi aerei.Realisticamente no senza nessun dubbio. Un intervento militare a tutto campo per imporre la pace oggi in Libia sarebbe un rischio insostenibile per le democrazie occidentali anche a fronte dei pericoli che il paese ci pone. Un'azione possibile con finalità di peacekeeping o anche di peaceenforcing mantenere la pace oppure imporre la pace doveva essere annunciata nel 2011 alla fine dell'operazione Nato. Oggi è impossibile per questi motivi: le milizie e non solo i gruppi terroristici non accetterebbero di sottomettersi a una forza militare anche targata Onu. Ci sarebbero atti di ritorsione contro i militari stranieri che costringerebbero in pochi mesi i governi intervenuti a ritirare le loro truppe è avvenuto in un contesto molto meno pericoloso in Somalia.Come è accaduto anche agli Usa in Afghanistan nonostante i pur gravi danni collaterali provocati ai civili una forza Onu sarebbe costretta a fare un uso limitato e non indiscriminato della forza. Per capirci: per imporre la pace i militari Onu non potrebbero neppure lontanamente fare un uso del potere aereo come quello esercitato dagli israeliani l'estate scorsa a Gaza per proteggersi dai missili di Hamas. L'Onu a cosa si appellerebbe per bombardare massicciamente Derna?Paradossalmente non è da escludere ma va ben calibrato. Va limitata e asservita a un progetto politico. Contro l'Is e il terrorismo sicuramente sarebbero necessari attacchi aerei autorizzati dall'Onu in maniera esplicita e non autogestita come fa oggi l'Egitto per colpire i santuari terroristi. Ma l'uso del potere aereo e di piccoli contingenti di addestratori o anche di forze speciali dovrebbe essere collegato a un processo di unificazione delle fazioni libiche meno intransigenti.Bisognerebbe cercare di creare le condizioni perché le milizie trovino un accordo per l'autogoverno delle parti principali del paese. La Libia limiterà il terrorismo se si autogovernerà da sola. Bernardino Leon inviato Onu senza poter minacciare uso della forza militare aveva iniziato individuare fra i soggetti da mobilitare le comunità locali le tribù e i consigli comunali di Libia. Un obiettivo insperato sarebbe di iniziare a consolidare un autogoverno di tribù/gruppi locali che saranno anche collegati alle mafie del posto ma che scelgano di coordinarsi fra di loro per amministrare le comunità. Un analista dice per decine di anni il potere centrale italiano ha accettato che il Sud Italia venisse governato col contributo di mafia e camorra: una governance simile per la Libia sarebbe un risultato insperato.Nonostante quel che si creda è molto improbabile. I fenomeni sono paralleli possono incrociarsi ma sono diversi. Affrontare un'odissea nel Mediterraneo imbarcandosi su un barcone di migranti viene considerato poco probabile da Mattia Toaldo analista che a Londra lavora per l'European Council on Foreign Relations: In tanti anni c'è stato un solo caso di jihadista arrestato tra i migranti arrivati via mare. Attraversare il Mediterraneo su certe imbarcazioni è molto pericoloso come dimostrano i continui disastri. È vero invece che le organizzazioni jihadiste possono trarre profitti dal traffico di esseri umani.Assolutamente sì. Il vero problema dell'immigrazione clandestina che attraversa la Libia è che i migranti vengono gestiti dalle potenti mafie di trafficanti libici che li prendono in consegna nel sud del paese in Fezzan e li trasferiscono sulle coste. Poi li imbarcano anche con la forza. Sono bande potenti spesso collegate a milizie che hanno una presunta agenda politica. Finché l'Italia e l'Europa non avranno di fronte un governo libico o governi locali libici con cui trattare i trafficanti avranno la meglio.Non ci sono ancora migliaia di miliziani dell'Is trasferiti in Libia dal teatro siro/iracheno. Secondo la Rivista Italiana Difesa ad oggi i combattenti dell'Is sono fra i 2000 e 3000 un contingente comunque assai pericoloso. La verità è che si tratta in gran parte di miliziani jihadisti che hanno cambiato bandiera: appartenevano per esempio ad Ansar Al Sharia ora hanno scelto di passare con il Califfo. L'unico grosso contingente rientrato dalla Siria sarebbe il Battaglione Bitar un gruppo di 500 miliziani schierati in precedenza a Mosul e Deir Ezzor. Adesso sono a Derna la loro capitale.Dice ancora Toaldo dell'Ecfr: Un certo grado di forza militare è imprescindibile. L'elemento fondamentale che finora è mancato in Siria e in Iraq è l'accordo politico nella popolazione locale che permetta di isolare gli estremisti e far ripartire un minimo di macchina statale: alcuni posti di confine la polizia i servizi di base. Una delle fonti di consenso dell'Is è proprio la sua capacità di farsi Stato. E per questo torniamo alla casella uno: si potrà combattere l'Is se si ricostruirà uno Stato libico o anche solo un accordo politico fra tribù milizie e fazioni libiche.Dai porti africani alle coste del Sud Italia fino a Bresso area metropolitana di Milano. Sono migranti subsahariani spinti in mare nonostante le tempeste dai trafficanti libici. O addirittura dai jihadisti. Con l’avanzata dell’Isis gli sbarchi in Sicilia si sono intensificati nelle ultime settimane. E così gli smistamenti in Italia ad opera del Viminale. Il campo della Croce Rossa nel piccolo aeroporto di Bresso è da tempo centro di raccolta e distribuzione per la Lombardia. Tra la mattina e il primo pomeriggio di mercoledì ne sono arrivati a bordo di pullman circa 200 FotogrammaLibia Gentiloni alla Camera: Soluzione è politica ma il tempo stringe La situazione si sta aggravando. È evidente il rischio di saldatura tra gruppi locali e Daesh. Il tempo a disposizione non è infinito e rischia di scadere presto pregiudicando i risultati raggiunti. Il ministro degli esteri Paolo Gentiloni che ieri in tarda serata ha avuto un colloquio telefonico con il Segretario di Stato americano John Kerry ha riferito stamattina alla Camera sulla crisi libica. Insistendo sulla soluzione diplomatica. In aula erano presenti oltre duecento deputati: un numero non indifferente in assenza di votazioni e vista l'ora mattutina.Gentiloni che nei giorni scorsi insieme alla collega della Difesa Roberta Pinotti era stato accusato di un'accelerazione sulla via militare ha sottolineato la necessità di una soluzione politica. Ma anche l'assunzione di responsabilità italiana. L'Italia è pronta ad assumersi responsabilità di primo piano. Siamo pronti ha detto il ministro a contribuire al monitoraggio del cessate il fuoco al mantenimento della pace a lavorare per la riabilitazione delle infrastrutture per l'addestramento militare per sanare le ferite della guerra e a riprendere il vasto programma di cooperazione sospeso la scorsa estate a causa del conflitto. Ma ha precisato: Dire che siamo in prima fila contro il terrorismo non vuol dire essere alla ricerca di avventure militari. La situazione è grave e il tempo non è infinito. Dire che siamo in prima linea contro il terrorismo non è l'annuncio di crociate.Quindi a poche ore dalla riunione del Consiglio di sicurezza Onu ha invocato un cambio di passo della comunità internazionale: Dalla riunione del Consiglio di sicurezza di oggi sulla Libia ha sottolineato Gentiloni ci attendiamo la presa di coscienza al Palazzo di vetro della necessità di raddoppiare gli sforzi per favorire il dialogo politico.Il titolare della Farnesina ha poi fatto il punto sulla situazione nel Paese: La crisi in Libia si presenta oggi con un grave deterioramento del quadro di sicurezza evidenziato con attacco all'Hotel Corinthia a ripetute incursioni in campi petroliferi e da ultimo dalla barbara uccisione di 21 cristianicopti a Sirte: tale quadro ci ha portato a decidere la chiusura della nostra ambasciata l'ultima rimasta aperta a Tripoli. E ha sottolineato che la situazione attuale va ricercata negli errori compiuti anche dalla comunità internazione nella fase successiva alla caduta di vecchio regime.Infine ha parlato di un altro fronte connesso al caos dominante in Libia: quello dell'immigrazione. Chiedendo un potenziamento dell'operazione Triton. Non possiamo voltarci dall'altra parte lasciando i migranti al loro destino: non sarebbe degno della civiltà che ha fatto grande l'Italia. L'Europa è una superpotenza economica: può andare oltre i 50 milioni l'anno che oggi vengono spesi per fronteggiare questa emergenza ha concluso.Le prime reazioni al discorso del ministro degli Esteri arrivano dalle opposizioni.Per primo a intervenire in aula èdel M5s: Una guerra in Libia sarebbe una catastrofe sarebbe il nostro Vietnam ha detto il deputato pentastellato se Gentiloni e Pinotti vogliono fare i marines si accomodino pure. Spenderemo i loro stipendi da casta per cose più utili. E ancora: L'unica cosa da fare è rafforzare la sicurezza nazionale aumentando le risorse per le forze di sicurezza perché i cittadini italiani hanno paura. Smettetela di fare affari con i paesi che finanziano i terroristi noi siamo ancora in guerra in Afghanistan dove nel 2015 spenderemo 1 milione di euro al giorno.. Voglio esprimere grande apprezzamento per la serietà e l'equilibrio delle parole del ministro degli esteri. Lo premette il presidente emerito intervenendo nell'aula del senato dopo l'informativa del ministro paolo gentiloni sulla crisi libica. Poi osserva: che possa venire una minaccia concreta delle forze dell'isis non si può escludere e non si può escludere la necessità di una grandissima vigilanza e che sia predisposto tutto ciò che possa servire nel caso un intervento sia necessario in un ambito ampio e collettivo.Per Napolitano anche la più ampia legittimazione internazionale non esclude che si possano commettere errori e in particolare ricordando l'intervento in Libia del 2011 fu forse il disimpegno troppo precoce. Per il senatore Napolitano oggi il quadro è ancora più complicato la legittimazione internazionale è ancora in fieri e sottoposta a incognite è difficile da realizzarsi pienamente per le tante difficoltà nell'Onu molto travagliata di fronte alla molteplicità di sfide e crisi. Napolitano chiede di percorrere ancora la strada diplomatico nel tentativo di evitare l'aggravarsi della crisi in libia e aggiunge: noi non ci possiamo tirare indietro così come non ci tirammo indietro nel 2011. Non possiamo evadere nè scappare è il nostro dovere.Forza italia sull'unità sulla politica estera ci è sempre stata ha poi precisato il deputato azzurro Ma questo presuppone una condizione: il rispetto. Quel rispetto che è venuto a mancare per la costituzione per il parlamento e per le opposizioni che non possono essere un giorno derise e l'altro richiamate. Da parte sua dunque il partito di Silvio Berlusconi collaborerà con il governo ma Vito ricorda che non è stata detta una parola su come intendiamo una volta ristabilito il quadro istituzionale in Libia contribuire alla lotta contro il terrorismo internazionale che sta dilagando.Il ovviamente sostiene l'iniziativa politica di Gentiloni come ha precisato il responsabile Esteri dei democratici sottolineando che serve un salto di qualità dell'iniziativa delle Nazioni Unite della comunitaà internazionale e dei Paesi confinanti sia sulla stabilizzazione politica della Libia sia sui flussi di migranti.Proprio sulla questione dell'immigrazione per Sel è necessario riaprire 'Mare nostrum': E' una questione di civiltà ha ribadito che ha poi aggiunto: Un nuovo intervento militare offrirebbe al terrorismo le condizioni per dilagare in tutto il continente africano.Quanto a Scelta civica il capogruppoha rassicurato che nessuno vuole andare in guerra nessuno vuole creare un nuovo Afghanistan ma ha garantito l'appoggio del suo partito a tutte le scelte del governo.La Lega infine ha rilanciato il tema dello stop alle partenze dei barconi di migranti: Bisogna istituire un blocco navale davanti ai porti libici ha ribadito che impedisca l'esodo che qualcuno sta cercando di spingere nell'interesse dei terroristi delle mafie e di qualche cooperativa che lei conosce bene.intanto smentisce contatti con Renzi e suo staff sulla Libia: Si precisa che quanto riferito dalla giornalista del Corriere della Sera Maria Teresa Meli durante la rubrica Di mattina in onda stamane su Rai News 24 è privo di ogni fondamento: il presidente Romano Prodi non ha mai ricevuto alcun accenno alla Libia né dal presidente del Consiglio dei ministri Matteo Renzi né da nessuno dei suoi collaboratori si legge in una nota dell'ufficio stampa di Romano Prodi.Si affaccia l'ipotesi che la sede della manifestazione del primo maggio di quest'anno possa essere Lampedusa. L'idea è venuta a Cgil Cisl e Uil ma al momento non è stata assunta una decisione. Ne ha parlato la leader della Cgil Susanna Camusso intervenendo al direttivo del sindacato di Corso d'Italia.Giovanni Salvi Procuratore Capo di Catania ROMA La presenza di uomini armati sui barconi per riprendere le imbarcazioni e impedirne il sequestro è un fenomeno totalmente nuovo e un segno di allarme molto significativo sul cambiamento della situazione in Libia e delle modalità del traffico di esseri umani. Lo dice Giovanni Salvi procuratore della Repubblica di Catania. Correttamente chi operava in quel momento non ha reagito perché questo avrebbe messo in pericolo la vita dei migranti che erano stati appena soccorsi continua ma certamente bisogna tenerne conto per il futuro sono modalità molto gravi che indicano la presenza in Libia di organizzazioni molto forti militarmente e che utilizzano metodologie diverse rispetto al passato è la prima volta che succede. Sulle contromisure che verranno prese per tutelare le operazioni di soccorso Salvi non si sbilancia: Non voglio anticipare cose che possono mettere in allarme i trafficanti risponde. La situazione evolve rapidamente e L'immigrazione che verrà è al centro di una due giorni ad alti livelli organizzata da Area Magistratura Democratica e Articolo 3 che partirà domani al Palazzo della Cultura di Catania. Previsto anche l'intervento del ministro dell'Interno Angelino Alfano. Cambiano le rotte. La Procura della Repubblica di Catania è un punto di osservazione privilegiato su quanto accade nel Mediterraneo. Da qui vengono coordinate da anni le operazioni di contrasto al traffico con una task force investigativa operante nella Sicilia Orientale che vede impegnate le autorità italiane e l'agenzia delle frontiere Frontex. L'anno scorso sono arrivati cinquantamila siriani e palestinesi il cui numero era molto basso negli anni precedenti spiega il procuratore Questo aumento esponenziale ha determinato uno spostamento della rotta di traffico verso Egitto e Turchia per cui la Libia era passata in secondo piano. Ma adesso grazie alla situazione incontrollabile in Libia torna prepotentemente alla ribalta con queste modalità della presenza di uomini armati che spero non si consolidino perché sarebbero molto gravi. L'uso dei mercantili. Sul fronte della repressione del traffico e dell'accertamento dei reati con il passaggio da Mare Nostrum a Triton è diventato più difficile fare le indagini continua il magistrato. La differenza sta nel fatto che a bordo delle navi della Marina Militare viaggiava anche la polizia giudiziaria che già in alto mare raccoglieva prove contro scafisti e organizzatori del traffico. Potevamo anche organizzare l'arrivo dei migrati dice ancora Salvi Così siamo riusciti in molti casi a perseguire anche le persone che gestivano il traffico e abbiamo in esecuzione in Egitto tre misure cautelari nei confronti di quelli che riteniamo essere i capi di due diverse organizzazioni. L'operazione Triton non si spinge a soccorrere i migranti anche vicino alla Libia dove solitamente vengono fatti intervenire mercantili privati dopo che la centrale operativa della Guardia Costiera raccoglie gli Sos da Roma. Oggi a renderci difficile il lavoro è anche l'uso di grandi navi mercantili spiega il magistrato e il fatto che il soccorso avviene in condizioni di emergenza e confusione. I testimoni di giustizia. L'azione della magistratura è ostacolata anche dal problema dei testimoni di giustizia vale a dire quei migranti che hanno testimoniato individuando i presunti scafisti. Bisogna organizzare gli incidenti probatori immediatamente perché se passa del tempo non riusciamo a ritrovarli e a usare le dichiarazioni rese in un primo momento continua Salvi è tutto reso più complicato dalla legge Bossi fini che prevede una contravvenzione per ingresso irregolare. Così i testimoni sono da considerare come persone indagate di reato connesso quindi bisogna nominare un avvocato e hanno diritto di non rispondere. Mentre la multa non sarà mai applicata né eseguita nei confronti di 170mila persone irreperibili e nullatenenti. Le mafie italiane. Dalle indagini finora non è mai emerso un coinvolgimento diretto delle mafie italiane nel traffico di esseri umani mentre dichiara Salvi: Sulle infiltrazioni nel sistema di accoglienza ci sono indagini in corso sulle quali non posso parlare. Le vicende libiche dice Anna Canepa Magistratura Democratica magistrato della Direzione Nazionale antimafia la Procura che coordinerà anche l'antiterrorismo preoccupano proprio perché questi uomini che vengono trafficati sono merce di scambio e quindi sono uno dei grandi introiti delle organizzazioni criminali a questo punto anche terroristiche sono essenziali le sinergie operative da parte delle autorità giudiziarie a livello europeo perché l'Italia è solo un territorio di transito. Niente allarmismi però. Da quello che risulta al momento i terroristi non scelgono di muoversi sui barconi in cui tanti muoiono tutti i giorni sottolinea. Il ruolo delle mafie italiane secondo Canepa non è sulla gestione dei flussi nel Mediterraneo ma riguarda attenzioni mafiose alla gestione dei centri d'accoglienza e allo sfruttamento dei minori perché continua è chiaro che questi centri di accoglienza sono luoghi dove fare affari. Ci sono i subappalti e i servizi di rifornimento c'è una catena ininterrotta di soggetti che posso avvicinarsi al business e in più c'è la questione dell'emergenza. Per questo il contrasto passa dalla prevenzione e secondo il magistrato dovrebbe partire dalla Pubblica Amministrazione. Servono appalti chiari con l'ausilio della strumentazione giuridica che sta approntando Cantone e le cosiddette white list perché c'è assoluta necessità di avere delle liste di soggetti affidabili che possano garantire trasparenza e legalità nella prestazione di servizi conclude. In Salento è stretta sulla legge BossiFini sull'immigrazione con un ritorno alla pratica di inviare subito nei Cie Centri di identificazione ed espulsione i migranti non identificabili dopo il paradossale e dibattuto caso della scarcerazione di cinque siriani sbarcati venerdì ad Andrano con tanto di documenti falsi e sui quali si erano addensati sospetti di vicinanza ad ambienti terroristici. Gli uomini si dichiaravano rumeni ma pregavano Allah e i carabinieri ci hanno messo poco a verificare che le carte d'identità esibite erano false e ad arrestarli avviando le verifiche necessarie per capire se avessero contatti con il terrorismo islamico. A distanza di poche ore e dopo averli interrogati il gip Carlo Cazzella ha ritenuto invece che fossero semplici migranti in fuga come i loro compagni di sventura e li ha rimessi in libertà. Piuttosto che presentarsi in Questura per chiedere asilo politico come fanno gli stranieri che scappano da Paesi in guerra i cinque hanno fatto perdere le loro tracce. Gli investigatori li hanno cercati inutilmente al centro Don Tonino Bello di Otranto il pm Giuseppe Capoccia ha disposto una consulenza sulle schede telefoniche repertate al momento dell'arresto e proposto appello al Riesame contro la scarcerazione ma tutto lascia immaginare che dei cinque migranti sospetti in Salento non si vedrà più nemmeno l'ombra.Con buona pace di chi avrebbe voluto compiere più approfonditi accertamenti sulla loro identità e sul motivo per cui sono arrivati in Italia alla luce dell'atteggiamento sospetto tenuto dopo lo sbarco e del possesso di quei documenti falsi così ben confezionati da far sorgere più d'un dubbio sul loro utilizzo. Sul fatto che fossero terroristi non ci sono conferme come ha chiarito il procuratore Cataldo Motta ma le indagini sarebbero servite proprio a verificarlo. Indagini che a questo punto risultano praticamente inutili perché di fronte a qualunque emergenza investigativa l'arresto dei cinque risulterebbe comunque difficilissimo non essendo noto il luogo in cui si trovano e neppure la loro reale identità. Proprio per evitare che in futuro simili paradossi possano ripetersi al termine della riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica tenuta in Prefettura a Lecce si è deciso di tornare all'applicazione pedissequa della legge BossiFini nella parte in cui prevede che gli immigrati privi di validi documenti di identità vengono portati nei Cie al fine di essere identificati e poi respinti.Il Salento è terra di sbarchi ha detto il prefetto Giuliana Perrotta abbiamo deciso che sarà attuata dalle forze di polizia un'applicazione rigorosa delle norme in materia di rintraccio degli immigrati soprattutto quando si tratta di persone che non chiedono asilo politico e rifiutano le procedure di identificazione in questi casi saranno accompagnati nei Cie. L'obiettivo è evidentemente stringere le maglie intorno a personaggi sospetti come erano appunto i cinque siriani in ottemperanza alle direttive del ministero dell'Interno. Perché se pure in Salento in questo momento non ci sono rischi concreti come ha chiarito il procuratore Motta l'attenzione resta comunque alta e i controlli serrati.Il commissario Ue all'Immigrazione Dimitris Avramopoulos Bruxelles Un intervento della Ue per aiutare l'Italia di fronte all'emergenza immigrazione. Lo ha dichiarato il commissario europeo per Migrazione Affari Interni e Cittadinanza Dimitris Avramopoulos annunciando che l'operazione Triton sarà estesa almeno fino a fine 2015. La Commissione Ue rafforza la sua assistenza all'Italia per l'immigrazione ha detto il commissario Ue aggiungendo che l'esecutivo Ue è pronto a reagire rapidamente a qualsiasi richiesta dell'Italia di aumentare le risorse per Triton. Sono stati stanziati 13. 7 milioni dal fondo per l'Asilo. Il messaggio che inviamo oggi è molto semplice: l'Italia non è sola. L'Europa è al fianco dell'Italia ha proseguito il commissario Ue che ha annunciato che Europol lancerà ufficialmente un centro di intelligence marittimo per meglio rintracciare e identificare le reti di trafficanti di esseri umani che operano nel Mediterraneo. La dura realtà che dobbiamo affrontare oggi è questa: l'Europa deve gestire meglio il fenomeno della migrazione sotto tutti i suoi aspetti. È prima di tutto un imperativo umanitario. Non possiamo sostituirci all'Italia nella gestione delle sue frontiere esterne ma possiamo darle una mano ha aggiunto Avramopoulos . Proprio per questo abbiamo deciso di prorogare l'operazione Triton e di aumentarne le risorse se è questo quello di cui l'Italia ha bisogno. Allo stesso tempo però non stiamo costruendo una 'fortezza Europa'. Rispetto all'allarme sulla possibile presenza di jihadisti sui barconi dei migranti Avramopoulos ha dichiarato: Non so e non entro nel merito di quello che fanno. Non abbiamo informazioni che ce lo indicano. Posso solo dire che l'Unione europea non sarà intimidita. Il commissario europeo ha anche lodato il comportamento della guardia costiera italiana: Ufficiali italiani sono stati minacciati con le armi la settimana scorsa sono orribili esempi della mancanza di scrupoli dei trafficanti. Non possiamo chiudere gli occhi e andare avanti come se fosse 'businnes as usual' ha aggiunto Avramopoulos elogiando fortemente gli ufficiali della Guardia costiera italiana e quelli degli altri stati membri coinvolti nell'operazione Triton. Sulla questione è intervenuto anche il primo vicepresidente della Commissione Ue Frans Timmermans che ha detto: Abbiamo sentito l'appello dell'Italia e stiamo rispondendo in tutti i modi che possiamo così il primo vicepresidente della Commissione Ue Frans Timmermans in una nota. Siamo pronti a rispondere in modo costruttivo se l'Italia identifica la necessità di rafforzare le risorse per l'operazione Triton aggiunge. Parlando della difficile situazione internazionale Timmermans ha aggiunto: Fino a quando ci sono guerre e crisi nel nostro vicinato le persone continueranno a rischiare la loro vita in cerca di coste europee. Non c'è una soluzione semplice per questo problema complesso ma è chiaro che non c'è una soluzione nazionale. C'è solo una soluzione europea. Contemporaneamente al rafforzamento dell'operazione Tritons verranno fatti sforzi per smantellare reti traffico migranti. Contestualmente al nostro lavoro per far fronte alla drammatica situazione in Libia abbiamo deciso di intensificare il nostro partenariato con i paesi terzi lungo le principali rotte della migrazione nell'ambito della nostra cooperazione nei processi di Khartoum e Rabat. Ciò dovrebbe contribuire a smantellare le reti criminali di trafficanti e passatori offrendo il massimo livello di protezione a coloro che ne hanno bisogno a partire dalle regioni in crisi del vicinato ha detto Federica Mogherini Alta rappresentante dell'Unione europea per gli Affari esteri e la politica di sicurezza. Positivo il commento del ministro degli Esteri Paolo Gentiloni: E' un primo passo in risposta alle sollecitazioni del Governo italiano: confidiamo che al Vertice dei Commissari del 4 marzo sull'Agenda per la Migrazione siano definite ulteriori azioni per far fronte all'urgenza della sfida. Confidiamo ha aggiunto Gentiloni che al Vertice dei Commissari del 4 marzo che si occuperà dell'Agenda per la Migrazione verranno definite ulteriori azioni da intraprendere per far fronte all'urgenza di questa sfida. L'Italia ha aggiunto il ministro conferma la sua piena disponibilità ad apportare il proprio contributo e a mettere a fattore comune tutta la propria esperienza in campo migratorio per una risposta europea sempre più efficace. IL MEDITERRANEO come mare capovolto. Un mare amico che nel delirio del mondo è diventato tutt'altro dove vedi sorgere muri per dividere i poveri in arrivo da chi pensa di doversi difendere: ma io che sono siciliano so che quelli dei paesi della sponda sud sono miei primi cugini mangiamo ci salutiamo usiamo le stesse parole....Attilio Bolzoni inviato di Repubblica e scrittore sospira mentre appassionatamente parla di questo Mediterraneo sempre più intriso di sangue; lui che ha tanto lavorato sulla mafia e più recentemente sui migranti e sulle stragi in mare sarà oggi a Genova ore 17 all'Altrove piazzetta Cambiaso per l'ultimo incontro dei Libbri in sciaastradda aparlare appunto di mafia e l'incontro a ingresso libero sarà concluso da un aperitivo con prodotti da terre confiscate alla criminalità e di quel mare che sta svelando scenari di guerra.Il problema dell'integralismo lo devono risolvere gli islamici non noi. Devono schierarsi in maniera chiara e netta contro gli integralismi. Sul decisionismo però sono molto d'accordo con le scelte americane: conosco il loro modo di fare sono stato cinque mesi a Kabul otto mesi in Iraq e più decisione sul fronte criminale perché questi sono criminali dobbiamo averlo.Ogni tanto escono di queste ipotesi. Ma la mafia va dove ci sono i soldi veri mentre c'è una piccola mafia locale a Malta dove ero stato già anni fa in Turchia in Grecia in Marocco che gestisce questo traffico.Il rischio è credibile e vicino anche perché noi e la Germania siamo gli unici a non avere avuto attentati. Abbiamo il Vaticano che da un lato può catalizzare l'interesse ad un attentato clamoroso ma è vero che la Chiesa fa un lavoro di diplomazia e sotterraneo enorme; pensiamo al primo viaggio di Papa Francesco a Lampedusa e al suo significato.La mafia si è travestita. Si è infiltrata nell'antimafia per dire: un ex ministro dell'interno è stato arrestato per frequentazioni con quegli ambiti chi è venuta dopo di lui aveva amicizie dubbie e sicuramente a casa mia a Caltanissetta quelle amicizie non entrerebbero. La mafia si è profumata è politicamente corretta: e a distanza di 20 o 22 anni dalle stragi non sappiamo niente. Continuano a dire frammenti di verità i pentiti di mafia ma ci vorrebbe un pentito di Stato: un ex presidente un ministro...La parola chiave per parlare di lui è lo spartiacque della sua vita il suo correre a reggere il fratello Piersanti morente dopo l'attentato dei mafiosi. Se non ci fosse stato quel momento non sarebbe quello che è diventato.ROBERTO Guaglianone è l'uomo che coordina il tavolo asilo della Lombardia cioè il luogo dove dialogano amministratori locali gestori dei centri d'accoglienza e dei servizi di tutela cercando di mettere assieme il piano di accoglienza della Prefettura per tutti i 3500 profughi ospitati a lungo periodo nella nostra regione.Di ufficiale ancora noi non sappiamo nulla. Di sicuro il 16 gennaio è uscita una circolare del Viminale che annunciava il potenziamento del programma di protezione nazionale Sprar da 21mila a 30mila posti.Con il precedente piano ministeriale ce ne avevano assegnati 35004000 da accogliere. Ora potrebbe forse raddoppiare il numero. Ci sono infatti anche voci che parlano dell'intenzione di passare a 40mila posti a livello nazionale. Le quote dei migranti da accogliere vengono divise equamente fra tutte le regioni italiane come è stato anche in passato durante l'emergenza nordafrica cominciata nel 2011 quando era ministro Maroni.Un attimo. Siriani ed eritrei sono profughi di passaggio che l'amministrazione accoglie e aiuta per qualche giorno ma che nella stragrande maggioranza dei casi ripartono in fretta verso il nord Europa. Questi che stanno arrivando adesso e che presumibilmente spereranno tutti di ottenere il programma di protezione Sprar per seinove mesi invece non intendono andare subito via dall'Italia. Sono due partite diverse.La situazione politica internazionale è di emergenza non credo che ci siano altre strade. È una questione che stanno studiando a livello europeo. È una situazione molto complessa. Anche perché chi riesce a entrare poi difficilmente se ne va in fretta. Anche chi non ottiene lo Sprar poi può fare ricorso e rimanere fino all'ultimo grado della giustizia. Sempre ospite nei nostri centri.Io posso parlare basandomi sugli esiti della precedente emergenza nordafrica. Anche in quel caso c'erano i catastrofisti. In realtà poi i migranti o si sono inseriti nel contesto italiano oppure rifiutati dal nostro Paese sono riusciti a mettersi in viaggio verso altre nazioni europee. Quel che si deve cercare di fare adesso è di assisterli in un modo serio fornendo oltre al vitto e alloggio anche i servizi per l'integrazione. Ma mi pare che i bandi della prefettura per trovare i centri d'accoglienza siano meglio strutturati che in passato.IN VIA MATTEI Calcio e radio la vita dei profughi in fuga dalla Libia dall’Isis e dai controlli Venerdì sono arrivati da Lampedusa 160 migranti. In tanti sono già scappati. Le storie di chi è rimasto BOLOGNA ndr È passato un anno nemmeno me lo ricordo più perché sono partito. Hadim i nomi nell’articolo sono di fantasia per tutelare i richiedenti asilo ha gli occhi lucidi e le mani ruvide di chi ha vissuto più dei suoi vent’anni. È alto magro indossa un giaccone nero e un paio di jeans. Ha attraversato mezza Africa a piedi prima di arrivare ai barconi. La mia famiglia è in Gambia non ho loro notizie da mesi. Sono partito senza soldi: ho camminato. Senegal Mali Niger Libia. La ricerca di una vita migliore che si infrange sulle onde sotto il barcone diretto a Lampedusa. Una traversata che può costare mille duemila dollari a volte. Eravamo in 120 sulla barca il viaggio è durato due notti. È stata dura. Da lunedì Hadim è uno dei migranti ospiti dell’hub regionale di via Mattei l’ex Cie che da centro di detenzione amministrativa si è trasformato la scorsa estate in un limbo dalle porte girevoli: entra chi deve essere sottoposto alle procedure di registrazione screening sanitario e fotosegnalamento esce chiunque voglia farlo. Nel pomeriggio di ieri a meno di 24 ore dall’atterraggio al Marconi dei 160 migranti appena arrivati in via Mattei ne rimavano pochissimi. Qualcuno è uscito per vedere la città. Decine hanno già preso il largo: nessuno può trattenerli. Bologna per loro è solo una tappa nel viaggio che chissà dove finirà. Sempre che alla frontiera qualcuno non li respinga costringendoli a restare in Italia. Chi vive qui da tempo racconta che sono tanti quelli che lasciano subito via Mattei quasi uno su due. Diversamente sarebbe impossibile accettare nuovi migranti da sottoporre al protocollo di accoglienza senza superare la capienza dei 255 ospiti. La procedura per chi richiede asilo dura in media cinque mesi. Desmon aspetta da oltre un mese. Vorrei restare in Italia — racconta — ma non ho ancora trovato un lavoro. Per il momento guarda la partita di calcetto che una mezza dozzina di ragazzi sta giocando al tramonto. Palla! una delle poche parole italiane che qui conoscono tutti. Gli ultimi raggi di sole filtrano tra il filo spinato sulle mura esterne e le sbarre attorno campetto: non è un bello spettacolo ma i soldi le gabbie del Cie non sono mai arrivati. Quantomeno le sbarre tengono la palla sempre in gioco. Sotto il portico del corpo centrale una cinquantina di migranti fa la coda per ricevere quello che qui chiamano pocket money. E che un dizionario ingleseitaliano traduce in modo decisamente meno politically correct paghetta. Due euro e cinquanta al giorno in un’unica soluzione settimanale: diciassette euro e cinquanta. Qualcuno li usa per fare un po’ di spesa in via Larga magari si è stufato dei pasti forniti dalla mensa. Qualcun altro dopo qualche settimana si è comprato un cellulare di seconda mano una radio per ascoltare un po’ di musica. C’è chi prova a distinguersi dalla massa: un giaccone bianco e mocassini abbinati. È difficile non sentirne il bisogno quando dormi in camerate da 6/ 8 persone e indossi abiti di seconda mano. A Ebo che è arrivato con l’ultimo volo è toccata una tuta nera in acetato. Viene dal Ghana ha la barba corta gli occhi grandi e la parlantina veloce. Ero andato in Libia per lavorare non pensavo di venire in Italia. Ma lì la situazione era peggiore del mio Paese e siamo partiti. Quasi cinquanta nel suo barcone. Continuava a imbarcare acqua — racconta — noi la tiravamo fuori con le mani per tutto il viaggio. Se gli chiedi cosa pensa dell’Isis dei timori di chi pensa ci siano terroristi nascosti tra i migranti spalanca ancora di più gli occhi. Guardali questa è gente che chiede aiuto e cerca solo una vita migliore. Io resterò qui per il resto della mia vita se troverò un lavoro. Omar anche lui originario del Gambia è ancora provato dal viaggio. Resta seduto tiene gli occhi bassi e si avvolge con una vecchia felpa di pile. Non sa nulla dell’Isis. Sa solo che in Libia lo hanno sbattuto in carcere senza nessun motivo per due mesi. Ho dovuto chiamare un amico per chiedergli di pagare il riscatto e farmi uscire. Poi hanno deciso di scappare su un barcone. Qui adesso sono tutti gentili mi hanno dato cibo e vestiti. Mi piacerebbe restare in Italia. Lo staff dell' OIM Organizzazione Internazionale per le Migrazioni ha parlato negli ultimi giorni con decine di migranti provenienti dalla Libia per lo più di origini africane. L'OIM ha fatto sapere che sono arrivati in Italia nel mese di febbraio 2015 circa 4. 300 migranti 3. 800 dei quali soltanto nel periodo tra venerdì 13 e martedì 17. La maggior parte dei migranti sono originari dell'Africa subsahariana anche se nell'ultime 24 ore si è saputo che ci sono anche alcuni siriani ed eritrei. I migranti sono stati portati in salvo e condotti ai porti di Lampedusa Pozzallo Augusta Porto Empedocle Trapani Sicilia e Calabria.Domenica scorsa 15 febbraio sono stati portati a Lampedusa 1. 215 migranti grazie ad almeno 6 operazioni di salvataggio portate a termine dalla Guardia Costiera Italiana dalla Guardia di Finanza e da navi mercantili. La maggior parte è stata tratta in salvo a 100 miglie nautiche a sud di Lampedusa. Tra gli arrivati a Lampedusa c'era anche una neonata di 3 mesi. Sua madre originaria della Somalia ha descritto dettagliatamente alla ricercatrice OIM Marzia Rango il duro viaggio attraverso il deserto per raggiungere la Libia. Ha partorito in Libia in un edificio noto ai migranti come casa di collegamento nella quale ha vissuto tre mesi e dove è stata vittima di soprusi alle mani dei trafficanti. Ha anche detto all'OIM che ha visto molti morire durante la traversata nel deserto ed i loro corpi sono stati abbandonati dove sono caduti.Lo staff dell'OIM ha anche parlato con un ragazzo quindicenne della Siria che viaggiava da solo nella speranza di poter raggiungere la Germania. Da sabato scorso 14 febbraio sono stati fatti sbarcare 1. 394 migranti nella Sicilia occidentale a seguito di sette missioni di salvataggio. Tra il 15 ed il 17 febbraio invece sono stati salvati e portati nella Sicilia orientale circa 839 migranti Pozzallo ed Augusta. Questi migranti provengono per lo più dall'Africa subsahariana e dalla Somalia. Tra loro vi sono anche donne e minori non accompagnati. Tutti sono riusciti a raggiungere le coste italiane in buone condizioni di salute; non sono state riportate vittime tra i migranti arrivati in quest'ultima settimana.Variano l'uno dall'altro in modo considerevole. Famiglie siriane e palestinesi hanno percorso la rotta che passa per il Sudan arrivando lì in volo da Amman Beirut o Istanbul per raggiungere Khartoum. Da lì hanno attraversato il deserto per arrivare in Libia. Questa è una delle poche alternative che hanno a disposizione da quando il governo algerino ha reso estremamente difficile a persone di queste nazionalità ottenere dei visti. Per questo motivo la rotta che passava attraverso l'Algeria è stata ora sostituita da quella che passa attraverso il Sudan. I resoconti sui periodi e le condizioni di permanenza in Libia sono molto diversi fra loro: i migranti hanno raccontato di essere rimasti nelle case di collegamento per un periodo che andava dai 5 giorni ai 2 anni. Riguardo alle condizioni di permanenza tutti gli intervistati hanno descritto la situazione come un vero stato di guerra. Tripoli stessa è ora sotto attacco; molti migranti asseriscono che è estremamente pericoloso rimanere nella città.Alcuni migranti arrivati a Lampedusa hanno raccontato di aver dovuto dato ai trafficanti cifre relativamente modeste $ 400 per potersi aggiudicare un posto sui piccoli gommoni usati dai trafficanti in quest'ultima ondata di arrivi. Altri invece raccontano di essere rimasti bloccati anche per un mese nelle case di collegamento libiche: spesso erano in 100 a dover condividere una o due stanze e un bagno. Secondo un registro compilato questa settimana gli eritrei sono stati i più numerosi tra i migranti arrivati a Lampedusa: 514 di cui 97 erano donne e minori. I secondi più numerosi sono stati i senegalesi con 123 adulti e 12 minori seguiti poi da migranti provenienti dalla Somalia 123 Nigeria 112 Palestina 76 Mali 56 e Costa d'Avorio 50. Sono arrivati poi anche persone del Benin Burkina Faso Ghana e Gambia.I migranti arrivati nella Sicilia orientale hanno riferito allo staff dell'OIM che hanno dovuto pagare tra $ 700 e $ 1. 000 per persona. I siriani invece dichiarano di aver dato ai trafficanti fino a $ 1. 500 ma è possibile che i prezzi siano scesi a causa delle condizioni meteo proibitive. La Libia è un posto molto pericoloso per i migranti e la situazione potrebbe peggiorare ulteriormente ha riferito Federico Soda Direttore dell'Ufficio di Coordinamento dell'OIM per il Mediterraneo a Roma. Queste persone hanno bisogno di aiuto occorre soccorrerle non appena partono. Molti hanno raccontato all'OIM che venivano direttamente dai centri di detenzione e che erano obbligati a pagare le guardie per poter essere rilasciati. Le guardie poi li hanno portati al punto di partenza Garabouli una città costiera a 15km di distanza da Tripoli. Sono partiti da lì con barche di plastica sovraffollate che trasportavano dalle 90 alle 120 persone ciascune.Un ragazzo diciassettenne del Gambia ha detto all'OIM di aver lavorato in Libia per un anno mandando i soldi guadagnati alla famiglia. Ha spiegato che ha dovuto lasciare la Libia per la situazione proibitiva di questi tempi visto che i migranti sono sistematicamente vittime di violenze ed estorsioni specialmente chi proviene dall'Africa subsahariana. Le testimonianze hanno confermato quanto i trafficanti stiano diventando sempre più violenti nei confronti dei migranti sia nelle cosiddette case di collegamento nelle quali aspettano per giorni o settimane prima di potersi imbarcare che nei punti di partenza ha aggiunto Soda.Un adolescente della Guinea Bissau ha raccontato all'OIM del suo viaggio per la Libia attraversando il Senegal Mali Burkina Faso e Niger e di come i militari libici gli abbiano sottratto il cellulare al confine. Ha poi raccontato dei tre mesi che ha passato nel paese sfruttato come operaio edile e vivendo in condizioni veramente dure; ha dovuto assistere all'omicidio di tre dei suoi compagni per mano dei loro sfruttatori. Lui stesso è stato ripetutamente percosso: Non augurerei di arrivare in Libia neanche al mio peggior nemico.L'OIM ha lavorato nell'Italia meridionale insieme all'UNHCR Save the Children e la Croce Rossa italiana nel quadro del progetto Praesidium finanziato dal Ministero dell'Interno italiano e dalla Commissione Europea. Lo staff dell'OIM monitora le procedure di accoglienza fornisce assistenza legale ai migranti e aiuta le autorità competenti ad identificare i gruppi più vulnerabili come le vittime di tratta ed i minori non accompagnati. La presenza di alunni stranieri nelle classi italiani supera per la prima volta le 800mila unità ma il boom degli ultimi anni è solo un ricordo. Quello che è stato un tumultuoso incremento anno per anno del numero di allievi con cittadinanza non italiana nelle scuole nostrane è un fenomeno ormai virtualmente consolidato e per la politica è tempo di bilanci e decisioni importanti. Una riguarda la 'Buona scuola' del governo Renzi che dovrebbe aggiungere al lungo elenco delle classi di concorso anche l'italiano per stranieri: L 2 è il suo codice in burocratese scolastico. Ma andiamo con ordine. Nel corso della due giorni svoltasi a Roma su Le scuole in contesti multiculturali: promuovere e governare l'integrazione sono stati presentati i dati sugli alunni stranieri relativi all'anno scolastico 2013/ 2014. Per la prima volta la presenza straniera tra i banchi delle scuole italiane ha superato le 800mila unità un traguardo impensabile soltanto qualche anno fa quando all'alba del nuovo millennio nel 1999/ 2000 gli allievi con cittadinanza non italiana erano appena di 119. 679. E in percentuale l'incidenza era di 1 5 alunni su cento frequentanti. Nel 2013/ 2014 siamo a quota nove su cento presenti in classe. Da allora il loro numero è cresciuto a ritmi sostenuti: all'inizio del 16 per cento all'anno poi del 10 per cento. Per calare al sette per cento nel 2009/ 2010 e al quattro per cento nel 2012/ 2013. Ma nell'ultimo anno censito si è registrato un incremento del due per cento con un aumento di figli di stranieri di appena 16mila unità: il minimo dal 2000 ad oggi. Segno di un fenomeno che sembra ormai stabilizzato. Chi aveva pronosticato il sorpasso nel giro di pochi anni dovrà rivedere le proprie stime. Mentre a viale Trastevere ci si sta attrezzando per migliorare l'integrazione scolastica degli alunni non italiani. Al punto che l'integrazione linguistica e culturale degli studenti figli di migranti sarà uno dei punti cardine del decreto 'La Buona Scuola' afferma il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini. Perché la scuola è la base la cornice ideale per diventare cittadini sostanziali. E noi stiamo andando in questa direzione. Vogliamo fornire alle istituzioni scolastiche aggiunge gli strumenti scientifici didattici e organizzativi adeguati e dare centralità alla formazione linguistica perché la lingua è passaporto di comunicazione e integrazione. Il dossier curato dall'Ismu la Fondazione Iniziative e studi sulla multietnicità ha messo in luce anche altri aspetti. Le scuole con un numero di alunni stranieri superiore al 15 per cento sono due su dieci. E si trovano disseminate soprattutto nelle regioni settentrionali. Ma oltre metà il 51 7 per cento della presenza straniera nelle scuole del Belpaese lo è soltanto sulla carta perché si tratta di stranieri nati in Italia. Un popolo di 415. 283 bambini e ragazzi che in parecchi casi parlano perfettamente i mille dialetti degli angoli più nascosti d'Italia e che sovente parlano più lingue perché i genitori hanno voluto insegnare loro la lingua del Paese d'origine per non fare disperdere le radici. Resta comunque il fatto che gli alunni stranieri nati all'estero scontano un gap che li colloca in fondo alle classifiche degli apprendimenti. Si tratta spesso dei soggetti più deboli che la 'Buona scuola' vuole sostenere con l'introduzione capillare della lingua L 2. © Riproduzione riservata 21 febbraio 2015La cosa più difficile da trovare è stato un paio di scarpe del 47: ma alla fine si è trovato anche quello. Insieme a giacconi calzini sciarpe e berretti di lana. Sotto un cielo che promette neve all’hotel Corona di Varzi da alcuni giorni è iniziata una lenta processione. La gente porta vestiti generi alimentari di tutto. L’arrivo nel piccolo paese dell’Oltrepò di 18 richiedenti asilo dalla Nigeria tra i 19 e i 23 anni ha suscitato reazioni contrastanti ma alla fine ha prevalso la solidarietà. Specie dopo il diffondersi della notizia che alla visita del sacerdote a poche ore dal loro arrivo i 18 giovani si sono inginocchiati ed hanno chiesto la benedizione cristiana. Una mobilitazione che ha indotto il parroco don Gianluca Vernetti durante la messa della prima domenica di quaresima a lanciare un appello al contrario. Non portate più niente se avremo bisogno vi faremo sapere. Per chi vuol mettere mano al portafogli abbiamo istituito una cassa in parrocchia per le spese mediche e altre necessità. Dopo le docce e la prima notte in hotel la mattina seguente il titolare dell’hotel Andrea Gaiba ha fatto preparare risotto ai funghi insalata mista e frittata con le erbette. Ci hanno detto che staranno qui almeno fino alla fine di marzo. Poi vedremo.Il clergyman è quello di sempre. Tra le dita affonda e riemerge l'inseparabile croce di legno appesa al collo. E non svanisce l'eterno sorriso da ragazzino in gita scolastica. Quando sarà del tutto guarito da una brutta faringite tornerà a correre per le strade di Agrigento in sella alla sua Vespa blu rallentando solo quando qualcuno lo saluta chiamandolo don Franco. La porpora non si vede ma non è mica da questi particolari che si giudica un cardinale. Nell'era di Papa Francesco un cardinale lo vedi dal coraggio dall'altruismo dalla fantasia. Tutte qualità che a Francesco Montenegro nato a Messina 69 anni fa e da sette arcivescovo di Agrigento non mancano di certo. Il coraggio di vietare i funerali di un boss in chiesa per esempio. O l'altruismo del neoporporato che va dal Papa facendosi accompagnare da un gruppo di poveri anziché da qualche amico che conta. Oppure la fantasia di un presule che di fronte a centinaia di ragazzi radunati in piazza si mette a scandire come un ultrà: Chi non salta mafioso è.Alt. Se mi chiama eminenza l'intervista finisce qui. Io sono don Franco.Non me l'aspettavo proprio glielo assicuro. Era domenica celebravo messa a Ribera. Alla fine della cerimonia si avvicina un fedele e mi dà la notizia. Ho creduto a uno scherzo. Siamo andati in sacrestia e solo lì fra telefono Internet e tv ho capito che era vero. Il Papa mi ha fatto una bella sorpresa oltre che un grande dono. Ma questo è il suo stile.Nessun merito particolare. Lampedusa fa parte della diocesi di Agrigento e il vescovo doveva essere lì ad accogliere il Papa.Non ero io quel giorno alla ribalta. C'era Lampedusa c'erano i migranti e c'era il Papa. Mi ricordo le sue prime parole. Si guardava intorno e ripeteva: Quanta sofferenza... .È vero ed è un'ombra che ha offuscato la gioia di quei momenti.Bisogna guardarsi da chi diffonde la paura da chi dà la caccia all'untore. Teorizzare l'equivalenza fra immigrazione e terrorismo è profondamente sbagliato. In questo modo si avalla il pregiudizio di chi dice che i siciliani sono tutti mafiosi e che i nostri emigranti portano la mafia al Nord o all'estero. Per fortuna non la pensano tutti così.Non credo. C'è un'altra parte della soc ietà che sta cominciando a guardare con occhi diversi al fenomeno dell'immigrazione. Che si sta calando nella cultura dell'accoglienza. Certo è un cammino lungo faticoso. Dobbiamo riuscire a non farci prendere dalla paura.Siamo gli ultimi della fila. Il che è una condizione geografica anzitutt o . Ma la geografia ha sempre un significato. Essere gli ultimi della fila vuol dire povertà valigie disagi violenze. E sono tutte condizioni in qualche modo legate l'una all'altra. Ai violenti fa comodo la povertà. Perché chi è povero è meno libero di dire no di rifiutare uno scambio.Agrigento è una città decapitata. Non c'è il sindaco non c'è il Consiglio comunale il centro storico crolla la cattedrale è chiusa. Ora rischia di chiudere anche il consorzio universitario e tremila ragazzi non sanno cosa faranno. Quanti di loro hanno i soldi per studiare fuori? Mandare questi ragazzi per strada non è un invito a nozze per la criminalità?.Incontrata no. Ma ne ho sentito la presenza l'ho avvertita nell'aria che si respira. La mafia è nel rifiuto della cultura. Nella convinzione che i problemi si risolvono parlando con l'amico giusto. La mafia più che una piovra a me sembra un camaleonte capace di cambiare colore di mimetizzarsi in qualunque ambiente.Il dovere della Chiesa non è di lottare contro qualcuno. Ma di vivere il Vangelo come ci ha insegnato padre Puglisi. Di annunciare che una via alternativa al peccato contro l'uomo c'è. E di indicarla a tutti.Tutt'altro. La Sicilia ha tante ricchezze naturali ma anche di ingegno di volontà di capacità di lavoro che le potrebbero permettere di risalire la china. Ma dobbiamo essere noi siciliani a convincercene a credere nelle nostre potenzialità. Molte volte in passato la Sicilia è riuscita a meravigliarci. Oggi io vedo anche una politica diversa dal passato migliaia di giovani che si impegnano nel volontariato che donano sé stessi agli altri. Vedo tanti impiegati e operai emigrati che si fanno onore e spesso sono i più bravi i più laboriosi. Dobbiamo crederci. Convincerci che la partita è aperta.Continuerò a fare quel che ho fatto finora. Con un maggiore impegno certo quello che Papa Francesco mi ha chiesto facendomi cardinale. Per il resto mi creda non cambia niente. Resto sempre don Franco.E perché mai dovrei lasciarla in garage?.Guardi che tempo fa alcuni fedeli me l'hanno regalato un casco da vescovo con la sua bella mitra a due punte.Macché non è omologato.Racconta di un naufragio in alta montagna e della volontà di sopravvivere in un ambiente che contrappone il bianco al nero mentre il sogno resta quello di una conciliazione di culture opposte irrimediabilmente lontane. Prodotto dal Teatro Biondo Lampedusa snow di Lina Prosa è il secondo dei tre testi che compongono La trilogia del naufragio. Il debutto stasera alle 21 in sala Strehler. Il protagonista è Federico Lima Roque giovane attore italiano originario di Capo Verde. Scene luci e video sono di Paolo Calafiore che ha utilizzato grandi reti di kevlar bianco per rievocare declivi innevati il videomapping è di Alessio Bianciardi e i costumi di Mela Dell'Erba.inquanta immagini per raccontare cosa c'è dopo l'approdo degli immigrati in Italia: Find to liberty è la mostra allestita fino al 28 febbraio a Tropea in provincia di Vibo Valentia nell'ambito del XIII Campus Eirene sulla legalità e la cittadinanza attiva. Gli scatti realizzati da Eva A. Gluszak Castagna partono dagli sbarchi dei migranti avvenuti in Calabria nel 2014: gli sguardi spauriti sul porto diventano espressioni di sollievo sul volto di chi è riuscito a inserirsi trovando un lavoro. Per il ministro italiano degli Esteri Paolo Gentiloni la missione Triton non è sufficiente. E' un un inizio. Il riferimento è alla missione gestita da Frontex l'agenzia Ue per il controllo delle frontiere che è subentrata all'operazione italiana Mare Nostrum. A margine dell'evento Women's alliance for a renewed global order che si è svolto ieri sera a New York presso il consolato italiano e che è stato organizzato da Aspen Institute Italia e da Womer for Wxpo il titolare della Farnesina ha spiegato che Ci vuole un dispiegamento di più forze e risorse perché nell'operazione di sorveglianza e di salvataggio in mare l'impegno deve essere maggiore.Confermando quanto Triton sia limitato rispetto all'operazione lunga e costosa di controllo delle acque del Mediterraneo del sud da parte della Marina italiana Gentiloni ha aggiunto: Mare Nostrum era un grande impegno. Gentiloni si inserisce così nel dibattito riacceso dalla morte per ipotermia di 29 uomini che a bordo di un gommone cercavano di raggiungere le coste di Lampedusa tornando a ribadire la posizione italiana: Non possiamo considerare il problema immigrazione come un problema che riguarda solo l'italia. E' europeo. Lo sforzo fatto dal nostro Paese nel 2014 deve essere condiviso. Dopo l'ultima strage di migranti era stato il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini a riaprire la polemica sull'inadeguatezza dell'operazione di soccorso che è subentrata a Mare Nostrum. E anche i vescovi non avevano risparmiato critiche all'Unione europea.Da un anno e mezzo chiediamo con forza di potenziare le capacità di salvataggio di vite umane nel Mediterraneo. Lo sottolinea Laurens Jolles delegato Unhcr per il Sud Europa commentando la nuova tragedia del mare. Siamo sconvolti afferma dalla notizia della morte di altri 203 fra migranti e rifugiati numero che potrebbe salire ulteriormente se venisse confermata la notizia di un quarto gommone disperso. Il governo italiano con Mare Nostrum ha dimostrato l'impegno a voler trovare una soluzione e l'Unhcr ha più volte fatto appello affinché l'operazione diventasse di gestione europea. Sorprende osserva Jolles che non ci sia ancora la capacità di farsi carico di questo impegno data l'entità della crisi umanitaria in corso. L'operazione Triton non ha come suo mandato principale il salvataggio di vite umane e quindi non può essere la risposta di cui c'è urgente bisogno.QUESTA non è più una emergenza è un popolo in fuga una nuova Nazione di migranti e rifugiati che noi tra mille difficoltà metereologiche e politiche cerchiamo di salvare. L'ammiraglio Felicio Angrisani comandante generale delle Capitanerie di Porto non usa mezzi termini per definire quel che è accaduto e sta accadendo nel Canale di Sicilia dove centinaia di disperati continuano a morire annegati o di freddo nel tentativo di raggiungere l'Europa. Come affrontate questa che non è più solo un'emergenza? Con i gommoni d'altomare in mezzo a un mare a forza 8 diventato cimitero? Questa è una valutazione politica e non tecnica. Noi uomini delle capitanerie di porto dobbiamo agire subito. Il tempo le onde alte quanto palazzine di tre piani e distanze che in questa ultima tragedia era di circa 200 chilometri lo dico in chilometri così la gente comprende non ci fermano perché dobbiamo salvare uomini donne bambini che vengono infilati dai trafficanti su imbarcazioni scassate anche se sanno che andranno incontro alla morte con il mare in tempesta. Ma si poteva fare di più? Se ci fossero state navi militari o mercantili si potevano salvare più persone? Con quel mare tutto sarebbe stato difficile: gli unici mezzi erano quelli che abbiamo inviato costruiti e realizzati per affrontare onde altissime che hanno messo a rischio anche la vita dei miei uomini. Senza quei mezzi ci sarebbero stati moltissimi altri morti. Lei e l'ammiraglio Pettorino capo delle operazioni dalla capitaneria di porto di Lampedusa avete seguito in diretta quest'ultima tragedia con centinaia di morti. Temevamo per la vita di quei disperati che stavano annegando e che morivano di freddo ma anche per la vita dei nostri uomini: abbiamo assistito ad autentici omicidi di cui quei trafficanti sono responsabili. Hanno mandato al massacro quella gente. Per noi al centro di tutta questa situazione c'è l'uomo da salvare ma questo va fatto anche con interventi strutturali non si può più andare avanti con l'emergenza. © Riproduzione riservata 12 febbraio 2015Richiedenti asilo di diverse nazionalità espulsi dal centro d'accoglienza di Ponte di Nona hanno manifestato sotto la Prefettura di Roma in via IV Novembre per chiedere la riammissione alle misure di accoglienza. L'iniziativa spiega una nota dell'Usb segue i recenti avvenimenti che hanno visto 15 richiedenti asilo provenienti da Sierra Leone Costa d'Avorio e Mali condotti al commissariato Casilino Nuovo dopo aver protestato per l'interruzione dell'erogazione del cibo dell'acqua calda e del ticket di 2 50 euro conseguente al commissariamento della cooperativa che gestisce il centro d'accoglienza a Ponte di Nona. Alcuni dei richiedenti asilo sono stati trattenuti al commissariato perchè si erano scagliati contro gli agenti intervenuti in seguito alla protesta e sono poi rilasciati. Per tutti sono state revocate le misure di accoglienza spiega l'Usb Attualmente i 15 ragazzi non sanno dove andare: non possono essere espulsi perché nello status di richiedenti asilo e non hanno mezzi di sostentamento propri. Per qualche notte sono stati ospitati in alcune chiese. L'Usb che sostiene le richieste dei richiedenti asilo chiede che i 15 non vengano lasciati in mezzo ad una strada e che tutti vengano reintegrati nelle misure di accoglienzaIn arrivo 500 profughi soprattutto originari dalla fascia sub sahariana provenienti dall’Africa e in fuga dalla guerra. Lo ha confermato la Prefettura di Milano che tuttavia non ha precisato orari e giorni di arrivo. Sono attesi nel corso della settimana. I profughi da quanto si è saputo dovrebbero comunque atterrare all’aeroporto militare di Bresso ed essere ospitati temporaneamente nelle tende e strutture di prima necessità allestite nel campo della Croce Rosse che da mesi a Bresso presta assistenza ai rifugiati.Sì a un'accoglienza dignitosa e un lavoro dignitoso per tutti. Sìal permesso di soggiorno umanitario per tutti. Sì alla stabilizzazione e alla reinternalizzazione dei servizi e dei lavoratori. No allo sfruttamento e al business dell'accoglienza. Queste le richieste della manifestazione Senza Paura promossa dall'Usb in piazza Esquilino alla quale hanno partecipato migranti richiedenti asilo rifugiati e operatori sociali. Il presidio si legge in una nota dell'Usb è indetta contro le stragi di migranti e richiedenti asilo che continuano a insanguinare il Mediterraneo; contro la condizione di abbandono dei centri di accoglienza dove migranti richiedenti asilo e rifugiati vengono per mesi parcheggiati come pacchi spesso senza i servizi minimi di assistenza; contro la vergognosa campagna razzista e strumentale che dipinge migranti rifugiati e richiedenti asilo come parassiti che riceverebbero dai 25 ai 35 euro al giorno; contro la condizione di sfruttamento dei lavoratori nei vari centri sottopagati con contratti precari e turni di lavoro massacranti ridotti ad un lavoro di portierato e di controllo a discapito di un vero servizio di accoglienza; contro il sistema mafia capitale che ha consentito un giro di sfruttamento e arricchimento da parte di soggetti che hanno fatto dell'accoglienza un business sulla pelle dei richiedenti asilo e dei lavoratori; contro lo stato di abbandono delle periferie spesso ridotte a discariche di disagio sociale e disoccupazione con i forti tagli al trasporto pubblico locale mancanza di servizi e la crescita degli sfrattiROMA Non siamo mai stati a vedere una partita di calcio raccontano i due fratelli di venti e ventuno anni che in Senegal giocavano a pallone in strada nel villaggio dove vivevano con la famiglia. Siamo arrivati con un barcone dalla Libia e abbiamo richiesto asilo a Roma. I due fratelli Bouba e Moro Ly sono scappati dal paese africano dove la famiglia è perseguitata per motivi etnici e da un anno vivono in un centro rifugiati della capitale in attesa di un permesso per lavorare e rifarsi una vita. Il biglietto per vedere la partita ce l’ha regalato il nostro amico Max insegnante di italiano a Casafrica.Il problema non si ha tanto nella prima accoglienza ma nella seconda fase: quella dell'inclusione e dell'integrazione in cui molti migranti vengono lasciati soli e le risorse statali si fanno sempre più ridotte. Si può sintetizzare così l'analisi dell'immigrazione nel Parmense su città e provincia. Non c'è un allarme: i numeri sono elevati perché rapportati a un periodo di tempo molto ridotto pochi mesi e per questo si parla di 'emergenza'. Ma è un'emergenza che siamo strutturati ad affrontare.L'assessore al Welfare Laura Rossi chiude con questa valutazione una giornata di riflessioni sui flussi migratori a partire dai dati del Rapporto Unar 2014 già presentato da Repubblica Parma nei mesi scorsi giovedì pomeriggio nella sala conferenze Luigi Anedda in via Gorizia.Il momento è critico analizza la Rossi la crisi economica e il numero di profughi accolti in così poco tempo fanno percepire un senso di continua emergenza. Ma il nostro sistema di servizi è strutturato e organico. La preoccupazione è piuttosto sulla gestione di queste criticità. L'inclusione non si fa con dei decreti: se non si accompagnano queste persone nel loro percorso il rischio è che vengano lasciate da sole senza una posto dove stare né un lavoro. Perché sono tante e non è automatico che trovino un'occupazione di questi tempi.I numeri aggiornati sulla realtà locale. In dieci mesi a fronte di emergenze nazionali come Ena e Mare Nostrum su Parma e provincia sono stati destinati oltre 400 migranti di cui 224 collocati nelle strutture di accoglienza. Nel sistema dei servizi locali 330350 soggetti hanno usufruito dei posti in dormitorio a cui si aggiungono altri 30 posti letto in centri di seconda accoglienza. Nel 2014 poi sono stati 43 i rifugiati richiedenti asilo riconosciuti dal progetto SprarCiac. L'immigrazione è un fenomeno strutturale non si può controllare: è qualcosa da prendere e da gestire valuta sempre l'assessore al Welfare riferendo che il Comune si sta attrezzando ad accogliere un altro centinaio di migranti sbarcati in Italia.Vorrei ci fosse la capacità da parte delle comunità straniere del territorio di fare un gesto di accoglienza loro per primi è l'appello che rivolge alla sala un gesto visibile che aiuterebbe a costruire politiche di inclusione. È ora di finirla con questo meccanismo italianistranieri quando si riceve assistenza aggiunge noi forniamo servizi a chi ha bisogno la percentuale di stranieri è alta perché sono loro i gruppi familiari più fragili: magari hanno lavorato 20 anni sul territorio versando i contributi e si trovano all'improvviso senza più niente senza nemmeno un 'paracadutè quale può essere per i nostri connazionali una famiglia allargata o la possibilità di tornare a casa. I dati conclude la delegata al Sociale ci dicono che gli immigrati sono una grande risorsa per lo sviluppo economico di questo paese bisogna lavorare sull'inclusione e riuscire a rafforzare gli aspetti più positivi del fenomeno migratorio.Le riflessioni della comunità islamica. L'attenzione è rivolta alle riflessioni della comunità islamica di Parma anche a proposito degli attentati di Parigi e la strage al settimanale satirico Charlie Hebdo. Una comunità più pacifica di quella di Parma non esiste lo può scrivere sorride a tu per tu Farid Mansouri presidente della comunità islamica di Parma che conta 14mila musulmani tra città e provincia. Negli anni abbiamo cercato di reagire a una vita nel margine nel disagio e nelle difficoltà facendo diverse attività prosegue ci siamo trasferiti nel locale di via Campanini: continuiamo a combattere per rimanere in quel locale che per noi significa avere una stabilità dice Mansuri tornando sulla annosa questione della moschea di Parma.Una valutazione invece sull'integrazione: Se parliamo di integrazione siamo ancora in alto mare ammette il presidente della comunità islamica dobbiamo lavorare insieme per un'integrazione equilibrata. Per questo invito i parmigiani ad una visione quanto più aperta e non provinciale. La comunità islamica ha bisogno di aiuto e non di essere messa in difficoltà. Quel che succede a livello internazionale dice a proposito dell'attentato al giornale satirico parigino non deve distruggere quanto abbiamo costruito qui in questi anni. Una notizia non può danneggiare il rapporto costruito in questa città.Sulla questione le considerazioni di Radwan Khawatmi fondatore di Hirux International nominato da Confindustria nel 2009 imprenditore immigrato dell'anno . I criminali dei fatti di Charlie Hebdo erano cittadini francesi interviene la Francia ha commesso molti errori: l'emarginazione porta a questi risultati. I ragazzi che sono cresciuti nelle banlieue non sono appartenenti alla società. Noi siamo ancora in tempo anche se il tempo sta scadendo. Non accettiamo più questa ambiguità tra religione e terrorismo ancora Khawatmi io da musulmano dico che dobbiamo uscire con forza a condannare questi atti per il futuro dei nostri figli.Un'anticipazione delle riflessioni che si faranno il prossimo 2 marzo a partire dalle 16 nell'aula Ferrari in via D'Azeglio 85 nell'incontro Non c'è più religione. Satira indignazione rispetto: cosa ci ha insegnato Charlie Hebdo?. Con gli interventi di Loris Borghi rettore dell'università di Parma Zouhir Louassini giornalista di RaiNews Farid Mansouri presidente della comunità islamica di Parma e Provincia Gianluca Foglia 'Fogliazza' disegnatore satirico Riccardo Joshua Moretti vice presidente della comunità ebraica di Parma don Umberto Cocconi responsabile della Pastorale universitaria della Diocesi di Parma. alessandro trentadueNASCERE in Afghanistan fuggire in Iran e tornare nella propria terra. Firmare lì da aiuto regista il film Osama il primo realizzato in Afghanistan dopo la caduta del regime talebano vederlo presentare al Festival di Cannes nell'edizione del 2003 e trovarsi per questo in fin di vita alla periferia di Kabul.E' la storia di Razi Mohebi arrivato nel 2007 a Trento con la moglie Soheila e il figlioletto di un anno: era invitato ad un festival cinematografico si rifugiò con loro da allora nel nostro Paese. Oggi saranno a Bologna alle 18. 30 al Cinema Lumière nell'ambito del festival Visioni italiane: vi presenteranno in anteprima lui come regista lei come produttrice il film Cittadini del nulla. L'hanno finanziato grazie al Premio Mutti Archivio delle Memorie migranti con un contributo di 15. 000 euro. E' l'nico premio in Italia dedicato ai registi migranti ed oggi ne verrà presentata pure la nuova edizione di nuovo sotto l'egida della Cineteca di Bologna.Nell'estate del 2007 ero a Trento per il Religion Today Festival. Ci avevo portato un documentario che avevamo realizzato sulla storia di tre giornaliste uccise. Proprio in quei giorni arrivò la notizia che avevano chiuso la Razi Film House la mia società di produzione con cui avevo prodotto il film Kite apertamente condannato dai talebani selezionato nei festival di Locarno e Berlino ndr. Capii subito insieme a mia moglie che tornare in Afghanistan sarebbe stato troppo pericoloso. E quindi abbiamo chiesto lo stato di rifugiati. Con noi c'era anche il nostro piccolo figlio di un anno e tutto questo l'abbiamo fatto anche per lui. Pensavamo che fosse un nuovo inizio volevamo cominciare da capo ma non ci immaginavamo quello che ci aspettava.Pensavamo di aver ricevuto asilo abbiamo invece trovato un esilio. E il paradosso di una legislazione quella sui rifugiati che risale al 1951 e che in Italia rispetto agli altri paesi della Unione europea non è mai stata rivista. Il rifugiato politico è come un prigioniero di due stati quello da cui è fuggito e quello che lo ha accolto e di nessuna cittadinanza. Faccio un esempio concreto. Lo scorso anno sono stato invitato a un festival a Stanford negli Stati Uniti. Ci proiettavano un mio film ma io con il passaporto da rifugiato non posso viaggiare fuori dall'area Schengen. Così sono stato costretto a rinunciare.Volevamo raccontare quell'uomo indefinito che è il rifugiato politico ma lo facciamo attraverso la storia di Monira rifugiata afgana che vive con altri invisibili in una fabbrica abbandonata alla periferia di Trento fino al giorno in cui il legittimo proprietario decide di cacciarli. L'uomo però girova gando fra i giacigli lasciati dalle persone che lì avevano vissuto comincia a interrogarsi su quegli uomini e su quelle donne e in particolare trova il diario di Monira. E' un'opera che attinge alla grande tradizione del cinema iraniano quello di Panahi e di Kiarostami un cinema dove contano più le immagini rispetto ai dialoghi e dove molto viene detto per metafore.In Italia c'è molta confusione sul tema delle migrazioni. Volevamo indagare le ragioni più profonde di chi arriva in una terra che dovrebbe accoglierlo proteggerlo dargli rifugio ma si scontra con un quotidiano che può emarginarlo e farlo sentire spaesato. Non ci sono solo i bisogni materiali c'è anche la vita che uno si porta con sé e che spesso rischia di dover annullare. Per i rifugiati che vivono in Italia non sempre è facile trovare un lavoro che valorizzi le competenze maturate nei Paesi di origine. E che spesso ha a che fare con le ragioni stesse di essere un rifugiato.La possibilità di dare continuità a quello che ero nel mio Paese. Io per i miei film ho rischiato la vita ho abbandonato la mia terra ma una volta qui è stato difficile trovare un riconoscimento per il mio lavoro. Anche per questo sono grato al premio Mutti perché insieme alla possibilità di realizzare il mio film mi ha restituito la mia identità la possibilità di non far avvizzire la mia anima.

A Europa é um continente de migrações de migrantes de emigrantes e de imigrantes. Num momento em que se discutem restrições à mobilidade conquistada importa assegurar que não esquecemos quem somos. Não é de hoje que os europeus migram no interior da Europa que recebem migrantes de outros continentes ou que se movimentam no mundo. Na verdade sem migrações a Europa não era o que é hoje o que foi no passado nem o que será no futuro. Se por exemplo falarmos de arte essa herança que recebemos e retransmitimos à próxima geração devemos sublinhar que as migrações também criaram a Arte Europeia. Dos construtores de catedrais aos artistas do Renascimento muitos foram os que circularam criaram algumas das suas melhores obras em países que não os seus deixaram um legado que nos aproxima. No século XX a Escola de Paris foi um evento multicultural onde a Europa se reencontrou com a criatividade. Fizeram parte desse grupo o italiano Amadeo Modigliani 18841920 o búlgaro Jules Pascin Julius Mordecai Pincas 18851930 o russo Marc Chagall 18871985 o polacofrancês Moise Kisling 18911953 ou o lituano Chaim Soutine 18841943. Em simultâneo estavam em Paris criadores como Picasso Amadeo de Souza Cardoso Paul Klee Marc Jacob Chagall e tantos outros europeus. Podíamos falar de ciência de filosofia de música de arquitetura ou de política. Quando a Europa acolheu no seu seio os melhores quando permitiu a sua mobilidade ficou melhor. Quando a II Guerra Mundial acabou foram os europeus do Sul e de Leste que acorreram para reconstruir com trolhas e à força de braços os boulevards de Paris reconstruindo um ideal de humanidade e de esperança. Foram os homens e mulheres de toda a Europa que se moveram e criaram a União Europeia naquilo que ela tem de melhor. Eu próprio fiz parte de um grupo de estudantes pioneiros que através do programa Erasmus se sentiu europeu quando se moveu para estudar na Europa se sentiu em casa longe de casa. Com mobilidade a Europa soube criar inovação crescimento económico desenvolvimento social. Hoje na ânsia de controlar o amanhã queremos esquecer o passado e com isso impedimos o futuro. A Europa não precisa de restrições à mobilidade. Pelo contrário. Precisa que encontremos uma estratégia para impedir a imobilidade e promover a circulação de pessoas e das suas capacidades. Não é a livre circulação no interior do espaço Schengen que precisa de ser restringida mas a relação do espaço Schengen com o resto do mundo que precisa de ser alterada permitindo que a mobilidade se realize. Muitos dos problemas que o controlo de fronteiras implica migrações irregulares intrusão de imigrantes clandestinos tráfico de seres humanos só se resolvem com políticas de abertura de fronteiras. Controlada progressiva pensada de acordo com as oportunidades e necessidades da Europa mas uma abertura de fronteiras e não um fechamento dos mecanismos de controlo. Há anos que a financiarização das políticas europeias nos impede de pensar nas questões essenciais como são as que nos ligam ao futuro. A Europa precisa de uma política europeia para as migrações porque as migrações são uma questão europeia. Promover a mobilidade no interior da União Europeia é uma necessidade e um investimento na nossa coesão social e económica. Pensar hoje as futuras migrações globais da e para a Europa é uma urgência uma estratégia acertada e uma necessidade e no entanto ainda não está a ser feito. Com o passar dos dias nasce uma Europa de velhos. Velhos de idade e sobretudo velhos de ideias e de coragem. Promover a mobilidade e as migrações é o nosso passaporte para o futuro. Enquanto europeu gostava que Portugal liderasse esta política. Investigador do Centro de Estudos Sociais da Universidade de Coimbra e professor da Universidade do PortoPor estrada ou por mar de avião ou de comboio milhões de chineses já estão a caminho da terra natal para festejar a passagem do ano lunar com a família. A maior migração interna do planeta movimenta cerca de 300 milhões de pessoas. Durante 40 dias até 16 de março só os caminhosdeferro esperam transportar cerca de 289 milhões de passageiros mais 26 milhões do que o ano passado e uma média de 7 2 milhões por dia. Nos aeroportos o movimento será idêntico: a China Southern Airlines a maior companhia aérea do país programou cerca de 99 mil voos um aumento de 27% em relação a 2014. O novo ano lunar a maior festa das famílias chinesas equivalente ao natal nos países ocidentais começa a 19 de fevereiro sob o signo da Cabra um dos doze signos do milenar zodíaco chinês. Para os cerca de 250 milhões de trabalhadores migrantes empregados nas novas indústrias e serviços das grandes cidades e das prósperas províncias do litoral as folgas e feriados concedidos nesta quadra pelo governo e as empresas constituem as únicas férias do ano. Todas as escolas do ensino primário ao superior fecham durante um mês. Os edifícios são engalanados com lanternas vermelhas símbolo tradicional de festa. Cabras de vários tamanhos e feitios ornamentam as lojas e os centros comerciais. Em alguns casos o meigo animal aparece a pastar junto a uma árvore de natal associando duas tradições de grande consumo. Em Pequim na quintafeira à noite já se ouvia o som de petardos outro ingrediente tradicional para saudar a entrada num novo ano. Por coincidência o primeiroministro chinês Li Keqiang que completará 60 anos em julho nasceu num Ano da Cabra e de acordo com a mitologia as pessoas correm sempre perigos especiais no ano do seu signo. O contínuo abrandamento da economia será sem dúvida um desses "perigos" mas mesmo nas previsões mais pessimistas o crescimento do PIB chinês em 2015 deverá exceder os 6 5%.Pelo menos sete imigrantes ilegais morreram num naufrágio quando tentavam sair da Turquia para a Grécia disseram este sábado fontes oficiais. Seis outros passageiros da embarcação foram salvos enquanto dois se encontram desaparecidos acrescentou o governador da província turca de Mugla sudoeste à agência de informação Anatole. O responsável turco acrescentou que a maioria destes imigrantes provém do Iraque e do Irão. Um portavoz da guarda costeira grega que disponibilizou um helicóptero e um navio de socorro indicou que o naufrágio ocorreu na sextafeira à noite e que o navio tinha pelo menos 18 pessoas a bordo enquanto as autoridades turcas mencionaram apenas a presença de 15 pessoas a bordo. A Turquia que acolhe 1 7 milhões de refugiados sírios tornouse um dos principais países de trânsito para os migrantes que tentam chegar aos países da União Europeia.Uma patrulha da guarda costeira italiana resgatou 105 migrantes de um barco insuflável à deriva quando havia ondas de oito metros e temperaturas abaixo de zero: pelo menos 29 morreram de hipotermia já a bordo das lanchas dizem as autoridades de Lampedusa ilha italiana para onde os resgatados se dirigiam e foram levados. As autoridades foram avisadas por um telefonema de um dos migrantes durante a noite de domindo para segundafeira. A viagem para a ilha demorou cerca de 18 horas tempo em que as pessoas resgatadas passaram no convés das lanchas. A presidente da câmara de Lampedusa Giusi Nicolini avisa que o número de vítimas pode aumentar. As ondas chegavam aos oito metros. As horríveis condições do mar não travam o tráfico de seres humanos a partir da Líbia escreveu a guarda costeira num comunicado. Nicolini responsabilizou o fim da missão de busca e salvamento Mare Nostrum por estas mortes. A Mare Nostrum era uma solução de emergência para uma crise humanitária acabar com isso foi um enorme e intolerável recuo afirmou numa entrevista à Reuters. Os pequenos barcos de patrulha foram completamente engolidos pelas ondas na viagem de regresso. Se ainda existisse a missão Mare Nostrum numa hora teria sido dado aos migrantes abrigo dentro de um grande navio. A Mare Nostrum que recebia financiamento da União Europeia foi abandonada pelo primeiroministro italiano Matteo Renzi em parte por causa do seu elevado custo – no primeiro ano de funcionamento custou mais de 114 milhões de euros. A 1 de Novembro de 2014 começou a funcionar a operação Triton coordenada pelo Frontex a agência da UE para a vigilância das suas fronteiras ao mesmo tempo que Itália ia reduzindo a sua missão. Isto no fim de um ano recorde com mais de 170 mil migrantes a desembarcarem na Itália. O fim da operação Mare Nostrum deixou todos os migrantes expostos a grandes riscos particularmente os mais vulneráveis como as crianças os jovens e as mulheres comentou Raffaela Milano responsável da delegação italiana da ONG Save de Children. Para o crime organizado não é importante se as pessoas atravessam o mar vivas ou mortas disse ainda Nicolini. Agora sem a Mare Nostrum é como se nenhum de nós e não só os criminosos se importassem.Cerca de 30 pessoas de um lado cerca de 3000 do outro: foi assim a primeira manifestação inspirada no movimento Pegida acrónimo para Europeus Patriotas contra a Islamização do Ocidente na cidade sueca de Malmö. Os opositores do movimento saindo à rua por uma sociedade multicultural e pela tolerância religiosa foram quase 100 vezes mais do que os que defendem mais controlo da imigração menos asilo e regras especiais para o islão segundo a polícia. Tal como outras manifestações do Pegida noutros países a acção em Malmö foi vigiada e manifestantes e contramanifestantes separados por barreiras. A igreja católica local decidiu fazer uma missa à mesma hora da manifestação pela tolerância religiosa mas recusou chamarlhe uma acção contra a manifestação do Pegida. A terceira cidade sueca é a que tem mais muçulmanos e o seu número tem aumentado com a chegada de refugiados fugindo da guerra na Síria a Suécia é o único país da UE a dar residência permanente a qualquer sírio que peça asilo. Em Dezembro o Governo sueco quase caiu passados apenas dois meses no poder por causa do partido antiimigração Democratas Suecos que com 49 deputados em 349 conseguiu aliarse à oposição conservadora. No entanto conservadores e coligação no Governo conseguiram concluir um acordo para áreas essenciais mantendo assim restrita a influência do partido populista. Na Áustria duas manifestações do Pegida – na semana passada em Viena e no domingo em Linz – também reuniram grandes multidões com as contramanifestações a serem superiores. Em Linz 150 simpatizantes do Pegida saíram à rua contra cerca de 2000 contramanifestantes. Em Viena na segundafeira tinham sido 400 apoiantes do Pegida e 5000 contra. Na capital austríaca houve saudações nazis e slogans alusivos ao Terceiro Reich – o que não aconteceu em Linz. Ao contrário do que se passa na Alemanha na Áustria a extremadireita é a terceira força política no Parlamento onde reclama medidas contra a imigração e a islamização. O movimento Pegida nasceu de manifestações que começaram a 20 de Outubro na cidade alemã de Dresden na antiga RDA. Começaram por ser poucas dezenas mas chegaram a um máximo de 25 mil pessoas no dia 12 de Janeiro após os ataques contra o Charlie Hebdo e um supermercado de produtos kosher em Paris. Noutras cidades alemãs contramanifestações foram sempre maiores e impediram que o movimento ganhasse força. Em Dresden o movimento dividiuse após uma polémica envolvendo o promotor dos protestos disfarçado de Hitler e por desentendimentos entre os seus apoiantes. Um novo movimento saído do Pegida levou a cabo a primeira acção em Dresden no domingo juntando apenas 500 pessoas – tinhamse inscrito 5000 segundo a polícia.Mais de 300 migrantes desapareceram hoje no naufrágio de quatro embarcações sobrelotadas no Mediterrâneo anunciou o Alto Comissariado da ONU para os Refugiados em Itália. Inicialmente e com base em testemunhos de nove sobreviventes o Alto Comissariado da ONU para os Refugiados ACNUR e a Organização Internacional para as Migrações OIM disseram que o número de desaparecidos rondava os 200 migrantes. As vítimas eram migrantes principalmente na África subsaariana que partiram da costa da Líbia em quatro pequenas embarcações disse o ACNUR. "Esta é uma tragédia de enorme escala e um forte aviso de que mais vidas podem ser perdidas se aqueles que procuram segurança forem deixados à mercê do mar" advertiu o diretor do ACNUR para a Europa Vincent Cochetel numa declaração. Só no ano passado vários milhares de pessoas morreram a tentar chegar à Europa através do Mediterrâneo naquela que as Nações Unidas descreveram como uma das rotas mais perigosas do mundo. Cerca de 170 mil pessoas chegaram a Itália em 2014 depois de resgatadas pela marinha guarda costeira ou navios mercantes. Leia mais: São mais de 300 os migrantes desaparecidos em naufrágio no Mediterrâneo http://www.jn.pt/mundo/interior/saomaisde300osmigrantesdesaparecidosemnaufragionomediterraneo 4394031.html#ixzz4AypqDjGe Follow us: jornalnoticias on FacebookMais de 300 migrantes desapareceram hoje no naufrágio de quatro embarcações sobrelotadas no Mediterrâneo anunciou o Alto Comissariado da ONU para os Refugiados em Itália. Inicialmente e com base em testemunhos de nove sobreviventes o Alto Comissariado da ONU para os Refugiados ACNUR e a Organização Internacional para as Migrações OIM disseram que o número de desaparecidos rondava os 200 migrantes. As vítimas eram migrantes principalmente na África subsaariana que partiram da costa da Líbia em quatro pequenas embarcações disse o ACNUR. "Esta é uma tragédia de enorme escala e um forte aviso de que mais vidas podem ser perdidas se aqueles que procuram segurança forem deixados à mercê do mar" advertiu o diretor do ACNUR para a Europa Vincent Cochetel numa declaração. Só no ano passado vários milhares de pessoas morreram a tentar chegar à Europa através do Mediterrâneo naquela que as Nações Unidas descreveram como uma das rotas mais perigosas do mundo. Cerca de 170 mil pessoas chegaram a Itália em 2014 depois de resgatadas pela marinha guarda costeira ou navios mercantes.Mais de 200 pessoas desapareceram no Mediterrâneo quando as embarcações em que viajavam não resistiram a uma tempestade entre a costa da Líbia e a ilha italiana de Lampedusa segundo os relatos feitos por sobreviventes. Um balanço trágico que poderá ultrapassar as 300 vítimas caso se confirmem as informações de que há um outro barco desaparecido no mar. São nove estão sãos e salvos após quatro dias no mar. Os outros 203 foram engolidos pelas ondas escreveu na rede social Twitter Carlotta Sami portavoz em Itália do Alto Comissariado das Nações Unidas para os Refugiados ACNUR depois de falar com os sobreviventes que chegaram na manhã desta quartafeira a Lampedusa. É uma tragédia enorme e horrível afirmou. Segundo o que foi possível reconstituir do seu relato os imigrantes partiram no sábado de uma praia a 15 quilómetros de Trípoli na Líbia. Faziam parte de um grupo de 420 imigrantes subsarianos – a maioria homens mas também adolescentes – que embarcaram em quatro insufláveis cada um transportando uma centena de pessoas adianta a Organização Internacional das Migrações OIM. As duas embarcações naufragadas terão passado dois dias no mar até que foram vencidas pelo mau tempo: uma virouse e a outra terá desinsuflado acabando por afundarse. Há informações de que os nove sobreviventes que falam francês e serão oriundos de África Ocidental foram resgatados por um navio comercial que informou depois as autoridades italianas. As duas organizações internacionais adiantam que a terceira embarcação é aquela que foi resgatada no domingo pela Guarda Costeira italiana numa zona próxima com 105 pessoas a bordo. A operação realizouse em condições atmosféricas muito difíceis – as autoridades dão conta de ventos de 120 km/h e ondas de até oito metros – e no momento em que o barco foi localizado sete imigrantes tinham já morrido de hipotermia. Mas a Guarda Costeira tinha na zona apenas duas lanchas e o reboque do pneumático até Lampedusa prolongouse por 18 horas durante as quais mais 22 pessoas não resistiram ao frio. O mistério permanece em relação ao quarto barco que terá partido da Líbia. Esperamos que não tenham chegado a partir ou que tenham feito meia volta disse à AFP uma outra portavoz do ACNUR em Roma. A OIM é mais pessimista sobre a sorte dos imigrantes que à falta de notícias foram listados como desaparecidos. Eram 420 pessoas à partida pelo que podemos calcular que o número de vítimas ronde as 330 disse à mesma agência Flavio di Giacomo representante da organização em Itália. O responsável denunciou a crueldade dos traficantes que apesar da tempestade no mar terão obrigado os imigrantes a entrar no barco sob a ameaça de pistolas e bastões depois de lhes terem retirado os documentos e o dinheiro. Uma atitude que prova uma vez mais que quem se dedica a este lucrativo negócio trata os seres humanos como mercadoria sobretudo os que são oriundos da África negra. No seu conjunto o naufrágio será um dos piores registados nos últimos meses e reacende o debate sobre as consequências há muito antecipadas pelas agências internacionais e organizações de defesa dos direitos humanos do fim da operação Mare Nostrum no final do ano passado. Lançada pela Marinha italiana em Outubro de 2013 depois de quase 400 pessoas terem morrido em dois naufrágios ao largo de Lampedusa a operação permitiu o resgate de mais de 150 mil pessoas de barcos em dificuldades mas Roma anunciou que não poderia continuar a comportar sozinha os elevados custos. Em Novembro deu lugar a uma missão da Frontex a agência de fronteiras da União Europeia mas que tem meios mais escassos e um mandato circunscrito a 30 milhas das costas europeias. Esta é uma tragédia de enorme dimensão que nos recorda de maneira cruel que mais vidas se podem perder se aqueles que procuram a segurança forem deixados à mercê do mar lamentou Vincent Cochetel director do ACNUR para a Europa voltando a insistir que a Europa não pode continuar a fazer pouco e a agir tarde. Ainda antes destes naufrágios o ministro do Interior italiano tinha manifestado a sua profunda dor pela morte dos 29 imigrantes que não resistiram ao frio e voltou a exigir à UE uma resposta mais vigorosa para responder à crise humanitárias. Mas confrontado com as críticas aos meios limitados que Itália agora tem no Mediterrâneo para responder a pedidos de socorro Angelino Alfano afirmou que mesmo durante a Mare Nostrum centenas de pessoas perderam a vida no mar. Mais de 3200 pessoas morreram em naufrágios no Mediterrâneo durante 2014 ano em que chegaram às costas italianas 170 mil pessoas num recorde alimentado pelo êxodo de refugiados das guerras na Síria e no Iraque e pelo caos que se apoderou da Líbia porto de partida de muitos imigrantes da África subsariana. E se em anos anteriores o fluxo diminuía durante os meses de Inverno agora há cada vez mais pessoas a fazerem a travessia em condições adversas. Só em Janeiro chegaram a Itália 3528 pessoas o que representa um aumento de 40% face ao mesmo mês de 2014 revelou Alfano. E ainda antes deste naufrágio a OIM contava já 44 pessoas mortas e outras 42 desaparecidas durante a tentativa de chegar à Europa. O Papa Francisco que no Verão de 2013 foi à pequena ilha para denunciar a indiferença do mundo ante os milhares de imigrantes que morrem na arriscada travessia disse na audiência semanal desta quartafeira estar a seguir com muita preocupação as notícias que chegam de Lampedusa. Prometeu rezar pelas vítimas e encorajar de novo a solidariedade para que aqueles que estão em dificuldades sejam resgatados.A mais recente tragédia no mar Mediterrâneo que terá feito mais de 300 vítimas na quartafeira já motivou uma reacção do altocomissário da ONU para os Refugiados ACNUR. Nesta quintafeira António Guterres apelou à União Europeia para estabelecer uma verdadeira operação de busca e salvamento que permita evitar mais tragédias envolvendo imigrantes a caminho da Europa. Guterres apontou baterias à operação Tritão da agência europeia para o controlo das fronteiras Frontex. Esta operação foi lançada a pedido das autoridades italianas para patrulhar o mar Mediterrâneo depois de a Itália ter oficialmente posto fim à sua operação Mare Nostrum em Novembro do ano passado. Não pode haver dúvidas depois dos eventos nesta semana de que a operação europeia Tritão é um substituto infelizmente insuficiente para a Mare Nostrum declarou Guterres num comunicado. A Tritão conta com a participação de mais de 20 Estadosmembros mas opera com um orçamento de apenas 2 9 milhões de euros por mês menos de um terço do que a Itália disponibilizou para a Mare Nostrum. O seu mandato também é alvo de críticas. A operação italiana era claramente uma operação de salvamento e resgate de imigrantes mas a Frontex tem como objectivo principal o controlo das fronteiras. A prioridade tem de ser salvar vidas. Precisamos de uma operação de busca e salvamento robusta no centro do Mediterrâneo não apenas uma patrulha de fronteira disse Guterres alertando que caso contrário é inevitável que morra muito mais gente. A Mare Nostrum tinha sido lançada pelo Governo italiano na altura liderado por Enrico Letta após o afogamento de mais de 300 migrantes na sua maioria eritreus em Outubro de 2013. Resgatou cerca de cem mil imigrantes no Mediterrâneo em apenas um ano até o actual primeiroministro Matteo Renzi lhe pôr fim em Outubro de 2014. Na quartafeira Letta citado pela AFP declarou que a operação Mare Nostrum deveria ser reactivada mas Renzi atirou claramente as responsabilidades para a Europa. Pediremos à Europa para fazer mais disse o chefe de Governo italiano à televisão na quartafeira à noite. Não há só a Grécia e a Ucrânia mas sim a Líbia que está completamente fora de controlo há vários anos. Se queremos pôr fim a este cemitério no Mediterrâneo a prioridade tem de ser resolver a situação na Líbia. Segundo as autoridades chegaram 3528 imigrantes às costas italianas só neste mês de Janeiro mais 40% do que no mesmo mês em 2014 que já tinha sido um ano recorde com cerca de 170 mil chegadas. Os países mediterrânicos como a Itália mas também a Grécia reclamam há muito um maior apoio da UE para controlar os fluxos migratórios. No entanto os países do Norte têm resistido a tais apelos. O Reino Unido causou polémica o ano passado ao recusar participar na Tritão alegando que mais operações de salvamento iriam encorajar mais migrantes a chegar. O número de pessoas que arriscam embarcar na travessia para a Europa aumentou fortemente no ano passado. Ao todo o ACNUR estima que 3500 pessoas tenham perdido a vida no Mediterrâneo muitas tentando fugir dos conflitos na Síria no Iraque e no Corno de África. A Guardia Civil espanhola intercetou este sábado 17 imigrantes ilegais subsarianos que chegaram numa embarcação à praia dos Los Alemanes na província de Cádis após atravessarem o Estreito de Gibraltar. De acordo com informações da Polícia Marítima ao início da manhã tiveram início as buscas pela embarcação depois de uma organização nãogovernamental alertar as autoridades para a presença de uma barcaça no Estreito de Gibraltar. Foram mobilizados um barco e um helicóptero de salvamento marítimo tendo sido o meio aéreo a localizar a embarcação pelas 11. 10 horas quando já tinha chegado à costa à praia de Los Alemanes. Depois de avisada pela Polícia Marítima a Guardia Civil encarregouse dos migrantes.Itália tem em curso uma vasta operação para resgatar cerca de dois mil imigrantes ilegais que tentavam chegar à Europa a bordo de 12 embarcações. Na sextafeira cerca de 600 migrantes a bordo de seis barcos insufláveis foram socorridos a 50 milhas da costa líbia Foto: Antonio Parrinello/REUTERS 15. 02. 2015 A informação foi avançada pela agência francesa AFP citando a guarda costeira e media locais. Outras fontes ouvidas pela AFP referem números mais modestos admitindo que possam ser resgatadas entre 1200 a 1300 pessoas na operação que decorre entre a costa líbia e a ilha italiana de Lampedusa onde regularmente chegam imigrantes ilegais vindos do Norte de África. A AFP refere que a guardacosteira já conseguiu resgatar centenas de migrantes que viajavam em oito das 12 embarcações e que outras quatro operações de salvamento estavam ainda a decorrer ao final do dia. Vários navios cargueiro que estavam na zona estão a ajudar a guarda costeira nas operações de resgate. Meios aéreos e marítimos das Forças Armadas italianas estão envolvidos nesta operação. Um "incidente alarmante" ocorreu perto da costa líbia segundo um comunicado do Ministério dos Transportes italiano: uma embarcação da guardacosteira italiana que socorria uma das canoas com imigrantes subsaarianos foi abordada por uma lancha rápida vinda da costa e quatro homens armados de metralhadoras '"kalachnikov" ameaçaram as forças italianas exigindo que abandonassem o barco vazio. Na sextafeira cerca de 600 migrantes a bordo de seis barcos insufláveis foram socorridos a 50 milhas da costa líbia por navios mercantes e uma embarcação da guardacosteira italiana. Cerca de 330 migrantes da África subsaariana que partiram a 7 de fevereiro de uma praia próxima da capital da Líbia Tripoli desapareceram ou morreram de frio a tentar alcançar a costa italiana sob condições atmosféricas adversas. Os sobreviventes contaram que os contrabandistas os ameaçaram com pistolas para os obrigar a embarcar.Só no domingo foram salvos 2164 muitos mais do que os 400 imigrantes que em média nos últimos meses todos os dias são socorridos no Mediterrâneo quando procuram chegar a Itália a bordo de embarcações improvisadas. O crescente afluxo de imigrantes acelerado pelo agravamento do caos na Líbia levou esta segundafeira o ministro italiano dos Negócios Estrangeiros Paolo Gentiloni a pedir um reforço da solidariedade da União Europeia. O apelo ocorre depois de na semana passada cerca de 330 pessoas terem desaparecido ou morrido de frio no Mediterrâneo no meio de uma tempestade. Em Janeiro chegaram às costas italianas 3528 imigrantes mais 40% do que no mesmo mês do ano anterior. O agravamento da situação na Líbia onde se confrontam grupos armados e jihadistas decapitaram 21 homens identificados como cristãos egípcios leva a Itália a temer um êxodo maciço. Os imigrantes socorridos no domingo viajavam em 12 embarcações e foram recolhidos por navios italianos numa vasta operação ao largo da ilha de Lampedusa a algumas dezenas de milhas marítimas da costa Líbia. O site TGCom 24 noticiou que 520 migrantes foram levados para o navio Orione da Marinha italiana. Mais de 900 segundo a AFP foram recuperados por vedetas de guardacosteira e da polícia fiscal. Navios diversos recolheram os restantes. São como habitualmente homens mulheres crianças que muitas vezes viajam sós oriundas da Líbia mas também da Eritreia e de países da África Central e Ocidental. Muitos queixamse de terem sido aterrorizados por milícias armadas. O ministério dos Transportes denunciou num comunicado citado pela AFP um incidente alarmante ocorrido no domingo perto da costa líbia: uma lancha rápida aproximouse de uma vedeta da guardacosteira envolvida na operação de socorro e quatro homens armados de metralhadoras Kalachnikov obrigaram os socorristas a abandonarem a embarcação vazia de onde tinham sido recolhidos os ocupantes. Numa carta à chefe da diplomacia europeia Federica Mogherini e aos membros da Comissão Europeia que têm marcada para 4 de Março uma reunião para discutir as questões da imigração o ministro Gentiloni fala do sentimento de consternação e frustração provocado pela repetição de dramas no Mediterrâneo e sublinha a complexidade de um fenómeno que parece não diminuir de intensidade. É mais necessário do que nunca que a UE responda de maneira adequada aumentando a solidariedade e partilhando a responsabilidade ao nível europeu diz na carta citada pela AFP. A operação Tritão lançada a 1 de Novembro pela agência europeia Frontex a pedido das autoridades italianas depois de o Governo de Roma ter oficialmente posto fim à sua operação Mare Nostrum abandonada por falta de apoio europeu é considerada pelo ministro um primeiro passo na direcção certa. O caos na Líbia tem deixado as mãos livres à actuação de redes de imigração ilegal para Itália. Segundo as autoridades de Roma em 2014 ano recorde de imigração chegaram a Itália 170 mil pessoas.A Guardia Civil espanhola intercetou este sábado 17 imigrantes ilegais subsarianos que chegaram numa embarcação à praia dos Los Alemanes na província de Cádis após atravessarem o Estreito de Gibraltar. De acordo com informações da Polícia Marítima ao início da manhã tiveram início as buscas pela embarcação depois de uma organização nãogovernamental alertar as autoridades para a presença de uma barcaça no Estreito de Gibraltar. Foram mobilizados um barco e um helicóptero de salvamento marítimo tendo sido o meio aéreo a localizar a embarcação pelas 11. 10 horas quando já tinha chegado à costa à praia de Los Alemanes. Depois de avisada pela Polícia Marítima a Guardia Civil encarregouse dos migrantes. Leia mais: Mais 17 migrantes ilegais intercetados no sul de Espanha http://www.jn.pt/mundo/interior/mais17migrantesilegaisintercetadosnosuldeespanha 4401206.html#ixzz4AypHNtus Follow us: jornalnoticias on FacebookOs responsáveis da Associação de Oficiais das Forças Armadas AOFA consideraram esta segundafeira que o executivo da maioria PSD/CDSPP está "em guerra" com os militares reagindo à alteração aos regimes específicos de assistência na doença dos seus familiares. "A realidade impõese: estamos em guerra. Uma guerra que não utilizando meios militares nem por isso deixa de ser uma guerra! Porque morre gente porque é semeada a pobreza e a miséria porque há refugiados eufemisticamente designados de emigrantes forçados pelos líderes do seu próprio país a abandonálo" lêse em comunicado. O Conselho de Ministros aprovou na quintafeira a possibilidade de "cônjuges ou unidos de facto dos beneficiários titulares dos subsistemas ADM [Forças Armadas e GNR] e SAD [PSP]" se inscreverem "nesses mesmos subsistemas mediante o pagamento de uma contribuição". O texto da AOFA lamenta que "para além do desconto de 3 5%" haja agora "mais um desconto suportado por um estranhíssimo algoritmo 3 5% sobre 79% da remuneração base do militar que mais não é do que um expediente para extorquir uma fatia mais do já parco rendimento dos militares". "Mas nada demove os que tendo sido legitimados para governar o país não foram certamente eleitos para o destruir e muito menos incumprindo compromissos que assumiram e que logo a seguir renegaram" lêse ainda antes de os governantes serem acusados de "afrontar o seu povo que deviam servir e defender os militares e as forças armadas".A Cáritas Portuguesa lança esta quartafeira uma campanha nacional de recolha de roupa cobertores e agasalhos para as crianças refugiadas da Síria "vítimas de um inverno excecionalmente rigoroso e duro" anunciou a organização. A instituição apela aos portugueses "independentemente da sua confissão religiosa" para contribuírem para esta campanha que decorrerá até 25 de fevereiro e pretende responder responde "a uma situação humana dramática". Segundo a Cáritas a campanha pretende "dar expressão ao valor da solidariedade e da cooperação interreligiosa perante uma emergência humanitária como a que atinge a população refugiada síria" refere a Cáritas em comunicado. Visa ainda "mobilizar todos os esforços" com um "objetivo único comum e partilhado": recolher vestuário cobertores mantas e agasalhos para as crianças sírias dos campos de refugiados que estão a sofrer com o frio intenso que já matou várias criança refere a instituição em comunicado. "Como a UNICEF chamava a atenção recentemente esta é a maior emergência dos últimos tempos para as crianças" salienta. A Cáritas lembra que há quase dois milhões de crianças sírias refugiadas em países vizinhos a maior parte no Líbano Jordânia Iraque Turquia e Egito e que "a violência e as deslocações forçadas terão transtornado profundamente a vida de mais de sete milhões de crianças na região". Um estudo da UNICEF realizado em outubro e novembro do ano passado mostrou que cerca de duas mil crianças sírias "estão em risco de morte e necessitam de tratamento imediato para sobreviver". O relatório apontava que as regiões mais afetadas se situam no norte e leste do Líbano onde os casos de "desnutrição severa" duplicaram nos últimos dois anos e alertava que a chegada de mais refugiados e o aumento dos preços da comida poderia conduzir a uma "deterioração rápida". A campanha é lançada em Lisboa numa cerimónia que conta com a presença do presidente da Cáritas Portuguesa Eugénio Fonseca do expresidente da República Jorge Sampaio e com uma plataforma de parceiros designadamente a Comunidade Islâmica de Lisboa a Comunidade Ismaili a Cruz Vermelha a Cruz de Malta a Câmara Municipal de Lisboa entre outras entidades.A chanceler alemã Angela Merkel visitou este sábado o Papa Francisco e durante o encontro fez uma doação em dinheiro para ajudar as crianças refugiadas. O encontro que decorreu na manhã deste sábado no palácio apostólico durou cerca de 40 minutos tempo que a agência de notícias espanhola EFE classifica de "insolitamente prolongado". Durante a tradicional troca de presentes Angela Merkel filha de um pastor luterano e membro da Igreja Evangélica ofereceu ao Papa um envelope com dinheiro e sem nunca especificar qual o valor disse apenas que queria que fosse destinado aos filhos dos refugiados. A chanceler ofereceu ainda um conjunto de discos do compositor alemão protestante Johann Sebastian Bach.O Papa Francisco respondeu em alemão com um "danke" obrigado mas a conversa continuou depois em italiano com a ajuda de um intérprete. Como já é habitual o Papa retribuiu as ofertas com uma medalha do seu pontificado que tem uma imagem de São Martin recordando que este religioso protegia os povos ao que Merkel terá dito que também trabalhava nesse sentido: "Nós também tentamos fazêlo o melhor possível" disse a chanceler.A adesão dos portugueses à campanha lançada pela Cáritas para angariação de vestuário e cobertores para as crianças refugiadas da Síria superou todas as expectativas permitindo recolher 50 a 60 toneladas de agasalhos entre 17 de Fevereiro e a última quartafeira. O presidente da Cáritas Portuguesa Eugénio Fonseca admitiu que a adesão surpreendeu de forma positiva a organização que está agora a tentar encontrar recursos para que toda a roupa" doada chegue aos seus destinatários. Cada diocese está a organizar as suas embalagens de bens doados e a Cáritas auxiliada pelo Exército vai percorrer o país para recolher os agasalhos acumulados. Até serem enviadas para as zonas mais necessitadas as roupas vão permanecer guardadas em dois armazéns do Exército. "Queremos que no fim da próxima semana saia já o primeiro carregamento por via aérea ainda não sabemos se para o Líbano se para a Jordânia porque estamos em contacto o com Alto Comissariado das Nações Unidas para os Refugiados [ACNUR] para saber qual é a prioridade" referiu o presidente da Cáritas Portuguesa. A Cáritas vai suportar os custos de deslocação para que as crianças que segundo um estudo da UNICEF estão em risco de morte e necessitam de tratamento imediato para sobreviver tenham acesso aos bens o mais cedo possível para enfrentarem o Inverno rigoroso deste ano. Os refugiados da Síria concentramse especialmente em países próximos como a Turquia Líbano Jordânia Iraque e Egipto onde se encontram cerca 3 8 milhões de pessoas 95% dos refugiados sírios segundo dados da Amnistia Internacional. Quase dois milhões são menores mas segundo Eugénio Fonseca a violência e as deslocações forçadas terão transtornado profundamente a vida de mais de sete milhões de crianças mesmo que nem todas tenham saído daquele país. A iniciativa da Cáritas Portuguesa decorreu no mesmo mês que Cecilia Wikström eurodeputada liberal sueca denunciou a falta de apoio que a Europa presta aos refugiados sírios. Num artigo publicado no site EUObserver a eurodeputada lamentou que ainda não existam maneiras legais que permitam aos refugiados chegarem à Europa para procurar asilo. Esta situação devese essencialmente ao facto de os pedidos de asilo só poderem ser solicitados quando a pessoa já se encontra no território do país de acolhimento. Em Setembro do ano passado o comissário Europeu para a Migração e Assuntos Internos Dimitris Avramopoulos tentou sem sucesso implementar medidas que dessem às delegações da União Europeia em países terceiros a capacidade de processar pedidos de asilo directamente. A situação já levou António Guterres Altocomissário das Nações Unidas para os Refugiados a considerar o sistema europeu de asilo disfuncional por não conseguir auxiliar os lesados por aquilo que designa a pior crise de refugiados e deslocados desde a II Guerra Mundial. A UNICEF considera que a situação nesses países vizinhos da Síria representa a maior emergência dos últimos tempos para as crianças. No mesmo sentido a Cáritas Portuguesa explica que pretendeu dar expressão ao valor da solidariedade e da cooperação interreligiosa perante uma emergência humanitária como a que atinge a população refugiada síria". No ano passado a agência da ONU para refugiados proporcionou ajuda alimentar a 1 7 milhões de pessoas. Os campos de refugiados do ACNUR acolheram mais de 400 mil pessoas garantindo o acesso à escola de 350 mil crianças.

March

Martin Xuereb and Regina Catrambone with Health Parliamentary Secretary Chris Fearne. Migrant Offshore Aid Station MOAS has donated several items of new medical equipment to Mater Dei Hospital praising hospital staff for the free healthcare shown towards refugees over the years. Parliamentary Secretary for Health Chris Fearne thanked MOAS founder Regina Catrambone and MOAS director retired brigadier Martin Xuereb for the donation and assured them the equipment would be put to good use. A search and rescue charity that assisted some 3000 migrants in the Mediterranean Sea last year MOAS had received a large donation of medical equipment from USbased NGO Medical Bridges some of which could not be utilised on its boat MY Phoenix. MOAS said each contribution showed that many private individuals and organisations wanted to be part of the solution to the humanitarian crisis witnessed in the Mediterranean Sea. The medical equipment donat­ed includes a neonatal resuscitator defibrillator and an infusion pump. MOAS is currently on a mission to raise funds to ensure a beefed up sixmonth presence in the Mediterranean this year to respond to the increase in refugees and the winding down of other rescue missions. Donations are being received on www.moas.eu/donate. Last year 3419 men women and children died while making the dangerous crossing to Europe in unseaworthy boats mostly by drowning or dehydration. To monitor the progress of the vessel and keep up to date with the latest news follow MOAS on twitter @moas_eu and use the hashtag #MOAS to enter discussions about migration.Martin Xuereb and Regina Catrambone with Health Parliamentary Secretary Chris Fearne. Migrant Offshore Aid Station MOAS has donated several items of new medical equipment to Mater Dei Hospital praising hospital staff for the free healthcare shown towards refugees over the years. Parliamentary Secretary for Health Chris Fearne thanked MOAS founder Regina Catrambone and MOAS director retired brigadier Martin Xuereb for the donation and assured them the equipment would be put to good use. A search and rescue charity that assisted some 3000 migrants in the Mediterranean Sea last year MOAS had received a large donation of medical equipment from USbased NGO Medical Bridges some of which could not be utilised on its boat MY Phoenix. MOAS said each contribution showed that many private individuals and organisations wanted to be part of the solution to the humanitarian crisis witnessed in the Mediterranean Sea. The medical equipment donat­ed includes a neonatal resuscitator defibrillator and an infusion pump. MOAS is currently on a mission to raise funds to ensure a beefed up sixmonth presence in the Mediterranean this year to respond to the increase in refugees and the winding down of other rescue missions. Donations are being received on www.moas.eu/donate. Last year 3419 men women and children died while making the dangerous crossing to Europe in unseaworthy boats mostly by drowning or dehydration. To monitor the progress of the vessel and keep up to date with the latest news follow MOAS on twitter @moas_eu and use the hashtag #MOAS to enter discussions about migration.Salvini could emulate other rightwing European leaders and capitalise on growing resentment against immigration especially after recent attacks by Islamic extremists and the influx of migrants brought to Italy by Libyanbased smugglers. Thousands of supporters of Italy’s Northern League have poured into one of Rome’s biggest squares for a rally against immigration the EU and Prime Minister Matteo Renzi’s government.League leader Matteo Salvini accused Renzi of substituting the country’s interests to those of the EU.He also criticised the government’s record in dealing with Romanian truck drivers tax banks and big business.A large counterdemonstration against Salvini was also held in Rome.Opinion polls suggest that Salvini is rapidly gaining in popularity.They show him as being second only to Renzi prompting some to dub him as the other Matteo.The Northern League was once a strong ally of former Prime Minister Silvio Berlusconi but it has sought to find new allies as he struggles to shake off a tax fraud conviction that forced him out of parliament.Salvini’s fiery rhetoric against the European Union immigration and austerity politics had led to comparisons being drawn between him and French National Front leader Marine Le Pen.The counterdemonstration staged by an alliance of leftist parties antiracism campaigners and gay rights groups was held only a few hundred metres from the Northern League rally.Many protested under the banner Never with Salvini.The problem isn’t Renzi Renzi is a pawn Renzi is a dumb slave at the disposal of some nameless person who wants to control all our lives from Brussels Salvini told the rally at the Piazza del Popolo.He told his supporters that the prime minister was the foolish servant of Brussels.Salvini spoke of a different Europe where banks count for less and citizens and small businessmen count for more.I want to change Italy. I want the Italian economy to be able to move forward again something that is obstructed by Brussels and mad European policies he said describing the government’s immigration policies as a disaster.The two protests come just over two months ahead of regional elections in May.Analysts say Salvini could emulate other rightwing European leaders and capitalise on growing resentment against immigration especially after recent attacks by Islamic extremists and the influx of migrants brought to Italy by Libyanbased smugglers.African migrants are seen in a room at the Alkarareem immigration centre in the eastern Libyan town of Misurata in yesterday. Italy will begin annual naval exercises this week near the coast of Libya where a breakdown in order has allowed tens of thousands of migrants to try to reach Europe by boat and increased fears of attacks by Islamist militants. The navy said in a statement that the exercises known as Mare Aperto Open Sea would begin today. The exercises were suspended last year because of the searchandrescue mission dubbed Mare Nostrum which was set up after hundreds of migrants were drowned off the southern island of Lampedusa. Mare Nostrum has now ended and been replaced by a more limited European Union mission known as Triton. Admiral Pierpaolo Ribuffo the officer in command of exercises said the operation was not directly connected with the crisis in Libya where Italian energy group Eni has significant offshore oil platforms and other assets. But he said the presence of naval vessels in the area could help improve security. Press reports state Islamic State militants can reach Italy on migrant boats We’re training our ships and our men that’s all. Our activity has nothing to do with other scenarios he told Italian news agency Ansa in comments that were subsequently released by the navy. Obviously the presence of ships at sea also means security deterrence and dissuasion he said. But that’s normal it’s like police patrolling the streets. Italy whose southern islands are only around 300 kilometres from the Libyan coast has led calls for a global diplomatic push to stabilise Libya where two rival governments are fighting for control and where Islamist militants have gained a growing foothold. It has also offered help in training a regular Libyan army but has ruled out any peacekeeping mission for the moment. People lay out plates of food prepared for African migrants at the Alkarareem immigration centre in Misurata Libya yesterday. Photos: Reuters Concern over attacks on targets in Italy has been heightened by video messages from groups associating themselves with the Islamic State movement stating that Rome was a target and by press reports that militants could reach Italy on migrant boats. Officials have said that Italy like other Western countries faces a general risk but there has been no indication of any concrete threat and no evidence of violent militants among migrants most of whom are from Africa or Syria. Worries over a domestic threat were underlined by a report of a 64page document in Italian inviting Muslims to help the Caliphate that will conquer Constantinople and Rome the two centres of Medieval Christianity. The document was first reported on an Italian news website called Wikilao which said it had been circulating on jihadist websites. The alarmist report was picked up by several Italian newspapers and television stations yesterday but there was no immediate confirmation by the Italian officials. Meanwhile an aircraft from Libyan forces controlling Tripoli crashed near the Tunisian border and may have been shot down Tunisia’s state news agency TAP has reported . The aircraft went down five kilometers from the frontier inside Libya TAP said but did not provide any further details. Libya is embroiled in a battle between two rival governments and their armed forces; one an internationally recognised administration operating out of the east of the country and the other a faction that took over the capital Tripoli in the summer.A 12month EUfunded project by SOS Malta Side by Side allowed foreigners living in Malta to speak directly about their experience – precisely the kind of perspective that the mainstream media model in Malta lacks according to Sammut. The Maltese media landscape is pluralistic in its approach to migration but it needs to become less polarised and more inclusive of migrant perspectives media analyst Carmen Sammut said yesterday.Sammut was speaking at the ‘Humanities on Migration’ conference organised by the Faculty of Arts at the University of Malta which aimed to present a perspective on migration that moves away from typical – and usually political or economic – discussions of the phenomenon.During her talk entitled ‘Immigration News in Receiving Countries: The Case of Malta’ Sammut – a lecturer at the International Relations department of the University of Malta – argued that the Maltese media landscape does present a varied ideological perspective. However when it comes to migration media outlets tend to comment on migration without providing space for migrants to voice their own concerns in their own words.Sometimes we get to hear from Malta’s Imam – it helps that he speaks fluent Maltese – but when it comes to ethnic diversity in Maltese media it tends to stop there Sammut said citing the shortlived experiment of the 201314 publication Side by Side as an example of how this deficit can be tackled.A 12month EUfunded project by SOS Malta Side by Side allowed foreigners living in Malta to speak directly about their experience – precisely the kind of perspective that the mainstream media model in Malta lacks according to Sammut.Sammut said that generally speaking media outlets can serve as agendasetters especially when politicians do not take a clear stance on any given issue noting that migration is a case in point. It was only during the 2008 elections that politicians stopped walking on eggshells when it came to migration and to some extent they still do. Sammut contends that this lacuna in political discourse allows the media to underline public discourse more prominently.Basing her research on interviews conducted with journalists from various Maltese media organisations during the 200608 period Sammut also identified a clear rift between English language newspapers and their Malteselanguage counterparts.Englishlanguage media tend to take the ‘human rights position’ on migration while Maltese newspapers tend to overemphasise its economic and securityrelated aspects Sammut said. However she also noted some key – and telling – developments within individual organsations on this issue.For example the General Workers’ Union print organ lorizzont shifted towards a more tolerant attitude in recent years according to Sammut: from running alarmist stories about migrant prostitutes introducing diseases to the country and migrants smuggling homemade weapons into the country Sammut noted how the publication has since shown itself to be supportive of migrant workers’ rights.She also came across individual examples that belied the apparently monolithic structures of local media institutions. One journalist employed with a political newspaper told Sammut that he was discouraged from espousing his racist views in print since this would compromise the paper’s political message.Another journalist who had footage of AFM soldiers beating migrants at an open centre fought to get the story published despite conflicting editorial interests. However the journalist confessed to Sammut that while he had no problem passing the footage on to Amnesty International he stopped short of selling it to an Italian news organisation fearing the impact it would have on Malta’s reputation abroad.Another interviewee said they were sympathetic to migration but were also mindful of the fact that the readership may not be in line with their stance warning that news outlets will lose their viability if they don’t respond to public anxieties for a sustained period of time. However Sammut pointed out that by playing to populist fears the media can give way to moral panics as she sees happening right now in relation to the ISIS threat.Italy's Coast Guard is taking nearly 1000 migrants to southern ports from several different boat rescues but 10 migrants died at sea. The Coast Guard said its vessels and three cargo ships south of Sicily rescued 941 people in seven separate operations that began a day earlier. The migrants had been aboard five motorised dinghies and two larger vessels. One of the migrant boats capsized. Hundreds and sometimes thousands of migrants fleeing conflicts or poverty reach Italy each week on smugglers' boats setting sail from Libya. The Coast Guard said the migrants claimed to be Syrians Palestinians Libyans Tunisians or from subSaharan Africa.The Italian coast guard ship was already carrying 318 migrants rescued in a previous mission on Tuesday At least 10 migrants died when their rubber boat overturned in the southern Mediterranean while hundreds more from that vessel and another were rescued Italian and Tunisian authorities said on Wednesday.Reuters said that the Italian coast guard said in a statement that one of its ships in the area had managed to rescue most of about 130 people on a boat that capsized on Tuesday some 50 miles north of Libya. Ten bodies were recovered.Tunisian naval forces rescued all 81 migrants onboard after their boat started taking on water off near the Tunisian island of Djerba on Tuesday night the country's defence ministry said.The Italian coast guard ship was already carrying 318 migrants rescued in a previous mission on Tuesday and is now heading to a Sicilian port the coast guard said.Seven separate missions in a 24hour period had rescued a total of 941 migrants including 30 children and 50 women one of them pregnant it added.At least 10 North African migrants died when their rubber boat overturned in the southern Mediterranean while hundreds more from that vessel and another were rescued Italian and Tunisian authorities said on Wednesday.The Italian coast guard said in a statement that one of its ships in the area had managed to rescue most of about 130 people on a boat that capsized on Tuesday some 50 miles north of Libya. Ten bodies were recovered.Tunisian naval forces rescued all 81 migrants onboard after their boat started taking on water off near the Tunisian island of Djerba on Tuesday night the country's defence ministry said.Last month more than 300 people died in a oneweek period trying to cross the sea from Africa to Italy whose southern island of Lampedusa is just 113 km 70 miles from TunisiaMost of the boats leave from Libya which is in a state of nearanarchy and where smugglers charge up to $ 2000 for the crossing.The Italian coast guard ship was already carrying 318 migrants rescued in a previous mission on Tuesday and is now heading to a Sicilian port the coast guard said.Seven separate missions in a 24hour period had rescued a total of 941 migrants including 30 children and 50 women one of them pregnant it added.Italy ended its largescale searchandrescue mission Mare Nostrum last year because of the cost and amid criticism from some who said it merely encouraged people to make the crossing.It has been replaced by an EU border control mission Triton that does not have a specific searchandrescue mandate and which has fewer ships and a much smaller area of operation hugging tightly to the Italian coast.  The U.N. refugee organisation UNHCR says at least 218000 migrants crossed the Mediterranean by boat in 2014 and 3500 lives were lost.Rescued migrants wait to disembark from an Italian Coastguard vessel in Porto Empedocle Sicily southern Italy after a dramatic sea rescue north of Libya yesterday. Photo: AP In a dramatic sea rescue north of Libya a flotilla of rescue ships saved nearly 1000 migrants and refugees while 10 migrants perished in the southern Medi­terranean Italian officials said yesterday. The rescue vessels including from Italy’s coast guard and navy and three cargo ships saved 941 people in seven separate operations that began on Tuesday Italy’s coast guard said yesterday. The survivors were being ferried to southern Italian ports. The migrants had been aboard five motorised dinghies and two larger vessels. One of the larger boats capsized and 10 bodies were spotted or plucked from the sea. For months now hundreds and sometimes thousands of migrants fleeing conflicts or poverty have been reaching Italy practically weekly on smugglers’ boats setting sail from bases in Libya. This year’s pace has seen a sharp rise from 2014’s already staggering count of 170000 migrants and asylum seekers rescued at sea by Italy’s coast guard navy and other vessels including cargo boats pressed into humanitarian service. This unexplainable European indifference that leads us to tally yet again victims of the Mediterranean According to interior ministry figures 7882 migrants arrived on Italian coasts in the first two months of this year compared with 5506 in that period in 2014. The coast guard said the migrants saved in the latest rescues claimed to be Syrians Palestinians Libyans Tunisians or from subSaharan Africa. More than 30 children were among those rescued and one of the 50 pregnant women aboard was urgently evacuated for medical reasons by a coast guard motorboat based at the tiny Italian island of Lampedusa. One of the first alarms went out from a tug deployed at offshore oil platforms and the tug also joined in the rescue operations about 80 kilometres north of Libya the coast guard said. For years Italy has been appealing to the European Union to help with the rescues with ships aircraft or funding. It points out that most of those rescued intend to reach relatives or jobs in other European countries. This year an EU patrol mission known as Triton replaced Italy’s Mare Nostrum air and sea mission that had saved tens of thousands of lives. But Triton is more limited geographically patrolling only EU countries’ waters while the Italians had carried out rescues off Libya’s coast where many of the unseaworthy overcrowded vessels founder. The EU’s smallerscaled mission is fodder for rightwing Italian politicians including Matteo Salvini the leader of the antiimmigrant antiEurope Northern League party. An Italian navy vessel detailed to Triton was among the rescue vessels yesterday. Ten more dead and 900 clandestine migrants ready to disembark Salvini said. In Rome and in Brussels there are full pockets and hands stained with blood. Government politicians also demanded the EU do more. Khalid Chaouki from premier Matteo Renzi’s Democratic Party lamented this unexplainable European indifference that leads us to tally yet again victims of the Mediterranean. In Brussels migration commissioner Dimitris Avramopoulos told reporters that the latest sea drama reminds us once again that migration challenges will not just go away. Now more than ever we need a comprehensive and longterm strategy. He spoke after a commission orientation debate on the EU’s new migration policy. Italian officials have expressed concern that militants could mingle among migrants setting sail from Libya where Islamic State has gained a foothold in that northern African country’s chaotic political and social situation.PM Joseph Muscat called for support from all EU members to address migration particularly in light of the conflict in Libya Prime Minister Joseph Muscat has warned that if countries on the front lines of Europe's migration issues were ignored the Mediterranean and Europe as a whole would suffer huge repercussions as a result.Muscat was speaking at the UNESCO conference on migration in Paris earlier today.Some 14000 migrants had been rescued by the Maltese navy over the years he said paying tribute to the men and women who risked their lives to rescue those in danger at sea.The instability in Libya was causing many more to attempt the Mediterranean crossing in 'daunting' numbers. "Desperation makes the unimagineable happen" he said."We have made numerous calls to our EU partners. It is a European problem. We have a moral obligation. We must act now and not tomorrow" Muscat said. The status quo he maintained is not an option and it is only through the cooperation of the EU members that a solution can be found.He urged a swift response to the influx of migrants escaping war violence and persecution a stark contrast from the economic migration Europe was subject to in the past.Options for an EU presence and contribution to security measures discussed The European Union is in talks with the United Nations hoping to bolster security in Libya in the event that U.N. backed peace talks succeed the EU's foreign policy head announced today.Talks between Libya's warring factions were held on Thursday in an effort to bring an end to the conflict between the country’s two rival governments and which threatens to plunge the country into fullblown civil war.The EU has a naval presence patrolling the Mediterranean tasked with assisting in the rescue of migrants fleeing the conflict –ridden African continent. But European Union Foreign Policy Chief Federica Mogherini said this presence could do more."We discussed different options for an EU presence different ways in which the EU can support the operation also through security measures. This could mean also some naval presence" Mogherini told a news conference after talks were held between EU foreign ministers in Latvia.The EU is known to have been discussing the possibility of NATO carrying out inspections of vessels in the Mediterranean to reinforce an arms embargo.In addition to reinforcing its Mediterranean naval rescue operation EU was looking at options for strengthening security on its southernmost border."There are operations for preventing terrorist threats and the Italian navy is doing its work and a lot depends from the success of the negotiations in Libya" said Italian Foreign Minister Paolo Gentiloni.Mogherini had said that an EU team could be tasked with monitoring a potential Libyan ceasefire and could also protect basic infrastructure.The EU's discussions follow pressure from southern EU states led by France and Italy who are calling on the EU to take action to prevent Islamist militants from strengthening their position in Libya as well as to stem the flow of migrants reaching Europe from Libya.Children's charity Save the Children has released an interview with a migrant child who recounted the harrowing journey from Somalia to Italy. It's a journey close to 8000 people have made this year crossing the Mediterranean heading to Italy. The 16yearold boy told Save the Children that he witnessed fellow migrants pushed overboard by traffickers because they were ill and weak. Many were children. Italy ended its largescale searchandrescue mission last year because of the cost and amid criticism that it encouraged people to attempt the journey. So far this year the influx of migrants in Italy is up 43 percent.Miriam Dalli warns EU of 'serious consequences' if they continue to ignore the plight of Mediterranean countries facing mass migration from Libya Labour MEP Miriam Dalli has called for the setting up of a Europeanwide diplomatic taskforce to deal with the Libyan conflict.This taskforce she said should report directly to the European Commission’ vicepresident Federica Mogherini.We need to have preventive measures in place which can lead to the stabilization of the current situation Dalli told a plenary session at Strasbourg. This has to be done through propper planning and commitment. Meanwhile we also need to to work as hard as we can to see the creation of a Libyan national unity government.She insisted that ending the current instability in Libya was crucial to future stability in the Mediterranean and the European Union. She also warned that the Libyan conflict is leading thousands of migrants to cross the Mediterranean and that Europe will suffer serious consequences if they continue to ignore the Mediterranean countries who experience such migration issues firsthand.You cannot keep ignoring this situation and permitting this stalemate in Libya and the Mediterranean Dalli said. I expect that the European Union walks its talk and puts solidarity into practice Dalli insisted.The Marsa Open Centre can house up to 500 residents. Picture: Matthew Mirabelli. The mayor of Marsa is up in arms over the government’s decision to reduce the size of his council by two members and slash its budget by € 20000 saying this does not take the migrants’ open centre into consideration. Francis Debono and the council’s executive secretary Adrian Attard have filed a judicial letter of protest over the matter. The council has been reduced from seven to five members and its financial allocation by € 20000 to € 464000. The government’s decision was based on a statistical drop in the number of residents in the locality. But Mr Debono holds that the authorities disregarded the fact that Marsa has an open centre housing mig­rants who use the council’s services. This decision does not make sense. The open centre can take up to 500 people and they are using the locality’s services despite not being officially registered as Marsa residents he said describing the decision as unfair. Our locality has this particular situation and the authorities have completely disregarded it Mr Debono said when contacted. Marsa is due to elect a new council in the April 11 elections.Police raids across Greece have smashed an international people trafficking ring that made $ 8 million in profit from smuggling Syrian migrants into Europe and 16 suspects were arrested officials said. The operation served to "reinforce our actions against...the ruthless criminals who facilitate irregular migration to Europe through the Mediterranean Sea" said Dimitris Avramopoulos European Union Commissioner for Migration and Home Affairs. "We are confronted with an unprecedented increase in people embarking on dangerous journeys to escape wars" he told reporters in The Hague alluding in part to Syria's civil war which has displaced about half the country's population. Rob Wainwright chief of the European police organisation Europol said Greek authorities backed by the Netherlandsbased Europol dismantled the gang in a twoday sweep last week the first by a new Europol task force dealing with maritime crime. He said police staged 20 raids across Greece arresting 16 suspects including Syrian Iraqi Egyptian and Romanian nationals and seizing 280 passports dozens of mobile phones computers vehicles and 64000 euros $ 68000 in cash. In 2014 more than 220000 migrants entered Europe compared to 60000 a year earlier and more than 4000 have died since 2013 attempting the sea crossing Wainwright said at a media briefing in The Hague. He said the gang had smuggled 350 people mostly Syrians by boat to the Greek islands of Kos and Rhodes charging as much as 9000 euros $ 9500 per person Europol said. The EU's executive Commission is drafting a new immigration policy due to be adopted in May that would offer expanded opportunities for legal migration as a way of reducing a wave of illegal migrants from the Middle East and Africa. The new Europol task force will bring together leading intelligence experts from European countries most affected by illegal migration. Working in The Hague they will share key data and coordinate actions against human traffickersEuropol intelligence shows that organised criminal groups are actively facilitating the transport of these irregular migrants across the Mediterranean. The same groups have also been linked to human trafficking drugs firearms and terrorism. EU police group Europol has launched Joint Operational Team JOT Mare in a bid to fight organised criminal groups facilitating the sea crossings of migrants across the Mediterannean Sea to the EU.The intelligenceled JOT Mare is set to combine Europol's unique intelligence resources and Member States' capabilities to carry out coordinated and intelligencedriven actions against facilitators and smugglers.As well as ensuring an intensified exchange of intelligence with Frontex and close cooperation with Interpol national experts seconded to JOT Mare will facilitate the necessary cooperation between Europol and the services of the participating EU Member States Europol said.The influx of migrants via the Mediterranean Sea has been exponentially rising with 220000 migrants crossing in 2014 embarking on very risky journeys.Europol intelligence shows that organised criminal groups are actively facilitating the transport of these irregular migrants across the Mediterranean. The same groups have also been linked to human trafficking drugs firearms and terrorism.The migrants are exploited by the criminal groups who give them false promises and set them out to sea on vessels that jeopardise their lives. More than 3000 people drowned in the Mediterranean en route to Europe in 2014 and there have been 1000 deaths in 2015 alone.The tragedies we have seen at sea involving migrants requires prompt and coordinated action at EU level. The launch of JOT Mare could not be more timely. Europol and our partners attach great importance to the fight against criminal groups facilitating illegal migration and will combine all available resources to provide a proactive law enforcement response Europol director Rob Wainwright said.Described as proactive law enforcement the response would build on Europol's capabilities identifying concrete investigative leads and supporting Member States in initiating new investigations. As well as collating and distributing appropriate intelligence the data on the organised criminal groups will be analysed from which specialised intelligence reports will be produced.I am very pleased to be able to personally witness the official launch of this very important initiative. This dedicated maritime intelligence centre hosted and supported by Europol has great potential: it will reinforce our actions against people smugglers; against the ruthless criminals who facilitate irregular migration to Europe through the Mediterranean Sea Home Affairs Commissioner Dimitris Avramopoulos said.We will continue to encourage close cooperation among all national and European stakeholders in order to pursue further our common objectives and to deliver concrete results.African migrants at the Alkarareem immigration centre in the east of Misurata. An official at the migrant centre in Misurata has warned of a looming disaster because of a lack of funds and infrastructure to care for the people travelling from across Afr With migration across the Mediterranean surging the European Union’s largest border operation is bracing for a record year of arrivals by sea especially as summer brings calm waters between Italy and Libya. Off the eastern coast of Sicily the 18member crew of the Icelandic coast guard vessel Tyr – named after a Nordic god of war – are conducting rescue drills in seas more familiar in Greek mythology preparing for the worst. Though the United Nations refugee agency has criticised the mission known as Triton because its mandate is not search and rescue but border control with patrols near the Italian coast the EU border agency Frontex says it is saving lives. We participate in a lot of search and rescue operations that take place far from the Italian shore usually about 40 nautical miles north of Libya Frontex spokeswoman Ewa Moncure told Reuters on the bridge of the Tyr yesterday. Italy citing cost concerns discontinued its much larger Mare Nostrum searchandrescue mission in November when Triton began. Since then Italy has continued to supervise the retrieval of 200 boats carrying almost 25000 migrants with Triton vessels helping in about a third of the rescues. About 170000 entered the EU through Italy last year by way of the dangerous sea crossing organised by human traffickers mostly in Libya while more than 3000 perished. During the first two months of this year arrivals were up 43 per cent versus the same period of 2014. We’ve already recorded 600 deaths on the Mediterranean this year compared to 100 this time last year International Organisation for Migration spokesman Joel Millman has told reporters in Geneva. But Frontex will have fewer resources for a bigger job. The Triton monthly budget is € 2. 9 million a third of Mare Nostrum’s. The Tyr is one of Triton’s two large vessels made for sailing the open sea whereas Mare Nostrum had five including one with a wet dock and room to shelter thousands of migrants. The governments of southern EU countries – including Italy Malta Greece and Spain – have repeatedly criticised the failure of the 28nation bloc to devote more attention and resources to the growing immigration crisis. To increase solidarity the European Commission has said it will present a migration agenda in May when good weather is expected to boost the flow of migrants and refugees many of whom are fleeing civil war in Syria or forced military conscription in Eritrea.The fund will finance returns of migrants to their country of origin assist in migrant integration and help provide migrants with accomodation food and medical care The European Commission has approved Malta’s € 17 million Asylum Migration and Integration Fund for the financial period between 2014 and 2020.In a statement the government said that that this fund will improve the capacity of the Office of the Commissioner for Refugees finance voluntary and forced returns of migrants to their country of origin and assist in the integration of thirdcountry migrants living in Malta.It will also help provide migrants with adequate accommodation food and medical care.The € 17178877 million obtained will continue to build on the various actions that are currently being implemented under the current funds envisaged to be completed by June 2015 EU Funds Parliamentary Secretary Ian Borg said.The European Commission has approved Malta’s € 17 million National Programme Asylum Migration and Integration Fund for 20142020. The fund will be used to improve the capacity of the Office of the Commissioner for Refugees and finance voluntary and forced return actions the parliamentary secretariat for EU funds said. Funds will also be used to promote cooperation with migrants' countries of origin; to improve the return procedures; assist in the integration of migrants in Malta and provide them with accommodation food and medical care. Parliamentary Secretary Ian Borg said that € 17178877 million obtained will therefore continue to build on the various actions which are currently being implemented under the current funds envisaged to be completed by June 2015.European Commissioner for Migration Home Affairs and Citizenship Dimitris Avramopoulos will be visiting the EASO Headquarters in Malta The European Commissioner for Migration Home Affairs and Citizenship Dimitris Avramopoulos will be visiting the EASO Headquarters in Malta on Thursday 26 March.Avramopoulos and EASO director Dr Robert Visser will present the findings of two EASO actions conducted within the framework of the Task Force Mediterranean: the pilot project on information gathering in Malta and Italy on the phenomenon of facilitation of irregular migrants and the EASO pilot project on joint processing activities in the field of asylum.The longterm solution to irregular migration is a common asylum policy through which there would be a legal guarantee of solidarity across all EU member stations EU Commissioner for Migration and Home Affairs Dimitris Avaramopoulos said this afternoon. Mr Avaramopoulos was speaking at the end of a short visit to Malta in which he had very fruitful talks with the Maltese government mainly on security issues and irregular migration. The EU Commissioner was commenting during a joint news conference with Home Affairs Minister Carmelo Abela at the MIA VIP lounge. On his part Mr Abela said the assurances given by the Commission that Malta would not be left alone to face irregular migration boded well. He also welcomed the news that Malta was set to receive some € 17. 7 million from Brussels on a number of migrationrelated projects. Addressing another news conference at the European Asylum Support Office in Marsa this morning the Commissioner said that solidarity with Malta on irregular migration must no longer remain a slogan but translate itself in action. Malta is not alone. The whole Europe is standing by Malta in order to face and address this issue in a more efficient way he said. The European Commissioner was reacting to a question from Times of Malta on the fact that the level of EU support in recent years has been below expectations in spite of all the pledges made by his predecessors. Mr Avaramopoulos acknowledged that in the past the EU as a whole had not given sufficient support to Malta. However he said that the purpose of his visit was to convey the message that this is changing and promised to lobby for support in other member states. Meanwhile EASO executive director Robert Wisser announced the successful completion of a pilot study aimed at extracting anonymous data from the information provided by asylum seekers on the routes taken and the conditions they experienced on their way to Europe. The study was conducted in Malta and Italy in collaborations with EU border agency Frontex Europol and Eurojust. Though the findings will be published at a later stage Dr Wisser said that in some cases the point of departure of their voyage was as far as Bangladesh or South Africa. Asked about the sums paid by migrants he said that these could vary between € 1500 and € 6000 each. He said the project would help to draft a longterm strategic analysis to step up the fight against criminal organisations running these illegal trips. On his part Commissioner Avramopoulos remarked that in some cases these criminal organisations were more equipped than certain states. MEETING WITH PRIME MINISTER In a meeting with Prime Minister Joseph Muscat the commissioner warned that the EU could not afford to let Libya collapse as this would have serious security repercussions and aggravate irregular migration. On his part Dr Muscat said that migration needed to be discussed in the context of security and peace in Libya. He added that the commitment taken in the last EU Council meeting to support UN initiatives for a diplomatic solution in Libya was the strongest commitment by Europa so far.EU Migration Commissioner admits to previous lack of migration support to Malta • Home Affairs Minister says Malta could ‘seriously consider’ proposal for North African asylum centres • PM says immigration problems linked to Libyan conflict 'Malta is not alone in tackling migration' Migration Commissioner The European Union will "stand by Malta's side" to address the worsening problem of irregular migration European Migration Commissioner Dimitris Avramopoulos said."The EU hasn't supported Malta as much as it should have done" Avramopoulos admitted during a visit to the European Asylum Support Office in Valletta."However we have now realized that we must show more solidarity with Malta on this issue. Malta is located in a very sensitive and unstable zone and EU solidarity must no longer be used as a slogan but become concrete action."He pointed out that EU states received 620000 asylum applications in 2014 what he called a "striking" 44% increase over the previous year.Avramopolous visited Malta to discuss two EASO pilot projects: one on the routes taken and conditions faced by asylum seekers en route to Europe and another on joint asylum processing among EU member states.The study's findings are not yet available but EASO executive director Robert Visser said that they revealed a vast "industry" of human trafficking reaching as far as Bangladesh and South Africa. He said that smugglers charge migrants as much as € 1500 for short trips and up to € 6000 for long trips."It's a humanitarian crisis but we cannot deny that criminals are behind it" Visser said.Avramopolous called for enhanced cooperation between the EU and third countries."The criminals are based in third countries so such cooperation is crucial" Avramopolous said. "Some smugglers are more wellequipped than some thirdcountry states. It is a very ugly problem but the EU has the will and the institutions to counter it."Home Affairs Minister Carmelo Abela said that Malta would seriously consider an Italian nonpaper to set up asylum processing centres in North Africa if it were to make its way to the European Commission’s agenda.The proposal suggests the setting up of reception centres across North Africa to vet asylum seekers en route to Europe. Those judged to be legitimate asylum seekers would be allowed to undergo the asylum process with the European country they wished to reside in while those deemed otherwise would be returned to their countries of origin.A lot of rumours have been spreading Avramopolous said of the nonpaper. However no formal proposals have been submitted to the Commission and I cannot speak of something that is still unofficial.He added that the European Commission’s narrative on migration solutions has shifted from one focused on burden sharing to one focused on shared responsibility.Migration has become a panEuropean issue and I’m very optimistic at how the EU attitude towards it has changed Avramopolous said. I am confident that Malta will feel the difference.In a meeting with the Commissioner Prime Minister Joseph Muscat warned that migration issues must be seen in the context of the ongoing Libyan crisis."We are pleased that the EU council has taken a strong stance in attempting to find a solution for the Libyan crisis" Muscat said. "However too many cooks spoil the broth and the EU should stand behind the UN's attempts at brokering a political deal to the conflict while being ready to employ all its instruments including its common foreign security policy."Avramopoulos reiterated his description of Malta as being in a zone of instability stretching from Tunisia to Ukraine.Greece shares the same migration symptoms as Malta and my ontheground experience will play an important role in my tenure as European Commissioner he said.The President of the European Council Donald Tusk and Prime Minister Joseph Muscat this morning discussed the EU response to migration and the situation in Libya in an hourlong meeting at the Auberge de Castille in Valletta. Both leaders stressed that the EU needed to be unified in its response and both called on the parties in Libya to reach agreement on a national government as soon as possible. When he spoke on migration the EU president said the EU had a duty to help migrants in distress but "We cannot open our doors to everyone". At the opening of the press conference Dr Muscat said Mr Tusk’s visit confirmed his commitment to the region and that the situation was of concern to the whole European community. He said they had discussed how they felt the situation would develop in the Mediterranean in the next few months and how the situation might change with the formation of a national or partialunity government in Libya. Europe he said was examining all possible scenarios and it would use all possible instruments available to it including the Common Security and Defence Policy to take the necessary action as required. Malta he said believed any action should be under the auspices of the United Nation. Any reaction he said should be a European reaction and not the reaction of a single European state. Mr Tusk said he was seeking a strong and united European response to the instability of the region. Only in that way could they tackle poverty and failing state structures irregular migration and terrorism. The EU he said needed to come up with new creative solutions rather than old proposals which were illusions. He was here to listen learn and discuss what more the EU could do for its southern neighbourhood. The EU had a responsibility to help migrants in danger but it was also important to have security and stability of member states. We cannot open our doors to everyone he said and action was needed so migrants did not need to leave their countries. Also important he said was the increased threat of terrorism in the Mediterranean. The EU must stay ready to help the Libyan people and he was urging all parties to quickly agree on a unity government and a ceasefire. He said his talks with Dr Muscat were useful and he would followup his talks in Spain and Italy. Replying to questions about Italy possibly imposing a blockade of Libya he said he understood Italy’s position. One had to consider all possible solutions and he was prepared to discuss this initiative with Italy in the coming days. Dr Muscat said it was premature to call this an intervention. This was a structured exercise which was not military intervention. There was no attack or boots on the ground. What was happening had to be seen in the context of the evident failure of Operation Triton to live up to expectations on the migration issue and Italy like Malta did not want to be caught unware of what might happen in the future. All intelligence as well as experience showed that instability led to increased migration flowsEuropean Council president Donald Tusk says EU must come up with ‘creative solutions’ says the Union ‘can’t open its doors to everyone’ Prime Minister European Council president address joint press conference • Video by Ray Attard While on a very short visit to Malta the president of the European Council Donald Tusk reiterated that the formation of a government of national unity remained the only solution for neighbouring Libya.While talks led by the UN envoy Bernardino Leon are still underway in a bid to bring the warring factions together the EU leaders have agreed to provide Libya with the necessary support once such a government is formed.Meanwhile the EU will continue to give its support to the United Nations in its plan to end the 10month conflict in Libya.My interlocutors in Washington and European capitals have all excluded military intervention Tusk said adding that the EU must generate a united response to the instability in the Mediterranean.Urging Libya to come together in a unity government he said that the European Union must stand ready to help the Libyans in their transition.Tusk insisted that only a united Europe can help fight the root causes and handle the consequences of terrorism and migration adding that the EU leaders have committed to help end the human tragedy."What is less clear is how we can help" Tusk said of the ongoing crisis in Libya. "We have to come up with creative solutions. I am here to listen and to learn on what the EU can do for the southern neighborhood."Tusk stressed that a solution had to be permanent.He said the EU had to help migrants in their dangerous crossings but the security of member states was more important. "We cannot open our doors to everyone and therefore we have to avoid their departure in the first place" Tusk said.This is the first time Tusk is visiting Malta since his appointment as President of the European Council. He landed in Malta shortly before noon and was escorted directly to Auberge de Castille.Present for a one hour meeting with Muscat were deputy prime minister Louis Grech foreign affairs minister George Vella and the prime minister's chief of staff Keith Schembri.Addressing the media Muscat described Tusk’s visit as a commitment by the European Council to address the situation in the Mediterranean.He said that the EU had to treat the conflicts in its east and south regions equally: This is not a competition between which conflict is the worst.Muscat said Malta remained hopeful that Libya forms a government of national unity which would by followed by a resolution of the United Nations Security Council and a request by Libya for Europe to intervene.Any calls for some sort of unilateral military action will not do any good Muscat insisted.Italy has meanwhile launched operation Mare Sicuro – Safe Seas ending a naval fleet to monitor the Libyan coast and protect Italian shipping and oil rigs from jihadi attacks. According to Italian media the mission will likely involve a landing helicopter dock vessel two FREMMclass frigates a patrol vessel and Predator UAVs. A contingent of marines will join the mission and use highspeed craft to intercept and board suspicious shipping.Asked whether the EU would be ready to support Italy in its mission Tusk was noncommittal explaining that it was the initiative of Italy.Adding that he was ready to discuss this initiative with [Italian Premier] Matteo Renzi Tusk said he was more focused on the proposals which the EU High Representative Federica Mogherini was set to put forward to help a unity government in Libya.Muscat added that it would be premature to call it an intervention. He said the mission operated in a strategic manner should be viewed in the context of ceased operation Mare Nostrum and the failure of Frontex joint operation Triton in replacing the Italian mission.Italians do not want to be caught unaware … I don’t want to be alarmist on the number of migrants crossing but all intelligence information points towards increased flows pushed by the instability in Libya Muscat said.Tusk added that Italy was not interested in a military intervention in Libya.‘Mos Maiorum’ saw over 20000 police officers staking out border crossings railway stations bus depots and highways throughout Europe effecting a total of 19234 arrests of undocumented migrants. The EU’s border agency Frontex described a 14day operation between EU law enforcement agencies as a success after thousands of arrests of undocumented migrants and overstayers at EU points of entry and shared borders offered an insight into human trafficking trends.‘Mos Maiorum’ saw over 20000 police officers staking out border crossings railway stations bus depots and highways throughout Europe effecting a total of 19234 arrests of undocumented migrants.In Malta 35 were made; the larger share 5954 occurred in Italy by its navy at sea. Over 14300 were men while 2721 were minors and 2116 were women. The most common nationals over 5000 were Syrians fleeing the civil war followed by Afghans 1466 Kosovar Serbians 1227 Eritreans and Somalis.The operation the brainchild of the Italian presidency of the European Council captured the attention of the mass media and NGOs that said the operation was targeting migrants with an intention to deport them.Its aims were to target the criminal networks that facilitate irregular migration and to monitor the most used routes followed by them Frontex said.The analysis of the operation’s findings and arrests has perhaps only determined the obvious: that the end of Italy’s naval mission Mare Nostrum prompted a disproportionate increase of irregular migration in the central Mediterranean in 2014. Over 86% of migrants in the region were rescued by Italian naval assets.This trend increased rapidly during the second and third quarters of 2014. By the end of October more than 150000 irregular migrants were reported in the region targeting Italy. The figures for the whole region are about five times higher than in the same period of 2013 including detections by Malta for which Operation MN caused a reduction in the number of irregular migrants arriving on the island – about 659 arrivals during 2014 compared to the 2090 arrivals reported during 2013 – which is roughly 60% fewer than last year.In 2014 Libya has clearly become the main departure point to the EU for tens of thousands of irregular migrants mainly from Syria Eritrea Mali Nigeria Gambia and many other subSaharan Middle Eastern and Asian countries. All together more than 53 different nationalities have been identified Frontex said.Last year Italian Navy ships patrolled close to the Libyan coast to help migrant boats but the Italian patrols were replaced a few months ago by the EU’s Operation Triton whose mandate is to venture no farther than 30 miles from the Italian coast. Meanwhile the number of boat people continues to soar up 43% in the first two months of 2015 compared with a year earlier.But the EU agency said Operation Mare Nostrum patrolling closer to the Libyan coast with the aim of preventing the loss of migrants’ lives had been exploited by smugglers in Libya pushing an increasing number of migrants to depart in unseaworthy vessels.The EU’s limited patrols means that coast guard authorities are likely to call on mercantile vessels more often. We have become part of a rentavessel programme because countries can’t get their act together Luca Sisto a senior official at the Italian shipping lobby Confitarma told the Wall Street Journal earlier this week.The reception of Syrian migrants at the Libyan border in Ghadames is wellorganised: trucks are already standing by to carry them to Zuwarah. As the border is closed they cross the border on foot although the border guards are easily bribed some migrants claim Frontex said.A similar pattern was described by Eritrean migrants who mentioned that the trilateral border of LibyaEgyptSudan is a common rally point where Sudanese facilitators hand over migrants to their Libyan counterparts. The facilitation of Eritrean nationals appears to be very wellorganised from their country of origin to EU destination countries. Several migrants mentioned that the facilitators operating in Catania and Milan are linked to the networks in Libya Turkey or Egypt.In many cases migrants have to stay in safe houses for certain periods of time which can vary from a few days to a few weeks. The reason why migrants have to wait is to give facilitators the time to gather enough migrants together as they intend to use the boats to more than their full capacity by overloading them in this way maximising the financial gain.In 2014 there has been a sharp increase in irregular migration from Egypt to Italy across the Central Mediterranean from 8433 to 14405 irregular migrants.Most of the migrants along this route are Syrian and Egyptian and these Egyptians often claim to be Syrian in order not to be repatriated to Egypt and to be able to obtain asylum. The main final destinations of these migrants were Sweden Germany and the Netherlands Frontex said.Libya has been plagued by instability since the fall of the Gaddafi regime this instability is affecting the number of migrants’ boats departing from Libya. At the moment different factions militias and high ranked officials are taking advantage of irregular migration. There is no central authority to implement effective measures to control migratory flows in Libya and it is unlikely that one will be formed in the shortterm.The European Commission today launched its work on a comprehensive European Agenda on Migration. The College of Commissioners held a first orientation debate on key actions to step up the EU's efforts to implement the existing tools and cooperation in managing migration flows from third countries. "For the first time managing migration better is an explicit priority of the European Commission as presented in the political guidelines of President Juncker A new start for Europe. Migration is a crosscutting issue involving different policy areas different actors both inside and outside the EU. The new structure and working methods of the European Commission are a first step at addressing the challenges and opportunities of migration in a truly comprehensive way" the commission said. First VicePresident Frans Timmermans said: "Managing migration well is a challenge for Europe as a whole. It is now time for a fresh approach in the way we work together: we must make better and more coherent use of all our tools agree common priorities and pool more resources at EU and national levels to achieve real solidarity and a better sharing of responsibility between Member States. In May we will present a new migration agenda with an improved governance to strengthen our asylum system set a sound course on legal migration act more vigorously against irregular migration and ensure more secure borders." High Representative VicePresident Federica Mogherini said: "We need to be effective as Europeans on the immediate response and at the same time to address the root causes starting from the crises spreading at our borders most of all in Libya. That's why we are increasing our work with origin and transit countries to provide protection in conflict regions facilitate resettlement and tackle trafficking routes." Migration Home Affairs and Citizenship Commissioner Dimitris Avramopoulos said: "Migration is about people – behind each face arriving at our borders there is an individual: a businessperson travelling to work a student coming to study a victim of peopletraffickers a parent trying to get their children to safety. When presenting a comprehensive European Agenda on Migration we have to think about all dimensions of migration – this is not about quick fixes; this is about creating a more secure prosperous and attractive European Union." Today's Orientation Debate set out the four main areas where actions are envisaged in the European Agenda on Migration: A strong Common Asylum System A new European policy on legal migration Fighting irregular migration and human trafficking more robustly and Securing Europe's external borders. The commission said the European Union has one of the most advanced legislative frameworks globally to offer protection to those in need. "Now is the time to fully and coherently implement the recently adopted Common European Asylum System. The Commission will take all efforts that existing divergences in national asylum policy practices disappear. Deepening the cooperation with third countries will also be essential to address the root causes of migration as well as mainstreaming migration into the design of development strategies. Finally the Commission is committed to making progress in the increased use of relocation and resettlement efforts by the European Union in close dialogue with Member States and third countries which host important numbers of refugees." A new European policy on legal migration Whilst addressing existing unemployment Europe will have to attract the right talent to be more competitive at a global level the commission added. The European Commission will thus launch a review of the EU Blue Card Directive. "This is a challenging and long term process and can only work in discussion with Member States including on a more horizontal approach to legal migration policy." Fighting irregular migration and human trafficking more robustly In 2014 there were about 278. 000 irregular border crossings according to Frontex – twice as many as in 2011. "Building further on existing legislation on irregular migration and the fight against human trafficking the Commission wants to enhance its actions in this area. The Commission is working towards a comprehensive set of actions against human smuggling and wants to further develop concrete tools targeting priority countries and routes in close collaboration with third countries also through existing readmission agreements and cooperation frameworks" the commission said. Securing Europe's external borders It added that an area without internal borders and a solid asylum and migration policy can only be sustained if Europe manages its external borders in full respect of fundamental rights. "Border management is a shared competence between the EU and the Member States and the enforcement of the surveillance of EU's external borders is of vital interest to all. The preparation of the European Agenda on Migration will be an opportunity to discuss whether and to what extent EU's Border Agency Frontex needs a budget increase and more operational assets and human resources to better address the evolving challenge at the EU's external borders. We need to pool more resources amongst Member States if we truly want to reinforce the work of Frontex and put European Border Guard Teams into action" the commission said.A new migration agenda with an improved governance to strengthen Europe’s asylum system and set a sound course on legal migration act more vigorously against irregular migration and ensure more secure borders is to be presented by the European Commission in May. Speaking as the European Commission today launched its work on a comprehensive European Agenda on Migration first vicepresident Frans Timmermans said: "Managing migration well is a challenge for Europe as a whole. It is now time for a fresh approach in the way we work together: we must make better and more coherent use of all our tools agree common priorities and pool more resources at EU and national levels to achieve real solidarity and a better sharing of responsibility between member states. High Representative vicepresident Federica Mogherini said: "We need to be effective as Europeans on the immediate response and at the same time to address the root causes starting from the crises spreading at our borders most of all in Libya. That's why we are increasing our work with origin and transit countries to provide protection in conflict regions facilitate resettlement and tackle trafficking routes." Migration Home Affairs and Citizenship Commissioner Dimitris Avramopoulos said: "Migration is about people – behind each face arriving at our borders there is an individual: a businessperson travelling to work a student coming to study a victim of peopletraffickers a parent trying to get their children to safety. When presenting a comprehensive European Agenda on Migration we have to think about all dimensions of migration – this is not about quick fixes; this is about creating a more secure prosperous and attractive European Union." Today's Orientation Debate set out the four main areas where actions are envisaged in the European Agenda on Migration to implement the political guidelines of President Jean Claude Juncker. These were a strong common asylum system anew European policy on legal migration fighting irregular migration and human trafficking more robustly and securing Europe's external borders. The Commission will take all efforts for existing divergences in national asylum policy practices to disappear. It will deepen its cooperation to address the root causes of migration as well as mainstreaming migration into the design of development strategies. The Commission also said it was committed to making progress in the increased use of relocation and resettlement efforts by the European Union in close dialogue with member states and third countries which hosted refugees. The European Commission would also launch a review of the EU Blue Card directive for a more horizontal approach to a legal migration policy. The Commission said it was working towards a comprehensive set of actions against human smuggling and wanted to further develop concrete tools targeting priority countries and routes in close collaboration with third countries also through existing readmission agreements and cooperation frameworks.

Sono partiti da Zuara in Libia in un barcone sovraffollato i 121 superstiti dell’ultima tragedia avvenuta a 50 miglia dalle coste libiche e sbarcati in tarda notte nel porto di Augusta assieme alle dieci salme recuperate dalla nave Dattilo della Guardia Costiera e ad altri 318 migranti precedentemente soccorsi. Il bilancio delle vittime però è destinato ad aumentare. Secondo le informazioni che abbiamo acquisito e in base alle testimonianze dei superstiti ci sarebbero una cinquantina di dispersi – spiega il sostituto commissario Carlo Parini responsabile del gruppo interforze di contrasto all’immigrazione clandestina della Procura di Siracusa.Ad ascoltare i superstiti nel capannone allestito a pochi metri dalla banchina ci sono gli interpreti delle forze dell’ordine e gli operatori delle varie associazioni umanitarie. Il porto è blindato secondo un dispositivo di sicurezza diverso dallo scorso anno: E’ un dispositivo che cerca di curare tutti gli aspetti inerenti allo sbarco in merito anche alle possibili infiltrazioni che si potrebbero verificare a seguito degli eventi che stiamo vivendo in ambito internazionale.Il capannone dove si trovano gli oltre 400 migranti sbarcati è area nolimits per i giornalisti. All’interno si svolgono le operazioni di identificazione e viene stilata la lista dei dispersi. Ci sono tanti minori non accompagnati li stiamo ascoltando per provvedere alle loro necessità racconta Giovanna Di Benedetto portavoce di Save The Children. Ad assistere allo sbarco ci sono per la prima volta anche le suore missionarie scalabriniane arrivate da Piacenza e volute qui da Papa Francesco: La nostra missione è andare lì dove ci sono i rifugiati racconta Suor Terezinha Santin mentre tiene un piccolo vangelo tra le mani. La sola preghiera nella desolazione del porto di Agusta è la loro mentre l’ultima bara appesa a un gancio scende dalla nave Dattilo.Stamane con un intervento coordinato dalla sala operativa di Roma delle Capitanerie di Porto sono stati tratti in salvo 179 migranti che erano a bordo di due gommoni a circa 3040 miglia dalla Libia e che diretti in Italia avevano richiesto soccorso a causa delle pessime condizioni del mare. Il primo gommone è stato raggiunto dal rimorchiatore Gagliardo che opera al servizio di piattaforme petrolifere libiche e che è stato dirottato per il soccorso: l'equipaggio ha preso a bordo 91 migranti e sta facendo rotta ora verso Lampedusa dove l'arrivo è previsto per domani. Il secondo gommone è stato agganciato dal rimorchiatore Kreta battente bandiere maltese pure dirottato nell'area dei soccorsi: sono stati salvati 88 migranti stremati dalle pessime condizioni di navigazione. Il rimorchiatore è ora diretto verso la Sicilia.Padre Khalil Nel centro di padre Khalil Padre Khalil e uno dei bambini che assiste Nel centro di padre Khalil – Non avevo mai visto rifugiati sorridere davanti all'obiettivo fotografico del mio telefonino. Ma qui nella scuola della parrocchia della Mater Ecclesiae la chiesa cattolica che svetta sulle modeste case del quartiere Mark fra i profughi cristiani arrivati e che continuano ad arrivare da Mosul in Iraq l'atmosfera è diversa. Merito della presenza rassicurante e instancabile di un prete originario di Betlemme diventato un punto di riferimento per i cristiani iracheni in fuga dalle città e villaggi conquistati dallo Stato Islamico.La fama di padre Khalil se così si può dire ha superato i confini tra la Giordania e l'Iraq. Lo cercano ancora prima di arrivare – dice ammirata una giornalista giordana che fa parte del manipolo di volontari che aiuta il prete ad affrontare le mille emergenze quotidiane dei migranti vogliono lui perché sanno che è una persona onesta generosa spontanea e su cui possono contare. Sana insegna l'inglese ai bambini iracheni nelle classi informali che don Khalil ha istituito aggirando gli ostacoli burocratici e le difficoltà materiali che impediscono ai piccoli rifugiati in ogni parte del Medio Oriente dove hanno la ventura di arrivare di frequentare le scuole locali. Qui in 270 hanno avuto la fortuna di poter continuare a studiare.Quando arrivo nella parrocchia a mezz'ora di macchina dal centro di Amman è appena finita la la messa serale. Il cortile della chiesa pullula di fedeli uomini di tutte le età donne vestite all'europea bambini che giocano corrono s'inseguono. Ne scaturisce un brusio in qualche modo familiare che sa di folla all'uscita dalla funzione domenicale in un paese del Sud. Mancano il venditore di palloncini e il carrettino dei bruscolini.Si può dire che anche padre Khalil sia un simpatico cinquantenne meridionale. Piccolo scattante una mezzaluna di capelli residui che esaltano il naso importante se ne sta nella navata centrale a decidere assieme ai suoi volontari dove dormirà la famiglia degli ultimi arrivati padre madre e due bambini appena giunta da Mosul per aggiungersi alle altre 500 famiglie di rifugiati all'incirca 2500 persone attualmente assistite.Ma lei è italiano! Allora parliamo italiano! esclama padre Khalil dopo essersi presentato in inglese. Fendiamo la folla dove tutti lo salutano lo fermano per parlargli o semplicemente per abbracciarlo. Venga le faccio vedere che cosa facciamo qui. Innanzitutto la parrocchia è aperta ogni giorno dalle sei del mattino alle 11 di sera e non soltanto ai cristiani ma anche ai musulmani della zona. Entriamo in una specie di sala da svago con una decina di tavoli dove si gioca a carte a domino e backgammon. I rifugiati non possono lavorare allora preferisco che vengano qui a giocare piuttosto che stare per strada senza fare niente.Passiamo per un salone stretto e lungo dove ogni giorno dall'una alle due vengono distribuiti 300 pasti caldi per quelli che non cucinano sono soli o non hanno i soldi per comprarsi qualcosa. Saliamo nella canonica dove non ci sono santi alle pareti e l'unica immagine sacra è il collage di un Gesù assiro su uno sfondo dorato fatto da un bambino di 8 anni. Vede che bravura. Solo otto anni. Può crederlo?.Don Khalil mi mostra i registri dei suoi scolari divisi per età grado di studio città d'appartenenza. Le schede degli adulti divisi per famiglie sono in due grandi classificatori. Vede qui non c'è posto per tutti. Allora siamo stati costretti ad affittare degli appartamenti nel quartiere. In un appartamento grande stanno due famiglie e costa 310 dinari giordani circa 450 dollari al mese in uno piccolo che costa circa 200 dinari 300 dollari mettiamo una sola famiglia. Certe volte arriviamo alla fine del mese senza i soldi per gli affitti. Ma la provvidenza di solito ci da una mano...Piglia due fogli ministeriali con l'insegna dell'aquila del Regno Hashemita. Un giorno sono venuti due ispettori dell'ufficio tasse racconta e si sono portati via la contabilità. Dopo una decina di giorni hanno chiamato. Padre Khalil mi hanno detto dovrebbe venire in ufficio per chiarire certe cose. Si sa che il fisco per definizione fa paura dappertutto ma non posso dire di essermi spaventato. Ero tranquillo. Vado e il funzionario mi dice: mancano le ricevute dei salari dei suoi collaboratori. Io cado dalle nuvole: salari? Ma da noi non ci sono dipendenti salariati. Quelli che lavorano con noi sono tutti volontari. Il funzionario non poteva crederci ma poi si è offerto di aiutarmi a tenere la contabilità gratuitamente.L'avventura in Medio Oriente di padre Khalil data ormai da più di dieci anni durante i quali ha anche dovuto affrontare rischi seri. Un giorno di primavera del 2006 sono andato a Bagdad a prendere due bambini ricoverati in un ospedale iracheno ma bisognosi di cure speciali per portarli all'ospedale San Raffaele qui ad Amman. Il 2006 è stato credo l'anno più brutto e più violento dell'intera periodo dell' occupazione americana. Scendo dall'aereo salgo su un taxi ci fermano e vengo scaraventato dentro un'altra macchina. Mi avevano rapito. Sono rimasto per una settimana bendato e legato mani e piedi. Ho pensato che non ne sarei uscito. Sentivo il mio guardiano che affilava il coltello ssc...ssc...e mi si gelava il sangue. La sua radio a transistor mi aiutava a tenere il conto del tempo che passava. Mi davano quattro datteri al giorno che non riuscivo a mangiare tanto mi battevano i denti per la paura. Ma la cosa più terribile è stata che non riuscivo a pregare io che per tutta la vita ho aiutato gli altri a dire le preghiere le avevo dimenticate tutte. Un giorno è venuto l'Emir il comandante del gruppo dei rapitori ad interrogarmi. Ha voluto sapere chi ero che facevo dove vivevo. A un certo punto l'ho interrotto e gli ho detto: senta emiro se quello che le sto per dire non è vero io metto la mia vita nelle sue mani e lei ne farà quello che vuole ma se è vero mi lascerà andare: vada all'ospedale tal dei tali di Bagdad e controlli se ci sono questi due bambini che mi aspettavano per essere ricoverati ad Amman. Così hanno fatto. Dopo due giorni mi hanno messo nel portabagagli di una macchina e lì ho pensato veramente che per me era finita. Invece mi hanno portato in giro per un'ora e poi mi hanno lasciato vicino ad una moschea dicendomi di non farmi vedere mai più a Bagdad. Quando mi sono tolto la benda degli occhi non riuscivo a vedere la luce era accecante. Mi sono seduto sul marciapiede ed ho pianto come un bambino...Ma oggi quest'avventura e definitivamente alle spalle: padre Khalil ha continuato ad esercitare il suo ministero in un'altra parrocchia di Amman e ad aiutare a distanza i cristiani iracheni. Nel frattempo l'eco del suo operato ha raggiunto le più alte gerarchie. Il Nunzio in Iraqè venuto a trovarlo. Ma non solo: Sono stato per tre giorni a Roma a Santa Marta. Il Santo Padre: 'So tutto di lei grazie per quello che fa'. Io gli ho regalato il distintivo che hanno fatto i miei ragazzi e mi porge un un bottone nero su cui è spicca in bianco la lettera araba nun la N in italiano che i jiadisti hanno dipinto come un marchio sulle case dei cristiani iracheni. Nun sta per nusrani nazareni spiega padre Khalil.Al secondo piano della scuola incontriamo i 60 rifugiati che vivono nelle cinque aule: i materassi ammonticchiati in un angolo il tappeto che serve da tavolo da pranzo e da salotto le coperte che pendono da una corda tesa come paraventi per creare un po' di intimità. Bambini e adulti si affollano attorno a padre Khalil. Dalla cucina arriva un odore gradevole di patatine fritte in casa. La cucina come le due uniche toilette una per gli uomini e una per le donne sono linde. I profughi fanno di tutto per mantenere il decoro.Non amano parlare della loro odissea. I racconti si somigliano. Pare di capire che il momento più drammatico sia stato quando hanno dovuto comprare dai jihadisti la la possibilità di fuggire da Mosul da Ninive da Kharakhosh e dagli altri paesini che rappresentavano la culla della cosiddetta cristianità orientale.Contrariamente a quanto hanno fatto con gli Yazidi una setta orientale sulla quale hanno infierito con uccisioni e rapimenti di giovani donne poi vendute al mercato di Raqq i jihadisti dello Stato Islamico hanno imposto ai cristiani di Mosul l'aut aut: pagare la tassa prevista dalla Sharia per continuare a viver sotto il Califfato o andarsene.Il giorno in cui abbiamo deciso di partire racconta un giovane rifugiato che lavorava come tecnico informatico dopo aver separato i maschi dalle femmine ci hanno detto che dovevamo consegnare tutto: soldi oro gioielli e tutto abbiamo consegnato. Ci hanno lasciato soltanto i vestiti con cui sono venuti. Decine di chilometri a piedi con i bambini sfiniti e gli anziani a pezzi due sono morti subito dopo il loro arrivo poi con mezzi di fortuna fino a Erbil la capitale della regione autonoma del Kurdistan e da li ad Amman. Di violenze preferiscono non parlare: Una volta hanno fatto saltare una casa dove sono morte quattro persone. Allora abbiamo capito quale sarebbe stato il nostro destino. La Libia è un paese che ospita persone di molte nazionalità diverse provenienti principalmente dall'Africa e dal mondo arabo. Tra queste gli immigrati che arrivano da determinati paesi Eritrea Etiopia Somalia Siria Palestina Darfur e Iraq sono considerati richiedenti asilo dall'UNHCR e il governo libico non può respingerli nel loro paese di origine la Libia ha firmato l'accordo del 1969. Gli uffici UNHCR a Bengasi e Tripoli accolgono i rifugiati li registrano e approvano per loro sostegno economico e assistenza medica.A Tripoli al momento le condizioni dei rifugiati sono abbastanza sicure: non ci sono scontri armati l'ufficio UNHCR è aperto i centri di detenzione sono attivi e c'è disponibilità di posti di lavoro per tutte le persone per lo meno per quelle sane e giovani. Le partenze dei pescherecci verso le coste italiane sono più frequenti e ad un costo inferiore rispetto a quello di prima a causa della mancanza di regolamentazioni e dei controlli di polizia. Dopo la chiusura dei centri di detenzione a Bengasi ad aprile 2014 i gruppi di beneficiari hanno occupato la zona del mercato e le zone industriali e hanno costruito lì baracche e case di fortuna.A Bengasi invece la situazione è più allarmante a causa del conflitto armato. Gli spostamenti dei rifugiati sono limitati i posti di lavoro sono diminuiti. Le partenze delle barche sono state bloccate e gli immigrati sono diventati target dei miliziani: vengono arrestati e sfruttati per i lavori pesanti di carico e scarico munizioni. Il lavoro è poco e la situazione sanitaria è negativa: l'assistenza è scarsa e gli ospedali pubblici sono in condizioni drammatiche. Molte famiglie immigrate che abitavano in zone colpite dagli scontri hanno dovuto spostarsi nei campi sfollati o lasciare la città.A Tripoli Cesvi fornisce assistenza medica e supporto psicologico ai beneficiari registrati dall'UNHCR. Dopo una valutazione effettuata su tutti i visitatori del centro sociale viene indicato il criterio di vulnerabilità e stabilito il tipo di assistenza che verrà fornita loro. L'équipe di Cesvi assieme ad UNHCR e IMC International medical corps analizza i singoli casi per i quali viene raccomandata l'assistenza. Ci sono alcuni beneficiari che non riescono ad arrivare al centro sociale anziani disabili e detenuti e in questi casi Cesvi effettua visite presso le loro abitazioni per monitorare la situazione e consegnare loro il sostegno economico che gli spetta.A Bengasi le attività di Cesvi interessano gli sfollati interni e i rifugiati. Nei campi sfollati il team di Cesvi fa monitoraggio e indica il tipo di assistenza necessaria fornisce sostegno economico donne capo famiglia disabili famiglie immigrate minori non accompagnati. Inoltre Cesvi supporta le infermerie dei campi che prestano servizi agli sfollati interni tramite la fornitura di medicine e strumenti; distribuisce kit igienici coperte e materassi; gestisce rifiuti e si occupa del programma con la formula Cash for work denaro in cambio di lavoro che permette ai giovani beneficiari di lavorare principalmente in attività relative allo smaltimento dei rifiuti. I cooperanti di Cesvi lavorano a stretto contatto con i rifugiati del Corno d'Africa dal 2011. In questi anni si è reso evidente il fatto che gli immigrati che arrivano in Libia non la considerano come paese in cui restare ma come paese di transito per arrivare in Europa.Dove Cesvi è presente dal 2011 come prima Ong italiana intervenuta all'indomani della primavera araba. Il progetto nasce per fornire protezione ai settori più vulnerabili della popolazione: i rifugiati i richiedenti asilo e i migranti irregolari che arrivano principalmente dalla Siria e dall'Africa Sub Sahariana e gli sfollati interni vittime delle continue violenze che affliggono il Paese. Negli anni Cesvi ha consolidato il suo intervento in Libia fornendo loro sostegno economico assistenza medica e supporto psicosociale.In Libia non c'è un sistema nazionale di registrazione dei richiedenti asilo e di riconoscimento dei rifugiati né un meccanismo di controllo e protezione per coloro che rischiano di essere rimpatriati nei Paesi d'origine. I rifugiati i richiedenti asilo e i migranti irregolari sono stati individuati nel corso del 2014 con il supporto dell'UNHCR. In Libia ci sono 36. 984 rifugiati e richiedenti asilo di cui 18. 710 sono siriani dati del settembre 2014 UNHCR. Dal crollo del regime di Gaddafi nel 2011 la Libia è afflitta da uno stato cronico di insicurezza. Nonostante il clima di instabilità e di caos esasperato da una crisi politica sempre più acuta e sanguinosa dopo le elezioni di febbraio 2014 e dagli scontri tra milizie e gruppi armati rifugiati e richiedenti asilo continuano ad arrivare in Libia. Tra questi quelli che provengono dall'Africa Sub Sahariana affrontano il rischio maggiore di arresto e detenzione.* Ahmed Kashbur è il Project Coordinator di Cesvi a Bengasi.ROMA Ancora tensioni nel quartiere periferico romano di Tor Sapienza teatro nei mesi scorsi di una vera e propria rivolta contro un centro rifugiati . Questa volta ad innescare la miccia pare siano state le lettere di sfratto ricevute da alcuni inquilini delle case popolari ma il risultato è stato lo spostamento immediato di tutti gli immigrati ancora ospiti nel centro d’accoglienza di via Morandi Un sorriso per evitare problemi con i residenti. In 40 ieri sera sono stati trasferiti per volere dell’assessora ai servizi sociali del Comune di Roma Francesca Danese. La rabbia è per gli sfratti Lo abbiamo fatto per il loro bene perché non era giusto che si trovassero ad essere strumenti di tensione usati politicamente ha ribadito giovedì mattina l’assessora. Ma i residenti non ci stanno. Questa volta gli immigrati non c’entrano nulla. Qui si rischiano nuove violente proteste per colpa degli sfratti dicono e accusano l’assessore di avere sbagliato tutto perché la destra non c’entra e Marino di navigare a vista e di non avere mantenuto le tante promesse. E nel pomeriggio un comitato di cittadini ha incontrato il vicesindaco Luigi Nieri e gli assessori Danese e Alfonso Sabella legalità. Dall'inizio dell'anno circa 470 persone hanno perso la vita o sono scomparse nel Mediterraneo durante i viaggi della speranza verso l'Europa. Un dato agghiacciante quello reso noto dall'Alto commissariato Onu per i rifugiati Unhcr tanto più se si considera che nello stesso periodo dello scorso anno le vittime furono 15.Oltre a denunciare la strage l'organizzazione delle Nazioni Unite ha inviato all'Unione europea una serie di proposte per affrontare il problema delle migliaia di migranti e rifugiati che cercano di raggiungere il Vecchio continente. Tra le iniziative da assumere secondo l'Unhcr l'istituzione di un'importante operazione di ricerca e soccorso europea nel Mediterraneo simile all'operazione Mare Nostrum la realizzazione di un sistema europeo per compensare le perdite economiche subite dalle compagnie di navigazione coinvolte nel salvataggio in mare un meccanismo di equa distribuzione dei rifugiati siriani. L'Unhcr sollecita inoltre l'Unione Europea affinché esplori soluzioni per affrontare le difficoltà in cui incorrono i rifugiati una volta arrivati in Europa assicurando loro un sostegno adeguato ed evitando che alcuni Paesi debbano assumersi la responsabilità in modo preponderante.Stiamo proponendo all'Unione Europea e ai Paesi che ne fanno parte una serie di soluzioni coraggiose e innovative per affrontare le sfide connesse alla gestione dei flussi migratori misti nel Mediterraneo e ridurre il numero di persone che perdono la vita in mare ha dichiarato Vincent Cochetel Direttore del Bureau Unhcr per l'Europa Il mantenimento dello status quo non è un'opzione praticabile. Non agire di fronte a queste sfide comporta solamente la morte di altre persone.Parole cui fa eco l'allarme lanciato dal ministro spangolo Fernandez Diaz a margine del consiglio Affari interni Ue: L'Italia ha un problema gravissimo che non può affrontare da sola. Lo scorso anno ha ricevuto circa 170 mila migranti irregolari. Quest'anno se si proiettano le stime dei primi mesi sul resto dell'anno l'Italia riceverà 200mila persone.Sono stati trasferiti nella notte tutti e 40 gli ospiti del centro di accoglienza di via Giorgio Morandi a Tor Sapienza alla periferia est di Roma. Trasferiti ora in una struttura in zona Aurelia. La decisione è stata presa dall'assessore capitolino alle Politiche sociali Francesca Danese. Nei mesi scorsi via Morandi era stata teatro di forti tensioni tra residenti e immigrati della struttura. E ieri pomeriggio alcuni cassonetti sono stati bruciacchiati nei pressi del centro di accoglienza. Una protesta che però a sentire i residenti e oggi anche il vicesindaco non avrebbe molto a che fare con i rifugiati.La protesta di ieri con gli incendi ai cassonetti è scaturita in seguito alle lettere di sfratto inviate dall'Ater ad alcuni inquilini degli appartamenti spiega infatti il numero due del Campidoglio Luigi Nieri in visita stamattina a Tor Sapienza.Le nuove lettere di sfratto rischiano di innescare nuove ondate di violente proteste. L'emergenza casa è uguale a quella immigrazione. C'è bisogno di un aiuto da parte delle istituzioni Campidoglio e Regione in primis aggiunge Sandra Zammataro vicepresidente del comitato dei residenti di Tor Sapienza. Questo quartiere è terra di nessuno siamo stati abbandonati continua . C'è una calma apparente e se la questione sfratto dovesse andare avanti temo possano esserci pesanti ripercussioni. Oggi in Campidoglio porteremo di nuovo all'attenzione dell'amministrazione comunale le nostre proposte alle quale speriamo non restino sordi.Sbaglia dicono i residenti chi ipotizza come aveva fatto a caldo ieri sera l'assessore ndr che a incendiare i cassonetti siano state persone estranee al quartiere e per giunta di estrema destra. Parlando così si dimostra ancora una volta lontana dalla realtà delle periferie. Lo sgombero dei profughi dal centro d'accoglienza di viale Morandi è la sconfitta della politica e la dimostrazione che l'amministrazione Marino naviga a vista e senza una strategia si legge in una nota del comitato La decisione di ieri sera ha tutta l'aria di una presa per i fondelli. L'emergenza immigrazione è l'ultimo dei problemi di questo quartiere sicuramente meno sentito rispetto all'emergenza casa e allo stato di abbandono e di degrado complessivi. Il sindaco Marino conclude il comunicato deve capire che sono finiti i tempi dei pranzi e pasticcini ma soprattutto delle passerelle tra la gente e degli spot: il 18 novembre 2014 ha sottoscritto un patto con Tor Sapienza in 8 punti da risolvere e ad oggi non ne ha rispettato nemmeno uno.L'assessore Danese però precisa intervistata da Rainews: Avevamo già scelto di spostare queste persone. E' un' azione che stavamo portando avanti avevamo bisogno di altri 20 giorni per fare tutti i passaggi amministrativi. Lo spostamento era stato previsto anche il bene dei richiedenti asilo politico perché dopo aver attraversato il Mediterraneo fuggiti da una guerra trovarsi ad essere strumento di tensioni di altra natura cavalcata a destra certamente non fa bene a chi ha dentro di se gli scoppi della guerra. Avevamo sentore che sarebbero accadute altre vicende legate in parte al problema dell'abitare che è un problema serio di questa città che stiamo affrontando e di altre manifestazioni che da qui ai prossimi giorni sappiamo che interesseranno non solo Roma ma tutte le città metropolitane legate all'immigrazione. Roma ha aggiunto è la città che ha 6 commissioni per la richiesta di status di rifugiato. In questo momento stiamo trovando una sede giusta in accordo proprio con la Prefettura per velocizzare anche la domanda di richiesta perché abbiamo migranti che restano un anno due anni in attesa che la commissione dia un giudizio. La prossima settimana i ministri dell'Interno europei si incontreranno e speriamo che l'Italia finalmente abbia il giusto riconoscimento perché dobbiamo fare in modo tutti e tutti insieme che il Mediterraneo torni ad essere la culla della saggezza e della cultura.Al termine dell'incontro di questo pomeriggio il vicesindaco ha aggiunto: Ho preso l'impegno a fissare entro giovedì un incontro tra municipio Ater Regione Comune e comitato di Tor Sapienza per affrontare i problemi relativi all'abitare. Il 18 marzo invece il comitato incontrerà l'Ater.Torna la protesta nella periferia di Tor Sapienza. Tre cassonetti spostati in mezzo alla strada e poi dati alle fiamme viale De Chirico chiusa e copertoni bruciati. A pochi mesi di distanza dall'ai rifugiati del centro di accoglienza di via Morandi amonta nuovamente la rabbia. La calma è solo apparente spiega la portavoce del comitato Tor SapienzaMorandi Sandra Zammataro il Campidoglionon ha ancora trovato soluzione importanti a problemi importanti parliamo di occupazioni abusive del centro di accoglienza e dei campi rom. Basta dunque un nonnulla per far scoppiare una scintilla. Chiediamo che al più presto il Comune di Roma trovi una soluzione per il palazzo di sette pieni che fino ad oggi è ancora un centro di accoglienza e che rischia di diventare una nuova sede di occupazione riproponendo lo stesso tipo di problema. Gli animi conclude sono esasperati ed anche per chi si trova nei comitati è difficile gestire questo malessere.E il Campidoglio risponde attraverso l'assessore alle Politiche sociali Francesca Danese. Per salvaguardare l'incolumità e la dignità dei 40 ospiti del centro di accoglienza di via Morandi a Tor Sapienza ho predisposto il loro trasferimento già da questa sera. Si tratta di una soluzione provvisoria in attesa di quella definitiva alla quale stavo già lavorando ha annunciato l'assessore Danese. E così è stato.Dei 44 immigrati attualmente ospitati nella struttura di via Morandi 40 sono stati trasferiti nella notte in una struttura in zona Aurelia. Tor Sapienza è comunque rimasta sorvegliata dai carabinieri e transennata per evitare tensioni con i residenti. E' sconfitta per me e per tutta Roma ha detto l'assessore appena giunta a Tor Sapienza. Questi immigrati avranno una casa più accogliente. Non meritano questa situazione né loro né i residenti. Spero che questa città sappia accogliere in maniera diversa.E sulle tensioni nel quartiere l'assessore alle Politiche sociali ha precisato: Escludo che i cassonetti siano stati bruciati dai comitati di quartiere. Molto probabilmente chi ha compiuto questi gesti è gente estranea al quartiere gente di destra che ha l'intento di attaccare il lavoro del Comune.Bambini yazidi nella provincia di Dohuk Afp Dopo Kobane con la sconfitta di Tikrit lo Stato Islamico sembra essere davvero entrato in una fase di declino. Sorrisi e folle festanti vengono immortalate dai media mentre accolgono le forze irachene che entrano nei sobborghi della quarta città del paese luogo di nascita dell’ex rais Saddam Hussein e uno dei centri nevralgici della comunità sunnita irachena. Un po’ più a nord nel frattempo le forze curde dei peshmerga hanno compiuto alcune importanti avanzate portandosi a poche decine di chilometri da Mosul e bloccando ogni tentativo di contrattacco degli uomini di alBaghdadi. Nonostante le forti critiche e i tentennamenti gli sforzi congiunti della coalizione internazionale e delle potenze regionali sembrano finalmente portare dei frutti. Ma mentre comincia a rimpicciolirsi l’ombra minacciosa di Isis sull’Iraq dietro di essa già inizia a scorgersi quella della tragedia sociale e umanitaria che rischia di paralizzare il paese per molti anni anche dopo la cacciata dell’ultimo mujahid del Califfo. 14 campi da coordinare Quasi un milione di rifugiati si trovano oggi solo in Kurdistan giunti dopo l’improvviso colpo di mano di Isis nel giugno scorso che portò nelle mani di alBaghdadi Mosul la seconda città irachena e soprattutto dopo la conquista di Sinjar ad agosto. La caduta di Mosul e Sinjar la fuga dell’esercito iracheno e l’incapacità di fermare l’avanzata di Daesh hanno colto di sorpresa tutti racconta Stefano Nanni cooperante italiano nel Kurdistan iracheno di Un Ponte Per... gli abitanti del Kurdistan hanno dovuto far fronte alla prima emergenza praticamente da soli accogliendo la gente disperata che fuggiva a piedi attraverso le montagne del Sinjar. Stefano oggi è di base nella città di Dohuk a 40 chilometri dal fronte dei combattimenti e 80 chilometri da Mosul. Solo qui e nel governatorato circostante hanno trovato asilo circa 700 mila sfollati. I campi allestiti dalle Nazioni Unite bastano però solo per i 170 mila persone. Circa 200 mila sono riuscite a trovare altre sistemazioni da parenti residenti qui o affittando una casa. Ma i restanti 400 mila sono stati letteralmente accolti dalla popolazione locale nei 4 distretti del governatorato composta da circa 1 milione di persone. Dohuk che conta 350 mila abitanti ha praticamente dovuto accogliere una seconda città spiega Stefano gli sforzi della popolazione sono stati straordinari. Le persone hanno messo a disposizione seconde case non ultimate i più ricchi veri e propri campi autofinanziati. A Dohuk molti degli abitanti sono stati sfollati in Turchia ai tempi di Saddam Hussein e delle persecuzioni sui curdi iracheni. Si ricordano bene cosa significa fuggire dai massacri e anche per questo sono stati capaci di grande solidarietà. Stefano coordina le attività e ogni giorno si muove fra le aree urbane e i 14 campi sparsi per il governatorato che circondano la città. La società irachena tra le tende A causa alla ferocia di Isis dall’estate scorsa questi campi accolgono oggi un autentico spaccato in miniatura della variegata società irachena. La grande maggioranza è composta da yazidi ma ci sono anche curdi cristiani shabak una minoranza musulmana di stampo sciita e turcomanni. E poi ci sono gli arabi sunniti. Questi ultimi sono però in maggioranza in un campo a parte Garmawa nel distretto di Shekhan nella provincia di Ninive sotto il controllo dei curdi lontano dal centro abitato e molto vicino al fronte. Il campo di Garmawa negli ultimi mesi è stato spostato da 3 o 4 volte cercando di tenere gli arabi sunniti il più lontano possibile. Nei loro confronti sembra esserci una diffusa diffidenza che si spinge fino all’azione dei servizi si sicurezza curdi che fino a dicembre compivano settimanalmente raid notturni arrestando persone e incarcerandole senza accuse ufficiali. Alla tradizionale diffidenza dei curdi verso gli arabi si aggiunge anche il timore che fra i sunniti ci siano dei simpatizzanti di Isis. Ahmed nome di fantasia ndr un ragazzo del campo di Gharmawa che lavora con Un Ponte Per... quando si sposta di pochi chilometri per venire a lavorare con noi in qualche altro campo all’interno del governatorato deve subire due ore di controlli ai check point. Ahmed viene da Zummar una regione a nord vicino alle montagne dello Sinjar. Fino a poche settimane fa era occupata da Isis ma ora è sotto il controllo dei Peshmerga. Agli sfollati arabi sunniti provenienti da quei villaggi non è però stato permesso di tornare. I curdi e gli ezidi secondo Stefano Nanni è più giusto chiamare così il popolo yazida ndr hanno invece avuto il permesso di rientrare e secondo alcune testimonianze in queste settimane molte delle case degli arabi sunniti sono state depredate per vendetta. Ahmed non può rientrare a casa Ahmed a gennaio ha tentato di rientrare con la sua famiglia racconta ancora Stefano ma il clima era troppo pericoloso. Le strade e i campi sono pieni di mine o bombe inesplose e tra la popolazione rientrata un certo clima antiarabo sunnita è palpabile. Alla fine hanno preferito tornare nel campo profughi. I sentimenti a Garmawa per gli avvenimenti degli ultimi giorni a Tikrit sono contrastanti. Alla gioia per la progressiva ma costante ritirata dello Stato Islamico si affiancano l’angoscia e la paura per la presenza all’interno delle forze irachene di truppe iraniane e delle milizie paramilitari sciiti in particolare le famigerate Kata’ib alShaab. Secondo Human Right Watch negli ultimi mesi questi gruppi si sarebbero infatti macchiati di numerosi crimini contro i civili sunniti al limite della vera e propria pulizia etnica. Intanto da Baghdad non si ha notizia di nessun progresso concreto a livello politico per il dialogo e l’integrazione della popolazione sunnita la cui emarginazione e repressione da parte dei governi iracheni degli ultimi anni è stata la causa principale che ha spinto molti di loro a trovare nel folle progetto di alBaghdadi l’unica via per una riaffermazione identitaria. Dalle notizie che giungono dal fronte pare che finora il coinvolgimento delle forze sunnite dell’offensiva sia stato minimo. Intanto gli Stati Uniti che nel 2008 riuscirono a ricomporre la rivolta sunnita grazie al dialogo con le tribù locali sembrano oggi sedere impotenti mentre l’Iran prende la guida delle operazioni di terra contro Tikrit. E nulla sembra poter evitare il rischio che l’Isis diventi solo uno tra i molti capitoli del lungo disfacimento della nazione irachena.Corteo da Porta Nuova in solidarietà degli occupanti dell'Ex Moi. Diverse centinaia di persone tra migranti rifugiati e militanti di centri sociali si sono radunate dal primo pomeriggio davanti alla stazione per manifestare contro l'ipotesi di sgombero delle palazzine dell'ex villaggio olimpico di via Giordano Bruno. Sulla struttura occupata poco meno di un anno fa dai rifugiati dell'ex progetto Nord Africa. Settecento di loro rimasti senza assistenza delle strutture di accoglienza hanno preso possesso di alcune delle case abbandonate che nel 2006 avevano ospitato gli atleti dell'Olimpiade invernale. Dal dicembre del 2014 pende un'ordinanza di sgombero ordinata dalla magistratura ma per ora non eseguita dalle forze dell'ordine. Ad aprire il corteo uno striscione con la scritta Casa lavoro dignitá: non si sgombera la libertà tra i manifestanti anche bandiere anarchiche e dell'Usb. La situazione è tenuta sotto controllo dalle forze dell'ordine che dopo via Roma e piazza Castello ha come metà il Comune.La polizia ha fatto sgomberare stamane 15 famiglie che da un anno occupavano la palazzina di via Oberdan 11 a Palermo. Si tratta in prevalenza di rifugiati eritrei ed etiopi e di qualche famiglia palermitana. Ne dà notizia il Comitato prendoCasa. Lo stabile è di proprietà dell'istituto religioso delle Figlie di San Giuseppe e lo scorso marzo quando fu occupato era inutilizzato da ben 4 anni e in perfette condizioni dice il Comitato . Riconoscendo il valore storico artistico e culturale del luogo le stesse famiglie hanno aperto più volte a tour guidati del palazzo curati dagli stessi occupanti. Occupare Palazzo Florio Fitalia all'Olivuzza ha significato per le famiglie che sino a stamani lo abitavano riconquistare il diritto alla casa ma anche restituire ai palermitani un bene di cui per troppi anni non hanno potuto godere. Secondo i dati disponibili forniti dal ministero dell'Interno nella sola città di Palermo sono stati emessi 1. 721 provvedimenti mentre le richieste di esecuzione con intervento dell'ufficiale giudiziario sono state 1. 570 per una media di 5 sfratti al giorno afferma Giuliana Spera di Prendocasa. Al momento è in corso un corteo spontaneo per le vie del quartiere cui prendono parte le famiglie di via Oberdan e quelle del comitato PrendoCasa Palermo Si ingrossa il fiume di rifugiati diretto in Italia: i richiedenti asilo nel 2014 sono più che raddoppiati + 143%. È un record in Europa dove la media è + 44%. L'Italia è tra i Paesi con più domande d'asilo dopo Germania e Svezia. Ma nel rapporto tra abitanti e richiedenti siamo sotto la media Ue. È quanto emerge dagli ultimi dati Eurostat. Il numero di richiedenti asilo in Ue nel 2014 ha toccato la cifra record di circa 626mila facendo registrare un aumento del 44% rispetto al 2013 pari a 191mila persone in più. La quota più alta 202. 700 32% si è registrata in Germania. Seguono Svezia 81. 200 13%; Italia 64. 600 10% Francia 62. 800 10% e Ungheria 42. 800 7%.I richiedenti asilo in Italia nel 2014 sono più che raddoppiati + 143% sull'anno precedente. Il principale incremento in Ue seguito da quello dell'Ungheria 126% e della Danimarca 105%. In rapporto alla popolazione il numero di richiedenti asilo più alto si registra in Svezia 8 4 richiedenti ogni mille abitanti seguita da Ungheria 4 3; Austria 3 3; Malta 3 2; Danimarca 2 6 e Germania 2 5. All'opposto i tassi più bassi si sono osservati in Portogallo 0 Slovacchia 0 1 e Romania 0 1. La maggior parte dei richiedenti sono siriani 122. 800 pari al 20% del totale seguono gli afghani 41. 300 pari al 7%.. I dati Eurostat sulle richieste di asilo in Italia possono replicarsi nel 2015 la situazione è eccezionale tanto quanto quella del 2014. Dal ministero dell'Interno fanno trapelare che abbiamo dovuto raddoppiare le commissioni che valutano le richieste passate da 20 a 40 e tutte operative a tempo pieno. Resta comunque la preoccupazione per le prossime ondate di arrivi la primavera è iniziata.Oltre duecentocinquanta tra richiedenti asilo e operatori dei centri di accoglienza hanno protestato a Roma con lo slogan 'Non siamo merce'. Una manifestazione contro il sistema affaristico che ha fatto dell'accoglienza un vero business sulla pelle dei richiedenti asilo e degli operatori dei centri: gli operatori lavorano con contratti precari turni massacranti spesso sotto inquadrati e sotto organico mentre i richiedenti asilo non solo non ricevono in maniera puntuale la diaria ma sono costretti a vivere in strutture dove mancano servizi minimi ed essenziali quali il sostegno psicologico adeguato i corsi di lingua italiana vestiario e kit igienico cibo di qualità non scadente riferisce in una nota l'Usb Sono inoltre lunghi i tempi per le audizioni in Commissione Territoriale che troppo spesso si concludono con esito negativo. Si sono verificati anche alcuni momenti di tensione con le forze dell'ordine e una delegazione di lavoratori e richiedenti asilo accompagnati dal senatore Alberto Airola del Movimento 5 Stelle è stata ricevuta dal vicario del Prefetto di Roma Ferdinando Santoriello. La Prefettura si è impegnata a convocare un tavolo di confronto congiunto tra l'Usb ed i commissari del Consorzio 29 giugno; ad aumentare il monitoraggio per la verifica delle condizioni nei centri in relazione alla qualità dell'accoglienza e del lavoro a valutare la possibilità di erogare il pocket money in forma pecuniaria invece degli attuali buoni pastoLe richieste dei manifestanti sono: il permesso di soggiorno umanitario per tutti un’accoglienza dignitosa e la possibilità di un lavoro per tutti e per dire no allo sfruttamento e al business dell’accoglienza Jpeg La fuga di milioni di persone da guerre violenza e povertà è una crisi umanitaria globale aggravata dalle politiche disumane dei paesi occidentali. Lo afferma l'organizzazione medicoumanitaria Medici Senza Frontiere MSF testimone delle loro sofferenze in decine di paesi del mondo e sempre più anche in Europa che lancia la campagna #Milionidipassi dedicata alle persone in fuga con un appello all'opinione pubblica e ai governi perché sia ridata umanità al tema delle migrazioni forzate e venga garantito il diritto di tutti ad avere salva la vita.Mentre il mondo assiste ad una concomitanza di crisi di gravità e durata straordinarie sono sempre più i civili a pagare il prezzo di guerre che non combattono. Dai conflitti in Medio Oriente alle violenze croniche nell'Africa subsahariana all'instabilità in Ucraina Libia e Nigeria oltre 51 milioni di persone sono costrette a fuggire e vivono in condizioni disperate spesso senza accesso a beni di prima necessità e assistenza. È l'esodo più imponente degli ultimi cinquant'anni cui MSF sta dedicando risorse sempre maggiori. Ma la risposta internazionale è inadeguata. I governi occidentali si concentrano sulla protezione dei propri confini invece che sui bisogni delle persone in fuga e considerano la questione come un problema di sicurezza invece che una crisi umanitaria di dimensioni colossali mentre gli aiuti umanitari non riescono a far fronte ai bisogni immensi di sfollati e rifugiati nei paesi che accolgono la maggior parte di loro.Queste persone sono costrette a fuggire perché non hanno altra scelta per sopravvivere ha detto Loris De Filippi presidente di Medici Senza Frontiere sono vittime ma vengono considerate una minaccia. Serve un nuovo approccio umanitario che guardi alle loro indicibili sofferenze e alle ragioni della fuga non al loro status legale o ai timori dei paesi di arrivo. Come MSF siamo testimoni del loro esilio in aree remote come sulle coste italiane. Chiediamo a tutti di fare il proprio passo perché abbiano salva la vita e trovino l'aiuto e la protezione che meritano.Secondo i dati ufficiali il 95% delle persone in fuga rimane nei paesi d'origine o in quelli confinanti e nella classifica dei primi 10 paesi per rifugiati ospitati non compare nessuna nazione ricca l'Italia è al 35° posto con 78. 000 il Libano ospita da solo 1. 120. 000 rifugiati siriani. Ma l'Europa vive la migrazione come un'invasione minacciosa e risponde con politiche restrittive che peggiorano le cose: chiusura delle frontiere respingimenti ostacoli burocratici detenzione e standard di accoglienza inadeguati il tutto condito da un dibattito pubblico che spesso punta alla criminalizzazione dei migranti non solo non sono efficaci ma spingono persone disperate ad alternative estreme che hanno gravi impatti sulla loro salute e sicurezza. Come la via del Mediterraneo responsabile del 75% dei decessi lungo le rotte migratorie a livello globale: una trappola mortale tanto da essere l'area più pericolosa per chi fugge nonostante l'Europa accolga meno del 10% dei rifugiati al mondo.Con le sue politiche restrittive l'Europa sta creando una nuova crisi umanitaria continua De Filippi i governi portano la responsabilità di scelte disumane che impediscono alle persone di fuggire e tradiscono il loro diritto a ricevere assistenza e protezione alimentando un meccanismo mortale che va disinnescato al più presto. All'Europa e al governo italiano chiediamo vie legali e sicure per raggiungere il continente il ripristino di attività di ricerca e soccorso in mare e piani di emergenza per garantire sempre adeguate condizioni di accoglienza.Oggi MSF offre assistenza medicoumanitaria a milioni di persone in fuga in 30 paesi leggi il dossier qui. Nei sovraffollati campi per rifugiati siriani nei deserti africani nei boschi della Serbia tra le montagne dello Yemen lungo le strade dal centroamerica agli Stati Uniti sulle isole greche e alle banchine dei porti siciliani migliaia di medici infermieri psicologi logisti di MSF di cui circa 400 italiani compiono i loro passi per raggiungerle e dare loro l'aiuto di cui hanno bisogno: offrono assistenza medica e psicologica curano i feriti e le vittime di violenze assistono le madri nel dare alla luce i loro bambini effettuano campagne di vaccinazione forniscono cibo e acqua pulita.Forte di questa esperienza MSF lancia la campagna #Milionidipassi per raccontare i passi di chi è costretto a fuggire i passi degli operatori umanitari per assisterli e quelli che tutti possono fare per sostenere questa azione. Un appello rivolto anche ai governi che devono assumersi le responsabilità a loro demandate e rispettare gli obblighi di protezione e assistenza anche in termini di fondi destinati ai paesi poveri che si fanno carico del maggior numero di rifugiati; all'opinione pubblica e ai mezzi d'informazione perché promuovano una discussione più matura rifiutando strumentalizzazioni e allarmismi; alle ONG perché rafforzino la propria capacità d'intervento. Solo riconoscendo i volti e le storie che sono dietro i passi di chi fugge sarà possibile restituire loro la dignità l'assistenza e la protezione che meritano.Ero in trappola racconta Moussa Zarre giovane della Costa d'Avorio che nel 2011 quando aveva 16 anni ha fatto il viaggio attraverso il Mediterraneo e oggi collabora come mediatore culturale nei progetti di MSF in Sicilia. Non potevo restare perché nel mio paese rischiavo la vita per la guerra. Non riuscivo a fuggire: in Libia sono stato incarcerato come 'clandestino' poi ho preso il mare ma le onde ci hanno riportato a riva. Solo mesi dopo sono sbarcato a Lampedusa dopo due giorni su un gommone strapieno in cui ti sembra di impazzire. Oggi ho di nuovo una vita e sono contento di aiutare persone con la mia stessa storia che non hanno più niente e hanno bisogno del nostro aiuto.Il simbolo della campagna #Milionidipassi sono le scarpe rovinate ricucite distrutte segno del dramma ma anche strumento di salvezza rappresentate dalla giovane fotografa americana Shannon Jensen che nel 2012 documentò l'esodo di trentamila sudanesi che cercavano rifugio in Sud Sudan per salvarsi dalla violenza dell'esercito. Oggi quelle scarpe un oggetto che accomuna tutti indipendentemente dalla propria storia e paese d'origine rivivono nella campagna nel provocatorio spot girato in un negozio di Roma con lo stile della candid camera nell'evento di lancio con la performance di Marco Baliani Sonia Bergamasco Giuseppe Cederna Stefano Fresi Laura Morante e Valerio Mastandrea nella cornice di un temporary store. Per tutto l'anno testimonianze dibattiti installazioni itineranti e iniziative sul web come quella dello shoeselfie che invita tutti a inviare una foto e una storia delle proprie scarpe attraverso la app gratuita. Per aderire alla campagna e sostenere l'azione di MSF www. milionidipassi. it. Si twitta #Milionidipassi @MSF_ItaliaMSF offre assistenza a sfollati rifugiati e richiedenti asilo in 30 paesi siano di origine di transito o di destinazione. Tra essi Libano Iraq Giordania e Turchia che accolgono rifugiati siriani Afghanistan/Pakistan Nigeria/ Niger/Ciad Yemen Repubblica Centrafricana/Ciad/Camerun/Repubblica Democratica del Congo Sud Sudan/Etiopia Ucraina Messico Mali/Mauritania Grecia Serbia. In Italia MSF ha lavorato dal 2002 all'assistenza agli sbarchi a Lampedusa tra i lavoratori stagionali nel Sud Italia all'interno dei centri per migranti in diverse regioni. Oggi offre un servizio medico agli sbarchi e all'interno del CPSA di Pozzallo in Sicilia in collaborazione con le autorità sanitarie locali; e un servizio di assistenza psicologica nei centri di accoglienza straordinaria della provincia di Ragusa.Alle urne tra violenza e corruzione In Nigeria è in corso una guerra ideologica non religiosa Una ascesa tra protezioni amicizie e segreti I sopravvissuti a Boko Haram: Se non sai il Corano sei morto I rifugiati: Se sbagli accento sei morto La città liberata che aspetta i soldati d. m. Ci sono voluti i soldati del Ciad e del Niger per liberare la città di Damasak il feudo incontrastato di Boko Haram nel profondo nord est della Nigeria. Trasformata nella capitale del nuovo Califfato degli jihadisti questa città fiorente di 200 mila abitanti è rimasta per mesi in balia dei terroristi di Abubakar Sheka adesso appare desolata e piena di macerie. La maggior parte della gente era fuggita ma chi non aveva i mezzi e i soldi per farlo ha dovuto sottostare alla dura legge della sharia e all'arroganza dei miliziani. L'esercito nigeriano è scomparso da tempo e nonostante gli impegni del presidente Goodluck Jonathan a ripristinare la legalità e a difendere le popolazioni cristiane dello Stato è stato grazie all'intervento dei due paesi confinanti se la città ha potuto di nuovo riprendere a vivere. Per il momento. Adam Nossiter del New York Times ha avuto occasione di girare per Damasak e raccogliere le testimonianze dei soldati chadiani e nigeriani ancora in attesa di passare la mano. Il nostro lavoro afferma il comandante di un drappello di soldati del Ciad il tenente Hassan è finito. Siamo pronti a rientrare a casa dietro i nostri confini. Abbiamo chiesto ai soldati nigeriani di venire ma non sono ancora arrivati. Il tenente racconta anche della battaglia decisiva combattuta nella notte tra il 14 e il 15 marzo scorso. Non è stato facile ma alla fine siamo riusciti a respingere gli uomini di Boko Haram verso la boscaglia a nord. Ora la città è libera. Ma non possiamo continuare ad occuparla noi. Deve essere restituita ai soldati nigeriani. Li abbiamo chiamati il 16 mattina appena finiti gli scontri e abbiamo chiesto di raggiungerci. Sono rimasti di sasso. Non ci credevano. Per loro Damasak era persa impossibile da strappare a Boko Haram. Avevano paura e ne hanno ancora aggiunge con tono beffardo. La stessa paura che devono aver avuto i miliziani salafiti sbaragliati. Uno tra quelli fatti prigionieri lo conferma al cronista del quotidiano Usa. Con gli occhi sgranati ammette di non aver mai visto armi così sofisticate e una tale forza di combattimento. Attorno i soldati ciadiani ascoltano fieri e divertiti. Poi al termine del breve racconto alzano gli Ak 47 al cielo e lanciano un ululato: il suono con cui accolgono ogni vittoria. Diecimila vittime in 13 anni di terrore di VINCENZO NIGRODove non c'è lo Stato dove i popoli non riescono a dare una forma alle loro organizzazioni lì c'è il terrore lì c'è la sfida dell'Islamic State. In Nigeria dal 2009 la setta islamica di Boko Haram ha iniziato a spingere ad allargarsi a uccidere e conquistare. Adesso la setta guidata da Abubakr Shekau si è associata allo Stato Islamico ma il suo successo sanguinario ha un solo vero motivo ed è anche per questo che ha scelto di collegarsi all'Isis del califfo Al Baghdadi. Boko Haram vince dove lo Stato è debole e in Nigeria ormai da anni la corruzione il settarismo l'inefficienza hanno creato le condizioni ideali per la vittoria del terrorismo.Il 28 marzo dopo settimane di rinvii e di cruenta campagna elettorale la Nigeria va al voto. E' il gigante d'Africa 177 milioni di anime una volta era lo stato petrolifero più promettente del continente: adesso la sfida di Boko Haram e il malgoverno dei suoi capi l'hanno destabilizzata anche sul piano economico oltre a farne una nazione di scontri attentati e rifugiati.Dal 2009 quando l'insorgenza di Boko Haram è diventata progressivamente più aggressiva i morti sono stati oltre 10. 000. Ce ne saranno altri in questi giorni perché di sicuro gli islamisti vorranno approfittare del momento delle elezioni ma anche perché gli scontri fra partiti politici ed etnie nigeriane inonderanno di fuoco il paese. Sabato 28 si vota per il nuovo presidente e per il parlamento poi l' 11 aprile si tornerà alle urne per i governatori dei 36 stati e per i parlamenti locali uomini che hanno notevoli poteri in uno stato che ha struttura federale. I candidati alla presidenza sono 14 ma i favoriti sono due: il presidente uscente Goodluck Jonathan un cristiano del Sud del paese e l'ex generale golpista Muhammadu Buhari un islamico delle regioni settentrionali un uomo che aveva già guidato uno dei governi militari negli Anni Ottanta e che oggi pilota l'opposizione al partito di Goodluck.Quando il capo della Commissione elettorale Jega decise di rinviare il voto che era già stato fissato per il 14 febbraio l'opposizione insorse accusando il governo di aver voluto soltanto guadagnare tempo per continuare a comprare il consenso di capitribù e politici locali. Ma il governo di Jonathan ha adoperato queste settimane per provare a scrollarsi di dosso l'accusa più pesante: quella di essere stato incapace di fermare l'offensiva terroristica e militare di Boko Haram degli ultimi mesi.Nata a Maiduguri la capitale dello stato settentrionale del Borno l'organizazzione fu fondata da un predicatore Mohamed Yusuf che dal 2002 mise in piedi una moschea e una madrassa per allevare giovani combattenti da lanciare in nome dell'Islam contro le autorità federali nigeriane. Nel 2009 i primi scontri massicci fra polizia e Boko Haram provocarono un intervento dell'esercito che fece 700 morti. Yusuf fu catturato e giustiziato sommariamente. Da quel momento il gruppo è entrato in clandestinità incattivendosi e si è dato un nuovo capo che oggi è difficile non classificare come il peggior paranoico fra i leader jihadisti dedito ad ogni forma di violenza sistematica: Abubakr Shekau.L'obiettivo iniziale di Boko Haram era quello di consolidare la legge islamica la sharia nel Nord della Nigeria. Shekau come il califfo dell'Is ha una visione più globale imporre l'Islam in tutto lo stato nigeriano ricorrendo e utilizzando la violenza per sterminare gli infedeli ovvero tutti cristiani e musulmani quelli che non seguono il suo insegnamento. Da allora migliaia di morti in attacchi a chiese scuole mercati con bombardamenti di ogni tipo arrivando ad adoperare come kamikaze ragazzine di 16 15 e anche 10 anni.A metà aprile del 2014 il rapimento delle 200 ragazze del liceo di Chibok nell'Est dello stato del Borno. Quando anche Michelle la moglie di Barack Obama si fece ritrarre con un cartello della campagna bring back our girls Boko Haram non poté che festeggiare: la sua violenza paranoica e brutale lo aveva portato a un livello di notorietà stellare.Da febbraio l'esercito della Nigeria con il sostegno del Ciad e del Niger ha lanciato alcune offensive per riconquistare terreno a Boko Haram. Per ora ci sono riusciti ma è certo che in questi giorni di frenesia elettorale da qualche parte perfino nella capitale Abuja i kamikaze torneranno a colpire pesantemente.La Nigeria fra l'altro ha sempre vissuto la sua vita pubblica con un livello di violenza inaudito. Tutti si aspettano che fra gli uomini di Goodluck Jonathan e quelli dell'ex generale Muhammadu Buhari scoppieranno violenze di ogni tipo. I capi della polizia hanno chiuso le frontiere terrestri e marittime la polizia è stata mobilitata ovunque e se non sarà Boko Haram saranno le milizie dei candidati locali a infiammare il paese. Chi perderà accuserà l'avversario di brogli di sicuro il governo ha rimesso in movimento la sua macchina di corruzione e acquisto di voti. Il governo è stato messo in difficoltà anche dal crollo del prezzo del petrolio. Oltre al petrolio il paese è ricchissimo di mille risorse ma l'oro nero è diventato quasi la monocoltura di un gigante malato. Jonathan ha fatto investimenti per rilanciare l'agricoltura ma l'obiettivo dei rapaci funzionari che infestano lo stato nigeriano è quello di arricchirsi non di aiutare gli agricoltori a rendersi autosufficienti. Il voto in Nigeria sarà un inferno di violenza. La democrazia ha un prezzo ma in Africa tutto costa molto di più: in Nigeria il prezzo del voto potrebbe essere davvero assai pesante.di NICOLA GRIGIONLe guerre non sono tutte uguali ma hanno sempre una cosa in comune: insieme a migliaia di vittime mortificano anche la verità. È così anche nel conflitto di Boko Haram. Dall'inizio dell'anno il gruppo ha già insanguinato la Nigeria con 2. 500 vittime e chi si imbatte nella sua storia deve fare i conti con informazioni opache smentite spiazzanti ed ipotesi mai confermate. L'incubo jihadista porta sempre con sé la ricerca morbosa di retroscena e una certa dose di enfasi nel raccontarli. Sugli eventi di questo decennio si sono così allungate molte ombre che hanno finito per confondere la realtà con la leggenda. Una cosa però è certa: i crimini di Boko Haram così come gli accesi dibattiti sull'Islam non bastano da soli a spiegarne l'ascesa.Uno degli eventi più controversi di questo decennio è la morte del leader storico del gruppo Mohammed Yusuf che ha segnato indelebilmente la storia di Boko Haram e di tutta la Nigeria. Il 30 luglio 2009 la polizia dichiarò di averlo ucciso in uno scontro a fuoco nella città di Maiduguri ma fu subito smentita da un ufficiale dell'esercito. Poche ore dopo mentre si trovava nelle stanze del commissariato Yusuf fu giustiziato dagli agenti che lo avevano in custodia ed insieme a lui se ne andarono anche le informazioni preziose che poteva fornire. La vicenda oltre a profonde lacerazioni ha lasciato in eredità anche molte congetture.Se Yusuf fu freddato per un eccesso di trionfalismo o per le verità imbarazzanti che poteva rivelare poco importa. Ciò che conta come ci racconta Ryan Cummings capo analista della Tony Blair Faith Foundation è che l'esecuzione extragiudiziale del leader storico del gruppo ha avuto l'effetto di scatenare un senso di rivalsa contro il governo che insieme agli abusi dell'esercito è la ragione principale dello sviluppo e della crescita di Boko Haram. A volte la realtà è molto più scomoda di quanto non lo siano i misteri che pretendono di celarla.Lo sa bene Ahmed Salkida l'unico giornalista ad aver mai intervistato i vertici di Boko Haram. A settembre quando il governo ha annunciato per la terza volta la morte del successore di Yusuf l'ombroso Abubakar Shakeau che minaccia il mondo con i suoi video è stato un suo tweet a smentire la notizia. Lo stesso è successo a novembre con l'identità di un impostore che negoziava con l'esercito la liberazione delle 276 ragazze rapite dai miliziani a Chibok nell'aprile 2014. La sua è la storia di un ragazzo cresciuto nelle strade di Maiduguri dove ha visto gli amici d'infanzia sposare l'islamismo radicale e unirsi agli jihadisti.Gli articoli di Salkida raccontavano le atrocità dell'esercito e la corruzione delle istituzioni locali per questo sono diventati anche il suo capo di imputazione. Nel 2009 quando è iniziata l'insurrezione era diventato una presenza ingombrante e le sue informazioni anziché preziose cominciavano a risultare scomode. Accusato di essere un membro di Boko Haram e di umanizzare il volto dei miliziani è stato arrestato picchiato e poi liberato. Nel 2013 ha lasciato la Nigeria per rifugiarsi a Dubai da dove attraverso i socialnetwork continua a punzecchiare il governo di Goodluck Jonathan. Oggi non rilascia interviste: quanto la Nigeria abbia paura della verità Salkida lo ha vissuto sulla sua pelle.I veri misteri nella storia di Boko Haram riguardano invece gli intrecci del gruppo con gli apparati dello stato. Le ultime accuse sono arrivate dagli Stati Uniti a fine febbraio. Due ufficiali americani hanno infatti denunciato un'azione di sabotaggio da parte degli alti ranghi dell'esercito guidato dal Capo di Stato Maggiore Ibrahim Babangida. Secondo gli statunitensi i suoi uomini avrebbero rivelato a Boko Haram i particolari del piano preparato da Washington per liberare le 276 ragazze poco dopo il rapimento di Chibok.La missione di cui era stato informato solo il comando di Abuja prevedeva l'uso di gas soporiferi contro gli jihadisti ma quando gli elicotteri delle forze speciali Usa hanno sorvolato il luogo di prigionia individuato nella foresta di Sambisa hanno trovato ad attenderli i miliziani con il volto coperto da maschere antigas. Così il blitz è fallito. Finora il presidente Jonathan Goodluck non ha smentito alimentando lo spettro delle infiltrazioni.Se c'è invece un'innegabile verità che questa coltre di fumo non può coprire sono i pesanti abusi commessi dalle truppe governative contro la popolazione civile. Un video diffuso da Amnesty International riprende i militari mentre decapitano un gruppo di sospetti Boko Haram con le stesse modalità usate dagli jihadisti. Per questo la popolazione teme le incursioni dei miliziani tanto quanto quelle dell'esercito responsabile di esecuzioni sommarie torture e violenze sui civili che sono diventati linfa vitale per la crescita della setta.Queste sono solo alcune delle controverse vicende che insieme all'ascesa di Boko Haram hanno segnato anche la storia della Nigeria attraversata dalle stesse miserie umane di sempre. Tra la gente più povera del Pianeta e le istituzioni più corrotte del West Africa dove la popolazione ha conosciuto lo Stato solo per i suoi abusi Boko Haram ha offerto ai giovani la possibilità di usare la religione come strumento di trasformazione sociale e politica lavorando sulle crepe di una società che hanno radici molto profonde ci ricorda Kyari Mohammed membro del Nigeria Security Network e direttore del Centro Studi per la Pace e la Sicurezza della Modibbo Adama University di Yola una delle zone controllate dagli jihadisti.Sabato 28 marzo il paese affronterà le elezioni per eleggere il nuovo presidente. Qualsiasi sia il risultato delle urne il nuovo governo dovrà fare i conti con la realtà di questa guerra e i tanti promemoria che ne ricordano i fallimenti. Dopo cent'anni l'eredità del dominio coloniale ed i suoi errori sembrano tornati a chiedere il conto.di NICOLA GRIGIONLa Commissione decide di non riconoscere la protezione. Nonostante tutto il mondo guardi con timore Boko Haram si conclude così la maggior parte delle decisioni sulle domande d'asilo presentate in Italia dai cittadini nigeriani. Solo lo scorso anno sono state più di 10. 000. Dal 2008 ad oggi ne sono arrivate in tutto 35. 000 e quella nigeriana è sempre stata tra le prime tre nazionalità per numero di richiedenti. Eppure tra i dati di chi ha ottenuto una qualsiasi forma di protezione i cittadini della Nigeria scompaiono come se anche tra le statistiche fossero destinati alla clandestinità.Non è andata diversamente a Peter un uomo di 35 anni dall'aria pacata che incontriamo insieme al suo legale l'avvocato Giovanna Vascellari. È un cristiano originario del Kano State nell'estremo Nord del paese. In Nigeria faceva il tipografo e per lavoro si muoveva in tutta l'area settentrionale dove Boko Haram si mischia alla gente e controlla tutto e tutti. Conosce la lingua hausa e le sue due sorelle convertite all'Islam gli hanno insegnato molto del Corano. Grazie a loro durante un viaggio di lavoro nel Kaduna State è scampato ad un'esecuzione. Ti fermano per strada dice vogliono sentire come parli devi recitare parti del Corano vogliono capire se le tue parole tradiscono la fede cristiana e se lo fanno ti uccidono. Anche per questo dopo la morte del cugino fatto a pezzi durante un attacco dei miliziani in un villaggio del Katsina State al confine con il Niger ha capito che la Nigeria non era più il suo posto.Tra le mani stringe una borsa in cui protegge i documenti di una vita. Pochi giorni fa è andato a ritirare il suo permesso di soggiorno ma quel pezzo di plastica gli è costato un'attesa lunga tre anni. Ironia della sorte anche in Italia hanno esaminato attentamente le sue parole per decidere il suo destino. Nel 2012 la Commissione gli ha negato la protezione internazionale perché dimostrava una conoscenza del cristianesimo limitata agli aspetti rituali. Così si è dovuto rivolgere ad un Tribunale per ottenere giustizia. Ma non è l'unico.Anche se i dati forniti dal Viminale non permettono un confronto preciso dai documenti emerge la dimensione di questa curiosa discriminazione. Delle oltre 24. 000 domande d'asilo presentate da cittadini nigeriani ed esaminate tra il 2008 ed il 2013 quelle che si sono concluse con il riconoscimento di una forma di protezione sono meno di 9. 000 e superano il 30% solo grazie ai 4. 000 permessi di soggiorno umanitari concessi d'ufficio dal Ministero dell'Interno nel novembre 2012. Le ragioni dei rigetti sono principalmente due: l'incapacità dei ricorrenti di fornire prove credibili e la possibilità di spostarsi in altre zone più sicure all'interno della Nigeria. Entrambe però faticano a reggere di fronte ai rapporti stilati da decine di organizzazioni internazionali che oltre alla violenza indiscriminata di Boko Haram documentano gli abusi contro le donne la pena di morte inflitta alle coppie dello stesso sesso le torture e le atrocità commesse dall'esercito che si estendono a tutto il paese considerato tra i più pericolosi al mondo. Così spesso i giudici cancellano le decisioni delle Commissioni. Non tutti però possono permettersi un ricorso e la situazione dei richiedenti asilo nigeriani anche di fronte alla giustizia rimane un problema.È forse perché ormai conosce le impervie della nostra burocrazia che Chinedu 27 anni anche lui di Kano non ostenta la stessa tranquillità di Peter. È arrivato in Italia seguendo la rotta balcanica nascosto in un container carico di sementi. E' qui da un anno ma ancora non ha potuto raccontare la sua storia alla Commissione. Ha la pelle dura come la corteccia di un albero e due occhi che ti sfidano ma quando parla della Nigeria la voce lo tradisce. Alle spalle si è lasciato il ricordo di un pomeriggio in cui con una scusa si è allontanato dal negozio della madre nella stazione di Sabon Gari il quartiere cristiano di Kano. Poi mentre giocava a calcio con gli amici ha visto una colonna di fumo alzarsi sopra la sua testa: 60 morti. Era il 18 marzo 2013 e da quel giorno non ha più visto sua madre. Oltre a lei i miliziani gli hanno portato via una lunga lista di amici. Due in particolare li ricorda mentre dopo l'ennesimo attentato correvano tra la folla senza una direzione precisa. Senza saperlo si stavano dirigendo verso gli jihadisti camuffati da soldati: fu una strage. Poi dopo le incursioni dei miliziani iniziarono altri problemi perché l'esercito imponeva il coprifuoco. Ho visto un signore che trasportava della merce cercare di aggirare un blocco per non perdere i suoi soldi. È stato freddato dai militari con una raffica di colpi racconta Chinedu.Quando gli chiediamo chi sono quelli di Boko Haram è lapidario: Sono dappertutto. Vivi in mezzo a loro ma non puoi sapere chi sono. Per questo adesso la sua preoccupazione è tutta per l'audizione in Commissione. Con un diniego rischierebbe il rimpatrio. Chi lo proteggerebbe da Boko Haram?di NICOLA GRIGIONSono conosciuti come Boko Haram in lingua hausa siginifica l'educazione occidentale è proibita ma il loro vero nome è Ahl alSunna li'lDa'wa wa'lJihad persone impegnate nella diffusione degli insegnamenti del Profeta e nella Jihad. Il gruppo mosse i suoi primi passi nel 2002 quando un ristretto nucleo di militanti si riunì nell'accampamento di Kanama in una zona rurale dello Yobe State nel Nordest della Nigeria. Nei primi anni però non riscosse molto successo.Solo nel 2005 quando l'ardente studioso di letteratura jihadista Mohamed Yusuf tornò da un periodo di studi coranici in Arabia Saudita e affermò la sua leadership Boko Haram iniziò a crescere dando il via ad una lunga fase di proselitismo sposando le posizioni più intransigenti dell'Islam radicale e affermando la legittimità dell'omicidio contro i miscredenti. Dopo la morte di Yusuf nel 2009 la guida passò ad Abubakar Shakeau l'attuale capo del gruppo che diede il via ad una feroce stagione di violenze.Ora secondo i rapporti dell'Intelligence Boko Haram può contare su 6. 000 o forse 9. 000 uomini che controllano un'area grande quanto il Belgio dove sono radicati nei villaggi delle zone rurali. La loro minaccia però si estende a tutte le città del centronord a maggioranza musulmana. L'incursione più sanguinaria di Boko Haram è avvenuto tra il 3 ed il 7 gennaio di quest'anno a Baga dove i miliziani hanno provocato un numero imprecisato di vittime. Il Ministero della Difesa parla di 150 morti le popolazioni residenti invece ne ipotizzano circa 2. 000.Nel 2013 il Dipartimento di Stato americano ha inserito Boko Haram nella lista delle organizzazioni terroristiche internazionali e sempre nel 2013 il governo Nigeriano ha dichiarato lo stato di emergenza negli Stati dello Yobe del Borno e dell'Adamawa. Loro invece su quello stesso territorio nel giugno 2014 hanno proclamato la nascita di un Califfato. Di recente Abubakar Shakeau l'attuale capo del gruppo ha giurato fedeltà al Califfo di tutti i musulmani Abu Bakr AlBaghdadi il leader dello Stato Islamico che ha poi confermato l'alleanza. Ma sulla possibilità che questo legame abbia ripercussioni reali gli analisti sono molto cauti. Di concreto ci sono invece le 10. 000 vittime ed il milione e mezzo di sfollati provocati dal conflitto nigeriano.Macerie a Sanaa dopo i raid sauditi Epa Lunedì per la quinta notte consecutiva la coalizione araba a guida saudita ha bombardato obiettivi dei ribelli sciiti Huthi a Sanaa nel sud del Paese e nella provincia settentrionale di Saada di cui gli stessi Huthi sono originari. Lo riferisce la televisione panaraba Al Jazeera secondo la quale Riad ha anche schierato migliaia di soldati lungo il confine con lo Yemen. Ma al momento ha detto il portavoce militare della coalizione il generale Ahmed al Asiri non è prevista alcuna importante operazione di terra. Sembra che i raid nella capitale Sanaa abbiano colpito oltre che il quartiere diplomatico anche depositi di armi che si trovavano in tunnel scavati nelle montagne affacciate sulla città. Il ministero della Salute di Sanaa controllato dal movimento houthi ieri ha riferito che i raid hanno ucciso 35 persone e ne hanno ferite altre 88 nella notte tra sabato e domenica. Porti sotto controllo Intanto le forze navali della coalizione araba a guida saudita sono schierate davanti a tutti porti dello Yemen impedendo l’arrivo di armi e di miliziani dall’estero per i ribelli sciiti Houthi che gli arabi accusano di essere sostenuti dall’Iran. Secondo alcune fonti militari per la prima volta nel conflitto in Yemen sono intervenute direttamente navi da guerra della coalizione a guida saudita con un bombardamento di un’unità degli Houthi e forze fedeli all’ex presidente yemenita Ali Abdullah Saleh mentre cercavano di avvicinarsi ad Aden. Il generale saudita portavoce della coalizione Ahmed al Asiri dice che i raid aerei sono concentrati soprattutto sulla distruzione di depositi di munizioni degli Houthi e che la pressione su di loro aumenterà nei prossimi giorni. Colpiti campo profughi e palazzo presidenziale Nei raid è stato colpito anche un campo profughi: il bilancio dei morti è salito a 45 più 65 feriti secondo quanto riferiscono fonti dei ribelli. Il campo rifugiati si trova nel distretto settentrionale Haradh. Il campo si trova vicino a una base militare. Intanto nella capitale Sanaa controllata dai ribelli sciiti i jet hanno colpito l’area del palazzo presidenziale vicino al quartiere diplomatico. Colpiti anche depositi di armi nelle montagne circostanti la capitale. Ancori scontri ad Aden E si continua a combattere nel sud del paese ad Aden dove sono almeno un centinaio i morti secondo quanto riporta l’emittente alJazeera spiegando che gli ultimi scontri sono esplosi nel distretto di Dar Saad ad Aden tra gli uomini fedeli al presidente Abd Rabbo Mansour Hadi e gli houthi. Uomini vicini al presidente hanno anche detto ad al Jazeera di aver riconquistato l’aeroporto passato di mano più volte negli ultimi giorni mentre scontri a fuoco cono in corso nel distretto centrale di Crater ad Aden. Violenti scontri sono stati registrati anche nella provincia di Shabwa dove le tribù locali di Beihan hanno detto ad al Jazeera che almeno 40 miliziani houthi sono stati uccisi in battaglia. Rimpatri Dopo il Pakistan che si è aggiunto alla coalizione e ha rimpatriato i suoi concittadini ora è l’Egitto che pensa a come far uscire i suoi connazionali dal paese. Il Cairo si sta coordinando con Arabia saudita e Oman: i rimpatriati tornerebbero in Egitto passando via terra da Arabia saudita a nord e Oman a est. Sono tra i 6. 000 e i 7. 000 gli egiziani in Yemen di cui 500 sposati con donne yemenite ha stimato il ministro per le Migrazioni egiziano Nahed alAshr.ROMA Il palazzo è inagibile i rifugiati sono stati ospitati presso altre strutture. E le indagini per accertare se l’incendio sia doloso sono appena all’inizio: c’è il sospetto fondato che le fiamme divampate nella notte di domenica 29 marzo nel centro d’accoglienza di via Amarilli alla Rustica siano state appiccate per motivi ancora sconosciuti. È una delle ipotesi dei carabinieri in attesa della relazione dei vigili del fuoco intervenuti alle 24. 30 per domare l’incendio scoppiato al primo piano dell’edificio un ex rifugio per clochard contro il freddo trasformato in centro di accoglienza per nomadi e immigrati francomarocchini gestito dalla cooperativa Casa della solidarietà. All’interno del palazzo di tre piani si trovavano 103 persone compresi 62 minorenni due neonati tre donne incinta e alcuni malati che sono state fatte uscire dai soccorritori. Nessuna di loro è rimasta ferita. Le fiamme sarebbero partite da alcuni locali in disuso propagandosi poi nella parte dove si trovano gli uffici degli operatori. A dare l’allarme sono stati alcuni rifugiati che hanno visto il fumo uscire dalle stanze e invadere i corridoi e la tromba delle scale. Il sopralluogo dei pompieri ha svelato la presenza di gravi problemi strutturali in parte già esistenti prima del rogo: cavi elettrici volanti parabole tv montate in maniera poco sicura vetrate senza manutenzione. Da qui la decisione di dichiarare inagibile tutto l’edificio. Un’altra tegola nella galassia dell’accoglienza nella Capitale dopo l’inchiesta sul mondo di mezzo che ha portato alla luce i traffici illeciti che si facevano sulla pelle degli immigrati proprio con l’assistenza e l’accoglienza. Per il sindaco Ignazio Marino l’incendio è particolarmente grave. Sono preoccupato per un episodio che arriva in un momento in cui questa amministrazione sta smantellando un sistema su cui aveva investito anche la criminalità organizzata: mettere le mani in questo mondo ha costretto da qualche settimana sotto scorta l’assessore alle Politiche sociali Francesca Danese per le minacce ricevute. L’Amarilli ha ospitato anche rom provenienti dagli sgomberi degli insediamenti di Casilino 900 La Martora e Ponte Mammolo. Al suo interno la cooperativa sociale Ermes era l’ente che si occupava dell’inclusione e dell’integrazione del minori. Le polemiche non sono mai mancate: nel 2014 si calcolava che ogni ospite della struttura costasse al Comune poco più di 900 euro al mese. Dall’associazione 21 Luglio sottolineavano come il centro di raccolta rom uno dei tre a Roma costati circa 6 milioni di euro nel 2013 risulta l’insediamento formale con la spesa procapite più alta a fronte di un investimento per l’inclusione sociale dei rom pari allo 0%. Ma se la nostra guardia costiera continua a operare da sola i salvataggi in mare a che cosa serve #Triton? #europasvegliati — Laura Ravetto @lauraravetto March 4 2015 Gli eventi nel Mediterraneo hanno acuito il senso di emergenza e abbiamo deciso di accelerare sull'Agenda europea sulle migrazioni anticipandola a metà maggio mentre prima era previsto a metà luglio. L'annuncio arriva dal primo vicepresidente della Commissione Ue nel giorno in cui l'ennesima tragedia in mare con 10 morti nel canale di Sicilia ha riacceso le polemiche. Occorre un atteggiamento aggressivo nella lotta ai trafficanti di esseri umani responsabili di tragedie come quelle avvenute stanotte ha detto Timmermans che poi ha aggiunto: L'immigrazione è un problema che riguarda tutti gli Stati membri non è più Mare Nostrum ma Europa nostra.Timmermans ha sostenuto che l'Unione europea Ue deve cooperare anche con i regimi dittatoriali per fronteggiare il fenomeno dell'immigrazione contrastare i trafficanti e proteggere meglio i propri confini. Il dibattito è stata abbastanza acceso ha ammesso il vicepresidente durante la conferenza stampa congiunta con il commissario all'Immigrazioneal termine del dibattito. Queste tragedie nel Mediterraneo rafforzano il sentimento di urgenza ha commentato Timmermans parlando delle vittime nel canale di Sicilia.Avramopoulos ha affermato: Non dobbiamo essere ingenui. Il fatto che cooperiamo nell'ambito dei processi di Khartoum e Rabat... con dei regimi dittatoriali non significa che li legittimiamo. Noi non offriamo alcuna legittimità democratica e politica a questi regimi ma dobbiamo cooperare laddove abbiamo deciso di lottare contro il traffico di esseri umani.Per l'Alto rappresentante Ue agli Affari esteri sulla gestione dell'immigrazione la risposta che deve dare l'Europa è quella del lungo termine. Bisogna risolvere la crisi in Siria e affrontare la situazione nell'Africa del Nord. Occorre costruire un'autorità statale in Libia che abbia il controllo del territorio e delle frontiere di terra e in mare. Mogherini che ha sottolineato che il tema delle politiche migratorie della Ue sarà in agenda del prossimo consiglio Ue esteri perché tragedie come quella della scorsa notte non si ripetano più ha anche annunciato che l'Unione europea lancia una revisione della sua politica di vicinato nei confronti dei sedici Paesi che la circondano dopo essere stata accusata da alcuni di aver risvegliato l'aggressività della Russia che ha condotto alla guerra in Ucraina. Una riflessione approfondita che interviene mentre le regioni al sud e all'Est della Ue sono in fiamme ha spiegato la responsabile dalla politica estera. Dopo che la politica di vicinato dotata di un fondo di 15 4 miliardi di euro per il periodo 20142020 si è concentrata finora su commercio cooperazione economica e liberalizzazione dei visti Mogherini ha proposto nuovi ambiti di collaborazione dalla sicurezza energetica alla lotta al terrorismo e al crimine organizzato. La presidente della Camera scrive al presidente dell'Europarlamento Shulz: Di fronte al ripetersi di queste tragedie l'Unione europea non può non sentirsi chiamata in causa. Boldrini sottolinea che l'aggravarsi delle situazioni in alcuni Paesi della sponda meridionale del Mediterraneo e in particolare in Libia potrebbe far precipitare la situazione. Per questo chiede un'azione comune da parte dei 28 Parlamenti dell'Ue.. Un sistema comune per l'asilo una nuova politica europea sull'immigrazione regolare il rafforzamento del contrasto all'immigrazione irregolare e al traffico i esseri umani e del controllo alle frontiere esterne. Queste le quattro aree individuate dalla Commissione europea che ha avviato un lavoro di revisione della propria politica sull'immigrazione. L'Europa batte un colpo e va nella direzione giusta. Ma bisogna fare presto. La decisione della Commissione europea di accelerare sull''Agenda europea sulle migrazioni' anticipandola a meta' maggio viene sicuramente incontro alle richieste da sempre espresse dal governo Renzi. È una buona notizia ma occorre passare dalle parole ai fatti ha commentato il sottosegretario agli Affari europei. Altri 10 morti e 900 clandestini pronti a sbarcare. A Roma e a Bruxelles ci sono tasche piene e mani sporche di sangue. Stop alle partenze stop alle morti stop invasione! Renzi e Alfano siete pericolosi per gli italiani e per gli immigrati è stato l'attacco del segretario della. Più tardi il segretario del Carroccio ha rincarato: Quei morti pesano sulla coscienza di chi invita queste persone a partire quindi Renzi Alfano e l'Unione europea hanno sulla coscienza quei morti. Ormai ci stiamo avvicinando a quota 4mila morti in poco più di un anno perché più gente viene invogliata a partire più gente annega in mezzo al mare. Quindi quei morti hanno un nome e un cognome dei responsabili. E ha respinto le accuse: ''La Lega non specula sui morti come falsamente scrivono certi giornali. Sono altri che hanno fatturato milioni di euro sui viaggi nel Mediterraneo a destra come a sinistra. Loro hanno le mani sporche''.La comunità internazionale abbia chiaro che l'immigrazione non è una problema che riguarda un solo Paese ma tutti ha replicato il ministro dell'Interno. Quello di oggi ha sottolineato il responsabile del Viminale è un evento successo a 30 miglia dalle coste della Libia e che ha determinato un soccorso italiano nei confronti di immigrati che rischiavano di morire. Poi ospite della trasmissione Dalla vostra parte su Rete 4 il ministro ha adottato toni decisamente più duri nei confronti del leader della Lega: Forse Salvini voleva più morti così prendeva più voti. Salvini ha rincarato Alfano non haun'idea una ricetta una strategia sull'immigrazione. Sa solo protestare contro il Governo. Ma noi abbiamo il dovere di dire la verità agli italiani: l'immigrazione oggi significa Libia. Se l'Europa e la comunità internazionale non risolvono il problema noi conteremo i cadaveri. Il punto essenziale non è l'Italia ma l'Europa che dà lo stipendio a Salvini.Sulla stessa linea di Salvini il senatore di: Centinaia di immigrati pronti a sbarcare e ancora una tragedia nel Canale di Sicilia. Un disastro in serie che questo governo di incapaci non ferma ha detto . Si continua a tollerare l'azione cinica dei criminali che alimentano traffici cresciuti a dismisura. E sulle carrette possono nascondersi terroristi pronti a colpire il nostro Paese. Questi cedimenti hanno incoraggiato il crimine causato ancora vittime riempito le nostre città di clandestini. Un disastro sociale che pesa sulle coscienze del governo italiano.Fi presidente del Comitato Schengen lanciando su Twitter l'hashtag #europasvegliati si chiede: Ma se la nostra guardia costiera continua a operare da sola i salvataggi in mare a che cosa serve Triton?. capogruppo diin Commissione Esteri alla Camera invita a riaprire Mare Mostrum: Basta così ogni morto peserà sulle nostre coscienze. Almeno stavolta non piangeteli. Riaprite Mare Nostrum ha scritto su Twitter.Risponde al leader del Carroccio vicepresidente del gruppo diNcd Udc alla Camera: Salvini si dovrebbe vergognare. La sua politica fatta solo di insulti e di immagini irrispettose di fronte all'orrore di nuovi morti sono la cifra di un vuoto programmatico disarmante. La verità è che sotto l'insulto di Salvini non c'è niente. Siamo ancora in attesa di conoscere cosa abbia fatto o stia facendo Salvini in Europa. Solo qualche giorno fa aveva annunciato con fiero cipiglio che sull'emergenza immigrati se ne sarebbe occupato lui andando a parlare con Juncker. Forse eravamo distratti ma ci conforterebbe sapere se almeno è stato ricevuto conclude Bianchi.Anche segretario nazionale di risponde al segretario della Lega: A Salvini che non coglie mai l'occasione per tacere chiedo di smetterla di speculare sulla pelle dei morti visto che le leggi razziste volute dalla Lega conclude sono la causa di questa disastrosa situazione... Per interrompere questa tragedia senza fine bisogna ripristinare subito Mare nostrum per fare in modo che le persone vengano salvate e vanno potenziati i soccorsi in mare. Allo stesso tempo serve la convocazione immediata del consiglio di sicurezza dell'Onu che elabori un piano di intervento per evitare le morti in mare aprendo un piano globale di accoglienza per i migranti.I corpi di 10 migranti vittime del ribaltamento di un gommone carico di profughi sono stati recuperati nel Canale di Sicilia dalla nave Dattilo che sta facendo rotta verso Augusta. Sull'imbarcazione ci sono altri 439 extracomunitari.In totale sono circa un migliaio i migranti soccorsi in diverse operazioni nel Canale e che stanno per approdare in alcuni porti siciliani. Oltre alla Dattilo sono impegnate una petroliera che sta portando 183 persone a Pozzallo. Altri 319 migranti approderanno su un'altra nave intorno alle 10. 30 a Porto Empedocle. Complessivamente sono stati soccorsi 5 gommoni e 2 barconi carichi di migranti di sedicente provenienza siriana palestinese tunisina libica e subsahariana. Tra le persone tratte in salvo oltre 30 bambini e più di 50 donne di cui una incinta per la quale si è resa necessaria l'urgente evacuazione medica con una motovedetta classe 300 della guardia costiera di Lampedusa.Parte delle 500 persone imbarcate dalla Dattilo erano sul gommone che si è ribaltato le altre su un secondo gommone raggiunto dall'unità della Guardia costiera. Contestualmente la sala operativa del comando generale delle Capitanerie di porto ha dirottato in soccorso di un terzo gommone con 200 immigrati circa a bordo la petroliera che è stata poi indirizzata a Pozzallo. Ad Augusta è stato già predisposto dalle forze dell'ordine il dispositivo per lo sbarco dei cadaveri e dei superstiti.La Procura di Siracusa ha aperto unìinchiesta sul naufragio che causato la morte di 10 migranti dopo il ribaltamento di un gommone nelle acque del Canale di Sicilia. L'ipotesi di reato è omicidio. Le indagini condotte dal Gruppo interforze della Procura hanno accertato che le vittime erano insieme ad altre 120 migranti sul natante che si è rovesciato mentre altre 309 si trovavano su un'altra carretta del mare. Le salme e tutti i profughi sono stati trasbordati sulla nave Dattilo della Guardia Costiera che è nel porto di Augusta per le 19.Un barcone di clandestini a Lampedusa lapresse ROMA Nel 2015 dobbiamo essere preparati ad affrontare una situazione più difficile dello scorso anno. Lo ha affermato il direttore di Frontex Fabrice Leggeri in un'intervista all'Ansa. A seconda delle fonti spiega ci viene segnalato che ci sono tra i 500mila ed un milione di migranti pronti a partire dalla Libia. Leggeri ha toccato anche il tema della possibile presenza dell'Isis dietro il traffico dei migranti in Libia: Dobbiamo essere coscienti dei rischi. Ad ora non ho prove per dire che hanno la situazione dell'immigrazione illegale sotto controllo. Ma dobbiamo stare attenti. Abbiamo prove che i migranti sono stati forzati a salire sulle imbarcazioni con le armi dice . Non ho niente per dire se fossero terroristi. C'è preoccupazione tra gli Stati. Perchè se questo non accade ora potrebbe accadere in futuro. Leggeri ha parlato anche del ruolo dell'associazione nell'emergenza legata agli sbarchi: Se si vuole che Frontex faccia più operazioni abbiamo bisogno di risorse e staff e dell'impegno degli Stati membri a rendere disponibili i loro mezzi ha dichiarato aggiungendo poi che Frontex è una parte. Da solo non è sufficiente ad affrontare questo enorme problema. Ad esempio la cooperazione con i Paesi terzi è molto importante. Le autorità italiane hanno fatto passi per rafforzare la sicurezza e mitigare il rischio dopo le minacce di trafficanti armati durante un salvataggio vicino alle coste libiche ha affermato il direttore esecutivo di Frontex non posso entrare nello specifico perché sono informazioni sensibili. Su questo abbiamo avuto anche uno scambio di vedute con gli Stati Ue. Ma questo non significa che domani non ci siano incidenti. E' vicino alle coste libiche che c'è il rischio. Leggeri ha anche spiegato come la competenza dei soccorsi spetti allo Stato membro e come l'agenzia Ue fornisca invece aiuti: Non c'è contraddizione tra la missione di Triton ed il suo contributo alle operazioni di ricerca e salvataggio. Sono complementari. L'operazione Triton è sotto la catena di comando italiana che si occupa di controllo delle frontiere. La ricerca ed il salvataggio in mare rientrano invece sotto la competenza di una diversa catena di comando ha spiegato Leggeri . Ma se c'è bisogno di fare soccorso in mare i due comandi si parlano e Triton interrompe le operazioni di controllo delle frontiere e rende disponibili i mezzi di Frontex per la ricerca e il salvataggio fino a quando c'è necessità. Dal primo novembre un terzo delle vite sono state salvate grazie al nostro contributo. Alle parole di Leggeri ha replicato il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni: Non serve sollevare allarmi e allarmismi si tratta di impegnarci di più noi italiani e l'Europa per fronteggiare il fenomeno delle migrazioni. Quello che chiediamo a Frontex è maggiore collaborazione. Certamente c'è un incremento di immigrazione ha aggiunto il ministro ma non mi metterei a dare particolari numeri. Bisogna lavorare sui numeri dell'impegno comune anche economico per fronteggiare questa situazione. Io francamente più che occuparmi di scenari più o meno allarmanti sto cercando la collaborazione dell'Unione europea per tenere il più possibile sotto controllo questo fenomeno. L' immigrazione ci sarà sempre ma possiamo dare un contributo per renderla più regolare e più compatibile con le condizioni di accoglienza e di umanità che sono necessarie. Sulla stessa linea del ministro anche Christopher Hein direttore del Cir Consiglio Italiano per i Rifugiati: Frontex farebbe bene a non alimentare allarmismi. E' inutile sparare cifre 500mila un milione in arrivo dalla Libia e fare previsioni molto più opportuno pensare concretamente ai disperati che arrivano sulle coste europee. Prima di diffondere numeri sulla base di qualche studio sarebbe il caso di pensare a come creare corridoi umanitari per consentire un approdo in sicurezza a quanti lasciano il Nord Africa. Non è detto ha aggiunto Hein che tutti coloro che provengono dall'Africa subsahariana siano effettivamente in procinto di imbarcarsi dalle coste del Nord Africa. Anziché diffondere cifre allarmistiche sarebbe preferibile valutare effettivamente le necessità delle persone più vulnerabili che proprio in Libia sono sottoposte ad ogni tipo di violenza e di abuso. Bisogna pensare a dei canali umanitari per assicurare a chi si trova ad affrontare il Mediterraneo un arrivo in condizioni di sicurezza per quanto possibile. C’è una misura che l’Unione Europea può prendere subito: presidiare in forze il mare davanti alla Libia. L’Italia non può farlo da sola ha bisogno di aiuto. Sono certo che il Consiglio di sicurezza dell’Onu appoggerebbe l’iniziativa. Sono parole di Bernardino León l’inviato delle Nazioni Unite che media tra le fazioni libiche per spingerle a formare un governo di unità nazionale con l’obiettivo di arginare l’espansione dell’Isis nel Paese. Intanto Frontex l’Agenzia europea che si occupa degli sbarchi di migranti sulle coste europee lancia l’allarme: in Libia un milione di disperati sono pronti a varcare il Mediterraneo. Il ministro degli Esteri Gentiloni: no a inutili allarmismi. La diplomazia internazionale sta tentando forse l’ultima mediazione sulla Libia. Il dossier è nelle mani dell’inviato delle Nazioni Unite lo spagnolo Bernardino León 50 anni già segretario generale del premier socialista José Luis Zapatero. Ma c’è una misura che l’Unione Europea può prendere subito: presidiare in forze il mare davanti alla Libia. L’Italia non può farlo da sola ha bisogno di aiuto. Sono certo che il Consiglio di sicurezza dell’Onu appoggerebbe questa iniziativa. Da due giorni León guida il vertice tra le fazioni libiche ospite del governo marocchino nel Centro congressi Mohammed VI a Rabat. Obiettivo principale: un accordo per la formazione di un governo di unità nazionale. Finora a Rabat le fazioni contrapposte di Tripoli e di Tobruk non si sono neanche incontrate direttamente. C’è almeno un punto condiviso da tutti? Intanto fin dall’inizio hanno concordato di mettere in agenda i temi più brucianti. Sono consapevoli che i libici devono smettere di uccidersi gli uni con gli altri. Naturalmente questa è la premessa fondamentale per riprendere il dialogo sulla necessità di formare un esecutivo di unità nazionale e di riavviare il processo costituzionale. Fin qui abbiamo discusso su un testo che possa garantire la sicurezza nel Paese mettendo fine agli scontri. Poi abbiamo affrontato il problema del governo. Dopodiché arriverà la parte probabilmente più difficile quella sui nomi su chi dovrà guidare questa fase. Comunque colgo un clima di moderato ottimismo. D’accordo la diplomazia. Ma questi leader rifiutano persino di sedersi intorno allo stesso tavolo... Sono convinto che a lungo andare questo dialogo indiretto porterà tutte le parti a sedersi intorno allo stesso tavolo. Dobbiamo pazientare anche perché sul terreno ci sono ancora uccisioni e combattimenti. Se poi aggiungiamo che la scorsa settimana c’è stato l’attacco terroristico più sanguinoso con quaranta morti possiamo capire perché ci sia ancora molta emotività. Quanto pesa la minaccia dello Stato islamico sull’atteggiamento dei libici? Molto. Nei precedenti vertici c’era preoccupazione ma ora la minaccia viene percepita in modo sempre più pressante. Se c’è un punto su cui tutti sono d’accordo è proprio questo: l’Isis è il nemico comune. Da quello che si è capito a Rabat sono tutti d’accordo anche su un altro aspetto: no a qualsiasi intervento militare straniero. Corretto? È così. Senza un accordo preliminare tra le parti sarebbe poco realistico pensare a un qualsiasi tipo di intervento militare esterno compresa una missione di peacekeeping. Noi stiamo lavorando a un’altra ipotesi: organizzare missioni di polizia con alto contenuto di specializzazione da schierare in diverse aree molto pericolose. Penso alle montagne nella zona di Nafusa alla costa occidentale intorno a Zawiya a Bengasi. Si potrebbe trovare un’intesa con il futuro governo libico di unità nazionale per interventi circoscritti. In Italia si discute sulla possibilità di sorvegliare le coste della Libia con un presidio navale per filtrare immigrazione e bloccare le minacce dell’Isis. Che ne pensa? Nel breve periodo sarebbe importante sorvegliare la costa libica ma nel medio e lungo termine bisogna costruire un sistema più completo. Dobbiamo lavorare con i vicini della Libia ma anche all’interno del Paese ovunque ci siano reti mafiosi e criminali che trafficano in esseri umani in armi o altro. Abbiamo maturato sufficiente esperienza in casi analoghi. Ma per cominciare lei sarebbe favorevole a un blocco navale o a misure di protezione in mare... Sì ripeto sono favorevole. Anzi in questo momento è l’unica cosa che si possa fare concretamente: ce n’è bisogno. A patto che si tenga presente e questo è molto importante che l’intervento da solo non risolve il problema. Inoltre occorre sempre ricordare che il business dell’immigrazione non è collegato con il terrorismo o il traffico d’armi. L’Italia può farlo da sola? Credo che avrebbe bisogno del sostegno dell’Unione Europea. Con l’autorizzazione dell’Onu? Più si passa dall’Onu meglio è per tutti. Non penso che ci sarebbe alcun problema a ottenere il sostegno da parte del Consiglio di sicurezza. Nel Palazzo di vetro è diffusa la consapevolezza che l’Italia si trovi a fronteggiare un compito molto pesante. Anche per questo Andrea Riccardi ex ministro e fondatore della Comunità di Sant’Egidio ha proposto sul Corriere di rafforzare la sua missione affiancandole Romano Prodi. Che cosa ne pensa? Ho seguito la discussione. Intanto il mio mandato scade la prossima estate e non so che cosa decideranno il Consiglio di sicurezza e gli Stati membri delle Nazioni Unite. Posso solo dire che tutte le volte che ho parlato con il governo italiano ho ricevuto pieno sostegno e l’incoraggiamento a continuare su questa strada.... Prodi? Nello stesso tempo penso che Romano Prodi sia un politico molto intelligente e una personalità importante sul piano internazionale. Quindi qualsiasi cosa faccia o proponga per noi andrebbe benissimo. Del resto ci sono tante personalità internazionali che stanno lavorando sul dossier Libia. Frontex l’Agenzia Ue che si occupa di migrazione ieri ha comunicato che secondo nostre fonti dalla Libia sono pronte a partire fino a un milione di persone. Profetizzare invasioni catastrofiche è una specialità di alcuni partiti: ma Frontex non fa politica. E il suo vertice non dovrebbe diffondere indiscrezioni irrealistiche e allarmismi ma dati verificati e dunque utili ai governi. Fabrice Leggeri è dal 16 gennaio scorso il nuovo direttore esecutivo di Frontex l’Agenzia dell’Ue che si occupa di migrazione. Ieri ha fatto la sua prima uscita ufficiale allarmando un’opinione pubblica già sufficientemente spaventata. Secondo nostre fonti ha dichiarato dalla Libia sono pronte a partire da 500 mila a un milione di persone. Leggeri francese di Mulhouse ha 46 anni; di questi ne ha trascorsi 18 a occuparsi di sicurezza dei confini e flussi immigratori. Non si direbbe a giudicare dalle sue parole. Profetizzare invasioni catastrofiche è una specialità di alcune forze politiche europee. Il Front National in Francia per esempio o la Lega Nord in Italia. Nel 2011 anche l’allora ministro dell’Interno Roberto Maroni dichiarò che l’Europa rischiava di essere sommersa a breve da 1 milione un milione e mezzo di migranti. Frontex però non fa politica non è un centro studi né un surrogato dei servizi segreti. E allora perché il suo direttore usa un linguaggio da agente in missione speciale? Che cosa significa dire secondo nostre fonti? Quali fonti? Il vertice di un’agenzia europea non dovrebbe diffondere indiscrezioni ma dati verificati e quindi utili per le decisioni dei governi. In questo caso poi sarebbe prezioso anche il semplice buon senso. Un milione di persone pronte a partire vuol dire che sulle coste della Libia esistono centri di raccolta sterminati. Se concediamo almeno 3 metri quadrati a testa significa che in questo momento ci sarebbero spazi grandi come 600 campi da calcio gremiti di uomini donne bambini. Dire pronti a partire inoltre implica che alla fonda dei porti libici siano in attesa almeno 3. 000 gommoni. Una flotta mai vista. Se tutto ciò fosse vero le famose fonti di Leggeri potrebbero agevolmente esibire le prove. Se invece il direttore di Frontex voleva solo formulare l’ennesima previsione sul bacino potenziale di profughi ugualmente non dovrebbe avere difficoltà a correggersi. Tempestivamente. – Se l’Europa ci abbandona nella crisi la sommergeremo di migranti e tanto peggio per Berlino se in mezzo a quella marea umana di milioni di profughi economici si mescoleranno anche jihadisti dello Stato islamico. L’incredibile minaccia è stata profferita in pubblico dal ministro della Difesa ellenico il populista di destra a poche ore dall’attesa forse decisiva riunione dell’Eurogruppo sulla crisi del debito sovrano greco e il futuro dei rapporti tra Atene e l’eurozona.Se ci dànno un colpo noi risponderemo dando un colpo a loro ha affermato in pubblico Kammenos leader del partito ‘Greci indipendenti’ la neodestra populista alleata di Syriza cioè del partito di sinistra radicale del premiere del ministro delle Finanze Yannis Varoufakis . Se ci lasciano cadere allora distribuiremo ai migranti venuti da ovunque documenti validi per circolare nell’Europa delle frontiere aperte di Schengen di cui la Grecia fa parte ndr e così quella marea umana potrà andare senza problemi a Berlino.E non è finita: Non sarà poi affar nostro se l’Europa una volta che abbia adottato una posizione intransigente contro la Grecia sulla questione del debito si troverà ad affrontare una eventuale realtà spiacevole cioè il fatto che alla marea umana di milioni di migranti extracomunitari che si rovescerà su Berlino si possano mescolare terroristi dell’Isis. L’affermazione è tanto più grave in quanto nel governo Tsipras Kammenos ricopre l’incarico di ministro della Difesa e nonostante le disastrose condizioni economiche e finanziarie del paese le forze armate elleniche corresponsabili della vigilanza dei confini esterni dell’Europa di Schengen sono tra le più numerose ed equipaggiate dell’intero continente ad esempio con un’aviazione che ha oltre il doppio di aerei da combattimento rispetto a quelle francese italiana o tedesca.Diciassette versi della poesia Migrante del nigeriano Wole Soyinka premio Nobel per la letteratura nel 1986 per diciassette lapidi senza nome quelle dei migranti di nazionalità eritrea siriana e nigeriana che nella metà del mese di maggio del 2014 morirono in un naufragio al largo di Lampedusa. A promettere uno spazio adeguato nel Cimitero di Catania per quei migranti era stato il 28 maggio scorso nel Palazzo della Cultura durante una cerimonia funebre interreligiosa nella quale aveva citato proprio la poesia di Soyinca il sindaco Enzo Bianco. E stamattina davanti ai loculi interrati i due più piccoli di bambine di pochi mesi inseriti in un'area rettangolare di 140 metri quadrati hanno pregato mons. Salvatore Genchi vicario dell'Arcivescovo di Catania e Keit Abdelhafid presidente della Comunità islamica di Sicilia. Un momento intenso ha detto Bianco di grande commozione che dimostra una volta di più come Catania sia città dell'accoglienza. Qui nell'agosto del 2013 abbiamo vissuto l'orrore di vedere sei giovani vite spezzate migranti annegati a pochi metri dalla spiaggia. Da allora sono giunti sulle nostre coste migliaia di persone e abbiamo chiesto di essere aiutati ad accogliere ma l'Europa continua nel suo assordante silenzio di fronte alla colossale catastrofe umanitaria che nuovamente si annuncia con centinaia di migliaia di persone sulla costa africana pronte in primavera ad attraversare il Mediterraneo per sfuggire alla fame e alla guerra. Catania intanto ha realizzato queste sepolture al centro delle quali c'è 'La speranza naufragata' una statua alta tre metri di Pierluigi Portale realizzata dall'Accademia di Belle Arti e donata alla città. Del traffico di esseri umani e di quanto la magistratura italiana sta facendo per combatterlo ha parlato il procuratore della Repubblica di Catania Giovanni Salvi legandosi al messaggio inviato dalla presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini in cui si ricordava come solo in queste settimane 350 persone abbiano perso la vita in mare cercando di raggiungere l'Europa e che queste vanno ad aggiungersi alle 3. 300 vittime dello scorso anno. Dopo lo strappo di Flavio Tosi il leader della Lega Matteo Salvini punta sull'accordo con il partito di Silvio Berlusconi per le regionali in Veneto. Con Forza Italia ha detto durante un incontro elettorale a Vidor in provincia di Treviso abbiamo ben governato e mi piacerebbe tornare a governare. Poi riferendosi al sindaco di Verona in odore di intesa con l'area che fa capo ad Angelino Alfano: Anche perché Forza Italia ha deciso di essere opposizione del governo Renzi che è il governo delle tasse e degli immigrati. E riguardo all'invito di Alfano ai forzisti a non schierarsi con chi sostiene Zaia ha usato toni caustici: Alfano è il nulla quindi il nulla può dichiarare quello che vuole.Io mi accontento del Veneto e che l'Italia non cambi il Veneto perché ci sta provando a furia di tasse e di immigrati quindi per me viene prima il Veneto il resto dopo ha aggiunto il segretario federale del Carroccio replicando alle parole di Tosi che alla festa degli alpini aveva detto: Noi cambieremo l'italia. Quando i giornalisti gli hanno chiesto di commentare quanto affermato dallo stesso Tosi e cioè che neanche Renzi è stato cattivo con la minoranza del Pd quanto il leader della Lega con lui Salvini ha risposto: Sono cattivissimo con quelli che rischiano di fare il male dei veneti perché la partita è Zaia contro Moretti anche se la Moretti parte molto più indietro e rappresenta un governo che sta derubando i veneti e li sta ricambiando con tanti immigrati in più. Chi aiuta questo progetto ha tutta la mia cattiveria a disposizione.Salvini è poi tornato sul tema degli sbarchi di migranti dal Nord Africa: Se io fossi ministro domani mattina le navi della Marina militare italiana le userei per un blocco navale e per difendere le acque territoriali.Da parte sua il presidente del Veneto Luca Zaia ostenta serenità: Siamo tranquillissimi ha detto a chi gli chiedeva se la candidatura di Tosi costituisca un problema visto e considerato che ho la forza non dei sondaggi ma del popolo veneto che ci dà vincitori. Popolo che ci è vicino e mostra il suo calore e che da cinque anni ci sta seguendo e sa che io sono abituato a dire le cose e a farle e non a dirle e non farle mai.Dal raduno di Vidor Zaia ha inoltre annunciato che martedì mattina lancerà la sua campagna elettorale da HFarm di Roncade in provincia di Treviso incubatore di startup tra l'altro molto apprezzato da Renzi.Salvini al Cara di Mineo: 150 milioni spesi per fare giocare a pallone gli immigrati Il Cara dà lavoro No è un problema per la Sicilia e va chiuso. Sono i temi del confronto acceso tra gruppi che hanno idee contrapposte sul futuro del Centro accoglienza richiedenti asilo di Catanese che si contrappongono davanti la struttura dove stamattina è in visita il leader della Lega Matteo Salvini. I contendenti sono separati da polizia e carabinieri ma non ci sono stati scontri. Soltanto forti contrapposizioni verbali con urla e slogan a favore o contro il Cara e Salvini. Alcuni dei contestatori hanno esposto delle mutande verdi tenendo in mano dei manifesti con la scritta 'Matteo stai sereno'. Davanti il Cara di Mineo ci sono anche dei sostenitori del leader della Lega che espongono striscioni e manifesti con la scritta 'Noi con Salvini'.Non è normale che la Sicilia che ha un tasso di disoccupazione altissimo faccia arricchire qualcuno con il business dell'immigrazione. Questo centro va chiuso domani mattina. Le navi della Marina Militare difendano i confini. La Sicilia deve lavorare non sulla pelle dei nuovi schiavi ha detto Salvini al suo arrivo. Vogliamo sapere come vengono spesi i 150 milioni di euro di denaro pubblico che servono per mantenere gente che sta giocando a pallone. Io sono già venuto qua ed è la terza volta. Gli immigrati che scappano dalla povertà dalla guerra vera sono i miei fratelli e vanno accolti ha detto ancora Salvini la maggioranza di extracomunitari però che arriva come immigrato clandestino va riportata a casa sua: la solidarietà a spese degli italiani è finita. I razzisti sono quelli che usano i 4 mila migranti del Cara di Mineo per fare i soldi. Renzi e Alfano si dovrebbero dimettere: o vanno in Parlamento a spiegare date e soldi. Più che il ministro degli Interni che è il burattino il premier che sul l'immigrazione non spende mai una parola. Dovrebbero spiegare come vengono spesi i soldi ha detto ancora Salvin. O Renzi smentisce le indagini smentisce l'illegittimità degli appalti ha aggiunto Salvini o si dimette lui perchè di Alfano e dei suoi amici mi interessa poco. E' Renzi che deve rispondere personalmente di questa cosa.Il Cara di Mineo andrebbe chiuso oggi stesso perché per il leader della Lega i nervi scoperti sono tanti. Li elenca in una lunga intervista al quotidiano La Sicilia. Partendo dal fatto che per mantenere questi 'villeggianti' a Mineo si spendono 150 mila euro al giorno. E poi sul filo con Mafia Capitale e' certo che li' dentro fra appalti poco trasparenti e assunzioni di favore ci sia davvero qualcuno che ci guadagna un sacco di soldi in modo losco. A chi gli ricorda che il Cara fu un regalo di Maroni risponde: Doveva essere momentaneo e l'hanno fatto diventare eterno ricordando quanti voti prende li' l'Ncd. Con annesse bordate sul ministro Angelino Alfano il peggior ministro dell'Interno della storia un burattino di Renzi e sul sottosegretario Giuseppe Castiglione un poverino e' in difficolta' e spara a caso.Ai Cantieri culturali alla Zisa nell'ultima giornata del convegno internazionale Io sono persona è stata approvata su proposta del sindaco Leoluca Orlando la Mobilità umana internazionale Carta di Palermo 2015 per l'abolizione del permesso di soggiorno e per l'approvazione delle modifiche radicali alla legge sulla cittadinanza per un allargamento dei diritti degli essere umani.Questo e' un giorno storico per la nostra città ha detto il sindaco Orlando che ha concluso i lavori . Il nostro è un atto per la storia. E' tempo quindi che almeno l'Unione europea promuova l'abolizione del permesso di soggiorno sollecitando la Comunità mondiale al riconoscimento della mobilità di tutti gli esseri umani come un diritto non soltanto al suo interno. Il nodo centrale è pertanto il passaggio dalla migrazione come sofferenza alla mobilità come diritto umano. Le attuali previsioni internazionali continua Orlando garantiscono ipocritamente il diritto di emigrare ma non garantiscono un corrispondente diritto all'ingresso con uno specifico dovere di accoglienza da parte degli Stati. Occorre quindi riconoscere il diritto alla mobilità sia per quanto riguarda la possibilità di lasciare il proprio Paese sia per quella di essere accolto. Inoltre bisogna accelerare l'iter per il rilascio della cittadinanza alle persone che nascono sul nostro territorio occorrono tempi più rapidi.Orlando ha ribadito che Palermo ha concesso più di mille cittadinanze in due anni. Non occorre scomodare ne' dichiarazioni universali ne' interventi di altri Paesi per procedere ad una riforma radicale della legge sulla cittadinanza.Poco molto poco il pubblico presente come è stato fatto rilevare da alcune foto postate su Facebook e accompagnate da un interrogativo: Forse Palermo non è ancora pronta?VISTO in foto sul palco del Papa farebbe dire come nelle barzellette: Quello è Michele Capasso e l'uomo vestito di bianco chi è?. Capasso presidente della Fondazione Mediterraneo racconta di ricevere visite di capi di Stato e ministri e non poteva certo mancare all'evento dell'anno la venuta del Pontefice. Piazzando davanti alla Stazione Marittima in posizione strategica per la partenza del Papa dall'eliporto il Totem della pace con l'urna del migrante ignoto di Mario Molinari è riuscito con una sola mossa a fare un'aggiunta alla già fitta agenda di sabato e a scatenare una forte polemica sui social network. Lui sostiene di aver assunto un impegno con il Papa a Lampedusa nel 2013 come rete di organismi di 560 paesi e non molla neanche se un gallerista internazionale come Alfonso Artiaco osserva: Quell'opera va semplicemente levata di là. Sabato alle 18 ci sarà una cerimonia di benedizione dell'urna con le reliquie del Migrante ignoto posizionata nel Totem della pace per il 150esimo anniversario delle Capitanerie di porto.A onorare i defunti nel mare finché non si sarà indifferenti a queste tragedie. A settembre verranno tre capi di Stato Grasso sarà qui l'anno prossimo.Ci sono tante altre cose brutte l'opera è di grande potenza. Tra chi l'ha scelta c'è il Patriarca di Gerusalemme. Con l'acciaio corten abbiamo voluto riprendere il tema della ruggine che non è solo segno di abbandono ma anche di protezione: abbiamo bisogno dei migranti. Il Totem provocherà un grande movimento silenzioso d'amore. È un grande regalo a Napoli.Abbiamo fatto una colletta fra noi della fondazione e le sponsorizzazioni tra cui la Cementer di Somma Vesuviana per un totale di 50 mila euro pagati all'artigiano che l'ha realizzato: seimila per il calcestruzzo cinquemila per il lavoro e il resto ce l'abbiamo messo noi. Quell'opera però artisticamente vale 800 mila euro secondo il Tribunale di Torino dove è stata installata anni fa. Vogliamo solo trasformare l'amore del potere in potere dell'amore. Doveva andare a Lampedusa poi un comitato di premi Nobel e personalità come Alvaro Siza hanno scelto Napoli. Proprio Siza lo voleva al centro della piazza.Sono un appassionato di Mediterraneo originario di San Sebastiano al Vesuvio. Ero tra i più importanti architetti europei con studio a Napoli Roma e Parigi. Ho venduto tutto e da 30 anni mi occupo di questo a tempo pieno.Sono soprattutto rivolte al dialogo alla pace e ai giovani.È sostenuta solo da volontari e lavoriamo sui progetti europei: siamo i primi per trasparenza .Soltanto le spese. La fondazione offre progettazione realizzazione e regaliamo anche la pittura perché ce la forniscono gli sponsor. Nel Comune di Rutino Salerno nel 2010 abbiamo realizzato un Totem della pace alto 20 metri vicino a una chiesa medioevale con la deroga del ministro ai Beni culturali di allora Sandro Bondi. Furono i cittadini ad autotassarsi dando i soldi al Comune. Lo stesso a Pescasseroli.Fu il sindaco a chiamarci ma l'opposizione disse no e noi come organizzazione di pace di fronte a un conflitto ci ritirammo in buon ordine .L'abbiamo messo anche all'Unesco che l'ha pagata in Marocco ne esistono due pagate dal parlamento marocchino. Lo forniamo nel materiale le dimensioni e i colori che stabiliscono loro. Ora ne sorgerà uno nel deserto di Dakar.A Napoli nel ' 97 3000 persone decisero che la pace doveva avere un simbolo. Il totem di Molinari sarà il simbolo dell'Esposizione universale di Dubai nel 2020. Il primo fu collocato alla Farnesina. Ora ce ne hanno chiesto uno alto 300 metri in Australia in legno di quercia.Sono capace di osare. Quando venne da noi Abu Mazen riconobbe Israele.Certo ripresero le trattative interrotte. E gli regalammo la pasta Setaro di Torre Annunziata a forma di totem: dopo un po' ci ha fatto una cena con Shimon Peres.Noi della fondazione siamo soprannominati i sommergibili perché invece di perdere tempo a dirlo alla stampa salviamo vite umane .Per carità lo rifiuterei: quel premio campa sulle mine antiuomo. Come disse lo scrittore egiziano Naghib Mafuz quando lo rifiutò.La sede è concessa in parte dall'Agenzia del Demanio e in parte dalla Regione: sono applicati i canoni di mercato in parte scomputati a fronte di importanti lavori di risanamento conservativo svolti dalla fondazione negli anni.È irragionevole pensare che eventuali terroristi arabi giungano in Italia a bordo di imbarcazioni di fortuna e correndo il rischio di morire in mare: il Tribunale del Riesame di Lecce sposa le tesi del gip Carlo Cazzella e dice no al ricorso della Dda e alla richiesta di arrestare i cinque siriani sbarcati in Salento il 13 febbraio insieme ad altri connazionali.A distanza di quattro giorni dell'udienza in cui il sostituto procuratore Giuseppe Capoccia ha chiesto l'emissione di un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di cinque uomini sospettati di essere vicini al terrorismo islamico i giudici Silvio Piccinno Stefano Marzo e Antonio Gatto hanno ritenuto infondato il ricorso. Nonostante i documenti con cui si sono presentati in Italia fossero evidentemente falsi quattro passaporti rumeni e uno ceco per il TdL è lecito pensare che la ricettazione sia stata commessa all'estero così come gli indagati hanno dichiarato nel corso dell'interrogatorio davanti al gip. Quanto alla necessità di effettuare più approfonditi accertamenti su telefoni cellulari e per drive sui quali furono trovate anche immagini di esplosioni e corpi umani dilaniati dalle bombe il Riesame ritiene che il sequestro dei dispositivi sia sufficiente e che non sia necessario arrestare i proprietari.Per la Dda invece sarebbe stato utile far arrestare i cinque stranieri in carcere proprio al fine di effettuare più approfonditi accertamenti sul loro viaggio in Italia e sulla loro identità. Anche sui nomi infatti la procura salentina aveva i suoi dubbi così come sul fatto che subito dopo la scarcerazione hanno fatto perdere le loro tracce. Secondo il gip Cazzella e ora anche secondo il Tribunale del Riesame hanno lasciato Lecce per ricongiungersi con i parenti che vivono nel Nord Europa come fanno centinaia di migranti disperati che ogni giorno arrivano in Italia.WASHINGTON Un video drammatico diffuso dalla Guardia costiera turca. Mostra un episodio avvenuto il 12 marzo nello stretto di Canakkale nei Dardanelli quando è stata intercettata una carretta del mare diretta in Italia con a bordo oltre 300 profughi. La Dogan Kartal come ha segnalato il sito turkishnavy.net è stata affiancata da alcune vedette che hanno intimato l’alt. Il capitano del cargo però ha cercato di sottrarsi alla caccia ed ha tentato una manovra evasiva. La Guardia costiera ha allora deciso di agire in modo drastico e dopo alcune evoluzioni delle sue unità ha aperto il fuoco contro il timone del mercantile. La fuga del cargo si è fermata. Li chiamano CAS Centri di Accoglienza Straordinaria e sono strutture di emergenza in cui vengono parcheggiati i richiedenti asilo arrivati con l'operazione Mare Nostrum. In Calabria sono completamente fuori controllo secondo la denuncia degli attivisti della Campagna LasciateCIEntrare che sono riusciti a introdursi in due strutture della provincia di Catanzaro a Lamezia Terme e a Feroleto Antico. Accogliere i migranti? Basta disporre di quattro pareti e qualche branda.Tanto chi controlla? scrive LasciateCIEntrare in un rapporto. La promessa di dieci euro al giorno per lavorare nella manutenzione urbana delle aree verdi. È quanto succede ai rifugiati ospitati a Lamezia Terme dalla cooperativa Malgrado Tutto che fa anche parte di ProcivArci . La struttura è quella di Pian del Duca proprietà dell'ente gestore chiusa dal ministero dell'Interno oltre due anni fa dopo lo scandalo delle gabbie per radersi inventate dalla Malgrado Tutto per evitare gli atti di autolesionismo dei migranti rinchiusi per l'identificazione.L'ex Centro di identificazione ed espulsione Cie della capienza di 80 posti è stato riaperto per ospitare tra i 250 e i 300 richiedenti asilo. La maggior parte delle persone intervistate racconta di essere stata reclutata da parte del gestore della struttura Raffaello Conte per lavorare all'interno della cooperativa nel servizio di pulizia e manutenzione urbana. Dieci euro al giorno è il compenso stabilito dicono Yasmine Accardo Associazione Garibaldi 101 Emilia Corea e Fofana Mouctar Associazione La Kasbah Eppure questo lauto compenso non viene corrisposto da oltre quattro mesi secondo i ragazzi intervistati. Il rapporto descrive condizioni indecenti viste e fotografate dai tre attivisti: le ex celle contengono 8 9 letti. I bagni sono sporchi non ci sono acqua calda né riscaldamenti. Il cibo è di pessima qualità riferiscono i migranti continua la delegazione di LasciateCIEntrare A volte con i soldi del pocketmoney provvedono da soli a comprare qualcosa da mangiare. Molti dei ragazzi indossano solo una felpa e un paio di ciabatte. Gli stessi abiti che avevano addosso nel momento in cui sono arrivati in Italia.La struttura è isolata su una collina a diversi chilometri dal centro di Lamezia Terme circondata dagli ulivi. Non ci sono più le sbarre alte 10 metri e le gabbie scrivono gli attivisti Ma l'aria che si respira è sempre la stessa. Trecento migranti si sentono abbandonati a se stessi da oltre un anno. Ci chiedono perché a distanza di sei mesi non sia stato loro notificato il diniego alla richiesta dello status di rifugiato da parte della Questura perché non possano usufruire di nessun tipo di assistenza sanitaria. Emilia Corea dell'associazione La Kasbah ricorda che nel Cie gestito dalla Malgrado Tutto ci furono casi di suicidi. L' 11 Dicembre 2006 Pamukov Hristo Aleksandrov un migrante di nazionalità bulgara si impiccò con una cintura al corrimano delle scale. A gennaio 2005 Said di nazionalità marocchina si gettò dal secondo piano dell'ospedale di Catanzaro dove era stato ricoverato per un malore dopo che gli era stato comunicato che sarebbe stato riportato all'interno del Cie. Particolarmente controversa la vicenda di un altro marocchino di 19 anni Hadmol che a maggio 2004 ha avuto il midollo spezzato in circostante non chiarite restando paralizzato agli arti inferiori e superiori dopo quasi un mese di coma.Altre 300 persone in situazione di promiscuità fra adulti e minori sono ospitate in due palazzi di proprietà di un venditore di macchinari agricoli a Feroleto Antico. Il centro di accoglienza Ahmed Moammud si affaccia direttamente sulla superstrada. Sedie e letti consunti muri sporchi e ingialliti cibo scadente. Solitudine e abbandono. Nessuno dei ragazzi con i quali abbiamo parlato possiede la tessera sanitaria riferisce LasciateCIEntrare non sanno che per usufruire dei farmaci di cui avrebbero bisogno basterebbe recarsi dal medico e farseli prescrivere. I ragazzi riferiscono che gli operatori sono tre in tutto che non ci sono mediatori e che di notte non rimane nessun operatore con loro nonostante la presenza di minori.Secondo la legge l'accoglienza dei minori non accompagnati dovrebbero avvenire in un luogo sicuro. Le strutture hanno l'obbligo di garantire i livelli standard fondamentali: accesso ai beni essenziali servizi sociosanitari in condizioni di parità con i minori cittadini italiani assistenza legale gratuita accesso all'istruzione di base diritto a ricevere informazioni sul loro status possibilità di esprimersi in una lingua a loro comprensibile tramite la presenza di mediatori e soprattutto protezione da ogni forma di abbandono abuso violenza e sfruttamento. Nel centro di Feroleto nessuno di questi standard è garantito denunciano gli attivisti I ragazzi ospitati all'interno si recano due volte a settimana in una chiesa vicina dove un prete tiene un corso di italiano. Da tre mesi non ricevono il pocketmoney.Quasi tutti hanno già fatto l'audizione presso la Commissione per il Riconoscimento dello Status di Rifugiato. C'è un solo avvocato ci dicono che si occupa dei loro ricorsi continua il rapporto Uno solo per trecento persone. Ma ignorano come si chiami né hanno il suo numero di telefono. Dopo averlo incontrato una sola volta e avere firmato un paio di fogli non lo hanno più visto. In che modo sono stati scritti i ricorsi se l'avvocato non ha parlato con i singoli per conoscerne la storia?. Costretti in un limbo anche i minori non hanno più speranze nel futuro.Corruzione Bagnasco: È un regime intoccabile offesa per i poveri Cei Bagnasco: Reagire al gender: teoria che edifica un transumano C'è un regime che sembra diventato intoccabile basato su malcostume e malaffare. E questo è insopportabile in particolare davanti alle difficoltà di quanti si trovano a lottare per sopravvivere insieme alla propria famiglia. Lo afferma il cardinale Angelo Bagnasco presidente dei vescovi italiani nella prolusione al Consiglio permanente della Cei riunito da oggi fino a mercoledì a Roma. Il presule agganciandosi al discorso pronunciato dal Papa a Napoli parla di una realtà ramificata e cita gli episodi emersi dalle cronache che dice ammorbano l'aria che si respira avvelenano la speranza e indeboliscono le forze morali. Un monito che nelle cinque pagine del suo intervento Bagnasco affianca ai richiami rivolti all'Europa sul tema dei migranti e del terrorismo e a un duro affondo sulla questione del gender.Il cuore dell'intervento del presidente Cei però è legato alle vicende d'attualità sulla corruzione perché spiega la disonestà e anche una offesa gravissima per i poveri e gli onesti. Dopo aver salutato con un atto d'omaggio l'elezione di Mattarella al Quirinale Bagnasco sottolinea che tutti sono responsabili del bene comune e per questo si deve reagire: Ogni soggetto ha il dovere di fare del proprio meglio per il bene della gente che spesso è stremata. Alle porte delle parrocchie racconta il cardinale si sente il grido di chi invoca lavoro: E con la disoccupazione l'instabilità sociale cresce fatalmente e chi è sfiduciato diventa facile preda della malavita. Da parte della Cei quindi arriva l'invito alla centralità del tema dell'occupazione: Tutti sappiamo che non basta ripianare i buchi ma occorre investire perché la competizione globale esige di essere sempre all'avanguardia perché le nostre eccellenze devono essere difese con una continua ricerca perché le professionalità non deperiscano perché il patrimonio nazionale non prenda il volo per altri lidi vanificando i segnali positivi di ripresa che vengono rilevati dagli esperti.Bagnasco si rivolge anche all'Europa. La chiama in causa sul tema dei migranti e su quello del terrorismo e invita a dimostrare che esiste come casa comune e non come un insieme di interessi individuali ancorché nazionali. L'invito è a rigettare un modello insufficiente che sembra un coacervo dove chi è più forte fa lezione e detta legge. E se per i flussi di chi raggiunge l'Italia in fuga da guerre e carestie si invocano una visione energie e risorse davanti all'arrembaggio del terrorismo arriva un'esortazione a un serio esame di coscienza. L'Europa dice Bagnasco dovrebbe interrogarsi sul fenomeno degli occidentali che si arruolano negli squadroni della morte: Non si può liquidare la questione sul piano sociologico incolpando la mancanza di lavoro nei vari Paesi: ciò può essere una concausa. Il problema è innanzitutto di ordine culturale: non si può svuotare una cultura dei propri valori spirituali morali antropologici senza che si espongano i cittadini a suggestioni turpi. In questo senso la cultura occidentale è minacciata da se stessa e favorisce il totalitarismo. Davanti alle stragi di cristiani poi Bagnasco rivendica che la ragione prima ancora che le fedi non può non condannare tanta barbara e studiata crudeltà contro le minoranze perché invocare il nome di Dio per tagliare le gole è una bestemmia che grida al cospetto del cielo e della terra.L'ultimo passaggio della prolusione è dedicato invece alla teoria del gender che papa Francesco a Napoli ha definito sbaglio della mente umana: Il gender commenta il presidente della Cei si nasconde dietro a valori veri come parità equità autonomia lotta al bullismo e alla violenza promozione non discriminazione ma in realtà pone la scure alla radice stessa dell’umano per edificare un transumano in cui l’uomo appare come un nomade privo di meta e a corto di identità. Bagnasco parla di una manipolazione da laboratorio dove inventori e manipolatori fanno parte di quella governance mondiale che va oltre i governi eletti e che spesso rimanda ad Organizzazioni non governative che come tali non esprimono nessuna volontà popolare. E per questo interpella i genitori: Volete questo per i vostri figli? Reagire è doveroso.C'è un allarme per presunti possibili contatti tra le organizzazioni di trafficanti di immigrati e il terrorismo di matrice islamica. Un tema sul quale la procura di Palermo lavora alacramente e in silenzio da alcuni mesi. Di certo dopo l'ultimo episodio avvenuto al largo di Lampedusa a metà febbraioda parte di alcuni scafisti gli inquirenti hanno intensificato le attività investigative. La Dda del capoluogo siciliano. Ma ci sarebbero elementi che collegherebbero alcuni soggetti monitorati per questo tipo di reati a gruppi armati paramilitari operanti in Libia. Non si può escludere al momento che possano essere gruppi riferibili all'Isis.Si ipotizza che anche attraverso il traffico di esseri umani dall'Africa all'Europa le milizie islamiche traggono un sostentamento economico. Sono stati già individuati alcuni nomi: Ghermay Hermias un etiope residente in Libia ritenuto il capo ed organizzatore delle tratte; Jhon Mharay un sudanese localizzato nella capitale di quel Paese Karthoum; e Abkadt Shamssedhin latitante di cui non si conosce la posizione. In una intercettazione Hermias conferma che la tratta è molto remunerativa. con l'ultimo barcone ho raccolto un milione di dollari afferma il trafficante.Il rischio di eventuali infiltrazioni terroristiche tra i migranti induce investigatori e inquirenti a vagliare ogni singolo elemento. Il gup di Palermo Daniela Cardamone intanto ha spiccato un mandato di arresto internazionale per Hermias Mharay e Shamssedin. I loro nomi figurano adesso anche sulla red notice dell'Interpol. Ci sarebbero pure contatti seppur per via telematica tra soggetti stranieri di origine medio orientale che vivono in Sicilia e i 3 trafficanti di esseri umani capeggiati da Hermias il leader di questa banda di paramilitari armati fino ai denti che agisce senza scrupoli. La riprova sarebbe la sparatoria avvenuta in pieno Mediterraneo a metà febbraio. Gli scafisti di Hermias pur di riprendersi le imbarcazioni e impedire che venissero affondate non hanno esitato a sparare contro le motovedette italiane.In quel frangente i militari scelsero di non rispondere pur essendo armati per salvare centinaia di naufraghi. Ci sarebbero anche immagini e filmati realizzati da un elicottero militare. Oggi in Procura per fare il punto c'è stato un incontro tra il sostituto della Dna Maurizio De Lucia e il procuratore aggiunto Leonardo Agueci che coordina il team anti terrorismo di cui fanno parte anche i sostituti Ferrara Barbiera e Ravaglioli. AGI Pa 8/RapCarcerieri e aguzzini di ogni dove tolgono le scarpe ai prigionieri per non farli fuggire. Nei luoghi di guerra chi teme di saltare su qualche ordigno spesso nasconde un biglietto con i propri dati anagrafici fra piedi e suola perché è dimostrato che le estremità inferiori e le calzature sopravvivono alle esplosioni. Le scarpe per chi ha la fortuna di avercele e non è scontato: chiedere ai bambini del Sud Sudan per conferma portano i segni del nostro cammino. Miguel Lupiz infermiere di Medici senza frontiere Msf che vive a Lucca manda questo selfie dal Centrafrica foto a sinistra. E spiega: Spostamenti continui pioggia e fango sole e polvere trasporto di malati feriti e medicinali giorno dopo giorno. Queste sono le scarpe che mi hanno seguito fin dal primo momento di missione. Adrien che lavora a Farazala mi ha chiesto di lasciargliele prima di partire. Sarà un piacere: sento che ormai appartengono a questi luoghi. Regalate conservate sfasciate: le scarpe sono il simbolo dell’ultima campagna di Msf presentata oggi alle 11 presso il Teatro Centrale di Roma CLICCA QUI E GUARDA IL VIDEO. È dedicata alle persone che a questo mondo sono in fuga. E che hanno bisogno di tutto per sopravvivere: cibo medicine vestiti affetto. Persone che scappano e persone che aspettano i fuggiaschi lungo il cammino per un aiuto. Sul sito di Msf ci sono le storie e le calzature di molti cooperanti. Il Corriere ne propone alcune in anteprima. Il senso di tutto questo sta forse nell’indovinello di Matilde in basso a sinistra. Siamo un po’ tutti sulla stessa barca. Nella stessa scarpa. @CorriereSociale LE STORIE Il quiz di Matilde: Indovinate quali sono le mie Queste sono le mie scarpe — scrive Matilde Ner milanese dal Mozambico —. Ci sono anche quelle di Marta di Patience e di Theodora. Ci siamo fatte questa foto uno dei tanti mercoledì in cui Medici senza frontiere e la sua clinica mobile vanno nel mercato di Kwachena a Tete nel Mozambico più rurale. In queste bizzarre vetture attrezzate Msf offre alle popolazioni del luogo test gratuiti per l’Hiv e per altre malattie trasmissibili dispensa i farmaci necessari a chi ne ha bisogno fornisce supporto psicologico. Marta Patience e Theodora sono prostitute dello Zimbabwe arrivate più o meno legalmente in Mozambico alla ricerca di una vita migliore. Vendono il loro corpo al prezzo equivalente di un caffè. Dieci caffè al giorno senza preservativo. Queste ragazze camminano portandosi dietro storie atroci fatte di discriminazione ipocrisia e ignoranza. Storie estreme che le loro estremità cercano se possibile di nascondere di sdrammatizzare: un paio di sneakers due linde ballerine le sbarazzine infradito verdi o quelle di pelle. E ora indovinate quali sono le mie!. I passi di Manuela tra le ragazze in sala operatoria Qui a Khost il tempo scorre scandito da elicotteri esplosioni raffiche di mitra e urgenze al reparto maternità. Così comincia la cartolina di Manuela Crucitti anestesista di Torino in Afghanistan. Ha fotografato le sue scarpe accanto allo zaino e a un piccolo frigo. Non mancano levatacce e corse in ospedale nel cuore della notte tra mamme in travaglio e bimbi piangenti. La vita e la morte si alternano con implacabile costanza. Il lavoro con le ragazze afghane in sala operatoria continua qualche notte al cardiopalma ma tanta gioia nel vederle pian piano conquistare una certa libertà. I ragazzi afghani della logistica sono gran lavoratori. C’è sempre qualcuno pronto a ingegnarsi per trovare una soluzione che sembra impossibile. Tutto qui ha un’altra dimensione rispetto a casa. E la terra polverosa alla fine copre le mie scarpe e tutte le macerie della vita. Selfie con gli stivali Caterina e le tende sotto la pioggia Questo è il selfie con gli stivali che Caterina Becchio di Bra spedisce dal fango di Lankien: La stagione delle piogge rende ancora più problematico raggiungere le tende dell’ospedale. L’acqua talvolta fa impantanare i malati gravi che giungono troppo tardi in ambulatorio. Ma l’acqua barrica in casa anche soldati e miliziani e così la guerra concede qualche pausa. Quando piove forse si ha meno paura e la tregua forzata protegge un popolo sempre in allerta. Pioggia significa anche la possibilità di coltivare un raccolto sicuro e finalmente più cibo a disposizione. Quest’anno la stagione umida si è prolungata più del solito e questo insieme con altri fattori sembra aver abbassato i livelli di malnutrizione. Un fiume di acqua drena polvere e sporcizia lasciando un po’ di speranza a un terreno povero e a un popolo affamato. Ritrovarsi a casa: Roberta sulle orme dei migranti La nave della Marina Militare italiana si avvicina con cautela alla banchina. Sul pontile molte persone accovacciate. I volti segnati da sole vento e salsedine gli occhi stanchi e impauriti. Attendono di poter finalmente toccare terra dopo lunghi giorni in balia del mare. Così Roberta Questi logista scrive tra i migranti arrivati dall’Africa a Pozzallo sulla costa siciliana. Un paio di scarpe buone può magari fare la differenza nelle prime tappe del viaggio quando sei nel deserto ma non serve certo ad attraversare il Mediterraneo. Magari un’infradito potesse trasformarsi in una vela in un’elica! In fila fuori dalla tenda uomini donne e bambini attendevano di essere visti da un medico prima di poter mangiare qualcosa e finalmente riposare. Davanti a loro anch’io mi sono sentita impotente scalza — scrive Roberta — consapevole che il momento di questo pur agognato approdo non portava con sè il sollievo dell’arrivo. Era soltanto un nuovo punto di partenza di nuovo difficile di nuovo verso l’ignoto. Continuo a chiedermelo: quanti milioni di passi dovranno ancora fare prima di potersi sentire — di nuovo — a casa?.L' 80 per cento delle domande di permesso di soggiorno respinte quando la media italiana è del 20. Un prefetto indagato che adesso lascia il proprio incarico. Le manifestazioni dei migranti vietate dal questore con la polizia che risponde alle proteste caricando. Il caso Brescia finisce in parlamento con una interrogazione del deputato Franco Bordo Sel: negli uffici di polizia e carabinieri è stata messa in atto una sistematica operazione inquisitoria con veri e propri interrogatori nei confronti di chi fa domanda di emersione.La denuncia parte da un dato definito anomalo anche da Mario Morcone capo dipartimento Immigrazione del ministero degli Interni: per gli immigrati della provincia di Brescia ottenere la regolarizzazione le possibilità sono solo due su dieci. Il motivo? Il permesso di soggiorno di un anno per attesa occupazione non viene quasi mai concesso dice Bordo perché la questura impiega mediamente più di un anno a rinnovare il permesso di soggiorno quando la stessa legge BossiFini stabilisce un termine massimo di 60 giorni. E quindi il termine di un anno per cercare lavoro viene 'consumato' nell'attesa del rinnovo riducendo enormemente le possibilità di trovare una nuova occupazione perché è molto più difficile farsi assumere con un permesso di soggiorno scaduto.Lo scorso 24 marzo c'è stato un presidio di protesta organizzato dalla Cgil e caricato dalle forze dell'ordine con tre feriti e quattro fermati. Nell'interrogazione destinata al ministero dell'Interno si legge che l'intervento violento della forza pubblica è stato ingiustificato e controproducente ai fine del mantenimento dell'ordine pubblico così come non è comprensibile la gestione complessiva dell'ordine pubblico che anziché tendere a contenere e limitare situazioni di tensione sta contribuendo in questo modo ad esacerbare un clima di tensione crescente.E il prefetto Narcisa Brassesco Pace dà l'addio alla città per passare nel settore privato indagata dalla Procura per avere suggerito a un amico imprenditore come fare per riottenere la patente di guida ritirata al figlio. Nell'ottobre del 2010 Brassesco Pace dovette gestire la protesta degli immigrati contro la cosiddetta 'sanatoria truffa' che culminò nella famosa occupazione della gru in via San Faustino. Prevalse la linea dura: Devono solo scendere.Piazza Ruggero Settimo ore 16: il movimento Noi con Salvini scende in piazza per sensibilizzare la cittadinanza sul problema dell'immigrazione incontrollata e dei suoi effetti economici e sociali sulla Sicilia e per dire no alle mosse propagandistiche in tema di migranti messe in atto anche dalla giunta. Orlando. Striscioni slogan e qualche cuorioso: davanti al teatro qualche decina di persone Questa per me non è solo una scuola è tutta la mia vita in Italia una nuova famiglia. Mohamed egiziano 26enne ancora ringrazia le coincidenze che un anno e mezzo gli hanno fatto conoscere il centro culturale Insensinverso l'associazione in via Vaiano 7 nel cuore della Magliana dove dal 2009 in quello che un tempo era un centro anziani ora centinaia di migranti imparano l'italiano grazie ai corsi tenuti da volontari d'ogni età.Ma la scuola con il passare degli anni l'idea nasce nel 2006 è diventata soprattutto il punto di riferimento per i migranti dell'intero quadrante sud della città dei tanti che a Roma arrivano segnati da un marchio speciale di speciale disperazione cantava in Smisurata preghiera Fabrizio De André a cui è dedicata la coloratissima piazza a due passi dall'associazione.Per loro è importantissimo conoscere l'italiano per rinnovare il permesso di soggiorno spiega Ugo Sestieri docente in pensione e fondatore di Insensinverso ma anche per trovare un lavoro onesto e vivere nel nostro paese con dignità. Al momento divisi in quattro livelli di apprendimento la scuola ha circa 120 studenti che in corsi serali affollano le aule dell'associazione. Tantissimi sono bengalesi ma qui confluiscono tutte le etnie del mondo dal Medioriente all'America Latina.Molte mamme portano anche i loro bambini che possono giocare insieme in una piccola stanza mentre Michele anziano della zona accompagna la propria badante sudamericana Ibelise che così riesce a seguire le lezioni senza lasciarlo solo. I quattro livelli di apprendimento spiega ancora Ugo ci permettono di accogliere anche chi è appena arrivato magari analfabeta per poi condurlo al livello di conoscenza dell'italiano per la sopravvivenza di tutti i giorni fino al livello richiesto dall'esame per rinnovare i documenti di soggiorno e al livello avanzato.. Ho scoperto la scuola 4 anni fa grazie al passaparola perché qui si può imparare l'italiano senza pagare racconta Bahiga marocchina 44enne seduta tra i banchi dell'aula di livello avanzato mentre impara il condizionale tempo verbale per molti ostico. L'associazione che organizza i corsi gratuitamente non riceve nessun tipo di fondo pubblico e si sostiene solo grazie a serate di spettacolo concerti proiezioni e cene di autofinanziamento che coinvolgono tutto il quartiere attraendo l'attenzione anche degli italiani residenti nella zona. Il prossimo appuntamento è l' 8 aprile con un incontro intitolato Oltre il Califfato ore 18. 30 per esplorare le cause del conflitto in Siria e Iraq con gli interventi di giornalisti ed esperti. Tra i contributi anche quello di Enzo Mangini direttore dell'Osservatorio Iraq e del giornalista mediorientale Fouad Roueiha.. E chi pensa che le attività di Insensinverso siano assimilabili a quelle di una normale scuola di lingue si sbaglia perché qui non esiste un convenzionale rapporto tra allievi e insegnanti ma ognuno porta il proprio contributo. E così nascono i corsi di yoga mercoledì e venerdì alle ore 17 di fotografia il lunedì alle 17 il laboratorio teatrale multietnico il giovedì alle 19 i workshop di sceneggiatura cinematografica e di cosmesi naturale fino ai corsi di arabo il lunedì alle 19 con gli studenti di italiano che salgono in cattedra per insegnare la propria lingua d'origine ai tanti italiani e non che hanno bisogno di impararla.Insomma chi scopre la scuola per imparare l'italiano poi ci resta catturato dall'amicizia dai rapporti umani che nascono e dalle tante attività del centro. Siamo convinti che sia questo il vero modo di fare politica spiega l'attrice Silvana Mariniello che tiene il corso di teatro lontani dai partiti ma vicini alla quotidianità alle reali problematiche della società in cui viviamo provando a migliorarla investendo il nostro tempo e le nostre energie.Valutiamo se Librizzi è capace di intendere e di volere. E' stata questa la richiesta formulata oggi al gup del tribunale di Trapani Antonio Cavasino dal difensore di don Sergio Librizzi l'ex direttore della Caritas arrestato il 24 giugno dello scorso anno per concussione e violenza sessuale. L'imputato è accusato di avere preteso prestazioni sessuali da alcuni richiedenti asilo.Librizzi ha chiesto di essere giudicato con rito abbreviato condizionato. La richiesta è stata formalizzata questa mattina dal suo legale che ha chiesto di sentire il dottore Gaetano Vivona consulente di parte per valutare la capacità di intendere e di volere dell'imputato e il presidente della Commissione territoriale per i richiedenti asilo. In apertura il gup ha accettato la costituzione di parte civile del Comune di Trapani e dell'associazione per gli studi giuridici sull'immigrazione ed alcuni extracomunitari vittime di violenza.Il mare restituisce un cadavere all'imbocco del porto di Castro. Il nuovo giallo dell'Adriatico viene segnalato da un pescatore che nel pomeriggio è uscito con la sua barca per calare le reti e all'improvviso si è trovato di fronte un corpo galleggiante. Prima i piedi poi un giubbotto salvagente come in un film dell'orrore. Immediata la telefonata alla Guardia costiera intervenuta con una motovedetta sotto la direzione dell'Ufficio marittimo di Otranto i cui militari hanno provveduto al recupero del cadavere.La morte stando ai primi accertamenti risale a parecchio tempo fa settimane o forse di più come dimostrerebbe lo stato avanzato di saponificazione. Sulla banchina del porto è intervenuto il personale del 118 chiamato comunque a certificare il decesso e sono state avviate le procedure per l'identificazione che risulta comunque molto difficile. Nelle scorse settimane non ci sono state infatti in Salento denunce di persone scomparse e lo stato del corpo fa comunque ritenere che si trovasse in mare da molto tempo. Non è escluso che possa trattarsi di uno dei disperati che viaggiavano sui gommoni e sulle barche a vela dei trafficanti di uomini giunti recentemente nel Tacco. Il conto dei passeggeri infatti a ogni nuovo sbarco è difficile da fare e spesso i migranti rintracciati dalle forze dell'ordine forniscono un conteggio diverso da quello che si riesce a fare all'arrivo in Italia. L'ultimo sbarco è avvenuto sabato mattina sulla costa di Lecce quando trentaquattro persone sono state rintracciate da polizia e guardia di finanza sulla strada che da San Cataldo conduce nel capoluogo.Ma il fatto che la persona indossasse un giubbotto salvagente apre anche altri scenari. Ancora mancano all'appello diciotto persone che viaggiavano sul Norman Atlantic il traghetto che prese fuoco il 28 dicembre mentre da Igoumenitsa raggiungeva Ancona. Nonostante siano passati tre mesi al momento è possibile che il corpo restituito dal mare a Castro sia di uno dei passeggeri.

Na pedra tumular poderseia escrever: A Líbia foi um país africano de cultura arábicoberbere produtor e exportador de gás e petróleo situado às portas da Europa e que se libertou de um tirano em 2011. Dela pouco se fala desde a morte de Khadafi. Outros conflitos da Ucrânia ao Médio Oriente – e agora a crise grega – têmna mantido num discreto esquecimento. Em Fevereiro algo mudou. Soou o alarme nas capitais europeias e nos países vizinhos da Líbia. A decapitação de 21 cristãos coptas egípcios por um bando ligado ao Estado Islâmico EI fez mover a situação. O vídeo das execuções foi difundido no dia 15. A Força Aérea egípcia respondeu no dia seguinte bombardeando bastiões jihadistas na cidades de Derna e Sirte. O EI não enviou um destacamento para a Líbia. O autor do crime é um grupo jihadista líbio que prestou vassalagem ao califado em Novembro adoptou a sua marca e copiou os seus métodos. Outros grupos aderiram ao EI. Estão a implantarse nas zonas costeiras. Se estes movimentos conseguirem controlar a costa líbia – a mais longa de um país da África do Norte com 1955 km será o caos no Mediterrâneo diz à AFP um diplomata europeu. Roma Paris e Madrid falam em grave ameaça à sua segurança. O analista francês Arthur Quesnay explica: Os governos ocidentais estão apavorados pelos focos e santuários que se estão a criar segundo o mesmo modelo sempre que um Estado se desmorona. Temem novas avalanchas de refugiados e a infiltração de terroristas. A Líbia é hoje o maior viveiro terrorista do mundo declara à AFP Mazen Cherif especialista militar tunisino. Talvez exagere por ser vizinho. Mas também a Argélia está assustada porque estes grupos visam em primeiro lugar a Argélia e a Tunísia. Haverá jihadistas tunisinos a combater na Líbia e líbios em contacto com jihadistas do Mali e do Boko Haram da Nigéria. É uma nebulosa que está a crescer. A Líbia começou por ser um lugar de refúgio ou de passagem para grupos islamistas estrangeiros anotou Said Haddad especialista na Líbia. Muito grave será que a Líbia se torne num bastião para estes grupos jihadistas. É o que estamos a ver com o exemplo de Derna. O jogo do Egipto Os italianos estão na primeira linha e procuram um acordo com os franceses para responder à ameaça líbia. Se estão de acordo quanto ao terrorismo os seus interesses não coincidem totalmente. Roma está preocupada com a imigração e com os seus interesses na Tripolitânia Oeste: o petróleo e o gasoduto Greenstream. A França está mais preocupada com a região do Fezzan Sul um santuário para os jihadistas do Mali. O analista italiano Lucio Caracciolo teme que Paris opte por fazer um eixo com o Cairo apoiando uma intervenção militar disfarçada de missão de paz sob a égide da ONU o que seria uma nova versão da guerra contra o terrorismo. Mas o Cairo teve de recuar no Conselho de Segurança da ONU em relação a este projecto. Dois ministros italianos Defesa e Estrangeiros admitiram a hipótese militar mas o primeiroministro Matteo Renzi reafirmou a opção pela diplomacia. Os países europeus não parecem dispostos a correr o risco de tal intervenção. O Egipto não pode ser indiferente à Líbia. Terá lá entre 700 mil e 12 milhões de trabalhadores. Os dois países têm uma fronteira comum de 1000 km. E está particularmente interessado na Cirenaica. A capital Bengasi está dominada por milícias ligadas à Irmandade Muçulmana e lá se refugiaram muitos membros da Irmandade egípcia. Para o Presidente AlSissi Bengasi é uma ameaça potencial. Poderá servir de base para islamistas radicalizados relançarem o combate contra o Cairo. Por isso apoia a milícia dita liberal do general Khalifa Haftar. Estará em negociação com Moscovo para lhe fornecer armamento – embora a ONU mantenha o embargo das armas para a Líbia. Por fim 80% da produção líbia de petróleo está localizada na Cirenaica. O Egipto é hoje um importador de energia e tem dívidas de 5000 milhões de dólares às petrolíferas. Aumentando a influência na Líbia poderia garantir o abastecimento petrolífero em melhores condições. Para o Cairo o cenário ideal seria uma Líbia estabilizada e talvez federalizada sob hegemonia da Cirenaica. Poderá também apostar na divisão do país: mas é tabu dizêlo. A hipótese de intervenção militar directa faria o Cairo correr o mesmo risco que Nasser correu quando envolveu o seu Exército na guerra civil do Iémen na década de 1960: um desastre. Mais viável é armar aliados e fazer intervenções pontuais. Um exercício de memória Alguém fará um dia a história da desastrosa operação de 2011. Há um relativo sentimento de culpa ocidental. Em Agosto de 2011 ainda antes da queda de Tripoli corria nos meios da NATO uma expressão: Sucesso catastrófico. Um responsável da Aliança dizia ao The Times sob anonimato que uma vitória dos rebeldes será o pior desfecho para a Líbia. Explicava: Mesmo que não seja catastrófico será um sucesso caótico porque a oposição não está apta a governar e haverá um vazio de poder se Khadafi cair. Falavase nos riscos de guerra civil e divisão do país ver PÚBLICO de 20 de Agosto de 2011. Não eram precisos oráculos. Bastaria saber o que era a Líbia. Um historiador da Líbia o americano Dirk Vandewalle advertiu: O natural impulso dos ocidentais será insistir em eleições tão cedo quanto possível. Mas eleições sem prérequisitos para uma democracia moderna são ocas e contraproducentes. Foi o que se viu. Hoje a Líbia tem democracia a mais: dois parlamentos e dois governos inimigos em cada extremo do país Tripoli e Tobruk. Os islamistas sobretudo os da Irmandade Muçulmana e as milícias de Misurata não aceitaram a vitória dos liberais nas eleições de 2014. O novo Parlamento refugiouse em Tobruk. O antigo reúnese em Trípoli. Ninguém lhes obedece mas simbolizam a ameaça de partilha do país. E reflectem as rivalidades internacionais: a Turquia e o Qatar apoiam o Governo de Trípoli os egípcios os sauditas e os Emirados Árabes Unidos o de Tobruk. Este acaba de proibir a actividade de empresas da Turquia cúmplice dos islamistas de Trípoli. Isto significa que a divisão entre a Cirenaica e a Tripolitânia se torna também económica escreve o jornalista italiano Alberto Negri. Chegou o dia da partilha da Líbia e do seu petróleo. A Tripolitânia e a Cirenaica têm histórias e culturas distintas. O mesmo se deve dizer do Fezzan. Foi a Itália fascista que em 1939 no início da II Guerra Mundial fundiu as três grandes regiões numa única província italiana. Esta unidade foi confirmada pela ONU em 1949. Dada a História e para lá da ameaça terrorista é real a possibilidade do fim da Líbia.O Programa Alimentar Mundial afirmou esta sextafeira que foi forçado a suspender a ajuda fornecida a nove campos de refugiados sírios na Turquia devido à falta de fundos apelando à intervenção rápida dos doadores internacionais. "Infelizmente em fevereiro fomos forçados a pedir ao governo turco para assumir a assistência em nove campos de refugiados onde não podíamos continuar a prestar ajuda porque não temos fundos" disse a portavoz da agência das Nações Unidas Elisabeth Byrs. Em declarações aos jornalistas em Genebra a portavoz afirmou que o Programa Alimentar Mundial PAM e as ações de assistência na Turquia previstas para este ano enfrentam um défice de 71 milhões de dólares cerca de 65 milhões de euros. "Obter mais financiamento é realmente essencial" frisou Elisabeth Byrs. A agência das Nações Unidas precisa de nove milhões de dólares cerca de 82 milhões de euros mensais para fornecer ajuda alimentar às várias centenas de milhares de refugiados sírios que estão atualmente no território turco salientou a portavoz. O PAM em colaboração com o governo turco tinha igualmente atribuído a cerca de 220 mil refugiados sírios 'vouchers' eletrónicos na forma de cartões de débito com os quais os refugiados podiam comprar em lojas os mantimentos que precisavam. A agência também foi obrigada a reduzir o número de destinatários desta iniciativa que passou a abranger desde fevereiro passado apenas 154 mil refugiados segundo precisou Elisabeth Byrs. O governo de Ancara que contribuía com cerca de 40% do valor mensal colocado nos cartões de débito passou agora a assumir as lacunas de financiamento deste projeto. Mas segundo advertiu a portavoz do PAM a Turquia que acolhe uma grande parte dos atuais 17 milhões de refugiados sírios e que já gastou perto de 45 mil milhões de dólares cerca de 41 mil milhões de euros em assistência desde o início do conflito civil na Síria em março de 2011 não poderá suportar esta responsabilidade para sempre. Não é a primeira vez que o PAM é forçado a cortar a ajuda por causa da falta de fundos. Em 2014 a agência das Nações Unidos suspendeu temporariamente a ajuda alimentar aos vários milhares de refugiados sírios acolhidos na Turquia Jordânia Líbano Iraque e no Egito.Queixandose de falta de apoio político e de protecção o presidente da câmara de uma pequena comunidade do Leste da Alemanha Markus Nierth demitiuse depois de as autoridades distritais de Burgenlandkreis terem recusado proibir uma manifestação de neonazis junto à sua casa. Nas últimas semanas a família de Markus Nierth presidente da Câmara de Tröglitz localidade de 2700 habitantes no estado da SaxóniaAnhalt vinha sendo ameaçado pelos extremistas por o autarca ter autorizado a instalação de um centro de acolhimento para quatro dezenas de refugiados num edifício desocupado da aldeia. Na sequência de outros protestos contra o acolhimento de refugiados promovidos pelo neonazi NPD Partido Nacional Democrata estava prevista para o passado domingo uma manifestação que desembocaria junto à casa do autarca. Uma decisão final sobre a instalação de refugiados em Tröglitz está nas mãos do conselho distrital. Niert 46 anos formado em Teologia independente que liderava a comunidade há cinco anos explicou terse demitido não por medo mas para denunciar a falta de apoio político e de protecção pelas autoridades. Disse que não está disposto a expor a família a cânticos racistas e de ódio. Ele não tem medo dos neonazis mas quer proteger a família disse a mulher de Markus Nierth Susanna segundo a qual entre os manifestantes se incluíam residentes da comunidade. Os meus filhos são muito preciosos escreveu o demissionário presidente de câmara na página de Tröglitz no Facebook. O pior foi a constatação de que as autoridades distritais não estão dispostas ou não são capazes de impedir uma manifestação em frente da minha casa. O NPD acrescentou sabia que ele era um pequeno presidente de câmara sem poder de decisão política. Devido ao reduzido número de habitantes o presidente da câmara é eleito mas exerce as funções a tempo parcial e não é pago. Em declarações à agência alemã DPA Markus Nierth afirmou terse sentido abandonado pelos partidos políticos. Além disso eu precisava de ser legalmente protegido. Se tivesse tido essa segurança não me teria demitido. Enquanto presidente de câmara de uma pequena localidade torneime uma vítima. Após a demissão anunciada no sábado o NPD cancelou a manifestação prevista para domingo. A agência noticiosa da igreja protestante alemã EPD informou que a contestação aos refugiados foi liderada por Steffen Thiel um militante do partido neonazi que pertence à assembleia distrital de Burgenlandkreis. Dirigentes políticos manifestaramse preocupados com o que sucedeu em Tröglitz. Não deixaremos a nossa democracia e a liberdade serem intimidadas por quem quer que seja disse o ministro do interior da SaxóniaAnhalt Holger Stahlknecht que pertence à CDU partido democratacristão da chanceler Angela Merkel. Entendo a preocupação sentida por Markus Nierth e pela sua família declarou a secretáriageral do partido socialdemocrata SPD Yasmin Fahimi em declarações ao jornal regional Kolner StadtAnzeiger reproduzidas pela AFP. Não é aceitável que alguém seja forçado a demitirse porque se empenha em favor das minorias e encontra neonazis no seu caminho. O colíder dos Verdes Cem Özdemir lamentou que Markus Nierth se tivesse sentido obrigado a demitirse. Quando na nossa democracia e no nosso Estado de direito um presidente de câmara eleito não se sente protegido face a um bando de castanhos é preciso ligar os sinais de alarme disse. O castanho era a cor do uniforme das SA uma organização paramilitar nazi. A Alemanha é actualmente o principal destino dos refugiados que pedem asilo na Europa. Em 2014 acolheu mais de 200 mil um crescimento de 60% relativamente ao ano anterior. Em alguns locais principalmente no Leste têm ocorrido reacções xenófobas e contestação ao acolhimento de refugiados. Em Dresden realizaramse nos últimos meses manifestações antirefugiados e antiislão promovidas pelo movimento Pegida. Quatro anos depois do início dos conflitos na Síria desapareceram 83% das luzes visíveis do espaço. As imagens de satélite publicadas esta quintafeira acompanham o apagão que foi tomando o país desde Março de 2011 data dos primeiros confrontos e início daquela que é hoje a maior crise humanitária no mundo. Estas imagens ajudamnos a compreender o sofrimento e o medo dos sírios à medida que o seu país vai sendo destruído diz Xi Li investigador da Universidade de Wuhan na China que divulgou as imagens. O desaparecimento das luzes conta parte da história do conflito. Alepo que antes da guerra era um importante centro comercial e urbano e que se tornou depois no principal palco da guerra civil perdeu 97% da sua iluminação. Damasco a capital do Governo de Bashar alAssad perdeu 35%. Raqqa agora o principal bastião do autoproclamado Estado Islâmico perdeu grande parte da sua luz desde 2011. O mesmo acontece com Homs. A violência tem aumentado na Síria desde Março 2011. O ano passado foi o pior até ao momento: morreram 76 mil pessoas entre elas milhares de crianças. O número total de mortos é agora 220 mil. Há quase quatro milhões de refugiados e à volta de 67 milhões sírios estão deslocados dentro do país. Samah é uma dessas pessoas. Tem 37 anos e seis filhos. Foi com eles para as montanhas para fugir aos ataques aéreos. Para terem um pouco de dinheiro e o que comer Samah e outros refugiados fazem as colheitas dos agricultores que têm medo de ir para campo aberto e correr o risco de morrer em bombardeamentos. Foi desta maneira que conseguiu comprar a tenda onde vive agora com os filhos. O seu caso é um dos muitos citados num relatório de 21 organizações humanitárias na Síria publicado nesta quintafeira. Se fosse por ela Samah estaria a viver na cidade: Ainda acho que viver sob bombardeamentos é mais digno do que este tipo de vida. Se um míssil te atinge morres instantaneamente mas aqui morremos todos os dias milhares de vezes. Morremos de frio de doença e de fome. Preferia estar a cozinhar pedras em casa do que estar aqui à espera que uma organização me traga um cesto de comida de vez em quando. Onde está o mundo? O Conselho de Segurança da ONU aprovou até ao momento três resoluções para fazer frente à crise humanitária na Síria em Fevereiro Julho e a última em Dezembro de 2014. As três falharam. Foram ignoradas no melhor dos casos pelos grupos envolvidos na guerra civil pelos Estadosmembro da ONU e até pelos próprios países com assento no Conselho de Segurança a principal intervenção da comunidade internacional no conflito tem sido através do envio de armas para as diferentes facções. Estas são parte das conclusões do relatório intitulado Falhando a Síria. Nele as 21 organizações humanitárias acusam os paísesmembro do Conselho de Segurança da ONU de nada fazerem para que se cumpram as resoluções e se combata de facto a crise humana na Síria. Os membros [do Conselho de Segurança] têm o poder político diplomático e financeiro assim como a habilidade de garantirem que estas mudanças aconteçam de verdade. Sem acção por parte dos diferentes governos as exigências destas resoluções são pouco mais do que palavras numa página argumentam no relatório. Das quatro dimensões da crise humanitária na Síria que as resoluções da ONU se propunham combater três agravaramse ao longo do último ano e uma delas mantevese idêntica. Agravouse a necessidade de financiamento para ajuda humanitária tornouse mais difícil proteger civis dos confrontos e deteriorouse também a perspectiva de entendimento político entre as partes. Por outro lado não houve evolução positiva no acesso às comunidades em áreas de confronto. O relatório dá uma imagem negra da evolução do conflito na Síria: a violência sexual tem cada vez mais servido como arma de guerra entre todas as facções aumentaram os ataques a estruturas civis incluindo escolas e hospitais há cada vez menos acesso a água potável e comida menos crianças nas escolas mais pessoas em áreas de difícil acesso para as organizações e as necessidades de financiamento são hoje muito maiores do que os fundos que têm chegado ao país. O conflito temse agravado e as condições para prestar auxílio humanitário também. Há mais um milhão de pessoas a viver em locais de acesso difícil ou impossível 46 milhões no total uma das razões pelas quais as organizações humanitárias chegaram a menos 18 milhões de pessoas em 2014 do que em 2013 a este ponto contrapõese o fim dos cercos à cidade velha de Homs e Madimayet . O cenário tornase mais grave se se considerar que no último ano aumentaram as necessidades de apoio: no total precisam de apoio 122 milhões de pessoas das quais 56 milhões de crianças mais 31% do que em 2013. Diplomacia falhada Existem várias guerras dentro da guerra na Síria. De tal maneira que os esforços para uma resolução diplomática do conflito têm frequentemente embatido na complexa rede de influências regionais e internacionais em torno da guerra. As primeiras tentativas diplomáticas conhecidas como Genebra I e Genebra II foram um falhanço. No final de Janeiro houve nova tentativa de negociações. Reuniramse em Moscovo representantes do Governo de Bashar alAssad e uma delegação de opositores ao regime. Mas ficaram de fora grandes grupos da oposição assim como as grandes potências ocidentais os EUA elogiaram os esforços de negociação mas não estiveram presentes; o mesmo aconteceu com os principais países da União Europeia e com o Irão aliado de Damasco e um dos principais actores indirectos no conflito. Está de tal maneira fora das possibilidades um acordo entre as facções do conflito que a ONU decidiu adoptar a chamada diplomacia dos pequenos passos. Mas nem esta tem tido sucesso. O enviado especial da ONU na Síria Staffan de Mistura tem vindo a tentar organizar um cessarfogo em Alepo um dos principais cenários dos conflitos na Síria. Conseguiu que representantes de Damasco aceitassem encontrarse com as forças de oposição para chegar a uma trégua que permitisse fazer entrar ajuda humanitária na zona. Mas os rebeldes recusaram encontrarse com Staffan Mistura se não existisse uma proposta para retirar Bashar alAssad do poder. As forças de oposição a Assad são muito heterogéneas e nem todas se enquadram no apelidado Exército Livre da Síria. O crescimento do autoproclamado Estado Islâmico é um exemplo disto. Depois de uma cisão entre a oposição moderada e islamita no final de 2013 os jihadistas tomam poder de Raqqa e mais tarde de grandes áreas no nordeste da Síria. Mais do que a guerra entre Governo sírio rebeldes moderados e outras frentes islamitas é o autoproclamado Estado Islâmico que controla hoje as atenções internacionais e escurece a perspectiva de paz na região.Ao atingir o limite de artigos do Público Online mostrou como é importante para si a excelência e qualidade do jornalismo em Portugal. Assine já e leia o Público durante 30 dias por apenas 1€. Já é assinante? Inicie a sessãoO Papa Francisco lançou este sábado um emocionado apelo aos napolitanos para lutarem contra a corrupção que cheira mal a escravatura do trabalho clandestino e o ódio contra os imigrantes. Na cidade Camorra a versão napolitana da máfia siciliana Francisco denunciou também o tráfico de droga e pediu aos mafiosos a conversão ao amor e a justiça. Enumerados que estavam todos os problemas que asfixiam e fazem da cidade portuária situada a sul de Roma uma das mais violentas de Itália o Papa disse que ainda é possível regressar a uma vida honesta. É isso que pedem as mães em lágrimas nas igrejas de Nápoles implorou Francisco frente a uma multidão de cem mil fiéis reunidos na praça do Plebiscito no centro da cidade. Terminada a missa o Papa argentino exortou Nápoles a viver uma nova primavera para um futuro melhor sem se refugiar no passado. Horas antes ao lado do cardeal de Nápoles Crescenzio Sepe Francisco percorreu as ruas da cidade no papamóvel em direcção a norte para um primeiro encontro com fiéis desta feita no bairro deprimido de Scampia com os seus sinistros prédios de habitação social muitos deles onde nem a policia se atreve a entrar. Como um animal morto cheira mal a corrupção também cheira mal a sociedade corrompida cheira mal e um cristão que deixa entrar a corrupção dentro de si cheira mal lançou Francisco. Todos nós temos a possibilidade de ser corrompidos e de resvalar para a delinquência. "Somos todos migrantes" Francisco apoiou com as suas palavras o apelo da filipina Corazon Dagusen que falou a seu lado no palco para pedir que os imigrantes que chegam a Nápoles vindos de África e da Ásia sejam reconhecidos e que seja dado um tecto aos muitos que não têm onde dormir. Eles são cidadãos não são cidadãos de segunda classe! Nós também somos todos migrantes filhos de Deus no caminho da Vida! Ninguém tem um domicílio fixo nesta terra. O desemprego estrutural particularmente o dos jovens também foi denunciado. Francisco relembrou que em Nápoles o desemprego abaixo dos 25 anos atingiu os 40% e que as associações humanitárias e as ajudas sociais não se podem substituir a dignidade do trabalho já que quem não tem a possibilidade de levar pão para casa vê a sua dignidade roubada. O Papa criticou ainda o trabalho clandestino que alimenta a gigantesca economia paralela da cidade considerando que se trata de escravatura – e deu o exemplo de uma mulher a quem foi proposto um salário de 600 euros por mês por 11 horas diárias de trabalho. Neste quadro sombrio os aplausos chegaram quando Francisco exaltou a vitalidade da cultura napolitana: a vida em Nápoles nunca foi fácil mas também nunca foi triste o seu grande trunfo é a alegria.Pub Directora executiva ACEP 61 anos Foi um dos maiores desafios que Fátima Proença já enfrentou: unir um conjunto de organizações a maior parte das quais guineenses e com elas persuadir o Governo da GuinéBissau a fechar a mais antiga esquadra da capital que foi uma prisão que era um símbolo de opressão de violência política e a cedêla para que fosse transformada num espaço de cultura de direitos humanos. O lugar na parte velha de Bissau desmonta por si só ideia feitas sobre a GuinéBissau — um país que não funciona sem instituições à espera da ajuda internacional. Foi ali que encontrámos interlocutores pessoas que querem lutar pela liberdade pela justiça social e que se organizaram para isso diz. A União Europeia nem sequer concedia financiamento para projectos de direitos humanos no país. O consórcio liderado pela Associação para a Cooperação entre os Povos ACEP e a Liga Guineense dos Direitos Humanos LGDH obteve financiamento da Cooperação Portuguesa e abriu a Casa dos Direitos no início de 2012. Volvidos dois meses houve um golpe de Estado. Os dirigentes da Liga estavam lá dentro o quartelgeneral estava mesmo em frente os militares perseguiam pessoas na rua mas ninguém foi lá procurálos recorda. A Casa dos Direitos já é. Não tinha uma relação próxima com a África imaginada como era comum no Portugal da década de 1970. Não tinha necessidade de defender uma África que tinha que ver com Portugal. Contava 18 anos quando começou a colaborar com o Boletim AntiColonial. A sua primeira tarefa foi dactilografar um relatório sobre o massacre de Wiriyamu Moçambique 16 de Dezembro de 1972. Entrou no sector da ajuda ao desenvolvimento por via do Centro de Informação e Documentação Amílcar Cabral actual Centro de Intervenção para o Desenvolvimento Amílcar Cabral CIDAC associação nascida logo em Maio de 1974 na sequência da luta pela libertação. Começou como voluntária. Foi um processo natural diz Fátima Proença. Não teve como tantos outros de fazer um corte violento com a família com a profissão ou com o país. O que sou hoje tenho sorte de ter começado a ser em pequena quando a minha mãe me contava histórias sobre um mundo longínquo. Aterrou pela primeira vez em África em 1983. Ia passar dois meses em Bissau a dar formação sobre documentação a técnicos das Forças Armadas e dos vários ministérios. Foi um dos maiores processos de crescimento que vivi conta. Esforçouse para entender um país uma cultura que só conhecia em teoria à distância. E percebeu que iria ficar ligada a África para sempre. Regressou mais depressa do que pensava. Regressou volvidos dois anos com o marido para passar um ano inteiro a trabalhar como cooperante do Estado português. Trabalhei num projecto novo o início do Instituto Nacional de Estudos e Pesquisa da GuinéBissau com pessoas fora de série que me ajudaram a perceber quais eram os meus limites do que era ou não capaz. Era grande a tensão na GuinéBissau em 19851986. Houve uma tentativa de golpe de Estado que culminou com detenções torturas fuzilamentos. Tentando sentir a espessura das coisas Fátima Proença enquadrava tudo no processo de transição da luta armada pela independência para a construção de um estado civil. Há ali uma legitimidade ao nível das armas que é difícil de transformar… Há 30 anos o sector estava a despontar em Portugal. A Plataforma Portuguesa das Organizações NãoGovernamentais de Desenvolvimento foi formada por 13 entidades com mais desejo do que experiência de acção humanitária e cooperação para o desenvolvimento. Coordenavaa Eugénio Anacoreta Correia. Fátima Proença pediu reforma antecipada ao Ministério do Comércio onde começara a trabalhar ainda estudante de Economia e dedicouse a tempo inteiro ao CIDAC. Só de lá saiu em 1996 a caminho da ACEP que fora criada para trabalhar na integração dos imigrantes africanos em Portugal e ambicionava passar a actuar nos seus países de origem. Era mais uma etapa do mesmo caminho. Ia ajudar a construir sociedades mais democráticas mais abertas aos outros nos países de língua oficial portuguesa. Ia fazêlo numa lógica de educação para a igualdade não de tolerância paternalista. Partia do princípio de que todos podiam ajudar a fazer mudança. E ainda parte. Não queremos falsos êxitos alimentados por pessoas que estão de passagem que têm de fazer as coisas a correr explica. As pessoas que estão lá têm de ter as rédeas têm de dominar os processos têm de estabelecer connosco uma relação de poder dizer ‘não’. Através dos seus projectos de comunicação que amiúde envolvem jornalistas e artistas a ACEP tenta fortalecer laços entre ONG sensibilizar opiniões públicas desmontar visões simplistas. Não temos uma pressa desalmada de mostrar resultados até porque muitas vezes os nossos resultados são invisíveis. Têm que ver com o que está na cabeça das pessoas com capacidade de arriscar de trabalhar em conjunto. E isso leva tempo. Temos de conquistar esse tempo. Com tempo podemos cozer um elefante numa panela. Pode ser estafante. Há uma pesada carga burocrática e administrativa relacionada com obtenção de financiamento sobretudo junto da União Europeia mas também nas instâncias nacionais. E isso diz exige um profissionalismo que desvia do que deve ser o centro da actividade. Talvez fosse mais fácil se trabalhassem em áreas mais palpáveis como a vacinação ou a distribuição de comida. Nunca foram por aí. Somos uma associação de gente que trabalha com associações de gente que tem o mesmo tipo de preocupação que nós. Somos cidadãos a tempo inteiro digamos assim. Procuramos tornar algumas utopias possíveis. João José Fernandes Director Executivo Oikos 45 anos Na década de 1990 quando João José Fernandes começou a trabalhar era clara a divisão NorteSul. Os problemas de desenvolvimento viamse nos países do Sul embora relacionados com a ordem internacional a que as políticas de comércio dos países do Norte não eram alheias. Foi com base nessa visão do mundo que se delinearam os Objectivos do Desenvolvimento do Milénio aprovados pela Organização das Nações Unidas ONU em 2000 agora prestes a expirar. Não por acaso os Objectivos do Desenvolvimento Sustentável que estão a ser aprimorados para a assembleia geral de Setembro destinamse a todos os países ainda que com metas distintas. Onde já vai o mundo da j